• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Strategie e procedure di brevettazione (2013)
 

Strategie e procedure di brevettazione (2013)

on

  • 594 views

Slide per il corso "Brevetti e proprietà industriale" - 2013

Slide per il corso "Brevetti e proprietà industriale" - 2013

Statistics

Views

Total Views
594
Views on SlideShare
594
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
14
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Strategie e procedure di brevettazione (2013) Strategie e procedure di brevettazione (2013) Presentation Transcript

    • Strategie e procedure di brevettazione Massimo Barbieri E-mail: massimo.barbieri@polimi.it
    • IndiceProcedure e di brevettazione (nazionale einternazionale)Strategie di deposito Massimo Barbieri © 2013
    • Principi del diritto industrialeTre principi fondamentali della CUP: Priorità12 mesi per brevetti d’invenzione6 mesi per marchi, disegni e modelli industriali Indipendenza (dei brevetti) Trattamento nazionaleOgni Stato unionista accorda ai cittadini degli altri Stati membri lostesso trattamento riservato ai nazionali Massimo Barbieri © 2013
    • Procedure: aspetti generali (1) Tipologie di procedure di brevettazioneLe procedure di brevettazione si distinguono principalmente in due categorie:• procedure ad esame sostanziale (Germania, Stati Uniti, Giappone, …)• procedure a semplice registrazione (il brevetto viene concesso a seguito di una procedura amministrativa formale)Argomenti a favore dell’esame:1. riduce il numero di cause;2. maggiore certezza per gli investitori;3. maggiore qualità Massimo Barbieri © 2013
    • Procedure: aspetti generali (2)In ItaliaAll’estero entro dodici mesiDomanda di Priorità Estensione internazionale PCT EP EP 0 12 Fasi nazionali Massimo Barbieri © 2013
    • Procedure: aspetti generali (3)Possibilità di deposito a livello internazionale depositi nazionali brevetto europeo procedura PCT Depositi nazionali• esame di novità differito (per es. in Germania 7 anni dal deposito, in Giappone3 anni): in tale periodo la domanda viene esaminata solo su richiesta deltitolare o di un terzo interessato.• ricerca separata dalla fase d’esame (per es. in Inghilterra il titolare hatempo 6 mesi per richiedere l’esame)• esame di novità (non di brevettabilità): in Francia viene eseguita solo unaricerca di novità ed emesso un rapporto di ricerca ed il richiedente è tenutosolo a modificare le rivendicazioni oppure a presentare una relazione dicommento sui documenti presenti nel rapporto di ricerca. La domanda vieneaccolta d’ufficio. Massimo Barbieri © 2013
    • La nuova procedura dell’UIBMDepositoRicerca ed Ricorso opinionePubblicazione Risposta all’esaminatore? Rigetto Esame Concessione Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura nazionale (1) deposito presso UIBM o Camera di Commercio (che la trasmetteall’UIBM): in forma cartacea oppure online esame formale da parte dell’ufficio ricevente emissione del rapporto di ricerca: l’EPO effettua la ricerca dianteriorità sulle domande IT depositate dal 1° luglio 2008 (le domandesaranno inviate all’EPO salvo casi di non brevettabilità per palesemancanza di novità o per appartenenza alle invenzioni escluse in base agliarticoli 45 e 50 C.p.i.) concessione (?) validità (da decidere in sede giudiziale) Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura nazionale (2)la domanda può essere depositata dal richiedente (inventore o datore dilavoro) oppure da un consulente in proprietà industriale attraverso unmandato (lettera d’incarico) la sezione più importante è costituita dalla relazione tecnica(descrizione, disegni) e dalle rivendicazioni il titolo è meramente indicativo nel caso in cui l’UIBM decida di non concedere una domanda di brevettoè possibile appellarsi alla Commissione dei Ricorsi (tramite un avvocato enon un consulente in p.i.) entro 60 giorni dal ricevimento dellacomunicazione (tassa € 340) finché una domanda non viene concessa è possibile correggere aspettinon sostanziali, introdurre nuovi esempi o limitare descrizione, disegni erivendicazioni (importante è non ampliare l’ambito di protezione) un’istanza di limitazione non può essere accolta se è stata instauratauna causa di nullità e finché non è stato emesso un giudizio Massimo Barbieri © 2013
    • Ricerca EPO (1)• L’EPO è lautorità competente ad effettuare la ricerca di anteriorità relativamente alle domande di brevetto per invenzione industriale depositate presso l’UIBM. Le modalità sono stabilite da un apposito Accordo stipulato tra il MSE-UIBM e l‘EPO• Viene effettuata una preselezione delle domande (se risulta “assolutamente evidente” l’assenza dei requisiti, la domanda non sarà inviata all’EPO)• La ricerca di anteriorità riguarda le domande di brevetto per invenzione industriale per le quali non è rivendicata la priorità ai sensi dellart. 4 del CPI Massimo Barbieri © 2013
    • Ricerca EPO (2)• Il fascicolo spedito all’EPO sarà costituito da titolo, riassunto, descrizione, rivendicazioni e rivendicazioni tradotte in inglese (ed eventualmente la descrizione in inglese).• Inoltre, la domanda dovrà essere classificata (a livello della sottoclasse) e sarà compito degli esaminatori dell’UIBM attribuire la classificazione.• La traduzione delle rivendicazioni potrà essere eseguita manualmente (scelta consigliata per consentire una ricerca affidabile) oppure affidata all’UIBM che provvederà ad effettuarla in modo automatico (in questo caso il richiedente dovrà pagare una tassa di ricerca di 200 €)• La tassa di ricerca è assolta se si presenta la traduzione in inglese delle rivendicazioni.• La traduzione della descrizione potrà essere realizzata con un traduttore automatico a cura dell’EPO; in ogni caso non farà parte del fascicolo (il testo che fa fede è quello in italiano) ma servirà solo a comprendere le rivendicazioni. Massimo Barbieri © 2013
    • Ricerca EPO (3)• Affinché l’EPO possa redigere il rapporto di ricerca entro 9 mesi dalla data di deposito della domanda italiana, l’UIBM dovrà spedire il fascicolo all’EPO entro 5 mesi dal deposito (la domanda deve essere completa altrimenti i tempi non potranno essere rispettati).• Mediamente il 90% delle domande è inviato all’EPO entro 4 mesi dal deposito; il 10% può o subire ritardi o essere escluso dall’invio per irregolarità formali o sostanziali.• Problemi potrebbero sussistere nel caso di mancanza di unicità dell’invenzione: sarà emesso un rapporto di ricerca incompleto e occorrerà depositare una o più domande divisionali.• Il rapporto di ricerca emesso è simile a quello ottenuto per le domande EP o PCT; l’opinione scritta (redatta in inglese) ha solo carattere informativo.• Attualmente i rapporti di ricerca non sono accessibili ai terzi e qualora si richieda la copia di una domanda di brevetto, tale copia non è accompagnata dal rapporto di ricerca. Massimo Barbieri © 2013
    • Rapporto di ricerca (1)• Sono citati i documenti rilevanti per l’oggetto della domanda di brevetto con i dati bibliografici• Ciascun documento viene contrassegnato con una lettera: X, Y, A, T, P, E, O, L, D• Riferimenti alle rivendicazioni rilevanti• Indicazione di tutti i membri della famiglia dei documenti citati• Classificazione completa della domanda di brevetto Massimo Barbieri © 2013
    • Rapporto di ricerca (2) Categorie di documenti citati nei rapporti di ricerca Da settembre 2011 gli esaminatori dell’EPO avranno la possibilità di differenziare le citazioni X in due tipologie: “X” (rilevante per motivi di novità) e “I” (rilevante per l’attività inventiva). Tale distinzione non sarà visibile nei rapporti di ricerca ma solo nel registro dei brevetti europei e in molte banche dati professionali.Fonte: D. Harhoff, S. Wagner – Modeling the duration of Patent Examination at the European patent Office –Discussion paper 2006-14 Massimo Barbieri © 2013
    • Rapporto di ricerca (3)Massimo Barbieri © 2013
    • Rapporto di ricerca (4)Indicazione dei membri della famiglia brevettuale Massimo Barbieri © 2013
    • Esame delle domande (1)• Il D.M. del 27 giugno 2008 (art. 6) precisa che sarà effettuato un esame dall’UIBM che comincerà dopo la pubblicazione della domanda di brevetto e che prenderà in considerazione il Rapporto di Ricerca e le eventuali argomentazioni e modifiche depositate dal richiedente.• L’art. 5 del decreto stesso stabilisce che dopo la ricezione del Rapporto di Ricerca il richiedente può (non è quindi obbligatorio) depositare le proprie argomentazioni e modifiche entro i 18 mesi dalla data di deposito della domanda.• Pertanto se il rapporto di Ricerca presenta tutte A si potrebbe evitare di depositare argomentazioni e modifiche; nel caso in cui il rapporto di ricerca sia negativo, si possono depositare argomentazioni e modifiche (il tutto deve essere effettuato entro i 18 mesi altrimenti l’UIBM potrebbe ignorarle nel suo esame successivo). Massimo Barbieri © 2013
    • Esame delle domande (2)Il rapporto di ricerca e l’opinione scritta saranno accompagnati da unalettera in cui il richiedente è invitato a prendere posizione sulla ricercae sull’opinione scritta.Il richiedente dunque potrà semplicemente argomentare sulleeventuali mancanze che siano state evidenziate e/o avrà facoltà diemendare le rivendicazioni, la descrizione o i disegni precisando imotivi per cui tali emendamenti superano le obiezioni dell’opinione dibrevettabilità, potrà infine anche limitare la domanda ovveropresentare domande divisionali.Una risposta attenta ai rilievi mossi sarà normalmente consideratasoddisfacente e sufficiente perché il brevetto venga concesso. Con laconcessione saranno anche disponibili ai terzi i documenti relativiall’esame effettuato. Massimo Barbieri © 2013
    • Esame delle domande (3)Quanto ai tempi, la lettera ministeriale preciserà che l’esame ha iniziodopo il termine di 18 mesi dal deposito della domanda e che ilrichiedente dovrà presentare le proprie osservazioni, emendamenti, ecc.entro i successivi 5 mesi. Nei casi in cui dal rapporto di ricerca odall’opinione scritta si evince che la domanda risponde ai requisiti dibrevettabilità, il brevetto verrà concesso dall’Ufficio senzanecessità di una risposta.Per quanto riguarda l’esame delle domande per le quali il rapporto diricerca e l’opinione scritta sono già stati forniti al cliente, l’UIBMintende inviare una ministeriale invitando il richiedente a prendereposizione, con osservazioni, emendamenti, ecc., entro 5 mesi, nonprorogabili, dalla ricezione della ministeriale stessa. Le lettere inquestione verranno inviate gradualmente, mese per mese.Secondo quanto stabilito dall’UIBM, le prime lettere che riceveremosaranno proprio quelle relative alle domande presentate nel luglio 2008e per le quali i 18 mesi sono già scaduti nel gennaio 2010.Il primo effetto di questa nuova procedura è senz’altro l’aumento deicosti. Massimo Barbieri © 2013
    • Novità legislative (1) D. Lgs. N. 131, 13 agosto 2010• Artt. 149 e 152 – non vi è più l’obbligo di depositare una traduzione completa della descrizione e delle rivendicazioni ma è sufficiente “un riassunto in lingua italiana che definisca in modo esauriente le caratteristiche dell’invenzione”• Art. 160 - Contenuto della domanda (possibilità di deposito successivo delle rivendicazioni) “[Le rivendicazioni] devono essere presentate ove non siano state accluse alla descrizione al momento del deposito, entro il termine di due mesi dalla data della domanda. In tale caso resta ferma la data di deposito già riconosciuta.”• Art. 161 - domanda di brevetto divisionale volontaria (da effettuarsi prima della concessione del brevetto) Massimo Barbieri © 2013
    • Novità legislative (2) D. Lgs. N. 131, 13 agosto 2010• Art. 192 (istanze di continuazione) – è possibile richiedere una ripresa della procedura se non è stato rispettato un termine imposto dall’UIBM (entro 2 mesi dall’atto omesso e pagando una tassa di 300 €), con alcune esclusioni (termini di priorità, opposizione e ricorso, integrazione della domanda o produzione della traduzione, annualità e il deposito delle rivendicazioni in inglese)• Art. 198 – l’obbligo della presentazione dell’istanza di autorizzazione all’estero ricorrerà solo qualora la domanda di brevetto riguardi “oggetti che potrebbero essere utili per la difesa del Paese” (meglio richiedere comunque l’autorizzazione oppure effettuare un primo deposito IT e dopo 90 gg. un deposito estero) Massimo Barbieri © 2013
    • Come ottenere tutela in Europa deposito nazionale: depositare domande di brevetto direttamentepresso gli uffici nazionali. EP: depositare un’unica domanda EP e successivamente convalidarenegli Stati d’interesse. PCT - nazionale: depositare una domanda PCT e dopo 30 mesi dalladata di priorità selezionare gli Stati in cui richiedere la tutela [non èpossibile per BE, CY, FR, GR, IE, IT, MC, NL, SI]. Euro-PCT: depositare una domanda PCT e dopo 31 mesi dalla data dipriorità effettuare l’ingresso in fase regionale EP. Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura europea (1) Stati contraenti EPC (37) Dal 1 ottobre 2010: Serbia Dal 1 maggio 2010: AlbaniaMassimo Barbieri © 2013
    • Procedura europea (2) Non si ottiene un unico brevetto valido nei Paesi designati matanti brevetti separati, per cui per ogni Stato designato sidovranno pagare le tasse di mantenimento e ciascuno potrà essereabbandonato, decadere, venire revocato, indipendentemente daglialtri, sulla base di decisioni nazionali Ha la stessa procedura di un deposito nazionale ma semplifica dimolto sia la fase di deposito, di esame e di rilascio, eliminando gliiter burocratici dei singoli depositi nazionali Il titolo ottenuto ha lo stesso ambito di tutela in tutti i Paesidesignati Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura europea (3)Deposito RevocaRicerca ed opinione Appello Mantenimento Mantenimento conPubblicazione rettifiche Rigetto Limitazione Esame Concessione Opposizione Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura europea (4)Deposito della domanda di brevetto europeoTrasmissione del rapporto di ricerca (6 – 9 mesi dal deposito, se sitratta di un primo deposito) solo al richiedenteRichiesta di esame (entro 6 mesi dal ricevimento del rapporto diricerca): se non viene effettuata la richiesta la domanda èconsiderata ritirata!Pubblicazione della domanda (dopo 18 mesi) e del rapporto di ricercaConcessione e traduzione delle rivendicazioni in francese e tedesco(dopo 3-4 anni dal deposito)OpposizioneNazionalizzazione (il brevetto europeo concesso è un fascio dibrevetti nazionali)Limitazione e revoca Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura europea (5)Fattori che influenzano la durata e l’esito dell’esame  Fattori istituzionali  Difficoltà nell’eseguire l’esame stesso  Crescente complessità delle invenzioni  Fattori legali (requisiti + patentable subject matter) Turnover Concessione Modifiche alle rivendicazioni EPO 5% 3 esaminatori Flessibilità nelle comunicazioni USPTO 33% individuale Solo 2 modifiche Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura europea (6)Fonte: P. H. Jensen et al. – Application pendency times and outcomes across four patent offices - “MelbourneInstitute Working Paper No. 6/08” Massimo Barbieri © 2013 April 2008
    • Procedura europea (7) Il tempo di durata della fase d’esame dipende anche dal numero di comunicazioni ricevute N° di comunicazioni Tempo di concessione (n° di mesi dal deposito della priorità) 0 30 1 42 ≥ 2 55Fonte: G. Lazaridis, B. Van Pottelsberghe - The rigour of EPO’s patentability criteria: An insight into theinduced withdrawals - “World Patent Information” (2007), 29, p. 317 - 326 Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura europea (8)I costi brevettuali possono essere suddivisi in quattro categorieprincipali: costi di procedura (tasse di deposito, ricerca, esame, designazionedegli Stati, concessione e convalida) costi di traduzione (principalmente dopo la concessione del brevettoe dipendenti dal numero di pagine e degli Stati in cui convalidare ilbrevetto) costi esterni (per la stesura della domanda di brevetto, la fase diprosecuzione e il monitoraggio delle varie scadenze) costi di mantenimento (pagamento delle varie tasse annuali permantenere in vita il brevetto) costi legali Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura europea (9) Convalide nazionali Il sistema EP post-concessione è frammentato, complesso e più costoso rispetto a USA e JP. Il processo di convalida richiede il deposito di una traduzione del brevetto e il pagamento di una tassa. A partire dal 3° anno del deposito di una domanda EP, il richiedente deve pagare le tasse di rinnovo (all’EPO durante la fase d’esame e agli uffici nazionali dopo la concessione. Le tasse di convalida (> AT, SE, FI, ES, GR), le tasse di rinnovo (> NL, CH, FI e DK) e i costi di traduzione (elevati in DK, SE e FI) variano sostanzialmente da Stato a Stato. I paese nordici, insieme a Olanda, Svizzera e Austria, possiedono la combinazione tasse/costi più elevata.Fonte: D. Harhoff et al. – Patent validation at the country level – The role of fees and translation costs -“Research Policy” (2008), 32, p. 313 - 316 Barbieri © 2013 Massimo
    • London Agreement (1)Fonte: B. Van Pottelsberghe, M. Mejer – The London Agreement and the Cost of Patenting in Europe, ECARESworking paper 2008_032 Massimo Barbieri © 2013
    • London Agreement (2)Fonte: B. Van Pottelsberghe – Lost Property: the European patent system and why it doesn’t work – BruegelBlueprint Series 2009 Massimo Barbieri © 2013
    • Brevetto Unitario (1) Regolamento UE n. 1260/2012 del 17 dicembre 2012Art. 7 (2)Si applica a decorrere dal 1° gennaio 2014 o dalla data di entrata in vigoredell’accordo un tribunale unificato dei brevetti, se successiva. Regolamento UE n. 1257/2012 del 17 dicembre 2012Firmato l’accordo sulla costituzione della Corte Europea dei brevetti (19febbraio 2013), che i parlamenti degli Stati membri dovranno ratificare(almeno 13) affinché entri in vigore. Massimo Barbieri © 2013
    • Brevetto Unitario (2)Descrizione: inglese, francese o tedescoUn’unica tassa annuale per tutti gli Stati membri (50% EPO)Unico tribunale per contraffazione e revoca Primo grado appello the Central Division of the Court of First Instance will be in Paris (France). Given the highly specialized nature of patent litigation and the need to maintain high quality standards, thematic clusters will be created in two sections of the Central Division, one in London (chemistry, including pharmaceuticals, classification C, human necessities, classification A), the other in Munich (mechanical engineering, classification F); the Court of Appeal with the Registry will be in Luxembourg; the Patent Mediation and Arbitration Centre will have two seats: in Lisbon (Portugal) and Ljubljana (Slovenia); the training facilities for judges will be in Budapest (Hungary). Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura PCT (1)Convenzione di Washington 1970 (142 Stati): trattatomultilaterale in vigore dal 1978 ed efficace per l’Italiadal 1985Unico deposito per ottenere la protezione brevettuale nei 138 Statimembri del Trattato di Cooperazione La domanda internazionale produce, in ogni Stato designato, gli stessieffetti legali di una domanda nazionaleIl rilascio del brevetto è di esclusiva competenza dell’UfficioNazionale designato Possibilità di aumentare il tempo di ingresso nelle fasinazionali(30/31mesi) Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura PCT (2)Stati contraenti il sistema PCT Fonte: WIPO Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura PCT (3)Stabilisce una procedura centralizzata per il deposito e l’esamedi una domanda di brevettoNon è un sistema di concessione Si tratta di una procedura semplice e più economica perottenere la tutela in diversi StatiLa via nazionale al PCT per l’Italia è chiusa: segue la proceduraEURO-PCT Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura PCT (4) DE Deposito PCT Pubblicazione EP 0 12 16 18 22 28 30 USDomanda di priorità ISR + Written Demand IPRPIT, UK, CN Opinion (opzionale) AU Fasi nazionali o regionali ISR: international search report IPRP: international preliminary report on patentability Demand: richiesta esame Massimo Barbieri © 2013
    • Procedura PCT (5)Requisiti minimi per ottenere una data di deposito• almeno uno dei richiedenti deve avere la residenza o la nazionalità diuno Stato contraente• la domanda deve essere presentata in una delle lingue della procedura• la domanda deve contenere almeno: l’indicazione che si richiede una domanda PCT designazione degli Stati (tutti dal 1° gennaio 2004) il nome del titolare una descrizione almeno una rivendicazione Massimo Barbieri © 2013
    • Strategie (1) Come ridurre i costi del portafoglio brevettuale• PCT (sempre necessario?): mercato di riferimento (EP + US)• ricerche di prior art• depositare domande provvisorie (es. US costo $ 110)• caso in cui si deposita il PCT (applicant US) alcuni Stati possono selezionare l’ISA (tassa di ricerca al KIPO $ 729 vs. $ 2.080 all’USPTO e 2.164 all’EPO) limitare il numero (meno tasse) e l’ampiezza delle rivendicazioni (per ridurre la prosecuzione) una domanda limitata può essere ampliata depositando eventualmente una “Continuation in part”• Accordo di Londra (elimina in alcuni casi i costi di traduzione; con i soldirisparmiati si potranno: a) effettuare convalide in più Stati; b) pagare letasse annuali di convalida per più anni; c) effettuare più depositi. Massimo Barbieri © 2013
    • Strategie (2)• contratti di licenza• conoscenza delle leggi brevettuali nazionaliEsempio: Iran sono escluse le invenzioni contrarie alle regole islamiche senza esame di merito periodo di grazia di 6 mesi non sono esclusi i programmi per elaboratore• tempo di prosecuzione e concessioneGeneralmente l’USPTO concede più facilmente i brevetti.Prima azione ufficiale: entro un anno dal depositoIn Canada richiesta esame (posticipabile fino a 5 anni dal deposito) Massimo Barbieri © 2013
    • Strategie (3)• come scrivere la domanda di brevetto? molto ampia (per mascherare la vera invenzione? O perché non è ancora ben definita) depositando successivamente domande divisionali per restringere l’ambito di tutela limitata (ma con più depositi entro l’anno di priorità) in alcuni settori (biotech) domande con migliaia di pagine sono frequenti (100.000 pagine e 20.000 rivendicazioni) un maggior numero di rivendicazioni può significare un maggiore ambito di tutela; a volte, l’aggiunta di rivendicazioni significa dettagliare meglio l’invenzione, aggiungendo precisione dati medi: rivendicazioni (da 10 a 18 negli anni 1980 – 2002); pagine di descrizione (da 14 a 30 negli anni 1988 – 2002) Massimo Barbieri © 2013
    • Caso PCT Strategie (4)PCT → ITPCT → EP → ITPCT → San MarinoLegge 25 maggio 2005, n. 79 della Repubblica di San Marino, art. 37.3: “inattuazione dell’art. 43 della Convenzione di Amicizia e buon vicinato tra SanMarino e l’Italia del 31 marzo 1939, si applicano le seguenti disposizioni: se unainvenzione è protetta da domanda di brevetto o da brevetto sammarinesel’attuazione, da parte di terzi, dell’invenzione nel territorio italiano costituiscecontraffazione o usurpazione del titolo di protezione sammarinese e si possonopromuovere azioni giudiziarie secondo quanto disposto dalle leggi italiane”.PCT → (domanda EP ritirata) → modello di utilità IT (richiestaconversione) [art. 58.2 D. Lgs. 10 febbraio n. 30: consente la trasformazione diuna domanda EP respinta, ritirata o considerata in una domanda per modellod’utilità, purché ne abbia i requisiti] → domanda divisionale [art. 83.4 e 161] Caso EPEP → IT (richiamando la priorità)EP → modello di utilità IT Massimo Barbieri © 2013
    • Strategie (5) • costi delle cause Il costo delle cause multiple è proibitivo! È più economico depositare un’opposizione all’EPO (i costi variano da € 6.000 a € 50.000, inclusi onorari del consulente). UK è la giurisdizione più costosa (3 volte > rispetto a FR, DE e NL) L’esito delle cause è a volte incerto! (es. Epilady vs. Remington) Tribunali di: AT, FR, UK  nessuna contraffazione BE, DE, IT, NL  accertata la contraffazioneFonte: M. Majer, B. Van Pottelsberghe – Economic incongruities in the European Patent System “ECARES”working paper 2009-003 Massimo Barbieri © 2013
    • Strategie (6) Brevetti EP concessi e depositati tra il 1990 e il 1995 (~ 250.000) ~ 30% dei brevetti EP concessi sono stati depositati come PCT nel 2005 il 53% delle domande di brevetto depositate all’EPO sono passate attraverso la procedura PCT procedura accelerata: 2% domande divisionali: 4% N° medio di priorità: 1Fonte: N. Van Zeebroeck et al. – Filing strategies and patent value CEB Working N 08/016, March 2008 Massimo Barbieri © 2013
    • Conclusioni (1)non esiste un’unica strategia di depositodeposito provisional US o UK (sconsigliato) anche dal punto di vista del marketing vale di più una domandaIT o EPl’attuale sistema europeo1. è costoso (convalide negli Stati, tasse di rinnovo annuali e costi di traduzione;2. è complesso e associato ad un elevato grado di incertezza (esito cause multiple;3. riduce la qualità del processo di selezione, dal momento che gli uffici nazionali concedono brevetti indipendentemente dall’EPO Massimo Barbieri © 2013
    • Conclusioni (2) Soluzione: brevetto EU ma … • Nel sistema non dovrebbero coesistere tre tipi di brevetto • Periodo di grazia di 6 mesi • 50% di riduzione delle tasse di deposito, ricerca ed esame (per le start-up e le Università)Fonte: M. Dewatripont et al. – Boosting innovation in Europe “Bruegel Policy Contribution” – Issue 2010/06,June 2010 Massimo Barbieri © 2013