ICT: dall'impresa alla PA e ritorno. Racconto di un'esperienza vissuta
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

ICT: dall'impresa alla PA e ritorno. Racconto di un'esperienza vissuta

on

  • 603 views

Presentazione all'evento "Contaminazioni" di Faenza 11 Maggio 2010

Presentazione all'evento "Contaminazioni" di Faenza 11 Maggio 2010

Statistics

Views

Total Views
603
Views on SlideShare
595
Embed Views
8

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

2 Embeds 8

https://www.linkedin.com 6
http://www.linkedin.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

ICT: dall'impresa alla PA e ritorno. Racconto di un'esperienza vissuta ICT: dall'impresa alla PA e ritorno. Racconto di un'esperienza vissuta Presentation Transcript

  • ICT: dallimpresa alla PA e ritorno. Racconto di unesperienza vissuta Massimo Carnevali Responsabile Esercizio dei Sistemi Informativi Comune di Bologna Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Traccia● Descrizione dellambiente ICT di una PAL● Fattori inibitori e trainanti dellinnovazione FOSS● Lambito legislativo di riferimento● I perché dellOpen Source● Un caso concreto● Le ricadute sul territorio Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • La struttura comunale Sindaco Assess. Assess. Assess. Dir. Generale Dirett. Dirett. Dirett. Dirett. Dirett. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I.Pagina 3 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike View slide
  • La struttura ICT comunale ? Sindaco Assess. Assess. Assess. Dir. Generale Dirett. Dirett. Dirett. Dirett. Dirett. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I.Pagina 4 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike View slide
  • La struttura ICT comunale ? Sindaco Assess. Assess. Assess. Dir. Generale Dirett. Dirett. Dirett. Dirett. Dirett. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I.Pagina 5 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • La struttura ICT comunale ! Sindaco Assess. Assess. Assess. Dir. Generale Dirett. Dirett. Dirett. Dirett. Dirett. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I. U.I.Pagina 6 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Sfide per linnovazione + Complessità + Mancanza di conoscenza della propria struttura + Resistenza al cambiamento + Aree estremamente parcellizzate e di nicchia + Organizzazione del lavoro + Necessità di ripensare i processi + Investimento inizialePagina 7 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • FOSS: Ambito legislativo● Direttiva Stanca (2003)● Decreto attuativo della direttiva Stanca● Articolo 68 Codice Amministrazione Digitale● Decreto sul Riuso● Legge Regionale 11/2004● Delibera di giunta sui formati aperti Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • FOSS: Perchè ?● Risparmio economico sul medio-lungo periodo● Spostamento di finanziamenti sul territorio● Entrare a far parte di un progetto più ampio attivamente● Durata dei dati● Indipendenza dai fornitori● La normativa come appiglio● Ci credevamo ! Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Come arrivarci con il FOSS + Costruire correttamente un modello ampiamente condiviso + Implementarlo “affondando le navi” + Dedicare grandi energie ai primi 100 giorni di operatività + Avere un corretto modello di interazione con I fornitori + Comunicare, Comunicare, Comunicare, Comunicare, Comunicare, Comunicare, Comunicare, Comunicare, Comunicare,Pagina 10 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Comunicare + Spiegare prima gli obiettivi + Comunicazione verso il basso + Comunicazione verso l’alto + Far conoscere i percorsi di assistenza interna + Comunicare con il cittadino + Trasferire e condividere una missione tendente al miglioramento (non necessariamente al risparmio)Pagina 11 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Perché ricordiamoci: Stiamo innovando lutente finale, NON il suo Personal Computer o il suo SoftwarePagina 12 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Descrizione dellambiente Comune di Bologna: + 3600 PC + 65 sedi + Circa 600 applicazioni (web, Domino, Mainframe, SAP) + Circa 50 “progetti” informatici attiviPagina 13 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Descrizione dellambiente “Progetto”: + Informatico (Settore Sistemi Informatici) + Applicativo (Settore X, Settore Y) + Ente Esterno (Regione, Provincia, ASL, Città estera ecc.) + FornitorePagina 14 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Aree di intervento FOSS + Infrastrutturale + Gestione dei processi interni + Produttività individuale + Applicativa Nota: i progetti evidenziati in blu nel prosieguo della presentazione sono quelli in corso di completamento o in fase di analisiPagina 15 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Infrastrutturale + Linux nella maggioranza dei server, ambiente Oracle e SAP (2010) + Vari software per la gestione e il monitoraggio della rete, dei sistemi e degli applicativi + Infrastruttura applicazioni web (Apache, Tomcat, Jboss, MySql, PostgreSql) + Liferay + Jabber (nuova infrastruttura portale Intranet) + Orbeon/MistiqueXML (motore per generazione moduli)Pagina 16 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Gestione processi interni + Inventario PC e stampanti (CmdBuild) + Distribuzione software (OCS-NG) + Teamroom, formazione (Moodle) + Flussi di risoluzione dei problemi utente (OTRS) + Assistenza diretta agli utenti (UltraVNC) + Gestione dei progetti (Activecollab) + Gestione documentale (Alfresco) + Collaborazione: Sala Borsa, Servizi Sociali (Wiki) + Forum del personale tecnico (SMF) + Liste di distribuzione (Mailman, in evoluzione)Pagina 17 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Produttività individuale + Firefox (installato su tutti i client) + Gimp (elaborazione immagini, alcuni client) + Postazione multilinguistica per la Consulta degli Stranieri (estenderla a biblioteche e associazioni, 2010) + Client Linux per le biblioteche conforme al “decreto Pisanu” + OpenOffice.orgPagina 18 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Area Applicativa + Elisa (catasto e fiscalità: numerose componenti Open Source standard e specifiche del progetto) + Punto dascolto-Fascicolo del cittadino + Portale Elettrosmog + LAG (accesso “open” allanagrafe) + PSC (gestione dei documenti) + Cruscotti aziendali (SpagoBI) + Applicazioni e siti web (framework Spago)Pagina 19 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Diverse “collaborazioni” + Università di Bologna – Dipartimento di Scienze dellInformazione + Tirocini formativi + Aziende (Engineering, Yacme, Quix, D- Sign, Famula, Acantho, D-vel, Tecnoteca ...)Pagina 20 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • Riconoscimenti ai progetti + Locale: presentazioni a vari Linux Day + Nazionale: presentazione alla Conferenza Nazionale del Software Libero + Internazionale: · Keynote Speech alla OpenOffice.org international conference · Top extension OpenOffice.org (tradotta in 17 lingue, adottata in alcune distribuzioni)Pagina 21 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike
  • La vera grande sfida Next ? Open Formats Open DataPagina 22 Creative Commons – Attribution Non Commercial Share Alike