Your SlideShare is downloading. ×
0
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Additivi alimentari
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Additivi alimentari

847

Published on

veloce panorama sugli additivi alimentari

veloce panorama sugli additivi alimentari

Published in: Education
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
847
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
10
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Gli additivi alimentari sono sostanze che vengono aggiunte al cibo per conservarlo e presentarlo meglio Le sostanze che vengono aggiunte agli alimenti sono moltissime e non tutte sono innocue. Gli additivi sono identificati da un numero e da una lettera.
  • 2. ( da E100 ad E199 ) La maggior parte dei coloranti è di origine sinteticaSono naturali la curcuma, la cocciniglia e la carota nera
  • 3. ATTENZIONE ALLE CARAMELLE!CONTENGONO MOLTI COLORANTI E NON TUTTI INNOCUI!!!
  • 4. La Food Standard Agency, autorità britannica che vigila sui cibi, ha rilevato che alcuni coloranti e conservanti nei cibi preferiti dai bambini (caramelle, chewing gum, bibite, merendine, dessert pronti egelati confezionati) possono causare disturbi comportamentali, qualiaggressività, agitazione, iperattività e scarsa concentrazione.
  • 5. Rallentano o impediscono il deterioramento del cibo da parte di batteri, lieviti e muffe. innocuoLo troviamo in succhi e nettari di frutta, conserve ittiche, caviale, pasta di olive, caglio, maionese. gomma da masticare Questo conservante ad alte dosi può risultare tossico per cui si consiglia di evitarlo. Li possiamo trovare in conserve ittiche, frutta secca, fecola e fiocchi di patate, alcune marmellate e confetture, funghi secchi, e vini. Possono provocare reazioni allergiche con difficoltà respiratorie, mal di testa, tosse e debolezza
  • 6. Sono additivi alimentari che svolgono il compito di legaresostanze altrimenti insolubili, come grassi e acqua, amalgamano e rendono pastoso il prodotto, trattengono lumiditàevitando che la disidratazione renda il prodotto non più omogeneo e spalmabile.
  • 7. Vengono aggiunti come additivi a insaccati, prosciutti, wurstel, carni in scatola e altri prodotti a base di carne, pesci marinati e a volte anche in prodotti caseari per i seguenti motivi: Favoriscono lo sviluppo dell’aroma dei salumi Svolgono azione antimicrobica, soprattutto nei confronti del botulino Mantengono rosso il colore della carne
  • 8. Svolgono anche azione antibatterica Mantengono il turgore del prodotto perché trattengono l’acqua danneggiano lassorbimento del calcio e del fosforo, molto importanti nella crescita dei bambini.ostacolano la fissazione del calcio, per cui sono sconsigliabili per bambini e per anziani con problemi di osteoporosi.
  • 9. vanno da ( da E300 ad E322 ) Lossidazione è un processo chimico e si verifica a causa dellesposizione allaria (ossigeno)Gli antiossidanti contribuiscono a conservare il gusto e il colore degli alimenti e a garantire la loro commestibilità per un periodo più lungo. Servono anche a proteggere alcune vitamine e vari amminoacidi che possono essere facilmente distrutti dallesposizione allaria. Aiutano anche a rallentare lo scolorimento di frutta e verdura Tra di essi abbiamo l’acido ascorbico (che è la vitamina C ) e l’acido citrico
  • 10. Aiutano a conservare il gusto originario e la sicurezza dellalimento. Senza un controllo del pH si possono sviluppare batteri non desiderati, con potenziale rischio per la salute
  • 11. Si distinguono in aromi naturali, se vengono estratti da elementi esistenti in natura,o artificiali, se vengono prodotti attraverso metodi chimici
  • 12. Evitare i cibi che contengano troppi additivi perché per la maggior parte diessi mancano ancora studi scientifici che dimostrino i loro effetti per la salute.Scartare i prodotti che hanno le etichette troppo piccole C’è forse da nascondere qualcosa?? Se proprio deve esserci un additivo, deve esserci anche la sigla corrispondente per sapere esattamente cosa è. Scritte generiche fanno ugualmente venire il sospetto che ci sia qualcosa da nascondere…

×