Di quale teologia parliamo?


Parleremo  di quanti a vario titolo  hanno  prodotto attraverso l’intelligenza della 
fede u...
I SINDONOLOGI
Il compito dei sindonologi è quello di compiere una sintesi multidisciplinare, necessaria per
presentare il ...
AI MARGINI DEL DESERTO...
La Sindone deve crescere, i sindonologi diminuire
Potremmo applicare ai sindonologi il capitolo ...
I SENTIERI DEL PASSATO…
  S              SS O
“Venite portate le prove, consigliatevi pure insieme, chi ha fatto sentire c...
Le suore Clarisse


Facevamo scorrere il nostro sguardo su e giù per tutte le ferite sanguinani del suo sacro corpo, le
cu...
“OGNI GINOCCHIO SI PIEGHERA’”

                                                              ( Isaia, 45)




“La Sindone ...
PREMESSE RAZIONALI
   M SS      ON
La firma di Ponzio Pilato:   “ gli darò una lezione, poi lo libererò.”
Un solo nome,
           GESU’ CRISTO
                 ’
...patì sotto P
      tì tt Ponzio Pil t fu
                   i ...
I SINOTTICI
 LUCA, 23-, 50-52
“C’era un uomo di Nome Giuseppe, membro del sinedrio, persona buona e
giusta[…] Si presentò ...
CRITERI DI VERITA’ STORICA




Criterio di  attestazione multipla


Criterio di conformità o coerenza,


Criterio di disco...
ATTESTAZIONE MULTIPLA



Dalla Sindone abbiamo il criterio di attestazione
D ll Si d        bbi          i i              ...
CRITERIO DI CONFORMITA’




Si può considerare autentico un fatto non solo per la
    p                                   ...
CRITERIO DELLA DISCONTINUITA’



Si può considerare autentico un dato irriducibile alle
concezioni di una determinata epoc...
CRITERIO DI SPIEGAZIONE NECESSARIA

Viene usato dalla polizia quando alla fine deve identificare
chi h compiuto un reato. ...
APPROCCI  KERIGMATICI 


José­ Luis   Carreño Extandia
La Sindone
La Sindone­ Ultimo Reporter( 1978)
SCIENZIATI TEOLOGI
Verdetto   Sindone(Queriniana­ 1982)­
Kenneth E. Stevenson­ Gary R. Habermas


                        ...
SCIENZIATI TEOLOGI
Verdetto   Sindone(Queriniana­ 1982)­
Kenneth E. Stevenson­ Gary R. Habermas


                        ...
DAVID WILLIS, Fisico
“ La trasformazione fisica del corpo di Gesù
nella resurrezione avrebbe scatenato una
breve ma violen...
EBERHARD LINDNER, scienziato e teologo, allievo del premio nobel KARL ZIEGLER “ 

“L’origine dell’immagine della Sindone d...
PROBLEMATICHE ERMENEUTICHE



I catechisti della passione, l’uomo dei dolori,  una sindonologia, 
prigioniera di una visio...
IL KERIGMA SCIENTIFICO


    Il cadavere  non rimase cadavere


     le 36 ore…

    Indizi congrui con la tesi 
    della...
IL SEGNO DI GIONA

PATI’  SOTTO PONZIO PILATO


FU CROCIFISSO


MORI’


FU SEPOLTO 


RESUSCITO’
LA FOTOGRAFIA




   SEGNO FATTO DALLA LUCE!
GIORNALISTI TEOLOGI

Orazio Petrosillo


La Sindone da contemplare
Con la scienza conosciamo, con la fede riconosciamo

La...
LA MISTICA TRACCIA...
LA MISTICA TRACCIA
La Sindone ha per me rappresentato
una sorta di mistica traccia capace di
sfidare...
SINDONE  E  TEOLOGIA FONDAMENTALE
                                                                                        ...
GIUSEPPE GHIBERTI
Biblista, assistente del Custode della Sindone
        ,
“Se Dio ci ha lasciato  la Sindone è perché le ...
LE IMPLICAZIONI ECUMENICHE DELLA SINDONE
                                                                         (Il Telo...
METCHILD FLURY LEMBERG Luterana




“Il lino è tale per cui io credo che questo sia il sudario originale di
Cristo; l cred...
GLI  EBREI  DELLA SINDONE 




        Alan  Adler (microbiologo) 
Avinoam Danin




   (Botanico)
Rebecca Jakson
                              (antropologa)
                              (       l   )

Barrie Schwortz,(F...
Michael Shevach
Rabbino della comunità ebraica di New York




“Chiunque può venerare la Sindone è
 Chiunque              ...
PAUL CLAUDEL: “’“’più che una
                       h
immagine è una presenza!”




YVES DELAGE: “Se non è lui
          ...
OMILETICA e SINDONE               
Il Biblista Teologo, Giovanni Saldarini


                                             ...
CAMILLO RUINI
Nell’omelia tenuta nel Duomo Torinese durante l’ostensione del 2000 disse:
“abbiamo contemplato questo antic...
PAOLO VI


“Il volto di Cristo ivi raffigurato, ci appare così vero, così profondo, così umano e divino, quale
in nessun a...
GIOVANNI PAOLO  II
PROVOCAZIONE ALL’INTELLIGENZA
“Essa chiede innanzitutto l’impegno di ogni
uomo, in particolare del rice...
IMMAGINE DELL’AMORE DI DIO
“ La Sindone sussurra: credi nell’amore di Dio, il più grande tesoro donato all’umanità, e fugg...
LA SINDONE E I SANTI


                 San Carlo Borromeo




Beato Sebastiano Valfrè
LA SINDONE E I MISTICI:
Anna C t i E
A    Caterina Emmerich
                   i h


…il suo petto era tutto staziato, le ...
MARIA VALTORTA


Il velo della Veronica è un pungolo alla vostra
anima scettica. Confrontate, voi che procedete per
      ...
LA SINDONE E LA BIBBIA
Il più bello tra i figli degli uomini, dalla
pianta dei piedi alla sommità del capo, non
ha nulla d...
MARIA VALTORTA
Il velo della Veronica è un pungolo alla vostra anima scettica. Confrontate, voi che procedete p
(Dal poema...
Subito dopo la morte occorre: chiudere gli
occhi, legare la mandibola, occludere gli orifizi
del l l
d l volto, lavare il ...
LA PEDAGOGIA DEL VEDERE
IGNACE DE LA POTTERIE

Guardare per credere, il famoso gesuita Ignace
De La Potterie ha spiegato c...
LA PEDAGOGIA DEL VEDERE
Come Pietro e Giovanni che al mattino della pasqua arrivarono al Sepolcro anche noi facciamo un ca...
“Dopo un intimo tormento vedrà la luce”
                       (ISAIA 53, 11)
                              53

IL VOLTO D...
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Sindone Alfonzianum
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Sindone Alfonzianum

922 views
856 views

Published on

Roma 23 Marzo 2010

Published in: Spiritual
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
922
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
14
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Sindone Alfonzianum

  1. 1. Di quale teologia parliamo? Parleremo  di quanti a vario titolo  hanno  prodotto attraverso l’intelligenza della  fede una teologia della Sindone. g Non sarà la mia una lezione accademica di sistematica teologica,  sarà piuttosto ,  un riaccendere quegli interruttori   che hanno gettato luce sul tema  Sindone. Il centro di Sindonologia del Caravita. Il Telo Le  fonti della  della mia ricerca.  Parleremo del ruolo dei  sindonologi e di  quanti a vario titolo hanno teologizzato  sulla Sindone. Rivisiteremo alcune testimonianze che ci porteranno sui sentieri del passato… Metteremo  l’accento sulle necessarie  premesse razionali ed argomentative,   come vari  i criteri di verità storica, gli approcci stilistici settoriali, l’apporto degli    i  i  it i di  ità  t i   li  i  tili ti i  tt i li  l’ t  d li  scienziati  teologi, e conseguenti  corti circuiti interpretativi. La teologia dei  segni,  quindi la necessità di dare ragione della speranza e tentare  di rispondere alla domanda del perché ci è data la Sindone?  Apriremo quindi  una finestra sulle implicazioni ecumeniche  della Sindone,  della testimonianza degli ebrei della Sindone, della chiave interpretativa  dell omiletica della Sindone, quindi la l apporto  dei Papi, fino ad approdare  ad  dell’omiletica della Sindone  quindi la l’apporto  dei Papi  fino ad approdare  ad  un possibile  kerigma sindonico del crocifisso risorto….
  2. 2. I SINDONOLOGI Il compito dei sindonologi è quello di compiere una sintesi multidisciplinare, necessaria per presentare il telo nella sua globalità. Il sindonologo diff i l ll l b li à i d l differisce d ll studioso occasionale o d l dallo di i l dal freddo ricercatore, perché una volta “sindonizzato” con la preziosa reliquia e stabilito un rapporto intimo con l’Uomo della Sindone, non può trattenere per sé quanto ha visto.…Il sindonologo una volta esplorata la natura intima del Telo, si trova davanti un uomo flagellato, coronato di spine, percosso, trafitto… La Sindone come dice il Teologo Rino Fisichella, prima di essere da noi interpretata è una realtà che ci interpreta. I sindonologi li vediamo sulle strade del mondo, di città in città sospinti e toccati d ll’U i i i dall’Uomo d i d l i morto sepolto, risorto e nuovamente dei dolori, l i “apparso”:Andate dunque ed annunziate il Vangelo ad ogni creatura” Riverbera quanto San Paolo scrive ai Corinti: “ E’ Dio che ha avuto misericordia di noi e ci ha a dato affidato questo compito, perciò non ci scoraggiamo. Rifiutiamo ogni azione segreta e co p to, pe c ò o c sco agg a o ut a o og a o e seg eta disonesta, non comportiamoci con malizia, …anzi facciamo chiaramente conoscere la verità, così da presentare noi stessi davanti al giudizio degli uomini e davanti a Dio.
  3. 3. AI MARGINI DEL DESERTO... La Sindone deve crescere, i sindonologi diminuire Potremmo applicare ai sindonologi il capitolo 1 e 3 d l V P t li i i d l i it l del Vangelo di Gi l Giovanni: S i t il M i i Sei tu Messia, il nostro Salvatore’ No‐ risponde la Sindone‐ io non sono il Salvatore, non posso salvare nessuno”. “Allora chi sei, p perché possiamo spiegare quello che fai, da secoli davanti a milioni di credenti e non p p g q , credenti, mostrandoti nel tuo desolato silenzio? Sei il lenzuolo che ha avvolto il cadavere del nostro dolce Salvatore quando fu deposto dalla croce? Sono solo un povero segno che è efficace proprio nella sua povertà, che rinuncia a tutto ciò che possa distogliere dall attenzione dall’attenzione allo sposo anche alla soddisfazione di risposte definitive per certa tua sposo, curiosità. Perché Lui deve crescere, io invece diminuire. “ Il centro dell’interesse è Gesù, solo Gesù, guardare la Sindone è porsi in ascolto della sua parola, della parola dell’Evangelo. Mi è accaduto di sentire l’affermazione del Battista “ l’affermazione del Battista” Lui deve crescere, io invece diminuire” con riferimento alla Sindone: “ La Sindone deve crescere, noi invece, sindonologi, diminuire”. Ricordo qui le parole del delegato del Centro di Sindonologia per il Veneto: “ amici cari sindonologi, sindonologi servitevi della vostra cultura per far comprendere meglio il messaggio della Sindone, ma non servitevi della Sindone per far risaltare la vostra cultura”
  4. 4. I SENTIERI DEL PASSATO… S SS O “Venite portate le prove, consigliatevi pure insieme, chi ha fatto sentire ciò da molto tempo, e  chi lo ha predetto fin da allora? Non sono forse io il Signore? Fuori di me non c’è un altro Dio;  Dio giusto e salvatore non c’è fuori di me. […] Davanti a me si piegherà ogni ginocchio, per me  giurerà ogni lingua” ( Isaia, 45) "Non ti farai scultura alcuna né immagine alcuna delle cose che sono lassù nei cieli o quaggiù Non sulla terra o nelle acque sotto la terra“ (Es 20:4 ) “ Incarnandosi Dio ha inaugurato una nuova economia delle immagini” CCC “Apparso in forma umana umiliò se stesso facendosi obbediente fino alla morte ed alla morte di croce” ( Filippesi 2 8) croce Filippesi, 2, “Dio, che molte volte e in diversi modi nei tempi antichi aveva parlato ai padri per mezzo dei p profeti, ultimamente, in questi giorni, ha parlato a noi per mezzo di suo Figlio”.( Ebrei, 1, 1) q g p p g ( )
  5. 5. Le suore Clarisse Facevamo scorrere il nostro sguardo su e giù per tutte le ferite sanguinani del suo sacro corpo, le cui impronte apparivano su questo santo Sudario; ci sembrava che l’apertura del costato, come la più eloquente del cuore ci dicesse incessantemente queste parole “O vos omnes qui transitis per cuore, parole. O viam, attendite et videte si est dolor similis sicut dolor meus” Infatti noi vedevamo, su questo ricco quadro, delle sofferenze che non si potrebbe immaginare. Ci vedemmo ancora le tracce di una faccia tutta livida e tutta martoriata di colpi, la sua testa divina trafitta da grosse spine da dove uscivano rivoli di sangue che colavano sulla fronte e si dividevano spine, in diversi rivoli rivestendola della più preziosa porpora del mondo[…] noi vedevamo attraverso quelle belle impronte come veramente Egli era il più bello tra i figli dell’uomo conformemente alla profezia di Davide, che l’aveva predetto in uno dei suoi salmi”
  6. 6. “OGNI GINOCCHIO SI PIEGHERA’” ( Isaia, 45) “La Sindone  la devi vedere da vicino, per avvertire fino in fondo quel misterioso  fascino che ti costringe a piegare le ginocchia ed a chinare il capo. Puoi esserti  preparato osservandola in fotografia o in televisione, leggendo articoli o libri,  preparato osservandola in fotografia o in televisione leggendo articoli o libri ma tutto ciò  “scompare” quando avverti quel brivido che ti squote incrociando lo  “sguardo” che sprigionano quegli occhi chiusi di quel volto misterioso. E’ uno  sguardo di dolore, è uno sguardo di amore sguardo di dolore è uno sguardo di amore” GIANPAOLO MATTEI, (Osservatore Romano  25‐26 maggio1998)
  7. 7. PREMESSE RAZIONALI M SS ON
  8. 8. La firma di Ponzio Pilato: “ gli darò una lezione, poi lo libererò.”
  9. 9. Un solo nome, GESU’ CRISTO ’ ...patì sotto P tì tt Ponzio Pil t fu i Pilato, f crocefisso, morì crocefisso morì, fu sepolto, sepolto resuscitò
  10. 10. I SINOTTICI LUCA, 23-, 50-52 “C’era un uomo di Nome Giuseppe, membro del sinedrio, persona buona e giusta[…] Si presentò a pilato e chiese il corpo di Gesù. Lo calò dalla croce, lo avvolse i un l l in lenzuolo e l d l lo depose i una t b scavata nella roccia, nella quale in tomba t ll i ll l nessuno era stato deposto” MATTEO, 27, 57-60 Giuseppe, preso il corpo di Gesù, lo avvolse in un candido lenzuolo elo depose nella sua tomba nuova che era fatta scavare nella roccia nuova, roccia, rotolata poi una gran pietra sulla porta del sepolcro se ne andò” MARCO, 15, 44-46 “Pilato si meravigliò che fosse già morto e, chiamato il centurione lo interrogò se fosse morto da tempo Informato dal centurione tempo. concesse la salma a Giuseppe. Egli allora comprato un lenzuolo, lo calò giù dalla croce e, avvoltolo nel lenzuolo, lo depose in un sepolcro nuovo scavato nella roccia. Poi fece rotolare un masso contro l’entrata del sepolcro” l entrata sepolcro GIOVANNI, 19,39-40 “Vi andò anche Nicodemo, quello che in precedenza era andato da Lui di notte, e portò una mistura di aloe di circa cento libbre. Essi p presero allora il corpo di Gesù e lo avvolsero nei lini insieme con gli oli aromatici, p g , com’era usanza seppellire per i Giudei” GIOVANNI, 20,6-8 “Giunse intanto anche Simon Pietro, che lo seguiva, ed entrò nel sepolcro ed osservò i teli posati là, e il sudario- che era stato posto sul capo- non p p p p posato là con i teli, ma avvolto in un luogo a parte. Allora entrò anche l’altro discepolo, che era giunto per primo al sepolcro, e vide e credette”
  11. 11. CRITERI DI VERITA’ STORICA Criterio di  attestazione multipla Criterio di conformità o coerenza, Criterio di discontinuità  Criterio di spiegazione necessaria.
  12. 12. ATTESTAZIONE MULTIPLA Dalla Sindone abbiamo il criterio di attestazione D ll Si d bbi i i i multipla; presenza in diversi momenti storici, attestazione nella l i ll letteratura, nella pittura, Si ll i Siamo di fronte a forme di devozione, ad attestazioni multiple che ci parlano di questo f li l h i l fatto i maniera in i indipendente.
  13. 13. CRITERIO DI CONFORMITA’ Si può considerare autentico un fatto non solo per la p p sua conformità con l’epoca, con il suo ambiente, religioso, geografico, socio-politico, ma anche con quegli stessi atteggiamenti, quel linguaggio che era peculiare di Gesù stesso.
  14. 14. CRITERIO DELLA DISCONTINUITA’ Si può considerare autentico un dato irriducibile alle concezioni di una determinata epoca. In che modo si potrebbe applicare? C’è una discontinuità perché da tutte le ricerche fatte si arriva a concludere che nessuno strumento umano è i l d h t t stato in grado di realizzare l’impronta che c’è sulla Sindone; quello non è un dipinto. Che cosa è? Siamo davanti ad una discontinuità con tutti gli strumenti a nostra disposizione per poter verificare in che cosa consiste questa immagine.
  15. 15. CRITERIO DI SPIEGAZIONE NECESSARIA Viene usato dalla polizia quando alla fine deve identificare chi h compiuto un reato. T ti elementi di hi ha i t t Tanti l ti dispersi, ma se si i i trova un elemento comune, quel fatto risponde alle esigenze di storicità. La Sindone è un “referto referto criminologico”. Con la Sindone siamo di fronte a fatti differenti, a spiegazioni complementari ma che sono divise tra di loro e che possono trovare risposta solo se noi riconosciamo che qui c’è l’intervento di Dio. Allora l resurrezione h i All la i ha impresso i quella realtà ciò che in ll ltà iò h è l’espressione ultima della potenza ultima dell’agire di Dio nella storia: Dio lo ha resuscitato. (Rino Fisichella, conferenza Oratorio del Caravita, maggio 1998)
  16. 16. APPROCCI  KERIGMATICI  José­ Luis   Carreño Extandia La Sindone La Sindone­ Ultimo Reporter( 1978)
  17. 17. SCIENZIATI TEOLOGI Verdetto   Sindone(Queriniana­ 1982)­ Kenneth E. Stevenson­ Gary R. Habermas Prove della resurrezione? Quale è il mistero del processo che ha formato l’immagine sulla tela? le ipotesi si dividono in tre grandi categorie. Le ipotesi basate sulla frode suggeriscono che sulla tela sono state applicate tinte, vernici, polveri, acidi, mediante pennelli o altro genere di strumenti, o per contatto di tt Il secondo gruppo di i t i suggeriscono che l’i t tt diretto. d ipotesi i h l’immagine si è f i i formata per un t processo naturale, o per “vaporo grafia” o per contatto diretto del corpo sulla tela da una qualche forma di luce o calore. Heller calcola che le possibilità di frode sono di 1 contro 10 milioni. Allo stesso modo, nessun processo naturale, come un contatto diretto o “vaporo grafia” è una , p , p g spiegazione adeguata della formazione dell’immagine. Né la frode, né il processo naturale riescono a dare una spiegazione ai fenomeni quali la tri‐ dimensionalità, la superficialità e la non direzionalità dell’immagine e del fatto che non ci sono placche né punti di saturazione sulle fibre dell’immagine LK’immagine non è stata provocata da dell’immagine. diffusioni di vapori perché il vapore non si muove in linea retta o parallela. In altre parole, rivela che l’immagine non può essere stata creata dal contatto diretto, da vapori né per falsificazione. John Heller e Alan Adler, due chimici che si sono dedicati soprattutto alla determinazione delle p caratteristiche fisiche e chimiche dell’immagine, ritengono che essa sia stata formata per ossidazione, disidratazione e coniugazione delle fibrille
  18. 18. SCIENZIATI TEOLOGI Verdetto   Sindone(Queriniana­ 1982)­ Kenneth E. Stevenson­ Gary R. Habermas Prove della resurrezione? Le mutazioni fisiche e chimiche delle fibrille, reagiscono come se fossero state provocate dal calore. Rogers e Jumper affermarono che “”l’immagine del corpo è chimicamente simile ad una bruciatura” La conclusione è che l’immagine sia formata da una bruciatura da luce o calore. Stevenson ed Habermas sostengono ancora : “ Il segno della resurrezione nella Sindone riguarda il modo con cui il corpo e la tela si separarono. I fatti indicano che il corpo non fu rimosso ad opera di mezzi umani: le macchie di sangue infatti sono intatte Ogni macchia di sangue è anatomicamente intatte. corretta, ha contorni precisi, grumi di sangue intatti,. Se il Telo fosse stato tolto dal corpo, i grumi di sangue si sarebbero disfatti e alterati. Ciò esclude che un qualsiasi mezzo umano abbia separato il telo dal corpo. Similmente si è espresso il padre Paul De Gail: Per le sue impronte sanguigne rimaste intatte, la  reliquia del salvatore attesta una separazione misteriosa del corpo dal telo senza nessuna  manipolazione del drappo funerario, senza nessun intervento di mani umane. Queste di fatto avrebbero provocato sia sbavature sanguigne, sia strappi di carne o di stoffa, mentre i coaguli decalcati sono rimasti assolutamente intatti. Ciò non si spiega che mediante una scomparsa improvvisa del corpo, senza nulla toccare”.
  19. 19. DAVID WILLIS, Fisico “ La trasformazione fisica del corpo di Gesù nella resurrezione avrebbe scatenato una breve ma violenta esplosione di una q qualche radiazione differente dal calore, forse non identificabile scientificamente o forse identificabile –incandescenza‐ parzialmente analoga al fuoco nei suoi effetti”
  20. 20. EBERHARD LINDNER, scienziato e teologo, allievo del premio nobel KARL ZIEGLER “  “L’origine dell’immagine della Sindone di Torino, è comprensibile solo se si prende in considerazione la possibilità di un intervento di Dio nel mondo fisico. Dio si è rivelato agli uomini nel passato: queste esperienze hanno trovato una formulazione scritta nei testi della Bibbia. La rivelazione della Parola è divenuta però incomprensibile per gli uomini del nostro tempo, poiché la nostra visione del mondo è cambiata. Dio è però anche conoscibile attraverso la sua creazione, la sua rivelazione attraverso le opere. La Sindone di Gesù, quale oggetto materiale, appartiene a quest’ultima rivelazione, e, come tale, può essere considerata oggetto di ricerca scientifica. La Sindone è pertanto legata al Verbo di Dio fatto uomo­ e quindi rimanda alla rivelazione di Dio attraverso la Parola. Queste due vie si congiungono nel punto “archimedeo” da cui si fa leva la risposta alla domanda sul senso dell’esistere nel nostro tempo” ( Il Telo, Aprile 1998) BRUNO BARBERIS. Fisico matematico Università di Torino “La divulgazione del messaggio della Sindone”­ dagli Atti “ Guardare la Sindone (Effatà – Torino 2007) “ Sono fermamente convinto che affidare la presentazione della Sindone ad un approccio esclusivamente scientifico oppure esclusivamente pastorale o teologico, non sia né corretto, né utile per nessun tipo di destinatario. Ritengo invece che i due tipi di approccio non solo siano compatibili, ma anzi i sono complementari, costituendo le due parti, entrambe indispensabili, di una corretta, efficace e completa presentazione della Sindone”
  21. 21. PROBLEMATICHE ERMENEUTICHE I catechisti della passione, l’uomo dei dolori,  una sindonologia,  prigioniera di una visione preconciliare, di Gesù crocifisso,  i i i  di    i i   ili  di G ù  ifi   morto sepolto. Punto! ICONA  O  RELIQUIA? Q Corto circuito interpretativo.  Il Teologo Raimondo Spiazzi
  22. 22. IL KERIGMA SCIENTIFICO Il cadavere  non rimase cadavere le 36 ore… Indizi congrui con la tesi  della sparizione del corpo dal lenzuolo Un energia  sconosciuta Un’energia  sconosciuta Il lenzuolo attraversò  un corpo  meccanicamente trasparente Il lenzuolo attraversò  un corpo “meccanicamente trasparente” Nessuno ha potuto estrarre il corpo dal lenzuolo p p
  23. 23. IL SEGNO DI GIONA PATI’  SOTTO PONZIO PILATO FU CROCIFISSO MORI’ FU SEPOLTO  RESUSCITO’
  24. 24. LA FOTOGRAFIA SEGNO FATTO DALLA LUCE!
  25. 25. GIORNALISTI TEOLOGI Orazio Petrosillo La Sindone da contemplare Con la scienza conosciamo, con la fede riconosciamo La Sindone mostra il compimento delle profezie L’eloquenza di un “Ecco! Un “ Veramente”  ripetuto ed attualizzato “ ” d l
  26. 26. LA MISTICA TRACCIA... LA MISTICA TRACCIA La Sindone ha per me rappresentato una sorta di mistica traccia capace di sfidare scienza e coscienza, di costituire un messaggio visivo e spirituale, t t razionale d superare i it l tanto i l da la credibilità, la Sindone indica la Strada, un percorso al di la del Lino, meglio al di qua, ove siamo senza saperlo, possibilità di scrutare l’infinito attraverso la ieraticità dell’Uomo- Dio” ( Il Telo, Luigi Mattei- scultore- aprile 2000)
  27. 27. SINDONE  E  TEOLOGIA FONDAMENTALE RINO FISICHELLA DARE RAGIONE DELLA SPERANZA DARE RAGIONE DELLA SPERANZA “ Perché la teologia fondamentale dovrebbe occuparsi della Sindone e a che livello si occupa e si dovrebbe occupare della Sindone? La  Teologia fondamentale parte dal presupposto che noi  ritroviamo nella prima lettera che l’apostolo Pietro scriveva ai primi cristiani: “  Siate sempre pronti a dare ragione della speranza che è in voi. La ragione indaga, la ragione vuole conoscere. Siate sempre pronti a dare ragione della speranza che è in voi. La ragione indaga, la ragione vuole conoscere. Il contenuto della fede deve essere comunicato sempre  dovunque e a tutti; e infatti l’apostolo nella prima lettere afferma: “ a chiunque vi  chiede ragione”; non c’è alcun limite in cui  il cristiano può lasciarsi rinchiudere per dover comunicare a tutti le ragioni di questo  contenuto.  . METAFISICA DELLA SINDONE...  Il filosofo metafisico Aniceto Molinaro “ Vedo il “segno” della Sindone come una parziale manifestazione di ciò che esso significa. Un segno indica, un segno rimanda.  I segno di per sé non è ciò che significa, ma ha una relazione, un nesso, una connessione con ciò che significa” I di é è iò h i ifi h l i i iò h i ifi ” “ Il segno è sempre una realtà storica e ciò significa che deve essere collocato in uno spazio ed in un tempo, perché il segno vive all’interno di un  contesto che dà pienezza di significato, un segno che possa creare una mediazione tra i soggetti. Un segno deve creare comunicazione. Dinanzi al segno  siamo chiamati a prendere una decisione. Porsi davanti a quel segno che la Sindone esprime, significa per ognuno  capire il rimando a cui quel segno  siamo chiamati a prendere una decisione Porsi davanti a quel segno che la Sindone esprime significa per ognuno capire il rimando a cui quel segno vuole  condurre… I segni sono una conferma per la fede, ma sono anche una provocazione per la fede a crescere… Il segno ci provoca, ed il segno della  Sindone ci dice ciò che è nascosto al di là di quel volto sofferente, morto ed ucciso… La Sindone è un segno per la fede, perché Dio si lascia vedere, sa  che noi abbiamo bisogno di segni, senza dei quali non potremmo esprimere noi stessi. Continua Fisichella: “ Quel telo ci porta  a riflettere come è avvenuta la Resurrezione, domanda alla quale neanche i testi sacri danno risposta”. ( Il Telo,  aprile 1998)
  28. 28. GIUSEPPE GHIBERTI Biblista, assistente del Custode della Sindone , “Se Dio ci ha lasciato  la Sindone è perché le ha affidato un compito” La domanda che mi faccio è, perché ci è data la sindone? Ho provato a darmi una risposta. La Sindone è una creatura, che Dio ha messo sul mio cammino. Vuole che ne prenda atto, vuole qualcosa di più? Molte cose non richiedono una attenzione particolare, perché o sono indifferenti o sono addirittura oggetto di rinuncia,. Ma la Sindone non è indifferente, perché guardandola mi sento personalmente coinvolto. ,p g p Tanto meno mi è data per rinunciarvi, perché nella vita di molti ha prodotto frutti di conversione. Deve dunque servire anche a me.[…] Qualcosa mi fa dire che lì è coinvolta la vicenda di Gesù. Sarà la tradizione di una antica devozione, sarà il rapporto più o meno , pp p spontaneo o immediatamente vedo tra la vicenda che ha lasciato traccia sul telo e la vicenda della morte in croce di Gesù, ma certo spontaneamente, parlare della Sindone porta a parlare di Gesù. Qualcuno potrà obiettare che tirare in causa fin dall’inizio Gesù non p è corretto, ma in realtà non corretto sarebbe non riconoscere fin dall’inizio che quella è la posta in gioco: perché si tratta di Gesù, questa ricerca assume il suo appassionante valore. […] E’ Gesù che fa andare in fibrillazione quanti si accostano al suo mistero e q coinvolge la vita di chi avverte la presenza di suoi interessi. […] Non è più l’oggetto in sé che conta, ma la persona a cui quell’oggetto mi invita spontaneamente a rivolgere l’attenzione. Da q questo momento la mia vita entra direttamente in dialogo con g quella persona.[…] Chi si affaccia all’immagine sindonica sa che da essa proviene l’invito a confessare: “ Signore mio, Dio Mio!” (Gv 20,28) […] Guardando l’immagine sindonica dico sempre “Gesù”
  29. 29. LE IMPLICAZIONI ECUMENICHE DELLA SINDONE (Il Telo Luglio agosto 1998) ALBERT KIM  DREIBACH Pastore anglicano g E’ forse stato un puro caso che quei discepoli ebrei che andavano al sepolcro, apprendessero dell’avvenuta resurrezione dal vuoto lasciato proprio in questo sacro lino­ un’esperienza cosi forte da spingerli a disperdersi in ogni angolo della terra per testimoniare la pienezza del messaggio del Vangelo? p g p g g p p gg g E sarà un caso che ora, nel ventesimo secolo, l’intera comunità protestante stia iniziando a riconoscere il vero significato della Sindone? Come San Pietro, noi che siamo apostoli della Santa Sindone, potremmo allora proclamare: “non possiedo né oro, né argento, ma quello che ho te lo do” (At 3,6) Quanto abbiamo è un pezzo di lino unico e significativo per il mondo intero: un ponte ecumenico di collaborazione, per il presente, un potenziale dono di grazia per l’unità evangelica e l’evangelizzazione, per il futuro.
  30. 30. METCHILD FLURY LEMBERG Luterana “Il lino è tale per cui io credo che questo sia il sudario originale di Cristo; l credo senza ombra di d bbi Q C i lo d b dubbio. Questo tessuto è così ì prezioso, così perfettamente intessuto e corrisponde così perfettamente con quanto è scritto nella Bibbia[…] L’immagine è talmente speciale che l risposta può essere soltanto i un t l t i l h la i t ò lt t in miracolo. Chi altri se non Cristo avrebbe avuto tanta energia? Ed è plausibile ed ovvio per il tempo di Cristo spiegare l Immagine{…] l’Immagine{ ] questo il motivo per cui io credo all’autenticità all autenticità della Sindone”
  31. 31. GLI  EBREI  DELLA SINDONE  Alan  Adler (microbiologo) 
  32. 32. Avinoam Danin (Botanico)
  33. 33. Rebecca Jakson (antropologa) ( l ) Barrie Schwortz,(Fotografo)
  34. 34. Michael Shevach Rabbino della comunità ebraica di New York “Chiunque può venerare la Sindone è Chiunque Sindone, impossibile non essere toccati emotivamente, a livello molto profondo, davanti alla Sindone. E’ eccezionale essere circondati da così tante persone che amano Dio.”
  35. 35. PAUL CLAUDEL: “’“’più che una h immagine è una presenza!” YVES DELAGE: “Se non è lui Se Gesù’, dovrà essere un comune delinquente giustiziato dai Romani, Romani e allora bisognerà spiegare quella serenità, quella maestà, quella sovrana spiritualità che si legge su quel volto” FRANCOIS MAURIAC: “ Una nuova resurrezione!”
  36. 36. OMILETICA e SINDONE                Il Biblista Teologo, Giovanni Saldarini “Tutti gli uomini vedranno la tua salvezza”. Tutti gli uomini vedranno la tua salvezza “E’ grande questo spettacolo silenzioso. Parla di peccato scontato e di paradiso restituito, d’amore che “non ha risparmiato il proprio Figlio, ma lo ha dato per tutti noi”, di umiltà obbediente “ fino alla morte ed alla morte di croce” di “obbedienza di uno solo per cui tutti sono stati costituiti giusti”. Tutto ciò naturalmente non è scritto su questo lino, nel quale ritroviamo soltanto l t l it i lt t le tracce d l’ del’uomo suppliziato e ucciso, ma per noi non è soltanto f il ma i li i t i i lt t facile, inevitabile it bil riconoscere nella testimonianza quasi evanescente di questi segni tutto l’imponente fondamento biblico che ce ne fornisce spiegazione. Quale grazia è allora questa per noi, che possiamo riaccostarci con tanto realismo storico al divino mistero! La Sindone altro non fa che offrirci un tacito segno, eppure dobbiamo riconoscere che fa anche di più, perché in g pp p p qualche modo ci attira nella concretezza della vicenda Gesù, che ben conosciamo, e allora non parla solo più alla nostra capacità di vedere, ma anche alla nostra capacità di partecipare, di amare e di essere coinvolti” (Omelia 18 aprile 1998) “Alitò su di loro e disse: - Ricevete lo Spirito Santo e mostrò loro le mani ed il costato I discepoli gioirono nel vedere il Alitò costato. Signore” ( GV 20,20) Mani e costato! Le avete contemplate, poco fa, sostando davanti al lino della Sindone. E non solo le mani ed il costato, ma tutte le ferite, le piaghe, le lacerazioni, le lividure, il sangue, di cui è rivestito, come di un manto purpureo, il Crocifisso. Il mattino d ll P tti della Pasqua, quelle f it sono scomparse… ll ferite Quasi purificate ed eliminate da una elaborazione al computer. I segni del martirio cruento ci sono tutti, dal primo all’ultimo, ma la Resurrezione li ha trasformati: nel sole di Pasqua sono una fiamma, rifulgono di gloria. Il Risorto li mostra ai discepoli per dir loro che è proprio Lui, che non abbiamo paura di vedere un fantasma: ma, insieme, per far loro capire che egli vive ormai una vita nuova dove la sofferenza è superata e ogni ombra bandita per sempre; per renderli persuasi- essi ancora chiusi nella paura- di quali meraviglie sia capace l’amore onnipotente di Dio che suscita dal dolore la gioia, dalla morte la vita” ( omelia del 19 aprile 1998)
  37. 37. CAMILLO RUINI Nell’omelia tenuta nel Duomo Torinese durante l’ostensione del 2000 disse: “abbiamo contemplato questo antico Lenzuolo attraverso di esso ci siamo in abbiamo Lenzuolo, qualche modo immersi nella realtà­fisicità della Passione di Gesù. Il Lenzuolo non ci parla solo della morte in croce, è il sudario che Pietro e Giovanni, entrati nel sepolcro già vuoto del corpo di Gesù trovarono piegato a parte e Giovanni sepolcro, Gesù, parte, dice che allora “vide e credette” CRISTOPH  SHONBORN “ E’ commovente pensare che sia l’immagine di Gesù così come è stato messo nella tomba, come lo ha visto la madre dopo la crocifissione. La Sindone, anche secondo le ultime ricerche scientifiche, non è l’immagine d i un defunto, ma di uno che è risorto, è la testimonianza del sepolcro vuoto. E fa riflettere il fatto che il Signore abbia voluto far pervenire la Sindone, immagine di un martire, g p , g , fino a questo secolo, che è il secolo dei martiri”.
  38. 38. PAOLO VI “Il volto di Cristo ivi raffigurato, ci appare così vero, così profondo, così umano e divino, quale in nessun altra immagine avevamo potuto ammirare e venerare. Fu quello per noi un momento d’incanto singolarew. Q l d’ l Qualunque sia il giudizio storico e scientifico che valenti studiosi l d f h l d vorranno esprimere circa codesta sorprendente e misteriosa reliquia, noi non possiamo esimerci dal far voti che essa valga a condurre i visitatori non solo ad una assorta osservazione sensibile dei lineamenti esteriori e morali della meravigliosa figura del Salvatore, ma possa altresì introdurli in una più penetrante visione del suo recondito e affascinante mistero. Noi pensiamo all’ansioso desiderio che la presenza di Gesù nel Vangelo suscitava nel vederlo: più per curiosità, attrazione.[…] Si noi ripensiamo a quel volto benedetto, che nella notte della trasfigurazione sul monte, abbaglia gli occhi esterefatti d i tre di fi i l bb li li hi f i dei discepoli i una apparizione li in i i indimenticabile, quasi esoterica, teologica che Gesù apre davanti a loro, ma che poi, all’ultima cena, quando uno con un ingenuo trasporto gli chiede di fargli vedere il Padre invisibile e ineffabile dichiara: “ Chi vede me vede il Padre” (Gv, 14,9) Padre Quale fortuna, quale mistero vedere Gesù, Lui, proprio Lu! Ma per noi lontani nel tempo e nello spazio, questa beatitudine è sottratta? Come anche noi potremo fissare lo sguardo in quel viso umano, che in Lui rifulge quale Figlio di Di e Fi li i d ll’ Dio Figlioi dell’uomo? ? Siamo forse anche noi, come i viandanti sul cammino di Emmaus con gli occhi annebbiati, che non riconobbero Gesù risorto nel pellegrinaggio che li accompagnava? ( Lc, 24,16)
  39. 39. GIOVANNI PAOLO  II PROVOCAZIONE ALL’INTELLIGENZA “Essa chiede innanzitutto l’impegno di ogni uomo, in particolare del ricercatore, di cogliere con umiltà il messaggio profondo della vita” SPECCHIO DEL VANGELO “L’immagine ha un rapporto così profondo con quanto i vangeli raccontano della p passione e morte di Gesù che ogni uomo g sensibile si sente interiormente toccato e commosso nel contemplarla” IMMAGINE DELLA SOFFERENZA UMANA “essa ricorda all’uomo moderno, spesso distratto dal benessere e dalle conquiste tecnologiche, il d t l i h dramma di t ti f t lli” tanti fratelli”
  40. 40. IMMAGINE DELL’AMORE DI DIO “ La Sindone sussurra: credi nell’amore di Dio, il più grande tesoro donato all’umanità, e fuggi dal peccato, la più grande disgrazie della storia” peccato storia IMMAGINE DI IMPOTENZA “ Ognuno è scosso dal pensiero che nemmeno il Figlio di Dio abbia resistito alla forza della morte, ma tutti ci commuoviamo al pensiero che egli ha talmente partecipato alla nostra condizione umana da volersi sottoporre all’impotenza totale del momento in cui la vita si spegne spegne” IMMAGINE DEL SILENZIO C’è un silenzio tragico dell’incomunicabilità, che ha dalla morte la sua massima espressione, e c’è il silenzio della fecondità, che è proprio di chi rinuncia a farsi sentire all’ esterno per raggiungere nel profondo le radici della verità e della vita. La Sindone esprime non solo il silenzio della morte ma anche il silenzio coraggioso e fecondo morte, del superamento dell’effimero, grazie all’immersione totale nell’eterno presente di Dio” ( Torino, 24 maggio, 1998)
  41. 41. LA SINDONE E I SANTI San Carlo Borromeo Beato Sebastiano Valfrè
  42. 42. LA SINDONE E I MISTICI: Anna C t i E A Caterina Emmerich i h …il suo petto era tutto staziato, le spalle i gomiti e i polsi t i fi iti l i tesi fino alla di l ll dislocazione; il i msangue delle mani colava lungo le braccia. Il torace s’era rialzato, l’addome era cavo rientrato…, il corpo era tutto ricoperto di piaghe, di li id i h lividure, di macchie nere, t hi turchine hi e gialle; le ferite riaperte dallo stirar delle membra colavano qui e là questo sangue che prima rosso vivo divenne più tardi pallido bianco…le sue gambe erano l bi l b lunghe e i garetti h tti nervosi, i piedi di bella forma e solidamente costrutti…le mani erano belle con dita lunghe delicate…il capo di belle proporzioni e non troppo grosso la fronte alta spaziosa grosso, spaziosa, il volto di un ovale purissimo e i capelli di un bruno dorato, separati al sommo della fronte e ricadenti sulle spalle; la barba nera, lunga, ma appuntita e separata in ndue sotto il mento. Ora la sua capigliatura era in parte strappata e raggrumata di sangue, il corpo era una piaga sola le ossa delle costole sola…le fortemente rilevate ed in certi punti messe a nudo attraverso la pelle lacerata…”
  43. 43. MARIA VALTORTA Il velo della Veronica è un pungolo alla vostra anima scettica. Confrontate, voi che procedete per , p p aridi esami, o razionalisti, o tiepidi, o vacillanti nella fede, il volto del Signore è quello della Sindone. L’uno è il volto di un vivo, l’altro quello di q un morto. Ma lunghezza, larghezza, caratteri somatici, forma, caratteristiche, sono uguali. Sovrapponete le immagini. Vedrete che corrispondono. Sono io. Io ho voluto ricordarvi come ero divenuto per amore di voi. Se non foste dei perduti, dei ciechi, dovrebbero bastare quei due volti a portarvi all’amore, al pentimento a Dio. (Dal poema dell’Uomo Dio)
  44. 44. LA SINDONE E LA BIBBIA Il più bello tra i figli degli uomini, dalla pianta dei piedi alla sommità del capo, non ha nulla di sano: martoriato dalle spine, p sfigurato dalle percosse, scarnificato dai flagelli, ferito dalle cadute, trafitto dai chiodi, sembra abbia voluto assumere su di sé tutti i dolori umani… “Non ha apparenza né bellezza per attirare Non i nostri sguardi…”(Is 53) “ Il mio cuore è come cera, si fonde in mezzo alle tue cera viscere… Hanno scavato le mie mani e i miei piedi “ (Salmo 23) Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto… Non gli verrà spezzato alcun osso”( Zaccaria 12) E’ avvolto in un mantello intriso di Sangue, il suo nome è verbo di Dio” ( Apocalisse 19,13)
  45. 45. MARIA VALTORTA Il velo della Veronica è un pungolo alla vostra anima scettica. Confrontate, voi che procedete p (Dal poema dell’Uomo Dio) La reliquia torinese fa riverberare il lamento d l Padre che tramite il profeta l del d h l f Michea, rimprovera ad Israele la sua infedeltà: “ Popolo mio, che cosa ti ho fatto? In h I che cosa ti h stancato? Ri ho t t ? Rispondimi!” di i!” Gesù dalla Sindone dice: “ Mi feci trovare da chi non mi cercava, dissi eccomi a chi non conosceva il mio nome. Venite a me voi che siete affaticati ed oppressi ed io vi ristorerò!”
  46. 46. Subito dopo la morte occorre: chiudere gli occhi, legare la mandibola, occludere gli orifizi del l l d l volto, lavare il cadavere, ungerlo con varie l d l specie di aromi, avvolgerlo con tela bianca e coprirgli il volto con un sudario. Da questo l l l d punto di vista, ma anche il Sudario di Oviedo, paiono corrispondere alla pratica giudaica del d ll d d l lutto.
  47. 47. LA PEDAGOGIA DEL VEDERE IGNACE DE LA POTTERIE Guardare per credere, il famoso gesuita Ignace De La Potterie ha spiegato come Gesù abbia fatto ricorso alla pedagogia del vedere. Il punto di p partenza è ciò che si vede con mi nostri occhi di carne. Si comincia dai segni, come il sepolcro vuoto o il giardiniere nel quale si imbatte Miriam di Magdala, che poi riconosce in lui Gesù. E’ una progressione, la Sindone e il sepolcro vuoto ci mettono sulla via del Risorto che ci dà testimonianza di sé Per usare l’immagine di un sé. l immagine teologo è come un “segnale stradale” sulla via di dai morti.
  48. 48. LA PEDAGOGIA DEL VEDERE Come Pietro e Giovanni che al mattino della pasqua arrivarono al Sepolcro anche noi facciamo un cammino  nel vedere. Prima scorgiamo su quel lenzuolo un’immagine,  e tante ferite,  che ci conducono col pensiero,  a  Cristo sofferente,  morto,  sepolto. Poi,  guardiamo attentamente la reliquia,  e,  mentre la osserviamo,   penetriamo maggiormente nel suo messaggio,  contemplando il senso profondo di ciò che vediamo. E come  penetriamo maggiormente nel suo messaggio   contemplando il senso profondo di ciò che vediamo  E come  Giovanni,  cominciamo a credere , sentiamo rafforzata la nostra fede sul Cristo Risorto.  CLAUDIO SORGI “ Non solo Dio ha mandato suo Figlio e gli ha fatto prendere un volto di uomo, ma pensando a noi, uomini  dell’immagine, uomini della civiltà dell’immagine, ci ha procurato una fotografia. L’ha tenuta nascosta per  tutti questi secoli e quando è stato il momento giusto per farci capire il senso di questo tesoro nascosto, ce lo  ha fatto scoprire”  ( (Conferenza Oratorio del Caravita, maggio 1998) , gg ) ' “IO TI CONOSCEVO PER SENTITO DIRE, MA ORA I MIEI OCCHI TI VEDONO”... (Gb, 42, 5) (Gb  42  5)
  49. 49. “Dopo un intimo tormento vedrà la luce” (ISAIA 53, 11) 53 IL VOLTO DELLA SINDONE E’ QUELLO DI CHI E E’ MORTO PER ENTRARE NELLA VITA VITA… Su di esso sono diffusi sentimenti di dolore calmo, di tristezza mite, uniti ad un atteggiamento di serenità e di sovranità. Ha gli occhi chiusi, ma non sembra morto, pare un dormiente che s’abbia a risvegliare da un momento all’altro”. “QUALCOSA DI DIVINO QUALCOSA DIVINO… Qualcosa di divino aleggia sul volto martoriato ma pieno di maestà del Cristo della Sindone. Il volto di Cristo della Sindone è come un limite, una parte che separa due mondi: il mondo degli uomini, pieno di agitazione, di violenza di peccato, e il mondo di Dio, inaccessibile al male. E’ una riva su cui si i f i i i infrangono t tt l onde. C tutte le d Come se i in Cristo, Dio dicesse alle forze del male ciò che nel libro di Giobbe dice all’Oceano: “ Fin qui giungerai e non oltre, e qui si infrangerà l’orgoglio delle tue onde” ( P. Raniero g g g Cantalamessa)

×