• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Saggio sui colori in flaubert
 

 

Statistics

Views

Total Views
590
Views on SlideShare
590
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Saggio sui colori in flaubert Saggio sui colori in flaubert Document Transcript

    • Edited by Foxit Reader Copyright(C) by Foxit Corporation,2005-2010 For Evaluation Only. "I COLORI DI FLAUBERT" di Patrizia Mongelli http://lafrusta1.homestead.com/Riv_Flaubert.html ANALISI: Il saggio (riportato solo in parte) da un esempio di saggio sceintico che usa le noteCitazionI inizialI e si confronta con altri saggi già scritti sullo stesso argomento.come incipit Scrive Yvan Leclerc: "Si lon choisissait une couleur dominante pour unifier les divers textes de jeunesse, comme, plus tard, le gris cloporte de Madame Bovary ou le pourpre de Salammbô, se serait assurément le verdâtre dun corps étendu à la morgue." (1) Di differente avviso sembra Demorest che, a proposito dello stile giovanile di Flaubert, parla della creazione di un impianto verbale eccellente alla Victor Hugo per gli effetti di luce, di chiaro- scuro, alla Théophile Gautier per le sfumature dei colori: Parte dal confronto tra due critci sul tema colori in Flaubert Cet excellent apprentissage ne sera pas oublié dans Madame Bovary et dans lEducation sentimentale, où, si les images de ce groupe ne sont pas exceptionnellement fréquentes, elle sont souvent admirablement employées pour décrire les yeux des femmes ou surtout pour établir des accords entre les personnages et la nature. (2) Il gruppo di immagini a cui fa riferimento Demorest è quello luce-colore-ombra costantemente impiegato dallautore per stabilire una corrispondenza con precisi significati. Corrispondenza che, nel caso di Madame Bovary, sembra confermata sin dagli scenari e piani generali di composizione. Commento personale Mi pare che, a differenza da quello che sostiene Leclerc, neppure i racconti giovanili risultino uniformati ad uno squallido e funereo verdastro. Anzi la presenza dei colori in quei testi è così variegata e significativa da autorizzare ipotesi interpretative che si fondano proprio sulla loro funzione. Prenderò, dunque, in esame tre aspetti della questione: la varietà cromatica, la bigarrure e il contrasto. Sottotitolatura per dividere il testo in parti La varietà cromatica. Esempio da un racconto di Flaubert Si pensi al caleidoscopico mondo dei saltimbanchi che fa da sfondo al racconto Un parfum à sentir: si va dalle lettres rouges et noires (3) della grande insegna che ad apertura di racconto attira gli sguardi stupiti dei passanti (colori che sembrano introdurre il lettore in una storia di passione e morte o piuttosto di una donna rossa e della sua tragica fine), a "des bas bleus et blancs, et une perruque moitié rouge, moitié noire" di Isambart, a bambini con chemisette rose bordée dargent. (4) In questo caso i colori servono a mettere in evidenza lantitesi tra le due figure femminili del racconto: Marguerite, La Rouge Laide (epiteto giustificato dai suoi odiosi cheveux rouges), non regge il confronto con la bella Isabellada. E il disprezzo delluna a vantaggio dellaltra è sottolineato dal narratore attraverso la scelta di colori e sfumature. Infatti in un mondo variopinto come quello dei saltimbanchi, una donna tratteggiata sempre con colori scuri o sbiaditi balza subito agli occhi; il riferimento è in particolare alla scena in cui Marguerite viene sporcata dal fango schizzato al passare di una luminosa carrozza tirata da due splendidi cavalli bianchi. Scena che torna nel finale a chiudere il racconto come un cerchio.
    • Edited by Foxit Reader Copyright(C) by Foxit Corporation,2005-2010 For Evaluation Only.Immagini limacciose, dunque, identificano sempre Marguerite di modo che la bellezza diIsabellada risulti ancor più vincente: "A la voir ainsi au milieu de cette musique aigre etbizarre, entre Isambart et Marguerite,cétait un diamant sur un tas de boue." (5) E ildiamante-Isabellada a costituire, infatti, la fortuna dei saltimbanchi grazie alla sua danzavorticosa come pensieri damore che fremono nel cuore di un poeta, ai suoi modi languidi esensuali e soprattutto alle vesti bianche che sembrano promessa del suo incarnato.(6)Il bianco contraddistingue questo personaggio dallinizio alla fine della narrazione: la grandama in tilbury avvolta in uno scialle di kashmir bianco, che cade giù fino al sedile deldomestico, ingioiellata con oro e splendenti diamanti, ad un lettore attento alla descrizionecromatica appare infatti come Isabellada ancor prima di averne la conferma dalriconoscimento di Marguerite. Varietà cromatica in BovaryTraboccante di effetti cromatici è sicuramente anche Salammbô e, a dispetto di una opinionericorrente, Madame Bovary. In questultimo romanzo Flaubert non si esime dallevocare unagrande varietà di colori che contraddicono le perentorie affermazioni di Leclerc sul suo Analisigrigiore. Cinque colori ricorrono sulla tavolozza flaubertiana in Madame Bovary: lazzurro, il personaleverde, il rosso, il nero e il giallo. In riferimento ad ognuno di essi sceglierò solo alcuni esempi che contraddicetra i più significativi. Emma indossa une robe de soie bleue à quatre falbalas a teatro, luogo testo diin cui "la dilatation intérieur du bonheur a provoqué une volatilisation des choses" per cui il riferimentomondo diventa irreale e lontano, la vita sospesa e nebulosa, vie à demi rêvée; (7) azzurro èanche il tilbury che Emma avrebbe tanto voluto avere per raggiungere il suo amante aRouen, quasi che la felicità avesse bisogno di questo colore per essere goduta a pieno. E chedire poi del boccale azzurro contenente larsenico? Non contiene forse anche lultimaillusione di Emma?(8) Azzurro come illusioneIn Madame Bovary il verde sembra annunciare la negatività di alcuni personaggi. Coloremalinconico, negativo, opposto dellazzurro.(9) Si pensi al portasigari del Visconte ricamato Verdedi seta verde con un blasone nel mezzo che diventa per Emma preziosa reliquia negativitàdellindimenticabile ballo alla Vaubyessard. Suscita in lei le più romantiche fantasticherie, maanche la grande malinconia di sentirsi esclusa da quel mondo incentrato sul voluttuosobinomio lusso-amore. Quanto alla negatività di alcuni personaggi, basterà ricordare la biecafigura di Rodolphe: "[...] et elle samusait à considérer la cohue des rustres, lorsquelleaperçut un monsieur vêtu dune redingote de velours vert." (10)Il verde, che caratterizza il primo amante di Emma, appare con fermezza (proprionellepisodio del loro incontro) fin dalla stesura dei piani generali del romanzo. In questiappunti Flaubert spesso modifica la sua età o piuttosto qualche aggettivo, ma conferma nelvelours vert il colore che significa Rodolphe alla sua prima apparizione nella storia .(11) Altrafigura negativa del romanzo è Lheureux che, a dispetto del gioioso significato nascosto nelsuo nome, altri non è che il Mefisto di Emma, colui che la intrappolerà in un debito cosìspropositato da costringerla alla rovina e al suicidio. (12) In un carton vert racchiude tuttoquello che Emma avrebbe potuto desiderare: oggetti fatali che sembrano uscire magicamentedalla scatola, cui la donna inizialmente resiste, ma di fronte ai quali in seguito capitola purnon avendone bisogno. Ha ragione Moretti nellaffermare che assieme ad essi Emma comprauna vita altra da Yonville, da Charles, dalla malinconia. Il portasigari del Visconte e la scatolaverde di Lheureux hanno lo stesso significato per Emma e possono avere lo stesso colore. RossoIl rosso e il nero nel romanzo corrispondono ad una simbologia cromatica, diffusamente e neroriconosciuta, basata su associazioni di idee.(13) Il rosso infatti significa passione, amore,adulterio; è colore lussurioso, che imporpora le gote di Emma (da giovinetta ai Bertaux comeda adultera alla Huchette); è colore principe dellalcova matrimoniale e non. Il passo
    • Edited by Foxit Reader Copyright(C) by Foxit Corporation,2005-2010 For Evaluation Only.seguente ne fornisce un ottimo esempio:Le lit était un grand lit dacajou en forme de nacelle. Les rideaux de levantine rouge, qui descendaientdu plafond, se cintraient trop bas du chevet évasé ; et rien au monde nétait beau comme sa tête bruneet sa peau blanche se détachant sur cette couleur pourpre, quand, par un geste de pudeur, elle sefermait ses deux bras nus, en se cachant la figure dans les mains. (14)Il rosso, moltiplicato dalle tende di levantina che scendono dal soffitto giù in basso, sembrafatto apposta per lintimità della passione così come il nero sembra preparare il lettore altragico finale della storia affiorando sempre più - in semplici descrizioni come anche inmetafore e in funesti presagi - nella terza ed ultima parte del romanzo. Qui Flaubert spogliala sua eroina di tutti i colori vivaci che ha indossato nelle prime due parti,(15) per metterne inrisalto il pallore grazie a sfondi, vestiti e veli neri (16) fino alla scena della morte di Emma: "Ilfallut soulever un peu la tête, et alors un flot de liquides noires sortit, comme unvomissement, de sa bouche." (17)Come ha osservato Merlino, Madame Bovary è romanzo dellintossicazione letteraria,documentata dallorrendo sapore dinchiostro, durante lagonia, e dal liquido nero che sgorgadalla bocca della protagonista dopo la morte.(18)[...] GialloMeno prevedibile mi pare, invece, il significato che assume il giallo. Apparso per la primavolta in Novembre a suggello del cambiamento avvenuto non soltanto nella vita delnarratore-protagonista, ma anche nella scrittura, (23) il giallo torna col medesimo significatoin Madame Bovary. Questo colore viene evocato ogni qual volta si verifichi un cambiamentonella vita di Emma. Si pensi ad esempio allinvito al ballo alla Vaubyessard, commentato dalnarratore come quelque chose dextraordinaire dans sa vie: in unoccasione così eccezionaleEmma indossa une robe de safran pâle.(24) Questa esperienza la rende diversa proprio comelincontro con Rodolphe in cui è evocato sempre il colore giallo:Mme Bovary prit la cuvette. Pour la mettre sous la table, dans le mouvement quelle fit en sinclinant,sa robe (cétait une robe dété à quatre volants, de couleur jaune, longue de taille, large de jupe), sarobe sévasa autour delle sur les carreaux de la sale [...] (25)E la corrispondenza ritorna copiosa in varie sequenze narrative: il risveglio alla Huchette, lafrequente presenza dellHirondelle (cétait une coffre jaune), la carta da parati della stanzadella Croix Rouge, lamplesso in carrozza e la carta del pignoramento sono solo alcuni degliepisodi in cui viene confermato il valore del giallo. Si potrebbe persino affermare che il giallosia espressione cromatica del bovarismo stesso, dal momento che "lêtre flaubertien ne sefonde donc pas dans limmobile: il recherche au contraire un mode dexistence où lesconditions et lessence même de sa vie deviennent mobiles et sujettes à des renouvellementspériodiques." (26)[…] Le note servono per dare i riferimenti col romanzo e tutti i testiNOTE con cui si è confrontata la saggista1) Y. Leclerc, Préface, a G. Flaubert, Mémoires dun fou, Novembre et autres textes de jeunesse, GF-Flammarion,Paris, 1991, pp.7-27, p.18
    • 2) D.L. Demorest, Lexpression figurée et symbolique dans loeuvre de Gustave Flaubert, Slatkine Reprints,Genèvre, 1967, p.6183) G. Flaubert, Un parfum à sentir ou les Baladins, in Yvan Leclerc (a cura di), Mémoires dun fou, Novembre etautres textes de jeunesse, GF-Flammarion, Paris, 1991. Dora in avanti questa edizione verrà citata sempre comeUn parfum à sentir, p.394) Un parfum à sentir, pp.60, 405) Un parfum à sentir, p.606) Un parfum à sentir, p.59 : « sa gorge si blanche, blanche comme du marbre le plus blanc.»7) J-P. Richard, Stendhal et Flaubert, Editions du Seuil, France, 1954, p.2238) G. Flaubert, Madame Bovary, Gallimard, France, 1972, p.401 (dora in avanti questa edizione verrà citatasempre come Madame Bovary): « Ah! cest bien peu de chose la mort! Pensait-elle; je vais mendormir, et tout serafini ! ». Ultima illusione di Emma è dunque quella di una morte letteraria, come soglia che si trapassa in modoimpercettibile.9) Anche nel racconto Quidquid volueris il verde delle tende di seta della stanza di Djalioh sembra esprimere ilnostalgico legame con lEden naturale che il fanciullo aveva dovuto abbandonare a 16 anni, partendo dal Brasilecon Paul.10) Madame Bovary, p.17711) G. Flaubert, Plan et scénarios de Madame Bovary, a cura di Yvan Leclerc, C.N.R.S. Editions, Paris, 1995, pp.6,10, 16 : « (Rodolphe Boulanger) chasseur hâlé en velours vert. »12) F. Moretti, Il romanzo di formazione, Einaudi, Torino, 1999, p.276: Lheureux è quasi la personificazione delladistruzione capitalistica, filo conduttore di quella che Franco Moretti definisce tragedia del consumatore.13) Sul tema vedi R. Arnheim, Arte e percezione visiva, Feltrinelli, Milano, 199714) Madame Bovary, p.34115) Emma ha sempre sfoggiato vestiti chiari e vivaci nel colore, quando il narratore ha ritenuto opportunosoffermarvisi per descriverli: vestito di lana blu della giovane Emma ai Bertaux, pallido giallo zafferano indossatoal ballo alla Vaubyessard, vestito destate a quattro volants di un giallo più vivace della sua conoscenza diRodolphe, oppure quello tanto bianco da renderla quasi un fantasma nellultimo incontro notturno con lui, edinfine il vestito di seta blu a quattro falpalà che sfoggia a teatro. Tutto questo fino allinizio della fatidica terzaparte del romanzo, in cui Emma veste unicamente di nero (tranne che in una mascherata di mezza quaresima aRouen).16) Madame Bovary, pp.312, 329, 332, 333, 340, 384, 39917) Madame Bovary, p.41918) G. Merlino, Avete letto Emma Bovary?, in F. Fiorentino (a cura di), Realismo ed effetti di realtà, Bulzoni,Roma, 1993, p.94.19) G. Flaubert, LEducation sentimentale, Garnier, Paris, 1964, pp.46, 67, 186, 342, 419. Dora in avanti questaedizione verrà citata solo come LEducation sentimentale.20) Y. Leclerc, Gustave Flaubert LEducation sentimentale, Presses Universitaires de France, Paris, 1997, p.4321) LEducation sentimentale, p.19922) Y. Leclerc, Gustave Flaubert LEducation sentimentale, cit., pp.83, 84, 8523) G. Flaubert, Novembre, in Yvan Leclerc (a cura di), Mémoires dun fou, Novembre et autres textes de jeunesse,GF-Flammarion, Paris, 1991, pp 436, 437: «les fenêtres étaient ouvertes, mais des grands rideaux jaunes, tombantjusquà terre, arrêtaient le jour, lappartement était coloré dun reflex dor blafard [...] elle se tenait ainsi debout, enface de moi, entourée de la lumière du soleil qui passait à travers le rideau jaune et faisait ressortir davantage cevêtement blanc et cette tête brune.» Liniziazione sessuale del giovinetto, commentata come un cambiamento («jeme trouvais tout changé»), si staglia, dunque, sullo sfondo giallo. Ma inequivocabile è anche un atteggiamentostilistico nuovo, più distaccato dalla confessione personale e romantica: grazie allespediente del manoscrittoritrovato, infatti, Flaubert fa nascere il mito dellimpassibilità adottando una narrazione in terza persona. E forseper questo che egli stesso, in una lettera a Louise Colet datata 2 dicembre 1846, definisce questo racconto clôturede ma jeunesse.24) Madame Bovary, pp.77, 83. Il giallo è presente sin dai piani generali del romanzo, dove però colora il gilet delVisconte anziché il vestito di Emma. Cfr. G. Flaubert, Plan et scénarios de Madame Bovary, cit., p.29 : « le vicomtede*. gilet jaune lessayez à Emma. à la porte se heurte passe la mains sous son gilet. sensation de son corps àtravers le linge se remet à sa place étourdie le regarde valser. »25) Madame Bovary, pp.178, 17926) J-P. Richard, Stendhal et Flaubert, cit., p.169