• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
1. I social network nella didattica
 

 

Statistics

Views

Total Views
731
Views on SlideShare
731
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
0
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    1. I social network nella didattica 1. I social network nella didattica Presentation Transcript

    • CORSO L.i.m.1. I social network Prof. Matteo Asti
    • 1.1 La nascita del web1.2 Web 1.0 e Web 2.01.3 I social media (network)1.4 Facebook1.5 Twitter1.6 ESERCITAZIONE
    • La nascita di internet 1958 - nel corso della guerra fredda gli Usa creano lArpa (Advanced Research Projects Agency). 1968 - Joseph Lickider (ex direttore Arpa) e Robert Taylor (direttore Ipto) ipotizzano un nuovo modello di informatica che permetta interazione oltre che trasferire informazioni. 29 ottobre 1969 - Robert Taylor grazie ad un finanziamento del 1966 dellArpa mette in collegamento I primi due nodi a cui presto si uniscono altri centri. 1973 - Vinton Cerf e Bob Kahn sviluppano un nuovo protocollo per la comunicazione di base tra gli host: il TCP/IP. 1982 - Arpanet viene suddivisa in due parti: la prima parte, chiamata Milnet, viene dedicata alle applicazioni militari; la seconda denominata Internet viene lasciata agli accademici e alle altre applicazioni civili.
    • La nascita del web 6 agosto 1991 - linformatico inglese Tim Berners- Lee pubblica il primo sito web. Lidea del World Wide Web era nata due anni prima, nel 1989, presso il Cern di Ginevra. A lato della creazione del software, iniziò anche la definizione di standard e protocolli per scambiare documenti su reti di calcolatori: il linguaggio Html (HyperText Markup Language) e il protocollo di rete Http (HyperText Transfer Protocol). 30 aprile 1993 - il Cern decide di mettere il www a disposizione del pubblico rinunciando ad ogni diritto dautore. La semplicità della tecnologia decretò un immediato successo: in pochi anni divenne la modalità più diffusa al mondo per inviare e ricevere dati su Internet.
    • La nascita del web 1996: Sono connessi 10 milioni di computer 1999: Gli utenti di Internet sono 200 milioni in tutto il mondo 2008: Gli utenti di Internet sono circa 600 milioni in tutto il mondo 2009: Gli utenti di Internet sono circa 1 miliardo in tutto il mondo 2011: Gli utenti di Internet sono circa 2 miliardi in tutto il mondo (wikipedia.it)
    • 1.1 La nascita del web1.2 Web 1.0 e Web 2.01.3 I social media (network)1.4 Facebook1.5 Twitter1.6 ESERCITAZIONE
    • Il web 1.0 Il web 1.0 è internet sino al 2004-5 e sino a quando la partecipazione degli utenti resta una delle possibilità di interazione ma non di produzione, rielaborazione e ricerca dei materiali. La prima fase inizia con lintroduzione di Mosaic, il primo browser grafico, nel 1993 e termina nel 2004 dopo lo scoppio della bolla speculativa. Le caratteristiche tecnicnologiche del Web 1.0 sono la staticità delle pagine (i primi utenti attivi della rete realizzano delle homepage e molte imprese entrano in rete con siti web che sono la versione digitale delle brochure pubblicitarie aziendali), la loro interattività minima e inesistente e il fatto che vengono realizzate utilizzando in molti casi tecnologie proprietarie.
    • Il web 2.0 Web 2.0 is a loosely defined intersection of web application features that facilitate participatory information sharing, interoperability, user-centered design,[1] and collaboration on the World Wide Web. A Web 2.0 site allows users to interact and collaborate with each other in a social media dialogue as creators (prosumers) of user-generated content in a virtual community, in contrast to websites where users (consumers) are limited to the passive viewing of content that was created for them. Examples of Web 2.0 include social networking sites, blogs, wikis, video sharing sites, hosted services, web applications, mashups and folksonomies. en.wikipedia.org/wiki/Web_2.0
    • Dal controllo alla libertà Controllo e centralità del produttoreMedia tradizionali Il web Il social webPartecipazione degli utenti alla creazione dei contenuti
    • Web 1.0 VS Web 2.0
    • Il termine web 2.0 Il termine web 2.0 (coniato nel 1999) è associato a Tim OReilly che lha usato con grande successo nella OReilly Media Web 2.0 conference in 2004. La O’Reilly Media è una media company americana fondata da Tim OReilly che pubblica libri, siti web e realizza conferenze su temi legati all’informatica (per ulteriori precisazioni si veda il sito http://www.oreilly.com). Sebbene il termine suggerisca la nascita di un nuovo web, non troviamo dei significativi cambiamenti tecnologici ma degli sviluppi nei software e nel ruolo dei consumatori del web.
    • La partecipazione collettiva Un concetto fondante il Web 2.0 è quello di partecipazione collettiva. Una delle forme, anzi la forma base attraverso cui essa si concretizza, è l’hyperlinking, la continua e reciproca integrazione di informazione da parte degli utenti attraverso il web. Quando gli utenti aggiungono alla Rete nuovi concetti o nuovi siti, questi sono integrati alla struttura del web dagli altri utenti che ne scoprono il contenuto e creano link.
    • La partecipazione collettiva Come esemplificazione di questo principio, O’Reilly cita Yahoo! che nasce come una directory di link, cioè dall’aggregazione del lavoro svolto da migliaia e poi milioni di utenti del Web. Fondata nel 1995 da Jerry Yang e David Filo, fornisce una grande quantità di prodotti e di servizi: portale web, motore di ricerca, directory, servizio mail, news, posting. Nonostante Yahoo! abbia implementato e arricchito i servizi offerti e di conseguenza il proprio business, creando contenuti di vario tipo, tuttavia permane centrale, se si stima il suo valore, la componente del lavoro collettivo svolto dagli utenti.
    • La partecipazione collettiva Un altro esempio è ebay. Fondata il 6 settembre 1995 da Pierre Omidyar, ebay è un sito di aste on- line come è possibile visionare dal documento di accordo utenti presente nella mappa del sito. eBay è una piattaforma (marketplace) che offre ai propri utenti la possibilità di vendere e comprare oggetti sia nuovi che usati, in qualsiasi momento, da qualunque postazione Internet e con diverse modalità, incluse le vendite a prezzo fisso e a prezzo dinamico, comunemente definite come "aste online". ebay cresce in modo organico rispondendo all’attività svolta dagli utenti. Il ruolo della società che lo gestisce è quello di mettere a disposizione un contesto in cui l’attività degli utenti possa aver luogo.
    • La partecipazione collettiva Anche Amazon, rispetto ad altri store online, fonda la propria filosofia aziendale sull’invito alla partecipazione da parte degli utenti e usa l’attività svolta da quest’ultimi per produrre risultati di ricerca migliori. Chi ha comprato questo libro ha comprato anche... Altri acquirenti suggeriscono...
    • La partecipazione collettiva Wikipedia è una enciclopedia multilingue collaborativa, online e gratuita, nata con il progetto omonimo intrapreso da Wikimedia Foundation, che è una organizzazione non a scopo di lucro statunitense. Etimologicamente Wikipedia significa cultura veloce, dal termine hawaiano wiki (veloce), con laggiunta del suffisso di origine greca -pedia (cultura). Wikipedia prese il via nel 2000 come progetto complementare di Nupedia, un progetto per la creazione di una enciclopedia libera online le cui voci erano scritte da esperti attraverso un processo formale di revisione. Wikipedia partì nel 2001.
    • La partecipazione collettiva Su Internet esistono o sono esistiti molti altri progetti di enciclopedie. Alcuni si basano sulle consuete politiche editoriali di proprietà intellettuale sulle voci. Siti web più informali servono come guide generali le cui voci sono scritte e controllate da persone comuni. Progetti come Wikipedia prevedono voci sviluppate da numerosi autori e in cui non esiste alcun processo formale di revisione e con un contenuto rilasciato sotto la licenza GNU Free Documentation License. Wikipedia possiede un insieme di linee guida volte ad identificare quali tipi di informazioni siano adatte ad esservi inserite. Ad esse si fa spesso riferimento nelle dispute per decidere se un particolare contenuto debba essere aggiunto, rivisto, trasferito ad un progetto affine oppure rimosso.
    • La folksonomy Folks + taxonomy (Thomas Vander Wal 2004) Si tratta di una nuova forma di tassonomia popolare una cosiddetta etnoclassificazione. La classificazione avviene per parole chiave (tag) ed è priva di una struttura di partenza e di relazioni predefinite tra gli elementi. Non cè più unautorità che categorizza i contenuti della cultura ma sono gli utenti a svolgere tale azione riflettendo I propri modelli concettuali.
    • La folksonomy La folksonomy è uno stile di categorizzazione collaborativa dei siti che utilizza parole chiave liberamente scelte, che sono definite tag. Il tagging consente di ottenere, anziché rigide categorie, una associazione multipla e in sovrapposizione, la stessa usata dal cervello umano. Inoltre, la stessa infrastruttura del Web, includendo Linux e Apache, tiene in grande considerazione i metodi di peer-production promossi dalla cultura open source.
    • La folksonomy ESEMPI DI FOLKSONOMY Siti di Social bookmarking Siti di condivisione video YouTube Siti di condivisione immagini Siti di condivisione audio Siti di condivisione di materiali didattici Siti di aggregazione e condivisione notizie RSS Progetto di performing media per letichettatura sociale Motori di ricerca
    • 1.1 La nascita del web1.2 Web 1.0 e Web 2.01.3 I social media (network)1.4 Facebook1.5 Twitter1.6 ESERCITAZIONE
    • I social network (reali) Una rete sociale (in inglese social network) consiste di un qualsiasi gruppo di individui connessi tra loro da diversi legami sociali. Le reti sociali operano a più livelli e svolgono un ruolo cruciale nel determinare le modalità di risoluzione di problemi e i sistemi di gestione delle organizzazioni, nonché le possibilità dei singoli individui di raggiungere i propri obiettivi. La versione di Internet delle reti sociali (Social media) è una delle forme più evolute di comunicazione in rete. Si tratta di una rete virtuale e non fisica e che opera su un piano mediatizzato. (Wikipedia)
    • I social media Social media è un termine generico che indica tecnologie e pratiche online che le persone adottano per condividere contenuti testuali, immagini, video e audio. Andreas Kaplan e Michael Haenlein hanno definito i social media come un gruppo di applicazioni Internet che consentono la creazione e lo scambio di contenuti generati dagli utenti. I social media rappresentano un cambiamento nel modo in cui la gente apprende, legge e condivide informazioni e contenuti. In essi si verifica una fusione tra sociologia e tecnologia che trasforma il monologo (da uno a molti) in dialogo (da molti a molti). (Wikipedia)
    • I social media I social media integrano quindi un supporto tecnologico, uniterazione sociale e dei contenuti multimediale che vengono creati e scambiati. - 3 americani su 4 usano social media (2008) - i 2/3 di chi naviga usa social network (2009) - visitare social network è tra le 4 attività più popolari del web (2009) - sui social network si spende il 10% del tempo dedicato al web (2009)
    • Forme di social media Social Networks News & Bookmarking Blogs - Microblogging Video - Photo Sharing Message boards Wikis Virtual Reality Social Gaming Related: Podcasts, Real Simple Syndication (RSS)
    • La crescita dei social media Fonte: dati dei relativi siti (inizio 2012)
    • I più utilizzatiFonte: Nielsen the Social Media Report (maggio 2011)
    • Come funzionano
    • 1.1 La nascita del web1.2 Web 1.0 e Web 2.01.3 I social media (network)1.4 Facebook1.5 Twitter1.6 ESERCITAZIONE
    • Facebook Facebook è un servizio di rete sociale lanciato nel febbraio 2004, gestito e di proprietà di Facebook, Inc. Il sito, fondato a Cambridge da Mark Zuckerberg era originariamente stato progettato esclusivamente per gli studenti dellUniversità di Harvard. Per poter usufruire del sito, occorre prima registrarsi. Una volta registratosi, lutente può procedere a creare il proprio profilo personale. È possibile inoltre aggiungere altri utenti tra i propri amici, prendere parte a dei gruppi in base ai propri interessi, scambiarsi messaggi di posta o tramite una chat, condividere immagini video ed altri contenuti ed utilizzare varie applicazioni presenti sul sito. (Wikipedia)
    • Facebook I contatti in Facebook si chiamano Amici (Friends). Quando si è accettati o si accetta unamicizia si crea un rapporto bidirezionale in cui I due amici possono accedere ai rispettivi profili e alle informazioni che hanno deciso di mettere in condivisione per quella cerchia di amici. Lamicizia può essere rimossa ma tale azione nono viene promossa da Fb come invece accade per la nascita della stessa.
    • Facebook
    • Il profilo in FB (diario - bacheca personale) Una volta iscritti a Facebook il primo passo è la creazione del proprio profilo. Il profilo diventa la propria identità allinterno di Facebook come di quasi tutti gli altri social e prevede: - Nome (vero o fittizio) - Immagine del profilo - Raccolta di fotografie e video (taggabili) - Informazioni personali (studio, lavoro, tempo libero) - Post - Mi piace (pagine Fb a cui si è data la propria preferenza) Tutti I materiali inseriti sono controllabili attraverso un sistema di PRIVACY e quindi si può sempre decidere chi può visualizzare cosa.
    • Tasti per Tasti per - Richieste di amicizia Barra di - Profilo - Messaggi (posta) ricerca - Bacheca - Notifiche (segnalazioni) - Gestire le impostazioni Immagine del profilo, copertina, collegamenti Pubblicità ai materiali e anteprima delle info personaliCampo per Cronologiainserire I del profilopost (testo,foto, link,evento etc Anteprima degli amiciI propri post
    • La home (bacheca) Eventi e compleanni SuggerimentiLink ai di amici e fangruppi a cui pagesi è iscrittiLink alle fanpgamministrate Link amici Pubblicità Link applicazioni La home (pagina di partenza quando si accede al proprio profilo Facebook) è costituita dalle barre di navigazione e dalla visione in ordine cronologico di tutti I post dei nostri amici.
    • Il gruppo in FB I gruppi Fb sono pagine mirate alla discussione, condivisione e collaborazione su un determinato argomento o tema. E possibile inviare messaggi, inviti ed eventi che verranno visualizzati direttamente nella casella di posta dei membri del gruppo. Il gruppo può essere: Chiuso: I contenuti e I membri del gruppo sono visibili solo agli iscritti. Aperto: tutti possono visualizzare I materiali e I membri del gruppo. In entrambi I casi è lamministratore a decidere le modalità di iscrizione.
    • La fan page in FB E una pagina aperta al pubblico, ovvero chiunque può diventarne fan solo cliccando sul tasto "Mi piace". Consente di pubblicizzare un prodotto, un marchio, un personaggio, unazienda o qualsiasi altra cosa. La pagina consente ai suoi amministratori di inviare aggiornamenti mirati e relativi alla pagina che arriveranno nellapposita casella "Aggiornamenti" tra i messaggi in entrata degli utenti iscritti alla pagina. Fornisce agli amministratori strumenti di controllo sulla qualità dei post pubblicati, le interazioni con i fan, la ripartizione demografica.
    • 1.1 La nascita del web1.2 Web 1.0 e Web 2.01.3 I social media (network)1.4 Facebook1.5 Twitter1.6 ESERCITAZIONE
    • Twitter Twitter è un servizio gratuito di rete sociale e microblogging che fornisce agli utenti una pagina personale aggiornabile tramite messaggi di testo con una lunghezza massima di 140 caratteri. Twitter è costruito totalmente su architettura Open Source. Gli aggiornamenti possono essere effettuati tramite il sito stesso, via SMS, con programmi di messaggistica istantanea, posta elettronica, oppure tramite varie applicazioni basate sulle API di Twitter. Twitter è stato creato nel marzo 2006 dalla Obvious Corporation di San Francisco. Il nome "Twitter" deriva dal verbo inglese to tweet che significa "cinguettare". (Wikipedia)
    • Twitter Gli aggiornamenti sono mostrati istantaneamente nella pagina di profilo dellutente e comunicati agli utenti che si sono registrati per riceverli. È anche possibile limitare la visibilità dei propri messaggi oppure renderli visibili a chiunque. Il valore del social network è stato stimato intorno agli 8,4 miliardi di dollari. Twitter il 22 febbraio 2012 ha raggiunto i 500 milioni di utenti attivi che fanno accesso almeno una volta al mese. (Wikipedia)
    • Following e Followers Come la maggior parte dei social anche Twitter si basa sulla creazione di una comunità di utenti connessi fra loro da un certo tipo di rapporto. Nel caso di Twitter questa comunità è costituita dai “Following” e dai “Followers”. I nostri Following sono gli utenti che noi seguiamo, perchè abbiamo ritenuto di un qualche interesse prestare attenzione a ciò che dicono nei loro Tweets. I nostri Followers sono gli utenti che ci seguono, ovvero il nostro patrimonio più prezioso perchè grazie a loro possiamo essere conosciuti e apprezzati nella comunità.
    • Following e Followers Al fine di capire in seguito come aumentare la nostra poplarità su Twitter è importante sotolineare che non esiste, a priori, una reciprocità del rapporto, quindi se l’utente A segue l’utente B non è detto che accada anche l’opposto. Troviamo, a grandi linee, 3 categorie di utenti: - BIG: l’utente ha tanti Followers e pochi o pochissimi Following - UTENTE MEDIO: l’utente ha un numero simile di Followers e Following SPAMMER: l’utente ha tanti Following e pochi o pochissimi Followers
    • Immagine enome Barra Twitter: il profilo personale Ricerca e gestione accountprofilo navigazione Following e followers I propri Suggerimenti di tweet following
    • Twitter: la homeProfilo Tweet dei propri following
    • 1.1 La nascita del web1.2 Web 1.0 e Web 2.01.3 I social media (network)1.4 Facebook1.5 Twitter1.6 ESERCITAZIONE
    • Il profilo Facebook Al fine di permettere a tutti di avere un profilo Facebook è stato creato un account di prova. Per accedere occorre inserire I seguenti dati: - Email: limluzzago@gmail.com - Password: franciscanum
    • Il profilo Facebook BASE - Creare un proprio profilo FB INIZIO - Postare un testo - Postare un link di un video - Postare unimmagine AVANZATO - Restringere la visibilità di un posto solo agli amici più stretti - Aggiungere lapplicazione di Scribd - Togliersi dal motore di ricerca Fb
    • Il profilo Twitter Al fine di permettere a tutti di avere un profilo Twitter è stato creato un account di prova. Per accedere occorre inserire I seguenti dati: - Email: limluzzago@gmail.com - Password: franciscanum
    • Il profilo Twitter BASE - Creare un proprio profilo Twitter INIZIO - Fare un tweet - Commentare un tweet di un altro - Retwittare un post di un altro AVANZATO - Inserire la localizzazione automatica dei tweet - Aggiungere dei following - Modificare la privacy dei tweet - Cambiare lo sfondo