Your SlideShare is downloading. ×
Lab scuola politica Ginosa 27 apr 2014
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Lab scuola politica Ginosa 27 apr 2014

102
views

Published on

Laboratorio di scuola politica, Ginosa (TA) 17 aprile 2014 a cura di Giuseppe Carpentieri

Laboratorio di scuola politica, Ginosa (TA) 17 aprile 2014 a cura di Giuseppe Carpentieri

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
102
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Laboratorio di scuola politica proposte di buon senso per il bene comune A cura di Giuseppe Carpentieri http://peppecarpentieri.wordpress.com Qualcosa” che non va, creative commons;, ediz. 2014, su scribd, calameo, Issuu Prosperanza, creative commons, 2014, su calameo, Issuu Dalla resilienza alla rigenerazione, creative commons, 2014, su Issuu Piccoli consigli per vivere la fine di un’epoca e l’inizio di un cambio di paradigma culturale utile all’evoluzione delle comunità. 27 aprile 2014
  • 2. Creare un gruppo attivo Accesso alla conoscenza Condivisione delle conoscenze e delle esperienze Elaborazione degli obiettivi
  • 3. • Stabilire un obiettivo condiviso e perseguirlo con metodi e strumenti • L’uso di competenze “specifiche forti” e l’uso di competenze “trasversali” • Usare il metodo della visione: immaginare la comunità che vogliamo Visione politica Obiettivo condiviso competenze visione
  • 4. Attitudini per un politico e per un gruppo di persone (“competenze specifiche forti”) regole, democrazia, trasparenza e partecipazione Competenze specifiche Conoscenze e ricerca Valori
  • 5. Attitudini per un politico e per un gruppo di persone (“competenze trasversali”) Gestire le emozioni Comunicare Guidare, motivare e valorizzare Gestire le relazioni ed i conflitti Negoziare
  • 6. Attitudini per un gruppo di persone flessibilità Sperimentare altri punti di vista Incontrare effettivamente le persone Disponibilità a capire
  • 7. Attitudini per un politico e per un gruppo di persone esperienza feedback Generalizzazione teorizzazione Proiezione futura Si riparte 1 Percorso di apprendimento
  • 8. • Per il gruppo: – Open space technology (sviluppare la creatività lavorando insieme) – World cafè – Democrazia, uguaglianza, regole e coinvolgimento attivo Metodi e strumenti di lavoro incontri Progettazione, priorità Comunicazione, Azioni politiche
  • 9. La realtà è complessa scomporre soluzioni “Competenze specifiche forti”: incontri, ricerche, Open space proposte Valutazione politica collegiale “Competenze trasversali” Attitudini per un politico e per un gruppo di persone
  • 10. Attitudini per un politico e per un gruppo di persone esperienza feedback Generalizzazione teorizzazione Proiezione futura Si riparte 1 Percorso di apprendimento Metodo di Auto analisi con l’uso delle mappe mentali
  • 11. Organizzazioni a rete nodi • Entità relativamente autoregolate, di dimensioni diversificate (associazione …) connessioni • Legami fra i nodi, regole e valori condivisi, relazioni, scambi strutture • Direzione strategica, centro operativo, consulenza Proprietà operative • Meccanismi di guida e controllo (procedure, norme, manuali ...) • Meccanismi di informazione e comunicazione (sistema informativo, incontri …) • Meccanismi di valutazione, compensazione e sviluppo (valutazioni ...) • Meccanismi di integrazione e coordinamento (gruppi di lavoro, comitati …)
  • 12. Organizzazioni a rete associazione associazione associazione associazione valori Proprietà operative obiettivi Direzione strategica Nodi della rete Condizioni di appartenenza alla rete Nodo, associazione • Valori condivisi • Proprietà operative condivise • Obiettivi condivisi • Direzione strategica condivisa
  • 13. Cultura organizzativa e abilità del coordinamento • Capacità di avere la visione complessiva di un’intera serie di punti di vista al fine di centrare il problemacreatività • Abilità nel sentire quali sono le vere esigenze delle persone considerando che sono la vera risorsa di un’organizzazione e rispondere per tempo a tali esigenzesensibilità • Capacità di intuire il futuro e di costruirlo secondo un progetto profondamente sentitovisione • Capacità di adattarsi facilmenteversatilità • Essere in grado di eliminare le attività dispersive e di concentrare gli sforzi e le risorse verso i cambiamenti importantifocalizzazione • Capacità di gestire e vivere le prospettive a lungo termine, anziché ricerca i risultati immediatipazienza
  • 14. La politica è comunicazione Secondo wikipeda: i media sociali come un gruppo di applicazioni Internet basate sui presupposti ideologici e tecnologici del Web 2.0 che consentono la creazione e lo scambio di contenuti generati dagli utenti I social media rappresentano fondamentalmente un cambiamento nel modo in cui la gente apprende, legge e condivide informazioni e contenuti. In essi si verifica una fusione tra sociologia e tecnologia che trasforma il monologo (da uno a molti) in dialogo (da molti a molti) e ha luogo una democratizzazione dell'informazione che trasforma le persone da fruitori di contenuti ad editori. comunicazione Web 2.0 abilità competenze
  • 15. Approcci • Capire lo Stato così com’è e progettarne uno diverso • Capire i bisogni reali umani e progettare una società adeguata • Fare entrambe le cose?! Competenze specifiche forti Competenze trasversali Conoscenze e soluzioni creative
  • 16. Un ragionevole dubbio Lo psicologo e filosofo umanista Erich Fromm ricorda il fatto che milioni di persone condividano gli stessi vizi non rendi questi vizi virtù In una cultura collettiva, giudizi e ragionamenti si basano su quelle che vengono percepite come le verità del paradigma fondamentale. Di conseguenza, se le credenze paradigmatiche di una cultura fossero false o inesatte, la popolazione che avesse consapevolmente operato secondo quelle credenze fallaci esprimerebbe collettivamente giudizi e ragionamenti di cattiva qualità. • Fonte: BRUCE LIPTON, STEVE BHAERMAN, evoluzione spontanea, Macro Edizioni 2010, pag.258
  • 17. Iniziare dalla riflessione Accesso alla conoscenza
  • 18. Sintesi visioni di politica economica • (1989) Politica post ideologica (fine dei regimi autoritari: nazi- fascismo [1944] e comunismo) – Economia del debito (modello della crescita quantitativa) • Capitalismo: – Pensiero Liberista (o neo liberista) [Reagan&Thatcher], (modello della crescita) – Pensiero keynesiano (modello della crescita) • Finanza ed implosione (Hyman Minsky) dell’economia del debito (crescita) e fine dei partiti otto-novecenteschi (?), cosa ci attende? • Picco del petrolio e fine dell’era industriale • Esiste un altro modello? SI, uscire dall’economia del debito ed adozione dell’approccio qualitativo rispettoso della democrazia e delle leggi della fisica, la bioeconomia.
  • 19. Feudalesimo elitario 1968. Colpo di Stato: manuale pratico di Edward Luttwak [...] “Il colpo di stato si attua traendo vantaggio da questo comportamento meccanico: durante il golpe, perché usa parti dell’apparato dello stato per appropriarsi il controllo delle leve; dopo, perché il valore delle leve dipende dal fatto che lo stato è una macchina“. Chi sono i congiurati migliori? Ecco come li descrive Luttwak (p. 35): ” Tutto il potere, tutta la partecipazione, è nelle mani di una piccola élite istruita, benestante e sicura, e quindi radicalmente differente dalla vasta maggioranza dei suoi concittadini, praticamente una razza a parte. Le masse riconoscono questa realtà e accettano il monopolio del potere dell’élite, salvo che qualche esazione insopportabile porti a una rivolta disperata [...] 2011 2009 2012
  • 20. Disoccupazione, sistemi a confronto Confronto fra “l’austerità” europea e la “politica espansiva” negli USA, effetti sull’occupazione Fonte: Paul Krugman, Fuori da questa crisi, adesso! Garzanti, 2013
  • 21. Indice GINI, diseguaglianza Italia regina europea delle diseguaglianze. Così la crisi ha impoverito la classe media; 11 marzo 2013 Corriere Sera
  • 22. Fonte:WuppertalInstitut,Perunfuturoequo,Feltrinelli,2007,pag.77 Il problema è la crescita quantitativa = sprechi
  • 23. Overshoot Day: il nostro debito con la Terra Consumare meno e meglio
  • 24. Fonte:WuppertalInstitut,Perunfuturoequo,Feltrinelli,2007,pag.165 Decrescita selettiva del PIL nei paesi occidentali = eliminare gli sprechi
  • 25. La crisi energetica Dipendere da una sola fonte non rinnovabile Condivisione delle conoscenze e delle esperienze Elaborazione degli obiettivi
  • 26. Picco del petrolio La teoria del picco di Hubbert (detta anche più brevemente picco di Hubbert) è una teoria scientifica (o modello) proposta, nella sua formulazione iniziale, nel 1956 dal geofisico americano Marion King Hubbert, riguardante l'evoluzione temporale della produzione di una qualsiasi risorsa minerale o fonte fossile esauribile o fisicamente limitata. Oggi siamo nel picco del petrolio e questo significa che la domanda di petrolio è superiore all’offerta (estrazione). Una società che usa il petrolio come risorsa primaria nell’agricoltura, nella produzione di merci, nei trasporti al momento del picco è praticamente in crisi. E’ necessario ripensare e ricordare la società quando non dipendeva dal petrolio e impiegare le nuove tecnologie delle fonti alternative.
  • 27. Fonte: D. & D. Meadows, J. Randers, I nuovi limiti dello sviluppo, Oscar Mondadori 2006 Picco dei metalli
  • 28. Fonte: D. & D. Meadows, J. Randers, I nuovi limiti dello sviluppo, Oscar Mondadori 2006, pag. 132 Flusso dei materiali
  • 29. Efficienza significa ridurre l’uso di materiale ed energia in ogni merce o prestazione grazie a una tecnologia e un’organizzazione ottimizzate, grazie al riciclaggio e alla limitata produzione di rifiuti. Riduzione dei grandi consumi con l’efficienza trasporti agricoltura edilizia energia Piani nazionali
  • 30. La crisi della democrazia rappresentativa Dipendere da una religione: la crescita infinita Condivisione delle conoscenze e delle esperienze Elaborazione degli obiettivi
  • 31. Controllo della moneta debito • Banche, SpA, assicurazioni, paradisi fiscali Serbatoi di pensiero (think tank) • liberismo, pensiero unico Organizzazioni politiche • Partiti, media Leggi, norme La crisi della democrazia rappresentativa Il modello feudale che provoca diseguaglianze, povertà e violazione dei diritti umani.
  • 32. Svelare le credenze del PIL • L’affermazione che la crescita economica sia indispensabile per far crescere l’occupazione viene ripetuta come un mantra benché, a differenza del mantra, non abbia lo scopo di liberare la mente dalla realtà illusoria, ma di avvilupparla in una illusione irreale, priva di riscontri empirici e di fondamenti teorici. Dal 1960 al 1998 in Italia il prodotto interno lordo a prezzi costanti si è più che triplicato, passando da 423.828 a 1.416.055 miliardi di lire (valori a prezzi 1990), la popolazione è cresciuta da 48.967.000 a 57.040.000 abitanti, con un incremento del 16,5 per cento, ma il numero degli occupati è rimasto costantemente intorno ai 20 milioni (erano 20.330.000 nel 1960 e 20.435.000 nel 1998). Una crescita così rilevante non solo non ha fatto crescere l’occupazione in valori assoluti, ma l’ha fatta diminuire in percentuale, dal 41,5 al 35,8 per cento della popolazione. * *MAURIZIO PALLANTE, “estratto” da Orientare la politica economica e industriale a creare occupazione nelle tecnologie che riducono l’impronta ecologica. Perugia, 9 ottobre 2010
  • 33. Indicatori della qualità di vita • “Benessere Equo e Sostenibile” (BES) (CNEL ed ISTAT dal 2011, “Gruppo di indirizzo sulla misura del progresso sulla società italiana” come obiettivo per integrare il PIL) – invece che concentrarsi su un concetto di produzione, quale è il Pil, si deve privilegiare la misura del benessere economico delle persone; – non esiste una misura singola che possa dar conto di tutte le varie dimensioni del benessere e gli indicatori compositi non sono una risposta soddisfacente, così come la misura della felicità; – ci si deve concentrare sulle dimensioni rilevanti per il benessere degli individui: lo stato psicofisico delle persone, la conoscenza e la capacità di comprendere il mondo in cui viviamo, il lavoro, il benessere materiale, l’ambiente, i rapporti interpersonali e la partecipazione alla vita della società e l’insicurezza. Inoltre, bisogna guardare alla distribuzione di tutte le dimensioni del benessere (equità) • “Depiliamoci” – Benessere Interno Lordo (http://www.benessereinternolordo.net/joomla/) • Happy Index Planet (http://www.happyplanetindex.org/) • Indicatore del progresso autentico (GPI) è un concetto nell'economia verde e nell'economia di assistenza sociale che è stata suggerita per sostituire il Prodotto Interno Lordo (PIL) come misuratore dello sviluppo economico. • Felicità Interna Lorda (FIL) Il termine fu coniato nella metà degli anni ottanta dal re del Bhutan Jigme Singye Wangchuck che mise in rilievo il suo impegno per la costruzione di un'economia coerente con la cultura tradizionale del suo paese basata sui valori spirituali del buddhismo.
  • 34. Esseri umani Crescita pil + produttività Bisogni dell'economia Bio- Economia Piena realizzazione degli esseri umani Bisogni degli uominiFondamenti Fine ultimo DecrescitaCrescita (+quantità) (+qualità) limite Fare sempre Fare bene Armonia con la natura - hybris Cos’é la decrescita : sistemi a confronto Esseri umani Bio- Economia
  • 35. • Merci che non sono beni - Sprechi (es. Casa mal costruita) • Beni che si possono avere solo sotto forma di merci - Richiedono competenze tecniche specialistiche (es. TAC) •Beni che possono non essere merci - Autoproduzione (es. Cibo, ripetizioni, cura di anziani/bambini) -Scambi non mercantili fondati sul dono e la reciprocità •Beni che non possono essere merci - beni relazionali (rapp. D’amore, solidarietà, d’empatia) - creatività, spiritualità, gioco disinteressato + convivialità Cos’é la decrescita : Merci e Beni
  • 36. • Merci che non sono beni • Beni che non sono merci • Uso e acquisto + consapevole dei Beni che si possono avere solo sotto forma di merci (+ locale, stagionale, duraturo, riutilizzo, riparazione, senza imballaggi, etc.) Scambi mercantili Scambi non mercantili fondati sul dono e la reciprocità Autoproduzione di beni e fornitura diretta di servizi alla persona Meno e Meglio! selettivo selettivo Cos’é la decrescita : Merci e Beni
  • 37. non sempre sono BENI non necessariamente sono MERCI MERCI BENI BENZINA CONSUMATA STANDO IN CODA MARMELLATA FATTA IN CASA non sempre hanno una connotazione positiva posso produrre per me o per donare Oggetti o servizi che si scambiano per denaro Oggetti o servizi che rispondono ad un bisogno o soddisfano un desiderio Cos’é la decrescita : Merci e Beni
  • 38. vengono scambiate con denaro non vengono scambiati con denaro MERCI BENI Concepite per produrne sempre di più non ha senso produrne più del necessario sono destinate alla vendita non sono destinati alla vendita Cos’é la decrescita : Merci e Beni
  • 39. fanno aumentare: Migliorano la qualità della vita! MERCI BENI il PIL il consumo di risorse naturali l’inquinamento riducono il PIL riducono sprechi e inquinamento Cos’é la decrescita : Merci e Beni
  • 40. Auto produzione scambi non mercantili scambi mercantili Cos’é la decrescita : L’economia della decrescita
  • 41. crescita del PIL cibo babysitter impresa di pulizie badante per anziani decrescita cibo cibo cibo cura dei figli cura degli anziani giocattoli vestitivestitivestiti Cos’é la decrescita : L’economia della decrescita
  • 42. Fonte: Franco Archibugi, pianificazione strategica, Alinea 2005, pag. 88 I Identificazione unità di programmazione. Definizione mandati e missioni II Struttura di programma III Temporalizzazione e fissazione di traguardi (targets) IV Specificazione dei progetti e delle operazioni V Sistemi di monitoraggio e controllo dei risultati VI Contabilità dei costi operativi, loro finanziamento e bilancio di programma Ciclo di processo di pianificazione strategica
  • 43. Obiettivi riforma PA Miglioramento delle performance• Controllo strategico interno Soddisfazione dei destinatari dei servii • Giudizio dal basso partecipazione • Far conoscere i dati delle performance ai cittadini
  • 44. Valutazione e controllo strategico • L’attività di valutazione e controllo strategico (art. 6 D, Lgs. 286/1999) mira a verificare, in funzione dell’esercizio dei poteri di indirizzo da parte dei competenti organi, l’effettiva attuazione delle scelte contenute nelle direttive ed atti di indirizzo politico. • Le strutture di controllo strategico supportano l’organo politico ai fini della valutazione del personale dirigenziale; nelle amministrazioni statali, detto controllo è affidato ad apposite strutture, denominate «servizi di controllo interno» • Fonte: Vincenzo Pedaci, Il management pubblico, IV edizione, Simone, 2012, pag.258.
  • 45. Supporto di indirizzo alle decisioni politiche anche attraverso gli strumenti del controllo di gestione, al fine di fornire indicazioni di indirizzo per rimediare agli scostamenti e ripensare la strategia FINALITA’ DEL CONTROLLO STRATEGICO Verificare se la strategia dell’Ente è giusta: se gli obiettivi fissati sono stati conseguiti Analizzare gli eventuali scostamenti e fattori ostatici cercando possibili rimedi Identificare la responsabilità politica e gestionale della mancata attuazione delle scelte Fonte: Vincenzo Pedaci, Il management pubblico, IV edizione, Simone, 2012, pag.258.
  • 46. Controllo di qualità nei servizi pubblici Servizi, modello di riferimento Qualità prevista Qualità paragonata Qualità percepita Qualità prestata qualità progettata Aspettativa che l’utente ha nei confronti del servizio Livelli standard coi quali dovrebbe essere erogato il servizio Qualità che il cittadino/utente ritiene di ricevere Confronto con gli altri Enti
  • 47. Ciclo e gestione delle performance • Definizione e assegnazione degli obiettivi da raggiungere, dei valori attesi di risultato e dei rispettivi indicatori • Collegamento tra obiettivi e allocazione delle risorse • Monitoraggio in corso di esercizio e attivazione degli eventuali interventi correttivi • Misurazione e valutazione delle performance, organizzativa e individuale • Utilizzo dei sistemi premianti, secondo criteri di valorizzazione del merito • Rendicontazione dei risultati agli organi di indirizzo politico- amministrativo, ai vertici delle amministrazioni nonché ai componenti degli organi esterni, ai cittadini, ai soggetti interessati, agli utenti e ai destinatari dei servizi Il ciclo della gestione si articola nelle seguenti fasi Fonte: Vincenzo Pedaci, Il management pubblico, IV edizione, Simone, 2012, pag.205.
  • 48. Ciclo e gestione delle performance • Rilevanti e pertinenti rispetto ai bisogni della collettività, alla missione istituzionale, alle priorità politiche e alle strategie dell’amministrazione • Specifici e misurabili in termini concreti e chiari • Tali da terminare un significativo miglioramento della qualità dei servizi erogati e degli interventi • Riferibili ad un arco temporale determinato • Commisurati ai valori di riferimento derivanti da standard definiti a livello nazionale e internazionale, • Confrontabili con le tendenze della produttività dell’amministrazione con riferimento, ove possibile, almeno al triennio precedente • Correlati alla quantità e alla qualità delle risorse disponibili Gli obiettivi sono: Fonte: Vincenzo Pedaci, Il management pubblico, IV edizione, Simone, 2012, pag.206.
  • 49. Trasparenza • Governo • Condivisione degli atti: Bilancio valutazione • Valutazione politica degli investimenti, spesa pubblica Proposte dal basso • Individuazione di eventuali sprechi http://www.governo.it/rapportiparlamento/documenti/rapporto_spending.pdf Domanda & offerta Fondi europei Priorità
  • 50. Trasparenza degli atti Programma elettorale (Promesse, mercato dei voti, fiducia politica) Linee programmatiche di mandato [Consiglio] Piano Esecutivo di Gestione (PEG) e Piano Dettagliato degli Obiettivi (PDO) [Giunta]
  • 51. Nuova Amministrazione, comunità Co-gestione: Amministrazione & Cittadini, azionariato diffuso popolare. Piani urbanistici, piani di investimento Servizi pubblici locali (energia, rifiuti, etc.)
  • 52. Fonte: Raffaele Parlangeli, Domenico Pellerano, Tecniche di performance management per migliorare la P.A. Franco Angeli, 2012
  • 53. Fonte: Giorgio Sangiorgi (a cura di), Management e governance nella pubblica amministrazione, Franco Angeli, 2008
  • 54. Democrazia diretta e partecipativa • Introdurre tutti gli strumenti di democrazia diretta e partecipativa negli Enti territoriali (Regione, Provincia, Comune) • Iniziativa e referendum (ambito regionale, provinciale e comunale) senza quorum di validità – Referendum deliberativo ed abrogativo (mai referendum consultivi) • Bilancio partecipativo deliberativo (ambito comunale)
  • 55. Pianificazione partecipata Il “comunicare” con gli abitanti e tra gli abitanti per comprendere, ricostruire una “immagine condivisa” della città Town meeting Assemblee di zona sperimentare Laboratori di quartiere Scelta delle “priorità”
  • 56. Migliore qualità della vita cittadini piani •Esperti, mondo accademico •cittadini•Dipendenti eletti Bilancio comunale “esplicato” Piani urbanistici, mobilità, energia Piano dei servizi Piano degli Investimenti Partecipazione popolare al processo decisionale Trasparenza degli atti ed accesso ai piani per elaborare proposte, idee e progetti con metodi creativi
  • 57. Bilancio esplicato e Piano degli investimenti Assemblee popolari priorità Inserimento progetti nel bilancio • bilancio • Piano urbanistico trasparenza • World cafè • Open space technology • Town Meeting priorità • verifica • Cittadini e funzionari pubblici Soddisfacimento dei bisogni Modello assembleare
  • 58. Priorità locali • Bilancio comunale • investimenti regionale • Ambito regionale • Aggiornamento dei piani rispetto alle priorità locali Legge finanziaria • Ambito nazionale • Aggiornamento dei piani rispetto alle priorità regionali Migliore qualità della vita cittadini piani Domanda & offerta Fondi europei Priorità
  • 59. Cittadini, idee, bisogni Proposta referendum delibera Modello referendario (democrazia diretta) Nessuna intermediazione e valutazione diretta delle idee
  • 60. Conferma o revoca (referendum, Town Meeting) Verifica del mandato elettorale a metà mandato Controllo popolare dei dipendenti eletti E’ necessario modificare il Tuel, Testo unico degli enti locali
  • 61. Il termine resilienza viene usato in meccanica, in ingegneria per indicare la capacità dei materiali a resistere, mentre in psicologia indica la capacità umana ad adattarsi e di affrontare le avversità della vita. Mentre per rigenerazione si intende nel senso sociale, morale o religioso, rinascita, rinnovamento radicale, redenzione che si attua in una collettività: rigenerazione morale, civile, politica di un popolo, di una nazione, della società (dizionario Treccani).
  • 62. Il termine “rigenerazione urbana” appare nel lessico della pianificazione urbanistica inglese alla metà degli anni settanta. Nel 1993 fu istituita un’agenzia a livello nazionale, Urban Regeneration Agency (URA) con competenze nel tema della “rigenerazione urbana”. In ambito urbanistico è possibile individuare una periodizzazione del concetto di “rigenerazione urbana” che parte dal dopoguerra – piani di ricostruzione – fino agli anni novanta, cioè dalla ricostruzione dei centri storici ed urbani promossa dallo Stato fino alla nascita delle agenzie pubbliche-private degli anni ottanta.
  • 63. Urbanistica, pianificazione ed organizzazione territoriale, insediamenti umani • Piani regionali, piani territoriali • Piani provinciali, piani territoriali • Piani comunali, piani regolatori, piani operativi «uso del suolo, risorse, vincoli» • Piani paesistici (tutela del paesaggio del territorio) • Piani di bacino (difesa delle acque) • Piani delle aree protette • Piani dei parchi «piano specialistico» • Piani del traffico • Piani della mobilità • Piani del rumore • Piani delle cave (attività estrattive) • Piani delle coste • Piani dei servizi «piano di settore» Il Parlamento italiano nel corso degli anni ha promulgato leggi che hanno distribuito «competenze» e «funzioni», spesso sovrapponendosi, creando una confusione che ha favorito un cattiva gestione delle risorse territoriali. Ecco un elenco dei livelli di competenza e dei piani:
  • 64. Ambito comunale • Piano di massima e previsione programmatiche, localizzazioni, zonizzazione • Regolamento edilizio Piano regolatore generale (Piano Strutturale C.; Piano Urbanistico C. ..) • Piani particolareggiati (P.P.) • Piani di lottizzazione (P.L.) • Piani per l’edilizia economica e popolare (P.E.E.P.) • Piani per gli insediamenti produttivi (P.I.P.) • Piani di recupero • Programmi integrati e assimilati Piani attuativi
  • 65. • I cittadini dovrebbero sapere che l’elenco precedente dei piani dimostra in quanti ambiti e livelli si possa pianificare, dimostra la complessità burocratica delle politiche istituzionali e testimonia quanto controllo dovrebbe esserci affinché si possa prevenire la corruzione. I piani sono condizionati dai criteri estimativi mercantili che non favoriscono la tutela degli ecosistemi. • E’ consuetudine far credere che tramite un’ideale “compensativo” e grazie alla mercificazione del territorio sia sempre possibile ripagare il danno di una scelta politica. • Le leggi della natura e della fisica ci insegnano l’esatto contrario, tutto si trasforma e non esistono processi reversibili, mentre l’entropia cresce sempre. Urbanistica, pianificazione ed organizzazione territoriale, insediamenti umani
  • 66. • Il Parlamento, consapevole delle leggi della fisica ed applicando la Costituzione, dovrebbe stimolare gli Enti locali nell’uso di procedure estimative condizionate dal valor d’uso sociale, criterio non monetario, ed associarlo alla misurazione dei flussi di energia per far sviluppare una pianificazione libera dalle obsolete logiche mercantili che stanno distruggendo risorse non rinnovabili pregiudicando l’esistenza delle future generazione. Per concretizzare questo principio è necessario ripensare la contabilità pubblica poiché gli amministratori distruggono l’ambiente per soddisfare l’obbligo del pareggio di bilancio. Fonte immagine, Monica Lavagna, Life Cycle Assessment in edilizia, Hoepli Urbanistica, pianificazione ed organizzazione territoriale, insediamenti umani
  • 67. Programmi europei Programma nazionale
  • 68. “Strumenti” finanziari dall’alto Enti pubblici e privati finanziano le iniziative
  • 69. “Strumenti” finanziari dal basso • I cittadini hanno il potere di condizionare le istituzioni finanziare spostando i propri risparmi verso progetti virtuosi. • Il caso di Schonau. I cittadini acquistano la rete locale ed auto producono energia con fonti alternative (soldi privati). • Il caso di Torraca (SA), prima city led al mondo. L’Amministrazione rende il Comune auto sufficiente con fonti alternative (soldi pubblici e uso degli incentivi).
  • 70. • Il contadino è l’uomo libero in grado di produrre tutto ciò di cui ha bisogno e compra solo poche cose necessarie, la sua economia reale è libera dai ricatti della finanza e dai capricci del mercato. • Le tecnologie odierne consentono di ricostruire l’economia reale contadina con l’impiego dell’agricoltura sinergica e l’autoproduzione energetica con fonti alternative • Pensare e progettare la comunità, relazioni e reciprocità • Co-gestire i beni comuni (acqua, cibo, energia, internet) “Civiltà contadina modernizzata”
  • 71. Portare l’agricoltura sinergica in città e progettare una rete di orti sinergici per i bisogni delle scuole primarie e dei cittadini “Civiltà contadina modernizzata”
  • 72. “Civiltà contadina modernizzata” Progettare una rete di fattorie autosufficienti energeticamente a servizio della città. Lo schema energetico integrato è un’applicazione per una fattoria, estratto dal testo di Luciano Paoli, energie rinnovabili impieghi su piccola scala.
  • 73. Autoprodurre energia: passare dalle grandi centrali alla “generazione distribuita” con le fonti alternative. “Civiltà contadina modernizzata”
  • 74. Comunità Beni culturali, territorio, cibo, servizi locali Mobilità, Bici pedelec Orto sinergico Sufficienza energetica Democrazia diretta Riciclo totale
  • 75. Articolo 9. La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica. Tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione. Applicando l'articolo nove della nostra Costituzione possiamo risolvere buona parte dei problemi occupazionali del nostro Paese. Secondo le stime dell'Unesco l'Italia possiede fra il 60 e il 70% dei beni culturali mondiali (rapporto Eurispes 2006), mentre il paesaggio nostrano fu definito il giardino d'Europa. Pertanto è del tutto ridicolo credere che una Nazione del genere possa ritenersi in crisi o che non ci siano opportunità di lavoro, perché la ricchezza reale circonda i cittadini italiani, forse incapaci di guardare e capire la bellezza che è intorno a loro. Tutti i Governi che si sono succeduti hanno provveduto a smantellare la ricerca per favorire istituti stranieri, e le SpA hanno potuto inquinare siti naturali recando danni biologici e morti per tumori e neoplasie. Per pianificare una politica nazionale sui temi della prevenzione primaria, riduzione del rischio sismico, il riuso, il recupero e la conservazione dei beni culturali è necessario riprendersi la politica monetaria e industriale. Fonte: “Qualcosa” che non va, agg. 2013
  • 76. La società del presente/futuro • Agire direttamente: integrare la democrazia rappresentativa con la democrazia partecipativa e diretta • Sviluppare la resilienza locale, creatività • Saper interpretare il mondo e benessere psicofisico • Autoprodurre cibo, orti sinergici, consapevolezza dei consumi, stili di vita • Uso razionale dell’energia: prima eliminare gli sprechi • Scambio e reciprocità: rete sociale, il valore del dono • Mobilità intelligente • Convivialità, cultura, sport e tempo libero • Monete locali cioè sovrane e libere dal debito e dagli interessi • Strategia rifiuti zero/riciclo totale
  • 77. Sintesi del percorso Accesso alla conoscenza Condivisione delle conoscenze e delle esperienze Elaborazione degli obiettivi azione cambiamento
  • 78. Sintesi obiettivi e priorità Sovranità alimentare Class action efficace Introdurre la democrazia Cambiare i paradigmi dell’istruzione Restituire sovranità alla Repubblica Sufficienza energetica
  • 79. Cultura Maurizio Pallante La decrescita felice Salvatore Settis Azione popolare Paolo Michelotto Democrazia dei cittadini “Libertà individuale significa avere la libertà di controllare i propri pensieri e di far manifestare le sensazioni che si desiderano nella propria vita. Raggiungere la libertà individuale consiste nello sviluppare nuove abitudini e competenze e nell’abituarsi a far funzionare il cervello come noi desideriamo.“
  • 80. Richard Sennett L’uomo artigiano Yona Friedman Alternative energetiche Wuppertal Institut Futuro sostenibile Pierre Rabhi Manifesto per la terra e per l’uomo Cultura “Libertà individuale significa avere la libertà di controllare i propri pensieri e di far manifestare le sensazioni che si desiderano nella propria vita. Raggiungere la libertà individuale consiste nello sviluppare nuove abitudini e competenze e nell’abituarsi a far funzionare il cervello come noi desideriamo.“
  • 81. Cultura “Libertà individuale significa avere la libertà di controllare i propri pensieri e di far manifestare le sensazioni che si desiderano nella propria vita. Raggiungere la libertà individuale consiste nello sviluppare nuove abitudini e competenze e nell’abituarsi a far funzionare il cervello come noi desideriamo.“
  • 82. Bibliografia • ANTONIO MICLAVEZ, Euflazione, Arianna editrice, 2009 • ANTONIO LA SPINA, I costi dell’illegalità,il Mulino, 2008 • BENJAMIN R. BARBER, Consumati, da cittadini a clienti, Einaudi, 2010 • BRUCE LIPTON, STEVE BHAERMAN, Evoluzione spontanea, Macro edizioni, 2010 • DANIEL ESTULIN, Il club Bilderberg, Arianna editrice, 2009 • DANIEL LERCH, Post carbon cities, Transition Italia, 2010 • FERRUCCIO PINOTTI e LUCA TESCAROLI, Colletti sporchi, BUR, 2008 • FERRUCCIO PINOTTI, Fratelli d’Italia, BUR, 2007 • FRANCESCO VIGNARCA, Mercenari SpA, BUR, 2004 • GUSTAVO ZAGREBELSKY, Imparare democrazia, in ET Saggi [1443] Einaudi, 2005 • GIAMPAOLO FABRIS, La società post-crescita,Egea, 2010 • JEAN ZIEGLER, La privatizzazionedel mondo, Net, 2004 • JOHN PERKINS, Confessioni di un sicario dell’economia, Minimun fax, 2010 • J. STIGLITZ, A. SEN, J.P. FITOUSSI, La misura sbagliata delle nostre vite, Etas, 2010 • LORETTA NAPOLEONI, Economia canaglia. Il lato oscuro del nuovo ordine mondiale, Saggiatore, 2008 • LORETTA NAPOLEONI, Il contagio, Rizzoli, 2011 • LORETTA NAPOLEONI, Democrazia vendesi, Rizzoli, 2013 • LIVIO de SANTOLI, Le comunità dell'energia, Quodlibet, 2011 • MARCO DELLA LUNA e ANTONIO MICLAVEZ, Euroschiavi, Arianna editrice, 2007 • MARCO DELLA LUNA e PAOLO CIONI, Neuroschiavi, Macro edizioni, 2008 • MARCO PIZZUTI, Rivelazioni non autorizzate, Ed. Il punto d’Incontro, 2009 • MARCO SABA, o la banca o la vita, Arianna editrice, 2008 • MAURIZIO PALLANTE, La decrescita felice, Edizioni per la Decrescita felice, 2009 • MAURIZIO PALLANTE, La felicità sostenibile, Rizzoli, 2009 • MAURIZIO PALLANTE, Meno e meglio, Bruno Mondadori, 2011 • MICHELE BUONO e PIERO RICCARDI, Il mondo alla rovescia, Edizioni per la Decrescita felice, 2009 • NINO GALLONI, MARCO DELLA LUNA, La moneta copernicana, Nexus, 2008 • NORBERTO BOBBIO, L’età dei diritti,in ET Saggi [478], Einaudi, Torino, 1995 • PAOLO MICHELOTTO, Democrazia dei cittadini,Troll edizioni, 2008 • PETER NORTH, Moneta locale, Arianna editrice, 2011 • ROB HOPKINS, Manuale pratico della transizione, Arianna editrice, 2009 • SERGE LATOUCHE, Come uscire dalla società dei consumi, Bollati Borighieri, 2011 • SERGE LATOUCHE, L’invenzione dell’economia, Arianna editrice, 2005 • SALVATORE SETTIS, Azione popolare, Einaudi, 2012 • THOMAS BENEDIKTER, Democrazia diretta, Sonda, 2008 • VANDANA SHIVA, Ritorno alla terra, Fazi editore, 2009 • WUPPERTAL INSTITUT, Futuro Sostenibile, Edizioni Ambiente, 2011 • ZYGMUNT BAUMAN, La società individualizzata, in biblioteca paperbacks [20], il Mulino, 2010