Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
3ipofisi prostan
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply
Published

 

  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
252
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3

Actions

Shares
Downloads
21
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. ORMONI IPOTALAMO-IPOFISARI
  • 2. L’ipotalamo riceve e integra i segnali provenienti dal sistema nervoso centrale L’ipotalamo produce dei fattori di rilascio che inducono l’ipofisi (gh. Pituitaria) a secernere ormoni specifici
  • 3. I segnali che si originano nel sistema nervoso centrale raggiungono i tessuti bersaglio attraverso una serie di tappe intermedie Origine segnali Primi bersagli Inibizione a feedback Secondi bersagli Bersagli finali
  • 4. ORMONI TIROIDEI
  • 5. Gli ormoni tiroidei sono prodotti a partire dalla tirosina e vengono accumulati come tireoglobulina all’interno del follicolo tiroideo. Le cellule follicolari producono prevalentemente tiroxina (T4), poco attiva, che viene convertita in T3 nei tessuti periferici da parte di specifici enzimi (deiodasi). Gli ormoni tiroidei sono poco solubili e circolano legati a proteine di trasporto (TBG, albumina)
  • 6. L’enzima chiave nella sintesi degli ormoni tiroidei è la tireoperossidasi che catalizza due importanti fasi della sintesi degli ormoni tiroidei 1-L’organificazione dello iodio su residui di tirosina della tireoglobulina 2- La sintesi di T3 e T4 a partire da 2 molecole di iodotirosina.
  • 7. Cellula dei follicoli della tiroide T3 T4 ITG = tireoglobulina
  • 8. Captazione I 131
  • 9. Funzioni fisiologiche Differenziamento Sintesi proteica Ipertiroidismo Disaccopiante catena resiratoria + Stimola lipolisi Ipotiroidismo Stimola liposintesi (Alla nascita: nanismo)
  • 10. GLI ORMONI TIROIDEI: EFFETTI BIOLOGICI Pressochè tutte le cellule dell’organismo rappresentano un bersaglio per gli ormoni tiroidei. Metabolismo energetico: Aumento del metabolismo energetico (Basal Metabolic Rate), Aumento del consumo di ossigeno, Produzione di calore Metabolismo lipidico: mobilizzazione dei lipidi, aumento degli acidi grassi circolanti, aumento dell’ossidazione degli acidi grassi, riduzione dei livelli di colesterolo circolante. Metabolismo glucidico: aumento dell’ingresso di glucosio nelle cellule, aumento della gluconeogenesi e della glicogenolisi (aumenta la disponibilità di glucosio).
  • 11. GLI ORMONI TIROIDEI: EFFETTI BIOLOGICI Crescita e sviluppo: Gli ormoni tiroidei sono necessari per una normale crescita sia somatica che del SNC. Mancata sintesi congenita: nanismo Sistema cardiovascolare: Gli ormoni tiroidei hanno un effetto cronotropo positivo (aumentano la frequenza cardiaca), inotropo positivo (aumentano la contrattilità miocardica) ed aumentano la gittata cardiaca. Determinano inoltre vasodilatazione aumentando il flusso ematico in molti organi e tessuti. Aumentano la pressione arteriosa differenziale. Sistema nervoso centrale: La carenza di ormoni tiroidei in età infantile determina ritardo mentale mentre in età adulta provoca rallentamento dei processi mentali, ipersonnia, rallentamento dei riflessi, depressione, letargia. L’eccesso di ormoni tiroidei provoca iperiflessia, nervosismo, ansia. Altri effetti: sistema riproduttivo, composizione delle fibre muscolari, etc
  • 12. Cortisolo /Aldosterone Riassorbimento di sodio Adattamento allo stress Effetti protettivi
  • 13. Ormoni steroidei
  • 14. ACTH = ormone adrenocorticotropo. Prodotto dall’ ipofisi
  • 15. Cortisolo (gluco-corticoidi) Induce sintesi enzimi della gluconeogenesi + transaminasi PROTEINEAMINOACIDIGLUCOSIO Cortisonici usati come antinfiammatori; antirigetto; antitumorali: dirottano aminoacidi dalla sintesi proteica alla gluconeogenesi
  • 16. ACTH ATROFIA CORTICALE DEL CORTICALE DEL SURRENE SURRENE CORTISONICI CORTISOLO GLUCONEOGENESI, ANTIINFIAMMATORIO
  • 17. Abbassamento P.A. Aldosterone (mineral-corticoidi)
  • 18. Ormoni sessuali. Maschili: androgeni(testosterone): Femminili: estrogeni(estradiolo, progestinici (progesterone)
  • 19. Bersaglio:prostata, vescicole seminali Caratteri sessuali secondari: distribuzione peli, timbro della voce, responsabile dell’arresto della crescita dopo la pubertà
  • 20. Estradiolo(E2): ovaio follicolo Caratteri sessuali secondari: distribuzione peli, timbro della voce, responsabile dell’arresto della crescita dopo la pubertà
  • 21. Progesterone: Corpo luteo (ovaie): agisce sull’ utero, prepara impianto uovo fecondato, inibisce contrazioni Placenta: Inibisce ovulazione
  • 22. Ormone della crescita (GH) GH stimola glucidi lipidi proteine, dep.osso, cartilagine difetto-->nanismo
  • 23. Prolattina (PRL) stimola sintesi alfa-lattalbumina Subunità regolatrice della lattosio sintetasi (galattosio + glucosio lattosio) Insieme a ossitocina stimola secrezione del latte NEUROIPOFISI Vasopressina--> riass. Acqua nel tubulo renale -->diabete insipido Ossitocina -->contrazione musc. Liscia -->induce il parto
  • 24. Vasopressina (Ormone antidiuretico)
  • 25. EICOSANOIDI: PROSTAGLANDINE, PROSTACICLINE, LEUCOTRIENI, TROMBOSSANI Derivati dell’acido arachidonico: Azioni su: Contrazione della muscolatura liscia, aggregazione piastrinica, secrezione del succo gastrico, eq. idrico-salino, dolore, mediatori chimici dell'infiammazione. Effetto broncocostrittore e vasodilatatore
  • 26. Trombossani A2 (TxA2) provoca aggregazione piastrinica e vasocostrizione; Prostacicline PGI2, ha effetti opposti a quelli del Trombossano A2, inibisce l'aggregazione piastrinica agendo da vasodilatatore; Prostaglandine PGD2, PGE2, PGF2, esercitano diverse azioni sul tono e sulla permeabilità vascolare. Leucotrieni regolatori funzioni neutrofili ed eosinofili. Coinvolti nella Chemiotassi, degranulzione leucociti PMN. potenti mediatori dei processi allergici
  • 27. Celecoxib affinità per COX2 275 x COX1