Your SlideShare is downloading. ×
Intervento Arpa Convegno Acqua Premia
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Intervento Arpa Convegno Acqua Premia

783
views

Published on

Convegno

Convegno


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
783
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. ACQUA prevenzione e controllo Legionella ARPA Piemonte – Dipartimento di Novara Laboratorio di Riferimento della Regione Piemonte per la legionellosi Viale Roma 7/d – NOVARABalzano Paola, Cavallaro Mario, Lo Baido Liliana, Miglietta Marilena, Stefanetti Mariavittoria, Vallana Maria Vittoria PREMIA 21 MARZO 2012
  • 2. OBIETTIVO “ Fornire acqua che non contenga una concentrazione di microrganismi, incluso Legionella, di parassiti o di altre sostanze che costituisca un potenziale pericolo per la salute umana” PREVENZIONEImpedire la proliferazione della Legionella riducendo laprobabilità del rischio PROTEZIONERidurre la gravità del rischio dovuto all’avvenutaproliferazione della legionella mediante specifiche azioni PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 3. ISTITUTO SUPERIORE DI SANITA’Laboratorio di riferimento nazionale per la legionellosi Notiziario ISS Vol 24, n° 10, 2011:pag 3-9 Rapporto annuale sulla legionellosi in Italia 2010 PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 4. ARPA PIEMONTE - NOVARA Laboratorio di riferimento regionale per la legionellosiLaboratori individuati dalle Regioni, sulla base dispecifiche competenze, susollecitazione del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità per un’efficace sorveglianza sul territorio nazionale Provvedimento 13 gennaio 2005“Linee guida recanti indicazioni ai laboratori con attività di diagnosi e controllo ambientale della legionellosi” PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 5. ARPA PIEMONTE - NOVARALaboratorio di riferimento regionale per la legionellosi anno 2011 5% strutture verificate 6% 11% 11% 8% 51% 3% 5% STRUTTURE SANITARIE CASE DI RIPOSO ALBERGHI ABITAZIONI TERME CARCERI PISCINE ALTRO PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 6. Fattori di rischio PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 7. NORMATIVA DI RIFERIMENTO Documento 04 aprile 2000:«Linee guida per la prevenzione e il controllo della legionellosi» G.U. n. 103 del 05 maggio 2000 PROVVEDIMENTO 13 gennaio 2005:«Linee guida recanti indicazioni sulla legionellosi per i gestori di strutture turistico-recettive e termali» G.U. n. 51 del 3 marzo 2005 Le Raccomandazioni regionali per la sorveglianza, la prevenzione e il controllo delle polmoniti da legionella nelle strutture sanitarie Marzo 2008 PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 8. Manutenzione Aerosol PUNTO A RISCHIO Patogeno Soggetto a rischio Controllo dei punti ad alta aerosolizzazione PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 9. Valutazione del livello di contaminazione da Legionella in alcuni stabilimenti termali della Regione Piemonte Rapporto dicembre 2010. 17 dicembre 2007 Direzione Sanità della Regione Piemonte Controlli microbiologici per parametri microbiologici indicatori eparametri specifici richiamando il decreto legislativo 4 agosto 1999,n. 339: coliformi totali, streptococchi fecali, spore di clostridi solfito- riduttori, Staphylococcus aureus, Pseudomonas aeruginosa; evoluzione importante in quanto, in aggiunta ai parametri suddetti, viene introdotta anche la ricerca di Legionella spp. PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 10. Centri termali Punti critici:• Sorgenti di approvvigionamento• Serbatoi di accumulo• Piscine termali• Grotte sudatorie• Cascate acqua termale• Fangoterapia• Docce/bagni delle cabine per fangoterapia• Apparecchiature per terapie inalatorie PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 11. Valutazione del livello di contaminazione da Legionella in alcuni stabilimenti termali della Regione Piemonte Rapporto dicembre 2010. 29% 71% PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 12. Valutazione del livello di contaminazione da Legionella in alcuni stabilimenti termali della Regione Piemonte Rapporto dicembre 2010.33% 32% 68% 67% PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 13. Valutazione del livello di contaminazione da Legionella in alcuni stabilimenti termali della Regione Piemonte Rapporto dicembre 2010. SPA (Salus per Aquam)bagni con idromassaggiodocce filiformidocce “francesi”bagno turcosaunafanghimassaggipiscine con zone con idromassaggioecc. PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 14. Impianti natatori PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 15. Valutazione del livello di contaminazione da Legionella in alcuni impianti natatori della Regione Piemonte Rapporto 2011 Risultati analitici Tipologia di punti m onitorati 43% 354 360 310 57% 260 210 160 % impianti positivi % impianti negativi 15 110 11 60 Dettaglio docce 10 24% - 40n. mandate/ricircoli n. bollitori n. docce 76% negative positive PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 16. Valutazione del livello di contaminazione da Legionella in alcuni impianti natatori della Regione Piemonte Rapporto 2011 Tipologia di positività25% 41% L.pneumophila sg1 L.pneumophila sg 2-15 5 34% 4 3 2 L. pneumophila sg 2-15 L. pneumophila sg1 L. spp 1 0 >105 104÷ 105 10 3÷ 104 10 2÷ 103 102 PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 17. Centri termali e impianti natatoriACCUMULO/DISTRIBUZIONE ACQUA FREDDAPRODUZIONE E DISTRIBUZIONE DELL’ACQUA CALDA SANITARIASISTEMA DI RAFFRESCAMENTO/RISCALDAMENTO PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 18. Contenimento del rischioOgni struttura DEVE:individuare una istituire un registro per lapersona responsabile documentazione degli interventiper lidentificazione di valutazione del rischio ee la valutazione del rischio di manutenzione, ordinari epotenziale di infezione, straordinari, sugli impianti idriciche sia esperto e che e di climatizzazione.comprenda limportanza della Tutti gli interventi devono essereprevenzione e dellapplicazione approvati e firmati daldelle misure di controllo responsabile. PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 19. Un problema complesso e non del tutto conosciuto Difficoltà analitica che spesso si concretizza con “falsi negativi” Dove prelevare Come prelevare Quando prelevare Unità idriche Quante unità idriche Routinariamente Punti periferici Quanti punti periferici In presenza di casi Punti centrali Quanti punti centrali ……….. ….. pre e/o post flushing Metodiche di analisi ……………. Quale laboratorio interpellare per analizzare..... PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 20. Azioni routinarie valutazione del rischio manutenzione degli impianti monitoraggio ambientale PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 21. Misure di controllo PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 22. Gestione dell’emergenza Azioni straordinarie Interventi in presenza di casi Interventi in presenza di legionella1) prevedere specifici interventi (fisici o chimici) da realizzare in occasione del verificarsi dell’emergenza2) prevedere l’effettuazione dei controlli finalizzati alla verificaimmediata, a breve e lungo termine delle azioni intraprese PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 23. BonificaPulizia e disinfezione secondo le indicazioni delle Linee guida Applicazione di sistemi e modalità di comprovata efficacia PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 24. buona manutenzione degli impianti idrici… Tutte le azioni da intraprendere devono essere mirate al CONTENIMENTO della proliferazione di Legionellain questa logica, oltre alla indispensabile bonifica,assume un ruolo fondamentale la manutenzionedegli impianti ottimizzata e attuata in modoresponsabile.…non esiste una strategia univoca per tutti gli impianti PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 25. buona manutenzione degli impianti idrici… Ogni struttura è chiamata a sviluppare un suo know-how per la valutazione del rischio, rischio per la progettazione, la manutenzione e progettazione l’adeguamento degli impianti. PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 26. Cluster di Legionellosi (2 o + casi nella stessa struttura in 2 anni) in struttura recettiva italianaSorveglianza europea della Legionellosi associata ai viaggi Notifica al Communicable Disease Surveillance Centre (CDSC) dell’Health Protection Agency (HPA) di Londra PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 27. The surveillance scheme EWGLINET, formally hosted on this website, has been renamed as:European Legionnaires’ Disease Surveillance Network (ELDSNet) Accommodation site list PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 28. European Legionnaires’ Disease Surveillance Network (ELDSNet)Accommodation Cas Onse Last Location Notes Name es t* Updated Garden Italy, 3 2011 2011-11-04 The Form B has been received for this Lombardi -07- accommodation site and control a, 20 measures are reported as unsatisfactory. SuzzaraRoches Fleuries France, 2 2010 2011-07-08 The Form B has been received for this Cordon, -07- accommodation site but the status of Haute 28 control measures is uncertain. Savoie Residence France, 2 2010 The Form B has been received for this 2010-11-24 Maeva La Cannes -09- accomodation site but the status of Verrerie 23 control measures is uncertain. PUNTA DEL Italy, 2 2010 The Form B has been received for this 2010-04-26 SOLE Ischia -02- accommodation site but the status of 25 control measures is uncertain. PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 29. Il portale dellepidemiologia per la sanità pubblica (ISS) a cura del Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione della Salute (9 febbraio 2012) Cluster di legionellosi in Spagna In Spagna, nella città di Calpe, nei mesi di dicembre e gennaio sono stati riportati 13 casi di legionellosi associata ai viaggi (tra cui 3 mortali). Di questi, 12 sonoindividui residenti nel Regno Unito e 1 in Spagna che hanno soggiornato presso un albergo di Calpe. La malattia ha colpito anche 3 dipendenti dell’hotel. Sono state avviate indagini ambientali e ne è stata disposta la chiusura. (15 settembre 2011) Cluster di legionellosi a Lazise (Lago di Garda), luglio- agosto 2011 Dal 18 agosto 2011 a oggi sono stati notificati al Centro 15 casi di malattia dei legionari associati al soggiorno in strutture turistico ricettive di Lazise, un piccolocomune sul lago di Garda in provincia di Verona. Le strutture associate al cluster sono cinque: 2 camping e 3 alberghi. I turisti coinvolti (7 olandesi, 4 tedeschi, 2 italiani, 1 danese e 1 austriaco) vi hanno soggiornato tra luglio e agosto 2011. La tempestiva valutazione del rischio ha permesso di attuare idonee misure di controllo e non sono stati segnalati ulteriori casi di malattia PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 30. Linee guida nazionali e internazionaliApprovazione linee guida regionali per la sorveglianza e il controllo della legionellosi Bollettino Ufficiale della Regione Emilia-Romagna - N. 147 del 22-8-2008 Raccomandazioni per la sorveglianza, la prevenzione e il controllo delle polmoniti da Legionella nelle strutture sanitarie piemontesi pubbliche e private Regione Piemonte – Italia - 2008 Legioenella and the prevention of legionellosis - World Health Organization 2007 European Gudelines for Control and Prevention of Travel Associated Legionnaires’ DiseaseEuropean Surveillance Scheme for Travel Associated Legionnaires Disease EWGLINET European Working Group for Legionella Infections - EWGLI prodotte nel giugno 2003 e revisionate nel gennaio 2005 - UK PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 31. Links utili www.legionellaonline.it Sito a cura del gruppo multicentrico di studio sulle legionellosi in Italia Responsabile scientifico:Prof. Paola Borellawww.arpamolise.it/Comunicazione/Pubblicazioni Prevenzione impiantistica della legionella Impianti idrici, di raffreddamento industriali, di condizionamento dell’aria e anti-incendio PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 32. La bonifica deve...• assicurare il raggiungimento e il mantenimento dei livelli efficaci del disinfettante in tutti i punti dell’impianto• essere in grado di distruggere il biofilm e rimuovere le incrostazioni di calcare e ossidi• essere ripetibile e per quanto possibile semplice e facilmente monitorabile• avere un impatto minimo sull’impianto e sull’ambiente• essere realizzabile in tempi compatibili con l’attività della struttura• mantenere le caratteristiche dell’acqua (ad esempio la potabilità dell’ACS)• avere un costo contenuto PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara
  • 33. “La prevenzione della legionellosi passa per una buona manutenzione degli impianti idrici” Percorso obbligato• Valutazione del rischio• Procedure di manutenzione• Piano di manutenzione• Registro della manutenzione• Trattamenti di bonifica programmati ed efficaci• Eventuale installazione di efficienti ed efficaci sistemi di mantenimento• Formazione del personale addetto PREMIA 21 MARZO 2012 ARPA Piemonte Dipartimento di Novara