Dott. Massimo Falsaci intervento convegno Premia

1,138 views

Published on

Acqua, gestione di piscine, centri benessere, strutture ricettive e ricreative - Convegno promosso del Centro Servizi Lapideo il 21 marzo alle Terme di Premia

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
1,138
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
12
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dott. Massimo Falsaci intervento convegno Premia

  1. 1. Il Piano di autocontrollo Dott. Massimo Falsaci Premia 21/03/2012
  2. 2. Punto 6.2 accordo 16.01.2003 Stato Regioni• Controlli interni vanno eseguiti secondo protocolli di gestione e di autocontrollo;• Il responsabile della piscina deve redigere un piano di autocontrollo ed i relativi protocolli per la corretta gestione sotto il profilo igienico-sanitario di tutti gli elementi funzionali del complesso.
  3. 3. Documento autocontrollo 1/2• Deve contenere: – Analisi dei potenziali pericoli igienico-sanitari per la piscina; – Individuazione dei punti o delle fasi in cui si possono verificare tali pericoli e definizione delle relative misure preventive da adottare; – Individuazione dei punti critici e definizione dei limiti critici degli stessi; – Definizione del sistema di monitoraggio; – Individuazione delle azioni correttive; – Riesame periodico.
  4. 4. Documento autocontrollo 2/2• Deve essere predisposto secondo le indicazioni delle disposizioni regionali;• Deve contenere le misure correttive da adottarsi a seguito del mancato rispetto delle condizioni prefissate per ciascun punto critico;• Va mantenuto costantemente aggiornato.
  5. 5. Esempio di redazione Piano di Autocontrollo
  6. 6. Struttura piano autocontrollo• Dati generali;• Elenco documenti;• Schema di flusso tipo utenti;• Individuazione sezioni impianto;• Valutazione rischi igienici per sezione;• Procedure;• Monitoraggio;• Protocollo delle azioni correttive.
  7. 7. Dati generali• Identificazione dell’impianto: ubicazione, proprietà e conduzione;• Figure responsabili: – Titolare dell’impianto; – Responsabile della piscina; – Assistenti bagnanti; – Adetti agli impianti: elettrico, termico, etc.
  8. 8. Elenco documenti• Regolamento comunale;• Planimetria generale della piscina;• Schema di impianto trattamento acqua;• Registro; – Controlli acqua; – Pulizie; – Manutenzione.• DVR (D. Lgs. 81/2008).
  9. 9. Schema di flusso
  10. 10. Individuazione sezioni impianto• Sezione vasche: comprende le vasche e gli spazi perimetrali;• Sezione servizi: locali destinati al personale di servizio;• Sezione impianti tecnici e depositi;• Sezione pubblico: atrio, servizi igienici;• Sezione attività accessorie: bar.
  11. 11. Valutazione rischi igienici per sezione• Analisi dei potenziali pericoli;• Individuazione dei pericoli o delle fasi in cui possono verificarsi tali pericoli;• Definizione delle relative misure preventive da adottare;• Individuazione dei punti critici e definizione dei limiti critici;• Definizione del sistema di monitoraggio;• Individuazione delle azioni correttive;• Riesame periodico.
  12. 12. Esempio: sezione vasche
  13. 13. Misure preventive PUNTI FASI MISURE PREVENTIVE(di potenziale pericolo) (di potenziale pericolo) (da adottare)Piano calpestio Contatto Sanificazione Acqua Immersione, Manutenzione inalazione, impianto, pulizia ingestione fondo vasca Microclima Respirazione Monitoraggio Manutenzione
  14. 14. Punti critici e limiti critici PUNTI CRITICI LIMITI CRITICIPiano calpestio Presenza di agenti infettivi patogeni - zone scivolose Acqua Mancato rispetto dei limiti della Tabella A, Allegato 1 Accordo 2003. Microclima Mancato rispetto del punto 1.6 dell’Allegato 1, Accordo 2003
  15. 15. Sistema di monitoraggio PUNTI CRITICI SISTEMA DI MONITORAGGIOPiano calpestio Registro delle pulizie - analisi periodiche Acqua Registro acqua di piscina - registro manutenzione - analisi periodiche Microclima Registro manutenzione - analisi periodiche
  16. 16. Individuazione azioni correttive PUNTI CRITICI SISTEMA DI MONITORAGGIOPiano calpestio Temporanea sospensione dell’attività per bonifica Acqua Temporanea sospensione dell’attività per: asportazione materiale inquinante visibile Microclima Temporanea sospensione dell’attività per accurata pulizia.
  17. 17. Procedure• Sanificazione superfici;• Manutenzione impianto di trattamento dell’acqua delle vasche;• Manutenzione dell’impianto idrico sanitario;• Manutenzione impianto trattamento e distribuzione aria.
  18. 18. Esempio di procedura
  19. 19. Sanificazione superfici• Scopo;• Campo di applicazione;• Descrizione dell’attività;• Frequenza della pulizia;• Monitoraggio;• Responsabilità;• Diffusione.
  20. 20. Monitoraggio• Istituzione dei registri: – Pulizie; – Manutenzione impianto idrico sanitario; – Manutenzione impianto trattamento aria; – Acqua di piscina: • Registro requisiti tecnico funzionali; • Registro controllo acqua in vasca; – Registro carico prodotti chimici.

×