Progetto AFRIPRO

246 views
128 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
246
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
4
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Progetto AFRIPRO

  1. 1. Miranda Andreazza - Giorgio Risso Responsabili Progetti “A.F.R.I.TO” e “A.F.R.I.PRO” Referenti Tavolo di coordinamento provinciale LA SPECIFICITÀ DELL’ATTUAZIONE DEL MODELLO NELLE PROVINCE PIEMONTESI
  2. 2. Tavolo Tecnico di coordinamento provinciale Art. 4 del “Bando Regionale” Azioni ammissibili: la Regione Piemonte costituirà un gruppo tecnico di lavoro all’interno del quale é necessaria la presenza delle Amministrazioni provinciali, dei rappresentanti dei Centri per l’impiego, in qualità di soggetti istituzionali che svolgono il ruolo di coordinamento all’interno delle reti locali dell’Agenzia Italia Lavoro S.p.a. e dell’Agenzia Piemonte Lavoro, quali supporti alla Regione e alle Province La Provincia di Torino, in particolare il Servizio Coordinamento Centri per l’Impiego, è stata incaricata dalla Regione di coordinare il Tavolo tecnico che si è incontrato periodicamente nel corso del Progetto. Funzioni: condivisione delle modalità di realizzazione delle attività progettuali rilevante il contributo delle esperienze dei diversi territori per un confronto sulle attività realizzate, al fine di condividere l'utilizzo di strumenti e di modalità. monitoraggio qualitativo e quantitativo in itinere dell’intervento fondamentale per l’efficacia del Progetto e per le eventuali azioni future, anche in considerazione del flusso delle assistenti familiari rilevato. analisi comparativa necessaria per la verifica dell’applicabilità degli standard di servizio regionali come da D.G.R. 66-3576 del 19/3/2012.
  3. 3. I Progetti delle Province Piemontesi A.F.R.I.TO e A.F.R.I.PRO – Assistenza Familiare Reti Integrate Torino e provincia Alessandria in Rete per l’Assistenza Familiare Assistenti Familiari in Rete R.O.S.A. - Rete per l’occupazione e i servizi di Assistenza Familiare (Capofila Cooperativa O.R.S.O.) Reti di cura C.U.R.A. – Collaborazione Unitaria Rete Assistenza Familiare (Capofila Cooperativa Insieme) Sportello Assistenti Familiari Partecipazione alle attività finanziate dal Fondo Politiche Migratorie
  4. 4. Interventi nelle Province Piemontesi Principali elementi comuni nella progettualità: Sportelli specialistici nei Centri per l’Impiego Rete con attori pubblici-privati del territorio Continuità con progetti precedenti (per es. PARI) Percorsi di certificazione delle competenze delle assistenti familiari Incentivi alla regolarizzazione del rapporto di lavoro
  5. 5. Rete con attori pubblici-privati del territorio La rete è composta da diversi soggetti pubblici-privati (Centri per l’Impiego, Enti Gestori dei Servizi Socio-Assistenziali, Enti di formazione, Agenzie per il Lavoro, Patronati, Cooperative e Associazioni) chiamati a partecipare a un unico progetto finalizzato ad offrire a famiglie e assistenti familiari un percorso strutturato. Rete per un efficiente incontro domanda-offerta: per l’assistente familiare (attenta presa in carico, utilizzo strumenti approfonditi per la verifica delle competenze pregresse, orientamento alla formazione e all’inserimento lavorativo) per la famiglia (rapporto di fiducia e collaborazione servizi pubblici con l’associazionismo, presenza degli operatori in tutte le sue fasi, nei colloqui, nell’assistenza amministrativa, nel tutoraggio)
  6. 6. La formazione per qualificare il settore dell’assistenza familiare La formazione per l’assistente familiare ha una duplice veste: - qualificare l’assistente verso una professione articolata e complessa - garantire un corretto approccio della mansione a tutela della salute dell’assistente e dell’assistito. per gli operatori: Necessità di approfondimento per l’individuazione dei percorsi formativiprofessionali delle assistenti familiari e degli aspetti giuridico-normativi. Nei progetti provinciali la professionalità degli operatori degli sportelli richiede conoscenze approfondite della materia per la somministrazione della Scheda SEL e per la partecipazione al percorso di certificazione delle competenze, in particolare per la compilazione della parte “analisi attitudinale/motivazionale” (di specifica valutazione dell’operatore) e per la partecipazione alla Commissione.
  7. 7. La formazione il percorso delle certificazione delle competenze Percorso di formazione e di certificazione per lo specifico settore dell’assistenza familiare, in funzione del riconoscimento del profilo professionale di “Assistente familiare”. La certificazione delle competenze come percorso di riconoscimento e valorizzazione delle esperienze formali e non formali, soprattutto per le esperienze formative-professionali maturate all’estero La certificazione delle competenze come possibilità di rimodulazione del percorso formativo e della maggior conciliazione con tempi di lavoro e necessità di reddito.
  8. 8. Interventi nelle Province Piemontesi Alcuni elementi caratteristici nella progettualità che in base alle dinamiche, alle relazioni e ai rapporti esistenti denotano le peculiarità a livello locale. La PROVINCIA DI ASTI ha potenziato la collaborazione fra i diversi Enti, in particolare con gli Enti Gestori dei Servizi Socio-Assistenziali, e ha avviato nuove collaborazioni , come ad esempio la presenza nei CPI o nelle APL di operatori di patronati. L’intervento di tutoraggio per verificare l’inserimento lavorativo rappresenta un elemento significativo per l’assistente familiare. Per la delicatezza della relazione con la famiglia può rilevare elementi di criticità La PROVINCIA DI CUNEO ha sperimentato positivamente l’attività di tutoraggio, attraverso colloqui individuali e contatti telefonici, con l’obiettivo di sostenere lavoratori e datori di lavoro nel fronteggiare le eventuali difficoltà, risolvere problemi e stimolare la capacità di adattamento al nuovo contesto. Di particolare interesse è l’attività di sportelli decentrati: IperCoop Mondovicino, esercizi commerciali e alcune farmacie di Alba, l’ASL CN1, Centro Medico di Fossano.
  9. 9. Interventi nelle Province Piemontesi La PROVINCIA DI BIELLA ha posto in essere le attività finanziate con il Fondo Politiche Migratorie cogliendo elementi di novità e utilità del percorso delle certificazione delle competenze. La PROVINCIA DI TORINO ha realizzato due progetti: TORINO: Valorizzazione di esperienze espresse dalla Città con il coinvolgimento di Associazioni e Agenzie per il lavoro legate al Terzo Settore, già operanti da tempo nel campo. Stretta collaborazione con il Comune di Torino nella parte progettuale e nella governance. L’Agenzia formativa del Comune, SFEP, ha coordinato i percorsi di certificazione delle competenze e la formazione affidata alle Agenzie Formative. Significativa la collaborazione con le Farmacie Comunali per la diffusione del progetto FUORI TORINO: determinante il ruolo dei Centri per l’Impiego e la collaborazione con Enti Gestori dei servizi Socio Assistenziali, Cooperative e Agenzie per il lavoro
  10. 10. Assistenza familiare i servizi integrati nei Centri per l’Impiego In un contesto di crisi economica Tendenza a gestire in proprio il servizio anche grazie alla rete parentale, soprattutto da parte di chi ha perso il lavoro, in particolare delle figlie adulte disoccupate Minori risorse familiari Maggiore irregolarità nella definizione del rapporto di lavoro Maggiore afflusso agli sportelli di persone italiane che hanno perso il lavoro e che non hanno esperienza significativa nel settore In un settore del mondo del lavoro caratterizzato da Informalità di accesso al lavoro di cura (basato sul passa-parola) Necessità di un rapporto fiduciario forte a cui affidare un familiare
  11. 11. Assistenza familiare i servizi integrati nei Centri per l’Impiego I Progetti provinciali si sono posti l’obiettivo contribuire a superare le resistenze verso il servizio pubblico quale soluzione per l’incontro domanda-offerta La creazione di sportelli specialistici integrati all’interno dei Centri per l’Impiego, realizzati con la collaborazione con Enti Gestori dei Servizi Socio Assistenziali, Cooperative e Agenzie per il Lavoro, possono rappresentare una risposta alle esigenze di assistenti familiari e famiglie. A tal fine le azioni devono mirare a: un cambiamento culturale una maggiore conoscenza dei servizi offerti operatori qualificati assistenti familiari qualificati strumenti adeguati gestione delle urgenze delle famiglie percorsi personalizzati

×