Your SlideShare is downloading. ×
Avviso pubblico selezione_lavoratori_lavoratrici
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Introducing the official SlideShare app

Stunning, full-screen experience for iPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Avviso pubblico selezione_lavoratori_lavoratrici

119
views

Published on


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
119
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. 11ALLEGATO CProgramma Sperimentale di interventi straordinari a sostegno di imprese e lavoratori deisettori tessile, dell’ITC applicato e delle lavorazioni meccanichePROVINCIA DI TORINOArea Lavoro e Solidarietà socialeAVVISO PUBBLICO PER LA SELEZIONE DILAVORATORI/LAVORATRICIInerente le attività riferite ai“Servizi di ricollocazione rivolti a lavoratori/trici colpiti/e dallacrisi”AZIONE 1.aANNO 2013-2014In attuazione della D.G.R. n. 20-3100 del 12 dicembre 2011
  • 2. 22La Provincia di Torino, nell’ambito del Programma sperimentale di interventi straordinari asostegno di lavoratori e imprese dei settori tessile, dell’ICT applicato e delle lavorazionimeccaniche, in esecuzione della Convenzione tra il Ministero del Lavoro e delle PoliticheSociali e la Regione Piemonte, sottoscritta il 31 gennaio 2011 ai sensi dell’art. 78, comma2, lett. d) della Legge 388/2000, indìce una selezione per n. 1805 lavoratori/lavoratrici dainserire in percorsi di ricollocazione previsti dalla Azione 1.a. del Programma.DESTINATARIPossono presentare domanda i/le lavoratori/trici disoccupati/te e residenti e/o domiciliati/ein Piemonte espulsi dai settori Tessile, ICT applicato e lavorazioni meccaniche nel periodo01 gennaio 2011 – 31 dicembre 2012.Sono ritenute valide per l’ammissione al progetto le seguenti cause di cessazione deicontratti:• Cessazione attività• Dimissioni giusta causa• Fine rapporto a termine• Licenziamento collettivo• Licenziamento per giustificato motivo oggettivo• Modifica del termine inizialmente fissato• Risoluzione consensuale.Non possono essere ammessi ai percorsi dell’Azione 1.a lavoratori che partecipano adaltre misure di politica attiva e, pertanto, risultano abbinabili ad un PAI aperto.Per lavoratori in mobilità avviati a progetti LSU l’inserimento nell’Azione 1.a, in analogiacon i percorsi della formazione professionale, costituisce motivazione valida per la rinunciaa partecipare ai progetti stessi.
  • 3. 33CARATTERISTICHE DEI SERVIZII percorsi di ricollocazione, della durata di 9 mesi, prevedono i seguenti servizi e attività:SERVIZI ATTIVITA’SOGGETTOATTUATOREDurataservizioTEMPISTICAA.2Accoglienza- Registrazione dati del lavoratore asistema- Validazione requisiti del lavoratoreper indennità e assegnazione buonoservizi- Stipula Patto di Servizio1- Consegna elenco SoggettiAttuatori attivi sul progettoCentri perl’Impiego dal 31°giornodalla data dipubblicazionedell’AvvisoA.3Orientamento- Colloquio di Orientamento- Apertura PAI * (Piano d’Azioneindividuale)2Max 1oraA.4Consulenzaorientativa- Supporto alla redazione del cv e ainterventi d’inserimento lavorativocoerenti con i bisogni individuati.- Sperimentazione Dossier delleevidenze (Analisi di capacità easpirazioni professionali,potenzialità e attitudini dellavoratore, individuazione dellecompetenze)SoggettiattuatoriaccreditatiMax 9oreApertura PAI *entro 10 giornilavorativi (2settimane) dallafirma del PDS.Fine servizi entroi primi 3 mesidall’apertura delPAI. *1Il Patto di Servizio è un rapporto che si instaura tra il Centro per l’Impiego e i lavoratori e rappresenta un vero e proprio accordo tra le parti. Taleaccordo definisce le condizioni generali dell’erogazione dei servizi svolti dal Centro, le modalità attraverso le quali gli utenti possono usufruirne egli impegni di reciproca responsabilità.2Il Piano di Azione Individuale contiene la pianificazione operativa dei servizi con l’indicazione e durata delle singole attività.Il PAI è sottoscritto dal lavoratore/lavoratrice e dal soggetto attuatore dei percorsi di ricollocazione.
  • 4. 44A.5Accompagnamento allavoro- Redazione di lettere diaccompagnamento al cv;- Preparazione a colloqui di lavoro- Attività di ricerca attiva diopportunità formative e diinserimento lavorativo- Supporto all’autopromozione- Assistenza all’adeguamento delprogetto formativo e/o diadeguamento delle competenze dipartenza- Promozione di convenzioni perl’avvio di tirocini e stage- Tutoraggio nei percorsi di tirocinio edi stage- Consulenza per la creazione diimpresa e rimando a servizicompetentiA.6 IncontroD/O- Scouting e promozione dell’utentenei confronti delle imprese- Individuazione opportunità lavorative- Accompagnamento a pre-selezionee selezioneSoggettiattuatoriaccreditatiMax 20orefine servizi entro9 mesi daapertura PAI *- Interventi formativi e propedeuticiall’inserimento lavorativo;- avviamenti al lavoro funzionali allastabilizzazioneSoggettiattuatoriaccreditatiVariabilesullabase deltipo diinterventoNel corso dei 9mesi da aperturaPAI ** Data apertura PAI - intesa come data di registrazione su SILP del primo servizio erogabile tra quelli previstenelle Attività ammissibili, che costituiscono il Buono Servizi (rinvio).E’ prevista un’indennità di partecipazione una tantum pari a € 1.000,00 per ciascun/alavoratore/lavoratrice, erogata al lordo degli oneri fiscali.L’indennità di partecipazione non è cumulabile con altre forme di ammortizzatore sociale osostegno al reddito e viene riconosciuta solo a partire da 3° mese di progetto al lavoratore chepartecipa alle attività concordate con il soggetto attuatore e formalizzate nel Piano di AzioneIndividuale.
  • 5. 55MODALITA’ DI ACCESSO AI SERVIZII/le lavoratori/lavoratrici aventi le caratteristiche sopra indicate, potranno accedere aIservizi con le modalità di seguito riportate:La domanda di partecipazione alla presente Azione denominata “Programma RiAttivo”deve essere presentata al CpI competente territorialmente.Qualora le domande pervenute dovessero essere in numero superiore al massimo deilavoratori/lavoratrici trattabili per provincia, la graduatoria che la Provincia dovrà stilaredei/lle Lavoratori/trici disoccupati/e destinatari dell’Azione di cui alla presente, in quantodomiciliati nella provincia di Torino, terrà conto di quanto segue:a. reddito ISEE – valore base - ultimo disponibile (anno fiscale secondo le regole dellachiamata pubblica ai sensi dell’art. 16 legge 56/87);b. durata dello stato di disoccupazione.A parità di condizione è data priorità ai soggetti disoccupati da più tempo. In caso diulteriore parità è data la precedenza al disoccupato anagraficamente più giovane.La verifica di ammissibilità alla Azione per ogni destinatario viene completata dal CPIcompetente prima della stipula del Patto di servizio con la persona, in seguito ad istruttoriasui requisiti e all’incontro di accoglienza.In esito alle attività di preselezione svolte dai CPI ai partecipanti, i CPI faciliteranno isoggetti nella scelta del soggetto attuatore sulla base del criterio della congruità tra lecaratteristiche individuali possedute dal soggetto, le caratteristiche della posizionelavorativa nonché delle specificità dell’ente attuatore, assicurando all’utente l’assolutalibertà nella scelta del soggetto attuatore.Pertanto i/le lavoratori/lavoratrici in graduatoria sono convocati dal CpI competente cheprovvede alla verifica di ammissibilità alla Azione prima della stipula del Patto di serviziocon la persona, in seguito ad istruttoria sui requisiti e all’incontro di accoglienza; e inparticolare provvede:verifica del diritto all’indennità di partecipazioneregistrazione dei dati del lavoratore/lavoratrice a sistema,accoglienzastipula il Patto di serviziopreselezioneconsegna dell’elenco delle Soggetti Attuatori ammessi per i servizi al lavorodell’Azione 1.a del Programma alle quali potersi rivolgere per avviare il percorso diricollocazione;- il lavoratore/lavoratrice entro 10 giorni lavorativi dalla firma del Patto di servizio con ilCpI, è tenuto a presentarsi da uno dei Soggetti Attuatori ammessi per i servizi al lavoro
  • 6. 66della presente Azione, inserito nell’elenco che provvederà ad erogare entro i 3 mesisuccessivi:massimo 1 ora di colloquio di orientamento nel corso del quale verrà definitoe attivato un Piano di Azione Individuale (PAI),massimo 9 ore di consulenza orientativa che prevedono una o più delleattività riportate nella Tabella sopra indicata;- il Soggetto Attuatore prescelto, entro i 9 mesi successivi alla data di apertura dei PAIprovvederà ad erogare servizi di accompagnamento al lavoro e di incontro domanda-offerta per un numero massimo di ore pari a 20;- a seguito della firma del PAI, il Soggetto Attuatore prescelto potrà proporre al/allelavoratore/lavoratrici eventualmente anche :interventi formativi e propedeutici all’inserimento lavorativo,E/Oavviamenti al lavoro funzionali alla stabilizzazione.INFORMAZIONIPer ulteriori informazioni è possibile contattare presso il Servizio Coordinamento Centri perl’Impiego Donatella Gallace – donatella.gallace@provincia.torino.itOppure consultare l’apposita sezione del sito della Provincia di Torino al seguenteindirizzo: http://www.provincia.torino.gov.it/sportello-lavoro/TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALIGli operatori accreditati che erogano servizi dell’Azione 1.a trattano i dati personali fornitidai partecipanti esclusivamente per le finalità del progetto, secondo correttezza, nelrispetto del Decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196 “Codice in materia di protezione deidati personali”, anche con l’ausilio di mezzi elettronici e comunque automatizzati.Il consenso al trattamento dei dati è presupposto indispensabile per la partecipazione alprogetto e per tutte le conseguenti attività.Il titolare del trattamento dei dati è la Provincia di Torino.Il responsabile del trattamento dei dati per la Provincia di Torino è lla D.ssa Cristina Romagnolli – Dirigente Servizio Coordinamento Centri per lImpiego.Ciascun soggetto attuatore, per quanto di sua competenza, indica in fase di candidatura ilnominativo del proprio responsabile del trattamento dei dati.