Your SlideShare is downloading. ×
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Comunicazione & ufficio stampa
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Comunicazione & ufficio stampa

236

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
236
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
19
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Attività, strumenti, tecniche ed esempi di Marzia PigaCagliari, 7 marzo 2013
  • 2.  E’ la cerniera tra chi fornisce lanotizia e chi la diffondeCerca, crea, organizza notizie per poiveicolarle allesterno E’ una fonte di parte che deve saperdiventare fonte autorevole e attendibile
  • 3. L’ufficio stampa propone un’attivitàdi comunicazione sulla base di un input che arriva dal vertice dell’azienda, organizzazione o ente ESEMPI ESEMPI Presentazione del rapporto Caritas sugli immigrati Presentazione del rapporto Caritas sugli immigratiApertura di un nuovo reparto all’ospedale oncologico Apertura di un nuovo reparto all’ospedale oncologico Presentazione di un festival musicale in città Presentazione di un festival musicale in città
  • 4. L’esigenza di comunicare viene subita. L’ufficio stampa entra in gioco per rispondere, rettificare, difendereo puntualizzare la posizione aziendale ESEMPI ESEMPILa Saras replica alle accuse di scarsa sicurezza degli La Saras replica alle accuse di scarsa sicurezza degli impianti all’indomani di un incidente impianti all’indomani di un incidenteIl sindaco risponde all’attacco della minoranza sulla Il sindaco risponde all’attacco della minoranza sulla decisione di istituire il registro delle unioni civili decisione di istituire il registro delle unioni civili
  • 5.  Preparazione ed elaborazione del piano generale di comunicazione Aggiornamento media list, cura dellarassegna stampa, gestione archivi e web
  • 6. Questa scelta è fondamentale ed è prerogativa solodellufficio stampa, uniniziativa mal comunicata è destinata allinsuccessoValutare quali strumenti utilizzare per diffondere la notizia: CONFERENZA STAMPA COMUNICATO STAMPA INTERVISTA
  • 7.  MEDIA LIST COMUNICATO STAMPA CONFERENZA STAMPA  INTERVISTA  RASSEGNA STAMPA
  • 8. Lamedia list è la lista dei contatti a cui inviare i comunicati stampa e tutto il materiale prodotto dall’ufficio stampa Per qualsiasi addetto stampa la media list costituisceuno strumento di lavoro indispensabile e fondamentaleLa preparazione di una mailing list completa, aggiornata e attendibile è sicuramente uno dei passi iniziali e fondamentali dell’attività di un addetto stampa L’aggiornamento e la gestione quotidiana della media list è una delle attività principali dell’ufficio
  • 9. LA MEDIA LIST DEVE CONTENERE: Nomi dei giornalisti Testate di appartenenza Numeri di telefono (cellulare, fissi e fax) Indirizzi di posta elettronica
  • 10. La media list è organizzata per: Agenzie di stampa Quotidiani Settimanali/Mensili Tv/Radio WebE può essere divisa in: Media locali (cittadini, provinciali, regionali) Media nazionali Media internazionali
  • 11. E levento per eccellenza dellufficio stampaPerché sceglierla:  Si deve comunicare una notizia davvero rilevante  Necessità di visualizzare contenuti (multimediali, nuovi prodotti, ritrovati scientifici ecc.)  Partecipazione di ospiti autorevoli e importantiNO ALL’ABUSO, II GIORNALISTI NON LA AMANONO ALL’ABUSO, GIORNALISTI NON LA AMANO
  • 12. Perché sceglierla:  Autorevolezza e importanza dell’intervistato  Necessità di esposizione diretta dell’intervistato (replica e risposta)  Ampia visibilità e carattere esclusivo  Target mirato (si sceglie una testata specifica)
  • 13. (Essere brevi e sintetici)
  • 14. COME INDIVIDUARE LA NOTIZIA: LE REGOLE DI LASSWELL
  • 15. IN ALTRE PAROLE:  Analisi del mittente  Analisi del contenuto  Analisi del destinatario  Analisi dei mezzi  Analisi dell’impatto DUNQUE: Mettere a fuoco su chi legge (interlocutori finali e i loro intermediari giornalisti) Togliersi momentaneamente la divisa dell’azienda e indossare i panni del giornalista
  • 16. LE CARATTERISTICHE
  • 17. LA STRUTTURA
  • 18. TITOLO ENUNCIATIVO TITOLO CREATIVOCONTI PUBBLICI MESSICODEBITO RECORD E NUVOLE A GENNAIO CLIMA. RIVOLUZIONE LEGAMBIENTE: GREEN SCONTI FISCALI A CHI RISPARMIA ENERGIA ECOBALLE
  • 19. LA PIRAMIDE ROVESCIATA
  • 20. QUALCHE CONSIGLIO QUALCHE CONSIGLIO Scrivere come se fosse un  Al bando il gerundio, articolo di giornale, i soprattutto in attacco giornalisti vi ringrazieranno  Evitare i lunghi incisi per non dover metterci mano.  Evitare le relative “a grappolo” (preferibile Spazio anche alla creatività separare le frasi) (distinguere il target)  Sì ai “virgolettati” (le Mai usare la prima persona dichiarazioni), ma le (“siamo lieti di dichiarazioni devono essere annunciare”) di persone autorevoli (il No superlativi e frasi presidente dell’ente, autocelebrative (non è l’autore di un progetto, pubblicità) l’organizzatore di un Aggettivi con parsimonia evento) (innovativo, spettacolare,  Evitare linguaggio gergale e avanzato ecc.) tecnicismi
  • 21. CORRETTOIn Italia una donna su dieci soffre di disturbi post partum e l80%di baby blues: Save the Children grazie al sostegno di GallerieCommerciali Italia - con le sue 46 Gallerie Auchan - promuove ilprogetto “Fiocchi in Ospedale” attivo a Milano e a Bari persupportare le neo mamme e i neo papà.Obiettivo: sostenere almeno 1.500 nuclei familiari, prendere incarico 800 mamme e formare 200 tra operatori sociali e pediatridi base nelle due città.“Bambini si nasce, genitori si diventa”, questo è lo slogan delnuovo progetto, una vera e propria rete di sostegno e disolidarietà per neo mamme e neo papà nei primi mesi di vita delproprio bambino, realizzato grazie al sostegno di GallerieCommerciali Italia con le sue 46 Gallerie Auchan dislocate in tuttaItalia
  • 22. ERRATOSave the Children e Gallerie Commerciali Italia hannopresentato nei giorni scorsi un progetto intitolato "Fiocchi inOspedale", messo in campo a Milano e Bari che prevede unarete di sostegno e solidarietà per i neo-genitori, soprattuttoin condizioni di particolare vulnerabilità sociale epsicologica. Il progetto servirà a creare intorno alle nuovemamme e ai nuovi papà un ambiente sereno e forte grazieal supporto di operatori sociali e pediatri. Lo slogan delprogetto, realizzato grazie al sostegno di GallerieCommerciali Italia con le sue 46 Gallerie Auchan dislocate intutta Italia, è “Bambini si nasce, genitori si diventa” e sipropone di sostenere almeno 1.500 nuclei familiari,prendere in carico 800 mamme e formare 200 tra operatorisociali e pediatri di base nelle due città
  • 23. INVIO E-MAIL FATTORE TEMPO RECALL PUBBLICAZIONE ONLINE
  • 24. INVIO E-MAIL INVIO E-MAIL Mettere direttamente il comunicatonel testo della mail (il giornalista non è costretto ad aprire l’allegato)Adottare una soluzione grafica lineare e pulita (non tutti leggono in Html)Allegare il comunicato anche in word
  • 25. INVIO E-MAIL/2 INVIO E-MAIL/2 Vietato l’invio di posta pesante (max 500 kb)  Tutti gli indirizzi nascosti in “CCN”  Inviare da un account istituzionale (sempre lo stesso) Copiare il titolo del comunicato nello spazio “oggetto” Per le foto utilizzare programmi di compressione e/o inviare link (dropbox, wetransfer)
  • 26. FATTORE TEMPO FATTORE TEMPO  Inviare il comunicato in linea di massimasempre la mattina (soprattutto per le agenzie) Mai dopo le 18:00 (l’attività in redazione è frenetica e le pagine già definite) EMBARGO: la richiesta di non diffondere opubblicare una notizia prima di una certa ora e data
  • 27. IL RECALL (APPOGGIO) IL RECALL (APPOGGIO) E’ la telefonata di accompagnamento fatta algiornalista per avvisarlo dell’invio di uncomunicato (messa in allerta) o accertarsi chelo abbia ricevuto e possibilmente visto(verifica dell’interesse suscitato). Evitare gliorari della riunione di redazione (12:00/13:00) PER IL GIORNALISTA E’ UNA SECCATURA… PER IL GIORNALISTA E’ UNA SECCATURA… EVITARE LO “STALKING”! EVITARE LO “STALKING”!
  • 28. PUBBLICAZIONE PUBBLICAZIONE ONLINE ONLINE In appositi portali (www.comunicatistampa.net)  Sul proprio sito aziendale Sulle pagine dei social network
  • 29. E’ lo strumento che permette diverificare l’attività dell’ufficio stampa eraccoglie le notizie pubblicate nel tempo sull’azienda, ente o organizzazione per cui lavoriamo. Può essere in formato cartaceo odigitale. Divisa per quotidiani, periodici, agenzie, siti web

×