Social mobile: sì ma andiamo oltre...             Giuliano Noci, MIP Politecnico di Milano                       www.mip.p...
Partiamo dal Super Bowl...      (6 febbraio 2011)
Partiamo dal Super Bowl...      (6 febbraio 2011)
Qualcosa finalmente cambia...
Qualcosa finalmente cambia...1. Ci rendiamo conto:   ✦   di quanto frammentata è l’attenzione,   ✦   della crescente rileva...
Qualcosa finalmente cambia...1. Ci rendiamo conto:   ✦   di quanto frammentata è l’attenzione,   ✦   della crescente rileva...
Ma abbiamo capito ancora poco...
Ma abbiamo capito ancora poco...✦   Continuiamo a dichiarare:
Ma abbiamo capito ancora poco...✦   Continuiamo a dichiarare:     ✦   2010: l’anno del social;
Ma abbiamo capito ancora poco...✦   Continuiamo a dichiarare:     ✦   2010: l’anno del social;     ✦   2011: l’anno del mo...
Ma abbiamo capito ancora poco...✦   Continuiamo a dichiarare:     ✦   2010: l’anno del social;     ✦   2011: l’anno del mo...
Ma abbiamo capito ancora poco...✦   Continuiamo a dichiarare:     ✦   2010: l’anno del social;     ✦   2011: l’anno del mo...
Ma abbiamo capito ancora poco...✦   Continuiamo a dichiarare:     ✦   2010: l’anno del social;     ✦   2011: l’anno del mo...
Una possibile risposta...
Una possibile risposta...Social + Mobile = Social mobile
Una possibile risposta...Social + Mobile = Social mobile
In realtà...
In realtà...✦   Humans are the killer app
In realtà...✦   Humans are the killer app✦   I social network sono la risposta nuova a un    meccanismo sociale vecchio qu...
In realtà...✦   Humans are the killer app✦   I social network sono la risposta nuova a un    meccanismo sociale vecchio qu...
In realtà...✦   Humans are the killer app✦   I social network sono la risposta nuova a un    meccanismo sociale vecchio qu...
Facciamo il punto...
C’era una volta...un mondo semplice
C’era una volta...un mondo semplice                   Obiettivi                   ✦   Costruzione di                      ...
Ora è tutto più difficile...È difficile catturare l’attenzioneGli influenzatori sono tanti!
L’uomo è al centro,ma bisogna capirlo...
L’uomo è al centro,           ma bisogna capirlo...✦   Nella realtà offline l’individuo non interagisce    come nei social ...
L’uomo è al centro,ma bisogna capirlo...Online          Offline
L’uomo è al centro,           ma bisogna capirlo...✦   Di solito i “contatti veri” sono un sottoinsieme    degli “Amici” s...
L’uomo è al centro,ma bisogna capirlo...
L’uomo è al centro,            ma bisogna capirlo...✦   A seconda del tema, ci fidiamo di alcuni    soggetti e meno di altri
L’uomo è al centro,ma bisogna capirlo...
...l’uomo è al centro, ma bisogna capirlo
E la tecnologia evolve...
E la tecnologia evolve...✦   La convergenza è realtà
E la tecnologia evolve...✦   La convergenza è realtà✦   Ogni device ha più funzioni d’uso
E la tecnologia evolve...✦   La convergenza è realtà✦   Ogni device ha più funzioni d’uso✦   Il mobile abilita l’interazio...
Teniamone conto...e pensiamo      in modo nuovo
La comunicazione...
La comunicazione...Esiste un grande meta-medium
La comunicazione...Esiste un grande meta-medium
La comunicazione...Esiste un grande meta-mediumMa sono importanti anche i mezzi tradizionali
La comunicazione...Esiste un grande meta-mediumMa sono importanti anche i mezzi tradizionali
Il processo di acquisto
Il processo di acquistoNon esiste più il marketing funnel
Il processo di acquistoNon esiste più il marketing funnelL’individuo si confronta spesso con altri
Il processo di acquistoNon esiste più il marketing funnelL’individuo si confronta spesso con altriLe decisioni vengono spe...
Il processo di acquistoNon esiste più il marketing funnelL’individuo si confronta spesso con altriLe decisioni vengono spe...
La funzione obiettivo
La funzione obiettivoProgettare un ambiente di interazione in grado di:
La funzione obiettivoProgettare un ambiente di interazione in grado di:    costruire credibilità per il marchio/prodotto,
La funzione obiettivoProgettare un ambiente di interazione in grado di:    costruire credibilità per il marchio/prodotto, ...
La funzione obiettivoProgettare un ambiente di interazione in grado di:    costruire credibilità per il marchio/prodotto, ...
La funzione obiettivoProgettare un ambiente di interazione in grado di:    costruire credibilità per il marchio/prodotto, ...
La funzione obiettivo
Gli strumenti del cambiamento
1) Costruire credibilità...
1) Costruire credibilità...Attraverso l’advertising nello spazio diinterazione (prospettiva multicanale)
1) Costruire credibilità...Progettando interazioni che facciano leva sui“temporary ties”
1) Costruire credibilità...
1) Costruire credibilità...
1) Costruire credibilità...Creando un dialogo che valorizzi la dimensione“weak ties”
1) Costruire credibilità...
1) Costruire credibilità...1.Il nostro brand deve entrarenell’awareness set2.Occorre tendere alla creazione di“strong ties”
2) Costruire la rilevanza...
2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.
...costruire la rilevanza
...costruire la rilevanza
2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.
2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.Progettando inf...
2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.Progettando inf...
2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.Progettando inf...
2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.Progettando inf...
3) Favorire le interazioni tra pari
3) Favorire le interazioni tra pari   Creazione di apps sociali nei differenti contesti
3) Favorire le interazioni tra pari   Creazione di apps sociali nei differenti contesti   Occorre però andare oltre i SN a...
3) Favorire le interazioni tra pari   Creazione di apps sociali nei differenti contesti   Occorre però andare oltre i SN a...
In sintesi...
Le conseguenze
Le conseguenzeAndare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanzae qualità dell’attenzione sono centrali
Le conseguenzeAndare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanzae qualità dell’attenzione sono centraliLa prospettiva de...
Le conseguenzeAndare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanzae qualità dell’attenzione sono centraliLa prospettiva de...
Le conseguenzeAndare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanzae qualità dell’attenzione sono centraliLa prospettiva de...
Le conseguenze Andare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanza e qualità dell’attenzione sono centrali La prospettiva...
Le conseguenze Andare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanza e qualità dell’attenzione sono centrali La prospettiva...
Social mobile: sì ma andiamo oltre...             Giuliano Noci, MIP Politecnico di Milano                       www.mip.p...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Giuliano Noci - Social Mobile - Forum Comunicazione Digitale 2011

1,984 views
1,966 views

Published on

Keynote di Giuliano Noci al Forum della Comunicazione Digitale 2011 sul tema "Social Mobile: sì ma andiamo oltre..."

Published in: Business
4 Comments
7 Likes
Statistics
Notes
No Downloads
Views
Total views
1,984
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
153
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
4
Likes
7
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • e li vediamo come obiettivi fini a se stessi....\n
  • e li vediamo come obiettivi fini a se stessi....\n
  • e li vediamo come obiettivi fini a se stessi....\n
  • e li vediamo come obiettivi fini a se stessi....\n
  • e li vediamo come obiettivi fini a se stessi....\n
  • e li vediamo come obiettivi fini a se stessi....\n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • Sviluppa differenti tipologie di legami\n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • Questo retail space è fatto di contesti e non di audience o fascie orarie: la possibilità di ingaggiare al momento giusto un individuo innesca processi di attenzione che possono indurre individuo all’azione (ingaggio con il brand, acquisto, condivisione con altri). \n\n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • (3) Per favorire processi di scambio tra individui, devo studiare ambienti social – nei differenti contesti - ma un pò diversi da quelli attuali\nAmici non sono tutti uguali (ho diversi gruppi di riferimento – legati al tema/situazione) e anche all’interno delle stesso gruppo non tutti gli amici hanno la stessa forza (devo avere la possibilità di raggiungere chi veramente mi interessa – condivide interesse ed è credibile) – social filtering\n\nPasso 2 e 3 sono ulteriori meccanismi attraverso i quali conquisto credibilità\n\n
  • (3) Per favorire processi di scambio tra individui, devo studiare ambienti social – nei differenti contesti - ma un pò diversi da quelli attuali\nAmici non sono tutti uguali (ho diversi gruppi di riferimento – legati al tema/situazione) e anche all’interno delle stesso gruppo non tutti gli amici hanno la stessa forza (devo avere la possibilità di raggiungere chi veramente mi interessa – condivide interesse ed è credibile) – social filtering\n\nPasso 2 e 3 sono ulteriori meccanismi attraverso i quali conquisto credibilità\n\n
  • (3) Per favorire processi di scambio tra individui, devo studiare ambienti social – nei differenti contesti - ma un pò diversi da quelli attuali\nAmici non sono tutti uguali (ho diversi gruppi di riferimento – legati al tema/situazione) e anche all’interno delle stesso gruppo non tutti gli amici hanno la stessa forza (devo avere la possibilità di raggiungere chi veramente mi interessa – condivide interesse ed è credibile) – social filtering\n\nPasso 2 e 3 sono ulteriori meccanismi attraverso i quali conquisto credibilità\n\n
  • (3) Per favorire processi di scambio tra individui, devo studiare ambienti social – nei differenti contesti - ma un pò diversi da quelli attuali\nAmici non sono tutti uguali (ho diversi gruppi di riferimento – legati al tema/situazione) e anche all’interno delle stesso gruppo non tutti gli amici hanno la stessa forza (devo avere la possibilità di raggiungere chi veramente mi interessa – condivide interesse ed è credibile) – social filtering\n\nPasso 2 e 3 sono ulteriori meccanismi attraverso i quali conquisto credibilità\n\n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • \n
  • Giuliano Noci - Social Mobile - Forum Comunicazione Digitale 2011

    1. 1. Social mobile: sì ma andiamo oltre... Giuliano Noci, MIP Politecnico di Milano www.mip.polimi.it t i!Facebook: facebook.com/giuliano.noci d aTwitter: twitter.com/giuliano_nociLinkedIn: linkedin.com/in/gnoci N oBlog: www.marketingreloaded.com
    2. 2. Partiamo dal Super Bowl... (6 febbraio 2011)
    3. 3. Partiamo dal Super Bowl... (6 febbraio 2011)
    4. 4. Qualcosa finalmente cambia...
    5. 5. Qualcosa finalmente cambia...1. Ci rendiamo conto: ✦ di quanto frammentata è l’attenzione, ✦ della crescente rilevanza dei meccanismi di fruizione multicanale.
    6. 6. Qualcosa finalmente cambia...1. Ci rendiamo conto: ✦ di quanto frammentata è l’attenzione, ✦ della crescente rilevanza dei meccanismi di fruizione multicanale.2. Ci poniamo l’obiettivo di costruire relazioni durature con il brand e abilitare relazioni tra i pari...
    7. 7. Ma abbiamo capito ancora poco...
    8. 8. Ma abbiamo capito ancora poco...✦ Continuiamo a dichiarare:
    9. 9. Ma abbiamo capito ancora poco...✦ Continuiamo a dichiarare: ✦ 2010: l’anno del social;
    10. 10. Ma abbiamo capito ancora poco...✦ Continuiamo a dichiarare: ✦ 2010: l’anno del social; ✦ 2011: l’anno del mobile.
    11. 11. Ma abbiamo capito ancora poco...✦ Continuiamo a dichiarare: ✦ 2010: l’anno del social; ✦ 2011: l’anno del mobile.✦ E ci portiamo dietro ancora la logica dell’audience:
    12. 12. Ma abbiamo capito ancora poco...✦ Continuiamo a dichiarare: ✦ 2010: l’anno del social; ✦ 2011: l’anno del mobile.✦ E ci portiamo dietro ancora la logica dell’audience: ✦ Social: quanti fan hai?
    13. 13. Ma abbiamo capito ancora poco...✦ Continuiamo a dichiarare: ✦ 2010: l’anno del social; ✦ 2011: l’anno del mobile.✦ E ci portiamo dietro ancora la logica dell’audience: ✦ Social: quanti fan hai? ✦ Mobile: gli ads su smartphone sono sempre più efficaci
    14. 14. Una possibile risposta...
    15. 15. Una possibile risposta...Social + Mobile = Social mobile
    16. 16. Una possibile risposta...Social + Mobile = Social mobile
    17. 17. In realtà...
    18. 18. In realtà...✦ Humans are the killer app
    19. 19. In realtà...✦ Humans are the killer app✦ I social network sono la risposta nuova a un meccanismo sociale vecchio quanto il mondo
    20. 20. In realtà...✦ Humans are the killer app✦ I social network sono la risposta nuova a un meccanismo sociale vecchio quanto il mondo
    21. 21. In realtà...✦ Humans are the killer app✦ I social network sono la risposta nuova a un meccanismo sociale vecchio quanto il mondo✦ Il canale mobile è la massima espressione dell’integrazione con gli altri e il resto del mondo
    22. 22. Facciamo il punto...
    23. 23. C’era una volta...un mondo semplice
    24. 24. C’era una volta...un mondo semplice Obiettivi ✦ Costruzione di credibilità ✦ Catturare l’attenzione ✦ Lead to buy Strumento ✦ Advertising
    25. 25. Ora è tutto più difficile...È difficile catturare l’attenzioneGli influenzatori sono tanti!
    26. 26. L’uomo è al centro,ma bisogna capirlo...
    27. 27. L’uomo è al centro, ma bisogna capirlo...✦ Nella realtà offline l’individuo non interagisce come nei social network
    28. 28. L’uomo è al centro,ma bisogna capirlo...Online Offline
    29. 29. L’uomo è al centro, ma bisogna capirlo...✦ Di solito i “contatti veri” sono un sottoinsieme degli “Amici” sui social network
    30. 30. L’uomo è al centro,ma bisogna capirlo...
    31. 31. L’uomo è al centro, ma bisogna capirlo...✦ A seconda del tema, ci fidiamo di alcuni soggetti e meno di altri
    32. 32. L’uomo è al centro,ma bisogna capirlo...
    33. 33. ...l’uomo è al centro, ma bisogna capirlo
    34. 34. E la tecnologia evolve...
    35. 35. E la tecnologia evolve...✦ La convergenza è realtà
    36. 36. E la tecnologia evolve...✦ La convergenza è realtà✦ Ogni device ha più funzioni d’uso
    37. 37. E la tecnologia evolve...✦ La convergenza è realtà✦ Ogni device ha più funzioni d’uso✦ Il mobile abilita l’interazione sociale sempre e ovunque
    38. 38. Teniamone conto...e pensiamo in modo nuovo
    39. 39. La comunicazione...
    40. 40. La comunicazione...Esiste un grande meta-medium
    41. 41. La comunicazione...Esiste un grande meta-medium
    42. 42. La comunicazione...Esiste un grande meta-mediumMa sono importanti anche i mezzi tradizionali
    43. 43. La comunicazione...Esiste un grande meta-mediumMa sono importanti anche i mezzi tradizionali
    44. 44. Il processo di acquisto
    45. 45. Il processo di acquistoNon esiste più il marketing funnel
    46. 46. Il processo di acquistoNon esiste più il marketing funnelL’individuo si confronta spesso con altri
    47. 47. Il processo di acquistoNon esiste più il marketing funnelL’individuo si confronta spesso con altriLe decisioni vengono spesso prese al momentodell’acquisto (offline e online)
    48. 48. Il processo di acquistoNon esiste più il marketing funnelL’individuo si confronta spesso con altriLe decisioni vengono spesso prese al momentodell’acquisto (offline e online)Conta ancora molto l’”awareness set”
    49. 49. La funzione obiettivo
    50. 50. La funzione obiettivoProgettare un ambiente di interazione in grado di:
    51. 51. La funzione obiettivoProgettare un ambiente di interazione in grado di: costruire credibilità per il marchio/prodotto,
    52. 52. La funzione obiettivoProgettare un ambiente di interazione in grado di: costruire credibilità per il marchio/prodotto, veicolare informazioni e servizi rilevanti (carpe diem),
    53. 53. La funzione obiettivoProgettare un ambiente di interazione in grado di: costruire credibilità per il marchio/prodotto, veicolare informazioni e servizi rilevanti (carpe diem), abilitare interazioni utili.
    54. 54. La funzione obiettivoProgettare un ambiente di interazione in grado di: costruire credibilità per il marchio/prodotto, veicolare informazioni e servizi rilevanti (carpe diem), abilitare interazioni utili. Non esiste più il concetto di processo di acquisto sequenziale Nasce la prospettiva dello spazio di interazione multicanale
    55. 55. La funzione obiettivo
    56. 56. Gli strumenti del cambiamento
    57. 57. 1) Costruire credibilità...
    58. 58. 1) Costruire credibilità...Attraverso l’advertising nello spazio diinterazione (prospettiva multicanale)
    59. 59. 1) Costruire credibilità...Progettando interazioni che facciano leva sui“temporary ties”
    60. 60. 1) Costruire credibilità...
    61. 61. 1) Costruire credibilità...
    62. 62. 1) Costruire credibilità...Creando un dialogo che valorizzi la dimensione“weak ties”
    63. 63. 1) Costruire credibilità...
    64. 64. 1) Costruire credibilità...1.Il nostro brand deve entrarenell’awareness set2.Occorre tendere alla creazione di“strong ties”
    65. 65. 2) Costruire la rilevanza...
    66. 66. 2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.
    67. 67. ...costruire la rilevanza
    68. 68. ...costruire la rilevanza
    69. 69. 2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.
    70. 70. 2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.Progettando informazioni e servizi coerenti, siaggancia l’attenzione dell’individuo e lo si induceall’azione:
    71. 71. 2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.Progettando informazioni e servizi coerenti, siaggancia l’attenzione dell’individuo e lo si induceall’azione: engagement,
    72. 72. 2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.Progettando informazioni e servizi coerenti, siaggancia l’attenzione dell’individuo e lo si induceall’azione: engagement, acquisto,
    73. 73. 2) Costruire la rilevanza...Occorre assumere come elemento centrale dellaprogettazione: i contesti di vita.Progettando informazioni e servizi coerenti, siaggancia l’attenzione dell’individuo e lo si induceall’azione: engagement, acquisto, condivisione.
    74. 74. 3) Favorire le interazioni tra pari
    75. 75. 3) Favorire le interazioni tra pari Creazione di apps sociali nei differenti contesti
    76. 76. 3) Favorire le interazioni tra pari Creazione di apps sociali nei differenti contesti Occorre però andare oltre i SN attuali
    77. 77. 3) Favorire le interazioni tra pari Creazione di apps sociali nei differenti contesti Occorre però andare oltre i SN attuali Social filtering
    78. 78. In sintesi...
    79. 79. Le conseguenze
    80. 80. Le conseguenzeAndare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanzae qualità dell’attenzione sono centrali
    81. 81. Le conseguenzeAndare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanzae qualità dell’attenzione sono centraliLa prospettiva del contesto è dominante!
    82. 82. Le conseguenzeAndare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanzae qualità dell’attenzione sono centraliLa prospettiva del contesto è dominante!Dallo store allo spazio di interazione multicanale
    83. 83. Le conseguenzeAndare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanzae qualità dell’attenzione sono centraliLa prospettiva del contesto è dominante!Dallo store allo spazio di interazione multicanaleDalle 4P alle 4C (Contenuto, Contesto, Canale,Conversazioni)
    84. 84. Le conseguenze Andare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanza e qualità dell’attenzione sono centrali La prospettiva del contesto è dominante! Dallo store allo spazio di interazione multicanale Dalle 4P alle 4C (Contenuto, Contesto, Canale, Conversazioni) Che cosacomunicare
    85. 85. Le conseguenze Andare oltre l’audience e le fasce orarie: rilevanza e qualità dell’attenzione sono centrali La prospettiva del contesto è dominante! Dallo store allo spazio di interazione multicanale Dalle 4P alle 4C (Contenuto, Contesto, Canale, Conversazioni) Che cosa Come e quandocomunicare comunicare
    86. 86. Social mobile: sì ma andiamo oltre... Giuliano Noci, MIP Politecnico di Milano www.mip.polimi.it t i!Facebook: facebook.com/giuliano.noci d aTwitter: twitter.com/giuliano_nociLinkedIn: linkedin.com/in/gnoci N oBlog: www.marketingreloaded.com

    ×