• Save
Lezione UniSi Master editoria Arezzo
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Lezione UniSi Master editoria Arezzo

on

  • 264 views

Lezione sul giornalismo online al master per l'editoria dell'Università di Siena

Lezione sul giornalismo online al master per l'editoria dell'Università di Siena

Statistics

Views

Total Views
264
Views on SlideShare
251
Embed Views
13

Actions

Likes
2
Downloads
0
Comments
0

2 Embeds 13

https://twitter.com 10
http://www.slideee.com 3

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as OpenOffice

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial LicenseCC Attribution-NonCommercial License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Lezione UniSi Master editoria Arezzo Lezione UniSi Master editoria Arezzo Presentation Transcript

    • Marco RenziMarco Renzi Giornalista, speaker radio-tv, copywriter, senior-account,Giornalista, speaker radio-tv, copywriter, senior-account, media-planner, portavoce, addetto stampa,comunicatoremedia-planner, portavoce, addetto stampa,comunicatore in aziende pubbliche e private, regista e videomakerin aziende pubbliche e private, regista e videomaker Online da 15 anni, scrivo per Lsdi (libertà di stampaOnline da 15 anni, scrivo per Lsdi (libertà di stampa diritto all'informazione)diritto all'informazione) ho pubblicato con Claudia Dani e Daniele Chieffiho pubblicato con Claudia Dani e Daniele Chieffi Wow - working on web - giornalisti e comunicatori comeWow - working on web - giornalisti e comunicatori come non si inventa una professione (Franco Angeli)non si inventa una professione (Franco Angeli) ho inventato assieme a Vittorio Pasteris e Pino Reaho inventato assieme a Vittorio Pasteris e Pino Rea Digit, festival nazionale sul giornalismo digitaleDigit, festival nazionale sul giornalismo digitale Insegno giornalismo online all'Università e faccioInsegno giornalismo online all'Università e faccio formazione sul giornalismo digitale in aziende pubblicheformazione sul giornalismo digitale in aziende pubbliche e privatee private
    • Giornalismo online comprendere il cambiamento
    • In a scenario of instability,In a scenario of instability, in editorial and professional terms,in editorial and professional terms, one of the certaintiesone of the certainties on the future of journalismon the future of journalism is the growing importance of the roleis the growing importance of the role of the Internet,of the Internet, social networkssocial networks and digital in general.and digital in general.
    • La situazione dei pure players dati aggiornati al 24 giugno
    • Il futuro è già presente Carpe diem !!!
    • Definiamo il giornalismo ● la prestazione di lavoro intellettuale volta alla raccolta, al commento e all'elaborazione di notizie destinate a formare oggetto di comunicazione interpersonale attraverso gli organi di informazione ● In Italia per svolgere questa attività bisogna essere iscritti ad un ordine professionale: L'Odg – ordine dei giornalisti istituito con la legge sull'' ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI GIORNALISTA del 3 febbraio 1963, n. 69
    • Informarsi... ● Nell'antichità e poi nel medioevo, sino alle prime forme di bollettino scritto a mano l'informazione era patrimonio dei Banditori ● Fino al XV secolo le notizie erano patrimonio esclusivamente ecclesiastico, i bollettini erano scritti a mano dai monaci amanuensi o cronachisti ● Nel 1563 si ha notizia del primo foglio di informazioni, ancora scritto a mano, ma non da prelati: la prima gazzetta redatta da funzionari pubblici della Serenissima Repubblica di Venezia
    • Giornalismo e stampa ● Nel '600 con l'invenzione della macchina per la stampa a caratteri mobili di Gutemberg si individua la nascita del giornalismo ● l'invenzione capace di rivoluzionare tutte le comunicazioni principali è il punto di partenza per la storicizzazione dei media di informazione, e l'inizio del lavoro giornalistico ● Fino al 19esimo secolo non ci saranno progressi nella tecnica di stampa
    • La meccanizzazione ● Nell'800 con la rivoluzione industriale si rivoluzionano anche le tecniche di stampa si arriva alla meccanizzazione del ciclo produttivo ● Macchina per la produzione della carta ● Macchina da stampa a vapore ● La rotatativa ● Linotype: composizione a macchina dei caratteri (prima solo e sempre a mano)
    • Anni'60 – I nuovi media
    • La notizia Informazione su un fatto/avvenimento/persona in corso o concluso (vivente o meno) Diffusa Da un giornalista attraverso i mass media (carta/radio/tv/online)
    • Notiziabilità Il complesso delle caratteristiche che rendono un evento di particolare interesse per i media ● Il contenuto ● Il prodotto editoriale ● Il mezzo di diffusione ● Il pubblico ● La concorrenza
    • Sss/wwwww
    • Cosa fa notizia? ●Sangue ●Sesso ●Soldi
    • Come si scrive una notizia? ● W ho Chi ● W hat Cosa ● W hen Quando ● W here Dove ● W hy Perchè
    • La piramide rovesciata Prima i fatti importanti e poi i dettagli Sintetizzare al massimo le informazioni importanti con uno stile conciso ed essenziale. Per un articolo più lungo, o qualsiasi altro resoconto, possono costituire uno scheletro intorno al quale far crescere l'esposizione. Nell'attacco del pezzo devono trovare risposta il maggior numero di WW possibili
    • Come deve essere l'informazione ● Accurata/Precisa/Verificata ● Breve/Sintetica ma Completa ● Chiara/Comprensibile/Semplice
    • Le Fonti ● Dirette o Testimoniali (testimoni, protagonisti) ● Indirette ( altri giornali/citizen journalist) Ed anche in merito alla loro attendibilità: ● Primarie (autorità, forze dell'ordine, magistrati) ● Secondarie ( cittadini comuni)
    • I media ● Giornali (quotidiani, periodici) ● Televisioni ● Radio ● Agenzie di stampa ● Giornali online
    • La prima pagina ● La Testata ● L'articolo di fondo ● L'articolo di spalla ● Taglio alto/apertura ● Taglio medio ● Taglio basso/corsivo ● Estremità in alto ● 1 col. alto a sx ● 1 col. alto a dx ● Sotto la testata ● Centro pagina ● Fondo pagina
    • Il giornalista ● Scopre, analizza, descrive e sceglie le notizie ● Redige articoli, inchieste, reportage, editoriali per testate giornalistiche ● Professionista & Pubblicista ● Redattore, Capo servizio, Redattore capo, Inviato, Editorialista, Direttore responsabile, Corrispondente, Fotoreporter, Praticante
    • Il quotidiano ● Prima riunione di redazione(ufficio centrale)(tarda mattinata) direttore/capo redattore/capi servizio (temi del giorno/scaletta/timone) ● Seconda riunione di redazione (primo pomeriggio) caporedattore e capi servizio (menabò/prima pagina/divisione lavoro) ● Terza riunione di redazione (tardo pomeriggio) solo vertici per decidere prima pagina/gerarchia notizie/titoli ● Chiusura lavoro (ore 23) e trasmissione alla tipografia per stampa entro le 24
    • Il Telegiornale ● Titoli ● Prima pagina ● Pagina degli interni ● Cronaca nazionale ● Esteri ● Costume e società ● Sport
    • Il radiogiornale ● Classico (impaginato come un tg) ● Sportivo ● Economico ● Flash (meno di 3 minuti) ● Rassegna stampa ● Traffico ● Meteo ● Borsa e valute
    • La rivoluzione digitale
    • L'ecosistema dell'informazione
    • Chi fa giornalismo in Italia ● Secondo la costituzione primo comma art.21 “Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione” ● Ma in Italia c'è l'Odg ● Serve un ulteriore distinzione tra “attività giornalistica”, libera, e “professione giornalistica”, riservata ai soli iscritti ● Perchè l'esercizio abusivo della professione giornalistica è un reato ● Il quadro normativo italiano sul giornalismo e la stampa si dimostra continuamente inadatto ad affrontare la nuova fase digitale
    • Online Journalism News is created and consumed very differently these days. The folks we used to call the Audience have a stake in this because they have a stake in their communities. The same communities we are dedicated to serving.
    • Si pensi ai distinti compiti tra preparare un’edizione fissa al giorno, da mandare in stampa e quindi da distribuire e lavorare senza deadline ovvero con scadenze continue a un prodotto immediatamente pubblicato e distribuito attraverso Internet, senza limiti prefissati di spazio, tanto per la singola notizia quanto per l’intero insieme di notizie.
    • I giornali online possono essere classificati a seconda della loro provenienza: Dai media tradizionali (legacy media) Repubblica, Corriere della Sera, Tgcom, Tg1 Dal web (born digital, nativi digitali) come CityNews, Il Post, Linkiesta, Lettera 43, Varese news
    • Le evoluzioni dell’ecosistema dell’informazione richiedono un’interpretazione in chiave di coinvolgimento del lettore da parte dei giornalisti e dei giornali delle celeberrime 5 W
    • Le 5 w diventano ● Who - A chi stiamo cercando di comunicare — individuare il pubblico di riferimento ● What - Di cosa vogliono parlare — Si ribalta l’approccio non si impone un’agenda, dei temi, si ascolta, si comprende quali temi interessano i gruppi che si vogliono coinvolgere ● Where - Dove riceveranno l'informazione — luogo e tipo di supporto. Dalla carta al PC pas-sando per smartphones e tablets ● When - Quando la distribuiremo — In un ambiente multipiattaforma quando e come scegliere un format rispetto ad un altro ● Why - Perchè il pubblico dovrebbe essere interessato a riceverla — lavoro che soddisfa un bisogno e risolve un problema
    • Digital first
    • Una strategia digital first non significa pubblicare prima online e poi sulla carta ma avere una pre- senza in Rete a tutto tondo presidiando e mantenendo la relazione con le comunità di riferimento.
    • Al giornale si affiancheranno in modo sempre più significativo l’organizzazione di eventi (Live) e in digitale, sul sito
    • Non significa pubblicare prima online e poi sulla carta, ma che il lavoro parte dalla relazione digitale con le comunità di riferimento giornale/blog/sito network sociali. Non si tratta di un’innovazione tecnica, ma culturale.
    • La testata multipiattaforma ● a il sito ● b il web oltre il sito (Facebook, Twitter, gli altri social…) ● c la dimensione video ● d l’interactive edition su tablet/smartphone ● e l'edizione stampata ● f le estensioni fisiche e virtuali del brand (eventi live, eventi online, format video, long form journalism, e-book, data journalism.
    • Non si tratta di anticipare su web i contenuti del giornale, ma di lavorare in redazione a partire da internet e dal dialogo con la comunità: come coprire le notizie, in quale forma, con quali strumenti. Significa essere disposti a condividere idee e spunti con i lettori attraverso i social e raccogliere da loro suggerimenti e commenti.
    • La testata non è più solo un soggetto che produce comunicazione, ma diventa una piattaforma aperta, in grado di aggiungere ai valori tradizionali del reporting e della gerarchia, il dialogo sui temi che ogni giorno si intrecciano sul digitale
    • Nuove forme di attività giornalistica, come la cura e l’aggregazione dell’informazione prodotta da altre fonti, l’attenzione da parte della redazione alle statistiche di traffico del sito e alle tendenze della rete, la raccolta e la condivisione di dati, il crowdsourcing (collaborazione di massa resa possibile dalle nuove tecnologie), l’individuazione sul nascere di temi che diventeranno rilevanti
    • Le professioni della rete
    • Content CuratorContent Curator Un professionista che identifica contenuti, li isola e rielabora rendendoli utili e adeguati all'audience, adatti a rispondere alle esigenze generali o di approfondimento e conoscenza specifica dei pubblici di riferimento, i cosiddetti stakeholders. Una competenza tutt’altro che scontata perchè ha un forte imprinting giornalistico ma poco legato ai vecchi canoni. La base di questa figura professionale è la capacità di leggere le esigenze della community a cui ci si rivolge e in base a questo costruire dei contenuti che siano fruibili e realmente di valore per la stessa
    • Social media managerSocial media manager La persona che ha una visione generale e strategica della presenza della propria azienda/organizzazione nel mondo dei social Riesce a tradurre il messaggio e il contenuto nei diversi linguaggi richiesti dalle diverse piattaforme sociali, utilizzando nel modo migliore e più efficiente possibile ogni singola piattaforma Ricordando sempre il presupposto di partenza che recita: il medium è il messaggio; in questo caso il social è il messaggio e quindi la scelta di una specifica piattaforma è di per se una forma di comunicazione
    • Community ManagerCommunity Manager professionista in grado di interagire direttamente con la comunità. E’ la figura in grado di relazionarsi direttamente con i propri intelocutori, coglierne le sfumature, le singole esigenze, e riuscire a tradurre le esigenze di comunicazione dell’azienda verso quella specifica community Il community manager è quello che più di tutti intercetta gli influencers quindi fra le sue competenze deve avere buone capacità sia da giornalista che da comunicatore
    • Il ciclo operativoIl ciclo operativo Il lavoro nella redazione online si svolge 24 ore al giorno, l’informazione sulla rete è un flusso ininterrotto non è ciclica ne ha periodicità. Per questo motivo è necessario avere un’organizzazione che ti permetta di monitorare la rete in tempo reale e continuo, avere un sistema che ti allerti quando appare online un contenuto “sensibile”
    • La redazione digitaleLa redazione digitale C’è una sorta di desk centrale che analizza, crea e seleziona le storie e poi ci sono dei gruppi di lavoro specializzati che declinano queste storie, notizie, contenuti sulle varie piattaforme disponibili: i siti, i blog, i social network, e anche i media analogici
    • Digital firstDigital first Non è la definizione di uno strumento ma la costruzione di un rapporto di fiducia tra un marchio e una comunità. Il medium cessa di essere solo uno e diventa una multipiattaforma open source. Il sito e la rete sono strumenti e fonte per la costruzione dei contenuti
    • Tecniche e software UsabilitàUsabilità La norma ISO 9241 del 1993 grado in cui un prodotto può essere usato da particolari utenti per raggiungere certi obiettivi con efficacia, efficienza e soddisfazione in uno specifico contesto d’uso “Mattoni” dell’usabilità sono interfacce semplici, organizzazione chiara dei contenuti, grafica accattivante (ma leggera), scrittura agile e sintetica, orientamento all’utente
    • Tecniche e software Ambienti e programmi1 La piattaforma sulla quale si sviluppa tipicamente un sito web, il Content Management System (in italiano sistema di gestione dei contenuti) o, più semplicemente, CMS (un sistema per la creazione e la pubblicazione di contenuti per siti Web) Alla base di un CMS sta la separazione della parte di layout grafico del sito (organizzato sull’uso di modelli, detti template) dal contenuto testuale Esistono diverse tipologie di software CMS: quelli generici o quelli realizzati su misura, quelli a pagamento o quelli cosiddetti open source, per la gestione dei dati viene sempre impiegato un database, anche questo spesso open source
    • Tecniche e software Ambienti e programmi2 ● Le combinazioni più tipiche vedono il database MySQL, anch’esso open source, utilizzato dai CMS open source Joomla!, Drupal, Wordpress e altri. Più precisamente, MySQL è un sistema per la gestione di basi di dati di tipo relazionale (relational database management system, RDBMS). Si tratta di un sistema software progettato per consentire la creazione e la manipolazione (da parte di un amministratore) e l’interrogazione efficiente (da parte degli utenti) di un database
    • Tecniche e software Ambienti e programmi3 ● Quando i redattori compiono qualsiasi tipo di operazione nel back-office del CMS modificano il contenuto del database ● Quando invece un utente clicca su un qualsiasi contenuto del sito, “mette in moto” il server web che, attraverso un’applicazione (scritta in un qualche linguaggio di programmazione, il più usato dei quali nel web è il PHP) prende i dati richiesti direttamente dal database e li restituisce sulla pagina web del browser
    • Tecniche e software Ambienti e programmi4 ● Gestione del back-office attraverso il pannello di controllo del CMS con un menù che permette di gestire i contenuti e le estensioni ● Contenuti: è possibile in generale lavorare sulle categorie, sui media e soprattutto sugli articoli, il cuore pulsante del sito web, scrivendone di nuovi, aggiornandoli e modificandoli ● Estensioni: è possibile lavorare sui componenti aggiuntivi, sui moduli, sui plug-in e sul template, ovvero il modello di pagina ● Per mostrare una galleria di foto o un video dentro un articolo, per esempio, in genere si utilizzano due distinti plug-in. I template infine sono i modelli utilizzati per costruire i siti web
    • Tecniche e software Ambienti e programmi5 ● E' abbastanza facile costruire un sito praticamente a costo zero, sfruttando uno dei tanti template gratuiti e software open source per la gestione dei contenuti e dei dati. ● Qualche spesa da sostenere obbligatoriamente in realtà esiste, per esempio per la personalizzazione dei template, la gestione del sito e il mantenimento del dominio, cifre alla portata di chiunque. ● Tutti possono fare informazione, è questo uno dei caratteri salienti del passaggio epocale dalla carta stampata al web
    • Cambiamenti nella scrittura ● La qualità dei contributi testuali, la chiarezza espositiva e la loro fruibilità sono elementi strettamente connessi al più ampio concetto di usabilità del web e contribuiscono non poco a far sì che un sito possa essere considerato di buon livello e apprezzato dai visitatori. ● Utilizzare una struttura a piramide rovesciata: cominciare dalla conclusione e dalle informazioni di maggior rilievo per arrivare via via al dettaglio ● Prediligere la semplicità: frasi brevi, parole di facile comprensione, periodi non involuti, poche subordinate ● Scegliere un linguaggio centrato sull’utente ● Evitare le ridondanze e le ripetizioni ● Evitare uno stile troppo creativo o slogan persuasivi e prediligere sempre l’informazione ● Scegliere titoli e sottotitoli efficaci, chiari e concisi ● Curare la punteggiatura ● Attenzione ai refusi
    • Multimedialità, ipermedialità, crossmedialità, transmedialità 1 ● L’ipertesto è lo strumento principe di organizzazione in forma enciclopedica del sapere ● Il testo e costruito in modo da proporre percorsi di lettura non sequenziale; il lettore, trasformato in utente, assume un ruolo attivo nel processo di lettura ● le pagine web non sono più “semplici” ipertesti, ma contengono sempre più al loro interno elementi multimediali e riferimenti esterni ad altri elementi multimediali, tanto che si è diffuso il termine ipermediale per indicare più precisamente la fusione dei contenuti multimediali in una struttura ipertestuale
    • Multimedialità, ipermedialità, crossmedialità, transmedialità 2 ● Con il termine multimedialità si intende la compresenza e l'interazione di più media in uno stesso supporto o contesto informativo ● Per crossmedialità si intende invece la possibilità di fruire di un determinato contenuto su diversi mezzi o piattaforme. ● Si parla infine di transmedialità, o, meglio, di narrazione transmediale, quando ci troviamo di fronte a una storia raccontata su diversi media
    • Libri da leggere ● Working on web, giornalisti e comunicatori come non si inventa una professione – Franco Angeli ed. - Marco Renzi, Claudia Dani, Daniele Chieffi ● Te la do io la notizia – Mursia ed. - Angelo Cimarosti ● Real Time Journalism – Informant ed.- Lillo Montalto Molella ● Il web e l'arte della manutenzione della notizia – Minumum fax ed.– Alessandro Gazoia ● Deep web, la rete oltre a google ed.– Effecinque – Carola Frediani
    • www.lsdi.it marcorenzitweet (twitter) Gruppo di discussione sul giornalismo digitale di.gi.ti (facebook) www.dig-it.it/ digit_tweet (twitter) Grazie ;)
    • Tu sei libero:Tu sei libero: di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico,di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire o recitare l'operarappresentare, eseguire o recitare l'opera Alle seguenti condizioni:Alle seguenti condizioni: Attribuzione. Devi riconoscere il contributo dell'autore originario.Attribuzione. Devi riconoscere il contributo dell'autore originario. Non commerciale. Non puoi usare quest’opera per scopi commerciali.Non commerciale. Non puoi usare quest’opera per scopi commerciali. Non opere derivate. Non puoi alterare, trasformare o sviluppareNon opere derivate. Non puoi alterare, trasformare o sviluppare quest’opera.quest’opera. In occasione di ogni atto di riutilizzazione o distribuzione, devi chiarireIn occasione di ogni atto di riutilizzazione o distribuzione, devi chiarire agli altri i termini della licenza di quest’opera.agli altri i termini della licenza di quest’opera. Se ottieni il permesso dal titolare del diritto d'autore, è possibileSe ottieni il permesso dal titolare del diritto d'autore, è possibile rinunciare ad ognuna di queste condizioni.rinunciare ad ognuna di queste condizioni. Le tue utilizzazioni libere e gli altri diritti non sono in nessun modo limitatiLe tue utilizzazioni libere e gli altri diritti non sono in nessun modo limitati da quanto soprada quanto sopra