Geo-Economia - Marketing: Le imprese del FVG oltre la crisi
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Geo-Economia - Marketing: Le imprese del FVG oltre la crisi

on

  • 829 views

Il 7 aprile 2011 presso l'Università di Trieste si è svolto l'incontro con l'imprenditore. Protagonista della conferenza dal titolo "Geo-Economia - Marketing: Le imprese delFVG oltre la crisi" è ...

Il 7 aprile 2011 presso l'Università di Trieste si è svolto l'incontro con l'imprenditore. Protagonista della conferenza dal titolo "Geo-Economia - Marketing: Le imprese delFVG oltre la crisi" è stato Marino Firmani, imprenditore e manager "su misura".
La conferenza era consigliata soprattutto ai Corsi di laurea in scienze politiche (Trieste) e di scienze internazionali e diplomatiche (Gorizia),Corsi di geografia politica, geopolitica e pianificazione territoriale.

Statistics

Views

Total Views
829
Views on SlideShare
829
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Geo-Economia - Marketing: Le imprese del FVG oltre la crisi Geo-Economia - Marketing: Le imprese del FVG oltre la crisi Presentation Transcript

    • Geo-economia - Marketing Le imprese FVG oltre la crisi Relatore Marino Firmani / Fi.Mar. project management consulting network Corso di laurea di Scienze Internazionali e diplomatiche Gorizia Incontro 7 aprile 2011 1
    • LA SITUAZIONE ATTUALE prima crisi finanziaria poi crisi sull’economia reale netta riduzione dei consumi 2008 2013 Il made in Italy è il nostro valore per design e qualità. Le aziende patrimonializzate Ha subito due attacchi: avranno risorse da investire, la posizione di debolezza le altre finchè potranno nei mercati dei cambi; il costo del lavoro tenteranno di (in Italia dal 2002 a oggi +18% acquisire mercato attraverso in Germania ss periodo -8%) la leva del prezzo Per avere sviluppo bisogna avere CONOSCENZA La PMIperde competitività Le aziende italiane per uscire dalla crisi devono rapidamente abbassare il punto di pareggio puntando allo sviluppo 2010 2009 10
    • Le imprese FVG oltre la crisi Argomenti• √ SCENARIO • La dimensione imprenditoriale FVG • Parametri per provincia • Leggere l’economia FVG• I BISOGNI DELL’IMPRESA • La via dello sviluppo• LE AREE DI INTERVENTO • Il Piano di sviluppo competitivo
    • SCENARIO La dimensione imprenditoriale
    • SCENARIO Parametri per Provincia
    • SCENARIO Leggere l’economia FVG I risultati economici, finanziari e patrimoniali registrati con la lettura dei bilanci 2009 esprimono un’economia del territorio che fa fatica a uscire dalla crisi, registrandone una maggior penalizzazione per le aziende piccole rispetto a quelle medio-grandi e una conseguente sofferenza complessiva delle aree friulane e pordenonese.In sintesi:1. Trieste primatista con polo Assicurativo e Marittimo, senza la sua posizione crollerebbe2. Piccolo non è più sostenibile. Le aziende medio piccole hanno retto meno e peggio la crisi, manifestando il segno più forte dello stato di difficoltà dell’economia regionale
    • SCENARIO Trieste primatista con polo Assicurativo e MarittimoIl primo punto da evidenziare concerne l’apparente primato di Trieste, da cui emerge un fatturato nettamente superiore alle altre aree regionali; è più del doppio dell’area udinese, che la segue in graduatoria, con addirittura un multiplo di venti dell’utile. Ma il dato è influenzato dalla presenza del polo assicurativo e marittimo: Allianz e Generali valgono da sole più di due terzi dei numeri, che Fincantieri e Italia Marittima completano.Se escludessimo le prime tre aziende leader della gradutaoria, la posizione di Trieste crollerebbe.
    • SCENARIO Piccolo non più sostenibile La seconda constatazione è che grandi aziende quali quelle citate hanno retto molto meglio l’urto della crisi rispetto al tessuto micro-imprenditoriale dell’economia friul-giuliana. Sia il polo assicurativo che quello cantieristico manifestano una sostanziale tenuta del fatturato e in alcuni casi un miglioramento dell’utile. Le aziende medio piccole hanno retto meno e peggio manifestando il segno più forte dello stato di difficoltà dell’economia regionale.
    • SCENARIO Udine e Pordenone soffrono Il terzo aspetto è che l’evoluzione è stata molto diversa inFriuli e nel Pordenonese dove la crisi è emersa con particolare gravità. Nell’area Pordenone si sono perse quindici aziende tra quelle considerate leader, si registra un calo di fatturato di quattro miliardi e mezzo delle società di punta con una riduzione dell’utile complessivo conseguito, di un terzo delle imprese trainanti. Udine ha tenuto la posizione rispetto al numero di aziende, confermandone 872 tra le prime duemila, ma ha visto erodersi dal 2,11% allo 0,92% il rapporto utile fatturato.
    • Le imprese FVG oltre la crisi Argomenti• SCENARIO • La dimensione imprenditoriale FVG • Parametri per provincia • Leggere l’economia FVG• √ I BISOGNI DELL’IMPRESA • La via dello sviluppo• LE AREE DI INTERVENTO • Il Piano di sviluppo competitivo
    • I BISOGNI DELL’IMPRESA La via dello sviluppo passa attraverso la ricerca del valore Le nostre aziende devono investire in creatività, design,qualità, tecnologia, comunicazione (High Value) per tutelareil proprio elemento distintivo rispetto a nuovi mondi produttivi capaci di crescere, in prospettiva, anche sui valori intangibili. Le nostre aziende sono obbligate al recupero di efficienza in termini di costo, ottimizzando le risorse e modernizzando i cicli produttivi (Low Cost)
    • I BISOGNI DELL’IMPRESA La via dello sviluppo passa attraverso La crescita di sistemi integrati d’impresa (troppe le PMI chehanno un fatturato al di sotto della soglia minima per affrontare il mercato globale); La ricerca e sviluppo di processi innovativi nelle strategie distributive, nelle strategie comunicative e nel processo di prodotto; L’internazionalizzazione verso nuovi mercati di destinazione(le PMI devono affrontare le evoluzioni del mercato globale riposizionando il proprio pensiero su nuovi mercati in fase di sviluppo. Se fino a ieri la Germania e gli USA potevano assorbire la potenzialità produttiva della nostra offerta, ora l’orientamento deve essere indirizzato verso l’India, la Cina, il Brasile, la Russia e i Paesi Arabi, mercati meno conosciuti con culture tutte da scoprire); La formazione, accompagnando l’imprenditore di nuova generazione alla conoscenza del cliente e del suo comportamento d’acquisto.
    • Le imprese FVG oltre la crisi Argomenti• SCENARIO • La dimensione imprenditoriale FVG • Parametri per provincia • Leggere l’economia FVG• I BISOGNI DELL’IMPRESA • La via dello sviluppo• √ LE AREE DI INTERVENTO • Il Piano di sviluppo competitivo
    • Knowledge intensive Business Services KiBs road map verso lo sviluppo competitivo Aggregazione (sistemi integrati di Internazionalizzazione impresa) (creare rete sui mercati globali)Innovazione ( nel processo, nel Progetto di prodotto , nella strategia sviluppo Formazione distributiva,nell’organizzazione) competitivo (dalla cultura del prodotto alla cultura del cliente) Qualità (miglioramento della Comunicazione qualità della vita) ( il processo di sviluppo deve passare attraverso una modernizzazione della comunicazione )
    • Grazie per l’attenzionedr. Marino FirmaniT +39 0432 299928F +39 0432 201903C +39 335 268876Skype fimarnetwork@ info@firmani.itW www.firmani.it