Your SlideShare is downloading. ×
Diapositive Autismo 2
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Diapositive Autismo 2

1,583
views

Published on

Published in: Health & Medicine

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,583
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
31
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Renzo Vianello Disturbi Pervasivi dello Sviluppo o Spettro autistico pp p Volume sulle Disabilità intellettive, cap. 5.
  • 2. UNA TESTIMONIANZA: TEMPLE GRANDIN Persona autistica ad scientificallyminded.typepad.com alto funzionamento l f i in grado di illustrare un punto di vista i unico combinando la conoscenza www.news.cornell.edu scientifica con l’esperienza p personale www.cqc.state.ny.us lpc1.clpccd.cc.ca.us supervegan.com www.naturescornermagazine.com
  • 3. Disturbo di Asperger Caratteristiche diagnostiche La discriminante cruciale fra Disturbo di Asperger e Disturbo autistico è il livello dell’intelligenza, superiore nel Disturbo di Asperger ( g , p p g (dal ritardo lieve a intelligenza g normale). In particolare non vi è grave ritardo nello sviluppo del linguaggio. In termini di pragmatica (quindi di efficacia comunicativa, come nei casi in cui è importante tener conto del contesto, darsi il turno nel parlare – ascoltare, accompagnare il linguaggio verbale guardando in un certo modo l’interlocutore, usando gesti comunicativi o una certa espressione facciale o postura o saper interpretare quelli altrui ecc.) le prestazioni sono inferiori a quelle fonologiche, ecc ) fonologiche semantiche, morfologiche e sintattiche. Come in tutti i Disturbi pervasivi dello sviluppo anche in questo caso sono compromessi: i - interazione sociale - comunicazione - interessi, comportamenti e attività, in quanto ristretti e stereotipati.
  • 4. Disturbo di Asperger Caratteristiche diagnostiche A causa di t li compromissioni vi sono diffi ltà significative per la vita sociale e/o tali i i i i difficoltà i ifi ti l it i l / lavorativa e/o l’autonomia personale. Nei primi anni di vita il bambino tende ad essere poco interessato ai rapporti di amicizia, mentre con il passare del tempo può capirne l’importanza e cercare di gestire le regole sociali (spesso riuscendoci in modo approssimativo). Non si deve pensare che la motivazione sociale sia nulla. Essa è povera, ma non assente. p , Rispetto al disturbo autistico, la compromissione relativa agli interessi e ai comportamenti tende ad esprimersi soprattutto nel dedicare molto tempo ed energie ad un tema specifico (ad esempio conoscere i percorsi di tutti gli autobus della città).
  • 5. Disturbo di Asperger Manifestazioni e disturbi associati Abbiamo già sottolineato che di norma non vi è ritardo mentale. Possono essere presenti lievi difficoltà motorie (ad esempio scarsa coordinazione). Frequenti sono difficoltà di attenzione e iperattività Soprattutto dall’adolescenza in iperattività. dall adolescenza poi può insorgere depressione. Prevalenza Questo disturbo è molto più raro del Disturbo autistico, ma difficilmente Q i iù i i i iffi i quantificabile. Anche in questo caso il rapporto maschi femmine sembra essere di 4-5 (o più) a 1.
  • 6. Disturbo di Asperger Decorso Il decorso è continuo e dura tutta la vita. vita Buone condizioni ambientali possono favorire una normale attività lavorativa e autosufficienza personale. Familiarità Si presume che il rischio sia maggiore se in famiglia vi sono altre persone con disturbo pervasivo dello sviluppo. Diagnosi differenziale Abbiamo già fornito le informazioni che p g permettono di distinguerlo dal disturbo g autistico (livello di intelligenza, linguaggio, interessi, motivazione sociale). Essi si applicano anche nella differenziazione con il disturbo disintegrativo dell infanzia. dell’infanzia Rispetto agli altri disturbi pervasivi dello sviluppo è molto più semplice la diagnosi differenziale rispetto alle sindromi genetiche di Rett, Angelman, Lesch-Nyhan, X fragile.
  • 7. Quali aree del funzionamento cognitivo sono p danneggiate? g più gg Almeno tre, che si riferiscono a: - teoria della mente, - f i i esecutive, funzioni ti - coerenza centrale. La prima ha come oggetto privilegiato di analisi le credenze e i desideri che gli individui attribuiscono alle menti altrui. Teoria: ci si riferisce al sistema di conoscenze (implicite od esplicite, verbalizzate o no) che guidano i comportamenti effettivi. Una persona con autismo particolarmente intelligente e senza deficit linguistico di li i ti diceva che ‘non riusciva a leggere la mente’. h ‘ i i l l t ’ Le sembrava che le altre persone fossero in grado di leggere i pensieri degli altri e di anticiparne i sentimenti e le risposte, mentre lei, pur risposte lei cercando di evitare di infastidire le altre persone, non vi riusciva mai. Diceva la cosa sbagliata o faceva la cosa sbagliata e se ne accorgeva solo dopo che la persona si era arrabbiata o offesa.
  • 8. Le funzioni esecutive, mediate dai lobi frontali del cervello, comprendono in p p particolare: - il controllo degli impulsi, - l’inibizione di risposte non adeguate, - la pianificazione - la ricerca sistematica - i ragionamenti flessibili. i ti fl ibili Queste funzioni sarebbero carenti nel disturbo autistico. Anche in questo caso sono scarsamente valutati gli individui con disturbo autistico e ritardo mentale grave.
  • 9. Consideriamo, infine, le proposte di Uta Frith. Secondo lei il nucleo delle difficoltà autistiche è costituito "dall'incapacità di mettere insieme le informazioni in modo da generare id coerenti e significative. C'è una falla nella idee i i ifi i f ll ll predisposizione della mente a dare un senso al mondo" (1989, pag. 232). 232) L’aspetto cruciale sarebbe costituito da una disfunzione che comporta carenze nella ricerca di coerenza fra le informazioni. Le tre i t i d fi it L t ipotesi di deficit cognitivo (teoria della mente, funzioni iti (t i d ll t f i i esecutive, coerenza centrale) non si escludono a vicenda e non escludono ulteriori altre carenze.

×