Piano 8

410
-1

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
410
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Piano 8

  1. 1. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 SOMMARIO Capitolo 1. Obiettivi di sviluppo dell’ambito n. 8 ……………………………………………………………………………………………………. 2 1.1. Analisi s.w.o.t. …………………………………………………………………………………………………………………………………… 2 1.1.1. Dati generali ……………………………………………………………………………………………………………………………………… 2 1.1.2. Punti di forza …………………………………………………………………………………………………………………………………… 5 1.1.3. Punti di debolezza ……………………………………………………………………………………………………………………………… .. 7 1.1.4. Minacce .............................................................................................................................................................................................. 8 1.1.5. Opportunità.............................................................................................................................................................................................. 9 1.2. Obiettivi................................................................................................................................................................................................... 9 1..3. Strategie ................................................................................................................................................................................................ 9 Capitolo 2. Settori e tipologie di azioni in cui si intendono concentrare gli interventi ………………………………………………………………… 11 Capitolo 3. Connessione ulteriori programmi di sviluppo locale ……………………………………………………………………………………….. 12 3.1 Programmi di recupero urbano e sviluppo sostenibile del territorio (P.R.U.S.S.T) ……………………………………………………… 12 3.1.1 PRUSST dell'area del Golfo di Gaeta ................................................................................................................................................... 12 3.1.2 P.R.U.S.S.T. Medio Bacino del Liri ……………………………………………………………………………………………………………. 12 3.2. Patti territoriali ..................................................................................................................................................................................... 13 3.2.1 Patto territoriale per lo sviluppo di Frosinone ……………………………………………………………………………………………… 13 3.2.2 Patto Territoriale dell'are a Pontina Sud …………………………………………………………………………………………………. 13 3.3. Programmi Integrati Ambiente Cultura Turismo ……………………………………………………………………………………. …….. 14 3.3.1 Programma integrato Valle del Liri ............................................................................................................................................... 14 3.3.2. Programma integrato Monti Ausoni .................................................................................................................................................. 14 3.3.3 Programma integrato Golfo di Gaeta e Monti Aurunci ………………………………………………………………… ……………... 14 3.4. Programma comunitario L.E.A.D.E.R. II ……………………………………………………………………………………………………. 15 3.4.1 Piano di azione locale "XIV e XV comunità montana del Basso Lazio"................................................................................................ 15 3.4.2 Piano di azione locale "Golfo e Isole Pontine" ……………………………………………………………………………………………….. 15 3.4.3 Piano di azione locale "Versante laziale del Parco Nazionale d'Abruzzo"………………………………………………………………… 16 3.5. Programmi locali di sviluppo................................................................................................................................................................. 16 3.5.1 Piano di Sviluppo d'Area 2000/2006 …………………………………………………………………………………………………………. 16 3.5.2 Piano di Sviluppo locale "antica via Latina" ………………………………………………………………………………………………… 17 3.6. Sinergie tra i vari programmi…………………………………………………………………………………………………………………… 18 1
  2. 2. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 1.1 Analisi s.w.o.t. 1.1.1 Dati generali dell'ambito I Comuni rientranti nell'ambito n. 8 appartengono alle provincie di Latina e di Frosinone per un totale di 57 comuni. I comuni ricadenti nelle aree classificate obiettivo 2 sono: Castelforte, Fondi-parte, Formia-parte, Gaeta-parte, Itri, Minturno, Santi Cosma e Damiano, Spigno Saturnia, Ventotene, (Latina); Aquino, Arce, Ausonia, Cassino, Castelnuovo Parano, Castrocielo, Cervaro, Colfelice, Coreno Ausonio, Fontana Liri, Piedimonte S. Germano, Pignataro Interamna, Roccasecca, San Giorgio a Liri, San Vittore nel Lazio, Sant’Ambrogio sul Garigliano, Sant’Andrea del Garigliano, Sant’Apollinare, Vallemaio, , Villa Santa Lucia, Viticuso (Frosinone). I comuni che ricadono in aree di sostegno transitorio sono: Campodimele, Gaeta-altro, Lenola, Monte S. Biagio Sperlonga, (Latina); Acquafondata, Alvito Atina, Belmonte Castello, Casalattico, Casalvieri Colle San Magno, Esperia, Gallinaro, Picinisco, Pontecorvo, Rocca D’Arce, San Biagio Saracinisco, San Donato Val Comnino, San Giovanni Incarico, Sant’Elia Fiumerapido, Santopadre, Settefrati, Terelle, Vallerotonda, Villa Latina (Frosinone). 2
  3. 3. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 Comuni in aree Obiettivo 2 Comune Castelforte Fondi parte Formia parte Gaeta parte Itri Minturno S. Cosma e Damiano Spigno Saturnia Ventotene Aquino Arce Ausonia Cassino San Giorgio a Liri Roccasecca Sant'Ambrogio Garigliano Sant'Apollinare V. Santa Lucia Vallemaio Sant'Andrea sul Garigliano San Vittore del Lazio Pignataro Interamna Piedimonte S. Germano Fontana Liri Coreno Ausonio Colfelice Cervaro Castelnuovo Parano Castrocielo Totale Popolazione 1996 Popolazione 2001 Increm./decrem.to % 4708 4604 -104 -2,21 1815 1815 0 0,00 16450 16450 0 0,00 8900 8900 0 0,00 8576 8980 404 4,71 18120 18378 258 1,42 6621 6618 -3 -0,05 2653 2703 50 1,88 667 664 -3 -0,45 5504 5464 -40 -0,73 6169 6131 -38 -0,62 2576 2567 -9 -0,35 33038 35048 2010 6,08 3142 3063 -79 -2,51 7619 7592 -27 -0,35 1027 1026 -1 -0,10 2012 2005 -7 -0,35 2618 2678 60 2,29 1108 1086 -22 -1,99 1635 1606 -29 -1,77 2672 2680 8 0,30 2596 2592 -4 -0,15 4940 5137 197 3,83 3238 3157 -81 -2,50 1830 1776 -54 -2,95 1920 1868 -52 -2,71 7290 7436 146 2,00 849 867 18 2,12 3798 3754 -44 -1,16 164091 166620 2554 3,68 Comuni in aree a sostegno transitorio 3
  4. 4. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Comune Campodimele Gaeta altro Lenola Monte S. Biagio Sperlonga Acquafondata Alvito Atina Belmonte Castello Casalattico Casalvieri Colle S. Magno Esperia Gallinaro Picinisco Pontecorvo Rocca D'Arce S. Biagio Saracinisco S. Donato Val Comino S. Giovanni Incarico Sant'Elia Fiumerapido Santopadre Settefrati Terelle Vallerotonda Villa Latina Viticuso Totale Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 Popolazione 1996 Popolazione 2001 Inc.to/decr.to % 811 781 -30 -3,70 14253 13787 -466 -3,27 4239 4174 -65 -1,53 6151 6175 24 0,39 3367 3417 50 1,49 354 340 -14 -3,95 3124 3064 -60 -1,92 4817 4688 -129 -2,68 811 791 -20 -2,47 705 691 -14 -1,99 3185 3150 -35 -1,10 873 844 -29 -3,32 4267 4288 21 0,49 1235 1242 7 0,57 1224 1422 198 16,18 13435 13381 -54 -0,40 1070 1043 -27 -2,52 420 413 -7 -1,67 2247 2210 -37 -1,65 3684 3638 -46 -1,25 6435 6430 -5 -0,08 1717 1698 -19 -1,11 860 881 21 2,44 654 618 -36 -5,50 1987 1924 -63 -3,17 1318 1313 -5 -0,38 446 445 -1 -0,22 83689 82848 -841 -1,00 4
  5. 5. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 1.1.2 Punti di forza I punti di forza di questo ambito territoriale sono stati individuati nel protocollo di intesa in data 20/12/2001 a) Significativa presenza di imprese nei comparti edile, commerciale e agroalimentare. Il settore agroalimentare ed il turismo sono i punti di forza dell’intero territorio. Molto consistente è il settore delle coltivazioni ortofrutticole e quello dell’allevamento e delle altre attività legate al settore primario. Importante è la presenza del Mercato Ortofrutticolo di Fondi (M.O.F.) che costituisce un importante punto di stoccaggio e di scambio per l’intera zona. Il M.O.F. è il primo fornitore per la città di Roma di prodotti agricoli. L’allevamento dei bovini genera un indotto caratterizzato da industrie di piccole e medie dimensioni, che operano nella trasformazione dei prodotti lattierocaseari. Notevole impulso proviene dal settore commerciale presente su quasi tutto il territorio, anche se il mercato di sbocco è prevalentemente locale. Il comparto edilizio, ben rappresentato dal punto di vista delle unità lavorative, sta attraversando un periodo di ristrutturazione e di profonda trasformazione. b) Presenza di rilevanti risorse paesaggistiche ed artistico-culturali L’area presenta una grossa potenzialità dal punto di vista turistico, considerando la varietà e la quantità delle risorse turistiche presenti sul territorio, la felice posizione geografica (nelle immediate vicinanze di Roma e Napoli), l’alternanza di zona pianeggianti, collinari, montuose e marine. Inoltre sono presenti numerose chiese e monumenti, resti archeologici di età romana, aree protette con possibilità di escursioni e visite guidate. Il Parco regionale dei Monti Aurunci è di nuova costituzione (1997), ha vegetazione singolare con boschi tipicamente mediterranei ma anche con la presenza di specie prettamente appenniniche. Sulle pendici si rinvengono più di cinquanta specie della nostra flora. L’ente Parco Regionale sub-urbano Gianola-Monte Scauri sta rendendo fruibili spazi naturali, aree archeologiche, e servizi di supporto turistico. Si prevede il recupero della Cisterna Maggiore da adibire a centro visita del Parco, il recupero del tempio di Giano, il recupero della Torre di Scauri per la realizzazione di un osservatorio ornitologico, oltre la creazione di aree di sosta ed il completamento dei percorsi naturalistici. Altre zone di rilevante pregio naturalistico sono: • Il Parco Regionale urbano di Monte Orlando (Oasi blu) collocato accanto al centro storico di Gaeta; • L’Oasi Blu Villa di Tiberio a Sperlonga; • La Riserva naturale marina delle Isole di Ventotene e Santo Stefano; • I giardini di Ninfa; • La Riserva Naturale del Lago di San Giovanni Incarico / Isoletta; • La zona archeologica di Minturnae, con l'anfiteatro più grande del Lazio dopo il Colosseo; Emergenze artistico-culturali e archeologic he di notevole interesse sono: 5
  6. 6. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 • l’Abbazia di Montecassino, con una presenza annua di 15.000 turisti, • L’area archeologica di Montecassino (Acropoli, Colosseo, Teatro Romano, Mausoleo sepolcrale di Ummidia Quadratilla, Rocca Janula, Terme Varroniane); • Gli scavi archeologici di Fragellae nella zona di Arce, visitata ogni anno da 6.000 persone. Altri reperti storici sono a Castrocielo, con un’antica villa romana identificata con la Villa Euchelia e sulla quale venne edificata prima una chiesa e poi un monastero. Sono anche presenti importanti luoghi di memoria della seconda guerra mondiale, quali il Monumento alla Pace, interessati da un flusso turistico di valenza internazionale. c) La presenza del sito termale di Suio Nella stazione termale di Suio Terme a Castelforte operano, nella stagione che va da maggio ad ottobre, moderni impianti alberghieri, con piscine ludicotermali. Le acque, già conosciute e utilizzate dagli antichi Romani (le “aquae vescinae”), provengono da numerose sorgenti che sgorgano a temperature da 15°C a 64°C, con caratteristiche sulfuree-bicarbonato-calciche e alcalino-terrose, adatte quindi ad applicazioni terapeutiche molto varie, dalla balneo-fangoterapia alle cure dell’apparato respiratorio ed uditivo, alle irrigazioni. d) Rilevanza del sistema portuale Gaeta/Formia. L’importante sistema portuale (Gaeta/Formia) rappresenta un ulteriore punto di forza dell’area, nonostante le carenze di accessibilità e fruizione dello stesso. Se ne prevede il potenziamento e lo snellimento attraverso una più intensa collaborazione tra gli Enti preposti. A tale scopo il Consorzio ASI Sud- Pontino in prospettiva del potenziamento del sistema portuale, sta riattivando il dismesso tronco ferroviario Formia - Gaeta, prevedendo la realizzazione di cinque fermate metropolitane e di una stazione di interscambio all’interno del centro intermodale del Consorzio. Questo servirà ad offrire un adeguato servizio passeggeri, una razionalizzazione del trasferimento delle merci dal porto di Gaeta su strada ferrata, e anche al recupero ambientale turistico e commerciale. e) Presenza di un sistema universitario qualificato. Cassino è sede di un’Università dinamica ed attenta al cambiamento in atto, sia in termini di fabbisogno formativo che in termini di innovazione tecnologica. Molteplici sono gli accordi stipulati con le aziende della zona e con numerose organizzazioni commerciali ed industriali per una più efficace collaborazione tra il mondo della scuola e del lavoro, al fine di creare forza lavoro altamente qualificata ed adatta alle esigenze delle imprese. Cassino è una città che negli ultimi anni ha conosciuto un forte sviluppo sia nelle infrastrutture viarie che nei servizi. L'Università sta cercando di estendere il suo raggio di azione anche sul territorio limitrofo, aprendo sedi distaccate e veri e propri nuovi corsi di laurea con effetti benefici per l'economia del territorio circostante. 6
  7. 7. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 f) Presenza dello stabilimento FIAT a Piedimonte S.Germano La Fiat ha costituito una presenza determinante per l’evoluzione dell’area da un’economia prevalentemente artigiana ad una economia industriale, ed ancora oggi rappresenta il più grande impianto produttivo della regione. L’indotto, sviluppato nell’area limitrofa, legato alla produzione di parti e componenti auto e di macchine utensili, risulta fortemente condizionato dal ciclico andamento del mercato automobilistico, sottoposto negli ultimi anni ad un processo di ristrutturazione organizzativa ed occupazionali . Le varie fabbriche che si trovano sul territorio comunale occupano oltre 7.800 addetti, che rappresenta il dato più rilevante della provincia dopo quello di Frosinone e Cassino, rispettivamente di oltre 17.000 e oltre 9.000 addetti. g) Presenza dell’area industriale Cassino- Villa S. Lucia L’area industriale Cassino - Villa S. Lucia deve la propria importanza alla presenza dello Stabilimento F.I.A.T. e all’indotto creato nella zona. Il comparto manifatturiero ha in quest’area un numero elevato di occupati, che rappresentano il 52% dell’intera provincia. Il tessuto industriale locale è fortemente influenzato dalla situazione congiunturale del mercato automobilistico. h) Rilevante attività legata alla tradizionale lavorazione della pietra ornamentale. Il settore estrattivo nel sistema locale di Coreno Ausonio, specializzato nella lavorazione del “Perlato Coreno”, ha una propria autonomia ed importanza a livello nazionale. Il distretto è formato da cinque comuni e si estende sulla direttrice Cassino - Formia. Il prodotto, oltre ad avere un mercato nazionale, ottiene un ottimo successo anche all’estero, attraverso la costituzione di consorzi fra le imprese che lavorano nella zona. 1.1.3 Punti di debolezza I punti di debolezza di questo ambito territoriale sono stati individuati nel protocollo di intesa sottoscritto in data 20/12/2001 a) Congestionamento della rete locale e mancanza di collegamenti con le grandi arterie di comunicazione L’intera zona manca di grandi arterie di comunicazione e di raccordo tra i vari ambiti territoriali; situazione che incide pesantemente sia a livello produttivo che a livello turistico. Questa area, pur essendo inserita nella percorrenza della grande viabilità, necessita di interventi di miglioramento della viabilità minore inadeguata al traffico di mezzi di trasporto pesanti. b) Degrado urbanistico ed ambientale costiero L’agricoltura prima e l'urbanizzazione poi, hanno determinato gravi danni agli ecosistemi costieri. La sottile striscia costiera ha risentito degli insediamenti residenziali e infrastrutturali, e anche dell’inquinamento proveniente dalle attività situate nell'entroterra. c) Scarsa qualificazione delle strutture turistiche e degli operatori. Solo di recente sono state avviate iniziative di valorizzazione dei beni culturali e ambientali, considerandoli una risorsa economica e una o ccasione di sviluppo che produce reddito e occupazione. 7
  8. 8. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 L’utilizzo di tali risorse come motore di sviluppo territoriale, non ha ancora potuto essere tradotto in risultati adeguati. Nel settore del turismo, che manifesta grosse potenzialità finora inespresse, non è ancora consolidata una programmazione ed un’organizzazione in grado di poter creare delle sinergie. d) Mancata valorizzazione delle risorse ambientali e storico-culturali delle aree interne La scarsa valorizzazione dei beni naturali e del patrimonio storico culturale delle aree interne, e la loro collocazione nel circuito turistico, è dovuta in particolare alla mancanza di servizi (promozione, accoglienza, ecc.), strutture (alberghi, locande, ecc.) ed infrastrutture necessarie per il perseguimento di una efficace strategia turistica di richiamo nella zona. La scarsa accessibilità dei beni naturali ed ambientali è un altro limite allo sviluppo turistico della zona. e) Scarsa dotazione di infrastrutture nel territorio La zona presenta una carenza di dotazioni infrastrutturali sia per quanto riguarda il settore industriale che per il settore turistico. f) Eccessiva dipendenza e condizionamento del sistema produttivo dal settore automobilistico L’insediamento della FIAT ha prodotto l’evoluzione dell’apparato produttivo, ma ha anche condizionato il sistema produttivo della zona facendo sparire molte attività artigianali. g) Prossimità alle aree obiettivo 1 L’ambito territoriale del sistema n° 8 comprende comuni della provincia di Frosinone e Latina al confine con la regione Campania, area compresa nell’obiettivo 1. Questo comporta una notevole concorrenza per la localizzazione di imprese nelle zone di confine, indipendentemente dal settore di appartenenza e della tipologia di imprese. 1.1.4 Minacce Il mancato aggiornamento dei processi produttivi delle imprese manifatturiere presenti nell’area crea una sicura perdita di competitività a vantaggio sia delle zone maggiormente organizzate sia delle aree con un maggior livello di aiuti riconosciuti. La minaccia allo sviluppo del territorio, in questo ambito, è costituita dalla mancata crescita qualitativa del settore turistico, che comporta una perdita di competitività a vantaggio di zone più organizzate, che sono già dotate di strutture ricettive più efficienti. Un’ulteriore minaccia è la mancanza di grandi arterie di collegamento. 1.1.5 Opportunità La zona offre considerevoli potenzialità per quanto riguarda le bellezze naturali e storico culturali. In questa direzione si dovranno indirizzare le strategie che porteranno alla valorizzazione delle risorse naturali e conseguentemente ad un aumento dell’occupazione. 8
  9. 9. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 Per fare questo occorre migliorare le strutture ricettive esistenti e crearne nuove, in grado di offrire diversi prodotti al fine di raggiungere tutti i segmenti di mercato. Un notevole apporto potrà essere dato anche dal coinvolgimento dell’Università, nell’analizzare e studiare soluzioni adeguate per la valorizzazione delle risorse locali. In questo contesto sarà altresì determinante riorganizzare la fruibilità e l’accessibilità del territorio, attraverso la realizzazione e sistemazione di importanti nodi viari. Risulterà opportuno anche puntare sulla riorganizzazione e potenziamento del sistema portuale. 1.2. Obiettivi Gli obiettivi da conseguire, in questo ambito territoriale sono stati già individuati nel Protocollo di intesa in data 20/12/2001: a) utilizzazione di quelle risorse non ancora sufficientemente valorizzate attraverso interventi che possano ovviare al degrado urbanistico ed ambientale della costa, oltre alla valorizzazione del patrimonio termale , ambientale e culturale delle zone interne, consentendo lo sviluppo e la riqualificazione delle strutture ricettive e di servizio ad esse collegate; b) superamento della debolezza nella dotazione di infrastrutture sul territorio, per consentire il mantenimento ed il consolidamento delle attività economiche preesistenti. c) riorganizzazione e potenziamento del sistema portuale, realizzabile con l’inserimento di servizi logistici integrati ed intermodalità che andrebbero ad incidere in modo consistente sul trasporto su strada, sulla crescita dei flussi di merci e degli scambi. 1.3. Strategie Le strategie da adottare per raggiungere gli obiettivi prefissati devono mirare a: Obiettivo a) - l'arretramento delle infrastrutture sulla costa; - l'avvio di seri progetti per lo sviluppo del turismo; - difesa della costa dall'erosione e dall'inquinamento. Obiettivo b) - dotare tutta l'area di infrastrutture primarie e secondarie - potenziamento delle infrastrutture esistenti dotandole di servizi più efficaci ed efficienti - qualificazione delle strutture di servizio presenti - decongestionamento delle arterie di collegamento 9
  10. 10. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” - Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 marketing territoriale Obiettivo c) - l'utilizzazione e razionalizzazione della portualità esistente - riorganizzazione del sistema portuale 10
  11. 11. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 Capitolo 2. Settori e tipologie di azioni in cui si intendono concentrare gli interventi. 2.1 Valorizzazione delle potenzialità legate al patrimonio termale, ambientale e culturale a fini turistici Gli interventi, la cui realizzazione è prevista nelle misure III.2 e III.3 e nella sottomisura III.1.2, tendono ad utilizzare quelle risorse non ancora sufficientemente valorizzate, attraverso interventi che possano ovviare al degrado urbanistico ed ambientale della costa, oltre alla valorizzazione del patrimonio termale, ambientale e culturale delle zone interne; ponendo le giuste premesse che consentano lo sviluppo e la riqualificazione delle strutture ricettive, nonché la promozione della crescita degli operatori turistici. 2.2 Riorganizzazione del sistema portuale La riorganizzazione del sistema portuale richiede di superare la debolezza nella dotazione di infrastrutture sul territorio, per consentire il mantenimento ed il consolidamento delle attività economiche preesistenti. Gli interventi necessari a tal fine non trovano rispondenza totale nelle tipologie di iniziative la cui attuazione risulta finanziabile con le misure dell’Asse III. Tuttavia gli interventi previsti all’interno della sottomisura III.1.1 risultano riconducibili, direttamente o indirettamente, a questa finalità. 11
  12. 12. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 Capitolo 3. Connessione con eventuali programmi di sviluppo locale in corso o in via di definizione. Nella zona in questi ultimi anni sono stati avviati programmi di cooperazione territoriale che possono contribuire a contrastare le minacce che incidono sullo sviluppo del territorio, valorizzandone le opportunità. 3.1 Programmi di recupero urbano e sviluppo sostenibile del territorio (P.R.U.S.S.T.) Nell’ambito territoriale n. 8 ricadono due di questi programmi. 3.1.1 Il PRUSST dell’area del Golfo di Gaeta e dei Monti Aurunci Il PRUSST dell’area del Golfo di Gaeta e dei Monti Aurunci interessa il territorio della fascia costiera del golfo, dell’area montana e collinare del parco Naturale dei Monti Aurunci, dell’area del Garigliano. I comuni ricadenti nella suddetta area sono: Minturno, Castelnuovo Parano, Formia, Itri, Esperia, Spigno Saturnia, Gaeta, Castelforte e Campodimele. Il programma, che ha già ottenuto il finanziamento ministeriale a seguito delle sottoscrizioni di un apposito accordo di Programma, persegue le seguenti finalità: a) Rimodulazione ed integrazione del sistema dei trasporti inter ed extra territoriali; b) Conservazione e valorizzazione di un alto livello di qualità ambientale e paesaggistica con particolare attenzione per le aree protette e per l’ambiente costiero; c) Recupero e fruizione adeguata del patrimonio storico- artistico ed archeologico anche attraverso la realizzazione ed il recupero dell’edilizia residenziale pubblica e privata, capace di innescare processi di riqualificazione urbana; d) Migliore l’organizzazione insediativa ed infrastrutturale delle attività produttive con particolare attenzione ai settori culturali e turistico ricettivi. 3.1.2. PRUSST Medio bacino del Liri. I comuni compresi nel PRUSST del medio bacino del Liri e che fanno parte del sistema numero 8 sono: Alvito, Casalattico, Casalvieri, Fontana Liri, Rocca D’Arce, Santopadre, Campodimele, Fondi, Lenola, Pontecorvo, S. Giovanni Incarico. Il programma, che ha già ottenuto il finanziamento ministeriale a seguito delle sottoscrizioni di un apposito accordo di Programma, persegue le seguenti finalità: - Salvaguardia e valorizzazione del patrimonio naturalistico, storico e culturale d territorio interessato dal programma a supporto dello sviluppo delle el attività turistiche per lo sport e il tempo libero; - Adeguamento ed integrazione delle rete infrastrutturale a supporto dello sviluppo socio- economico e insediativo del territorio interessato dal programma; - Riconversione, adeguamento e integrazione delle attrezzature destinate alle attività produttive, con particolare riferimento a quelle artigianali, ed ai servizi di supporto. Le azioni e le tipologie considerate coerenti con la strategia di sviluppo sono state organizzate e selezionate in riferimento diretto: - Alla natura e finalità degli obiettivi dichiarati nell’accordo di programma sottoscritto 12
  13. 13. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 - Alla rispondenza con gli indicatori/obiettivo indicati a livello Ministeriale e regionale - Alla sostanziale aderenza con la programmazione locale, regionale e comunitaria - Realizzazione, adeguamento e completamento di attrezzature, sia a rete che puntuali, di livello territoriale ed urbano in grado di promuovere ed orientare occasioni di sviluppo sostenibile sotto il profilo economico, ambientale e sociale, avendo riguardo dei valori di tutela ambientale, della valorizzazione del patrimonio storico, artistico ed architettonico, e garantendo l’aumento di benessere della collettività - Realizzazione d un sistema integrato di attività finalizzate all’ampliamento e alla realizzazione di insediamenti commerciali e artigianali, alla promozione i turistico- ricettiva e alla riqualificazione di zone urbane interessate da fenomeni di degrado. 3.2 Patti territoriali L’area è interessata dai Patti territoriali di Frosinone e dell’area Pontina Sud. 3.2.1 Patto territoriale per lo sviluppo di Frosinone. In data 10 marzo 1997 è stato sottoscritto il Patto Territoriale di Frosinone, che interessa trenta comuni tutti della provincia di Frosinone. Alcuni di essi ricadono nel sistema numero otto e sono: Arce, Fontana Liri, Aquino, Piedimonte S.Germano, Roccasecca, Villa S. Lucia e Cassino. L’obiettivo fondamentale del Patto Territoriale è quello di creare nuove opportunità di lavoro, attraverso strategie di intervento, che possono essere individuate in: − Migliorare le condizioni dell’area, attraverso il completamento delle infrastrutture e lo sviluppo dei servizi di supporto all’attività produttiva; − Promuovere l’avvio di nuove iniziative imprenditoriali; − Sostenere e riqualificare il tessuto delle PMI locali e dell’artigianato, attraverso l’aumento della cultura manageriale; − Sviluppare una più fitta trama di rapporti fra le grandi aziende a capitale esterno e l’imprenditoria locale; − Favorire l’inserimento di nuove imprese extra- locali di media dimensione con spiccate capacità strategiche e di mercato. 3.2.2. Patto Territoriale dell’area Pontina Sud Il Patto Territoriale dell’area Pontina sud riguarda tutti i comuni della provincia di Latina (ad eccezione del comune di Ventotene) che ricadono in questo ambito territoriale. L’obiettivo fondamentale del Patto Territoriale è quello di creare nuove opportunità di lavoro, attraverso strategie di intervento, che possono essere individuate in: − Valorizzare l’offerta turistica e riqualificare le strutture dei servizi; − Valorizzare e qualificare il settore termale (Terme di Suio); 13
  14. 14. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 − Valorizzare e rendere fruibili le risorse ambientali e naturalistiche (Parco di Monte Orlando e Riserva di Pianola); − Valorizzare le emergenze archeologiche (Formia, Minturno, ecc.); − Operare per la formazione e la riqualificazione professionale. 3.3 Programmi Integrati Ambiente Cultura Turismo In questo territorio ricadono tre delle aree di programmazione integrata, di cui alla legge regionale n.40/1999: Monti Ausoni, Golfo di Gaeta e Monti Aurunci e il programma della Valle del Liri. 3.3.1 Il Programma Integrato Valle del Liri. Con D.G.R. n° 357 del 07.05.1997 è stata approvata l’intesa istituzionale di programma tra la Regione Lazio ed i seguenti Comuni: Aquino, Arce, Arpino, Castelliri, Castrocielo, Castro Dei Volsci, Ceprano, Cervaro, Colfelice, Colle S. Magno, Esperia, Falvaterra, Isola del Liri, Pastena, Pico, Pignataro Interamna, Pofi, Pontecorvo, Rocca d ’ARCE, Roccasecca, S. Ambrogio sul Garigliano, Sant'Apollinare, Sant'Elia Fiumerapido, S. Giovanni Incarico, Santopadre, Sora, Terelle Villa S. Lucia. E’ in corso di elaborazione il relativo piano di attuazione, da realizzare tramite apposito Accordo di programma 3.3.2 Programma integrato Monti Ausoni Il programma, del quale in questo ambito fa parte i comuni di Campodimele e Sperlonga, ha portato alla individuazione del Comprensorio come area di programmazione integrata ex L.R. 40/99, nella graduatoria per l’anno 2000 approvata con DGR 226 del 01/03/2002. 3.3.3 Programma integrato Golfo di Gaeta e Monti Aurunci Il programma, del quale in questo ambito fanno parte i comuni di Castelforte, Fondi, Gaeta, Itri, Lenola, Minturno, Monte San Biagio, Santi Cosma e Damiano, Spigno Saturnia e Ventotene, ha portato alla individuazione del Comprensorio come area di programmazione integrata ex L.R. 40/99, nella graduatoria per l’anno 2000 approvata con DGR 226 del 01/03/2002. 14
  15. 15. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 3.4 Programma comunitario L.E.A.D.E.R. II L’ambito è interessato da alcuni programmi locali (P.A.L.) avviate in attuazione del programma comunitario LEADER II. 3.4.1 Piano di azione locale “XIV e XV Comunità montana del basso Lazio”. Il piano di azione locale è stato promosso dalla XIV e XV Comunità Montane, ed interessa i seguenti comuni della provincia di Frosinone: Arce, Atina, Belmonte Castello, Casalattico, Casalvieri, Cervaro, Colfelice, Fontana Liri, Rocca D’Arce, Roccasecca, Sant’Elia Fiumerapido, Santopadre. Gli obiettivi generali del P.A.L. della zona sopra menzionata sono: − Stabilizzare la popolazione residente; − Sviluppare l’economia agricola, il turismo rurale; − migliorare e valorizzare l’ambiente e le produzioni tipiche. Al fine di perseguire gli obiettivi generali sono stati individuati obiettivi specifici quali: − Consentire una diversificazione delle attività agricole; − Migliorare il valore aggiunto per unità lavorativa; − Innovare il comparto manifatturiero; − Sviluppare il settore turistico consentendo l’integrazione con il sistema dei beni culturali ed ambientali. Per poter conseguire ed attuare gli obiettivi sopra menzionati vi è la necessità di strumenti efficaci quali: − Assistenza tecnica. − Formazione professionale − Turismo rurale − Valorizzazione delle produzioni agricole locali − Miglioramento ambientale e qualità della vita 3.4.2. Piano di azione locale "Il Golfo e le Isole Pontine". Il Piano di azione locale del Golfo e delle isole pontine, che comprende quattro comuni che fanno parte dell'Ambito n.8 (Itri, Spigno Saturnia, Minturno e Ventotene), si pone l’obiettivo di sviluppare le aree interne attraverso la loro rivitalizzazione economica e produttiva. L’obiettivo generale può essere conseguito attraverso i seguenti obiettivi specifici: - Promuovere la risorsa ambientale; 15
  16. 16. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” - Valorizzare le produzioni tipiche della zona; - Consentire una migliore fruizione del patrimonio storico, archeologico e culturale; - Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 Consentire la messa in rete di servizi specifici per la comunità; Effettuare interventi di formazione volti ad ottenere una riqualificazione delle professionalità. 3..4.3 Piano di azione locale “Versante laziale del Parco Nazionale D’Abruzzo”. Il Piano di azione locale del “Versante laziale del Parco Nazionale D’Abruzzo” comprende i seguenti comuni che fanno parte dell’ambito n. 8: Alvito, San Donato Val Comino, Gallinaro, Settefrati, Picinisco, Villa Latina, Vallerotonda, San Biagio Saracinisco. Il sistema territoriale interessato è costituito dal settore pedemontano e montano della Valle del Comino, che rappresenta un’area di grande valenza ambientale, compresa tra il Parco Nazionale d’Abruzzo e la riserva Regionale del Fibreno. Gli obiettivi generali del PAL sono : - Sviluppare le aree interne attraverso la rivitalizzazione del settore economico e produttivo attraverso la promozione del bene ambientale; - Creare una rete di servizi per diversi settori. Gli obiettivi generali possono essere conseguiti attraverso i seguenti obiettivi specifici: - Valorizzare le produzioni tipiche; - I beni storici, archeologici, culturali; - Riqualificare le professionalità. 3.5 Programmi locali di sviluppo In questo ambito territoriale alcuni Enti locali e/o organizzazioni territoriali hanno autonomamente provveduto a definire programmi di sviluppo locale. 3.5.1 Piano di sviluppo d’area 2000/2006 In data 8 marzo 2001 nella sede del Comune di Minturno (capofila) si sono riuniti i seguenti enti: Minturno, Castelforte, Spigno Saturnia, SS.Cosma e Damiano, Amministrazione Provinciale di Latina, Consorzio A.S.I. Sud-Pontino. In quella sede hanno approvato e sottoscritto l'Accordo di Programma per la realizzazione del Piano di Sviluppo d'Area, con i seguenti obiettivi: - Garantire le condizioni essenziali di qualità ambientale, sicurezza fisica e agibilità del territorio; - Assicurare la realizzazione ed il funzionamento delle reti materiali ed immateriali; - Promuovere lo sviluppo dei sistemi locali; 16
  17. 17. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” - Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 Migliorare la competitività del sistema delle imprese. In rapporto agli obiettivi precedentemente individuati, discendono le seguenti strategie: - Tutela del contesto ambientale e culturale; - Potenziamento delle reti materiali ed immateriali; - Valorizzazione dei sistemi locali; - Miglioramento della competitività delle imprese. 3.5.2 Piano di sviluppo locale “Antica via Latina”. Il programma, approvato il 24/01/2002, comprende quattro comuni ricadenti nel sistema numero 8 (Castrocielo, Arce, Colfelice, Rocca D’Arce) e si pone l’obiettivo di realizzare un Sistema Turistico Integrato in grado di: 1) Sviluppare le potenzialità turistiche attraverso il recupero e la valorizzazione del loro patrimonio culturale e ambientale; 2) Incrementare e riqualificare il patrimonio ricettivo pubblico, in stretto collegamento con quello privato, attraverso un sistema di progetto integrati; 3) Promuovere uno sviluppo economico, imprenditoriale e occupazionale del territorio che punti sulla valorizzazione ambientale, culturale e turistica. Il piano strategico locale “Antica Via Latina” individua le seguenti linee strategiche: 1) Valorizzazione storico- culturale - ambientale; 2) Valorizzazione centri storici. Tutte e due le strategie ipotizzate si basano su due livelli di azione: - politica dei piccoli passi, per uno sviluppo graduale ma immediato. In questo modo le amministrazioni possono utilizzare da subito i fondi previsti dalle varie fonti di finanziamento senza ricorrere ad altre progettazioni; - Politica di progettazione di opere “start”, per completare il percorso avviato e per progettare interventi capaci di catalizzare l’interesse di operatori privati e di garantire un “salto in avanti” dell’intera zona. 17
  18. 18. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 3.6. Sinergie tra i vari programmi. I vari programmi avviati in questo ambito, si propongono obiettivi coordinati con gli obiettivi del Piano d’Area di attuazione del DOCUP Ob.2 2000-2006, nelle seguenti tematiche: - incremento delle strutture e valorizzazione delle risorse ambientali storico paesaggistiche e con la creazione di numerose opere per il tempo libero; - la rete di infrastrutture viarie che devono essere potenziate per poter consentire un facile accesso anche alla struttura produttiva industriale e terziaria . 18
  19. 19. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 ELENCO PROGETTI FINANZIATI ANNUALITÀ 2001-2002 19
  20. 20. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” AMBITO TERRITORIALE N° COMUNE N° PROG. Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 8 TITOLO DESTINAZIONE LIVELLO DISPONIBILIT URBANISTICA PROPOSTA A' AREA conforme difforme SPESA PUBBLICA DOCUP COSTI TOT dopo già sost. 27/11/00 da sost. Soggetto Proponente ALTRI 10 67.631 % 608.680 SOTTOMISURA III.1.1 OBIETTIVO 2 8.377 Strutture collegate al porto di Gaeta opere di completamento: Palazzina per uffici e servizi portuali nell'area di Appalto movimentazione e sosta merci-Porto assegnato do Gaeta. Completamento area movimentazione e sosta merci II lotto Consorzio Sviluppo Regionale Sud pontino X 676.311 676.311 Consorzio Sviluppo Regionale Sud pontino Gaeta Formia 8.380 Completamento strutture collegate al Porto di Gaeta. Riattivazione del tronco del raccordo ferroviario Formia - Centro Intermodale Bando d'appalto FS convenzione già stipulata con Consorzio Sviluppo Sud Pontino X 4.013.477 4.013.477 10 3.612.13 401.348 % 0 Cassino (FR) 8.98 Completamento 2° lotto infrastrutture zona ASI Progetto esecutivo Proprietà comunale X 1.607.877 1.607.877 10 1.447.08 160.788 % 9 8.186 Progetto di completamento di opere di urbanizzazione primarie aree artigianali-commerciali-SS Casilinaagglom. Ind - Pittoni Progetto esecutivo Proprietà comunale X 297.891 297.891 Perlato di Coreno Coreno Ausonio 8.331 Realizzazione del Centro Servizi per la valorizzazione del "Perlato"in loc."Campocese" lotto di completamento (A/2 fase -B) Progetto definitivo Esproprio in corso X 1.191.141 1.191.141 Villa S. Lucia (FR) 8.182 Rifacimento ponte sulla ferrovia Definitivo X 500.963 500.963 8.287.660 8.287.660 Consorzio Sviluppo Regionale Sud pontino Gaeta (capofila) Villa S. Lucia (FR) SUBTOTALE III.1.1 OB.2 10 29.789 % 268.102 50 595.570 595.570 % 10 50.096 % 450.867 6.982.43 8 20
  21. 21. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 SOTTOMISURA III.1.1 SOSTEGNO TRANSITORIO Piano d'Area denominato "Riviera di Tiberio" Sperlonga - Comune capofila - (LT) 8.256 Lavori di urbanizzazione primaria tratto Lagolungo-Salette- II stralcio Lavori ultimati Proprietà comunale X 69.818 69.818 69.818 0 SUBTOTALE III.1.1 S.T. 69.818 69.818 0 TOTALE MISURA III.1.2 8.357.478 10 % 69.818 8.287.660 6.982 62.836 62.836 7.045.27 4 note: Prog. raccordo ferroviario (380) unico appalto costo totale € 8.776.498 note: nel prog.377 (Gaeta) le opere di urbanizzazione secondaria saranno finanziate al 50% 21
  22. 22. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” AMBITO TERRITORIALE N° COMUNE N° PROG. Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 8 TITOLO DESTINAZIONE LIVELLO DISPONIBILITA' URBANISTICA PROPOSTA AREA conforme difforme SPESA PUBBLICA DOCUP COSTI TOT già dopo sost. 27/11/00 da sost. Soggetto Proponente ALTRI SOTTOMISURA III.1.2 OBIETTIVO 2 Minturno (LT) Fondi(LT) Piano d'area "Perlato di Coreno" S.Giorgio a Liri (FR) Fontana Liri (FR) Cassino Realizzazione di un Parco Robinson mediante recupero di edifici di proprietà comunale - Minturno zona S. Lucia Progetto esecutivo Proprietà comunale X 232.406 Centro documentazione della bonifica delle paludi di Fondi. 8.274 Sistema di musealizzazione delle mwccaniche idrauliche eregimentazione delle acque Progetto esecutivo Proprietà comunale X 2.200.000 2.200.000 10% 220.000 1.980.000 2.479.000 2.479.000 10% 247.900 2.231.100 8.16 232.406 10% 23.241 209.165 8.363 Centro polifunzionaleper servizi socio sanitari e culturali Progetto esecutivo Proprietà comunale 8.133 Recupero e riuso di un edificio scolastico in via Fiume da destinare alla creazione di nuovi servizi sociali finalizzati al sostegno della famiglia e dei giovani Progetto esecutivo Proprietà comunale X 420.000 8.93 Sala Polivalente Completamento I Lotto progetto esecutivo Proprietà comunale Università di Cassino x 1.644.399 1.644.399 10% 164.440 1.479.959 6.975.805 6.975.805 SUBTOTALE III.1.2 OB.2 420.000 10% 42.000 378.000 6.278.224 note: Fondi (274) richiesti € 5.225.000 note: Cassino prog. 93 (1.747.690-103.291= 1.644.339) 22
  23. 23. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 23
  24. 24. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” AMBITO TERRITORIALE N° COMUNE N° PROG TITOLO Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 8 DESTINAZIONE LIVELLO DISPONIBILITA' URBANISTICA PROPOSTA AREA conforme difforme INTERVENTI SPESA PUBBLICA STRAORDINARI DOCUP COSTI TOT già dopo sost. 27/11/00 da sost. Soggetto proponente ALTRI SOTTOMISURA III.2.2 OBIETTIVO 2 Formia (LT) 8.06 XV Com. Mont. 8.187 Arce Realizzazione di due campi sportivi progetto esecutivo Proprietà comunale X 388.400 P.R.M. AurunciSud PontinaPRUSST 388.400 10% 38.840 349.560 Formia- Golfo di Gaeta e M. AurunciPr.Int.Litorale Guida architettura rurale progetto esecutivo Proprietà comunale X 65.074 R.N. Antiche 65.074 10% 6.507 58.567 città- FrosinoneValle del Liri 453.474 453.474 SUBTOTALE III.2.2 OB.2 408.127 24
  25. 25. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” AMBITO TERRITORIALE N° COMUNE N° PROG. Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 8 TITOLO DESTINAZIONE LIVELLO DISPONIBILITA URBANISTICA PROPOST ' AREA A conforme difforme SPESA PUBBLICA DOCUP COSTI TOT dopo già sost. 27/11/00 da sost. 77.500 77.500 77.500 0 INTERVENTI STRAORDINARI Soggetto proponente ALTRI 10% 7.750 69.750 R.N. Antiche città Frosinone- Valle del Liri SOTTOMISURA III.2.3 OBIETTIVO 2 XV Comunità Montana "Valle del Liri" Arce, Arce (FR) Museo della Valle del Liri - un sistema espositivo e di informazione per il lavori 8.195 completati territorio- lavori di consolidamento strutturali già realizzati Itri (LT) XV Comunità Montana "Valle del Liri" Arce, Arce (FR) Museo del Brigantaggio Museo della Valle del Liri - un sistema espositivo e 8.194 di informazione per il territorio progetto esecutivo proprietà comunale progetto esecutivo X 350.000 350.000 10% 35.000 315.000 X proprietà comunale P.R.M. Aurunci Sud PontinaPRUSST Formia Golfo di Gaeta e M.Aurunci- Pr. Int.Litorale 280.600 280.600 10% 28.060 252.540 R.N. Antiche città Frosinone- Valle del Liri sic- Frosinone Piano d'area Lavori di completamento "Perlato di del recupero del Castello 8.337 Coreno" Medievale "Museo di Ausonia (FR) Storia della Pietra" Progetto esecutivo Proprietà comunale X 258.230 258.230 10% 25.823 232.407 Ristrutturazione Museo Arte Orafa progetto esecutivo proprietà comunale X 387.652 387.652 10% 38.765 348.887 Cervaro (FR) 8.116 Valle del Liri 25
  26. 26. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Restauro, risanamento Le città del conservativo e recupero Golfo e funzionale dell'edificio"Il l'Isola di 8.570 Semaforo" in loc. Ulivi da Ventotene adibire a Museo Ventotene Naturalistico e (LT) Osservatorio Ornitologico SUBTOTALE III.2.3 OB.2 Progetto esecutivo Proprietà comunale Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 X 1.220.00 0 2.573.98 2 1.220.000 10% 122.000 1.098.000 77.500 2.496.482 R.N. S. Ventotene S.St. -Golfo di Gaeta e M. Aurunci Pr.Int.Litorale 2.316.584 26
  27. 27. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” AMBITO TERRITORIALE N° COMUNE N° PROG Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 INTERVENTI STRAORDINARI 8 TITOLO DESTINAZIONE LIVELLO DISPONIBILITA' URBANISTICA PROPOSTA AREA conforme difforme SPESA PUBBLICA DOCUP COSTI TOT già sost. dopo 27/11/00 da sost. Soggetto proponente ALTRI SOTTOMISURA III.2.4 OBIETTIVO 2 Piedimonte San Germano (FR) 8.139 Lavori di completamento e recupero centro storico lavori ultimati proprietà comunale X Pignataro Interamna (FR) Realizzazione di verde 8.536 attrezzato loc. San Pietro I lotto lavori in corso proprietà comunale X 259.104 68.172 68.172 Formia 8.497 Recupero P.zza S.Anna lavori in corso proprietà comunale X 361.519 361.519 lavori in corso proprietà comunale X 41.317 11.879 11.879 Patto TerritorialeFrosinone Patto Territoriale190.932 10% 19.093 240.011 Frosinone / Valle del Liri 361.519 Piano d'area "Perlato di Coreno" 8.345 (Ausonia capofila) - Castelnuovo Parano Opere di viabilità in loc. Borgo Casali SUBTOTALE III.2.4 OB.2 1.136.205 1.136.205 1.136.205 1.798.145 0 10% 0 29.438 10% 2.944 1.577.775 220.370 1.136.205 38.373 1.414.589 SOTTOMISURA III.2.4 SOSTEGNO TRANSITORIO Sperlonga (LT) 8.255 Riqualificazione area della fontana e via S.Rocco lavori ultimati proprietà comunale X 162.167 SUBTOTALE III.2.4 S.T. 162.167 TOTALE MISURA III 2.4 1.960.312 162.167 162.167 0 162.167 0 1.739.942 220.370 10% 0 162.167 Patto Territoriale-Sud Pontina / Litorale 162.167 1.576.756 27
  28. 28. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” AMBITO TERRITORIALE N° COMUNE N° PROG Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 8 TITOLO DESTINAZIONE LIVELLO DISPONIBILITA' URBANISTICA PROPOSTA AREA conforme difforme SPESA PUBBLICA DOCUP COSTI TOT già dopo da sost. sost. 27/11/00 Soggetto Proponente ALTRI SOTTOMISURA III.3.1 OB.2 Piano d'Area del parco naturale dei Monti Aurunci-Formia (LT) FORMIA Recupero strutturale e 8.452 funzionale dell'edificio (centro _ progetto esecutivo 77.468 77.468 10% 7.747 69.721 Recupero della Cisterna Maggiore a centro informativo visitatori 232.405 232.405 10% 23.241 209.165 SUBTOTALE III.3.1 OB.2 309.873 309.873 studi e documentazione ..."Angelo De Santis") prop. Comunale 278.886 28
  29. 29. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” AMBITO TERRITORIALE COMUNE N° PROG Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 N° 8 TITOLO DESTINAZIONE LIVELLO DISPONIBILITA' URBANISTICA PROPOSTA AREA conforme difforme SPESA PUBBLICA DOCUP COSTI TOT già dopo sost. 27/11/00 da sost. Soggetto Proponente ALTRI SOTTOMISURA III.3.2 OBIETTIVO 2 Piano di accesso e fruizione del Piano d'Area del parco naturale 8.454 territorio del Parco: area servizio " dei Monti Aurunci-Formia (LT) Monte Redentore" Piano di accesso e fruizione del Piano d'Area del parco naturale 8.453 territorio del Parco: area servizio " dei Monti Aurunci-Formia (LT) Acquaviva" Piano di accesso e fruizione del Piano d'Area del Parco Naturale 8.459 territorio del Parco: area servizio dei Monti aurunci-Itri (LT) "Campello" Piano di accesso e fruizione del Piano d'Area del Parco Naturale dei Monti Aurunci-Spigno Saturnia 8.468 territorio del parco in località “la (LT) valle” a Spigno Saturnia A.R.P. _ A.R.P. _ A.R.P. _ progetto esecutivo prop. Comunale 429.692 429.692 10% 42.969 386.723 progetto esecutivo prop. Comunale 258.228 258.228 10% 25.823 232.405 progetto esecutivo prop. Comunale 472.558 472.558 10% 47.256 425.302 progetto esecutivo prop. Comunale 389.924 389.924 10% 38.992 350.932 Prog. Definitivo 21.540 21.540 2.810 18.731 Prog. Definitivo 20.000 20.000 3.000 17.000 Prog. Definitivo 100.000 100.000 15.000 85.000 1.691.942 1.691.942 11.933 11.933 SUB TOTALE III. 3.2 S.T. 11.933 11.933 10.377 TOTALE MISURA III. 3.2 111.933 111.933 95.377 INTERVENTI GENERALI PROMOZIONE E MARKETING TERRITORIALE INTERVENTI LOCALIZZATI ALLESTIMENTO SHOWROOM NATURA IN CAMPO INTERVENTI LOCALIZZATI REALIZZAZIONE FATTORIE EDUCATIVE NATURA IN CAMPO SUBTOTALE III.3.2 OB.2 1.516.092 SOTTOMISURA III.3.2 SOSTEGNO TRANSITORIO A.R.P. _ INTERVENTI GENERALI PROMOZIONE E MARKETING TERRITORIALE Prog. Definitivo 1.557 10.377 29
  30. 30. DOCUP Ob. 2 2000-2006 – Asse III “Valorizzazione dei sistemi locali” Piano d’Area dell’ambito territoriale n. 8 30
  1. Gostou de algum slide específico?

    Recortar slides é uma maneira fácil de colecionar informações para acessar mais tarde.

×