Cosind monografia del quarantesimo

611 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
611
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
7
Actions
Shares
0
Downloads
2
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Cosind monografia del quarantesimo

  1. 1. Il territorio 4 COSIND
  2. 2. 1968 - 2008 Sommario Presentazioni 7 La Storia 12 La Storia – Organizzazione 38 Oggi – Organizzazione 39 Il COSIND oggi 40 Il COSIND domani 62 Foto aziende COSIND 72 Ferrovia Formia - Gaeta 84 a sinistra, in alto: agglomerato industriale Penitro in basso: veduta area portuale Gaeta 5
  3. 3. Il territorio 6 COSIND
  4. 4. 1968 - 2008 Presentazione Il 40° anno dall’Istituzione dell’Ente è forse una importante occasione per dare il giusto risalto a quanto è stato oggetto di programma e quanto invece è stato realizzato nel corso di questi lunghi anni. Mi è parso altresì giusto cercare di presentare un lavoro tante volte oscuro e tante volte anche oggetto di valutazioni politiche, ma che ha raggiunto traguardi ambiziosi e molti ne ha da raggiungere. Presidente Avv. Salvatore Forte Gli incontri previsti nella tre giorni di convegni organizzata in occasione dei festeggiamenti del 40° vedranno protagonisti molti giovani professionisti e questo sta a significare che molti altri giovani, professionisti e non, inizieranno a conoscere le problematiche dell’Ente e speriamo ne rimangano coinvolti per avere noi stessi nuove idee e nuova linfa. Questa monografia, cerca in maniera sintetica di rappresentare quella che ormai è la storia del nostro comprensorio, e ciò con riferimento agli atti degli anni ’60 e a piani e progetti che ci invitano alla sfida per i prossimi anni. Un vivo ricordo per chi mi ha preceduto e ora non c’è più, e un vivo ringraziamento a chi ha diretto l’Ente negli anni passati. Il ringraziamento va anche a Istituzioni, Comunali Provinciali Regionali Nazionali e Comunitarie, che ci hanno sostenuto amministrativamente e finanziariamente nelle nostre iniziative. Un mio ringraziamento alle Organizzazioni Imprenditoriali e Sindacali, verso le quali l’Ente è stato e sarà sempre disponibile ad ogni dialogo e confronto. Salvatore Forte a sinistra, Azienda nautica del comprensorio 7
  5. 5. Il territorio 8 COSIND
  6. 6. 1968 - 2008 Presentazione Le due date significative che questa monografia celebra, 1968 – 2008, mettono a confronto due presupposti insediativi completamente antitetici: in un primo tempo l’insediamento della grande industria, con tutto l’indotto, porto petrolifero, depositi, oleodotti, e grande occupazione; e oggi una piccola e media impresa artigianale che è sopravvissuta alla deindustrializzazione ed è andata via via evolvendosi. I processi insediativi della prima fase, forse, hanno bloccato per oltre vent’anni lo sviluppo della portualità commerciale e di riflesso hanno limitato l’espansione e la crescita. In quegli anni si esaurivano anche le produzioni vetrarie e dei manufatti per l’edilizia.  Direttore Gianpaolo Scalesse Questa sostanziale diversità si riscontra anche nelle previsioni urbanistiche dei due tempi, dapprima con pianificazione quasi esclusiva di tipo industriale e comunque rivolta alle attività produttive, la seconda più aperta verso il terziario e i servizi. La discontinuità delle due fasi ha bruciato molti investimenti e costretto a grandi riconversioni; persino l’agroalimentare ha esaurito i cicli produttivi vitali, consegnandosi al terziario commerciale. Inizia oggi una fase completamente nuova, quella della distrettualizzazione e della infrastrutturazione.  Le decisioni regionali sul Distretto della Nautica rappresentano un primo vero punto di riferimento dell’espansione produttiva ed il COSIND, con il progetto del Centro Internazionale della Nautica, si pone all’avanguardia nel settore nel centro Sud del Paese. Il corridoio tirrenico, la trasversale Tirreno-Adriatico e il raccordo ferroviario di penetrazione Formia-Gaeta rappresentano punti irrinunciabili per lo sviluppo di tutto il comprensorio. Occorre ora la spinta delle Istituzioni, dell’Imprenditoria e delle Forze Sociali per richiamare nuovi investimenti e offrire più moderne occasioni di lavoro. G. Paolo Scalesse a sinistra, Vedute storiche di Gaeta 9
  7. 7. COSIND Presentazione Presidente Regione Lazio Dott. Piero Marrazzo Assessore Regione Lazio Piccola e Media Impresa Commercio e Artigianato Dott. Francesco De Angelis Presidente della Provincia di Latina Dott. Armando Cusani Senatore Commissione Affari Costituzionali Dott. Claudio Fazzone 10
  8. 8. 1968 - 2008 Presentazione Gli strumenti urbanistici del COSIND sono al traguardo finale: l’approvazione nei prossimi giorni della Giunta e del Consiglio Regionale del Lazio, attesi ormai da troppo tempo. La distrettualizzazione industriale deliberata nei giorni scorsi rappresenta il punto di riferimento più opportuno per la ripresa produttiva di settori vitali come la Nautica, l’Agroalimentare, il Farmaceutico ed il settore Ittico. Le decisioni ormai convergenti sugli interventi infrastrutturali affidano alle Istituzioni, a tutti i livelli, decisioni coraggiose ed improrogabili. Regione Lazio Gli interventi finanziari proposti dal Presidente della Giunta della Regione Lazio, finalizzati al nostro territorio, possono rimettere in moto anche il meccanismo degli insediamenti produttivi. Le opere infrastrutturali minori, supportate dall’Amministrazione Provinciale presieduta dal Dott. Armando Cusani, completano il progetto di rilancio del Lazio meridionale. In tale contesto, l’azione promozionale della Camera di Commercio Industria Artigianato ed Agricoltura, da sempre componente attivo del COSIND, può condurre nel contesto internazionale le produzioni del territorio. Provincia di Latina Il compito più delicato compete ai Sindaci dei dodici Comuni del Consorzio, che si misurano quotidianamente con la crisi occupazionale soprattutto delle giovani generazioni. Fondamentale per lo sviluppo il ruolo di tutte le Associazioni Imprenditoriali, in un confronto positivo con il Sindacato e tutte le forze sociali. Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura 11
  9. 9. La Storia COSIND Quando si iniziò a parlare di Consorzio Industriale, nessuno aveva le idee chiare. Fu un gruppo di valenti imprenditori che operava nelle aziende nel frattempo insediate a Gaeta, che negli anni ’60 rappresentò alla Amministrazione Comunale la necessità di istituire un Ente, previsto dalle leggi per il Mezzogiorno, che potesse facilitare, secondo precise normative, l’insediamento di aziende e la realizzazione di opere di urbanizzazione in un quadro di sviluppo complessivo dell’area. Superato il vaglio politico a livello provinciale e regionale, iniziarono i confronti tra i partiti e furono scritti fiumi di inchiostro dai giornali dell’epoca nelle redazioni provinciali, il più delle volte senza uno specifico riferimento allo strumento Consorzio. Fu così redatto l’atto notarile di costituzione unitamente al Comune di Formia e all’Assoper, ma in sede di controllo il Comitato dei Ministri per il Mezzogiorno rilevò un banalissimo errore nel riportare il numero della legge di riferimento, tanto che fu necessario stipulare un secondo atto correttivo con la ripetizione del percorso per l’approvazione. Si perse oltre un anno, arrivò il Decreto Istitutivo con l’approvazione degli atti, e vi fu la nomina di un Commissario e vice Commissario da parte dell’allora Ministero dell’Industria. 12
  10. 10. 1968 - 2008 La Storia Quel ritardo fu fatale perché si arrivò alla nomina degli Organi consortili solo nel 1970 e perché il momento per inserirsi nella ripartizione dei fondi della ex Casmez non era più favorevole come alla fine degli anni sessanta. Dopo l’avvio con la partecipazione dei comuni di Formia e Gaeta, in maniera sollecita vi è stato l’ampliamento ai 2 Comuni del Comprensorio e ciò ha favorito l’Ente perché ha potuto fronteggiare il drammatico processo di deindustrializzazione che nel ’91 è stato superiore al 50% nelle nostre zone, attraverso una programmazione favorevole alle piccole imprese. La grande impresa andò in crisi, ma gli operatori che erano insediati nelle nostre zone negli anni ’60 avevano dato a tante piccole imprese locali di costituirsi, inserirsi e crescere, per cui molti poterono sopperire alla diminuzione di commesse trovando sbocco in altre aree. La creazione di piccola imprenditoria locale fu una caratteristica specifica della nostra area, un dato difficilmente registrabile altrove. Oggi vedrei volentieri un rafforzamento dell’Assoper, con la partecipazione di tutta la imprenditoria del sud Pontino, perché il supporto di una forte Associazione potrebbe essere determinante per sostenere l’attuazione dei programmi dell’Ente. Giuseppe Calise 13
  11. 11. La Storia COSIND A metà degli anni cinquanta, tre eventi richiamarono l’attenzione delle Amministrazioni interessate e della classe politica della provincia di latina: - l’installazione della Plasmon alle porte della città di Latina; - l’insediamento petrolifero nella zona di Arzano, nella parte meridionale della città di Gaeta; - l’insediamento della “Mintoti”, fabbrica, milanese, di manufatti nella zona Castagneto di Formia. Queste tre realtà, pur di natura diversa, rappresentavano un segnale dell’interesse del mondo industriale verso Latina per la pianeggiante vastità territoriale anche dei Comuni vicini e verso il polo Gaeta-Formia per le esistenti reti ferroviaria e viaria e per il porto di Gaeta che poteva avere sviluppi di enorme potenzialità. La classe politica pontina affrontò il problema della industrializzazione per evitare complicazioni urbanistiche, economiche e sociali. La legislazione allora vigente e la competenza istituzionale della CasMez, prevedevano la individuazione di aree attrezzate e da attrezzare per insediamenti industriali attraverso la idonea redazione di Piani Regolatori. Dopo un periodo di discussioni, di incontri, di esitazioni, di perplessità non tutte disinteressate, all’inizio degli anni Sessanta si decise la costituzione di due entità, diverse per estensione territoriale e per le finalità da conseguire: l’”ASI” di Latina (Azienda Sviluppo Industriale) ed il Consorzio per il Nucleo Industriale Gaeta-Formia. Per la istituzione del Consorzio fu constatato, invero, scarso entusiasmo derivato dal fatto che non si capivano o non si volevano capire le motivazioni di carattere politico o perché c’era una diffusa disinformazione. La verità era molto semplice: attraverso uno specifico Piano Regolatore si individuavano aree che, attrezzate, avrebbero favorito un processo di sviluppo economico con la conseguente creazione di posti di lavoro. 14
  12. 12. 1968 - 2008 La Storia Certo, bisognava superare la legittima resistenza dei proprietari di terreni sottoposti alla procedura espropriativa molto meno lesiva di quanto apparisse a prima vista perché, in pratica, si riuscì sempre a trovare proposte di mediazione. Valga per tutti un esempio: quando il Comune di Formia chiese al Consorzio la procedura espropriativa per la costruzione del nuovo Mercato, furono sufficienti poche ore per giungere ad un accordo favorito dall’Ente acquirente (Comune di Formia) e dall’atteggiamento responsabile dei proprietari consapevoli della utilità dell’operazione. Comunque il Consorzio non ebbe vita facile. Iniziò ad operare con gli uffici della CasMez ormai in fase di estinzione e con l’Ente Regione che ne assumeva i poteri senza avere precise norme rapportate ai nuovi compiti affidati. Tale congiuntura legislativa-burocratica non fu certo favorevole al lavoro di un Ente cui mancò, in certi periodi, anche la possibilità di erogare gli stipendi ai propri dipendenti. Inoltre la realtà socio-economica subiva le conseguenze di una crisi gravissima della grande industria, impedendo, di fatto, ogni nuova iniziativa. In tale drammatico contesto, fortunatamente, studiosi ed economisti giunsero alla conclusione che bisognava favorire le iniziative delle piccole e medie industrie che nello scenario generale costituivano l’argine per evitare una crisi totale. Il Consorzio Industriale Gaeta-Formia, che nel frattempo era divenuto il “Consorzio Industriale del Sud Pontino”, fu intelligente interprete di tale indirizzo ampliando le proprie iniziative anche nel settore dei servizi utili al mondo operativo ed alle comunità dell’intero territorio. A quarant’anni dala Istituzione dell’Ente, i fatti concreti lasciano, nei tanti che hanno profuso impegno, la gratificazione e la consapevolezza di aver lavorato nell’esclusivo interesse delle popolazioni. E’ stata vinta una scommessa consacrata in un rogito notarile del dicembre 1967 con le firme del Sindaco di Gaeta, del Sindaco di Formia e degli imprenditori riuniti nella Assoper. Dott. Giovanni Matteis (Sindaco di Formia dal 1965 al 1970) 15
  13. 13. La Storia 16 COSIND
  14. 14. 1968 - 2008 La Storia 17
  15. 15. La Storia 18 COSIND
  16. 16. 1968 - 2008 La Storia 19
  17. 17. La Storia 20 COSIND
  18. 18. 1968 - 2008 La Storia 21
  19. 19. La Storia 22 COSIND
  20. 20. 1968 - 2008 La Storia 23
  21. 21. La Storia 24 COSIND
  22. 22. 1968 - 2008 La Storia 25
  23. 23. COSIND La Storia Giovanni VIOLA Tommaso PARASMO Gennaro SPARAGNA Nel quarantesimo anno dalla Istituzione del Consorzio per lo Sviluppo Industriale del Sud Pontino, si rivive il percorso compiuto da quanti hanno amministrato e lavorato in questo Ente. Un doveroso e commosso pensiero è rivolto a tre illustri Presidenti, vivi nel cuore di tutti noi. Tre personaggi che, pur diversi per formazione culturale, hanno trasmesso nel loro impegno le singole esperienze svolte in campo scientifico e professionale. Giovanni VIOLA Preside dell’Istituto Nautico “ G. Caboto” di Gaeta, uno dei piu’ illustri d’Italia. Presidente dell’Amm.ne Prov.le di Latina, ha scritto opere di natura scientifica sui problemi relativi alla fenomenologia climatica italiana. Ha retto il Consorzio dal 1971 al 1978 nel periodo forse più difficile. Lascia l’incarico dopo l’approvazione del P.R.G., ancora oggi vigente. 26
  24. 24. 1968 - 2008 La Storia Gennaro SPARAGNA Tommaso PARASMO Avvocato, già sindaco della città di Minturno e già Presidente del Comitato Regionale sugli atti dei Comuni della Provincia di Roma. Già Sindaco di Formia. L’attività pubblica e l’attività professionale, entrambe svolte con eguale impegno, logorano la sua forte fibra. Nel settembre del 1989, al termine di una giornata carica di tensione, muore fulminato da un infarto. Ricopre incarichi nell’attività politica, esperienza che gli consente di ottenere l’adesione di tutti i Comuni del comprensorio trasformando il Nucleo Gaeta – Formia nel Consorzio Industriale del Sud Pontino. La complessità del nuovo organismo viene gestita facilmente da Parasmo per l’ampia conoscenza che egli ha di tutte le realtà locali e comprensoriali. Il ricordo dei tre illustri Presidenti non esclude il doveroso ringraziamento agli onorevoli rappresentanti del Parlamento, alla Regione Lazio, alla Amministrazione Provinciale di Latina, ai Sindaci dei Comuni interessati, alla FICEI, ai componenti dei vari Consigli di Amministrazione, ai membri delle Assemblee Generali, al Personale dell’Ente e a tutti coloro che, con la gradita partecipazione, hanno voluto onorare il lavoro che dal 1968 ad oggi è stato svolto nell’esclusivo interesse delle nostre Comunità. 27
  25. 25. La Storia 28 COSIND
  26. 26. 1968 - 2008 La Storia 29
  27. 27. La Storia 30 COSIND
  28. 28. 1968 - 2008 La Storia 31
  29. 29. La Storia 32 COSIND
  30. 30. 1968 - 2008 La Storia 33
  31. 31. La Storia 34 COSIND
  32. 32. 1968 - 2008 La Storia 35
  33. 33. La Storia 36 COSIND
  34. 34. 1968 - 2008 La Storia 37
  35. 35. COSIND La Storia – Organizzazione 11 giugno 1973 n° 730523080/PI 23 maggio 1973 composizione organi amministrativi del Consorzio CAMERA DEI DEPUTATI Segretario Generale ROMA Si invia l’elenco dei componenti i vari organi amministrativi di questo Consorzio con l’indicazione dell’Ente da ciascuno rappresentato. Consiglio Generale: Comitato Direttivo: VIOLA dott. prof. Giovanni (Comune di Gaeta) VIOLA Giovanni Presidente CALISE dott. Giuseppe (Comune di Gaeta) CALABRO’ Mario Vice Presidente DI BENEDDETTO sig. Vito (Comune di Gaeta) GOTTI PORCINARI Carlo Membro DI DOMENICO rag. Gennaro (Comune di Gaeta) DI BENEDETTO Vito PERRONE sig. Dario (Comune di Gaeta) NARDELLA Pasquale SIMEONE sig. Pietro (Comune di Gaeta) OTTAVIANI Franco CALABRO’ dott. Mario (Comune di Formia) SARCHI Albertino CUCINOTTA sig. Franco (Comune di Formia) JANDOLI avv. Geppino (Comune di Formia) NARDELLA dott. Pasquale (Comune di Formia) NOCELLA avv. Pasquale (Comune di Formia) OTTAVIANI comm. Franco (Comune di Formia) GOTTI PORCINARI avv. Carlo (Ass.Operat.Econom.Basso Lazio) SARCHI dott. Albertino (Assoper – Basso Lazio) SIMEONE avv. Pietro (Assoper – Basso Lazio) SOCCODATO ing. Vincenzo (Assoper – Basso Lazio) 38
  36. 36. 1968 - 2008 Oggi – Organizzazione ORGANIGRAMMA CONSORZIO SVILUPPO INDUSTRIALE SUD PONTINO COSIND AL 2008 Presidente Avv. FORTE Salvatore Vice Presidente ASSAIANTE Benedetto Componenti Consiglio di Amministrazione D’ARCO Francesco DI MAGGIO Salvatore LA CROIX Leandro PARISELLA Luigi TADDEO Franco Direttore Dr. SCALESSE G.Paolo 39
  37. 37. Il COSIND Oggi COSIND Lavori sulla strada consortile Lavori sul piazzale antistante il COSIND a destra: vista del COSIND oggi 40
  38. 38. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi 41
  39. 39. Il COSIND Oggi 42 COSIND
  40. 40. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi Il Consorzio Sviluppo Industriale Sud Pontino ha partecipato, congiuntamente agli altri Enti interessati, alla predisposizione del nuovo Piano Regolatore Portuale del Porto di Gaeta, che è stato approvato da parte del Ministero dei Lavori Pubblici. La nuova proposta prevede: ulteriore sviluppo delle banchine per circa ml. 1000,00 con pescaggio di m. 10,00; ulteriori piazzali per movimentazione merci per circa mq. 60.000,00; ipotesi di svincolo a piani sfalsati con raccordo alla viabilità consortile. Attualmente il Porto è dotato di banchine aventi uno sviluppo di circa ml. 360,00 con pescaggio massimo di m.7,20 e piazzale con piattaforma refrigerata di circa mq. 40.000,00. 43
  41. 41. Il COSIND Oggi COSIND Agglomerato di Formia 44 COSIND
  42. 42. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi COSIND Agglomerato di Gaeta 45
  43. 43. Il COSIND Oggi COSIND Agglomerato di Minturno 46 COSIND
  44. 44. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi COSIND Agglomerato di Castelforte 47
  45. 45. Il COSIND Oggi COSIND Agglomerato di Formia Castagneto 48 COSIND
  46. 46. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi 49
  47. 47. Il COSIND Oggi 50 COSIND
  48. 48. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi 51
  49. 49. Il COSIND Oggi 52 COSIND
  50. 50. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi 53
  51. 51. Il COSIND Oggi 54 COSIND
  52. 52. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi 55
  53. 53. Il COSIND Oggi Il Centro Intermodale del Sud Pontino nasce con il preciso scopo di migliorare le movimentazioni nel Porto di Gaeta, inserendole in un sistema di logistica integrata, tale da costituire un insieme di intermodalità a servizio principalmente delle aree del Lazio, Campania, Abruzzo, Molise. Tale impostazione permetterà l’inizio dello sviluppo delle relazioni con il corridoio adriatico nel rispetto degli indirizzi programmatici già espressi sin dal 1990. Il sistema punta a raccordarsi con le aree adriatiche al fine di costituire una integrazione Tirreno-Adriatico con una penetrazione trasversale assolutamente assente nelle aree Centro Meridionali. Si uniranno così strategie ed interessi e inizierà a nascere l’efficienza del sistema nel suo complesso che andrà poi a confrontarsi ed implementarsi con gli altri sistemi laziali e delle Regioni interessate; venendo così a costituire di fatto quella rete che la programmazione regionale e nazionale è pronta a sostenere. 56 COSIND
  54. 54. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi 57
  55. 55. Il COSIND Oggi In coerenza con le direttive nazionali e per la particolare sensibilità mostrata dalle Amministrazioni Regionale e Provinciale, lo sviluppo della portualità ed intermodalità si sta realizzando nella convinzione che bisogna mantenere distinta la gestione delle infrastrutture e la prestazione dei servizi in modo che la prima attività abbia luogo in un contesto ispirato a finalità pubblicistiche, mentre la seconda si colloca nella dinamica delle attività privatistiche in senso stretto. Il centro Intermodale costituisce la base per l’attività dell’Ente e ad esso saranno destinate risorse per completare e perfezionare una base efficiente su cui poggiare un moderno sistema di trasporto e considerare altresì funzioni che gli attori del trasporto debbono compiere. Il Consorzio sta investendo risorse attinte al mondo finanziario oltre che all’intervento pubblico, ciò sta a significare che crede in uno sviluppo in tal senso in quanto deve ricavare, dalla attività gestionale delle infrastrutture realizzate, il necessario per ripianare i mutui contratti. Altro intervento che qualifica l’azione consortile è quello dela realizzazione di manufatti per le piccole attività (box artigianali di limitata estensione). Tale intervento è a sostegno di un settore che è nato e cresciuto in presenza della grande industria e che ha continuato con sacrificio ad operare sul mercato anche in tempi difficili e trae origini dalla necessità che tanti piccoli operatori hanno di trasferirsi da aree improprie (centri storici, zone agricole) ed essere così in grado di organizzare il lavoro nel pieno rispetto delle norme ambientali, sanitarie e di sicurezza sul lavoro. L’intervento complessivo dell’Ente è teso soprattutto a qualificare settori che erano nati spontaneamente e che hanno avuto una crescita difficile. Questo intervento è mirato a creare condizioni ambientali per le imprese di tipo moderno e con servizi idonei per un ordinato sviluppo. Da tali azioni l’Ente trarrà importanti risorse che serviranno alla vita del Consorzio ed alla predisposizione di ogni iniziativa che rientra nei propri compiti preordinati allo sviluppo ed alla occupazione. 58 COSIND
  56. 56. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi 59
  57. 57. Il COSIND Oggi 60 COSIND
  58. 58. 1968 - 2008 Il COSIND Oggi 61
  59. 59. Il COSIND Domani COSIND L’approvazione da parte degli Organi Nazionali e Regionali ed il finanziamento già assegnato per il ripristino della bretella ferroviaria Formia-Gaeta hanno consentito la predisposizione di un progetto generale per la riconversione produttiva dell’area compresa tra la raffineria e la sede consortile in località Vivano a Gaeta. Su una superficie di circa mq. 175.000, con soluzioni edilizie alla base della vallata, sviluppate attorno all’attuale sede consortile, sorgerà il Centro Internazionale della Nautica. 62
  60. 60. 1968 - 2008 Il COSIND Domani 63
  61. 61. Il COSIND Domani COSIND Il complesso si inquadra nelle previsioni formulate dalla Regione Lazio del Distretto della Nautica, che trova nel Sud Pontino il punto di maggiore forza. In un settore destinato ai cantieri troveranno finalmente spazio le strutture di produzione, liberalizzando, finalmente, alcune banchine poste sul Litorale, destinandole ad usi maggiormente orientati allo sviluppo turistico. Le soluzioni architettoniche previste per il complesso consentiranno ai cantieri di implementare le stazze dei natanti e di migliorare la qualità degli ambienti di lavoro. La vicinanza alle banchine di varo delle imbarcazioni e il dispiegamento degli approdi turistici del Golfo faciliteranno le operazioni quotidiane di manovra. 64
  62. 62. 1968 - 2008 Il COSIND Domani 65
  63. 63. Il COSIND Domani 66 COSIND
  64. 64. 1968 - 2008 Il COSIND Domani Un terzo settore è dedicato all’accoglienza extra-alberghiera per consentire un rapporto diretto tra operatori, visitatori e clienti armonico e circoscritto, con il supporto di sistemi moderni per meeting e presentazioni. Al centro del complesso è previsto un moderno sistema di uffici-laboratori per l’articolazione di tutte le moderne tecnologie orientate alla progettazione, alla produzione, alla promozione e alla commercializzazione dei prodotti nautici. La previsione in cima alla collina di una struttura moderna di eliporto, con regolare stazione doganale, faciliterà le operazioni di collegamento con gli aeroporti di Roma e Napoli, oltre quello con le isole del Tirreno. La prevista soluzione Pedemontana, che in futuro consentirà l’accoglimento dei mezzi e delle persone, dal lato Itri fino al complesso attraverso la strada consortile, sgraverà ulteriormente il traffico sul lungomare. La previsione occupazionale, oltre alla quantità di addetti di alta qualificazione professionale, garantirà specializzazioni superiori alle attuali qualifiche. Proprio in tale prospettiva, finanziate dall’INAIL e da FONDIMPRESA, sono già iniziati processi formativi sia di qualificazione che di riqualificazione, orientati ai processi progettuali e produttivi, nonché a quelli destinati alla movimentazione dei natanti. Il progetto è stato accolto dai maggiori cantieri del territorio, che hanno già sottoscritto l’accordo di programma, facilitando in questo modo anche l’accesso ai finanziamenti pubblici. 67
  65. 65. Il COSIND Domani COSIND Il trend di crescita esponenziale in Italia della produzione nautica presuppone investimenti orientati alla qualità. In questo senso devono agire da developer sia il Distretto che il Centro Internazionale della Nautica. La struttura garantirà anche la unitarietà dei servizi a supporto e tutto il sistema del ricambismo, di cui si rende necessaria la prossimità agli approdi. L’avvio del Centro Internazionale della Nautica genererà effetti su tutta l’economia del territorio, con un effetto volano nel settore turistico. In tale prospettiva è stato disegnato l’arredo urbano interno al centro, predisponendo una vivibilità ed accoglienza qualificate. 68
  66. 66. 1968 - 2008 Il COSIND Domani 69
  67. 67. Il COSIND Domani 70 COSIND
  68. 68. 1968 - 2008 Il COSIND Domani La penetrazione ferroviaria all’interno del complesso ne renderà agevole l’accesso sia alle persone che ai materiali, eliminando il pesante affollamento dei mezzi gommati sulla Statale Formia-Gaeta. 71
  69. 69. Foto aziende COSIND 72 COSIND
  70. 70. 1968 - 2008 Foto aziende COSIND Fasi infusione coperta dello scafo 73
  71. 71. Foto aziende COSIND 74 COSIND
  72. 72. 1968 - 2008 Foto aziende COSIND 75
  73. 73. Foto aziende COSIND COSIND Allestimenti auto mediche Ambulanze Furgonature isotermiche 76
  74. 74. 1968 - 2008 Foto aziende COSIND 77
  75. 75. Foto aziende COSIND 78 COSIND
  76. 76. 1968 - 2008 Foto aziende COSIND Tipografia industriale 79
  77. 77. Foto aziende COSIND COSIND Imballaggi per l’ortofrutta 80
  78. 78. 1968 - 2008 Foto aziende COSIND 81
  79. 79. Foto aziende COSIND 82 COSIND
  80. 80. 1968 - 2008 Foto aziende COSIND 83
  81. 81. Ferrovia Formia – Gaeta 84 COSIND
  82. 82. 1968 - 2008 Ferrovia Formia – Gaeta 85
  83. 83. COSIND Ferrovia Formia – Gaeta LA FERROVIA SPARANISE-GAETA E LA DIRETTISSIMA GAETA-VELLETRI Inaugurata il 4 maggio 1892 di Cosmo Damiano Pontecorvo Con una solenne cerimonia venne inaugurata il 4 maggio 1892 la Ferrovia Sparanise-Gaeta. Essa collegava le Stazioni di Maiorisi, Carinola, Cascano, Sessa Aurunca, S. Cosma e Damiano (Castelforte e Suio), Minturno, Formia e Gaeta. “Il suo percorso rappresentò la migliore soluzione sotto ogni profilo. Venivano serviti molti centri importanti, il cui sviluppo fu accentuato dalla nuova disponibilità di mezzi di locomozione” (1). Il tracciato aveva una lunghezza di 59,370 chilometri ed ebbe una importanza rilevante per tutta l’economia della ferace zona, posta a Nord di Terra di Lavoro. La massima altitudine , a Cascano, era di metri 204 sul livello del mare. La pendenza era del 25 per mille. Una richiesta infruttuosa venne avanzata, nel 1888, di Castelforte (Caserta) al Ministro dei Lavori Pubblici “ per una stazione ferroviaria ai bagni termominerali della borgata Suio” (“Il Golfo”, n. 43, del 30 settembre 1976, pp. 11-12). La ferrovia Sparanise-Gaeta era servita da alcune coppie di treni, che trovavano, a Sparanise, la coincidenza con Napoli Caserta e Roma. Nel 1943 tutta la ferrovia venne minata dai tedeschi e venne distrutto anche il Ponte dei Vignali. I Comuni di Coreno Ausonio, Ausonia, Castelnuovo Parano facevano capo alla Stazione di Grunuovo di SS. Cosmo e Damiano. I lavori di ricostruzione iniziarono nel 1950. Ma il Tratto Cellole-SS. Cosma e Damiano-Minturno non venne ripristinato. La “littorina” giungeva da Maiorisi, a Cascano, a Sessa Aurunca, a Cellole, a Minturno, a Formia ed a Gaeta. Nell’anno 1957 venne disattivato il tratto Sparanise-Formia. Rimase in funzione il tratto Gaeta-Formia. Nel 1966 si deci- 86 se di abolire il servizio sull’ultimo tronco. Venne disposto il servizio INT (Istituto Nazionale Trasporti) tra Formia e Gaeta, per i viaggiatori. Rimase in funzione il servizio merci. Con la data del 1 aprile 1981 la ferrovia venne definitivamente soppressa. La proposta di istituzione di un tronco di ferrovia “detta da Teano allo Stato Pontificio” risulta agli atti del Consiglio Provinciale di Caserta dell’anno 1883, su istanza del consigliere Nicola Conca di Gaeta, che citava una delibera del Consiglio comunale della città, del 18 settembre 1863, accolto dal Consiglio Provinciale, la cui proposta venne ascoltata dal governo e trovò consacrazione nella legge 29 luglio 1879, n. 5002 (2). Con la istituzione della Direttissima Napoli-Roma l’importanza della ferrovia diminuì d’importanza. Ma funzionò e servì utilmente, tuttavia, tutti i centri aurunci. … Cosmo Pontecorvo, La ferrovia Sparanise-Formia-Gaeta. E la storica “tratta” divenne un “ramo secco”; Cfr. anche Cosmo Pontecorvo, Con una delibera del 1863 di Gaeta e di Terra di Lavoro. Istituita dall’Amministrazione Provinciale di Terra di Lavoro la ferrovia Sparanise-Gaeta, “Il Golfo”,n. 12/88, pp. 8-9. Cfr. altresì, Cosmo Pontecorvo. Deve diventare una Metropolitana di superfice. La vecchia ferrovia Sparanise Gaeta ed un progetto per collegare Gaeta e Cassino, “Il Golfo”, n. 3-4/)2, pp. 8-9; Idem, Ibidem, Il Comune di Minturno auspica la realizzazione della Direttissima Roma-Napoli (Delibera del 15 settembre 1886). Cosmo Pontecorvo. Con deliberato del 1863 di Gaeta e di Terra di Lavoro. Istituita dall’Amministrazione Provinciale di Terra di Lavoro la Ferrovia Sparanise –Gaeta, “Il Golfo”, n.12/88, pp. 8-9 citata.Cfr. Carlo Marcantonio Tibaldi, La Ferrovia Sparanise-Gaeta e la Direttissima Gaeta-Velletri, “Il Golfo”, in corso di stampa.
  84. 84. 1968 - 2008 Ferrovia Formia – Gaeta 87
  85. 85. Realizzazione COPI srl (www.copisrl.it) Coordinamento, segreteria e supervisione editoriale, Sig.ra Clide Rak Progetto grafico, impaginazione e fotografia Alchimedia ( www.alchimedia.org) Grafica 3D Dott. Enrico Rossi Zambotti. Marchi e logotipi COSIND Tre Bit comunicazione Testi: Avv. Salvatore Forte Dott. G. Paolo Scalesse Prof. Luigi Cocomello Stampa: Graficart (Formia) Per la cartografia urbanistica si ringrazia l’Amministrazione Provinciale di Latina. Per il contributo storico, ferrovia Spranise – Gaeta si ringrazia il Dott. Cosmo Pontecorvo. La presente pubblicazione non è a fini di lucro è pertanto tutti i diritti fotografici restano dei rispettivi proprietari. © COSIND (Gaeta) è fatto divieto di riproduzione anche parziale dell’opera Realizzato a Formia – Giugno 2008

×