Le tre ere_della_storia_umana_de_kerckhove_

731 views
650 views

Published on

Selezione di slide di de Kerkhove sulle tre ere della storia umana punteggiate con qualche appunto di cultura di genere.

0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
731
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
11
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le tre ere_della_storia_umana_de_kerckhove_

  1. 1. Le tre ere della storia umana
  2. 2. La teoria di Derrick de KerckhoveDe Kerckhove riprende e sviluppa l’idea di suddividere l’evoluzione della coscienza occidentale in tre momentifondamentali – tribale, moderno e globale - scanditi dall’emergere di altrettante tecnologie della comunicazione: l’oralità, la scrittura e l’elettricità.Un esempio di coscienza propria dell’era elettrica èrappresentato dal fenomeno dei blog...I blog, come dice de Kerckhove, sono l’anima del cyborg. Sono,in altri termini, la trasposizione della nostra coscienza nellospazio virtuale. Si tratta di una implicita ammissione che partedella nostra persona esiste oggi in forma digitale. Approfondimenti
  3. 3. Era tribale E caratterizzata dal mondo caldo dell’orecchio. Pone l’accento sulla parola orale, carica di sentimenti, emozioni e viva per colui che la riceve. L’uomo tribale, non letterato, vive in uno stato di intensaaccentuazione della sfera uditiva che invade tutta l’esperienza: sente la parola come forza viva e ne esalta il suo potere magico.E’ fortemente coinvolto nella vita della società a cui appartiene.
  4. 4. *La comunicazione tra donneNel frattempo, avevo riletto il primo capitolo di Blog-grafie, in cui DiFraia [p.31] riporta una frase della Collin in cui viene sottolineato chela comunicazione tra donne si nutre essenzialmente del confronto diracconti di vita, piuttosto che dell’urto reciproco delle idee...E, di nuovo, le parole di Blog-grafie [p.32], mi sono tornate allamente:Ricacciate, come Penelope, nelle stanze dei telai, sin dai tempiantichi esse hanno intessuto storie… Antica o moderna, la loro arte siispira a una saggia ripugnanza per l’astratto universale e consegueuna pratica quotidiana dove il racconto è esistenza, relazione eattenzione… da Blog maschi e blog femmina
  5. 5. *Il potere delle storie... Le storie sono medicine. Dalle storie rimasi catturata per sempre quando ne sentii raccontare una per la prima volta. Hanno un tale potere… non ci chiedono di fare, essere, agire: basta ascoltare. I rimedi per reintegrare o reclamare una pulsione psichica perduta si trovano nelle storie... Le storie sono disseminate di istruzioni che ci guidano nella Immagine: Magdalene Sun complessità della vita… da Donne che corrono coi lupi
  6. 6. Era meccanicaE caratterizzata da uno spirito scientifico e analitico. E’, grazie all’invenzione dei caratteri a stampa, l’era che maggiormente sintetizza l’estensione dell’occhio. L’uomo subisce una trasformazione radicale e passa dal mondo caldo dell’orecchio al mondo freddo e neutro dell’ occhio. La parola diviene un semplice significato mentale spesso mancante di un destinatario preciso. L’uomo dell’era meccanica non partecipa all’intero processo sociale, ma soltanto ad un passaggio. Le tecnologie specialistiche dell’era meccanica de-tribalizzano.
  7. 7. Dopo Gutenberg...
  8. 8. Conquest of selfDetachment of text from contextDetachment of reader from text Detachment of reader from contextAppropriation and privatization of languageThe silence of internal language become thought Privatization of the self
  9. 9. Internalization of consciousness
  10. 10. Internalization of space
  11. 11. Image of selfIl vaut mieux une tête bien faite qu’ une tête bien pleine Michel de Montaigne
  12. 12. *Scritture femminili e storiaNell’Italia dell’Ottocento la scrittura, un tempo appannaggio di ristrette élitefemminili, diviene pratica quotidiana, soprattutto nella forma del diario e, ancorpiù, della lettera, per molte donne della classe media. Un variegato sguardofemminile, dunque, lascia numerose tracce scritte che narrano la fase crucialedi costruzione della società nazionale.Il “lungo Ottocento” e, soprattutto, l’età liberale vedono, poi, un crescenteaccesso femminile alla scrittura pubblica: narratrici, saggiste, pubbliciste simoltiplicano e contribuiscono alla formazione dell’opinione pubblica e all’elaborazione della cultura nazionale.Ma gli scritti delle donne restano, molto spesso, oscuri o poco visibili al di là deicircuiti ristretti entro cui vennero prodotti: solo alle testimonianze maschili vienericonosciuto il compito di rappresentare la memoria storica nazionale. da Bibliostoria
  13. 13. Era elettricaCaratterizzata ad un ritorno allo spirito ed alle dinamiche sociali di tipo tribale, seppur su scala planetaria, tale era sintetizza l’estensione di tutti i sensi, in una sinestesia totale individuabile nel senso del tatto. La tecnologia elettrica non specialistica ri-tribalizza. L’uomo elettrico si ritrova a vivere in un unico spazio che risuona di tamburi tribali: il villaggio globale.
  14. 14. Nuova tribalizzazione?Ciò significa che i mezzi di comunicazione che sonoportatori o strumenti di questa nuova "tribalizzazione" sonodistanti, come principio di funzionamento, dalla scrittura, inquanto avvicinano gli attori della comunicazione invece didistanziarli, risultando più simili alloralità che alla scrittura.
  15. 15. Mark Ngui
  16. 16. The a versus the e-principlePage ScreenStatic DynamicAnalogical DigitalFrontal ImmersiveActualized VirtualizedEsplosive ImplosiveAbstract ConcreteDesensorialed MultimediaIcons as illustrations Icons as verbs
  17. 17. *Identità sessuale e informatica:alcune lezioni particolari (pp. 66-67)

×