• Save
Accessibilità dei testi per l'apprendimento: problemi di forma e di contenuto
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Accessibilità dei testi per l'apprendimento: problemi di forma e di contenuto

on

  • 2,036 views

Slides di supporto all'intervento nel convegno "Classi digitali, ebook, i-pad. La personalizzazione degli apprendimenti attraverso l’innovazione tecnologica.". Osimo, 30 maggio 2011. ...

Slides di supporto all'intervento nel convegno "Classi digitali, ebook, i-pad. La personalizzazione degli apprendimenti attraverso l’innovazione tecnologica.". Osimo, 30 maggio 2011.

Sitografia di approfondimento: http://www.delicious.com/MariaGraziaF/seminario_Ancona

Statistics

Views

Total Views
2,036
Views on SlideShare
1,658
Embed Views
378

Actions

Likes
2
Downloads
1
Comments
0

4 Embeds 378

http://speculummaius.wordpress.com 234
http://didalearn.bibienne.com 140
http://feeds.feedburner.com 3
http://www.slideshare.net 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

CC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike LicenseCC Attribution-NonCommercial-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Accessibilità dei testi per l'apprendimento: problemi di forma e di contenuto Accessibilità dei testi per l'apprendimento: problemi di forma e di contenuto Presentation Transcript

  • Classi digitali, ebook, ipad. La personalizzazione degli apprendimenti attraverso l’innovazione tecnologica.
    Osimo, 30 maggio 2011
    Accessibilità dei testi per l’apprendimento
    problemi di forma e contenuto
    Maria Grazia Fiore
    fiore.mariagrazia@gmail.com speculummaius.wordpress.com
  • Titolo come guida della discussione…
    1
    3
    2
    Accessibilità
    Problemi di forma e contenuto
    Testi per l’apprendimento
    … o, se preferite, come bandolo della matassa
  • Accessibilità
    Di cosa stiamo parlando?
    1
  • Qualche definizione utile
    Un contenuto è accessibile quando può essere usato da qualcuno con una disabilità
  • Qualche definizione utile
    Nel 2001, l’OMS perviene alla stesura di uno strumento di classificazione innovativo, multidisciplinare e dall’approccio universale alla disabilità (ICF).
    Il focus è sulla descrizione dello stato di salute delle persone in relazione ai loro ambiti esistenziali (sociale, familiare, lavorativo) al fine di cogliere le difficoltà che nel contesto socio-culturale di riferimento possono causare disabilità. 
  • Dalle definizioni alla relazione
    Relazione tra caratteristiche individuali e caratteristiche del contesto vitale
    accessibilità
    disabilità
  • I nostri focus
    Scuola come contesto organizzato per l’apprendimento for all
    Accessibilità dell’ambiente di apprendimento
    Difficoltà di apprendimento in età evolutiva
  • … e prendiamo ad esempio una scuola, domandandoci in che misura possa essere identificata come contesto organizzativo predisposto all’apprendimento “per tutti”.
    Poniamoci dunque quello che potremmo definire un problema di design for all.
    Partiamo dall’eliminare quelle barriere architettoniche che impediscono di fruire pienamente ed adeguatamente degli spazi e delle strutture di una scuola da parte di chi ha disabilità di tipo sensoriale o motorio. Ma non è finita qui…
    Partiamo allora da qui…
    Immagine: Raffaele Palma
  • Gli spazi di una scuola accessibile dovrebbero essere contrassegnati con pittogrammi
    Ostacoli visibili, invisibili o semplicemente ignorati…
    che rappresentino la funzione dello spazio in questione: bagno, mensa, biblioteca, palestra…
  • Ostacoli visibili, invisibili o semplicemente ignorati…
    Spazi auspicabilmente privi di quella luce al neon tanto diffusa nelle nostre scuole quanto potenzialmente deleteria per i
    soggetti fotosensibili a vario titolo (autistici, epilettici, persone con problemi di vista di diversa origine e gravità o che soffrono di cefalea).
  • Ostacoli visibili, invisibili o semplicemente ignorati…
    Continuando poi questa nostra ideale esplorazione della scuola accessibile, scopriamo che le aule dovrebbero poter essere riorganizzate in maniera adeguata ad accogliere chi ha difficoltà di concentrazione, riducendo al minimo gli elementi distraenti – inclusi quelli a cui non penseremmo (tipo le tendine della finestra che svolazzano) – ma anche evitando un numero eccessivo di alunni in spazi angusti.
  • …non basterebbe, perché non abbiamo ancora considerato la pietra angolare dell’organizzazione scolastica tradizionale: il libro di testo (a stampa).
    E se anche tutto questo venisse pensato…
  • 2
    Testi per l’apprendimento
    Come dovrebbero essere…
  • E il re rispose: “O ingegnosissimo Theuth, una cosa è la potenza creatrice di arti nuove, altra cosa è giudicare qual grado di danno e di utilità esse posseggano per coloro che le useranno. E cosí ora tu, per benevolenza verso l’alfabeto di cui sei [275 a] inventore, hai esposto il contrario del suo vero effetto. Perché esso ingenererà oblio nelle anime di chi lo imparerà…
    Critiche ante litteram…
    [dal Fedrodi Platone]
  • Ho già scritto e mostrato varie volte come la scuola sia organizzata intorno a una certa modalità di apprendimento, quella che si chiama "simbolico-ricostruttiva", a sua volta supportata da una certa tecnologia, quella della stampa. Le conoscenze sono formulate in un testo, vale a dire in un'estensione di linguaggio totalizzante e autosufficiente, tipicamente incarnato nella forma-libro.
    … e critiche post Gutemberg
    Questo testo è composto di simboli linguistici che vanno decodificati per ricostruire gli oggetti e le situazioni cui essi si riferiscono: questa ricostruzione avviene interamente nella mente e sempre nella mente si opera su di essa per elaborarla.
    [da Simulazione, computer e scuola di F. Antinucci]
  • Quando leggere diventa un problema
    Questa difficoltà riguarda i soggetti con dislessia - che risulta essere il disturbo dell'apprendimento con la più alta incidenza nella popolazione scolastica – ma non solo loro.
    «Anche i sordi e i bambini con altri handicap (neurosensoriali e non), hanno difficoltà nella lettura.Ci sono poi quelli che con un termine inglese vengono definiti "lazyreaders" (lettori pigri), che attraverso un libro con queste caratteristiche possono avvicinarsi più facilmente alla lettura. Bisogna poi considerare la crescente presenza di bambini non di madre lingua italiana, anche per loro è importante avere libri che li aiutino a leggere con piacere…»
    [da www.bianconeroedizioni.com]
  • Due livelli di leggibilità
  • «La leggibilità indica la precisione con cui il lettore può rispondere a delle domande, e non la qualità artistica del brano in questione. Ci occupiamo qui dell’efficacia del processo comunicativo in quanto comunicazione, e non della capacità dello scrittore di […] infiammare l’immaginazione”
    [Miller 1972, 188]
    Definire la leggibilità linguistica
  • «Uno dei percorsi possibili per controllare la comprensibilità dei testi scritti utilizzati nella scuola potrebbe essere quello che tiene conto dei vari sforzi che vengono fatti in vari ambiti per rendere la lingua scritta più diretta e più chiara…
    Queste esperienze, come ricorda Vedovelli (1994), si basano:
    sull’applicazione del concetto di "leggibilità" e su norme per la sua misurazione;
    su criteri di riscrittura dei testi che hanno il fine di aumentarne la comprensibilità.
    da L’abilità di lettura: leggibilità di un testo e proposte di facilitazione [rtf] di E. Jafrancesco
    Leggibilità dei testi per l’apprendimento
  • Misurare la leggibilità di un testo
    Èulogos CENSOR è un serviziocheanalizza la leggibilità del testo secondo l'indice GULPEASE, prima formula di leggibilitàtaratadirettamentesulla lingua italiana.Un esempio di scrittura ad altaleggibilitàsul web è ilmensiledue parole (http://www.dueparole.it/), i cui redattoriscrivonoarticoliusandoilVocabolario di Base e spiegando i termini che non vi compaiono.
     
    Inoltre, la redazioneapplicaanchealtricriteri di leggibilità, attinentiallagrafica (caratterigrandi, illustrazioniche non spezzanoiltesto, ecc.) e al modo di disporre i contenuti (riquadri di spiegazione, testo a nuovariga per ognifrase, ecc.).
     
    Criteri di leggibilità
  • Indice GULPEASE
    I lettori che hanno un’istruzione elementare leggono facilmente i testi che presentano un indice superiore a 80.
    I lettori che hanno un’istruzione media leggono facilmente i testi che presentano un indice superiore a 60.
    I lettori che hanno un’istruzione superiore leggono facilmente i testi che presentano un indice superiore a 40.
    Da Indici di leggibilità [pdf] di G. Modica
    Leggibilità e livelli di istruzione
  • Indice GULPEASE
  • «Dieci regole d’oro» [di G. Modica]
    Mantieni corte le frasi
    Preferisci il semplice al complesso
    Preferisci le parole familiari, più conosciute
    Evita le parole inutili
    Metti l’azione nei verbi
    Scrivi come parli
    Usa i termini che il lettore può descrivere
    Collegati alle esperienze del lettore
    Fai uso abbondante di varietà
    Scrivi per esprimere, non per impressionare
    Per risultare «leggibili»
  • Testi di esempio
  • 3
    Problemi di forma e di contenuto
    Le potenzialità del testo digitale
  • Tra i fattori in grado di influenzare la leggibilità del testo c’è anche l’aspetto grafico, inteso come:
    presenza di immagini, tabelle e disegni;
    organizzazione del testo in capitoli, paragrafi e sotto-paragrafi e la titolazione di queste partizioni;
    presenza di caratteri speciali per segnalare definizioni e lessico.
    L’aspetto grafico del testo
  • Tra gli utilizzi pertinenti delle immagini nell'apprendimento, va considerata in primo luogo la distribuzione non lineare del testonello spazio, come nel caso delle mappe.
    Tale distribuzione rende esplicite le relazioni tra i contenuti che lo strutturano.
    Esempio: la mappa della pagina di
    La disposizione del testo nella pagina
  • Il pensiero primitivo
    «Il nostro pensiero per immagini viene di norma percepito legato alle emozioni, privo di logica, frammentario e mescolato a impressioni e sensazioni provenienti da altri organi di senso che non siano la vista. In altre parole siamo tentati di guardare al pensiero per immagini come a un pensiero primitivo, magari simile a quello di una scimmia (vi siete mai chiesti come po’ pensare una scimmia?…), come al pensiero di un bambino che serve fino a quando, con l’uso della parola e della scrittura, non si sviluppi pienamente il pensiero verbale, e con esso la razionalità, la capacità di astrarre e di simbolizzare.»
    da Il linguaggio e le immagini di L. Catastini
  • Immagini per l’apprendimento
  • Ripartiamo dall’accessibilità
  • ?
    Ma…… i testi digitali dove sono?
    E noi, quando saremo pronti ad usarli?
  • Dalla pagina gutemberghiana all’ambiente di apprendimento
    Da alcuni anni ormai si parla di libri di scuola digitali, l’argomento sarebbe da considerare già vecchio (addirittura la normativa risale a tre anni fa e la prima proposta di legge risale al 2004) se non fosse che, nonostante i convegni, le innumerevoli discussioni online e in barba alla norma, nelle scuole di testi scolastici digitali non se ne vede ancora l’ombra.
    Perché? Questa lentezza nell’adozione di contenuti digitali è da addebitare, come si tende a fare, alla mancanza di adeguate strutture scolastiche? oppure alla mancanza di aggiornamento degli insegnanti? e, in definitiva, al progressivo disinvestimento culturale che il nostro paese opera ormai da anni?
    Sì, ma non solo. È che di testi digitali, nati per essere digitali e non rozze e parziali conversioni, non ce ne sono. Lo stato in cui versa la scuola italiana (vero) e la riottosità dei docenti (vera o presunta) sono ottimi pretesti per gli editori che remano contro per non proporre nulla di seriamente innovativo…
    [Noa Carpignano – BBN Editrice]
  • Grazie per l’attenzione!