C:\Documents And Settings\M Concetta\Desktop\Cultura\Blog Cultura Sviluppo\Ricercagreentravel 100222070413 Phpapp02
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

C:\Documents And Settings\M Concetta\Desktop\Cultura\Blog Cultura Sviluppo\Ricercagreentravel 100222070413 Phpapp02

  • 763 views
Uploaded on

green travel

green travel

More in: Business , Technology
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
763
On Slideshare
763
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. Il green travel nei portali di destinazione
    • IULM - Master in Tourism Management
    • VI edizione
    • Analisi portali e compilazione checklist a cura degli studenti MTM 6
    • Presentazione a cura di Irene di Raimondo, Dario Uscidda, Veronika Rauch, MTM 6
    UN CONFRONTO INTERNAZIONALE
  • 2.
    • Analisi della diffusione del green travel nei portali di destinazione in Italia e all’estero
    • CHIAVI DI LETTURA
    • diffusione del green travel
    • offerta di prodotti green
    • promozione delle strutture ricettive green
    • focus su: turismo accessibile
    • focus su: turismo “climate friendly”
    • benchmark internazionale
    • best practices
    OBIETTIVO DELLA RICERCA
  • 3.
    • CHECK LIST
    •  35 indicatori organizzati in 3 macroaree:
    • diffusione green travel
    • offerta di attività green
    • informazioni su ricettività green
    • TRIPLO CHECK
    • 3 diverse analisi di ogni portale, realizzate da 3 diversi ricercatori
    • GREEN SCORE
    • valutazione “score-based” dei singoli portali
    • 1 indicatore positivo = 1 punto, punteggio massimo = 35
    • PERIODO DI ANALISI
    • 20-25 gennaio 2010
    METODOLOGIA [1/2]
  • 4.
    • “ GREEN TRAVEL”
    • è stata adottata l’ etichetta “green travel” come omnicomprensiva dei principali temi di responsabilità e sostenibilità nel turismo, con riferimento agli aspetti ambientali, sociali ed economici.
    • CAMPIONE
    • Top 44 città per numero arrivi internazionali:
    • Top 14 destinazioni extra-europee
    • Top 20 destinazioni europee
    • Top 10 destinazioni italiane
    • Fonte: Euromonitor International’s Top City Destination Ranking , Dicembre 2008
    • LINGUA
    • tutti i siti sono stati analizzati nella versione internazionale in lingua inglese
    • la ricerca è stata condotta in lingua inglese (la versione finale è stata tradotta in italiano per Bit 2010)
    METODOLOGIA [2/2]
  • 5.
    • DIFFUSIONE DEL GREEN TRAVEL
  • 6. DIFFUSIONE DEL GREEN TRAVEL (% portali che presenta…)
    • soltanto il 18% dei portali internazionali cita il green travel in homepage, mentre il 41% vi dedica almeno una sezione all’interno del sito
    • il 24% dei portali internazionali riconosce il green travel come un segmento di mercato
    • in Italia il green travel è nel complesso meno diffuso rispetto all’estero
  • 7. L’OFFERTA GREEN
  • 8.
    • nonostante la forza del prodotto enogastronomico, e il suo approccio green, l’Italia sembra non promuovere completamente questo potenziale, specialmente per quanto riguarda i tour enologici e i corsi di cucina
    OFFERTA GREEN: ENOGASTRONOMIA (% portali che promuove…)
  • 9.
    • l’Italia è leader europea dell’agricoltura bio ma non sfrutta appieno questo potenziale: solo il 30% dei portali promuove lo shopping biologico (dato molto inferiore al 56% internazionale)
    • anche lo shopping di prodotti etici è poco promosso (38% a livello internazionale e solo 10% in Italia)
    OFFERTA GREEN: SHOPPING BIOLOGICO ED ETICO (% portali che promuove…) Agricoltura biologica (ha.) – Top 10 Europa, Fonte: EUROSTAT 01/2010
  • 10.
    • in alcune nicchie di offerta “green & benessere” nei portali italiani si rileva una frequenza di promozione medio-alta, anche se più bassa rispetto all’estero
    OFFERTA DI ATTIVITÀ GREEN: ALCUNE NICCHIE (% portali che promuove…)
  • 11. RICETTIVITÀ GREEN
  • 12.
    • l’Italia promuove molto bene le strutture ricettive che promuovono risorse e cultura locale (B&B, agriturismi) e che per loro natura sono generalmente eco-friendly, ma punta molto meno su quelle strutture che hanno avviato processi di gestione a basso impatto ambientale (eco-lodging)
    RICETTIVITÀ GREEN (% portali che promuove…)
  • 13. RICETTIVITÀ GREEN: ECOLABEL (% portali che promuove…) Numero ecolabel – Top 10 paesi, 04/2009 Fonte: www.ec.europa.eu/environment
    • L’Italia è leader in Europa per numero di ecolabel, ma questa eccellenza viene raramente promossa nei portali di destinazione
  • 14. FOCUS SU: ACCESSIBILITÀ
  • 15.
    • NOTA
    • Le esigenze più diffuse sono:
    • disabilità fisiche permanenti o temporanee
    • esigenze mediche
    • esigenze alimentari  celiaci, vegetariani…
    • disturbi sensoriali
    • altri tipi di bisogni  bambini, anziani, animali…
    Fonte: SL & A, Progetto BETA, Livorno (IT) 2008 IL TURISMO ACCESSIBILE DAL LATO DELLA DOMANDA
    • La domanda di turismo accessibile rappresenta un grande bacino potenziale, che aumenta considerando anche gli accompagnanti.
    TURISMO ACCESSIBILE: LA DOMANDA IN EUROPA Persone con disabilità fisiche 40.000.000 Persone con altri bisogni (es. alimentari) 90.000.000 TOTALE 130.000.000
  • 16.
    • la promozione del turismo accessibile si concentra sulle disabilità fisiche (assenza di barriere architettoniche) e in Italia è più frequente che all’estero
    • i portali di destinazione (in particolare quelli italiani) trascurano altre esigenze quali quelle alimentari
    IL TURISMO ACCESSIBILE DAL LATO DELL’OFFERTA (% portali che promuove…)
  • 17. FOCUS SU: TURISMO “CLIMATE FRIENDLY”
  • 18.
    • esiste un rapporto di dipendenza tra turismo e climate change : le destinazioni turistiche sono fortemente dipendenti dai cambiamenti climatici e il turismo contribuisce al cambiamento climatico: le emissioni derivanti dal turismo (trasporto, ricettività e attività) costituiscono il 5% delle emissioni globali di CO2 e il 75% di questo 5% sono generate dai trasporti *
    • ciononostante solo il 29% dei portali internazionali cita questa questione e in Italia la percentuale è addirittura dello 0%
    • pochissimi propongono formule di compensazione di CO2 (nessun portale italiano)
    • *fonte: Unep: Climate Change Adaptation and Mitigation in the Tourism Sector: Frameworks, Tools and Practices
    TURISMO & CLIMATE CHANGE Esempio di carbon offset: www.meetincopenhagen.com/content/meetings_and_conventions/about_copenhagen/green_copenhagen/how_to_do_a_green_meeting_in_copenhagen % PORTALI CHE…  INTERNAZIONALE ITALIA cita “climate change” 29% 0% propone formule di compensazione di CO2 (carbon offset) 18% 0%
  • 19.
    • nei portali internazionali ed italiani c’è una frequente promozione della mobilità dolce (tour a piedi e in bici) e del trasporto locale
    • è meno frequente la promozione dei sistemi di trasporto ecologico
    TRASPORTO “CLIMATE FRIENDLY” (% portali che promuove…)
  • 20. BENCHMARK INTERNAZIONALE
  • 21.
    • Green score: classifica secondo il criterio 1 indicatore positivo = 1 punto
    I PORTALI DI DESTINAZIONE PIÙ “GREEN”
    • Londra e Toronto sono le destinazioni che puntano maggiormente sul green travel
    • tra le eccellenze, si rileva la presenza di Firenze
    GREEN SCORE (SU MAX 35) LONDRA 32 TORONTO 31 COPENHAGEN 29 FIRENZE 29 NEW YORK 27 VIENNA 27
  • 22.
    • non si rileva una relazione diretta tra numero di arrivi e promozione del “green travel”
    • alcune leader mondiali (Londra, New York, Toronto, Parigi) stanno puntando molto sul green, altre non ancora
    • si rilevano alcune eccellenze green anche tra le destinazioni con flussi meno consistenti (Copenhagen, Vienna) e “classiche” (Firenze)
    GREEN SCORE vs ARRIVI INTERNAZIONALI Top 10 destinazioni per green score
  • 23.
    • solo 4 destinazioni italiane hanno un green score superiore alla media internazionale
    • Roma e Milano, le città più visitate in Italia, hanno il green score più basso
    LA PERFORMANCE DEI PORTALI ITALIANI GREEN SCORE (SU MAX 35) FIRENZE 29 RIMINI 22 VERONA 19 TORINO 17 Green score medio internazionale 17 BOLOGNA 13 GENOVA 12 VENEZIA 11 NAPOLI 10 ROMA 8 MILANO 7
  • 24. BEST PRACTICES
  • 25. LONDRA
    • identifica il green travel come un segmento di mercato
    • il portale presenta una sezione green
    www.visitlondon.com
  • 26. Schema di certificazione del turismo green Turismo responsabile LONDRA www.visitlondon.com Attività Green Consigli per il turista Green Shopping Responsabile Prodotti biologici Slide realizzata da Chiara Cesareo, Carlotta Ederle, Matteo Ventura
  • 27.
    • promuove nella homepage una sezione dedicata al turismo sostenibile
    • considera il turista green come segmento di mercato
    • propone un’ampia offerta di itinerari e attività green
    • promuove shopping etico e consapevole
    FIRENZE
  • 28. CONCLUSIONI
  • 29.
    • CONCLUSIONI
    • green travel ancora relativamente poco diffuso nei portali di destinazione, in particolare in Italia
    • alcuni elementi dell’offerta “tendenti al green” sono ampiamente promossi (es. B&B, agriturismi, tour in bici), mentre mancano programmi pianificati e implementati per lo sviluppo e la promozione del turismo green
    • la maggior parte dei portali di destinazione mostra un buon livello di attività green intese come attività a contatto con la natura, invece del green come approccio al turismo
    • ci sono nicchie di mercato ancora trascurate: ad esempio la domanda con esigenze speciali
    • soprattutto in Italia ci sono alcuni prodotti green non adeguatamente promossi: in particolare enogastronomico e biologico
    • i portali di destinazione non premiano gli sforzi delle PMI, per esempio le strutture con Ecolabel
    • si rileva una scarsa attività di sensibilizzazione al turista sulle problematiche del climate change
  • 30.
    • formulare e/o esplicitare strategia green
    • ampliare l’offerta e la promozione di alcune attività green (fotografia, corsi di cucina, tour enologici…)
    • potenziare la promozione di shopping biologico ed etico
    • aumentare l’informazione sull’ accessibilità diversa da quella fisica (es. alimentare)
    • prevedere campagne di educazione ambientale (cambiamento climatico e carbon offset)
    • promuovere più sistematicamente strutture ricettive a basso impatto ambientale e certificate
    ALCUNI SUGGERIMENTI PER I PORTALI ITALIANI
  • 31. Yes, we green ! ----- La presentazione è scaricabile da www.mtm.iulm.it