• Save
Workshop2406 ptl rsc_v1
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Like this? Share it with your network

Share

Workshop2406 ptl rsc_v1

on

  • 767 views

 

Statistics

Views

Total Views
767
Views on SlideShare
766
Embed Views
1

Actions

Likes
1
Downloads
0
Comments
0

1 Embed 1

http://www.09h15.com 1

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Workshop2406 ptl rsc_v1 Presentation Transcript

  • 1. SVILUPPO INFRASTRUTTURA ICT: Portale Taslab e Rete Sociale Pavel Shvaiko, Marco Combetto
  • 2. Indice Introduzione Progetto Portale TasLab Progetto Rete Sociale
  • 3. Obiettivi dei progetti Il Portale TasLab è finalizzato allo sviluppo di uno spazio web (abilitato dalla tecnologia semantica) per facilitare la collaborazione fra impresa, ricerca ed utente pubblico La Rete Sociale per la Comunità Trentina è finalizzata allo sviluppo delle relazioni interpersonali e della partecipazione alle comunità di persone Obiettivi: 1. Facilitare lo sviluppo della rete e della comunità TasLab 2. Offrire uno spazio di condivisione delle informazioni sull'innovazione nei servizi e di collaborazione in rete 3. Facilitare il trasferimento della conoscenza agli attori partecipanti alla rete: aziende, centri di ricerca ed utente finale
  • 4. Attori coinvolti  Informatica Trentina SpA  Dipartimento di Innovazione, Ricerca e ICT  Raggruppamenti Temporanei di Imprese: WEBSS srl-OMNYS Lab srl, WEBSS srl-INTESYS srl  Laboratorio di Ontologia Applicata (LOA -CNR)  Fondazione Bruno Kessler – SoNet  Associazione Trentini nel Mondo  Dipartimento di Informatica e Studi Aziendali (DISA), Università di Trento  Dipartimento di Ingegneria e Scienza dell’Informazione (DISI), Università di Trento  Create-Net
  • 5. Stato attuale  I sistemi sono in fase di rilascio presso Informatica Trentina  I sistemi saranno disponibili in produzione on-line ai seguenti link:  www.taslab.eu  rsc.taslab.eu  Verrà inviata una mail dedicata all’avvio ufficiale dei servizi
  • 6. Struttura dei siti Entrambi i siti sono articolati nelle seguenti aree:  Area pubblica Fornisce contenuti informativi sull’iniziativa attraverso le funzionalità di content management  Area riservata  Portale Taslab: eroga le funzionalità di gestione dei progetti, relazione ed interazione tra aziende, centri di ricerca ed utente finale  Rete Sociale: eroga le funzionalità di rete sociale - profilo utente, gestione relazione utente-utente e utente-organizzazione, gruppi, wiki, blogs, librerie di contenuti
  • 7. Indice Introduzione Progetto Portale TasLab Progetto Rete Sociale
  • 8. L’home page
  • 9. Innovazione nei servizi Ci sono diverse funzionalità finalizzate a favorire l’innovazione collaborativa tripolare:  generazione semi-automatica del tripolo dell’innovazione  ricerca semantica …
  • 10. Innovazione tecnologica La modalità organizzativa che abilita l'innovazione è il modello del tripolo dell’innovazione. Il Tripolo presuppone la collaborazione tra 3 categorie di attori che manifestano una diversità in termini di: obiettivi e tempi di conseguimento, competenze, terminologia, ecc.  La diversità deve diventare un elemento da valorizzare, soprattutto perché l’innovazione nasce dallo scontro/incontro dialettico delle specificità  Dal punto di vista tecnico la diversità può essere “gestita” con la tecnologia semantica
  • 11. Esempio funzionalità Problema: mancanza di un supporto tecnologico per creare collaborazioni nell'ambito di progetti di innovazione (in ICT) Soluzione: Generazione semi-automatica di un tripolo di innovazione: matching domanda-offerta basato sui meta- dati che descrivono le organizzazioni (attori del tripolo dell’innovazione) 1. Proposta progettuale Proponente 4. Consegna 2. Possibili invito Ricerca/PA/ 3.Invito ai partnership 5. Accettazione/ Industria partners rifiuto Portale TasLab 6. Stato attuale del consorzio
  • 12. Divulgazione risultati  Pavel Shvaiko, Alessandro Oltramari, Roberta Cuel, Davide Pozza, Giuseppe Angelini. Generating innovation with semantically enabled TasLab portal. Atti del convegno: “7th Extended Semantic Web Conference (ESWC)”, Heraklion, Grecia, 2010  Pavel Shvaiko, Luca Mion, Fabiano Dalpiaz, Giuseppe Angelini. The TasLab portal for collaborative innovation. Atti del convegno: “16th International Conference on Concurrent Enterprising (ICE)”, Lugano, Svizzera, 2010
  • 13. Indice Introduzione Progetto Portale TasLab Progetto Rete Sociale
  • 14. L’home page
  • 15. Casi d’uso  Rete di innovazione “Trentino as Lab” Usare lo strumento della SN come strumento “leggero” di collaborazione, scambio, condivisione di informazioni attorno alla Community Taslab (supportata dal Portale Taslab) creando una community più ampia che ruoti attorno alle tematiche dell’innovazione ICT  Rete dei Trentini nel Mondo Usare lo strumento della SN per la comunità dei Trentini nel Mondo. Individuare un primo insieme di potenziali utenti della comunità e valutare l’effetto di propagazione verso altri utenti  Rete PAT Studiare/valutare le soluzioni tecnologiche adottate e il potenziale riuso per supportare altre comunità (verticali ed orizzontali, es. la comunità dei referenti informatici della PAT)
  • 16. Innovazione nei servizi  Il progetto mira a supportare numerose tipologie di reti sociali, focalizzate in particolar modo sulla comunità trentina, per costituire un riferimento di scambio e di contatto per la comunità, e allo stesso tempo integrata e federata con le piattaforme commerciali  Il progetto non intende competere con le piattaforme già diffuse ed in corso di diffusione nel mondo web (ad esempio Facebook, Twitter, Flickr, Linkedin), ma intende integrarsi, ove le piattaforme commerciali lo permettano
  • 17. Innovazione tecnologica  Sperimentazione delle interfacce aperte e dei protocolli disponibili per l’interoperabilità con le reti sociali commerciali in modo da favorire l’uso di una comune identità digitale  Analisi approfondita della struttura della rete sociale mediante l’introduzione di algoritmi di trust/reputation associati alle attività svolte dagli utenti della rete  Mettere a disposizione di tutta la comunità che intende farne uso, uno spazio gestibile e supportato, aperto a chi lo desidera, per sviluppare la partecipazione delle persone alla vita sociale del territorio
  • 18. GRAZIE PER L’ATTENZIONE!