L’HUB UN ANNO DOPO

                                                                                                      ...
PAG-PUBBLICITARIA-POSTEL-A3.pdf   23-05-2008   11:55:35




                                                              ...
A CAUSA DELLA CREATIVITÀ                                                                      Cattive ragazze, donne e mam...
Abbiamo preso coscienza della nostra voglia di cambiare le cose disegnando la                                             ...
Abbiamo pensato e disegnato Mister Baby come un piccolo individuo capace di pensare,
LE AVVENTURE DI MISTER BABY          ...
INTRATTENIMENTO vIRALE E INFORMAZIONE ONE-TO-ONE QUANDO NASCE UNA MAMMA.
di ELEONORA CAPPELLARI (Marketing Mister Baby, SS...
“Quando finiamo con sto lavoro?
                                                        Non dormo più la notte per stare d...
TRACCE MOBILI                                                                                                             ...
Stile                                                                     Sfida
Esplora attorno a te                      ...
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Lhub Mag N.1
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Lhub Mag N.1

4,326 views
4,220 views

Published on

L’HUB: social media analysis, unconventional marketing initiatives and new creative approaches

Published in: Education, Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
4,326
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
28
Actions
Shares
0
Downloads
29
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Lhub Mag N.1

  1. 1. L’HUB UN ANNO DOPO Lo abbiamo fatto e siamo contenti. Abbiamo messo in pratica la filosofia alla base del nostro laboratorio, che poi non è niente di nuovo, a ben vedere. Si sa che per mantenere viva la creatività e partorire sempre idee fresche si deve liberare la curiosità, si devono battere tutte le strade, anche le più impraticabili, si deve continuare a giocare, si devono travasare conoscenza e insegnamenti da un territorio all’altro. Noi semplicemente lo abbiamo fatto e siamo tornati a godere del piccolo grande piacere di fare le cose bene ed esserne orgogliosi. Abbiamo preso quello che c’è nel mondo della comunicazione e lo abbiamo guardato da tutti gli angoli, partendo dal rovescio. Abbiamo mischiato, come in un mazzo di carte, persone e percorsi diversi e abbiamo indicato loro come lavorare meglio per sé stessi significhi anche lavorare bene con gli altri e come questo faccia funzionare magicamente tutto. Eccoci qua un anno dopo, l’esperimento è riuscito e continua. Roberta Renzoni Direzione IED Comunicazione CREDITI www.rossettione.it DIREZIONE EDITORIALE Marco Marozzi DIREZIONE CREATIVA Francesco Bordin CONTRIBUTI GRAFICI Niccolò Spezia Andrea Pioppi Matteo Guerra IMPAGINAZIONE Davide Barco REDAZIONE Manfredi Pedone Valentina Goglio Marcella Del Piccolo www.myspace.com/lhub_ied fratelli rossetti boutiques: milano roma firenze torino genova bergamo brescia verona venezia bologna bari porto cervo paris bruxelles antwerp london new york chicago moscow beirut dubai P 04
  2. 2. PAG-PUBBLICITARIA-POSTEL-A3.pdf 23-05-2008 11:55:35 P 07 A CAUSA INDICE_2008 DELLA CREATIVITÀ… A causa della creatività, viviamo ciò che amiamo. P 11 LE AVVENTURE DI MISTER BABY Mister Baby e la sua banda comunicano con le mamme digitali nelle storie animate diffuse attraverso i nodi della rete informatica. P 17 TRACCE MOBILI Se la bicicletta è il nuovo mezzo di trasporto urbano, come cambiano le calzature in funzione della neo mobilità su due ruote? P 23 UN PERFETTO PIANO DI EVASIONE La mobilità come un nuovo stile di vita che desidera servizi personalizzati e una comunicazione realmente uno-a-uno. P 25 LIBERATE GLI OSTAGGI Nella lotta quotidiana contro l’omogeneità culturale, ognuno di noi può sentirsi imprigionato, sotto arresto, censurato, omologato, sequestrato, in gabbia, sotto assedio… C M P 31 CONNESSIONI Y CM DELLA MEMORIA MY Storie e visioni di donne contemporanee CY che nascono da un percorso MY di creatività connettiva, di libere associazioni K tra tradizione e innovazione. P 37 FAI LA DIFFERENZA La responsabilità sociale come valore centrale per i consumi ma anche per una creatività che non può più essere fatta da meri giochi di parole. P 41 UN ALTRO MODO È POSSIBILE Abbiamo incontrato quelle persone che contribuiscono a ispirare altri modi possibili di sviluppo nella creatività, nella comunicazione e nell’imprenditoria. P 45 JOIN THE IED BRIGADE Scoprite le nostre storie, chi siamo, come viviamo, ma soprattutto cosa facciamo… oggetti e progetti che permeano la nostra vita quotidiana e che raccontano in modo concreto il nostro talento. P 51 RELHAB RIABILITAZIONE CREATIVA Alimentare la creatività e favorire il talento degli studenti attraverso la visibilità dei loro progetti; una grande storia da raccontare dentro e al di fuori della comunità IED.
  3. 3. A CAUSA DELLA CREATIVITÀ Cattive ragazze, donne e mamme digitali Seguendo i percorsi connettivi su MySpace possiamo conoscere le mamme digitali, quelle delle ricerche. Le loro pagine personali sui network sociali ci parlano di loro, ci mostrano come sono fatte, cosa pensano, cosa vogliono, quali sono i loro gusti e le loro preferenze. Attraverso i loro blog possiamo leggere le loro storie, possiamo capire che prima di essere mamme sono donne dei nostri tempi, giovani e meno giovani. Usano colori vivi e spesso fluorescenti come il verde o il viola, ascoltano generi musicali come il Reggae, l’Hiphop e il Rock, gruppi come i Clash, i Muse, gli Strokes, gli Artic Monkeys. Queste mamme sono donne che adorano e citano film che vanno da “Spiderman” al “Nuovo Cinema Paradiso”, da “Matrix” a “Donne sull’orlo di una crisi di nervi” fino a “Pulp Fiction” e “La Sposa Cadavere” di Tim Burton. Sono donne cresciute con i cartoni animati trasmessi su Italia 1, “Candy Candy”, “Arsenio Lupin”, “Lady Oscar”… Gli “Anime” giapponesi che racchiudono tutto il fascino della sensualità, del coraggio e della raffinatezza femminile. Ci piace trovare nell’Anime la rappresentazione grafica e simbolica delle mamme digitali e più in generale delle donne d’oggi. Moderne Mitsouko capaci di grandi passioni che osano per seguire i propri sentimenti tra gli aspetti contraddittori di esseri viventi e virtuali, fede e tecnologia, sesso e castità, realtà e apparenza. Ci piace A causa della creatività, viviamo ciò che amiamo. associare la Mitsuko di Claude Farrére e il profumo omonimo creato nel 1919 a opera di MARCO MAROZZI di Jacques Guerlain con l’immaginario delle cattive ragazze presenti su MySpace: pupe Abbiamo imparato dalle persone che frequentano le vie cittadine e quelle del web, e Abbiamo lavorato su molti progetti anche molto diversi tra loro, affrontando i mozzafiato, ninfe oltraggiose e divertenti che che hanno molto da dire dimostrando più creatività dei Creativi dei Pubblicitari, si fanno chiamare suicide, sick, lolita, emo, molteplici aspetti della comunicazione e del mercato. Abbiamo cavalcato il dei Designer e degli Stilisti che affollano i salotti mondani e le cattedre istituzionali. sense, pukaqueen, eco, virginpunk… una cambiamento di questo particolare momento storico con una costante ricerca molteplicità di stili sovrapposti che Lo abbiamo fatto con le sneakers di Wushu proponendo spazi di scelta alternativi a quelli strategica e creativa basata sulle opportunità offerte dai nuovi mezzi digitali, senza mai esprimono la stessa impazienza dello stile preclusi, dal sistema moda, ai giovani talenti; lo abbiamo fatto con Tracce Mobili “garçonne” del primo dopoguerra. rinunciare a strumenti solidi come carta e matita, e senza mai dimenticare di porre Queste cattive ragazze ridisegnano su l’evento realizzato per Rossetti ONE, il cool book che pone l’osservazione e la ricerca alla l’individuo al centro di ogni nostro atto creativo. Abbiamo percorso troppe strade per MySpace il concetto di stile e sensualità al di base dell’ispirazione di ogni designer. fuori dei canoni tradizionali quando fare le stesse cose. Abbiamo cercato di esprimere un punto di vista originale sulle cose abbinano i loro tacchi alti all’estetica del mondo. I progetti che abbiamo elaborato coniugano committenza, ricerca, emergente di una mobilità fatta di Per Alpitour abbiamo focalizzato la mobilità come un nuovo stile di vita, una nuova skateboard e biciclette, mezzi una volta di formazione e sperimentazione. Sono connessi tra loro attraverso molteplici nodi in una sportività tipicamente maschile. condizione che desidera un rinnovamento dei servizi in termini di vicinanza, accoglienza, comune, casuali o familiari. Nascono dai link ipertestuali e dalle tag, associazioni libere Ambientaliste surreali e dadaiste calore, famiglia e una comunicazione realmente uno-a-uno, personalizzabile sul sostenibili con il gusto dell’ironia e della prettamente individuali per poi venire sviluppati collettivamente in una magica ribellione, spiazzano il gusto istituzionale e personale concetto del viaggiare. aggregazione spontanea. Queste dinamiche ci portano a riconsiderare la creatività e la ribaltano il concetto di buono abbinando comunicazione in termini di codici, modalità e contenuti. bikini, auto sportive, fucili a pompa o più semplicemente pali di lap dance in stile “burlesque”. Abbiamo parlato alle mamme digitali che assieme ai loro pargoli frequentano i network sociali come MySpace, Flickr, YouTube, Splinder e Dada. Lo abbiamo fatto ogni giorno e I conosciamo quelle mamme una per una. Lo abbiamo fatto con il linguaggio dei cartoni creando e realizzando le storie animate di Mister Baby che abbiamo diffuso attraverso i nodi della rete informatica. Abbiamo ripercorso le atmosfere sociali e artistiche che hanno caratterizzato il ‘900 e ispirato le creazioni Guerlain; le abbiamo reinterpretate secondo la nostra sensibilità, e abbiamo scritto storie e visioni di donne contemporanee che nascono dalla memoria delle nostre radici culturali. P 07 P 08
  4. 4. Abbiamo preso coscienza della nostra voglia di cambiare le cose disegnando la declinata nella musica e nei video che disegnano la scenografia dell’evento. Il potenziale della T-Shirt La scelta – The choice strategia di lancio di Yes I, la birra di ispirazione Rasta, e disegnando le T-Shirt de Un paesaggio sonoro composto da influenze dance innovative e un tappeto visivo Questo processo di cross-over, di linguaggi Il Morfeo della mitologia greca è il Dio dei “Il Deboscio”, uno dei movimenti creativi più interessanti del nostro panorama. sovrapposti e citazioni tra passato e futuro, sogni. Il suo nome connota l’abilità di costituito dal lavoro di L’HUB come osservatorio privilegiato di nuovi stili e comportamenti. affonda in tecniche assodate come il cambiare, caratteristica che si adatta al Una necessità, quella di esprimere e condividere la nostra unica e personale opinione RELHAB diventa il luogo fisico che permette partecipazione relazionale e scambio di collage, il fotomontaggio, tecniche ormai personaggio di “Matrix”. attraverso una comunicazione che nasce dal design del prodotto per poi diffondersi evolute attraverso final cut, photoshop e Morpheus rappresenta la razza umana, è il conoscenza in un contemporaneo modello di comunicazione integrata on e offline. Logic; un attuitudine questa che fa parte capo della rivolta, condottiero del democraticamente attraverso la rete. Una emancipazione creativa, in realtà un diritto del serbatoio creativo a disposizione di chi cambiamento, pirata della rivoluzione di nascita per le nuove generazioni. frequenta la rete. A anche no. umana contro le macchine: Infatti, se da una parte strumenti digitali “La verità è che tu sei uno schiavo. come telefonini, videocamere, fotocamere Come tutti gli altri sei nato in catene, sei nato digitali e poi la rete con YouTube e in una prigione che non ha sbarre, che non MySpace, ci hanno permesso di prendere ha mura, che non ha odore, una prigione coscienza del nostro desiderio di libertà, per la tua mente. esploratività e scelta, dall’altra abbiamo Nessuno di noi è in grado, purtroppo, di un costante bisogno di fisicità. Di supporti, descrivere Matrix agli altri. di spazi, di luoghi fisici e concreti per poter Dovrai scoprire con i tuoi occhi che cos’è. vivere le nostre esperienze e relazionarci con È la tua ultima occasione: se rinunci, non ne il quotidiano. La T-Shirt è ancora il veicolo avrai altre. pìù personale e incisivo per veicolare i nostri Pillola azzurra: fine della storia. messaggi, per creare o adottare un Domani ti sveglierai in camera tua e crederai pensiero e un linguaggio. a quello che vorrai. Quelli de Il Deboscio lo fanno citando Pillola rossa: resti nel paese delle meraviglie continuamente la realtà urbana in costante e vedrai quanto è profonda la tana del involuzione: notiziari, banalità quotidiane, Bianconiglio. citazioni e interviste ad artisti “non poveri”, Ti sto offrendo solo la verità, ricordalo. impietose interviste a personaggi pubblici Niente di più”. imbarazzanti. Loro lo fanno con ironia Io sono il pirata che ti farà scoprire i confini graffiante, parodia e cinica provocazione. del mondo. E con loro lo abbiamo fatto anche noi con “un progetto della madonna” disegnando T-Shirt che sottolineano il paradosso tra Sulle navi, su cui non mancava il lavoro per linguaggio verbale ed iconico, una ribellione l’equipaggio impegnato in una costante alle convenzioni e un certo spaesamento manutenzione, vi erano alcune regole che la percettivo, soprattutto quando a parlare ciurma era tenuta a osservare: sono le nuove donne. 1. Ognuno ha il diritto di voto, a provviste fresche e alla razione di liquore. 2. Nessuno deve giocare a carte o a dadi per denaro. 3. I lumini delle candele devono essere spenti alle otto. 4. Tenere sempre le proprie armi pronte e pulite. 5. Donne e fanciulle non possono salire a Necessità sentita è anche quella di contribuire concretamente in favore della nostra bordo. comunità e dell’ambiente. Quella stessa concretezza e credibilità che chiediamo alle 6. Chi diserta in battaglia viene punito con la istituzioni, alla politica e alle marche l’abbiamo sentita ed elaborata per Sidis con una morte o con l’abbandono in mare aperto. nuova visione etica e qualitativa in cui la responsabilità diventa il valore centrale per i 7. I pirati prendono le loro decisioni in consumi ma anche per una creatività che non può più essere fatta da meri giochi di maniera collettiva: non esiste un leader assoluto. parole. 8. Il capitano viene eletto da tutta la ciurma riunita (dall’ultimo mozzo al timoniere) per In questo contesto l’opportunità strategica e comunicazionale è la partecipazione effettuare le scelte relative alla conduzione del vascello. attiva dei consumatori, e il loro contributo è tanto più fondamentale quando parliamo di Opera San Francesco. Abbiamo ripensato a un’icona, quella di San Francesco, 9. Il bottino viene diviso in quote uguali, assegnando in certi casi due quote al come un contemporaneo Cavaliere Jedi che vive su MySpace e diffonde il suo capitano e una e mezzo al nostromo. messaggio nella rete allargata di nuovi amici costituita da padri e predicatori, modelle 10. Ogni Capitano ha un “suo” codice avvenenti e gruppi rock, perpetue digitali e sportivi estremi. (o regolamento) che può cambiare a suo piacimento in alcuni punti rispetto a quello base. Nelle nostre aule abbiamo lavorato con veri capitani di grandi e piccole agenzie, Guitar, FBAI Promotion, Postel, MySpace, partner che hanno dimostrato di voler rompere con le logiche del mercato classico e che hanno visto in noi talento, esperienza e l’opportunità per i loro clienti di intraprendere percorsi di comunicazione alternativi. A teatro di Moda Lab abbiamo incontrato quelle persone che contribuiscono a ispirare altri modi possibili di sviluppo nella creatività, nella comunicazione e nell’imprenditoria. Al microfono, Simona Saraceni ha parlato delle strutture sociali del WEB 2.0, Gianluca Nicoletti di come Radio24 e Facebook si integrano in inedite forme di intrattenimento, Davide Colombo di come Il Deboscio intreccia arte e comunicazione virale, Dino Lupelli di come l’interaction design coinvolge il consumatore sul territorio, Simon Giuliani di come Pharmacy-Industry è entrata nel mondo della moda e di come Daniele Sigalote e Fabio La Fauci hanno dato vita ai “charactersdesign” Blue and Joy. Abbiamo voluto alimentare la creatività favorendo il talento degli studenti, sostenendolo con la visibilità dei loro progetti, una grande storia da raccontare dentro e al di fuori della comunità IED. Ed ecco che nasce la IED Brigade, non una headline provocatoria, ma giovani talenti impegnati nella lotta necessaria per raggiungere la libertà creativa, persone che si ritrovano ogni giovedì alle Biciclette con RELHAB; ogni serata una storia P 09 P 10
  5. 5. Abbiamo pensato e disegnato Mister Baby come un piccolo individuo capace di pensare, LE AVVENTURE DI MISTER BABY amare, odiare, un piccolo grande uomo critico e partecipe, una carognetta, non un bambolotto con il sorrisone. Mister Baby e la sua banda esplorano il mondo alla ricerca dell’avventura, del divertimento e della libertà… il loro vocabolario emozionale è costituito dalla semplicità, dall’ingenuità, dal gioco accompagnato da una sana cattiveria, armi di una rivoluzione capace di mettere in luce gli atteggiamenti più immaturi e irresponsabili del mondo adulto. Citazioni cinematografiche caricate di parodia e surrealismo come “Giochi Stellari”, “Bay Watch” e “Il Gladiatore” e storie costruite su episodi di vita vera, direttamente ispirati dalle mamme digitali come “Oggi verdure”, “Il topino dei denti”, “Oh Cacca!”, “Zapping” e “Peli Superflui” con cui abbiamo voluto ridere dei piccoli grandi problemi, delle manie e delle fissazioni di tutte le famiglie. Ma soprattutto “Un momento per pensare… e mi rendo abbiamo finalmente fatto un sacco di rutti e di puzzette. conto che più di un anno fa ho visto nascere “Abbiamo creato la nuova mascotte Mister Godetevele tutte su: Mister Baby. È stata un’esperienza che mi Baby, affiancata da una banda di amici - ha dato molto, ma ciò che non smette mai Miss Baby, Baby Jr e Mister Dog – di alimentare il mio entusiasmo è il continuo e li abbiamo fatti vivere con venti storie motivare e lavorare con questo team di animate che abbiamo diffuso in giro studenti, condividendo ogni giorno con loro nella rete attraverso network e community.” www.misterbabyworld.it www.myspace.com/mistermissbabyjr difficoltà e soddisfazioni.” Marco Marozzi Valentina Goglio www.flickr.com/photos/mrbaby/ http://mistermissbabyjr.splinder.com/ www.dada.net/mrbaby/ http://www.facebook.com/profile.php?id=1101342529 Mister Baby e la sua banda comunicano con le mamme digitali nelle storie animate diffuse attraverso i nodi della rete informatica. di ANGELICA NOVASCONI E ROBERTO FREZZA Alcune cose ti capitano perché lo vuoi, perché le cerchi fermamente, altre perché il caso ha deciso che quelle cose ti appartengono e ti devono in qualche modo lasciare UNA PRODUZIONE L’HUB un segno nel tuo percorso di vita, seppur professionale. Alcune cose ti capitano perché le vuoi, d’accordo, ma poi cosa ti lasciano dietro? Fai a botte con il mondo per averle, realizzarle e poi quando le hai raggiunte ti lasciano l’amaro in bocca, come dice il poeta “Quel dolce un po’ salato” che forse non sa di come lo avevi immaginato. Sviluppo connettivo Coordinamento Sviluppo grafico “Il lavoro è stato lungo ed erano così tanti Un po’ tutto un po’ niente. Altre cose invece non te le aspetti e non sai che si riveleranno, Roberto Frezza Valentina Goglio Davide Barco i pezzi del puzzle da mettere insieme che “Abbiamo sempre creduto che il nostro forse, un passo importante, seppur piccolo, del tuo percorso di vita. Questo è un po’ bastava un niente per smarrire il filo. Come Mister Baby dovesse rispecchiare lo spirito Angelica Novasconi Manfredi Pedone Alice Rampoldi sempre, però, dai percorsi più difficili arrivano delle mamme di oggi. Le trame delle nostre quello che è capitato con il progetto Mister Baby. Ci è stato assegnato casualmente, Elena Borghesan Alessandro Anselmi le maggiori soddisfazioni e questo progetto avventure sono nate con la lettura di ci siamo fatti il mazzo (chi più e chi meno a dir la verità, ma questa è un’altra storia) Giada Iuliano Direzione Alessandra Astarita è stato davvero appagante. Qualcosa che aneddoti e racconti delle mamme digitali.” ci hanno affidato compiti che non avevamo mai svolto ma che alla fine abbiamo non dimenticherò mai? La sigla dei cartoon Francesco Bordin Gaia Matteuzzi Marco Marozzi Nicole Balzano di Mister Baby: è diventata la colonna sonora portato a termine. Cristina Medri Francesco Bordin Alessandra Candiago della mia vita. La ascolto quattro volte al Federica Meneghin Marco Renieri Diana Crisciuolo giorno e mi è talmente entrata in testa che Dovevamo lanciare la nuova mascotte Mister Baby come espressione dello spirito anche la sera, quando sono in giro, mi Constantin Rallo Carola Del Celo capita di canticchiarla!” delle mamme di oggi, ed icona del rinnovamento di marca. Lo abbiamo fatto Micol Maia Manfredi Pedone attraverso un’iniziativa di comunicazione virale che vede Mister Baby e i suoi amici Sarah Negri protagonisti di 20 storie animate fruibili sulla rete attraverso i network sociali… Kristine J Samarasinghe un carachter vettoriale per comunicare con le mamme digitali nel WEB 2.0! Christian Sicilia Manuela Zhou Il primo passo è stato quello di conoscere le mamme digitali, quelle più moderne e contemporanee. Quelle ormai lontane dall’immagine tradizionale di angeli del focolare, quelle che partecipano, si incontrano e si confrontano sul WEB 2.0: quante sono, come sono, cosa fanno, dove vanno, cosa ascoltano, cosa dicono e perchè lo dicono. È stato divertente leggere i post di neo mamme alle prese “Abbiamo basato lo stile dei nostri cartoni sulla serialità delle storie e su un linguaggio con i loro “piccoli hobbit” o “teneri mostriciattoli”; e inaspettata la solidarietà tra mamme ironico e inusuale. Abbiamo reso i cartoni (e aspiranti mamme) che si scambiano consigli, racconti di notti insonni, scene di vita ancora più originali con un linguaggio quotidiana attraverso centinaia di forum, blog e siti web dedicati esclusivamente musicale e sonoro ad hoc.” “Bella esperienza, troppo bella per essere Marco Renieri a loro. Abbiamo scoperto un mondo che anche le ricerche non mettono in luce: ripetuta. Sei mesi stressanti per partorire tante giovani donne che quasi quotidianamente si collegano alla rete ed hanno questo bimbo animato, una faticaccia, accesso alla loro piccola culla virtuale decorata con immagini, video, post emozionanti un parto naturale. Però soddisfatto dei commenti e del risultato finale. In buona e qualche piccolo grande sfogo. La mamma che ha il blog ma di fare la mamma sostanza, vi ringrazio per i complimenti.” ne ha fin troppo nel mondo reale, figurarsi se vuole accennare di avere un figlio; Roberto Frezza mamme che si divertono a pubblicare foto dei loro bimbi su Flickr e Dada, o video divertenti di piccole pesti all’opera su Youtube. O ancora la mamma che ha 20 anni, ascolta metal, guarda film horror ed è pazza (letteralmente?) di suo figlio (ah no, ok!), quella che ama fiori e fatine ed è succube del figlio e quella che: “Si un figlio ce l’ho, ma cacchio quanta pupù fa?”. Quella che ti racconta per filo e per segno la prima pappa del bimbo e quella che sorridendo descrive di quando il suo piccolo ha chiuso lei e il suo maritino fuori dal balcone, per ore, al freddo, sotto la pioggia. Questa accurata osservazione ci ha dato l’ispirazione per definire il carattere dei personaggi e scrivere le loro storie… Mister Baby è entrato, e sta entrando tuttora nella vita (per lo meno quella cybernetica) delle mamme, forse in punta di piedi o correndo inciampando qua e là; facendosi però voler bene e spiccando subito per la sua simpatia ed audacia: una mamma ha confessato che il suo bimbo di tre anni ha insistito per rivedere il trailer dei video di Mister Baby per ben 10 volte. P 11 P 12
  6. 6. INTRATTENIMENTO vIRALE E INFORMAZIONE ONE-TO-ONE QUANDO NASCE UNA MAMMA. di ELEONORA CAPPELLARI (Marketing Mister Baby, SSL Healthcare Italia spa) Un aspetto fondamentale della vita di una neo mamma è quello di imparare a gestire l’arrivo del nuovo bambino all’interno della propria vita e con i propri ritmi. Questo comporta facilmente, anche nelle mamme più attive, l’insorgere della cosiddetta maternity blues. Infatti circa il 70% delle neo mamme ne presenta i principali sintomi: irritabilità, facilità al pianto e agitazione immotivata nei confronti del neonato, del partner, dei familiari in genere, inclusi altri figli, ansia e tristezza. In particolare la neo mamma si domanda continuamente se è in grado nel modo giusto di prendersi cura del proprio “Mi sento a tutti gli effetti la mamma “Conosco Mister Baby ancora prima bambino e se è capace di assumersi le responsabilità nei suoi confronti. di Mr. Baby. Sento che il piccoletto inizia della sua nascita visto che è stato partorito ad essere conosciuto anche grazie al mio Mister Baby vuole essere vicina alle mamme e supportarle, non solo con dei prodotti anche dalle mie mani. Il mio preferito resta sforzo ed al mio impegno. Sono trascorsi che le offrano un valido aiuto tecnico, ma anche con dei consigli utili che la aiutino comunque Mr. Dog. Da semplici grafiche diversi mesi davvero pesanti in cui il “non ho sono diventati veri, mi sono emozionato nel ad affrontare il delicato momento della maternità con serenità. Per questo abbiamo tempo” non esisteva e non poteva esistere. vederli muovere i loro primi passi. Sono così Ci sono stati dei momenti in cui la tentazione pensato di integrare il progetto di viral marketing sulla mascotte Mister Baby, belli quando si muovono che anche adesso, di mollare tutto era forte, ma il feedback con un progetto di newsletter che forniscano dei consigli psicologici utili alle mamme, dopo due anni di lavoro su Mister Baby posso positivo dato dalle mamme, ha fatto si che dire cari bimbi miei… MI AVETE ROTTO redatti da un team di esperti psicologi. Il progetto di viral marketing sulla mascotte prevalessero indubbiamente le soddisfazioni. LE PALLE!! Adesso state lì, fermi, e non voglio Continuo così, non voglio mollare. Mister Baby in collaborazione con IED, infatti, non vuole solo divertire e creare sentire un fiato! Mr Dog? Io e te usciamo!” Tengo Mr. Baby per la sua manina un po’ un atteggiamento di simpatia nei confronti del brand Mister Baby, ma vuole anche Davide Barco cicciottella accompagnandolo in questo supportare le neo-mamme che, oggi più che mai, vivono la maternità dovendo gestire cammino sul web...” Angelica Lisa Novasconi anche molti altri aspetti (ad esempio il lavoro e una attiva vita sociale). Dalle ricerche emerge chiaramente che le mamme sono sempre più impegnate e hanno bisogno di soddisfare il loro desiderio di sapere e capire nel modo più veloce e pratico possibile, spesso tramite internet. La newsletter con i mini cartoon diventa pertanto lo spunto ideale per affrontare i più comuni argomenti legati al contesto psicologico delle mamme moderne. Da queste considerazioni è nata una nuova newsletter, chiamata “quando nasce una mamma”, che tratta le problematiche quotidiane di ordine psicologico più diffuse nelle famiglie italiane: il rapporto tra fratellini, tra bimbi e animali domestici, le bugie, l’educazione, la sessualità dei piccoli, il rapporto con il cibo, la gestione delle attività quotidiane, etc. Le newsletter “quando nasce una mamma” sono inviate alle mamme “Peccato che tu sia solo virtuale altrimenti ti iscritte al sito Mister Baby in associazione ai minicartoon e prendono spunto dalle storie avrei già ucciso!!! Bamboccio devi fare solo raccontate dagli studenti dello IED nei cartoon stessi. Storie nate dall’osservazione quello che ti dico io! Ti ho sentito piangere, “Mister Baby? Sì sì, faccio parte del team! ti ho sentito ridere, ti ho sentito fare le puzzette, delle mamme nei network sociali su internet, spesso raccontate esplicitamente dalle Team... che bella parola, ecco quello ti ho visto muovere i tuoi primi passi e mi hai mamme stesse. In questo modo Mister Baby riesce a far rivivere alle mamme i momenti che mi è piaciuto di Mister Baby: tenuta sveglia svariate NOTTI!!!! Molte volte far parte della squadra. E che barba!!! “difficili” che lei stessa si è trovata ad affrontare durante la giornata, ma da un punto di ti avrei voluto abbandonare nel primo bidone Neanche stasera posso rilassarmi... dell’immondizia ma, ogni volta che lo stavo vista esterno, per creare un momento di condivisione dei piccoli problemi che aiuta Devo trovare questi cavoli di suoni, i mugolii per fare, c’era sempre un qualcosa, le neo mamme a sdrammatizzarli e superarli. Questo aspetto del progetto viene portato e mandarli subito a Davide. A parte alcuni o un qualcuno che me l’ho impediva. ostacoli da superare, devo dire però che è avanti grazie al contributo di Counseling Mamma, società che opera da anni nell’ambito Tra pochi mesi non ti avrò più in mezzo ai piedi, stata un’esperienza unica ed indimenticabile”. sono felice!” del counseling psicologico. Manuela Zhou Micol Maia “Non ho mai pensato così tanto ad un bambino. Sfondi, sfondi, sfondi... credo che impazzirò... Devo portare Mr. Baby all’asilo, “Un modo per testare le proprie capacità, cambiare il pannolone di Baby jr. e portare per confrontarsi nel lavoro di team, Mr. Dog al parco...” lavorando con un vero progetto. Un ottimo Nicole Balzano modo per fare ginnastica per il futuro.“ Christian Claudio Sicilia P 13 P 14
  7. 7. “Quando finiamo con sto lavoro? Non dormo più la notte per stare dietro a “Sono molto contenta di questa esperienza Mr. Baby. E’ stata una faticaccia stare dietro perché, oltre ad aver conosciuto a tutte le consegne, mi sono sentita sbraitare delle persone valide e dei prof simpatici, di tutto, ma solo ora mi sono resa conto di ho imparato ad usare meglio i programmi quanto effettivamente è stato utile questo al computer. Mister Baby sei il mio incubo corso. Ho imparate tantissime cose e posso ma sei anche un bel sogno che presto si dire di aver lavorato ad un progetto reale.” realizzerà. Si è sudato tanto ma almeno Carola Del Celo vedremo grandi risultati e intanto si lavora tutti insieme in gruppo”. Kristine J. Samarasinghe “Ore 21:37 msn: ma come sei messa con gli sfondi di Mister Baby? Ore 02:05 msn: non so se uccidere Bordin “Ho conosciuto persone che al di fuori o Mister. Baby! Mmmm… che bellini… di questo progetto, sicuramente non avrei Oggi allo IED Marco ci ha regalato i ciondoli potuto conoscere, ho imparato ad analizzare, per il cell di Mister Baby! a conoscere il mondo delle mamme Speriamo non si accorgano che li abbiamo e per la prima volta, “ho potuto” o meglio decapitati. Cosa ho imparato veramente abbiamo potuto vedere il frutto quest’anno allo IED? Strategie di comunicazione… dei nostri lavori.” come analizzare il target… dove e come Manuela Zhou trovare tutte le informazioni che mi servono… usare Illustrator… Lavorare in gruppo… collaborare e ascoltare gli altri… farsi il culo… accettare le sconfitte… e le critiche di Bordin e Marozzi… Tutto questo l’ho imparato dall’HUB grazie a questo lungo lavoro di Mister. Baby. Nonostante le nottate fatte per finire in tempo i lavori… e i litigi con i compagni devo dire che sono soddisfatta.” Alessandra Candiago “UUUUUUUU marò nun cia facc kiu’! Lavo, cambio pannolini, spazzolo il cane... sono 5 euro all’ora! Menomale che sono allergica ai cani…. Beh devo dire la verità, nonostante tutto, grazie a questo progetto sono cresciuta professionalmente ed interior- mente. Lavorare in team è faticoso, però quando meno te lo aspetti, un sorriso ti conforta e ti aiuta a tener duro… insieme!” Alice Rampoldi “Quando mi sono proposta di aiutare i ragazzi di Mister Baby non pensavo di trovare un ambiente simile. Non è facile essere l’ultima arrivata in un progetto iniziato da tempo. Invece sono stata accolta a braccia aperte e mi hanno subito messo sotto a lavorare. Bravo Mister Baby, sei un ottimo team leader.” Francesca Anna Locatelli P 15 P 16
  8. 8. TRACCE MOBILI velocità Vetrina animata in Montenapoleone. Domina il caos La “Trend Machine” è lo strumento fondamentale nell’analisi delle tendenze estetiche e nella fase di ispirazione progettuale. La “Macchina dei Trend” facilita il moderno designer nella libera associazione delle immagini raccolte dall’azione di cool hunting alle caratteristiche fisiche del prodotto. Gli infiniti percorsi casuali possibili implementano quella creatività connettiva al centro della nostra esperienza per Simbolo di questa operazione multimediale, conquistare un ruolo importante nella qualità una ruota di bicicletta coi raggi rossi, dell’esistenza. plasmata a forma di cuore. Se la bicicletta è il nuovo mezzo di trasporto urbano, come cambiano le L’emblema di un movimento tra habitus e calzature in funzione della neo mobilità su due ruote? habitat che raccorda stile, circolazione e prospettive urbane nel rispetto dell’ambiente. di MARCO MAROZZI Tracce Mobili è un progetto di ricerca creativa sui vissuti e gli stili di vita contemporanei legati alla scarpa e alla mobilità urbana. Un’analisi del presente per respirare lo spirito del nostro tempo, raccogliere evidenze sui vissuti, stili di vita e produrre stimoli ispirativi a supporto della linea Rossetti ONE. Tracce Mobili è un progetto realizzato da L’HUB laboratorio creativo di IED Comunicazione e IED Moda Lab di Milano per Rossetti ONE. I numeri da soli non sono più sufficienti a capire la nuova generazione di consumatori. Complessi, sfuggenti alle classificazioni, ormai protagonisti attivi del processo mediatico, capaci di rielaborare in chiave individuale marchi e prodotti. In questo senso Tracce La ballerina con piastra in vinile per aumentare l’elasticità e agevolare i Mobili vuole costituire un ampliamento degli strumenti di analisi e di ricerca per offrire movimenti del piede, lo stivaletto in pelle di una conoscenza più approfondita di bisogni e attitudini e soprattutto dare vita a una struzzo, foderato in tessuto tecnico a nido d’ape e con soletta in gel per massaggiare creatività credibile ed emozionale. il piede con il movimento, il sandalo con L’unicità di L’HUB sta nel coinvolgimento partecipativo dei giovani talenti IED, nucleo Domina il caos urbano, seguendo una linea semplice e perfetta. tomaia in gomma e ghetta elasticizzata a proteggere e a fasciare la caviglia. energetico di una struttura fluida, mix di conoscenza e spontaneità, di esperienza e Arrivi subito alla meta, percorrendo la traccia della città in movimento. sperimentazione per trovare nuovi linguaggi e sviluppare nuove creatività progettuali. velocità è energia. Tracce mobili si inserisce anche al Pitti Uomo dove la scenografia alla Fortezza da Basso è Il nostro approccio si fonda sull’osservazione delle persone e del loro stile. Stile nel Non una piega, ergonomico, essenziale, più veloce che puoi. realizzata sul tema della mobilità sostenibile e Il cambiamento di costume all’insegna della senso di personalità, carattere, individualità. Crediamo che questo punto di vista, in particolare sulla bicicletta. mobilità è stato il tema dell’evento Fratelli reale quotidiano, senza artifici, costituisca una preziosa fonte di ispirazione, come lo Rossetti nella boutique di Montenapoleone a Milano in occasione della settimana del è la partecipazione attiva degli individui nella rete che permette l’aggregazione e la www.myspace.com/traccemobili Salone del Mobile. condivisione di straordinari contributi. Così, le immagini scattate per le vie della città e La ricerca è in continua evoluzione su quelle raccolte sui network sociali ci offrono inedite associazioni per comprendere la www.myspace.com/traccemobili dove ogni giorno da tutto il mondo si aggiungono realtà in evoluzione e ispirare una creatività “a tempo reale”. appassionati di moda e di bici, magazine e Se la bicicletta è il nuovo mezzo di trasporto urbano, come cambiano le calzature in prodotti specializzati, movimenti all’insegna di una nuova mobilità e di una nuova qualità funzione della neo mobilità su due ruote? Attraverso la bicicletta possiamo cogliere di vita. e individuare, senza chiudere, quei percorsi su cui si muovono gli stili di vita urbani più dinamici e contemporanei, tra haute couture e attitudine sportiva, propri della nuova Rossetti ONE. A Milano, muovendosi come cool hunter, 77 giovani talenti di L’HUB hanno scattato Il libro “Tracce Mobili” è un reportage pun- 1.700 immagini di persone che usano la bici nel loro quotidiano tra lavoro, aperitivi e tuale, link tra reale e virtuale, tra la collezione semplici passeggiate, dalle griffe di Montenapoleone e Brera, allo street style di Corso di Rossetti ONE e gli stili di vita contemporanei. Porta Ticinese e Porta Genova. Abbiamo selezionato le immagini, le abbiamo abbinate e associate seguendo delle ipotesi generali ma fondamentalmente ci siamo lasciati liberi di seguire i nostri percorsi connettivi individuali che poi abbiamo condiviso e aggregato all’interno del gruppo di lavoro. Questo approccio non solo ci ha permesso di raccogliere evidenze ma ci ha consentito di raccontare come l’esperienza del guidare la bicicletta negli intricati percorsi cittadini, tra estetica, design, attitudine sportiva e sostenibilità, è interpretata e vissuta in modo del tutto individuale, indipendentemente dalle caratteristiche demografiche e classe sociale di appartenenza. Rossetti One, il nuovo brand mirato ad Dall’analisi emerge un panorama di comunità su due ruote che si incrociano affiancare la prima linea ma pensato per un fisicamente nella città e concettualmente nella mappa estetico-emozionale da cui target giovane e dinamico. Un ulteriore passo di Rossetti One in quel percorso emergono tre macro aree attitudinali. Ogni area è caratterizzata dal proprio stile di analitico dei nuovi spostamenti iniziato a interazione, pensiero e gusto estetico, preferenze cromatiche, abbigliamento, accessori Firenze con il rilancio dello stivaletto da pattinaggio. e modalità di personalizzazione della propria bicicletta che più o meno inconsciamente riflette lo stile di chi la guida. Così possiamo affrontare la città con velocità per dominare il caos urbano, seguendo una linea semplice e perfetta. Con stile, esplorando attorno e godendo della città in ogni sfumatura. Con sfida, per giocare con la città, in modo audace, eccentrico e senza censura. Sulla base di questi tre concetti, i giovani designer di IED moda Lab hanno elaborato schizzi e visioni per i nuovi scenari metropolitani. Interpretazioni di una domanda che avanza su due ruote, messe a punto da creativi che, al tempo stesso, sono i consumatori più cool. P 17 P 18
  9. 9. Stile Sfida Esplora attorno a te Gioca con la città Goditi la città cogliendone ogni sfumatura. Non aggirare gli ostacoli ma giocaci per stupire. viaggiatore, intrepido esploratore. Sfida l’imprevedibile con audacia, eccentrico e senza censura. Una fusione tra la propria essenza e il mondo circostante. Esibizione sfacciata verso un gradino, il passamano o un luogo dissestato. La combinazione tra consapevolezza e rilassatezza, l’eleganza di città. Interprete della vita nel suo mutare. P 19 P 20

×