Your SlideShare is downloading. ×
0
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Radiografia dei progetti eTwinning sulle competenze civico-sociali con Quality Label2998

1,639

Published on

Slide dell''intervenro di Marco Guastavigna al seminario eTwinning di Pistoia, 10 novembre 2008

Slide dell''intervenro di Marco Guastavigna al seminario eTwinning di Pistoia, 10 novembre 2008

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,639
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
9
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Competenze sociali e civiche. Alcune storie di successo LE COMPETENZE CHIAVE NELL’APPRENDIMENTO PERMANENTE: IL CONTRIBUTO DI ETWINNING
  • 2. Concetti-chiave e un po’ di storia
  • 3. Chiave di lettura
  • 4. Dalla storia di un paese calabro, terra di emigranti che hanno portato la propria cultura altrove e appreso culture diverse, è partita l’idea di questa ricerca del migliore dei mondi possibili. Una tavola rotonda telematica ha fissato con le scuole partner i temi per le interviste a nonni e parenti: la storia locale come riflesso e proiezione del nuovo cittadino europeo. Ne è nata una raccolta di testimonianze scritte attraverso les mots de papier dei nostri concittadini emigrati in Francia, Belgio, Stati Uniti, con successiva riproduzione reale e virtuale di un viaggio doloroso, ma di speranza. A LA RECHERECHE DU MEILLEUR DES MONDES POSSIBLES Carmela Vulcano Scuola media V. Padula, Mirto-Crosia (CS)
  • 5. Paradigma : - radicamento nella storia e nel tessuto sociale locale; - ricostruzione storica; - coinvolgimento diretto di genitori e anziani in tutto il percorso; - assegnazione di uno scopo preciso agli strumenti tecnologici utilizzati; - [documentazione]. Sostenibilità : - disponibilità e attendibilità delle fonti e dei materiali; - assegnazione di compiti significativi a tutti i soggetti coinvolti; - chiarezza dell’obiettivo grazie alla sua semplicità e alla sua riconoscibilità sociale; - “spendibilità” dei risultati del lavoro nel colloquio interdisciplinare dell’esame di Stato A LA RECHERECHE DU MEILLEUR DES MONDES POSSIBLES
  • 6. Il progetto nasce dalla collaborazione fra Italia e Portogallo, a cui si sono uniti Marocco e Francia. È stato creato un vero e proprio “Laboratorio di cittadinanza attiva” in cui gli studenti hanno acquisito, analizzato e diffuso conoscenze in uno spazio sociale e intersoggettivo. Partendo dal microcosmo della classe e della famiglia, attraversando il proprio territorio culturale, le scuole hanno voluto creare un ponte immaginario che dal Mediterraneo all’Atlantico unisse virtualmente i diversi paesi. UN PONT TOUT FRANÇAIS: DE L’ATLANTIQUE À LA MEDITERRANÉE Rossana Pintus Liceo Ginnasio Ruggero Settimo, Caltanissetta
  • 7. Paradigma : - attenzione agli aspetti emotivi della comunicazione; - coinvolgimento diretto degli studenti nella scelta dei temi ( brainstorming ); - omogeneità dei soggetti coinvolti (età e interessi); - progettazione e valorizzazione di spazi di lavoro sia individuali sia collettivi; - [documentazione]. Sostenibilità : - utilizzo integrato di strumenti del web 2.0; - impiego selettivo e consapevole di strumenti di comunicazione differenti (pagina web statica vs wiki); - uso di risorse tecnologiche quotidiane (sms) e territoriali (punti internet) UN PONT TOUT FRANÇAIS: DE L’ATLANTIQUE À LA MEDITERRANÉE
  • 8. Il progetto, in un’ottica di educazione alla cittadinanza, si è posto l’obiettivo di coinvolgere gli studenti in una riflessione sulla democrazia, a partire dall’osservazione della propria realtà e operando confronti con i partner. A ciascun gruppo di lavoro (composto da 2 classi) è stata affidata una ricerca su un aspetto del tema. La scelta di centrare l’oggetto di studio su tematiche socialmente vive è stata essenziale per garantire una collaborazione efficace nella comunità eTwinning, in lingua veicolare (tedesco, inglese) e avvalendosi delle TIC. DEMOKRATIE IN EUROPA: DANEMARK - ITALIA - SWEDEN Doris Valente ITS Pier Paolo Pasolini, Milano
  • 9. Paradigma : - scelta di un tema socialmente vivo e attuale; - assegnazione agli insegnanti di compiti in relazione stretta e riconoscibile con il loro ruolo culturale “quotidiano”; - presenza di un contesto di “disseminazione” dei risultati organico rispetto al POF; - gruppi di lavoro transnazionali; - attenta strutturazione dello spazio virtuale a disposizione. Sostenibilità : - autentica congruenza tra gli strumenti di comunicazione e l’impianto e i ruoli interni della ricerca; - riequilibro dell’impiego delle strumentazioni sulla base del monitoraggio sulle attività comunicative. DEMOKRATIE IN EUROPA: DANEMARK - ITALIA - SWEDEN
  • 10. Il progetto è nato come strategia per arginare le incomprensioni e le potenziali situazioni di conflitto tra adolescenti che vivono una realtà sempre più multiculturale, spesso generate da pregiudizi e stereotipi. Alla fine del progetto il rapporto diretto con un altro popolo ha sollecitato in loro la riflessione personale e ha abbattuto l’alto muro del pregiudizio che si elevava solido all’inizio dell’esperienza. I docenti hanno trovato una modalità di cooperazione che nella scuola secondaria non è facile trovare e sono riusciti ad aggiornarsi, divertendosi, sull’uso delle TIC. FOLK CULTURE: AN UNFORGETTABLE RESOURCE Maria Pina Magliocca Scuola secondaria di 1°grado, Londa (FI)
  • 11. Paradigma : - congruenza del tema con problematiche sociali “calde” nel gruppo di lavoro; - scelta dell’argomento prima di conoscere i partner specifici; - confluenza nel piano di lavoro e nelle attività specifiche di conoscenze chiaramente riconducibili a campi disciplinari usuali; - integrazione progressiva tra lo spazio di progetto e altre strumentazioni tecnologiche. Sostenibilità : - autentico interesse da parte della comunità genitoriale e degli enti locali (gemellaggio tradizionale); - organizzazione, differenziazione e pianificazione delle attività e dei ruoli attente e condivise tra gli attori: - controllo e filtro dei commenti nei blog. FOLK CULTURE: AN UNFORGETTABLE RESOURCE
  • 12. Le scuole gemellate risiedono in due piccoli centri abitati ricchi dal punto di vista artistico-culturale, che per la posizione isolata rischiano di ripiegarsi su se stessi. Da qui l’intento di stimolare gli alunni a interagire e comunicare con gli altri, aprirsi alla diversità e al confronto. Punto focale del progetto è stato sviluppare, nel contatto tra ragazzi e tra le due comunità nel loro insieme, la consapevolezza che chiudersi nel proprio ambiente, per quanto privilegiato, è limitante e discriminante: è necessario imparare a riconoscere negli altri una risorsa e una chiave per leggere se stessi. SHARING OUR WORLD – CONDIVIDERE IL MONDO Scuola Secondaria di I grado A. di Cambio, sede di Casole d'Elsa (SI) Laura Maffei
  • 13. Paradigma : - congruenza del tema con caratteristiche socio-culturali del territorio di riferimento; - rapporto tra identità collettive e identità individuale; - coinvolgimento dell’intero consiglio di classe; - peer learning ; - autentica crescita delle competenze professionali dei docenti; - integrazione del progetto in altre “attività TIC” della scuola. Sostenibilità : - non fare altro , fare meglio ; - sostegno materiale in progress dell’ente locale; - attenzione metacognitiva e autovalutativa: feedback e riadattamento; - integrazione tra “vecchie e nuove tecnologie di comunicazione; - estensione dell’interazione tra partner transnazionali a tematiche oltre il progetto. SHARING OUR WORLD – CONDIVIDERE IL MONDO
  • 14. La cittadinanza è stata sperimentata come educazione linguistica, nella sua funzione sociale. Gli alunni hanno presentato la loro scuola e il loro ambiente di vita; comunicato le loro esperienze, i loro sentimenti; condiviso conoscenze in relazione ai diritti del cittadino e alla solidarietà; hanno scoperto, apprezzato e utilizzato il lavoro di gruppo con altri compagni dell’Unione realizzando un giornale condiviso. EUROPANDO: PICCOLI CITTADINI EUROPEI SCRIVONO Carmina Ielpo Direzione Didattica 1° Circolo, Lauria (PZ)
  • 15. Paradigma : - competenze linguistiche come condizione di cittadinanza; - riflessione guidata sulla propria esperienza diretta di socialità; - protagonismo sociale come consapevolezza e responsabilità individuale; - informazione collegiale come elemento costitutivo e indispensabile del progetto; - riferimento teorico esplicito (costruttivismo). Sostenibilità : - citizen journalism, attività web 2.0 per tutte le generazioni; - individuazione di piattaforma adatta; - metodologia come rappresentazione delle finalità. EUROPANDO: PICCOLI CITTADINI EUROPEI SCRIVONO
  • 16. Scoprire le proprie origini, le tradizioni, i valori nel confronto con gli altri, nostri vicini. Partendo da questi temi generali si è riflettuto sui comportamenti. In particolare sono state curate le competenze personali, interpersonali e interculturali, che riguardano tutte le forme di comportamento e consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa. La condivisione del blog è stata quindi occasione per confrontarsi anche su problematiche orientate al sociale. NOUS, VOUS ET LES AUTRES: NOS RACINES ET LES VOTRES Costantino Soudaz Isitip di Pont-Saint-Martin (AO)
  • 17. Paradigma : - dialogo e conflitto come bisogno ed esperienza diretti del gruppo di lavoro coinvolto; - rapporto tra comportamenti “diretti” e dimensione storico- sociale delle origini e delle tradizioni “proprie” e altrui; - il progetto stimola un uso più ampio di e-twinning Sostenibilità : - capacità di rinunciare a strumentazioni più intriganti (ma complicate) a favore di altre più semplici (ma immediate e funzionanti); - consapevolezza della mancanza di elaborati di sintesi. NOUS, VOUS ET LES AUTRES: NOS RACINES ET LES VOTRES
  • 18. Indagine sui vecchi mestieri caratteristici delle zone in cui vivono gli studenti italiani e svedesi e sulle tradizioni che li accomunano o contraddistinguono. Il lavoro, graduale percorso di conoscenza attraverso filmati, fotografie e interviste, ha aiutato i ragazzi a scoprire l’ altro oltre i propri confini, partendo dalla propria realtà e dalla riscoperta e valorizzazione delle proprie radici in un’era globalizzata. TRADITIONS AND OLD JOBS Istituto Istruzione Superiore V. Capirola, Leno (BS) Emma Mancini
  • 19. Paradigma : - rapporto tra radici e globalizzazione; - gradualità; - diversa rappresentazione del (proprio) territorio; - appartenenza esplicita a obiettivi curriculari; - riconoscimento nell’organigramma della scuola; - crescita effettiva dell’autonomia operativa nelle TIC. Sostenibilità : - lavoro anche domestico da parte degli studenti; - committenza precisa favorisce autonomia culturale; - conoscenza in presenza; - motivazione forte; appartenenza al progetto e all’oggetto del medesimo. TRADITIONS AND OLD JOBS

×