Your SlideShare is downloading. ×
Pres14mar
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Pres14mar

172
views

Published on

presentazione progetto COREM 14 marzo - powerpoint

presentazione progetto COREM 14 marzo - powerpoint


0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
172
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
3
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Strategia di comunicazione regionale sulla biodiversità 14.3.2011 - bozza
  • 2. L’approccio della Regione Liguria alla biodiversità: dalla salvaguardia alla tutela attiva
    • La Liguria è una regione a biodiversità elevata
    • La Regione Liguria adempie da anni alle indicazioni delle Direttive Comunitarie in materia con un programma di azioni di salvaguardia e valorizzazione della Rete Natura 2000 (125 Siti di Interesse Comunitario (SIC), 26 dei quali in ambito marino e 7 Zone di Protezione Speciale (ZPS) per la tutela degli uccelli selvatici).
    • Normativa regionale di riferimento: Legge Regionale n. 28 del 10 luglio 2009 “Disposizioni per la tutela e valorizzazione della Biodiversità”
    • Politiche dei parchi: dall’istituzione e dallo sviluppo di politiche di tutela allo sviluppo di politiche di qualificazione ambientale delle attività degli enti pubblici e dei soggetti economici, sino alle politiche e alle iniziative per lo sviluppo sociale ed economico dei territori.
  • 3. L’approccio della Regione Liguria alla biodiversità: dalla salvaguardia alla tutela attiva / segue
    • E’ necessario proporre un approccio non esclusivamente vincolistico della tutela – bensì meccanismi di “tutela attiva” per la conservazione del paesaggio e della diversità naturale.
    • In questo senso la Regione intende realizzare una serie di attività per
        • sensibilizzare la popolazione rispetto al concetto complesso di biodiversità (= oltre il puro limite a qualsiasi azione)
        • coinvolgere i diversi stakeholder e promuovere azioni positive a favore della tutela della biodiversità a partire dalle tipicità e dalla tradizione di pratiche di gestione del territorio rilette in chiave di moderne opportunità di sviluppo socio-economico.
  • 4. Le risorse a disposizione per comunicazione e partecipazione su biodiversità nel 2011
    • Risorse per attività di comunicazione, governance, partecipazione ed educazione ambientale relative alla biodiversità da UE:
    • Progetto “ COREM Cooperazione delle reti ecologiche nel Mediterraneo ”
    • +
    • Asse III “Ambiente e produzioni rurali e marine del Programma Operativo Regionale del FESR
    • Totale € 400.000 (per progetti specifici sul territorio).
    • Attualmente aperti bandi regionali riferiti al progetto COREM destinati al finanziamento di 6 CEA e bandi POR indirizzati ad altri 16 CEA, ai Parchi, alle Province all’ARPAL.
  • 5. Obiettivo generale del Piano regionale di comunicazione, educazione, partecipazione
    • Il Piano è orientato a contribuire a comunicare correttamente la biodiversità a supporto delle politiche regionali di tutela della biodiversità stessa, dei parchi e di sviluppo sostenibile dei territori.
  • 6. La strategia del Piano di comunicazione regionale sulla biodiversità
    • a) Dalla dimensione etica alla dimensione identitaria: uscire dalla “dimensione etica” della necessità di tutela di valori scientifici per legare le politiche di tutela della biodiversità alla dimensione dei valori percepiti e condivisi delle comunità legate ai territori, per rafforzare le condizioni di supporto ad economie sostenibili per le aree ad alto valore ambientale.
    • b) L’attivazione dei soggetti moltiplicatori: il messaggio dovrà essere veicolato su soggetti capaci di costituire moltiplicatori di comunicazione, persone che il territorio riconosce come accreditate ed affidabili e che - concluso il progetto - possano costituire referenti permanenti.
  • 7. La strategia del Piano di comunicazione regionale sulla biodiversità / segue
    • c) La comunicazione in ambiente urbano e sulla costa: promuovere l’incoming verso i parchi attraverso esempi concreti di tutela attiva del bene ambientale, realizzati in maniera condivisa con il territorio e che sono fonte di sviluppo sociale ed economico.
    • d) Un piano sistemico per le attività di comunicazione, governance ed educazione ambientale: un grande “team di comunicazione e animazione territoriale sulla biodiversità” tra Regione, ARPAL, Province, Parchi, Crea, CEAP/CEA ed un piano condiviso e armonico d azioni.
    • Il ruolo del Tavolo Tecnico di Coordinamento.
  • 8.
    • Dott.sa Daniela Minetti

    • ARPAL - Direzione Generale
 Marketing, Comunicazione e Formazione

    • Via Bombrini 8
 Genova
    • 
 Tel. + 39 010 6437 213

    • Mob. + 39 335 7994563

    • 
 daniela . [email_address] . org
    Contatti

×