Your SlideShare is downloading. ×
0
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Buoni casale capitale del freddo (2)
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Buoni casale capitale del freddo (2)

316

Published on

0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
316
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide
  • La sicurezza ambientale Tutto è nato nel 1997 quando alcuni scienziati radunati nel pannello intergovernativo sui cambiamenti climatici IPCC hanno verificato che l'attività umana poteva essere causa del surriscaldamento terrestre e dei disastri ambientali che sono andati incrementandosi negli anni. La temperatura media del globo terrestre aumenta, è già aumentata di circa 1 ° nell’ultimo secolo. Nel 2007 l’ultimo rapporto del IPCC stabilisce che non è più una probabilità ma è una certezza che è l’uomo la causa del surriscaldamento terrestre. Ciò prvoca terremoti in aumento, alluvioni, tempeste e altre calamità naturali direttamente imputabili al surriscaldamento terrestre. L'anidride carbonica è stata in continuo aumento dalla rivoluzione industriale ad oggi.. Nasce così in quell’anno il protocollo di Kyoto.
  • Il maggiori emettitore è la Cina, che ha superato negli ultimi anni gli Stati Uniti. Per questo motivo il protocollo di Kyoto non è solo superato temporalmente, ma anche di fatto, in quanto, se la Cina non ridurrà la sua espansione e le sue emissioni, poco avranno valore gli accordi di Kyoto. Ma saranno sicuramente più importanti accordi successivi come Copenhagen. Di questi giorni la firma di India, Cina, Brasile, Messico, USA, SudAfrica degli accordi che sono stati presi a Copenhagen durante l’infruttuoso Summit, in cui però sono stati confermati gli intenti di diminuire le emissioni per uno sviluppo più sostenibile. L’accordo di Copenhagen stabiliva che tutti i paesi si impegnano a non avere un incremento di 2 ° della temperatura terrestre.
  • Con uno spirito lungimirante e con una prospettiva di rilancio economico di sicuro sviluppo l'Europa è per prima nel mondo partita a portare avanti una politica di controllo delle emissioni di gas serra (principalmente la CO2) sicura che questo sia proprio uno spunto, una scintilla per la nascita di un nuovo settore mercato che genera nuovo sviluppo. Dal punto di vista economico si parla di un nuovo Green Deal una nuova Green Economy, Economia verde. A livello politico del progetto 20-20-20. Riduzione del 20% di emissioni di CO2 entro il 2020, ma come? Risparmiando energia (20% di energia) ed producendo 20% di energia da fonti rinnovabili. Per cui questa direttiva del 2009 ha innescato da sola un nuovo circolo virtuoso economico, le energie rinnovabili dovranno crescere ed arrivare al 20%. Ciasuno stato ha dei suoi obiettivi ben specifici a seconda del loro storico, geografia etc...
  • In questo periodo di crisi in cui in Italia il Pil è calato nel 2009 del 5%, le energie rinnovabili hanno segnato invece un incremento del 13%, questo risultato viene quindi favorito dall'Europa e dalle sue leggi. Nell’Europa Unita è Bruxelles a decidere le politiche comunitarie sull’ambiente per cui l’Italia che si vede obbligata ad implementare le regolamentazioni, può decidere solo le modalità per rispettarle. L’Europa decide e l’Italia quindi spinge con incentivi la sensibilizzazione nazionale. L'Europa prima nel mondo, il Piemonte primo in Europa, il Piemonte vuole infatti essere la regione prima in Europa, spingendo e promuovendo questo nuovo settore.  L'Europa, essendosi mossa per prima, si gioverà di questo suo primato istruendo il resto del mondo e trasferendo e vendendo le tecnologie e le conoscenze. Nei miei diversi viaggi con i principali presidenti delle associazioni americane, con le Nazioni Unite o recentemente in India, ho notato come tutto il mondo ci guarda come punto di riferimento in questo settore, grazie alla politica comunitaria.
  • La nostra Vision è che per poter spingere l’economia nel rispetto dell’ambiente il risparmio energetico e le energie rinnovabili sono una fondamentale pedina. Pensiamo che ogni casa dovrebbe averne beneficio. E chge tutti i fattori prima descritti lasciano ben sperare perché ciò avvenga. Lascio ora alla descrizione delle singole tecnologie.
  • Transcript

    • 1. Casale Capitale del Freddo Nuovo Centro di ricerca Certificazioni per i Tecnici del freddo e del condizionamento Venerdì 30 novembre 2012 alle 9,30 Sala Consiliare di Palazzo San Giorgio Via Mameli 10, Casale Monferrato Marco BuoniVicePresidente Air conditioning Refrigeration European Association AREA www.area-eur.be Segretario Associazione dei Tecnici del Freddo - ATF www.associazioneATF.org Direttore Tecnico Centro Studi Galileo - CSG www.centrogalileo.it
    • 2. LambienteAumento dei disastri naturali Aumento delle Concentrazioni di anidride carbonica (parti per millione) FONTE United Nations Environment Programme UNEP - Nazioni Unite Programma AmbientaleIl livello di concentrazione limite è stabilito entro le 450 ppm CO2 equivalente al fine di limitare lincremento di temperatura sotto i 2 °C
    • 3. Emissioni CO2 nel mondo (in migliaia di tonnellate)Dati 2009: Maggiori emettitori di CO2 nel mondo (% del totale)1. China: 7,711 million tonnes (MT) or 25.4%2. US: 5,425 MT or 17.8%Russia, India, Germania, Brasile, …….con valori molto minori tutti al di sotto del 5%
    • 4. Europa e Energia 20 – 20 – 20Oltre il Protocollo di KYOTO che termina nel 2012:Il miglioramento dell’efficienza energetica è un obiettivo chiave della Comunità e lo scopo è diraggiungere- miglioramento dellefficienza energetica del 20 % entro il 2020.- 20 % della quota di energia da fonti rinnovabili (sul consumo finale lordo di energia della Comunità)- riduzione 20% emissioni CO2 2° gradi di aumento causano problemi irreversibili
    • 5. DOHA 26 nov – 7 dic è in corsoConferenza Nazioni Unite sui cambiamenti climatici Ghiacciai si sciolgono, già ora le centrali idroelettriche producono meno energia Acqua alta a Venezia e in tutte le zone costiere rischio per alcune isole di scomparire Desertificazione che avanza CHI VUOLE RISPETTARE L’AMBIENTE E CREARE UN MERCATO SOSTENIBILE?, CHI VUOLE AIUTARE I PAESI IN VIA DI SVILUPPO A FARE LO STESSO?
    • 6. Soluzioni Europa vuole essere prima nel mondo• Nuove legislazioni legate al clima e al risparmio energetico che portano a spingere – Nuove tecnologie ad impatto ambientale basso – Risparmio energetico – Formazione/informazione all’uso delle tecnologie esistenti e alla sviluppo di nuove tecnologie Ricerca e Sviluppo Nuovo Centro di Ricerca e Sviluppo •per nuovi prodotti •maggiore formazione
    • 7. LEconomia – il Green New Deal• Può essere unopportunità per leconomia verde di rilancio verso uno sviluppo sostenibile  La produzione di nuove tecnologie per risparmiare energia o produrre energia.  La verifica degli impianti e degli edifici al fine di risparmiare energia.  L installazione degli impianti e lintegrazione con le tecnologie tradizionali. NUOVE TECNOLOGIE NUOVE COMPETENZE DELLE IMPRESE E TECNICI NUOVI MERCATI
    • 8. Opportunità• Nuove tecnologie: – Pompe di calore – Impianti frigoriferi ad efficienza energetica• Maggiore valore aggiunto e customizzazione dei prodotti• Maggiore formazione, certificazione e professionalità
    • 9. I Refrigeranti degli impianti di refrigerazione, condizionamento fisso e mobile e le pompe di calore: I refrigeranti fluorurati HFC• I refrigeranti sintetici HFC normalmente utilizzati soprattutto in Italia in molti impianti sono gas a forte effetto serra• LEuropa ha regolamentato dal 2006 il loro utilizzo con controlli sulle emissioni e sulle efficienze degli impianti in cui questi sono contenuti - Regolamentazione CE 842 - Registro delle Apparecchiature (>3kg) - Visite periodiche obbligatorie per verificare emissioni ed efficienza da annotare sul registro (>3kg) - Tecnici qualificati e certificati che svolgano tali operazioni (detto Patentino Frigoristi) • Negli impianti sugli autoveicoli ha perfino deciso di eliminarli (GWP > 150) Direttiva europea 2006/40/CE
    • 10. La revisione della regolamentazione europea sui refrigeranti: nuove misure• Eliminazione di alcuni gas refrigeranti R404 e R507 e progressivamente di tutti gli HFC in alcuni impianti (domestici e commerciali)• Divieto di vendita di impianti split precaricati di refrigerante• Inclusione dei trasporti refrigerati su gomma nella regolamentazione• I fornitori non possono vendere refrigeranti HFC ad installatori non certificati• Formazione e certificazione su tutti i refrigeranti pure quelli naturali
    • 11. La formazione e Certificazione: La situazione in Italia • Il Decreto sui corsi e la certificazione è uscito in gazzetta ufficiale lo scorso Aprile DPR 43 • Diventerà pienamente operativo quando le camere di commercio avranno implementato il registro delle persone e delle aziende qualificate che avranno svolto l’esame Il CSG, insieme ad enti terziorganismi di certificazione, avràdiversi centri di esame in cuiverranno verificati i tecnici di tuttaItalia, il più importante saràquello di Casale Monferrato
    • 12. REGOLAMENTO CE 842/2006, 303/2008, 307/2008, REGOLAMENTO CE 842/2006, 303/2008, 307/2008, Patentino frigoristi – per chi? CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE 303/2008: ESAME Per tutte quelle persone che svolgono una o più delle seguenti attività su apparecchiature fisse di refrigerazione, condizionamento d’aria e pompe di calore che contengono gas fluorurati ad effetto serra:I) installazione di apparecchiatura qualsiasi sia il contenuto di refrigerante;II) manutenzione o riparazione qualsiasi sia il contenuto di refrigerante;III) controllo delle perdite dalle applicazioni contenenti almeno 3 kg di gas fluorurati ad effetto serra e dalle applicazioni contenenti almeno 6 kg di gas fluorurati ad effetto serra dotate di sistemi ermeticamente sigillati, etichettati come tali;IV) recupero di gas fluorurati ad effetto serra (qualsiasi quantità di refrigerante);307/2008: CORSO Per tutte quelle persone che svolgono recupero dei gas fluorurati nei veicoli a motore
    • 13. 303/08 IMPIANTI FISSI DI REFRIGERAZIONE E CONDIZIONAMENTO303/08 IMPIANTI FISSI DI REFRIGERAZIONE E CONDIZIONAMENTO ESAME TEORICO E PRATICO ESAME TEORICO E PRATICO CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE CATEGORIE CONOSCENZE E COMPETENZE I II III IV 1 basi termodinamiche T T T 2 impatto ambientale refrigeranti – regolamenti ambientali T T T T 3 Operazioni durante il ciclo di vita degli impianti e su registro P P 4 controlli delle perdite T/P T/P T/P 5 controllo del refrigerante in tutte le attività P P P 6 installazione, messa in esercizio e manutenzione di un P P compressore installazione, messa in esercizio e manutenzione di un 7 condensatore raffreddato ad aria o acqua P installazione, messa in esercizio e manutenzione di un 8 evaporatore raffreddato ad aria o acqua P installazione, messa in esercizio e manutenzione della 9 valvola di espansione termostatica ed altri componenti P 10 allestimento di una tubazione a tenuta ermetica P P
    • 14. 307/08 307/08 IMPIANTI CONDIZIONAMENTO AUTO IMPIANTI CONDIZIONAMENTO AUTO CORSO TEORICO E PRATICO CORSO TEORICO E PRATICO CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE CERTIFICAZIONE DEL PERSONALE CONOSCENZE E COMPETENZE1. Funzionamento degli impianti di condizionamento d’aria contenenti gas fluorurati ad effetto serranei veicoli a motore, impatto sull’ambiente dei gas fluorurati refrigeranti ad effetto serra e relativanormativa ambientale.1.1 Conoscenza di base del funzionamento degli impianti di condizionamento d’aria nei Tveicoli a motore.1.2 Conoscenza di base dell’impiego e della proprietà dei gas fluorurati ad effetto serra Tutilizzati come refrigeranti negli impianti di condizionamento d’aria nei veicoli a motore,degli effetti delle emissioni di tali gas sull’ambiente (ordine di grandezza del loro GWPrispetto ai cambiamenti climatici).1.3 Conoscenza di base delle disposizioni pertinenti del Regolamento (CE) n. 842/2006 e Tdella Direttiva 2006/40/CE.2. Recupero ecocompatibile dei gas ad effetto serra T2.1 Conoscenza delle procedure comuni per il recupero dei gas fluorurati ad effettoserra.2.2 Maneggiare una bombola refrigerante. P2.3 Collegare e scollegare un’apparecchiatura per il recupero del refrigerante ai/dai punti Pdi accesso di un impianto di condizionamento d’aria di un veicolo a motore contenentegas fluorurati ad effetto serra.2.4 Utilizzare un’apparecchiatura per il recupero del refrigerante. P
    • 15. Opportunità per Casale 3000 tecnici all’anno • Visite alle industrie casalesi del freddo• Display - messa in mostra dei prodotti nelle sedi del Centro Studi Galileo durante i corsi e gli esami• Presentazione delle aziende di Casale durante i corsi e gli esami • Creazione del distretto del freddo, cluster con un centro direzionale e centro di ricerca per il beneficio di tutte le aziende del settore • Turismo – ristoranti, hotel nel Monferrato
    • 16. GrazieJani, "Human Resource Development for Renewable Energy," GND, December 21, 2009, Pune, India. 16
    • 17. Contatti: Marco BuoniEmail. buoni@centrogalileo.it - tel. 0142 452403BUONA CONTINUAZIONE DEL CONVEGNO

    ×