• Like
Diritto d'autore online e libertà digitali: la responsabilità dell'Internet Service Provider
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

Diritto d'autore online e libertà digitali: la responsabilità dell'Internet Service Provider

  • 4,064 views
Published

Presentazione utilizzata nel corso del Convegno organizzato dall'Associazione Nazionale Forense il 15 dicembre 2011

Presentazione utilizzata nel corso del Convegno organizzato dall'Associazione Nazionale Forense il 15 dicembre 2011

Published in Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
No Downloads

Views

Total Views
4,064
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
10

Actions

Shares
Downloads
22
Comments
0
Likes
1

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. ASSOCIAZIONE NAZIONALE FORENSELibertà digitali, Open Source, Open Government & Open DataDiritto dautore online e libertà digitali: la responsabilità dellInternet Service Provider
  • 2. Responsabilità dei ProviderMere conduit (art. 14 D.lgs 70/2003)Caching (art. 15 D.lgs 70/2003)Hosting (art. 16 D.lgs 70/2003)
  • 3. Mere Conduit
  • 4. Caching
  • 5. Hosting
  • 6. Mere ConduitIl Provider non è responsabile delleinformazioni trasmesse se: a)Non dà origine alla trasmissione b)Non seleziona il destinatario della trasmissione c)Non seleziona né modifica le informazioni trasmesse
  • 7. Mere Conduit2. Le attività di trasmissione e di fornituradi accesso di cui al comma 1, includono lamemorizzazione automatica, intermedia e transitoria delleinformazioni trasmesse, a condizione che questa serva solo allatrasmissione sulla rete di comunicazione e che la sua durata nonecceda il tempo ragionevolmente necessario a tale scopo.3. Lautorità giudiziaria o quellaamministrativa avente funzioni divigilanza può esigere anche in viadurgenza, che il prestatore, nelleserciziodelle attività di cui al comma 2, impediscao ponga fine alle violazioni commesse.
  • 8. CachingIl Provider non è responsabile della memorizzazioneautomatica, intermedia e temporanea delleinformazioni, effettuata al solo scopo si rendere piùefficace il successivo inoltro ad altri destinatari a lororichiesta se: a)Non modifica le informazioni b)Si conforma alle condizioni di accesso c)Si conforma alle norme di aggiornamento delle informazioni, indicate in modo ampiamente riconosciuto e utilizzato dalle imprese del settore d)Non interferisce con luso lecito di tecnologia per ottenere dati sullimpiego delle informazioni e)Pronta rimozione delle informazioni memorizzate appena abbia avuto conoscenza del fatto che sono state rimosse dal luogo dove si trovavano inizialmente
  • 9. HostingIl Provider non è responsabile delleinformazioni memorizzate a richiesta di undestinatario del servizio se: a)Non sia effettivamente a conoscenza del loro carattere illecito e, per quanto attiene ad azione risarcitorie, non sia al corrente di fatti o circostanze che rendono manifesta lilliceità dellattività o dellinformazione b)Non appena a conoscenza di tali fatti, su comunicazione delle autorità competenti, agisca immediatamente per rimuovere le informazioni o per disabilitarne laccesso
  • 10. Nessun obbligogenerale disorveglianza Solo obbligo, expost, dicollaborazionecon lautoritàgiudiziaria oamministrativa
  • 11. <1>
  • 12. R.T.I. vs.Youtube
  • 13. Hosting
  • 14. “...tali asserzioni sono smentite dalle regolestabilite dal provider che prevedonolaccettazione dellutente di ogniaggiornamento deciso da YouTube, ildiritto di controllare i contributi...nonché di risolvere il contratto con lutentequando la fornitura non è piùeconomicamente vantaggiosa” (Tribunale diRoma, sez. IX civile)
  • 15. “2. Le disposizioni di cui al comma 1 non siapplicano se il destinatario del servizioagisce sotto lautorità o il controllo delprestatore.” (Articolo 16, comma 2, D.lgs70/2003)
  • 16. “Weve updated our Terms of Use to clarify whatkinds of uses of the website and the YouTubeEmbeddable Player are permitted. We dont wantto discourage you from putting the occasionalYouTube video in your blog to comment on it...We will, however, enforce our Terms of Useagainst, say, a website that does nothing morethan aggregate a bunch of embedded YouTubevideos and intentionally tries to generate adrevenue from them”.
  • 17. Hosting?
  • 18. “Qualora non riesca a provare di essersilimitato a mettere a disposizione di terzi ilservizio di ospitalità, il proprietario di undominio presso cui viene gestito e pubblicatoun sito internet è responsabile in qualità dicontent provider dei contenuti illeciti ivipubblicati e deve rispondere del dannocausato dalla pubblicazione” (Tribunale diCatania, 29 giugno 2004)
  • 19. Hosting?
  • 20. R.T.I, vs. Yahoo
  • 21. Tribunale di Milano
  • 22. Sentenzan.10893/2011
  • 23. “va richiamato il tenore della direttiva2000/31/CE, di cui il D.Lgs 70/2003costituisce recepimento nellordinamentointerno, che nel suo considerando 42)affermava che le deroghe alla responsabilitàivi stabilite “riguardano esclusivamente ilcaso in cui lattività di prestatore di servizidella società dellinformazione si limiti alprocesso tecnico di attivare e fornireaccesso ad una rete di comunicazione...”
  • 24. “...Siffatta attività è di ordinemeramente tecnico, automatico epassivo, il che implica che il prestatoredi servizi della societàdellinformazione non conosce nécontrolla le informazioni trasmesse omemorizzate”
  • 25. “Levoluzione della rete informaticamondiale sembra però aver superatonei fatti tale figura di prestatore delservizio... la situazione attuale rendeevidente che le modalità di prestazionedi tale servizio si sono distaccate dallafigura individuata nella normativacomunitaria... finendo per individuare(se non un vero e proprio contentprovider) una diversa figura (c.d.Hosting attivo)”
  • 26. “Se evidentemente lassociazione aicontenuti immessi dagli utenti dimessaggi pubblicitari i cui proventiconcorrono a finanziare lattività delprestatore di servizi risulta in séininfluente rispetto alla natura delservizio stesso e alla posizione delprestatore stesso rispetto ai contenutiforniti dagli utenti...”
  • 27. “...tuttavia le modalità diorganizzazione di tali servizipubblicitari non possono considerarsiirrilevanti al fine di verificare selattività del prestatore del servizioecceda lambito del mero servizio dihosting (passivo)”
  • 28. “Anche la regolamentazionecontrattuale proposta da Yahoo agliutenti che intendono usufruire delservizio fornisce elementi che induconoa differenziare la posizione di taleprestatore di servizi da quellopuramente addetto alla fornitura diuno spazio per la memorizzazione delleinformazioni trasmesse dallutente edalla visualizzazione delle stesse daparte di terzi.”
  • 29. Criticità contrattuali✔ Licenza commerciale a favore di Yahoo suicontenuti immessi dagli utenti✔ Clausola di manleva sui contenutiimmessi✔Diritto nei confronti dellutente dirimozione immediata dei contenuti immessio di rifiutarne linclusione nella lista deivideo disponibili✔Servizio segnalazione contenutiinappropriati
  • 30. “Tutti gli elementi innanzi menzionaticontribuiscono in effetti nel lorocomplesso ad individuare il prestatoredi servizi Yahoo quale soggetto chefornisce (quantomeno) un hostingattivo, in quanto organizza e selezionail materiale trasmesso dagli utenti, cosìcertamente esorbitando da qualsiasiposizione di pretesa neutralità...”
  • 31. “...tanto da fornire al visitatore unservizio che per la sua complessità edorganicità ha come sola base dipartenza i contenuti trasmessi dagliutenti e fornisce invece ai visitatori unvero e proprio più complessivoprodotto audiovisivo dotato di una suaspecifica individualità ed autonomia”
  • 32. “...deve concludersi per linapplicabilitàalla convenuta della disciplina previstadallarticolo 16 D.Lgs 70/2003”, infavore di una valutazione dellacondotta di Yahoo secondo le comuniregole di responsabilità civile”
  • 33. “accertato che la diffusione da partedella convenuta su Yahoo! Video dibrani di filmati tratti dai programmitelevisivi … costituisce violazione deidiritti di parte attrice di cui agli articoli78 ter e 79 L.A., ne inibisce allaconvenuta lulteriore diffusione,fissando a titolo di penale per ogniviolazione di tale inibitoria la somma dieuro 250 per ogni audiovideo nonrimosso o disabilitato...”
  • 34. “rimette la causa sul ruolo istruttoriocome da separata ordinanza inrelazione alla determinazione delrisarcimento del danno”
  • 35. </1>
  • 36. <2>
  • 37. Tribunale di Roma
  • 38. PFA Films vs Yahoo
  • 39. 20 marzo 2011
  • 40. “nel merito, la questione posta dalcaso in esame è quella dellaimputabilità della parte resistenteYahoo, nella sua qualità di providergestore del servizio web search, dellaresponsabilità di contributoryinfringement per lattività di gestionedel motore di ricerca, nella misura incui questi effettua, attraverso specificilink, il collegamento a siti pirata, chepermettono la visione del film “aboutelly”
  • 41. I punti cardine della decisione✔ LItalia, a differenza di altri paesi europei(Spagna e Portogallo) non ha adottatodisposizioni specifiche per i motori di ricerca✔ La norma di esonero da responsabilità,speciale e derogatoria rispetto al principiogenerale di responsabilità dellimpresa nelleproprie attività, ha la propria ratio nellapresunzione di inesigibilità del controllosulle informazioni presenti in rete(bilanciamento libertà informazione / altriinteressi)
  • 42. I punti cardine della decisione✔ Uninterpretazione conservativa eorientata costituzionalmente delledisposizioni del d.lgs 70/2003 non puòestendere lambito dellesonero dallobbligodi vigilanza.✔ Nel caso in esame Yahoo può definirsicome caching provider che a seguito didiffida è stato messo a conoscenzadellilliceità dei link
  • 43. 16 giugno 2011
  • 44. “la preventiva individuazione deicontenuti web di carattere illecitocostituisce attività che non puòcertamente essere rimessa al provider,essendo viceversa tale attività ilrisultato di una valutazione rimessa inprimo luogo al titolare del diritto leso.”
  • 45. I punti cardine della decisione✔ Assoluta genericità della diffida✔Mancata allegazione delleviolazioni delle quali si chiedelinibitoria✔ Mancata prova della presenzaeffettiva dei contenuti ritenutiilleciti
  • 46. </2>
  • 47. <3>
  • 48. Tribunale di Roma
  • 49. R.T.I. vs.Rojadirecta
  • 50. 17 luglio 2011
  • 51. “E vero che il resistente non èresponsabile della violazione da partedi terzi dei diritti della ricorrente,qualora si limitasse a porre in essereuna mera attività di linking checonsenta lapertura di siti internetgestiti da terzi, i quali essi solorispondono della illiceità del contenuto”
  • 52. “Tuttavia lattività di linking posta inessere si inserisce funzionalmentenellambito di una più ampia attivitàagevolativa e compartecipativa allarealizzazione degli illeciti compiuti adanno di RTI, per i quali non paredubitabile la sussistenza da parte delresistente della consapevolezza dellailliceità della condotta perpetrataallevidente scopo di sfruttarlacommercialmente”
  • 53. Il Caso AGCOM
  • 54. 17 dicembre 2010
  • 55. Perché interviene AGCOM?✔ Lart. 6, D.lgs 44/2010, c.d. “Decreto Romani”,inserisce nel T.U. Servizi di media audiovisivi eradiofononici larticolo 32-bis, rubricato“Protezione dei diritti dautore”✔ La disposizione riguarda unicamente i fornitori diservizi di media audiovisiviIl comma 3 attribuisce ad AGCOM il compito di✔emanare le disposizioni regolamentari necessarieper rendere effettiva losservanza dei limiti edivieti previsti nellarticolo 6.
  • 56. *Art. 32-bis✔ E fatto divieto ai fornitori di servizi dimedia audiovisivi di trasmettere,ritrasmettere o mettere comunque adisposizione degli utenti, su qualsiasipiattaforma e qualunque sia la tipologia diservizio offerto, programmi oggetto di dirittidi proprietà intellettuale di terzi, o parti ditali programmi, senza il consenso di titolaridei diritti
  • 57. I tre pilastri (di argilla)✔ Art. 180-bis L.d.A.✔ Art. 14-17, D.lgs 70/2003✔ Art. 32-bis, D.lgs 177/2005
  • 58. Art. 182-bis L.d.A.Ad Agcom e SIAE, nellambito dellerispettive competenze è attribuita lavigilanza sulle seguenti attività: a) Riproduzione e duplicazione con qualsiasi procedimento, su supporto audiovisivo, fonografico e qualsiasi altro supporto nonché su impianti di utilizzazione in pubblico, via etere e via caso, nonché sullattività di diffusione radiotelevisiva con qualsiasi mezzo effettuata
  • 59. 8 luglio 2011
  • 60. Delibera398/2011/Cons
  • 61. Schema di regolamento inmateria di tutela del diritto dautore sulle reti di comunicazione elettronica
  • 62. No inibizione siti esteri
  • 63. Notice and Take Down(allamatriciana?)
  • 64. 4 gg 7 gg. 48 h !!! Trasmissione 48 h per adeguamentoAtti ad organo Spontaneo del sito. Se si,Collegiale per archiviazione. Altrimenti... 10 ggdeterminazioni
  • 65. Archiviazione OrganoCollegiale Richiesta Ulteriore istruttoria Soggetti localizzati in Italia Soggetti localizzati allestero
  • 66. Soggetti localizzati in Italia1.L’organo collegiale può ordinare ai gestori di siti i cuinomi di dominio siano stati registrati da un soggettoresidente o stabilito in Italia,la rimozione selettiva deicontenuti oggetto di segnalazione che siano stati diffusiin violazione delle norme sul diritto d’autore;2. L’organo collegiale può ordinare ai fornitori di servizidi media audiovisivi o radiofonici soggetti allagiurisdizione italiana la cessazione della trasmissione odella ritrasmissione di programmi audiovisivi diffusi inviolazione delle norme sul diritto d’autore.3. Nei casi di cui ai commi 1 e 2, l’organo collegiale puòaltresì ordinare di dare evidenza di tale circostanza conle modalità all’uopo individuate in presenza di reiterataviolazione accertata dall’Autorità.
  • 67. Soggetti localizzati allestero1. L’organo collegiale può adottare nei confronti dei gestoridi siti i cui nomi di dominio siano stati registrati da unsoggetto non residente o non stabilito in Italia e chediffondano contenuti in violazione del diritto d’autore, la cuifruizione è destinata al pubblico italiano, i seguentiprovvedimenti:a) richiamare i gestori dei siti al rispetto della Legge suldiritto d’autore;b) ove la violazione persista nonostante il richiamo di cuialla lettera a) oltre quindici giorni dal richiamo medesimo,richiedere la rimozione selettiva dei contenuti oggetto disegnalazione che siano stati diffusi in violazione delle normesul diritto d’autore;c) ove la violazione persista nonostante la richiesta dirimozione di cui alla lettera b) nei termini ivi indicati,segnalare il caso all’Autorità giudiziaria per gli adempimentidi competenza.
  • 68. Soggetti localizzati allestero2. L’organo collegiale può ordinare alfornitore di servizi di media audiovisivi oradiofonici attivo in Italia la cessazionedella trasmissione o della ritrasmissionedi programmi audiovisivi diffusi inviolazione delle norme sul dirittod’autore.
  • 69. 31 ottobre 2011
  • 70. Le critiche dellaCommissione UE
  • 71. Its not all about copyright. It iscertainly important, but we need to stop obsessing about that” (Neelie Kroes)
  • 72. Grazie per l’attenzione lets stay in touch ;-) Avv. Marco Scialdone marco.scialdone@agoradigitale.org www.agoradigitale.org www.computerlaw.it http://scialdone.blogspot.comTwitter: http://twitter.com/marcoscialdone