Innovazione e Agricoltura - Rrn magazine 2013 7

  • 81 views
Uploaded on

Innovazione è una parola chiave legata al cambiamento che significa progresso, miglioramento della situazione …

Innovazione è una parola chiave legata al cambiamento che significa progresso, miglioramento della situazione
esistente, avanzamento, sviluppo. Anche in campo agricolo l’innovazione si lega fortemente non solo allo sviluppo del settore primario ma diviene fattore determinante per lo sviluppo delle aree rurali. Il punto di partenza è la definizione del concetto, non sempre così chiara. E anche in campo agricolo spesso si incontrano difficoltà nella definizione del concetto di innovazione che può essere declinato in modo ampio o piuttosto circoscritto a seconda degli ambiti di intervento. L’innovazione, all’interno del numero che presentiamo, viene declinata come innovazione di prodotto e di processo, con particolare attenzione alla
dimensione di trasferimento (metodo). Il numero dedicato alla relazione Agricoltura – Innovazione si propone di avviare una riflessione sulla declinazione di questo concetto, focalizzandosi, in particolare, su come è interpretato e definito all’interno della politica di sviluppo rurale, anche alla luce delle nuove priorità per il periodo 2014-20. Nel nuovo periodo, infatti, per il tema innovazione è previsto un ruolo assai più rilevante nelle strategie di sviluppo rurale laddove, nell’attuale periodo 2007-13, la programmazione comunitaria prevede un’apposita misura dei PSR a sostegno dell’innovazione (124).
Nella Strategia “Europa 2020”, la Politica europea per lo Sviluppo Rurale 2014-2020 contribuisce allo sviluppo
di un’economia basata sulla conoscenza attraverso la promozione del trasferimento della conoscenza e
dell’innovazione nel settore agricolo, forestale e nelle zone rurali. La politica di sviluppo rurale assume come
priorità trasversale il rafforzamento e l’adeguamento del capitale umano nelle aree rurali e l’attivazione di
dinamiche collaborative tra mondo delle imprese e della ricerca.
http://dspace.inea.it/bitstream/inea/765/1/RRN_Magazine_2013_7.pdf

More in: Food
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
81
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
7
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. L’argomento 6 Voce a... 22 L’intervista 52 Esperienze 34 Agricoltura e Innovazione NumeroSetteDicembre2013RegistrazioneTribunalediRoman°190/2011del17/06/2011
  • 2. 2 il numero in sintesi Innovazione è una parola chiave legata al cambiamento che significa progresso, miglioramento della situa- zione esistente, avanzamento, sviluppo. Anche in campo agricolo l’innovazione si lega fortemente non solo allo sviluppo del settore primario ma diviene fattore determinante per lo sviluppo delle aree rurali. Il punto di partenza è la definizione del concetto, non sempre così chiara. E anche in campo agricolo spes- so si incontrano difficoltà nella definizione del concetto di innovazione che può essere declinato in modo ampio o piuttosto circoscritto a seconda degli ambiti di intervento. L’innovazione, all’interno del numero che presentiamo, viene declinata come innovazione di prodotto e di processo, con particolare attenzione alla dimensione di trasferimento (metodo). Il numero dedicato alla relazione Agricoltura – Innovazione si propone di avviare una riflessione sulla decli- nazione di questo concetto, focalizzandosi, in particolare, su come è interpretato e definito all’interno della politica di sviluppo rurale, anche alla luce delle nuove priorità per il periodo 2014-20. Nel nuovo periodo, infatti, per il tema innovazione è previsto un ruolo assai più rilevante nelle strategie di sviluppo rurale lad- dove, nell’attuale periodo 2007-13, la programmazione comunitaria prevede un’apposita misura dei PSR a sostegno dell’innovazione (124). Nella Strategia “Europa 2020”, la Politica europea per lo Sviluppo Rurale 2014-2020 contribuisce allo svilup- po di un’economia basata sulla conoscenza attraverso la promozione del trasferimento della conoscenza e dell’innovazione nel settore agricolo, forestale e nelle zone rurali. La politica di sviluppo rurale assume come priorità trasversale il rafforzamento e l’adeguamento del capitale umano nelle aree rurali e l’attivazione di dinamiche collaborative tra mondo delle imprese e della ricerca. L’obiettivo è quello di migliorare la competitività, la gestione efficiente delle risorse e le performance am- bientali delle filiere e dei sistemi economici rurali. In altre parole sistema della conoscenza e innovazione diventano leve strategiche di sviluppo per agricoltura e sistemi rurali. Ne consegue che la Politica di Sviluppo Rurale assume nuovi e più alti obiettivi rispetto all’innovazione, mette a disposizione ingenti risorse finanzia- rie, concepisce nuovi strumenti (primo fra tutti il PEI) per stimolare l’innovazione e consentire – altro fattore chiave di sviluppo – la circolazione e la divulgazione delle innovazioni sperimentate. Alcune esperienze provenienti dal settore consentono di dare un risvolto operativo all’innovazione e dimo- strano come l’innovazione sia in grado di produrre cambiamenti economici, sociali, organizzativi, eviden- ziando come questi si sono prodotti, quali fattori li hanno generati, come sono divenuti patrimonio comune, come hanno ripercussioni concrete sul territorio e sugli operatori rurali. Agricoltura e Innovazione
  • 3. 3 «Tu vedi cose e ne spieghi il perché, io invece immagino cose che non sono mai esistite e mi chiedo perché no » (George Bernard Shaw). Milena Verrascina
  • 4. Direttore Responsabile Lorenzo Pirrotta Progettazione e coordinamento editoriale Giuseppe Blasi Francesca Cionco Paola Lionetti Alessandro Mastrantonio Alessandro Monteleone Modesto Panaro Graziella Romito Milena Verrascina Camillo Zaccarini Bonelli Supporto redazionale Vincenzo Carè Andrea Festuccia Anna Lapoli Supporto Tecnico Mario Cariello Aysce Eskin Paola Gonnelli Laura Guidarelli Marta Iacobucci Noemi Serafini Grafica Roberta Ruberto Alessandro Cito Impaginazione Sofia Mannozzi Il numero è stato curato da Milena Verrascina Hanno collaborato Simona Cristiano Anna Vagnozzi Foto di copertina CSF Regione Liguria (Innovazioni Floricole) All’interno Foto archivio MIPAAF o come riportato nella didascalia RRN Magazine è il trimestrale di approfondimento della Rete Rurale Nazionale. Il progetto RRN è finanziato dal MiPAAF attraverso il FEASR (Fondo Europeo per l’Agricoltura e lo Sviluppo Rurale) per il periodo 2007-2013.
  • 5. di L’argomento Innovazione e Agricoltura: come si genera e come si diffonde l’innovazione L’innovazione nello sviluppo rurale: le novità introdotte dal nuovo regolamento 2014-2020 I programmi Quadro per la R&I: dal 7° PQ ad Horizon 2020 Politiche e strumenti per l’innovazione in agricoltura alla luce della nuova pro- grammazione europea L’importanza dei servizi di sviluppo agricolo per la diffusione dell’innovazione Voci del Tavolo di Partenariato Nuovi strumenti su servizi e innovazione per le imprese: la posizione delle Or- ganizzazioni professionali Innovazione in agricoltura: semplificazione la parola chiave Il ruolo dell’Istituto di San Michele all’Adige nel panorama rurale trentino: un modello di riferimento all’avanguardia L’applicazione della misura 124: strategia e nuovo slancio all’innovazione nella Regione Umbria Esperienze L’innovazione nel recupero di aree forestali degradate: verso l’efficienza eco- logica Esperienze di No Till sul territorio: gli agricoltori diventano amici del suolo Progetto Novorod un caso di innovazione nel settore caseario Una ricerca orientata alla domanda di innovazione della filiera ortofrutticola: l’esperienza del CReSO in Piemonte tra economia e ambiente Le divulgazioni nel sistema floricolo ligure Il motodo LEADER e il tema dell’innovazione: un esempio tra le Alpi Apuane e l’Appennino Pistoiese L’intervista L’innovazione nella politica di sviluppo rurale: perché al centro del nuovo periodo? La Rete Informa Il sistema della Ricerca Agricola e il ruolo della Rete Rurale Nazionale Le Good News La rete nazionale di monitoraggio apistico: il progetto BeeNet da pag. 6 10 16 18 20 da pag. 22 24 26 30 da pag. 34 36 40 44 46 48 da pag. 52 da pag. 54 da pag. 56 LarivistadellaReteRuraleNazionale Magazine Agricoltura e Innovazione
  • 6. 6 L’argomento In generale, ma soprattutto in agricoltura, uno dei princi- pali effetti dell’introduzione di innovazioni nelle imprese e nei sistemi territoriali è la crescita della produttività e della competitività che è un’espressione molto sintetica per in- dicare tutte le diverse modalità con cui tale crescita può sostanziarsi: dalla migliore allocazione dei fattori produtti- vi alla diversificazione della produzione, dal miglioramento qualitativo dei prodotti alimentari allo sviluppo di prodot- ti utilizzabili per altri usi, dalla riduzione dei costi indiretti dell’inquinamento ambientale al superamento delle diffi- coltà di contesto create da alcune specifiche condizioni pedoclimatiche (siccità, erosione, salinità ecc.). Natural- mente, non tutti gli ambiti operativi nei quali l’innovazione può essere utilizzata sono replicabili in ogni contesto e soprattutto, data una determinata condizione, non tutte le innovazioni sono in grado di generare incremento di produttività e competitività. Pertanto, uno dei primi pun- ti fermi quando si parla di innovazione in agricoltura è la consapevolezza di affrontare un tema vincente, ma solo nella misura in cui si adotti un approccio in grado di tener conto della sua complessità. Innovazione e agricoltura: un rapporto che dura da tempo Il binomio innovazione – agricoltura ha un glorioso e lungo passato. Sin dal dopo guerra infatti il cosiddetto progresso tecno- logico era indicato come una delle più importanti risposte al necessario incremento della produttività dell’agricoltura e alla riduzione dei costi attraverso l’incremento dell’ef- ficienza d’uso dei fattori produttivi. L’accento era posto soprattutto sulla tecnologia ed in particolare su: mecca- nizzazione, utilizzo di presidi chimici in grado di migliorare la fertilità dei terreni e di difendere piante e animali dai patogeni, selezione di varietà e razze più produttive. Gra- zie all’ampio margine di miglioramento possibile, a causa del ridotto livello tecnologico dell’agricoltura, negli anni ’50 –’70 l’innovazione ha cambiato il volto dell’agricoltura italiana e mondiale (non per niente si parla di rivoluzione verde). Nei decenni successivi, la spinta tecnologica è andata progressivamente riducendosi sia per l’impossibilità di forzare con lo stesso ritmo i sistemi produttivi sia perché il settore agricolo si è ridimensionato in termini di peso economico e di numero di imprese. L’innovazione ha man- tenuto il proprio potenziale di competitività per le imprese che investivano in essa, tuttavia si è forse accentuato il Innovazione e Agricoltura come si genera e come si diffonde l’innovazione L’argomento Anna Vagnozzi1 – vagnozzi@inea.it 1 INEA Affrontare il tema dell’innovazione in questo periodo è molto impegnativo.La crisi economica e sociale di questi anni ha richiesto importanti sforzi, anche di studio, per individuare proposte risolutive e strumenti che consentano di affrontare i problemi e l’innovazione è ritenuta una delle possibili soluzioni alla crisi. È dunque nell’agenda di tante figure cruciali per lo sviluppo del Paese e dell’agricoltura: politici, referenti della governance ai diversi livelli, ricercatori, tecnici, im- prenditori. Milena Verrascina
  • 7. 7 agricoltura partendo dalle esigenze operative del tessuto imprenditoriale e coinvolgendo nelle attività tutti i sogget- ti che meglio rappresentano il sistema della conoscenza agricolo di un determinato contesto produttivo e territoria- le (imprese, ricerca, consulenza, no profit, organizzazioni dei produttori, industria agroalimentare ecc.). Come si genera l’innovazione? Sicuramente l’innovazione è il risultato di un atto di creati- vità stimolato dalla esigenza di comprendere un fenome- no e/o di risolvere un problema. Tuttavia, l’innovazione si distingue dalla creazione e forse anche dall’invenzione perché si sviluppa all’interno di una relazione (Cerroni A. 20134 ); infatti mentre una creazione nasce di norma dall’inventiva e dalle capacità di un sin- golo, l’innovazione, a causa della sua natura applicativa e volta alla soluzione di un’esigenza, necessita del coinvol- gimento di più soggetti. In primis essa è gestita da quel- li che l’hanno pensata, prodotta e adottata, ma in realtà essa entra anche a far parte dell’esistenza di coloro che ne vengono in contatto in maniera indiretta: i clienti che giovano di un prezzo più basso, i consumatori che godono di una migliore caratteristica qualitativa, i cittadini di un territorio che ne percepiscono i risvolti positivi o negativi a seconda delle loro personali conoscenze, idealità e obiet- tivi di vita. In questo modo tutti, compresi i componenti della società, possono interferire con la produzione e l’e- voluzione di un prodotto/processo innovativo. Pertanto, l’innovazione: - è il risultato dell’attività di ricerca delle strutture pubbli- che e private preposte che rispondono con il loro lavoro alla domanda di riduzione dei costi, di miglioramento dell’efficienza, di crescita della qualità o di diversifica- zione della produzione, - ma è anche lo sviluppo di una soluzione empirica messa a punto da un imprenditore o da un cittadino in risposta ad una problematica. In entrambi i casi è necessario sia chi codifichi in termini formali e scientifici la novità prodotta sia chi ne metta a punto prima un prototipo, poi la formulazione commercia- le. Infine occorre chi la adotti e chi ne determini il succes- so e la diffusione. Un’innovazione può avere inoltre un carattere incrementa- le cioè essere un aggiustamento e attualizzazione di un’i- dea primigenia che funziona ancora nella strutturazione di base, ma ha bisogno di incrementare le possibilità di utilizzo o di migliorare l’efficienza del processo oppure essere una soluzione completamente nuova che sfrutta divario fra gli imprenditori innovatori e quelli più prudenti con un allungamento dei tempi della diffusione massiva delle novità produttive. Dall’avvio del nuovo millennio le prospettive dell’agricoltu- ra si sono ulteriormente complicate e, se da un lato si sono aperti spazi e indirizzi nuovi, dall’altro al settore, in nome della riduzione dell’impatto ambientale, è stato chiesto uno sforzo per tornare alle parole d’ordine della tradizione (meno input chimici, maggior rispetto dei processi natu- rali, diversificazione vs specializzazione) senza rinunciare tuttavia ai risultati positivi del progresso tecnologico (ef- ficienza dei fattori, ridimensionamento dei costi, buona produttività). Sono inoltre in corso di ripensamento anche le logiche organizzative interne delle imprese, le classiche modalità di relazione fra loro e con il mercato, gli strumen- ti di comunicazione; quindi, l’ambito dell’innovazione si è fortemente allargato dall’area strettamente tecnica a quel- la economica, sociale, gestionale e di mercato. Definizioni ufficiali Le definizioni di innovazione utilizzate dall’Unione europea nell’ambito dei documenti preparatori relativi alle politiche per l’agricoltura 2014 -2020 sono di ampia accezione: “At- tuazione di un prodotto (bene o servizio) nuovo o signifi- cativamente migliorato o di un processo o di un metodo di commercializzazione o di un metodo organizzativo re- lativo alla gestione economico/finanziaria, dell’ambiente di lavoro o delle relazioni esterne (SCAR 20122 )”. Oppure “L’innovazione è spesso descritta come una nuova idea che trova successo nella pratica. La nuova idea può es- sere un nuovo prodotto, pratica, servizio, processo pro- duttivo e uno nuovo modo di organizzare le cose ecc. (EC, Draft on EIP 06/2013)”. Due sono gli elementi che sembrano emergere da tali defi- nizioni: l’allargamento della nozione ad ambiti ben più vasti di quello strettamente tecnologico e la mancanza di riferi- mento all’attività di ricerca, anche solo per segnalare che si tratta di risultati di tale attività. Naturalmente, non si in- tende sminuire o ridimensionare l’importanza della ricerca all’interno dell’economia della conoscenza, ma evidenziare che prodotti nuovi e/o idee creative possono derivare da più fonti, anche dalla base produttiva e dal contesto in cui essa opera, e che le modalità per potenziarne la diffusione devono partire da approcci reticolari di comunicazione e di relazione. In questa ottica, la Commissione europea con l’ausilio di esperti e di gruppi di approfondimento partecipati da tutti gli Stati membri3 ha inteso promuo- vere interventi di stimolo alla diffusione dell’innovazione in 2 “Agricultural Knowledge and innovation systems in transition- a reflection paper”, Standing Commitee of Agricultural Research - Collaborative Working Groups AKIS, European Commision, Directorate-General for Research and Innovation , Directorate E – Bio- technologies, Agriculture and Food ,Unit E4 – Agriculture, Forests, Fisheries, Aquaculture, Bruxelles, 2012 3 Collaborative Working Groups (CWG) AKIS e AKIS2 costituiti dallo Standing Commitee of Agricultural Research (SCAR), struttura consultiva e di supporto alla Direzione generale della Ricerca della Commissione europea; Focus group on Knowledge transfer and innovation della Rete europea per lo Sviluppo rurale. 4 Cerroni A. “La circolazione della conoscenza: un modello interpretativo” in Il sistema della ricerca agricola in Italia e le dinamiche del processo di innovazione, Rapporto INEA, 2013.
  • 8. 8 L’argomento conoscenze di recente sistematizzazione o intuizioni che esulano dai processi di intervento usualmente utilizzati. Come si diffonde? La modalità ritenuta più comune per la diffusione dell’inno- vazione è l’imitazione cioè l’effetto causato dalla verifica, da parte del tessuto imprenditoriale di riferimento, dei vantaggi competitivi di cui può godere l’impresa che l’ha adottata. Si tratta senz’altro di uno stimolo determinante per far nascere l’interesse a conoscerne l’applicazione e gli effetti, ma sulla sua efficienza ed efficacia rispetto ad un rapido processo di adozione sono numerosi i dubbi di esperti e studiosi, an- che supportati da evidenze sperimentali (Leeuwis C. 20065 , Brunori G. 20096 , SCAR/AKIS 2012). I modelli di diffusione dell’innovazione analizzati e appro- 5 Leeuwis C. with van den Ban A., “Communication for rural innovation – Rethinking agricultural extension”, Blackwell Science, Ox- ford 2004. 6 Brunori G. et al. “Innovation process in agriculture and rural development: the IN-SIGHT project” in Innovation processes in agricul- ture and rural development - Results of a cross-national analysis of the situation in seven countries, research gaps and recommen- dations , di Knickel, Karlheinz and Tisenkopfs, Talis and Peter, Sarah, Final report, 2009.
  • 9. 9 fonditi dal dopoguerra ad oggi sono numerosi e di diffe- rente tipologia sia per l’ambito scientifico da cui proven- gono (economico o sociologico) sia per l’approccio che utilizzano (epidemico, probit o sistemico; lineare o a rete). In questa sede può essere utile sottolineare gli elementi salienti che, a parere dei diversi studiosi, concorrono a far diffondere le innovazioni. Il primo stimolo ad innovare deriva dalla verifica, da par- te dell’imprenditore, dell’effetto positivo del cambiamento sul reddito sia esso in termini di aumento della produzione e/o di riduzione dei costi e/o di miglioramento della qua- lità del prodotto - e quindi di un incremento del prezzo dei prodotti – e/o di cambiamento del processo di com- mercializzazione. Nel caso di reddito invariato, la novità da introdurre deve comunque essere percepita come una soluzione ad un problema ritenuto importante (l’adegua- mento ad una norma, la risposta ad un agente patogeno ecc.). L’accertamento di tale risultato non è semplice né immediato e di norma non emerge dalla sola analisi dell’o- perazione colturale o del processo produttivo strettamen- te interessato all’innovazione, ma anche dalla verifica delle interconnessioni tecniche ed economiche con le altre pra- tiche colturali e dalla sua compatibilità con l’impostazione strategica che l’imprenditore ha dato all’impresa. L’introduzione di un’innovazione è in genere un investimen- to – di varia natura, ma pur sempre un impegno di risorse – e come tale è collegata ad un rischio che l’imprenditore si assume in cui la probabilità di insuccesso dovrebbe essere ridotta al minimo per accelerarne il trasferimento. Un altro aspetto da tenere in considerazione per una buona diffusione è il contesto nel quale le imprese poten- zialmente beneficiarie sono inserite. Se, come si diceva sopra, un’innovazione è il risultato di un’attività di relazio- ne, anche la sua applicazione può essere fortemente con- dizionata dai rapporti e i collegamenti che l’impresa ha, o potrebbe avere, con soggetti pubblici e privati e dalle caratteristiche geografiche, economiche e sociali del terri- torio in cui è collocata. Uno studio sperimentale realizzato in Piemonte (Vagnozzi 20077 ) ha consentito di evidenziare che settori produttivi (frutticoltura e orticoltura) nelle medesime condizioni di necessità (ricambio varietale) e situazione ge- ografica hanno risposto in maniera opposta alle innovazioni proposte perché i due ambiti hanno una diversa capacità associativa/relazionale (presenza di associazionismo pro- duttivo attivo) e una differente disponibilità a partecipare alle azioni innovative delle strutture di ricerca. Le questioni fin qui sinteticamente rappresentate consen- tono di sottolineare come il processo di adozione di un’in- novazione sia complesso, strettamente connesso con le caratteristiche del capitale umano aziendale, relazionale e territoriale e quindi possa essere considerato a tutti gli effetti anche un processo di apprendimento. In quanto tale, per- ciò, esso si giova di un intervento esterno di supporto volto a promuovere un accrescimento delle competenze e capacità aziendali e ad accompagnare le eventuali difficoltà incontra- te nell’inserimento dell’innovazione nel contesto aziendale. Nella tradizione ed esperienza italiana questo ruolo è stato ricoperto dall’assistenza tecnica o dalla divulgazione agrico- la o dalla consulenza aziendale a seconda dell’epoca a cui si fa riferimento e di norma si è trattato di strutture pubbliche, private o associative dotate di personale specializzato e di strumenti operativi avanzati (laboratori, centri di calcolo, rivi- ste, banche dati, strutture aggregative ecc.). Negli ultimi anni, a causa dell’accento rivolto all’approccio relazionale e socio- economico, fra le competenze delle strutture di consulenza è molto richiesta quella di analisi economica dei contesti e di animazione di gruppi e comunità locali. Quale apporto dalle politiche e dalle strutture pubbliche Il rinnovato interesse da parte dell’Unione europea ai temi dell’innovazione di questo periodo nasce sicuramente dal positivo apporto che essa può dare alla crescita, ma so- prattutto dalla verifica che i sistemi produttivi europei non sono sufficientemente innovativi e non hanno ancora av- viato l’auspicato percorso virtuoso verso un’economia ba- sata sulla conoscenza. Particolarmente in agricoltura, le innovazione fanno difficoltà a diffondersi nella media del- le imprese, forse perché vengono ideate e prodotte con poca attenzione ai problemi che esse stanno incontrando. Si è ritenuto quindi di promuovere, mediante gli strumen- ti offerti dalla politica regionale, dello sviluppo rurale e della ricerca, uno sforzo eccezionale di finanziamento e di stimolo con un approccio di sistema e che tiene conto delle complessità sopra descritte. Sarà importante che durante l’attuazione degli interventi e delle azioni previ- ste i responsabili delle politiche e gli attori dei processi amministrativi e finanziari si concentrino anche sulle mo- dalità di intervento e sugli strumenti utilizzati. Le parole chiave: partenariato, approccio a rete, analisi dei bisogni, centralità delle imprese e dei territori rurali, consulenza personalizzata, innovazione sociale, avranno bisogno di risorse finanziarie dedicate, ma anche di una serie di procedure attuative “esperte” che non deroghino dagli obiettivi e indirizzi di fondo in nome di una spesa rapida e indifferenziata. 7 Vagnozzi A. (a cura di), “I percorsi della ricerca scientifica e la diffusione dell’innovazione – il caso dell’agricoltura piemontese”, Analisi regionali, INEA, 2007
  • 10. 10 L’argomento L’innovazione nello sviluppo rurale le novità introdotte dal regolamento 2014-2020 L’argomento Introduzione al trasferimento di conoscenza e al concetto di innovazione Nel quadro del disegno unitario e multilivello della Stra- tegia Europa 2020, la Politica europea per lo Sviluppo Rurale 2014-2020 contribuisce allo sviluppo di un’eco- nomia basata sulla conoscenza attraverso la promozione del trasferimento della conoscenza e dell’innovazione nel settore agricolo, forestale e nelle zone rurali. Essa è una priorità trasversale della politica orientata al rafforzamen- to e all’adeguamento del capitale umano nelle aree rurali e all’attivazione di dinamiche collaborative tra mondo delle imprese e della ricerca. L’obiettivo è quello di migliorare la competitività, la gestione efficiente delle risorse e le per- formance ambientali delle filiere e dei sistemi economici rurali. Il regolamento per lo sviluppo rurale 2014-20202 delinea una riforma della politica che completa, di fatto, il percor- so di sistematizzazione degli interventi di ricerca, forma- zione, consulenza e innovazione3 già parzialmente avviata nel periodo di programmazione 2000-2006, quando, si era resa obbligatoria l’istituzione dei servizi della consulen- za (riforma Fischler), prima per il I pilastro (Regolamento 1782/2003) e successivamente per il II pilastro (Regola- mento 1698/2005). Un percorso nel quale i servizi di consulenza in agricoltura vengono ricondotti al contesto più ampio del sistema della conoscenza e dell’innovazione, in cui l’impresa e le sue esigenze/opportunità d’innovazione acquistano un ruolo di centralità. In quest’ultimo regolamento la CE non si li- mita a proporre la tradizionale definizione d’innovazione di prodotto o di processo, ma introduce il concetto d’innova- Simona Cristiano1 - cristiano@inea.it 1 INEA - Rete Rurale Nazionale 2 Regolamento del Consiglio d’Europa (COM(2011) 627/3). 3 In letteratura denominati Agricultural Knowledge and Innovation Systems (AKIS). Milena Verrascina
  • 11. 11 zione interattiva che promuove l’attivazione di percorsi di partecipazione paritaria tra attori (a valle della filiera della ricerca) e conduce alla creazione di soluzioni innovative. Il trasferimento di conoscenza e d’innovazione è dunque un percorso comune ad una molteplicità di attori rilevanti (ricercatore, consulente, formatore, impresa), tutti egual- mente funzionali per la co-produzione d’innovazione che, attraverso la realizzazione di azioni di disseminazione, sperimentazione e adattamento dei risultati della ricerca, risponde alle specifiche esigenze/opportunità di sviluppo aziendali. La CE proponendo l’estensione dei processi di trasferi- mento della conoscenza e dell’innovazione ai sistemi eco- nomici rurali, oltre i limiti della settorialità, determina un ampiamento della molteplicità degli attori portatori d’inte- resse e, dunque, degli ambiti su cui essa interviene. Que- sti non riguardano più esclusivamente l’incremento della produttività aziendale ma, diversi altri campi d’interesse (dall’agricoltura sociale, all’organizzazione e resilienza4 aziendale e di filiera, alla sostenibilità ambientale e alla sicurezza sul lavoro). L’innovazione interattiva può essere inoltre intersettoriale, in quanto caratterizzata dallo svilup- po di interessi comuni ma afferenti a diversi settori di uno stesso sistema economico locale (si pensi alle innovazioni sulla produzione di bioenergie). L’impianto regolamentare della Strategia Euro- pea per l’Innovazione L’impianto regolamentare5 comunitario propone un’azio- ne complessa di sostegno ai sistemi nazionali della co- noscenza e dell’innovazione, attraverso quattro principali tipologie d’intervento, che le amministrazioni possono re- alizzare in maniera integrata o singolarmente: 1) rafforzamento del capitale umano e delle professiona- lità che operano nei settori agricolo e forestale e nelle aree rurali; 2) ristrutturazione organica e funzionale degli enti che erogano i servizi di consulenza; 3) attivazione di flussi d’informazione e di processi di in- novazione interattiva tra gli attori e lungo le filiere agri- cole e forestali; 4) istituzione di organismi di facilitazione, networking e governo dei processi. L’imprenditore agricolo, il gestore forestale e l’impresa ru- rale acquisiscono centralità nella loro qualità di destinatari ultimi dei percorsi di trasferimento della conoscenza lungo le filiere, mentre gli altri attori, ancorché beneficiari, nella 4 Per resilienza delle imprese rurali viene comunente intesa il processo di maturazione di capacità di adattamento e resistenza ai mu- tamenti del contesto di riferimento. 5 I principali atti regolamentari di riferimento sono il Regolamento del Consiglio d’Europa COM(2012)627/fin, le fiche delle misure “Knowledge transfer and information actions” (art. 15), “Advisory services, farm management and farm relief services” (art. 16) e “Co- operation” (art. 36), la Comunicazione relativa al Partenariato Europeo per l’Innovazione “Produttività e sostenibilità dell’agricoltura” COM(2012) 79 finale e le linee guida sull’EIP. www.carnebiologicavalbidente.it
  • 12. 12 L’argomento loro qualità di consulenti, formatori o ricercatori, hanno un ruolo in relazione all’effettiva attività di trasferimento di conoscenza e informazione (art. 15), servizi di consulenza, di supporto o di sostituzione, o ancora nell’assumere la responsabilità della gestione delle aziende (art. 16). Ven- gono inoltre introdotte figure nuove per lo sviluppo rurale e per i sistemi della conoscenza, come l’innovation broke6 e il gruppo operativo (art. 36), che trovano ragion d’essere nello svolgimento di funzioni di aggregazione e facilitazio- ne di diversi soggetti attorno ad un’idea progettuale di svi- luppo d’innovazione. 1) Il rafforzamento del capitale umano e delle professio- nalità degli operatori socio-economici del territorio riguarda le misure d’intervento relative agli articoli 15 e 16 del regolamento, tese a favorire la maturazione di una cultura diffusa della formazione permanente e dell’apprendimento lungo tutto l’arco della vita degli attori rurali. Quelle rivolte ai primi sono principalmente orientate alla maturazione di capacità, abilità e com- portamenti individuali e relazionali, alla qualificazione e all’aggiornamento delle professionalità imprendito- riali. Viene inoltre promosso lo sviluppo di dinamiche di confronto tra imprese, al fine di favorirne la resilien- za e una maggiore dinamicità complessiva dei sistemi socio-economici rurali. A tal fine la proposta regola- mentare supera i vincoli che di fatto hanno causato una perdita di attrattività delle azioni di formazione/ consulenza nel presente periodo di programmazione (vincoli sulle materie oggetto di formazione e consu- lenza; insufficienza del premio contributivo per l’uso dei servizi di consulenza) e amplia l’offerta delle tema- tiche oggetto dei servizi di supporto e di trasferimento della conoscenza e dell’informazione (tra le altre: so- stenibilità ambientale, marketing, sicurezza sul lavoro, climate change, innovazione, requisiti minimi per le condizionalità aziendali, gestionale aziendale globa- le, biodiversità, gestione efficiente delle risorse, pro- tezione dell’acqua e del suolo). Inoltre l’indicazione di una più ampia gamma di metodologie utilizzabili per l’erogazione di tali servizi (study visit, short-term farm exchange, workshops, attività dimostrative in azienda, coaching) sembra intesa a favorire la conciliazione tra il lavoro e la formazione. 2) Le azioni di rafforzamento delle professionalità dei soggetti che erogano consulenza s’integrano di fatto con quelle tese alla ristrutturazione organica dei loro enti e sono finalizzate principalmente a garantirne il miglior supporto alle imprese coinvolte nei processi di 6 La figura dell’innovation broker viene introdotta e descritta dalla CE con la Comunicazione relativa al Partenariato Europeo per l’In- novazione “Produttività e sostenibilità dell’agricoltura” COM(2012) 79 finale e le linee guida sull’EIP.
  • 13. 13 trasferimento della conoscenza. Nel dettare le condi- zioni di accesso al sostegno, il regolamento mette in stretta relazione l’adeguatezza organizzativa e l’affida- bilità degli enti con la coerenza delle professionalità, delle qualifiche e delle esperienze degli staff da essi impiegati, con particolare attenzione alla specificità delle tematiche oggetto di consulenza e al loro aggior- namento. 3) La terza tipologia di azioni mira ad attivare i flussi d’in- formazione e incoraggiare la creazione di legami tra i diversi attori del sistema della conoscenza (formatori, consulenti, imprese e ricercatori), attraverso il soste- gno all’istituzione e attuazione di network locali, che favoriscano l’attivazione di percorsi d’innovazione in- terattiva, realizzando sinergie e finalizzando la ricerca scientifica rispetto alle esigenze degli imprenditori. Con queste finalità, lo sviluppo rurale sostiene, attra- verso l’art. 36, l’attivazione di forme di cooperazione diverse: a. i clusters, finalizzati a realizzare specifici progetti di sviluppo economico e percorsi di trasferimento di conoscenza e disseminazione di informazioni, attraverso la promozione di interazioni, scambi di conoscenza e di esperienze; b. i network, la cui portata è più ampia e che hanno minori specificità nelle azioni da intraprendere, po- tendo contribuire, ad esempio, ad attivare mecca- nismi di disseminazione delle innovazioni lungo le filiere e di emulazione tra imprenditori; c. i gruppi operativi, rappresentano il luogo di ricom- posizione formale degli interessi di soggetti rurali che, attraverso la costituzione del partenariato e la stesura del piano di sviluppo di un’idea proget- tuale, intraprendono un percorso comune di con- fronto, ciascun con un proprio ruolo, per la defini- zione e implementazione d’innovazione interattiva, rispondendo a difficoltà e/o opportunità di una o più imprese locali. La cooperazione dei gruppi operativi rappresenta, di fatto, l’espressione più alta di integrazione delle azioni di trasferi- mento della conoscenza con quelle relative agli investimen- ti materiali. In particolare i gruppi operativi sono chiamati a promuovere l’aggregazione dei soggetti e degli interventi più rilevanti (formazione e informazione; utilizzo dei servi- zi di consulenza; gli investimenti materiali; gli impieghi in nuove tecnologie silvicole e nella trasformazione e com- mercializzazione dei prodotti delle foreste; costituzione di associazioni di agricoltori) attorno ad un progetto unitario e comune di sviluppo di una specifica innovazione. 4) La quarta tipologia di azioni è orientata a facilitare e governare i percorsi di disseminazione dei risultati della ricerca e d’innovazione interattiva implementati nelle aziende, attraverso il sostegno al networking lo- cale e multilivello e l’istituzione di specifici organismi di governance. Rientrano fra queste il sostegno alle azioni di intermediazione e aggregazione degli attori componenti i gruppi operativi (innovation brokerage) e alle azioni del Partenariato Europeo per l’Innovazione
  • 14. 14 L’argomento Figura 1 – Organismi di governance e attuazione del partenariato per l’innovazione in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltu- ra (PEI) e delle reti nazionali dedicate coordinamento dei gruppi operativi e alla disseminazione delle inno- vazioni (art.62). In particolare, il PEI (art. 61) favorisce l’attivazione della connessione tra la ricerca e la pra- tica agricola, informando la comunità scientifica sul fabbisogno di ricerca del settore agricolo e incorag- gia la messa in pratica, su larga scala e in tempi più brevi, delle innovazioni già realizzate nelle aziende. A tali azioni co-finanziabili a livello di PSR (o di pro- gramma operativo della Rete Rurale Nazionale), vengo- no aggiunti organismi di governance e coordinamento tecnico-scientifico di diretta responsabilità della CE (fig. 1): la Rete europea per l’innovazione (art. 53); l’Hight level steering board del European innovation partner- ship (EIP); e lo SCAR Collaborative Working Group on Agricultural Knowledge and Innovation Systems (AKIS). Questi ultimi hanno principalmente funzioni di coordina- mento tra la politica di sviluppo rurale per l’innovazione e la ricerca attuata tramite il programma comunitario Horizon7 e mirano a promuovere la riflessione attorno a temi di ricerca che rispondano più puntualmente alle difficoltà e alle sfide delle imprese rurali, agricole e fo- restali. 7 Ci riferisce a “Orizzonte 2020: Programma quadro per la ricerca e l’innovazione” (COM(2011) 809 final). All’interno del programma, viene infine istituita una specifica linea d’azione a sostegno alla competitività del settore agroalimentare, della sicurezza alimentare e dell’agricoltura sostenibile (2,8 Mln).
  • 15. 15 Il PEI e la Rete del PEI Il PEI in materia di produttività e sostenibilità dell’agricoltura viene realizzato attraverso i gruppi operativi costituiti da agricoltori, ricercatori, consulenti e imprenditori del settore agroalimentare e forestale, interessati alla realiz- zazione di progetti di cooperazione per l’innovazione co-finanziati dal FEASR nel quadro dell’art. 36 dello SR. Ai sensi dell’art. 61, il PEI esso persegue le seguenti finalità: a) promuovere l’uso efficiente delle risorse, la redditività, la produttività, la competitività, la riduzione delle emis- sioni, il rispetto del clima e la resilienza climatica nel settore agricolo e forestale, con il passaggio a sistemi di produzione agroecologici e operando in armonia con le risorse naturali essenziali da cui dipendono l’agricoltu- ra e la silvicoltura; b) contribuire all’approvvigionamento regolare e sostenibile di prodotti alimentari, mangimi e biomateriali, sia già esistenti, sia nuovi; c) migliorare i metodi di tutela dell’ambiente, mitigazione dei cambiamenti climatici e adattamento ad essi; d) gettare ponti tra la ricerca e le tecnologie di punta, da un lato, e gli agricoltori, i gestori forestali, le comunità rurali, le imprese, le ONG e i servizi di consulenza, dall’altro. Per realizzare i propri obiettivi, il PEI: a) crea valore aggiunto favorendo una maggiore connessione tra la ricerca e la pratica agricola e incoraggiando un’applicazione più diffusa delle misure d’innovazione disponibili; b) si adopera affinché le soluzioni innovative siano messe in pratica su più vasta scala e in tempi più brevi; nonché c) informa la comunità scientifica sul fabbisogno di ricerca del settore agricolo.
  • 16. 16 L’argomentoL’argomento I Programmi Quadro per la R&I dal 7° PQ ad Horizon 2020 Ines Di Paolo1 - dipaolo@inea.it Il Contesto Europeo La crescente importanza riconosciuta alla conoscenza e all’innovazione quale fattore per sostenere la competitività di settori e territori ha determinato, a partire soprattutto dal nuovo millennio (Consiglio Europeo di Lisbona, 2000), un processo di rinnovamento complessivo della politica di R&I europea, basato sulla promozione di ricerche in- terdisciplinari, su una connessione più stretta fra temi di ricerca e indirizzi delle politiche di sviluppo e sul poten- ziamento della ricerca privata (coinvolgendo soprattutto PMI), nonché su una cooperazione sovranazionale tesa a costruire il cosiddetto Spazio Europeo della Ricerca (SER - Uno spazio senza frontiere in cui possano circolare ed essere messe in comune idee, tecnologie e risorse (ricer- catori e infrastrutture di ricerca) mediante l’introduzione di nuovi strumenti (es. progetti integrati e reti di eccellenza tra soggetti pubblici e privati). L’evoluzione più recente ha poi condotto alla definizione della Strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile ed inclusiva, tesa a rafforzare, nella strategia di Lisbona, la dimensione sociale, lo sviluppo sostenibile e l’attenzione ai cambiamenti climatici, aumentando al 3% del PIL la spesa in R&S entro il 2020 [COM(2010) 2020 definitivo]. Parallelamente è stata lanciata l’iniziativa faro dell’UE per una Unione dell’Innovazione [COM (2010) 546 definitivo], che prevede un insieme di azioni completo vol- te a potenziare la R&I, indicando anche la necessità di un costante investimento nell’istruzione, nella mobilità dei ri- cercatori e in forme di collaborazione partecipata tra i “si- stemi della conoscenza, ricerca e innovazione” nazionali. Il Nuovo PQ In tale contesto, diversi strumenti - es. Programmi Quadro (PQ), Programmi di intervento nazionali e regionali (PON, PO e PSR regionali, ecc.), Life, ecc. - vanno a sostenere la politica di R&I europea, anche in ambito agricolo e rurale. Tra questi, i PQ rappresentano certamente la “nave am- miraglia” della partecipazione dell’Unione alla R&I in tutti i campi. Oltre agli obiettivi sopra indicati, propri della politica eu- ropea di R&I più recente (interdiciplinarietà, ricerca pub- blico-privata, SER, ecc.) nell’attuale Programma Quadro per la R&I (2007-2013), vengono anche lasciati maggiori margini di libertà ai ricercatori nel proporre le loro idee sulla “ricerca di frontiera”. Quest’ultimo, approvato dal Consiglio dell’UE nel dicem- bre 2006 (Decisione n. 1982/2006/CE) con un budget quasi triplicato (più di 50 miliardi di euro) rispetto al PQ precedente, è articolato in quattro Programmi specifici - Cooperazione, Idee, Persone e Capacità - tesi a soste- nere, rispettivamente, la cooperazione transnazionale su temi prioritari definiti a livello politico, la ricerca realizzata su iniziativa della comunità dei ricercatori, i singoli ricerca- tori e le capacità/infrastrutture di ricerca ed innovazione. Tra i 9 temi strategici previsti per il primo Programma specifico (che assorbe più del 60% risorse totali del PQ), l’area tematica Prodotti alimentari, agricoltura e biotecno- logie, dispone di un budget di quasi 2.000 milioni di euro, cifra pari ad oltre due volte e mezzo il budget dell’analoga area del precedente 6° PQ (Qualità e sicurezza alimenta- re). Tale incremento appare giustificato alla luce delle più ampie finalità perseguite, che vanno oltre il miglioramento qualitativo, la tracciabilità e la sicurezza alimentare, per accentuare gli obiettivi della sostenibilità nella produzio- ne, nell’uso e nella gestione delle risorse agricole, silvi- cole e acquatiche e prevedere anche la promozione della produzione no-food (energia, sostanze chimiche, ecc.) a partire da tali biomasse. Rispetto ai precedenti, quindi, il 7° PQ2 esplicita il suppor- to alla ricerca di base e introduce nuove misure e nuovi strumenti per migliorare la coerenza e l’efficacia della po- litica della ricerca europea, quali: - il Consiglio europeo per la ricerca, nell’ambito del pro- gramma “Idee” al fine di stimolare la ricerca di frontiera; - le Iniziative tecnologiche congiunte, sostenute da finan- ziamenti pubblici e investimenti privati per rafforzare la cooperazione con l’industria (soprattutto con le PMI); - le “Piattaforme tecnologiche”, comunità miste scientifi- co-industriali aventi ruolo di individuare i fabbisogni di ricerca in aree prioritarie per l’UE. 1 INEA 2 Per maggiori dettagli sul 7° PQ, si veda il sito http://cordis.europa.eu/fp7/home_en.html
  • 17. 17 Horizon 20203 Il completamento del SER viene affidato anche a quello che sarà l’8° PQ 2014-2010, la cui proposta di regola- mento istitutivo [(COM(2011) 809 final] ricade dell’ambi- to di un pacchetto di proposte pubblicato nell’autunno del 2011 e teso a potenziare ancor più la cooperazione internazionale sulle attività di R&I. Con “Horizon 2020”, come è stato denominato il futuro PQ sulla base di uno specifico concorso comunitario, vengono ricondotti ad un quadro unico i principali finanziamenti comunitari esi- stenti per la R&I, viene proposta una demarcazione più chiara fra le iniziative di supporto alle capacità regionali di R&I finanziabili con il PQ e quelle finanziabili con la po- litica di coesione (fondi strutturali), mentre viene previsto anche il sostegno ad attività di consulenza per riformare le politiche di R&I stesse. L’investimento globale previsto è di circa 87,7 miliardi di euro, un programma ambizioso, poiché - in stretto raccor- do con gli obiettivi strategici di “Europa 2020” e dell’inizia- tiva faro “Unione dell’innovazione” (di cui il PQ costituisce il principale strumento d’attuazione - intende contribuire direttamente ad affrontare le principali problematiche della società (aumento popolazione mondiale, esaurimento delle risorse naturali, pressioni sull’ambiente, cambiamenti cli- matici). Il programma individua, in particolare, 3 priorità: - scienza di eccellenza, per supportare e coordinare idee e talenti migliori, tecnologie emergenti e future, infra- strutture di ricerca; - leadership industriale, per sostenere l’innovazione nelle PM; - sfide della società, identificate nella strategia Europa 2020. Con riferimento alle “sfide sociali”, per quella relativa ai temi “sicurezza alimentare, agricoltura sostenibile, ricer- ca marina e marittima e bioeconomia”, è stato previsto un budget di circa 4,5 mld di euro, sottolineando così l’im- portanza del ruolo della R&I anche in campo agricolo ai fini di una crescita intelligente e verde. Essa è infatti tesa a garantire la sicurezza alimentare (attraverso agro-sistemi più produttivi ed efficienti) con la creazione di filiere com- petitive, a bassa emissione di carbonio e idonee a fornire servizi eco-sistemici, accelerando così la transizione ver- so una “bioeconomy” europea sostenibile, tesa a garanti- re la rigenerazione delle risorse naturali. L’ambito rurale Quattro le principali linee di R&I promosse e di interesse per il settore: - gestione sostenibile dell’agricoltura e della silvicoltura; - settore agroalimentare sostenibile e competitivo per una dieta sana e sicura; - migliore espressione del potenziale delle risorse biolo- giche acquatiche; - bio-industrie sostenibili, a basso tenore di carbonio, effi- cienti nell’uso delle risorse e competitive. Il programma sottolinea come per rispondere alle sfide del futuro, la R&I in campo agricolo debbano tenere in conto anche gli aspetti socio-economici della modernizzazione e dello sviluppo di nuove tecniche applicate all’agricoltura. L’adozione degli atti legislativi da parte del Consiglio e del Parlamento europeo è prevista entro il 2013, in modo che il Programma possa essere avviato, con il lancio delle prime calls, all’inizio del prossimo anno. 2 Nota del revisore: si intende per contoterzismo la fornitura di servizi agromeccanici da parte di soggetti che sono proprietari di macchinari con cui forniscono agli agricoltori determinate lavorazioni I progetti agricoli e alimentari del 7° PQ che vedono come protagoniste le istituzioni italiane risultano pari - al febbraio 2011 - a n. 159 (61% quasi del totale delle ricerche comunitarie finanziate), per un finanziamento pari al 60% circa dell’impegno finanziario totale del Programma. Le tematiche da essi affrontate riguarda- no la tutela delle risorse ambientali (biodiversità, risor- se forestali, risorse idriche, clima e suolo) e la messa a punto di sistemi produttivi ecosostenibili, la sicurezza alimentare e salute umana, mentre a seguire si ritrova- no le biotecnologie finalizzate ad applicazioni soprat- tutto industriali (agro-alimentari, chimiche, farmaceuti- che, ecc.), ma anche ambientali (per il risanamento di acque e suoli). Ulteriori argomenti sono rappresentati dalla valutazione e dallo sviluppo delle politiche, rela- tive soprattutto al settore agricolo-rurale, ma anche a quello della stessa ricerca ed innovazione, nonché dalle produzioni no-food (bioenergie) e dalle problematiche di carattere economico.
  • 18. 18 L’argomento Politiche e strumenti per l’innovazione in agricoltura alla luce della nuova programmazione europea La PAC 2014-2020 individua nell’innovazione il fattore indispensabile per preparare l’agricoltura alle sfide del futuro e, con la politica per la ricerca europea (Horizon 2020), è stata data una certa rilevanza ai temi della sicu- rezza alimentare, bioeconomia ed agricoltura sostenibile nella ripartizione delle risorse destinate alla ricerca. Le politiche per l’innovazione nell’ambito agricolo sono un ponte tra le politiche di ricerca e quelle di sviluppo ru- rale ed i Partenariati europei per l’innovazione (PEI) sono strumenti pensati dalla Commissione per costruire un legame tra la ricerca e le esigenze specifiche di settore. La Commissione Europea nel 2012 ha dato avvio alla re- alizzazione del PEI in tema di “Produttività e sostenibilità dell’agricoltura” (Comunicazione 2012/79), per la cui re- alizzazione sono previsti alcuni strumenti nella program- mazione per lo sviluppo rurale 2014-2020, con l’obiettivo di rendere visibili le azioni di promozione della produtti- vità e dell’efficienza del settore agricolo e la sostenibilità dell’agricoltura. Inoltre il PEI rappresenta uno strumento per rimuovere uno dei frequenti ostacoli ai processi innovativi: la di- stanza tra i risultati della ricerca e l’adozione di nuove pratiche/tecnologie da parte degli agricoltori, delle im- prese e dei servizi di consulenza. Gli artt. 36, 53, 61, 62 e 63 del regolamento per lo svilup- po rurale indicano finalità e strumenti per la realizzazio- ne del PEI a livello europeo, attraverso la Rete Europea per l’Innovazione e a livello degli Stati membri con spe- cifici strumenti. La realizzazione concreta del PEI, quindi, utilizza le op- portunità offerte da diversi settori d’intervento, in par- ticolare la politica agricola comune (PAC), ma anche la politica di ricerca e innovazione dell’Unione, la politica di coesione, la politica in materia di ambiente e cam- biamenti climatici, la politica in materia di consumatori e salute, la politica dell’istruzione e della formazione, la politica industriale e la politica dell’informazione. Le azioni previste saranno realizzate attraverso Gruppi 1 Dirigente Direzione Generale servizi rurali, ricerca e innovazione - MIPAAF 2 Funzionario Direzione Generale servizi rurali, ricerca e innovazione - MIPAAF Operativi costituiti sul territorio nazionale e composti da: attori della filiera agroalimentare (agricoltori/trasformato- ri/distributori), operatori del settore forestale, ricercatori, addetti alla consulenza ed assistenza tecnica, imprese ed esponenti di settori correlati. Essi si formeranno su temi di interesse comune e per risolvere problematiche concrete e dovranno agire tramite: iniziative di aggrega- zione (cluster), progetti pilota e dimostrativi, interventi in azienda e altre attività di supporto all’adozione di inno- vazioni. Per raggiungere questi risultati è auspicabile che i Gruppi Operativi seguano un metodo di lavoro multidi- sciplinare ed intersettoriale. Tali gruppi dovranno quindi adottare un approccio che parta dalle reali esigenze dei produttori della filiera agro- alimentare e dalla crescente domanda di qualità dei mer- cati, ed individuare le innovazioni tecnologiche, organiz- zative, sociali che consentano di promuovere reddito e benessere. La progettazione degli interventi avverrà dun- que secondo un approccio bottom up. Ogni Gruppo Ope- rativo avrà il compito di elaborare un piano che descriva il progetto innovativo da realizzare e soprattutto i risultati attesi ed il concreto contributo della loro iniziativa per l’in- cremento della produttività in agricoltura, attraverso una gestione maggiormente sostenibile delle risorse. Per dare attuazione a tali politiche, a partire dalla seconda metà del 2012 il Ministero, ritenendo essenziale la mas- sima collaborazione a livello nazionale per la definizione di un percorso condiviso che riunisca le esigenze dei vari settori e dei soggetti coinvolti nel tema “innovazione”, si è fatto promotore di un percorso per la definizione di una strategia condivisa coinvolgendo tutti i portatori di interesse; in primis, per analizzare i fabbisogni di in- novazione nei diversi settori (filiere) e successivamente arrivare all’individuazione di aree di intervento per la po- litica di innovazione e, in modo complementare, per la ricerca nazionale. La Commissione ha proposto alcuni macro-ambiti di azione quali: Francesco Bongiovanni1 – f.bongiovanni@mpaaf.gov.it Serenella Puliga2 – s.puliga@mpaff.gov.it
  • 19. 19 - l’aumento della produttività agricola, della produzione e uso più efficiente delle risorse; - l’innovazione a sostegno della bioeconomia; - la biodiversità, i servizi ecosistemici e la funzionalità del suolo; i prodotti e servizi innovativi per la filiera, (inclusi i sistemi di informazione e sugli strumenti di ge- stione dei rischi); - la qualità e sicurezza degli alimenti e stili di vita sani. Tali ambiti non sono da intendersi esaustivi né vincolanti in quanto ciascuno Stato membro deve partire dalle esi- genze della propria agricoltura e dei propri consumatori, e sarà utile prevedere anche un’area relativa allo sviluppo e riorganizzazione del sistema della conoscenza. Nel dibattito in atto a livello nazionale è infatti già emerso che la messa a punto di efficaci sistemi di trasferimento di conoscenza per vitalizzare l’innovazione esistente e veicolare quella acquisita con nuove iniziative di ricerca, sia una pre-condizione per l’efficacia della politica di in- novazione. È aperto il dibattito, anche attraverso appositi gruppi di lavoro, su quali siano i modelli di governance (regionale, interregionale, nazionale, mista) più rispon- denti all’implementazione del Partenariato Europeo per l’Innovazione in Italia ed in particolare dei Gruppi Ope- rativi. La politica di innovazione, in ogni caso, dovrà essere ba- sata su modelli che consentano di affrontare problemi reali con adeguate competenze e risorse finanziarie, con snelli strumenti gestionali e massima efficacia di utilizzo delle risorse a livello regionale, garantendo anche inter- venti simultanei e mutualistici nelle diverse programma- zioni, da un lato di ricerca e dall’altra di sviluppo rurale, basati sulla rinnovata visione che vede conoscenza ed innovazione quali elementi circolari di un unico sistema e non temporalmente consequenziali l’una all’altra. Nel sistema italiano la realizzazione del II pilastro della PAC (Sviluppo Rurale) avviene attraverso i Programmi di Sviluppo Rurale (PSR) definiti dalle Regioni, nel quadro di una strategia nazionale e di regole comuni; all’interno di tali programmi si dovranno indicare le aree di inter- vento e governance più rispondenti al Partenariato Euro- peo per l’Innovazione in Italia, che si attuerà attraverso i Gruppi Operativi. A tale scopo risulta particolarmente utile quanto sta emergendo dal dibattito nazionale sui fabbisogni dei settori, che vede il coinvolgimento di tutti i portatori di interesse. Inoltre i soggetti da coinvolgere nella definizione delle po- litiche di innovazione, come auspicato nella Comunica- zione del PEI, sono i rappresentanti nazionali e i partner di esistenti azioni di coordinamento della ricerca a livello europeo (Comitato permanente per la ricerca agricola - CRPA, ERANET, JPI) che, almeno per i settori agricoli, si sono fatti promotori del dibattito nazionale sull’analisi dei fabbisogni, con mutuo scambio di informazioni con gruppi di lavoro ad hoc. La Rete Rurale Nazionale che costituisce la modalità operativa con cui il Ministero supporta la politica di svi- luppo rurale, potrà, tra i suoi compiti, integrare le attività della Rete europea dell’innovazione realizzando attività di animazione fra i soggetti coinvolti (Autorità di Gestione PSR e Gruppi Operativi), di carattere sia tecnico che pro- cedurale, di stimolo sulle tematiche ritenute prioritarie per l’agroalimentare italiano ed infine sostenere la forma- zione dei Gruppi Operativi in Italia. CSF Regione Liguria
  • 20. 20 L’argomento L’importanza dei servizi di sviluppo per la diffusione dell’innovazione Fabio Maria Santucci1 - fabiomaria.santucci@unipg.it Molti servizi concorrono allo sviluppo: ricerca, credito, analisi, certificazioni, contabilità, redazione di progetti per l’accesso a contributi, elaborazione di domande per sussidi, catasto che certifica la proprietà, distribuzione di mezzi tecnici, servizi di meccanizzazione, di gestione delle acque, ecc. Tutto ciò non interessa, poiché il nostro focus è sui servizi di diffusione e co-generazione delle conoscenze, di tipo informale, al fine di introdurre inno- vazioni tecniche ed organizzative, di breve e lungo pe- riodo. Anche l’educazione e la formazione professionale, che diffondono conoscenze e capacità operative, sono fuori dal discorso. Restano quindi la DIVULGAZIONE e la CONSULENZA, che in inglese si chiamano extension e advice. Perché questo richiamo? Perché il primo consulente risale al 1843 quando a New York il locale comitato agricolo as- sunse “un agricoltore pratico e scientifico”, per insegna- re ai nuovi arrivati le tecniche appropriate in un ambiente sconosciuto. Nel 1847 in Irlanda, a fronte della terribile carestia dovuta alla peronospora della patata, furono as- sunti 7 istruttori per diffondere qualche consiglio ai pove- ri coltivatori. In questi casi, si parla di “approccio dall’alto verso il basso”, in cui qualcuno che sa e sa fare, cerca di trasmetterlo ad altre persone. Nel 1867 l’Università di Oxford decise di diffondere le proprie conoscenze, me- diante extension lectures per gli abitanti della città, con parole facili, comprensibili a tutti. Nel XIX secolo, un po’ ovunque in Europa si diffusero comitati o comizi agrari, accademie, centri di ricerca e le prime scuole di agraria. Dopo oltre 20.000 anni di len- ta evoluzione, per la prima volta la scienza istituzionale si occupava d’agricoltura. In contemporanea, nacque- ro i primi ministeri dell’agricoltura e nasceva la “politica agraria”, che pure doveva essere comunicata. Gli agricoltori erano però tanti milioni, quasi tutti analfa- beti, gli scienziati pochissimi, i tecnici molto pochi, senza radio, né televisione o internet, come risolvere la cosa? Nel 1886 fu fondata a Rovigo la prima Cattedra Ambulan- te, ad opera d’un gruppo di benefattori, con il compito di diffondere innovazioni, raggiungendo contadini e fattori Periodicamente si torna a parlare di servizi di sviluppo. Sono molte le cose di cui parlare: la forma organizzativa (che tipo di agenzia?), le forme di finanziamento, i metodi e i media utilizzabili. 1 Università degli Studi di Perugia dove essi lavoravano. Nelle relazioni delle Cattedre, si legge di riunioni, campi dimostrativi, visite guidate, fie- re dell’agricoltura, di libretti e foglietti illustrativi. V’erano incontri con gli agricoltori più svegli e aperti al cambia- mento, sperando che poi l’innovazione si diffondesse “a macchia d’olio”. Si sviluppava così la “Metodologia della divulgazione”, un misto di educazione degli adulti, psico- logia e sociologia del cambiamento, comunicazione. Le Cattedre favorirono anche la costituzione di cooperative, di casse rurali e di consorzi. Nel 1914, negli USA fu cre- ato l’Extension Service, una cooperazione tra Governo Federale, Statale e di Contea, basato nelle Università statali. Nel 1935 le Cattedre ambulanti furono soppresse e trasformate in Ispettorati, alla mission educativa infor- male si aggiungono compiti burocratici, che poi nel 1972 confluiscono nelle Regioni. Quali differenze tra Divulgazione e Consulenza? La prima trasmette contenuti di carattere generale, é diffusa a tut- ti coloro che la vogliono ascoltare, è un bene pubblico, serve a finalità di benessere generale, mentre la seconda si occupa di un problema specifico, di una sola persona o di un gruppo ristretto, trasmette quindi un bene privato, che può essere venduto e comprato. Per decenni, in tutti i paesi, le Agenzie incaricate della Divulgazione e Consulenza hanno fatto parte integrante dell’amministrazione, spesso dentro il Ministero dell’A- gricoltura o separate, ma sotto il suo controllo. I col- legamenti con la ricerca scientifica erano accettabili e quest’ultima, pubblica anch’essa, generava una quantità accettabile di innovazioni da trasmettere. La copertura dei costi era totalmente pubblica, giustificata con il be- nessere collettivo derivante dall’aumento di produttività e alla conseguente diminuzione dei prezzi dei beni ali- mentari. Dopo la II Guerra Mondiale, tutto cambia. Si sviluppa la ricerca privata, dentro multinazionali che producono e distribuiscono input e che sono interessate a venderli. Aumenta il numero di divulgatori-promotori, il cui costo è nascosto nel prezzo di mezzi tecnici, che con le stesse metodiche divulgano i propri prodotti. Si tratta di “inno-
  • 21. 21 vazioni private”, brevettabili: sementi, prodotti fitosanitari e veterinari, mangimi, macchine e attrezzi, mentre le in- novazioni non brevettabili restano ai margini. L’america- no Rogers nel 1962 scrive Diffusion of innovations, che sostanzialmente resta la Bibbia di quanti nel mondo si occupano di divulgazione e promozione. Si sviluppa l’associazionismo agricolo: sindacati, coope- rative, associazioni locali, consorzi di tutela, marketing board, che si mettono anch’essi a generare un po’ di co- noscenza e sono comunque attivi nella divulgazione di informazioni (e in molti altri servizi). E’ il cosiddetto “terzo settore”, anche detto “non governativo” o della società civile, che spesso però chiede denaro allo Stato per co- prire i propri costi. In contemporanea, entra in crisi la produzione pubblica di conoscenze e d’innovazioni. Per tutta una serie di mo- tivi, le Università e i Centri di ricerca pubblici non sono più la fonte delle conoscenze, e le Agenzie di Divulga- zione hanno ben poco da estendere. In qualche paese, il finanziamento pubblico é ridotto e poi azzerato, le Agen- zie chiuse. In Irlanda e Inghilterra, patria dell’extension, il Teagasc e l’ADAS diventano l’ombra di se stesse, si concentrano sulla consulenza, venduta agli agricoltori – clienti. Negli ultimi vent’anni, il progressivo affermarsi dell’agri- coltura contrattuale, guidata dai supermercati e dalle grandissime società alimentari, riduce ulteriormente lo spazio delle Agenzie pubbliche, poiché il pacchetto tec- nologico è deciso e imposto dall’alto – via agronomi as- sunti dalle imprese o dipendenti dalle associazioni, il cui costo è nascosto dentro il prezzo concordato. Tutto ciò premesso, a tali modelli dominanti cercano di opporsi, in ogni parte del mondo, quanti credono che un’altra via sia possibile e che propongono modi diversi di fare ricerca, divulgazione e quindi sviluppo. Già Freire nel 1972 in Brasile sosteneva che compito del divulgato- re non fosse solo quello di insegnare a coltivare, ma di spiegare al campesino i suoi diritti. L’analisi dei bisogni e le aspirazioni degli agricoltori erano la base per lo svi- luppo per il Centro Studi Agricoli di Borgo a Mozzano, chiuso da tempo e lo stesso messaggio era insegnato nei CIFDA. L’olandese Roeling negli anni ’80 sottolineava come la conoscenza agricola non fosse un patrimonio dell’accademia o dei centri di ricerca, ma sia il combinato di una miriade di detentori di conoscenze che interagi- scono, il cosiddetto Sistema di Conoscenze e Innovazio- ne Agricola (SICA). Le crisi dell’agricoltura convenzionale, gli effetti colla- terali della rivoluzione verde, l’inquinamento, ecc. han- no spinto a teorizzare e praticare forme partecipative di ricerca applicata (ovviamente non di base), in cui le conoscenze degli agricoltori sono valorizzate. La neces- sità di percorrere vie nuove e diverse (il recupero della biodiversità, l’agricoltura biologica, l’agricoltura sociale, la vendita diretta, lo sviluppo rurale multisettoriale, ecc.), unitamente alla constatazione che l’agricoltura produce anche beni pubblici (protezione del suolo, paesaggio, as- sorbimento CO2 , habitat naturali) spinge a cercare anche nuovi modelli di divulgazione e di consulenza, che alme- no in un primo momento dovrebbero essere a carico del pubblico. Ecco quindi che negli ultimi tempi, nella stampa interna- zionale e anche negli ambienti più market oriented (USA, Olanda, Banca Mondiale, ecc.) v’è una riscoperta del ruo- lo pubblico nella divulgazione e consulenza, magari con approcci di cost sharing, che responsabilizzano sia i sin- goli o i gruppi che ne usufruiscono, sia le agenzie che le erogano. Si parla sempre di più di tecnici che siano anima- tori o facilitatori, che favoriscano la formazione di gruppi e di reti, collegando ricerca, pratica e istituzioni, stimolan- do così una crescita “dal basso verso l’alto” e la messa a punto di innovazioni appropriate (tecniche, organizzative, individuali e di gruppo, etc.). Resta però irrisolto il proble- ma del costo di funzionamento di questi tecnici e delle loro Agenzie. Al momento si va avanti con finanziamenti straor- dinari (del progetto, del programma, della misura comuni- taria), ma a lungo andare ciò genera precarietà, incertezza e discontinuità. Occorre tornare a finanziamenti ordinari, regolari e costanti nel tempo, ovviamente soggetti a moni- toraggio e valutazione, di tipo partecipativo. Milena Verrascina
  • 22. 22 Voce a... Nuovi strumenti su servizi e innovazione per le imprese la posizione delle Organizzazioni professionali CIA, Confagricoltu- ra e Coldiretti Stefano Leporati1 - s.leporati@coldiretti.it Vincenzo Lenucci2 - lenucci@confagricoltura.it Domenico Mastrogiovanni3 - d.mastrogiovanni@cia.it 1. Siamo quasi a conclusione di un periodo di pro- grammazione a cavallo di anni difficili per le imprese del settore primario che manifestano più che mai bi- sogni anche in tema di servizi e innovazioni. Qual è la vostra opinione sull’organizzazione strategica che i PSR 2007-13 hanno previsto in tema di servizi di formazione, consulenza e innovazione? S. L. In questi anni tutte le imprese, comprese le aziende agricole, sono state soggette alle forti ripercussioni della crisi economica. Molte di queste sono riuscite a crescere e conquistare nuovi mercati e consumato- ri proprio ricorrendo alle varie forme di innovazione: operativa, di prodotto, strategica e manageriale. In un contesto così fluido e dinamico si inseriscono i Programmi di Sviluppo rurale 2007-2013. Programmi pensati e scritti nel 2006 e 2007, alla vigilia della cri- si economica, con un approccio strategico non più adeguato alle mutate condizioni, che i rigidi formali- smi comunitari non hanno più permesso di cambiare. La necessità di spendere, per evitare il disimpegno comunitario ha fatto il resto, con misure ancorate e progettate per un mercato ed un contesto comple- tamente differente. V. L. La tematica dei servizi innovativi è stata indubbia- mente presente nella programmazione dello sviluppo rurale. Ha risentito però, come anche la tematica for- mativa, di alcune difficoltà di fondo e di impostazio- ne. La consulenza, la formazione sono considerate con un approccio burocratico legate all’informazione e al rispetto dell’adempimento. Mancando spesso la interrelazione con le strategie di crescita delle impre- se. Anche i servizi all’innovazione non hanno messo al centro le opportunità per la crescita. E non di rado la ricerca è stata in primo luogo indirizzata a sanare le (talvolta presunte o eccessivamente enfatizzate) criticità dei processi produttivi invece di esaltarne le potenzialità in termini di sviluppo del settore. D. M. Nella attuale fase di programmazione dei PSR, tran- ne eccezioni, l’utilizzo delle misure della formazione e consulenza è stato insoddisfacente e di scarsa efficacia. Le azioni sono risultate frammentate, non collegate alle altre misure ed alle strategie di sviluppo e miglioramento aziendale e territoriale. Per la consu- lenza ha pesato anche l’impostazione europea, che ha fortemente vincolato questi interventi agli aspetti relativi alla condizionalità e dell’adeguamento nor- mativo. È generalmente mancata una valutazione dei risultati ottenuti. 2. Servizi e Innovazione sono definiti leve competiti- ve per l’impresa. Potreste raccontare un esempio di buona riuscita di un’esperienza legata ai servizi/ innovazione negli ultimi anni? Ad esempio riportan- do prassi ed esperienze che ritenete emblematiche, realizzate o condotte da vostre strutture? S. L. Coldiretti è da sempre in prima linea sui temi dell’in- novazione, tanto che promuove ogni anno il concor- so “Oscar green”, dove vengono premiate le migliori esperienze. Negli ultimi tempi ha lanciato il progetto per “una filiera tutta agricola tutta italiana firmata da- gli agricoltori”, dove questi sono i veri protagonisti. In questo progetto si colloca l’iniziativa denomina- ta “Scendipianta”, che accorcia la filiera portando il prodotto ortofrutticolo dalla pianta alla tavola dei consumatori. Con questa iniziativa, le fasi di sele- zione e confezionamento vengono eseguite diretta- mente in campo da dove partono per poi raggiun- gere i punti vendita della Grande distribuzione. In questo caso il consumatore può acquistare un pro- dotto a poche ore dalla raccolta, con benefici anche per l’ambiente perché il prodotto ha fatto il percorso più breve possibile prima di arrivare sulle tavole. 1 Responsabile Sviluppo Rurale della Coldiretti 2 Segreteria Tecnica Presidenza e Direzione Generale della Confagricoltura 3 Confederazione Italiana Agricoltori
  • 23. 23 Sul territorio poi non mancano progetti di successo finanziati dallo sviluppo rurale, come ad esempio il progetto per sviluppare lubrificanti biodegradabili da fonte rinnovabile, progetto di ricerca cofinanzia- to con la Misura 124 del PSR 2007- 2013 della Re- gione Umbria, e realizzato dalla collaborazione tra Novamont e gli agricoltori di Coldiretti. V. L. Una delle più attuali forme di innovazione utilizzabi- le per migliorare la competitività delle imprese è la sostenibilità dei prodotti e dei processi. Proprio di recente Confagricoltura ha presentato la sua Eco- Cloud, uno spazio dedicato alle buone pratiche sostenibili che le aziende aderenti al progetto con- federale “Produttività e Sostenibilità delle imprese agricole” mettono in atto al loro interno. Si tratta di buone pratiche legate alla sostenibilità in ambi- to economico, ambientale e sociale. Il tutto viene anche evidenziato con un catalogo multimediale delle best practice disponibile a tutti su piattaforma informatica e finalizzato, ovviamente, a diffondere l’innovazione e promuoverla nel sistema organizza- tivo e produttivo. D. M. Nonostante le osservazioni suesposte, per fortuna possiamo riportare vari esempi positivi. Al momen- to ci piace ricordare un servizio innovativo di effi- cientamento dell’irrigazione, anche con uso di sms in Val di Cornia, o il supporto alla realizzazione di una rete di imprese per la valorizzazione delle filie- re corte in ambito locale “La Spesa in campagna a Siena”. Il primo è un progetto essenzialmente tecnologico, il secondo economico organizzativo e promozionale, ma in entrambi i casi le reti di consu- lenza hanno svolto e svolgono un’azione di anima- zione, assistenza e collegamento con la ricerca e le Istituzioni. 3. Uno sguardo al futuro…. come pensate potrebbero essere migliorati - attraverso la politica di sviluppo rurale - i servizi di formazione e consulenza e in ge- nerale la diffusione dell’innovazione per il prossimo periodo di programmazione? S. L. Prima di tutto mutuando dall’esperienza di questo periodo di programmazione. Le strategie dovrebbe- ro essere più elastiche per rispondere alle esigenze delle imprese agricole e del mercato. Se nell’attua- le periodo di programmazione la mutifunzionalità dell’agricoltura è stato il tema trasversale, nel pros- simo periodo il tema della filiera corta e dell’accor- ciamento delle filiere saranno dominanti. Le misure della formazione, della consulenza e l’innovazione con la nuova misura cooperazione saranno tra gli interventi che più potranno contribuire allo sviluppo e alla realizzazione di innovazioni di tipo organizza- tivo e manageriale che ridisegnino le filiere in modo più equo per gli agricoltori ed i consumatori. V. L. La formazione e la consulenza debbono essere al servizio dell’impresa non solo per conoscere al meglio la normativa e gli adempimenti, ma per mi- gliorare le strategia di impresa; occorre quindi un collegamento tra aspetti affrontati e sviluppo delle funzioni imprenditoriali. Per la diffusione dell’inno- vazione va messo al centro della programmazione il necessario meccanismo circolare di espressione del fabbisogno da parte degli imprenditori e stimo- lo/produzione di innovazione per soddisfare quell’e- sigenza. Occorre sempre più “stringere le maglie” della rete delle conoscenze se vogliamo davvero una crescita knowledge-based. E in generale va collegato il mondo delle imprese agli “operatori del- la conoscenza”. In un circolo virtuoso appunto dove si fa sviluppo. D. M. Deve essere acquisita la valenza strategica di que- ste azioni per l’innovazione ed il raggiungimento de- gli obiettivi della programmazione. È opportuno migliorare la metodologia progettuale nell’organizzazione di queste azioni valorizzando di- versi aspetti: l’analisi dei fabbisogni/problemi; il col- legamento con gli obiettivi strategici del PSR a livel- lo di azienda, filiera e territorio, l’integrazione con la ricerca e con le strutture di supporto specialistico, la verifica e valutazione dei risultati raggiunti. Nelle attività di consulenza è necessario includere tutti gli aspetti relativi allo sviluppo sostenibile (filie- ra ed orientamento al mercato, promozione, miglio- ramento gestionale ed organizzativo, innovazione tecnologica, gestione del rischio, diversificazione produttiva) unitamente a quelli relativi all’efficiente gestione delle risorse ed all’adattamento ai cambia- menti climatici. È opportuno prevedere un sistema di finanziamento della consulenza che, fondato su ticket o voucher, permetta all’imprenditore di trasferire l’anticipazio- ne finanziaria all’organismo stesso di consulenza. Questo intervento si rende necessario per le diffi- coltà di accesso al credito e per ridurre l’esposizio- ne debitoria delle imprese con le banche. Milena Verrascina
  • 24. 24 Voce a... Innovazione in agricoltura semplificazione la parola chiave Lorenzo Benanti1 – lorenzo.benanti@peritiagrari.it Negli ultimi anni le parole innovazione, semplificazione, sviluppo si sono utilizzate oltremisura e, in particolare nel mondo rurale, hanno trovato ospitalità sia nei contenuti comunitari e, di conseguenza, nazionali e regionali. Que- sta ospitalità di intenti non sempre ha coinciso con l’effet- tivo raggiungimento degli obiettivi prefissati. I Periti Agrari e Periti Agrari Laureati hanno dato in questi periodi un prezioso e fattivo contributo all’attuazione delle norme. Una platea ed un punto di riferimento qualificato per veri- ficare da un lato l’effettiva applicazione di queste norme e dall’altro formulare in maniera critica e costruttiva le anali- si che possono aiutare il sistema a migliorare. Il processo risulta importante in questo periodo che vede la politica, quella Comunitaria, al centro dell’attenzione per le possibili evoluzioni che può avere nella definizione dei nuovi strumenti di applicazione del primo pilastro ma soprattutto del secondo pilastro con l’introduzione di ele- menti, appunto, “innovativi” nei nuovi PSR. Alla luce delle esperienze maturate dai nostri professio- nisti, che rappresentano oltre 16.800 unità2 e che sono distribuiti praticamente in tutti i settori, sia pubblici che privati, che si occupano di rurale e di produzione e gestio- ne dell’agro-alimentare, possiamo tentare di dare alcune indicazione sui possibili scenari di riferimento. In particolare il concetto di innovazione può essere visto semplicemente come introduzione di nuove tecniche pro- duttive, di sviluppo di processi, di sostegno ad iniziative strategiche. A nostro avviso la vera innovazione, quella che ci permet- terà di fare il vero salto di qualità necessario a far ripartire la nostra economia agro-silvo-alimentare, passa attraver- so concetti nuovi. Non si spaventi il lettore. Non intendiamo formulare né introdurre nuovi aspetti filosofici ma semplicemente, da osservatori qualificati, pensiamo che l’esperienza matura- ta fino ad oggi (dopo oltre 90 anni di professione ricono- sciuta) ci possa permettere di ragionare sulla necessità di fermarsi un secondo e di pensare ad un modello che pren- da in seria considerazione la sostenibilità delle azioni, dei sistemi, delle condizioni di produzione riferite alle persone e ai frutti di queste attività. In primo luogo la sfida sarà vinta se veramente riusciremo ad avere strumenti sem- plici. Strumenti di proposta, di verifica, di attuazione che, passando si da utilità esistenti, consentano a chi produce di farlo in maniera semplice e concreta. Senza oneri ec- cessivi di burocrazia e, soprattutto, nell’ottica della visio- ne di ampio raggio di rispetto e salvaguardia di ambiente e risorse naturali. Questi obiettivi si possono raggiungere solo se possiamo mettere a disposizione di tutti una strategia, un piano co- mune, indicazioni chiare e semplici. E quindi veniamo agli obiettivi. Fabbisogni energetici, fab- bisogni alimentari, qualità della vita (salute, benessere,etc.). Per i fabbisogni energetici ed alimentari la vera “innova- zione” è rappresentata dal risparmio. In entrambi i casi le politiche, le azioni intraprese e che dovranno sempre di più seguire questa strada, vedono al centro la riduzione dello spreco. Milioni di metri cubi di fabbricati inadeguati e milioni di tonnellate di alimenti che finiscono quotidianamente nella spazzatura sono un lusso che non ci possiamo più permet- tere. Ed allora subito potenziare vere azioni di incentivo che vadano nella direzione opposta a quella fino ad oggi seguita. Premiare chi risparmia energia va nella direzione di un ra- zionale utilizzo delle risorse disponibili. Sappiamo bene che le fonti energetiche di origine fossile sono sulla stra- da dell’esaurimento. Quelle cosiddette “naturali” devono confrontarsi con una serie di questioni di sostanza. In que- sti ultimi anni sono stati realizzati importanti investimenti nel mondo agricolo in aziende che si sono riconvertite alla produzione di energia (biomasse, fotovoltaico, eolico). Se da un lato queste attività hanno rappresentato una vera novità di redditi (anche importanti) per il mondo agricolo, dall’altro, si sono rivelate, almeno in alcuni casi, portatrici di grandi contraddizioni. Due casi per tutti: la biomassa sottratta alla produzione alimentare ed il suolo sottratto 1 Presidente Nazionale dei Periti Agrari 2 I dati sono aggiornati al 31/12/2012 L’innovazione intesa come modalità di approccio nuovo che vede al primo posto la riduzione degli oneri di tipo ammini- strativo e che trova nella professione di perito agrario un partner storico ed affidabile, con il suo bagaglio di conoscenze e competenze.
  • 25. 25 alla produzione alimentare per fare spazio ai grandi im- pianti a terra del fotovoltaico. Su questi due particolari aspetti si stanno prendendo provvedimenti di tipo conte- nitivo ed in molti Comuni è ormai ridotta la possibilità di installare nuovi stabilimenti se non sul costruito (fotovol- taico) o che prevedano l’utilizzo di biomasse provenienti da sottoprodotto o scarti riservando le superfici esistenti alla produzione alimentare. In tutto questo ci piace ricordare che, in ogni caso, non si può prescindere dalla presenza dell’uomo sul territorio. I disastri e i danni che l’ambiente produce nel suo decorso naturale (terremoti, frane, alluvioni, etc.) possono essere controllati e ridotti solo con la presenza fisica dell’uomo, con la sua capacità di agire in un contesto di controllo e presidio del territorio. Questa ha un valore ancora mag- giore in Italia dove densità di popolazione squilibrata e continua sottrazione di suolo hanno da un lato visto l’ab- bandono di superfici una volta “regolate” e dall’altro ridur- si drasticamente la superficie disponibile da destinare a produzioni di alimenti. In questo ultimo periodo, per torna- re al tema principale si è diffusa tra gli operatori, il concet- to di “smart”. Intelligenza ed astuzia non possono e non devono essere solo riferiti alle tecniche ma soprattutto al contorno di adempimenti, autorizzazioni, che in questi ul- timi 50 anni non hanno fatto altro che ingessare il sistema complicandolo ed appesantendolo oltremodo. Anche per questo riteniamo che, per essere veramente innovativo si debba pensare ad un’operazione che semplifichi la possi- bilità di vivere e produrre in maniera semplice. Il futuro ci deve vedere tutti impegnati a rimodulare il siste- ma con questi nuovi obiettivi. Le professioni, e la catego- ria dei Periti Agrari e Periti Agrari Laureati non può sottrar- si, devono scendere nuovamente in campo procedendo in questo senso portando, con la loro presenza diffusa sul territorio, la conoscenza, le capacità e le tecniche utili ad ottenere questi risultati. Ricordando che la professione, così come prevista dal suo ordinamento e, soprattutto, dalla carta costituente, è al servizio del cittadino svolgen- do un ruolo primario di assistenza anche di tipo sussidia- rio e di supporto allo Stato ed alla sua amministrazione. E di questi tempi questo non può che ritornare ad essere un valore assoluto.
  • 26. 26 Voce a... È una cittadella dell’agricoltura che sorge in Trentino, nel cuore della Piana Rotaliana dove convivono attività di for- mazione, ricerca e trasferimento tecnologico nei settori agricolo, ambientale e agroalimentare. In un campus di 14 ettari, con aule didattiche, laboratori, serre e campi speri- mentali, lavorano ogni giorno più di 800 persone, tra ricer- catori, tecnologi, tecnici e docenti, per studiare e migliorare l’agricoltura, l’ambiente e i suoi prodotti, per promuovere un’agricoltura più sostenibile, minimizzando l’uso di input chimici e razionalizzando l’uso delle risorse ambientali. Governato da un consiglio di amministrazione composto da 12 membri in rappresentanza delle organizzazioni profes- sionali e cooperative agricole del Trentino, si compone di tre centri: istruzione e formazione, ricerca e innovazione, trasferimento tecnologico, ed è dotato di un‘azienda agri- cola che fa da supporto anche alle attività di ricerca e di- dattica. La sua unicità Nato sul modello tedesco di convivenza tra didattica e ri- cerca, l’Istituto rappresenta, attualmente, il primo e unico modello nazionale di convivenza, sotto lo stesso tetto, tra attività di ricerca, formazione, sperimentazione, consulen- za e servizio in ambito agricolo, ambientale e agroalimen- tare. E’ stato fondato il 12 gennaio 1874, quando la Dieta regionale tirolese di Innsbruck deliberò di attivare a San Michele, sulle proprietà dell’ex convento agostiniano, una scuola agraria con annessa stazione sperimentale per la rinascita dell’agricoltura del Tirolo. L’attività iniziò nell’au- tunno dello stesso anno, seguendo l’impostazione data da Edmund Mach, primo direttore che proveniva dalla stazione sperimentale di Klosterneuburg (Vienna). Le linee operati- ve tracciate da Mach per la scuola e la stazione sperimen- tale sono state portate avanti con positivi risultati dai suoi successori fino al passaggio dell’Istituto all’Italia, avvenu- to dopo la prima guerra mondiale. Nel 1919 il complesso dell’Istituto passa infatti alle competenze della Provincia di Trento e nel 1926 viene attivato il Consorzio con lo Stato ita- liano per la gestione dell’Ente. La legge provinciale n°28 del 1990 e sue successive modificazioni e integrazioni hanno riordinato le strutture operanti a San Michele all’Adige rifon- dando l’antico Istituto Agrario imperniato sui poli essenziali della didattica, della ricerca e dell’assistenza tecnica. Il 1° gennaio 2002 l’Istituto assorbe l’ex Esat che diventa Centro Il ruolo dell’Istituto di San Michele all’Adige nel panorama rurale trentino un modello di riferimento all’avanguardia Silvia Ceschini1 - silvia.ceschini@fmach.it 1 Responsabile dei rapporti con i media, Servizio Sistemi Informativi, Organizzazione e Comunicazione Fondazione Edmund Mach, www.fmach.it Innovazione e tradizione. Attorno a questo binomio si snoda l’attività della Fondazione Edmund Mach che raccoglie 135 anni di eredità storica dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige. Stefano Rosso
  • 27. 27 per l’Assistenza Tecnica cui spettano attività di assisten- za alle aziende agricole sul territorio provinciale. Ma non è tutto: in base alla legge provinciale n. 14 del 2 agosto 2005 l’Istituto Agrario di San Michele diventa nel 2008 una fonda- zione privata con capitale pubblico: la Fondazione Edmund Mach. Ed assorbe il Centro di ecologia alpina potenziando dunque la ricerca nel settore ambientale e forestale. Il resto è storia recente. Il cluster: verso un polo tecnologico agro-indu- striale San Michele è inserito in una rete nazionale e internazio- nale di enti altamente qualificati nel settore delle ricerche agrarie e agro-industriali. L’assetto è stato studiato per ri- spondere alle esigenze del territorio in ricerca, formazione e consulenza tecnica. “L’obiettivo finale –spiega il presidente Francesco Salamini- è una struttura, agile, flessibile, com- petitiva, che risponda alle esigenze del mondo agricolo e produttivo, ma anche della trasformazione della conoscen- za in economia, e, in generale, in grado di interpretare al meglio i bisogni della società civile, in termini di creazione di nove opportunità di sviluppo e di posti di lavoro. L’ambi- zione è di sviluppare un polo tecnologico agro-industriale, dove ricerca, trasferimento tecnologico e creazione di im- presa concorrono a creare posti di lavoro e ritorni econo- mici. Le attività di ricerca si adegueranno alle esigenze di internazionalizzazione del paese collegandosi sempre di più con centri e istituzioni di forte impatto e interesse inter- nazionale”. Innovazione Internazionalizzazione e innovazione della Fondazione sono portate avanti soprattutto dal Centro ricerca e innova- zione che svolge attività di ricerca, utilizzando gli approcci scientifici più avanzati, per valorizzare le produzioni agri- cole, la biodiversità, la salute umana e la qualità della vita. Salito alla ribalta delle cronache per il sequenziamento del genoma del Pinot nero, del melo e della fragola, del lampo- ne e della Drosophila suzukii, presta particolare attenzione allo sviluppo di un’agricoltura sostenibile e alla tutela della biodiversità degli ecosistemi alpini e subalpini. Il centro è organizzato in dipartimenti e piattaforme tecnologiche dove lavorano ricercatori di fama internazionale. Cuore delle at- tività di ricerca è lo sviluppo di varietà resistenti, in partico- lare di vite e melo, attività notevolmente sviluppata grazie al sequenziamento dei genomi. Gabriele Zanuttig
  • 28. 28 Voce a... L’innovazione arriva anche dal Centro trasferimento tecno- logico. Rappresenta la struttura a maggiore diffusione terri- toriale della Fondazione per le attività di ricerca applicata e sperimentazione, i servizi e la consulenza a favore del set- tore agro-forestale e ambientale. L’attività di ricerca appli- cata e sperimentazione studia soluzioni tecniche avanzate per la sostenibilità ambientale, sociale ed economica delle produzioni e per la qualità e la salubrità dei prodotti agro- alimentari. Internazionalizzazione ma anche tradizione Quest’ultima è rappresentata dal Centro istruzione e for- mazione che svolge attività di istruzione e formazione nelle materie agrarie, agroalimentari, ambientali e forestali. Dalla formazione permanente degli agricoltori alla preparazione dei giovani imprenditori agricoli, dei periti agrari e agroin- dustriali, degli enotecnici, degli agrotecnici, degli esperti ambientali-forestali per arrivare ai dottori in viticoltura ed enologia e agli specialisti di vini spumante. Il centro, che conta decine di tirocini e consolidate colla- borazioni con scuole straniere, gestisce anche master in collaborazione con l’università e corsi post-diploma. Un migliaio gli studenti frequentanti ogni anno l’istruzione se- condaria tecnica, l’istruzione secondaria professionale, la qualificazione professionale agricola, l’istruzione post-se- condaria e universitaria. E poi c’è l’Udias, l’unione diplomati della Fondazione Mach, che rappresenta un raccordo mol- to importante col mondo operativo. L’azienda agricola, con funzioni di produzione e trasforma- zione, ma anche di supporto alla didattica e alla sperimen- tazione, comprende circa 100 ettari di terreni coltivati a vite e melo, una cantina e una distilleria. L’azienda viene gestita in modo da realizzare un modello di agricoltura sostenibile e la superficie coltivata è suddivi- sa in numerosi corpi aziendali dislocati nelle più importanti aree agricole del Trentino. Nella cantina aziendale, ospitata presso l’ex monastero agostiniano, si trasformano le uve provenienti dai migliori vigneti aziendali, in rappresentanza dell’intero panorama enologico della provincia di Trento. Gabriele Zanuttig
  • 29. 29 Innovazione anche nella pianificazione delle attività La pianificazione pluriennale della attività della Fondazione si sviluppa seguendo due approcci: top-down, quello dettato dalla governance, e botton up, realizzato attraverso i tavoli di filiera (ambiente, melo, cantina, vite, piccoli frutti, azienda agricola) che mettono in dialogo tutte le componenti che all’interno della Fondazione si occupano di quella precisa tematica: dalla ricerca al trasferimento tecnologico. FONDAZIONE EDMUND MACH Il bilancio della fondazione per il 70% è coperto dalla Provincia Autonoma di Trnto. Un investimento prevalente- mente pubblico con un grande beneficio e valore aggiunto per l’intera comunità , agricola e non. Dal 1959 sono attivi rapporti con scuole straniere (Germania, Inghilterra, Austria, Francia). Il centro conta 46 aule, 13 laboratori (agricoltura, scienze, patologia, entomologia, chimica, lingue), una sala degustazione e un convitto da 140 posti. RICERCA E INNOVAZIONE Più di 200 collaborazioni con università e centri di ricerca di tutto il mondo: uno staff di circa 200 ricercatori, che nell’ultimo anno ha pubblicato oltre 200 articoli su riviste d’impatto. Otto brevetti, un network internazionale che coinvolge cinque continenti e più di 30 paesi: 128 collaborazioni in Europa, 15 nel Nord America, 5 in Asia e 4 in Oceania. Lo staff si compone per il 52 % da uomini e dal 47 per cento da donne. Il 23 per cento è straniero e il 39 per cento ha tra i 30 e 40 anni. La scuola di ricerca “First” conta 110 borsisti in rappresentanza di 32 paesi provenienti dai 5 continenti. All’ultima selezione sono pervenute quasi 800 domande per 22 posti disponibili. Dal 2011 sono arrivate in tutto 3000 domande per diventare PdD students. TRASFERIMENTO TECNOLOGICO Circa 180 persone tra tecnologi e consulenti e conta 11 sedi periferiche sul territorio provinciale. Nel 2012 il CTT ha lavorato per 557 aziende dei settori agricolo, alimentare, chimico e ambientale. I dati di alcuni servizi offerti: 3990 test virus vite, 259 test arborei in campo , 92 sperimentazioni fitopatologiche, 3114 analisi chimiche di tracciabilità dell’origine con isotopi e microelementi, 16.136 analisi di controllo enologiche, 1500 analisi fisico-chimiche per test di maturazione, 908 indagini microbiologiche sugli alimenti, 376.856 accessi ai dati agrometeorologici. Stefano Rosso
  • 30. 30 Voce a... L’applicazione della misura 124: strategia e nuovo slancio all’innovazione nella Regione Umbria Michela Ascani1 - ascani@inea.it Giuseppe Merli2 - gmerli@regione.umbria.it La misura “Cooperazione per lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agricolo alimentare e in quello forestale” intende incentivare percorsi di partner- ship tra i diversi soggetti della filiera agro-alimentare e tra questi e gli attori del mondo della ricerca e dell’innovazio- ne, al fine di realizzare un migliore processo di trasferi- mento delle conoscenze. Tale trasferimento è a sua volta finalizzato alla modernizzazione, all’innovazione, sia di prodotto che di processo, ad una più elevata qualità nella catena alimentare, all’incontro con i bisogni dei consuma- tori e dei mercati e alla garanzia di un adeguato ritorno economico per i produttori. Con l’attuazione della misura, la Regione Umbria vuole accrescere la capacità competitiva delle imprese promuo- vendo lo sviluppo di partenariati in grado di sostenere e collaudare i processi innovativi e, di riflesso, favorire gli aspetti occupazionali per le filiere agroalimentari regionali. La 124 è infatti strategica per favorire l’ammodernamen- to del sistema agricolo, agroalimentare e forestale e per raccogliere la sfida dell’innovazione e della qualità, utiliz- zando le opportunità offerte dall’accesso ai risultati della ricerca e dall’adozione e diffusione delle nuove tecnologie. La misura “Cooperazione per l’innovazione” è chiamata, inoltre, a svolgere un ruolo fondamentale per l’integra- zione dei soggetti che interagiscono lungo tutta la filiera agroalimentare, fino al consumatore finale. Le aziende avvertono infatti la necessità di introdurre innovazione a livello di organizzazione interna e nell’ambito di segmenti sempre più ampi della filiera produttiva; diventa crucia- le quindi promuovere la cooperazione tra imprese della produzione primaria, imprese di trasformazione e/o com- mercializzazione ed istituzioni della ricerca, attraverso la realizzazione di progetti mirati che favoriscano lo sviluppo di nuovi prodotti, processi e tecnologie, in una logica di sostenibilità ambientale. I settori che si sono dimostrati più vivaci nel cogliere le opportunità fornite dalla misura 124 sono stati in prima battuta il vitivinicolo, l’oleicolo, il tabacchicolo, quello della carne e delle grandi colture, in una seconda fase le filiere zootecnica e tabacchicola, seguite da quella agroenerge- tica, forestale, vitivinicola, olivicola e cerealicola. 1 INEA, Rete Rurale Nazionale – Postazione Regionale per l’Umbria 2 Dirigente Servizio Innovazione del Sistema Agricolo – Regione Umbria L’attuazione della misura 124 in Umbria mostra la corrispondenza di intenti tra Regione e imprese dell’agroalimentare. L’adesione crescente ai bandi per la “cooperazione per l’innovazione” mostra l’interesse dei soggetti dei settori agricolo e forestale, di quello della trasformazione e degli attori della ricerca per l’innovazione intesa come chiave per la com- petitività. Michela Ascani
  • 31. 31 La dotazione finanziaria della misura è pari al 6,25% della spesa pubblica dell’Asse 1 e al 2,42% della spesa pubbli- ca dell’intero programma. Dotazione finanziaria della misura (in euro) Quota FEASR Quota nazionale Spesa pubblica Spesa privata Costo totale 8.436.570 10.737.453 19.174.023 0 19.174.023 Fonte: RAE 2011 Umbria La misura è applicata sull’intero territorio regionale ed è rivolta ad aggregazioni costituite da associazioni tem- poranee di impresa e da altre forme giuridico- societarie composte da più soggetti della filiera, anche attraverso la sottoscrizione di appositi contratti di durata non inferiore ai cinque anni. Il sostegno previsto, fino al 70% delle spe- se effettivamente sostenute e documentate, è concesso al capofila, responsabile amministrativo e finanziario, che sovrintende al buon funzionamento dell’aggregazione. Considerata la portata innovativa della misura nel conte- sto dello sviluppo rurale, l’attuazione della stessa presup- pone che la prima fase di avvio abbia un carattere spe- rimentale, i cui risultati potranno fornire indicazioni utili per la prosecuzione degli interventi per la futura program- mazione. Le iniziative di cooperazione sostenute quindi riguardano esclusivamente ad operazioni che precedono l’utilizzo diffuso a fini commerciali delle nuove tecnologie e/o la messa in produzione del nuovo prodotto. Gli am- biti in cui i progetti si muovono sono molteplici e vanno dalla sperimentazione e lo sviluppo di nuovi prodotti/pro- cessi/tecnologie non ancora diffusi nei settori interessati, alla progettazione e sperimentazione in campo di nuove macchine e attrezzature, tecnologie e sistemi di lavoro in- novativi, alla ricerca di nuovi sbocchi commerciali ai pro- dotti, al miglioramento della concentrazione del prodotto al fine di rispondere in modo più adeguato alle richieste di mercato. Trasversale ai vari ambiti è la promozione del miglioramento della performance ambientale dei processi produttivi. L’attuazione della 124 è stata avviata nel 2009 con l’ema- nazione del primo bando, a seguito del quale sono stati presentati 47 progetti. Le aggregazioni, che comprende- vano tutte la società 3A- Parco Tecnologico Agroalimen- tare dell’Umbria, erano formate per il 65% da imprese del settore primario e di trasformazione e per il 21% da altri enti o soggetti pubblici e privati che effettuano ricerca e innovazione. A conclusione della fase istruttoria, sono stati ammessi a finanziamento 37 progetti di natura pre- Michela Ascani
  • 32. 32 Voce a... competitiva, per un aiuto concedibile che ha superato gli 8 meuro. La misura 124 è stata anche inserita nel novero delle mi- sure valide per l’attuazione dei Progetti integrati di filiera (PIF), e precisamente per le filiere cerealicola e lattiero- casearia. 1° bando Fonte: dati forniti dalla regione Umbria La selezione e valutazione dei progetti di cooperazione è stata effettuata attraverso una serie di criteri che concor- rono al raggiungimento delle priorità strategiche relative al rafforzamento dei rapporti tra imprese del settore pri- mario, industria di trasformazione e mondo della ricerca, allo sviluppo di nuovi prodotti e servizi per il mercato, alla diffusione dell’innovazione nel fare impresa e nella produ- zione, al miglioramento della qualità di prodotto e di pro- cesso e alle priorità specifiche per comparto produttivo. 2° bando Fonte: dati forniti dalla regione Umbria Il secondo bando del 2012, con una dotazione finan- ziaria € 8.000.000,00, ha visto le risorse completamen- Michela Ascani
  • 33. 33 te utilizzate. I nuovi progetti hanno una durata massi- ma di 24 mesi a partire dalla notifica dell’approvazione. I requisiti per le aggregazioni di beneficiari sono gli stessi di quelli previsti dal bando 2009. Le iniziative di cooperazione riguardano esclusivamente la realizza- zione di progetti di natura precompetitiva. L’interesse del territorio per la misura è cresciuto an- cora rispetto al 2009: sono stati presentati 84 progetti di cooperazione per l’innovazione. La spesa prevista è pari a circa 35 milioni di euro, corrispondente ad un aiuto richiesto di circa 25 milioni. Nei grafici che se- guono sono riportati i progetti presentati e la spesa prevista per settore. Il secondo bando ha comportato l’approvazione di 54 progetti, per un aiuto complessivo di euro 9.900.000. L’interesse crescente mostrato nel corso della pro- grammazione per la misura 124 dimostra che il setto- re agroalimentare e forestale in Umbria è maturo per puntare sull’innovazione come strumento per la com- petitività. Michela Ascani Michela Ascani
  • 34. 34 Le esperienzeLe esperienze Il degrado rappresenta una seria minaccia per la conser- vazione delle foreste e per la tutela dei paesaggi forestali. Inoltre ha riflessi diretti sul benessere dell’uomo per il dif- fondersi di eventi calamitosi oltre che per l’esaurimento delle risorse idriche. Il restauro forestale ha in Italia un duplice approccio: - ecologico-funzionale per i boschi di origine naturale degradati (quelli che hanno perso la capacità di resi- lienza cioé la capacità di recuperare le proprie caratte- ristiche strutturali e funzionali dopo un disturbo); - estetico-culturale per i popolamenti forestali storiciz- zati (ad esempio le pinete litoranee delle coste toscane e laziali, le abetine dell’Appennino toscano, i castagne- ti da frutto). Restauro non significa, nel caso dei boschi di origine na- turale, il ritorno di un ecosistema allo stato in cui si pre- sume che fosse stato in assenza dell’impatto dell’uomo perché non lo si conosce. Invece, in modo più realistico, è possibile riportare gli ecosistemi degradati “vicino” alla loro condizione originaria, a patto di avere le conoscenze necessarie. Per i popolamenti forestali storicizzati invece significherà riutilizzare lo stesso patrimonio genetico e la tecnica colturale tradizionale. Un approccio complementare alla gestione forestale Il restauro forestale prevede varie fasi che vanno dall’a- nalisi della funzionalità del sistema forestale alla rimo- zione dei fattori di degrado, dall’individuazione degli interventi per ripristinare la funzionalità del bosco (o del terreno) degradato al monitoraggio del lavoro svolto. Il restauro forestale ha una triplice dimensione: - ecologica, per il miglioramento della funzionalità degli ecosistemi con benefici sulla qualità della vita umana; - culturale, per la conservazione dell’identità dei luoghi, con riflessi sul piano estetico e paesaggistico; - economica e sociale, in quanto un bosco restaurato ritorna a fornire beni e servigi (legno, funghi, fissazione CO2, ecc.). Luogo privilegiato del restauro forestale sono le aree protette. Tra le proposte per trasferire al sistema forestale italiano i principi e le prassi del restauro forestale vi è quella di rivedere la nomenclatura delle classificazioni tipologiche forestali (tali documenti sono stati elaborati in quasi tutte le regioni) in modo da indicare, per una data tipologia, se è degradata, in base a ben definiti indici di degrado. Da questo è possibile far scaturire una cartografia che di- stingua, tra i boschi di origine naturale, quelli che a parità di vincoli esistenti, possono essere normalmente utiliz- zati in quanto ancora resilienti (ambito della selvicoltura) e in grado di fornire ancora beni e servigi, da quelli che invece non lo sono più (resilienti) e pertanto meritevoli di L’innovazione nel recupero di aree forestali degradate verso l’efficienza ecologica Roberto Mercurio1 - presidente@sirf.it 1 Presidente della Società Italiana di Restauro Forestale (SIRF), www.sirf.it 1. Esempio di Active Restoration, dopo 8 anni, con metodo Miyawaki, Parco del Gran Sasso e dei Monti della Laga. In termini ecologici lo stato di degrado delle foreste si manifesta nell’alterazione della composizione specifica, nella struttura, nella funzionalità dell’ecosistema, nella frammentazione dei popolamenti e, nei casi estremi, nella scompar- sa del bosco stesso.
  • 35. 35 restauro. Per i paesaggi forestali storicizzati allo stesso modo vanno distinti quelli meritevoli di restauro (approc- cio estetico-culturale) in quanto posti in zone di elevato significato storico (es. abetine attorno all’Eremo di Ca- maldoli) da quelli che si trovano in situazioni di minore interesse e dove, a causa di cambiamenti globali, è più conveniente e opportuno un restauro condotto con crite- ri di tipo ecologico-funzionale. Un campo di azione del restauro forestale è il restauro attivo di siti degradati. Al riguardo sono state condotte esperienze preliminari, la prima delle quali è stata realiz- zata nel 1995 in ex terreni agricoli nel Comune di Penne (PE) a 400-450 m di quota, nella Riserva Naturale Regio- nale Lago di Penne. La vegetazione naturale potenzia- le era rappresentata da boschi di roverella con elementi della macchia mediterranea, inquadrati nell’associazione sub mediterranea del Roso sempervirens-Quercetum pubescentis. Il secondo esempio è stato realizzato nel 2001 su ex pa- scoli nella Valle del Bove, Comune di Campotosto (AQ) nel Parco Nazionale del Gran Sasso e dei Monti della Laga a 1480-1560 m di quota. I risultati sono stati interessanti sia per l’attecchimento e lo sviluppo delle specie impiegate, sia per il reinsedia- mento delle popolazioni di uccelli. Inoltre, le disposizioni irregolari delle piante hanno conferito alle aree restaurate un aspetto fisionomico naturale; l’impiego di più specie, oltre ad arricchire la diversità vegetale e animale, è sta- to positivo in quanto gli impianti misti hanno consentito un più efficace uso delle risorse idriche, degli elementi nutritivi e della luce (stratificazione di chiome e apparati radicali) e pertanto rappresentano un’importante misu- ra preventiva contro gli effetti dei cambiamenti climatici; questa metodologia, rispetto al metodo MIYAWAKI clas- sico, ha avuto il vantaggio di essere a più basso costo e più adatta agli attuali contesti economici e sociali. Il punto debole che dovrà essere invece affrontato in fu- turo sarà la possibilità di reperire materiale vivaistico di alta qualità e di provenienza locale. Un’altra esperienza con differenti modifiche al metodo MIYAWAKI classico rispetto alle precedenti è stata rea- lizzata nel 1997 nel Comune di Pattada (SS) a 760 e 885 m di quota. La vegetazione naturale potenziale era costi- tuita da leccio (Quercus ilex L.), sughera (Quercus suber L.,) roverella (Quercus pubescens Willd.) e agrifoglio (Ilex aquifolium L.). Dopo 11 anni i primi risultati hanno mo- strato un più rapido sviluppo delle specie arboree pio- niere nelle aree dove è stato usato il metodo MIYAWAKI rispetto alle tecniche di rimboschimento tradizionali (gra- doni e buche) e l’utilità della lavorazione del suolo e della pacciamatura, per contro l’alta densità iniziale d’impian- to ha creato problemi di competizione per cui si dovran- no verificare in futuro le densità ottimali per gli ambienti mediterranei. Il restauro delle foreste è previsto da varie norme a livello italiano (L. 394/1991 sulle aree protette) e internazionale (Protocollo di Kyoto, Convenzione sulla Lotta alla Deser- tificazione, Programma Strategico Forestale della Con- venzione sulla Conservazione della Biodiversità). In alcu- ne leggi e regolamenti forestali regionali si fa riferimento al ripristino dei boschi distrutti da incendi e parassiti ma con scarsa efficacia pratica. In futuro è auspicabile che una nuova politica forestale dia impulso al restauro dei boschi e dei siti degradati per i benefici che potranno ricadere su tutta la società. 2. Esempio di Active Restoration, dopo 16 anni, con metodo Miyawaki, Parco Naturale Regionale Lago di Penne. Veduta d’insieme la parte a destra più è quella restaurata quella più alta a sinistra è il bosco naturale. 3. Esempio di Active Restoration, dopo 16 anni, con metodo Miyawaki, Parco Naturale Regionale Lago di Penne. Dettagli
  • 36. 36 Le esperienze La sfida della sostenibilità: il ruolo dei seminativi Un ruolo cruciale nel processo di “inverdimento” dell’a- gricoltura potrà essere giocato dal comparto dei se- minativi le cui superfici superano i 7 milioni di ettari (il 54.5% della SAU nazionale) (quasi 830.000 aziende coinvolte, oltre il 50% di quelle censite) (Istat, 2010). Parlando di seminativi, dunque, parliamo di uno dei pi- lastri dell’agricoltura italiana che, seppur con differenze regionali più o meno marcate, ha il compito di innovar- si dal punto di vista della sostenibilità ambientale. Alle porte dell’entrata in vigore di una nuova PAC che chiede alle aziende di divenire sempre più “verdi” senza rinun- ciare alla competitività, quali soluzioni potrebbe dun- que mettere in campo il comparto dei seminativi? Una opzione potrebbe essere quella del NO TILL, una vera e propria filosofia produttiva che in Italia è diffusa più di quanto si creda. Lo dimostrano i dati censuari dell’Istat che in Italia rilevano oltre 52.000 aziende interessate alla non-lavorazione per una superficie complessiva di circa 284.000 ettari (il 4% della SAU a seminativi pre- sente in Italia) (Marandola&De Maria, 2013). No Till: un’innovazione che ha più di cinquant’anni Il No Till (detto anche Semina su sodo) è una tecnica di agricoltura conservativa che trova nell’assenza di qual- siasi forma di lavorazione preliminare del suolo (arature, erpicature, frangizollature ecc.) il suo principale punto di rottura con i sistemi “convenzionali” di agricoltura . Si esegue con speciali seminatrici e lega la sua funziona- lità a tre principi chiave: (a) la funzione delle radici (vive e morte) e della micro-fauna del terreno nella creazio- ne della porosità del suolo, (b) l’avvicendamento del- le colture, funzionale alla strutturazione del suolo e al controllo di infestanti, fitofagi e patogeni, (c) la costante copertura del terreno sia attraverso residui colturali che attraverso la coltivazione dedicata di colture di copertu- ra (cover crops). Già nel 1943 Edward Faulkner, nel suo lavoro “La follia dell’aratore”, identificava nell’aratura Esperienze di No Till sul territorio gli agricoltori diventano amici del suolo Danilo Marandola1 – marandola@inea.it 1 Inea Danilo Marandola La PAC post-2013 chiederà alle aziende agricole di divenire più “verdi”. E’ l’ultima tappa di un percorso che viene da lontano e che intende dare concreta applicazione al pilastro “verde” del concetto di agricoltura multifunzionale: l’a- gricoltore deve concorrere all’erogazione di servizi ambientali utili e importanti per tutta la collettività. Un tema molto attuale che, con la vicenda del Greening, è entrato a pieno titolo anche nel dibattito della riforma del primo pilastro PAC. Un argomento sentito dalla società che si dimostra sempre più attenta a questioni ambientali quali “lotta al cam- biamento climatico o “uso sostenibile del suolo” un tema, quest’ultimo, che sempre più attuale alla luce dei crescenti problemi di desertificazione, erosione, dissesto idrogeologico.
  • 37. 37 2 Si rimanda al sito http://www.fao.org/ag/ca/index.html) la principale causa di erosione e di degrado del suolo agrario richiamando l’attenzione (forse per la prima vol- ta) sulle tecniche di non-lavorazione del suolo. Tuttavia è solo con gli anni ’60 del XX secolo che il “sodo” inizia a diffondersi fra le aziende anche grazie allo sviluppo di conoscenze e mezzi tecnici idonei a garantire l’efficacia del sistema. Oggi il No Till è diffuso nel mondo su oltre 100 milioni di ettari (Derpsch et al., 2010), nelle regioni agricole più competitive come USA, Canada, Argentina, Australia, Brasile, ma anche in regioni con necessità di sviluppo (non a caso la FAO dedica all’agricoltura con- servativa un filone di attività)2 . Di necessità virtù: sostenibilità genera competitività Il No Till permette di contenere le emissioni dirette e indirette di CO2, di accumulare sostanza organica nei suoli, di ridurre fino al 90% i fenomeni di erosio- ne superficiale e fino al 70% l’evaporazione dell’acqua dal suolo. Ma permette anche di ridurre del 60-80% i consumi-costi energetici diretti (carburanti e mezzi di produzione) e indiretti (consumo delle macchine e degli attrezzi) e di contrarre del 50-80% il carico di lavoro aziendale. Questi aspetti, oltre ad avere un chiaro in- teresse ambientale, offrono interessanti ricadute anche in termini di competitività aziendale, di miglioramento della qualità di vita degli agricoltori e di opportunità per l’avvio di servizi specializzati di contoterzismo e consu- lenza aziendale. L’agricoltura senza aratro: un cambio di paradigma che va oltre l’innovazione Il No Till rappresenta per gli agricoltori qualcosa di più di una “semplice” innovazione in quanto sovverte il modo tradizionale di fare agricoltura. La “filosofia” pro- duttiva proposta dal No Till, infatti, chiede agli agricol- tori di adottare nuovi paradigmi produttivi che richie- dono, a loro volta, nuove competenze e nuove capacità tecnico-professionali. Per queste ragioni il “semplice” sostegno all’adozione d’innovazioni tecnologiche può non essere sufficiente a garantire la diffusione del No Till. La “rivoluzione del sodo”, infatti, dovrebbe partire in primo luogo da una evoluzione tecnica e professionale del capitale umano rappresentato dagli agricoltori, dagli Danilo Marandola
  • 38. 38 Le esperienze agrotecnici e dai professionisti della consulenza azien- dale, figure che oggi sono chiamate ad approcciare i concetti di sostenibilità e di uso razionale delle risorse in agricoltura. Agricoltori esperti come mentori di agricoltori neofiti del sodo Cosa servirebbe allora ad un agricoltore per iniziare a fare No Till nella propria azienda? Prima di tutto acqui- sire padronanza ed esperienza con le macchine e con i concetti di base, magari partendo dalla conversione di una piccola superficie aziendale. L’agricoltore dovrebbe prepararsi (ed abituarsi) ad un piano di lavoro diverso rispetto a quello connesso al sistema convenzionale di coltivazione: meno ore di lavoro, più pianificazione e più tempo libero. Secondo la FAO (2010) è consigliabile che l’agricoltore che si avvicina per la prima volta al No Till si consulti prima con agricoltori esperti del tema e con- divida con loro esperienze e obiettivi. L’esperienza di un agricoltore che lavora da anni con questo sistema, in- fatti, può fornire importanti indicazioni sui fattori-chiave della buona riuscita e sugli errori che devono essere evitati. Sempre secondo la FAO (2010) gli agricoltori con spirito innovativo che sono in cerca di nuove soluzioni produttive che consentano di risparmiare e accrescere il reddito aziendale sono di solito i primi ad intraprende- re il percorso di conversione e sono anche coloro che diffondono al meglio il sistema all’interno della propria comunità. Alcune esperienze in corso nel contesto ita- liano, dimostrano come gli agricoltori che adottano il no-till siano in grado di valorizzare questi aspetti grazie Danilo Marandola
  • 39. 39 alla loro particolare attitudine a fare rete e a condividere esperienze e risultati di campo (Marandola et al. 2009). L’esperienza degli Agricoltori Amici del Suolo Una esperienza concreta di condivisione delle cono- scenze sul No Till è quella di AIPAS (Associazione Ita- liana Produttori Amici del Suolo)3 , una rete di agricoltori nata nel 2005 per sperimentare, sviluppare e diffonde- re la semina su sodo sul modello di quanto viene fatto già da venti anni dall’omologa associazione argentina AAPRESID4 . AIPAS ha sede in provincia di Benevento, ma annovera decine di soci in diverse regioni del centro e del sud per un totale di oltre 6000 ettari di superfici a seminativi. AIPAS sviluppa campi pilota in cui testa soluzioni innovative di gestione del sistema No Till, or- ganizza scambi di visite aziendali e momenti di con- fronto fra agricoltori, viaggi studio all’estero, seminari tecnici e divulgativi e, soprattutto, giornate in campo. Queste ultime, in particolare, si dimostrano particolar- mente efficaci nel contribuire al processo di diffusione del know-how del sodo. In campo, infatti, gli agricoltori “novizi” hanno la possibilità di confrontarsi con agri- coltori esperti acquisendo informazioni sul come risol- vere i possibili problemi che potrebbero incontrare nel cammino di conversione.. Grazie alle giornate in cam- po, inoltre, gli agricoltori hanno la possibilità di seguire da vicino tutte le fasi colturali del sodo “toccando con mano” i risultati delle prove realizzate. Dubbi, perplessità, incertezze Per molti agricoltori che si avvicinano per la prima volta alle tecniche di non-lavorazione, i dubbi sono (giusta- mente) tanti. I maggiori sono solitamente connessi al tema del compattamento: cosa succede ad un terre- no che non viene lavorato? Non si compatta troppo? E il compattamento non aumenta nel corso del tem- po? In questo caso AIPAS ha messo a punto un pro- prio metodo di comunicazione mutuato dall’esperienza di AAPRESID: lo scavo del terreno. Durante le giornate in campo organizzate dagli agricoltori viene realizzata una trincea che permette di osservare e “toccare con mano” cosa accade nel sottosuolo dopo alcuni anni di non-lavorazione. Biopori, lombrichi, apparati radicali, parlando quasi da se, dimostrano come la tecnica (se correttamente eseguita) offre ai terreni la possibilità di strutturarsi secondo dei processi che ricalcano i feno- meni di auto-regolazione dei sistemi naturali. Se i dubbi e le incertezze sono tanti, molto più ridotta, invece, ri- sulta solitamente essere la percezione dei reali vantaggi ambientali che la tecnica consente di raggiungere. In primo luogo la riduzione dell’erosione. Anche in questo caso AIPAS ha messo a punto un proprio metodo di co- municazione mutuato, ancora una volta, dall’esperienza argentina: la simulazione di pioggia su terreno “lavo- rato” e su terreno “sodo”. Durante le giornate in cam- po, grazie all’ausilio di una macchina irroratrice, viene così simulato un violento acquazzone su due suoli che hanno caratteristiche totalmente diverse. Grazie ad un sistema di canalette, l’acqua di percolazione e ruscel- lamento viene poi raccolta in due diversi vasi di vetro. Il risultato è sorprendente: l’acqua proveniente dal ter- reno “lavorato” è molto più abbondante di quella rila- sciata dal terreno “sodo” e, per giunta, anche molto più torbida. Una manifestazione empirica che “fa toccare con mano” l’entità dell’effetto erosivo generato dalla ca- duta dell’acqua e amplificato dall’assenza di un sistema strutturato di pori filtranti che sia in grado di trattenerla e di resistere al suo effetto dilavante. 3 Si rimanda la sito www.aipas.eu 4 Si rimanda al sito www.aapresid.com.ar Letture consigliate No Till: la rivoluzione silenziosa http://download.kataweb.it/mediaweb/pdf/espresso/scienze/2008_481_8.pdf Riferimenti bibliografici Derpsch, R., Friedrich, T., Kassam, A., Hongwen, L. (2010), Current status of adoption of no-till farming in the world and some of its main benefits. International Journal of Agricultural and Biological Engineering, 3(1) FAO (2010), Basic principles of conservation agriculture. Accessed on [3/2010]. http://www.fao.org/ag/ca/] Marandola, D., Raschi, A., Vella, A. (2009), Take Care of Environment but do not Forget Farmers! Environmental Friendly Practices for a Farmer Friendly Agriculture. In Proceedings XXIII ESRS International Congress “Re- Inventing the Rural: Between the Social and the Natural Marandola, D., De Maria, M. (2013), La semina su sodo: numeri e situazione in Italia. L’Informatore Agrario n. 26/2013 Faulkner, E. H. (1943), Plowman’s Folly. Norman, University of Oklahoma Press
  • 40. 40 Le esperienze Nell’ambito del Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013 della Campania la Misura 124 “Cooperazione per lo svilup- po di nuovi prodotti, processi e tecnologie nei settori agri- colo, alimentare e forestale” è stata attivata con l’obiettivo specifico di promuovere lo sviluppo di nuovi prodotti, pro- cessi e tecnologie agevolando l’accesso ai risultati della ricerca e sperimentazione e la loro diffusione ed applica- zione, rafforzando, tra l’altro, i rapporti di cooperazione tra imprese del settore primario, industria di trasformazione e/o commercializzazione e mondo della ricerca. La dotazione finanziaria iniziale della Misura ammontava ad oltre 3 meuro che nel corso degli anni è stata aumenta- ta fino a raggiungere 10 milioni di euro a fine 2012. Oltre il 30% della dotazione complessiva ha riguardato la realizzazione degli interventi previsti dalle nuove sfide He- alth Check, in particolare il comparto lattiero caseario e sostenendo iniziative tese allo sviluppo ed alla sperimen- tazione di nuovi prodotti, processi e tecnologie per valo- rizzare le produzioni lattiero-casearie bovine. In Campania, il successo della Misura 124 si esprime at- traverso la realizzazione, a Maggio 2013, di 45 progetti ap- provati, di cui 31 con i primi tre bandi ordinari e 9 in ambito PIF su 113 istanze pervenute. Queste hanno evidenziato la grande vivacità e l’interesse degli operatori agricoli ed agroalimentari campani verso la Misura 124 consapevoli che la scarsa propensione all’innovazione ha generato un ritardo nella capacità di diversificazione delle produzioni e nell’adeguamento tecnologico e organizzativo del merca- to e che questo gap può essere superato rafforzando l’in- tegrazione tra i diversi operatori lungo la filiera ed il mondo della ricerca. 6 sono stati i progetti di innovazione che hanno riguarda- to il comparto lattiero-caseario bovino (dato aggregato a maggio 2013). Tra questi si descrive il caso NOVOROD, un progetto per la “validazione di nuove produzioni casea- rie e di alimenti zootecnici in grado di migliorare la qualità globale del nuovo sistema vacca da latte”, già selezionato come “Eccellenza Rurale” della RRN. Il progetto NOVOROD Con l’obiettivo di differenziare la produzione lattiero ca- searia nel rispetto delle antiche tradizioni locali, per mi- gliorare la competitività aziendale e ampliare lo sbocco di mercato, un gruppo di aziende del salernitano ha costitu- ito un’Associazione Temporanea di Scopo (ATS), in colla- borazione con Centri di Ricerca e Università, che ha par- tecipato alla Misura 124 Health Check del PSR-Campania 2007/2013. L’obiettivo del progetto è introdurre nuove tecnologie ed innovazioni di prodotto e di processo finalizzate alla pro- duzione di un nuovo formaggio a base di caglio vegetale e naturalmente arricchito in acidi grassi essenziali. Il progetto NOVOROD è iniziato a Marzo del 2011 e termi- nerà ad Agosto 2014. All’iniziativa hanno aderito tutti i soggetti della filiera produttiva (3 aziende agricole, 5 caseifici e 5 produttori zootecnici) che hanno messo a disposizione le strutture produttive, 4 Enti di Ricerca e l’Università degli Studi della Basilicata per la definizione e la realizzazione dello stu- dio, cui si aggiunge la Fondazione MEDES3 che opera per lo Sviluppo Sostenibile del Mediterraneo dal 2009, non- ché Promotrice del progetto e Capofila del partenariato. La Fondazione MEDES coordina e pianifica le attività del progetto, cura i rapporti con le Istituzioni ed è responsa- bile della diffusione e divulgazione dei risultati, coadiuva- ta dalla Fondazione MIdA, Musei Integrati dell’Ambiente , costituita dalla Regione Campania, Provincia di Salerno e i Comuni di Auletta e Pertosa, da sempre impegnata nella promozione territoriale. L’aggregazione tra le realtà coinvolte è avvenuta secon- do una logica ben precisa, attribuendo ai singoli soggetti ruoli e funzioni specifiche all’interno del progetto, al fine di perseguire obiettivi comuni, creare nuove opportunità di sviluppo della filiera casearia e facilitare il trasferimento delle tecnologie validate. Le aziende, eterogenee tra loro in termini di fatturato (da Progetto NOVOROD un caso di innovazione nel settore caseario Turismo sostenibile, attività agro-silvo-pastorali, artigianali e manifatturiere diversificate, sviluppo del patrimonio culturale e sostegno ai servizi essenziali, concepiti in un’ottica reticolare, di sinergie e mutualità, sono gli elementi che disegnano i profili della ruralità della montagna. Barbara Cosenza1 - cosenza@inea.it Tonia Liguori2 - liguori@inea.it 1 INEA, Rete Rurale Nazionale - Postazione Regionale per la Campania 2 INEA, Collaboratrice all’attività di ricerca (Misura 124, PSR Campania 2007/2013)
  • 41. 41 100 mila euro/anno a 3 milioni euro/anno), organizzazione (a conduzione familiare, società) e per dimensione (ma- nodopera impiegata, estensione superficie), sono tutte ubicate nel territorio del Vallo di Diano che si caratterizza per un patrimonio bovino con vacche da latte e dimensio- ne degli allevamenti superiore alla media regionale e per i molteplici caseifici gestiti da esperti “casari”. Gli Enti di Ricerca, invece, hanno già precedentemente svolto attività di studio nel settore lattiero-caseario bovino e conoscono bene la zona di produzione prescelta. Un aspetto importante di NOVOROD risiede nel fatto che, avendo coinvolto soggetti impegnati a diversi livelli all’in- terno della filiera, gli interventi di innovazione tecnologica sono stati progettati per il miglioramento di tutto il proces- so produttivo: dalla produzione delle risorse vegetali alla trasformazione, commercializzazione e trasferimento del nuovo prodotto. In realtà il processo di validazione è stato per tutti com- plesso e laborioso ma i risultati, fin dall’inizio, si sono di- mostrati interessanti e stimolanti. Fin dalle prime fasi della validazione sono stati fondamen- tali gli studi condotti dal partner scientifico CRA-ZOE ri- guardanti la valorizzazione delle risorse vegetali locali per migliorare la qualità nutrizionale del latte e la ricerca di validi mezzi di attivazione dei coagulanti vegetali, fino alla fase di collaudo della tecnologia più adatta a valorizzarne le caratteristiche. Tra le azioni intraprese, quella sui co- agulanti vegetali è risultata senza dubbio la più interes- sante in quanto ha messo in luce che per la produzione di formaggi innovativi può essere impiegato il caglio estratto da un prodotto tipico del territorio, il Carciofo Bianco di Pertosa (Presidio Slow Food). Parallelamente Università e CRA hanno svolto studi di valorizzazione sulle razze bovi- ne a maggiore attitudine casearia (Bruna e Pezzata Rossa) e hanno inserito nella razione alimentare di queste vacche alcune varietà locali di foraggio (veccia e avena), di sanse vergini denocciolate e oleaginose (lino, girasole) al fine di migliorare le qualità nutrizionali del latte. Dalla sperimentazione in campo si è passati al collaudo delle linee di produzione innovative presso i caseifici inte- ressati, specifiche per la trasformazione del latte nel nuo- vo formaggio a base di caglio vegetale. Un risultato è carcio-cacio, un formaggio prodotto da latte di vacche alimentate con una dieta arricchita di essenze vegetali della flora tipica dell’Appennino Meridionale e co- agulato con il caglio del Carciofo Bianco di Pertosa, inno- vativo non solo per le tecnologie di produzione utilizzate, ma anche dal punto di vista organolettico e nutrizionale- salutistico. Nel corso del collaudo, sono state introdotte anche nuo- ve linee di trasformazione per la produzione di formaggi spalmabili e cremosi, dall’elevato contenuto in proteine, ottenuti dalla concentrazione del siero di scarto e arric- chiti con frutti di bosco prodotti nel comprensorio degli Alburni. Un’innovazione che ha l’obiettivo di valorizzare un rifiuto della lavorazione casearia, che le aziende produ- cono in grandi quantità e smaltiscono sostenendo elevati costi, per trasformarlo in una risorsa economica. Entrambe le soluzioni proposte hanno, in termini di valore aggiunto, effetti positivi sul tessuto produttivo e sui livel- 3 Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile del Mediterraneo, per maggiori informazioni si rimanda al sito www.fondazionemedes.it 6 Per accedere al documento www.galaltobellunese.com Project Novorod, www.naturalmentearricchiti.it/
  • 42. 42 Le esperienze li occupazionali. Si è stimato infatti che l’introduzione dei formaggi con caglio vegetale determina un incremento di reddito del 15-20% per le aziende e che l’abbattimento dei costi di smaltimento dei reflui fa crescere i ricavi di un ulteriore 20-25%. La validazione ha consentito di selezionare e adottare le migliori tecniche di produzione per rinnovare il comparto lattiero-caseario e ottenere un prodotto innovativo dagli elevati standard qualitativi. Questa strategia mira anche a rafforzare l’identità e l’appartenenza ai luoghi di produ- zione, nonché a posizionare il prodotto in nuove nicchie di mercato. Al fine di ampliare gli sbocchi commerciali e far conoscere il nuovo prodotto sono state già studiate specifiche stra- tegie di divulgazione del prodotto (confezionamento ad- hoc, logo identificativo di carcio-cacio) e di informazione (incontri informativi, materiale pubblicitario). Per diffondere i risultati del progetto sono state organizza- te attività di training, sul territorio regionale che presenta caratteristiche produttive affini a quelle del Vallo di Dia- no, con l’obiettivo di raggiungere anche altri operatori del comparto interessati all’innovazione. Tra le attività divul- gative, il progetto è stato raccontato attraverso convegni ed eventi alle Istituzioni, agli imprenditori agricoli e a tutti i consumatori. Carcio-cacio è stato presentato nel corso di fiere e manifestazioni dell’agro-alimenatare, come Vinitaly, Forum PA e Salone del Gusto, dove ha superato brillante- mente i primi test di assaggio condotti con consumatori ed esperti. Nel complesso, il progetto ha portato alla validazione di un modello di ricerca, trasferimento in campo, produzione e trasformazione ad altissimo potenziale di trasferibilità al territorio. In particolare, il gruppo promotore ha istituito il Consorzio INNONATURA che, oltre a tutelare l’innovazio- ne, si occupa della promozione e valorizzazione commer- ciale del nuovo prodotto, favorisce la cooperazione tra il mondo produttivo e gli enti di ricerca, segue il prodotto dalla raccolta della materia prima alla commercializzazio- ne. È prevista anche la definizione di uno specifico Disci- plinare di Produzione, ad uso di tutti gli aderenti al Consor- zio, a garanzia di un processo e di un prodotto certificati. Conclusioni Cooperazione, aggregazione e recupero di antiche tradi- zioni casearie locali sono le caratteristiche più significative del progetto NOVOROD. Di fatto, la partecipazione al progetto da parte di aziende
  • 43. 43 casearie ha favorito la nascita di un modello per l’innova- zione della filiera produttiva che ha dimostrato che con cagli non tradizionali è possibile ottenere prodotti non an- cora presenti sul mercato, apprezzati per la qualità e per le “specifiche” caratteristiche sensoriali, legate anche alla tipicità territoriale. La costituzione del Consorzio INNONATURA può essere considerata un punto di forza del progetto NOVOROD in quanto potrà facilitare lo sviluppo di mirate politiche di di- vulgazione ed informazioni verso altri attori della filiera. Le attività della validazione sono state finalizzate a fornire all’industria lattiero-casearia una tecnologia innovativa di facile applicazione e ripetibile nel tempo, con l’auspicio che in futuro possa condurre anche allo sviluppo di un’in- dustria specializzata in coagulanti vegetali. Milena Verrascina
  • 44. 44 Le esperienzeLe esperienze Qualità delle pesche e diradamento dei frutticini Il diradamento del pesco è un intervento chiave per rego- lare l’equilibrio qualità/carico produttivo. Si programma il numero di frutti/albero per raggiungere l’obiettivo qualità nei diversi contesti colturali. A parità di qualità (contenu- to zuccherino, aromi, calibro…) in alcuni ambienti si può produrre 100, in altri ci si deve limitare a 60. Se vogliamo pesche buone tutti gli anni, non possiamo fare a meno di diradare e farlo bene. È stato finora un intervento manuale, che incide per un buon 6 – 8% sui costi di produzione. Quando si prospetta una campagna poco remunerativa, le aziende sono tenta- te di non diradare per risparmiare sui costi. Risultato: tante pesche insipide che “imballano” ulteriormente il mercato. La domanda che la filiera pesco pone alle ricerca è: c’è un modo meno costoso per regolare il numero di frutti/ramo? Per decenni la ricerca ha indagato in tutte le direzioni: dalla fisiologia, alla genomica, alle sostanze diradanti. Risultati 0. Nell’aprile 2005, il Creso saggiava in Piemonte un’attrez- zatura meccanica ideata da un frutticoltore tedesco per diradare i fiori del melo. Lavorando a fianco dei pesche- ti – che durante la fioritura del melo hanno già i frutticini – si è accesa la lampadina su come adattare il prototipo all’architettura dell’albero di pesco. Oggi il diradamento meccanico è diventato lo standard per la peschicoltura piemontese. Dal punto di vista della filiera, si è data rispo- sta alla domanda/necessità di innovazione. Dal punto di vista scientifico, si stanno ora studiando le interazioni tra i diversi tipi di flagelli e l’architettura dell’albero, tra momen- to di intervento e la qualità del frutto, etc. Una innovazio- ne, nata da un’intuizione in campo, ha dato da subito una risposta al problema, per poi coinvolgere la ricerca “alta” nella comprensione del “perché funziona” e creare le con- dizioni per ulteriori applicazioni. Innovazioni “dal basso” Innovazioni che nascono dal basso sono un vissuto fre- quente per la ricerca che si svolge a livello regionale. Nel caso del Creso – Centro di ricerca e sperimentazione per l’ortofrutticoltura piemontese, la connessione tra ricerca e professione nasce con la partecipazione societaria e finanziaria degli utenti della ricerca. Sono soci del Cen- tro, oltre agli enti pubblici, tutte le OP – Organizzazioni di Prodotto del territorio, gli attori della filiera ortofrutticola. Il coinvolgimento di chi utilizza i risultati della ricerca segna profondamente i percorsi dell’innovazione. La ricerca che si svolge al Creso, nasce da un gruppo di ricercatori che vive a stretto contatto con la filiera agroali- mentare. L’azienda sperimentale è sul territorio, il Centro è un punto di riferimento per i frutticoltori, la sperimentazio- ne spesso si svolge presso i produttori o le loro centrali di lavorazione. I temi della ricerca sono decisi non dai ricer- catori, ma da un comitato tecnico di giovani imprenditori. Tutto si gioca lì, nel rapporto tra il team di ricercatori e gli operatori: lì emerge la domanda di ricerca, si mettono a fuoco i problemi e gli obiettivi. Non è questione di un paio di riunioni l’anno e via. Il Comitato discute i lavori in corso d’opera, assiste ai risultati che vengono fuori, li discute e rimodula l’attività. Una ricerca orientata I processi di innovazione continua non possono prescin- dere da una ricerca che superi le definizioni di “applicata” o “di base”. Serve una ricerca “orientata” ai fabbisogni degli stakeholder. L’approccio consiste nell’utilizzare gli strumenti di volta in volta appropriati. Se serve un inter- vento di ricerca applicata, si allestiscono prove parcellari presso l’azienda sperimentale. Se serve una “sperimenta- zione estesa” in pieno campo, si lavora presso le aziende agricole raffrontando la tesi innovativa con il testimone aziendale. Se il problema richiede ulteriori approfondi- menti, si coinvolge la ricerca di base. Se la ricerca non serve, perché le indicazioni sono già disponibili, si passa direttamente a comunicazione e divulgazione. Il Creso ha adottato questo approccio come modus ope- randi. Ciò comporta, ad esempio, che la partecipazione a bandi di ricerca, e più in generale il fund raising viene Una ricerca orientata alla domanda di innovazione della filiera ortofrutticola l’esperienza del CReSO in Piemonte tra economia e ambiente Silvio Pellegrino1 - silvio.pellegrino@cresoricerca.it 1 CReSO – Centro ricerca e sperimentazione per l’ortofrutticoltura piemontese, Cuneo - www.cresoricerca.it
  • 45. 45 dopo la definizione del programma di lavoro: prima si de- cide cosa e come fare, poi si cercano le risorse finanziarie. Sembra un’ovvietà, ma generalmente succede il contrario: si inseguono i bandi per finanziare la struttura, trovandosi in pochi anni a fare cose che non interessano alla filiera e al territorio. Quando i problemi sono complessi, si mettono in campo più strumenti in modo coordinato. Da dove viene l’innovazione Se la ricerca è davvero orientata, l’innovazione arriva da qualsiasi direzione. Può nascere dal basso, dal contatto diretto con gli operatori. I Centri regionali possono in ef- fetti sfruttare questo fattore “prossimità”. Oppure dall’alto, dalla ricerca di base, se le Università vengono cercate e coinvolte su obiettivi chiari e misurabili. Oppure ancora “di lato”, dagli altri Centri di ricerca regionali. La parte- cipazione a reti di ricerca, sia nazionali che europee, si sta in effetti rivelando particolarmente fruttuosa. Sono un acceleratore di diffusione dell’informazione. Ma c’è di più. Si possono distribuire le prove negli ambienti più rappre- sentativi, in modo che i risultati di uno siano utili per tutti, evitando di replicare inutili prove. Oppure si può sfruttare la complementarietà degli ambienti, per ottenere informa- zioni “stereoscopiche”, che mettano in luce pregi e difetti da diversi punti di vista. Le collaborazioni che si stanno rivelando più fruttuose per il Creso sono la rete MedEx (Méditerranée Expérimenta- tion) e EUFRIN – European Fruit Research Institutes Net- work. MedEx è una rete informale di otto stazioni sperimentali frutticole delle regioni dell’arco mediterraneo, caratteriz- zate da continuità climatico-ambientale, specie e proble- matiche comuni. Voglia di lavorare insieme e di condivi- dere i risultati. Nell’ambito di questa rete si è sviluppato il metodo Alt’Carpo, barriere di reti anti-insetto che con- sentono di azzerare l’impiego di insetticidi, anche quelli “biologici”. Il Creso ha realizzato le prime prove in Italia, nelle quali sono ora coinvolti entomologi delle Universi- tà di Torino, Ferrara e Bologna per approfondire l’etologia dell’insetto, scoprendo come le reti ne disturbino l’accop- piamento. Ne sta venendo fuori un progetto avanzato per una frut- ticoltura che faccia a meno di sostanze dannose per il consumatore e per l’agricoltore, comprese quelle “natu- rali” spesso a torto considerate innocue, sostituendole con tecniche innovative a basso fabbisogno energetico. Si sta lavorando a prototipi di meleti realizzati con varie- tà resistenti ai patogeni (no antricrittogamici), protetti con il sistema alt’carpo (no insetticidi), con il manto erboso controllato meccanicamente (no diserbo), che producono frutti di qualità superiore a costi sostenibili. Flickr.com Spat
  • 46. 46 Le esperienzeLe esperienze Le divulgazioni nel sistema floricolo ligure Fiorenzo Gimelli1 - fiorenzo.gimelli@regione.liguria.it 1 Centro Servizi per la Floricoltura della Regione Liguria 2 Istituto Regionale per le Floricoltura www.regflor.it 3 Si rimanda al sito www.cersaa.it 4 Si veda il sito www.istflori.it 5 Si veda il sito www.agriligurianet.it 6 Si rimanda al sito www.distrettofloricololiguria.it 7 http://www.catalogobibliotecheliguri.it/opaclib/opac/cbl/free.jsp Nel corso degli anni si sono sviluppate iniziative editoriali interessanti in diversi campi, uno sforzo è stato compiuto dalle Università, dal CNR, dalla rete di quello che ora è il CRA (già Istituti Sperimentali) di enti regionali, e da tecnici volenterosi e qualche rara struttura sul territorio ma facen- ti parte di un contesto non organizzato. Ora è abbastanza intuitivo che in un sistema di servizi or- ganizzati, che deve essere semplice e strutturato a rete interconnessa piuttosto che lineare ed unidirezionale, non si può prescindere dalla fase che porta le informazioni alla filiera produttiva. Un esempio di sistema realmente orga- nizzato ce lo danno i nostri paesi concorrenti con i co- siddetti “Advisory System”. Nel nostro paese è successo che i cosiddetti “divulgatori”, formati a partire dagli anni ’80-’90 e che dovevano costituire l’ossatura del sistema, sono stati spostati in grandissima parte verso altre attività dalle Regioni e dalle Associazioni di Categoria. Con i PSR sono state promosse misure come la 111 sui “Progetti Di- mostrativi” e “Informazione” ma anche in questo caso si tratta di casi puramente episodici. La Regione Liguria si è posta il problema del completa- mento della Rete dei Servizi Specialistici alle aziende agri- cole e ha costituito il CSF - Centro Regionale Servizi per la Floricoltura (DGR 682/2003 e DGR 699/2004), che ha iniziato la sua attività nel 2004 con sede all’interno della struttura del Mercato dei Fiori di Sanremo. L’idea di base è stata quella di attivare una piccola strut- tura che si interfacciasse con la rete di ricerca e speri- mentazione presente in Regione (con strutture come IRF2 , CeRSAA3 di Albenga e CRA-FSO4 di Sanremo, con i Ser- vizi Specialistici regionali5 quali Agrometeo Regionale, La- boratorio Analisi, LARAF) e con il mondo della produzione sul campo, con le aziende floricole del territorio che sono ancora oltre 4.000 con una superficie inferiore ad 1ha. È evidente che nella stragrande maggioranza dei casi queste aziende, localizzate per il 95% nelle province di Imperia e Savona sede del primo distretto agricolo italiano (Il Distretto Florovivaistico del Ponente6 ), sono piccole re- altà se non piccolissime. Costituiscono una realtà solida, anche se sottoposta ad una concorrenza fortissima, con una vocazione ben precisa: fiori recisi ad Imperia e piante in vaso a Savona, ma con una scarsa attitudine a forme associative e a fare sistema tra loro. E’ necessaria quindi una rete di servizi efficienti ed attivi sul territorio. Questa è la teoria, arrivare alla pratica applicativa è molto più complesso. Consideriamo che oggi viviamo in un sistema sempre più globalizzato, con oltre 70 paesi produttori al mondo di fio- ri e piante ornamentali, e la concorrenza non è tanto tra aziende della stessa area quanto piuttosto tra tutte queste assieme contro quelle di altri sistemi produttivi. L’attività del CSF punta sia sul reperimento e la divulga- zione in modo organico di informazioni economiche (an- damenti dei mercati, conti delle principali colture floricole, etc…) che tecniche nel senso più proprio del termine. L’obiettivo fondamentale è quello di tenere un rapporto puntuale con le aziende operanti sul territorio e fare da tramite tra gli operatori della filiera, la ricerca pubblica, l’assistenza tecnica e gli altri servizi. Il CSF si è dotato di una biblioteca specialistica7 , afferente al sistema bibliotecario nazionale ed opera attraverso di- versi strumenti tra cui: 1. Club di Prodotto: che hanno lo scopo di riunire pro- duttori, vivaisti ed operatori commerciali che hanno in- teressi comuni o sono raggruppati per singole colture di interesse. Attualmente i Club sono 6: ranuncolo ed anemone, piante grasse, fronte, piante in vaso, fronde, Tradizionalmente gli aspetti del trasferimento dell’innovazione nel settore agricolo italiano sono sempre stati considerati marginali o meglio come un non problema. Si è forse pensato che tutto quanto riguardasse l’informazione tecnico- scientifica ed economica fosse lasciato alle dinamiche spontanee e alla capacità/volontà dei singoli piuttosto che alla creazione di un sistema organizzato con chi se ne occupasse in modo professionale e continuo come mission principale e non residuale.
  • 47. 47 innovazione. Si prova a mettere in atto il principio che la competizione in un sistema che funziona dovrebbe essere tra chi sa usare meglio le informazioni disponi- bili e non tra chi le possiede e chi no. 2. Sportello informativo: il CSF ha un ufficio fisico sito sul Mercato dei Fiori di Sanremo che è aperto dal lunedì al venerdì e funge da punto informativo per i produttori del settore e gli altri operatori della filiera. Questo ser- vizio viene svolto continuativamente. Generalmente si hanno circa 500 contatti l’anno con una medi di 2-3 al giorno. 3. Organizzazione di visite di aggiornamento e viaggi di studio in Italia ed all’estero: nel corso degli anni l’uffi- cio ha organizzato visite di produttori e tecnici verso le principali fiere internazionali floricole (quali IPM Essen in Germania, Hortifair in Olanda, Iberflora a Valencia) e visite presso istituti di ricerca di altri paesi (Francia, Israele, etc…) per confrontare i diversi modelli produt- tivi; il tutto con il sostegno attivo della Regione Liguria che, per i produttori, ha previsto un contributo per cir- ca la metà della spesa sostenuta. 4. Bollettino Flornews – Riviera Ligure: ogni 2 settimane viene redatta dall’ufficio una newsletter, inviata gratu- itamente via email, che raggiunge circa 5.000 opera- tori florovivaistici, tecnici, strutture di ricerca etc… in Liguria, Italia ed Estero. I liguri sono circa i 2/3. La sua caratteristica peculiare sono la puntualità e la conti- nuità; si attesta infatti sui 25-26 numeri l’anno senza interruzioni. In generale stiamo assistendo a profonde riforme a livel- lo generale nel settore. Presto arriveranno la nuova PAC ed i nuovi PSR regionali che saranno centrati sempre più sull’innovazione ed il relativo trasferimento delle informa- zioni come chiave per diventare sempre più competitivi a livello mondiale. Saremo in grado di cogliere questa sfida e di passare ad una fase pienamente operativa di questi obiettivi? Questa è la scommessa che coinvolge anche le aziende che spesso non utilizzano questi strumenti di supporto nella loro attività quotidiana. Per poter ottenere qualche buon risultato sarà doveroso che tutti facciano tesoro delle esperienze maturate in que- sti anni, partendo dalle esigenze delle aziende e non da quelle autoreferenziali dei servizi. CFS, Regione Liguria
  • 48. 48 Le esperienze Il GAL Garfagnana Ambiente e Sviluppo nasce nel 1991, alle diverse programmazioni Leader II, Leader Plus e Asse IV nel cui ambito ha gestito e finanziato investimenti per circa 32mln di € in vari settori: turismo, artigianato, sociale. Nelle sue attività il GAL ha applicato un approccio in linea con la filosofia Leader, coinvolgendo “dal basso” quanto più pos- sibile gli attori sociali, economici e pubblici. Il GAL ha lavorato provando a creare la massima sinergia riuscendo a conciliare la progettualità pubblica e le linee di azione e gli interessi di investimenti del settore economico. Nello stesso tempo sono state considerate le problemati- che sociali e culturali della popolazione locale. Le scelte di programmazione sono state fortemente condizionate dalla realtà locale, l’approccio Leader è sempre stato improntato sul miglioramento della qualità della vita della popolazione locale, tenendo in considerazione contemporaneamente l’aspetto culturale, sociale ed economico. L’obiettivo del GAL è stato quello di fornire risposte su cui creare poi modelli di sviluppo per tutto il territorio. Un al- tro aspetto importante che riguarda il metodo d’intervento utilizzato dal GAL è stato quello dell’intersettorialità, pensa- re progetti e linee di programmazione che vedessero nello stesso momento un forte coordinamento fra le attività eco- nomiche, culturali e sociali. Il territorio su cui opera il GAL ha una caratterizzazione di area montana che si sviluppa intorno alla Valle del Serchio e alla Valle della Lima, si trova a poco meno di 10 km in linea d’area dalla costa tirrenica, dalla Versilia, contemporanea- mente presenta due serie di rilievi montuosi, le Apuane e gli Appennini. Si tratta di un territorio montano con problemi strutturali tipici delle aree marginali ma caratterizzato ma caratterizzato anche da alcuni elementi storici che denotano aspetti economici forti per quello che riguarda la struttura- zione dell’area. Storicamente il legno e la pietra hanno caratterizzato questo Il metodo LEADER e il tema dell’innovazione un esempio tra le Alpi Apuane e l’Appennino Pistoiese Leonardo Masani1 – masani@inea.it Il GAL Garfagnana Ambiente e Sviluppo, attivo nell’area tra la Valle del Serchio e la Valle della Lima, ha fatto dell’inno- vazione l’elemento sostanziale delle sue strategie di sviluppo I NUMERI DEL GAL Popolazione 97.651 ab. Superficie 1.463 km2 Densità 31 ab./km2 Comuni 31 Province interessate Lucca, Pistoia 1 INEA
  • 49. 49 territorio che spazia dall’Appennino alle Alpi. Le Alpi Apuane sono conosciute per il marmo (ci sono nel territorio diverse zone estrattive e diverse attività manifat- turiere legate a questa realtà), ma il contesto territoriale nel suo insieme è fortemente caratterizzato dal bosco. Basti pensare che l’indice medio di forestazione è circa del 70% con punte anche superiori all’80%. Questo ha fatto si che ci nel tempo si sia determinato un settore produttivo lega- to all’utilizzo del bosco forte e molto diversificato tra varie zone. Questa eterogeneità, che ha rappresentato un grosso handicap per quello che è stato lo sviluppo economico del dopoguerra, nello stesso tempo oggi sta rappresentando un forte potenziale economico in cui, anche grazie all’interven- to di Leader, sono state impostate le politiche di sviluppo. Il territorio è stato soggetto a forti flussi migratori, solo negli ultimi 10 anni la tendenza demografica è stabile. Una delle priorità che ha caratterizzato le strategie di intervento del GAL è stata quella di rendere vivibili le zone più marginali, consentendo alle famiglie di continuare a vivere in queste zone pur lavorando in fondo valle. L’indice di spostamento della forza lavoro è del 48% - 50% in alcuni comuni il pen- dolarismo riguarda circa la metà della forza lavoro di alcuni comuni. Per favorire la residenza, il GAL ha proposto un ap- proccio innovativo riguardante il problema energetico: nelle frazioni periferiche l’approvvigionamento di energia per il riscaldamento ha costi molto alti. Di fronte all’enorme patri- monio boschivo e alle nuove tecnologie che oggi consento- no di utilizzare fonti rinnovabili come il legno, è stata svilup- pata una politica per la realizzazione di centrali termiche a servizio degli edifici pubblici e della popolazione residente. Questi interventi hanno consentito per abbassare il costo della vita per chi continua a vivere in queste zone, offrendo contemporaneamente le comodità che vengono offerte da- gli allacciamenti delle zone metanizzate. Nell’area apuana la pietra e in particolare il marmo ha carat- terizzato il sistema insediativo ed economico. La vallata del Serchio, invece, è stata caratterizzata anche in epoca più recente da un sistema insediativo che ruota intorno alla di- sponibilità d’acqua, vale a dire al sistema delle cartiere che ancora oggi mantengono una connotazione predominante rispetto a tutte le altre attività industriali. Nel tempo tutti que- sti settori economici sono andati in crisi, il ritiro delle parteci- pazioni statali ha creato forti problemi a livello locale a tutte le attività economiche che ruotavano attorno a questi poli generando, a partire dagli anni ’70 a una forte crisi. Questo ha favorito, da una parte, lo sviluppo di una microimprendi- GAL Garfagnana GAL Garfagnana
  • 50. 50 Le esperienze toria artigianale, turistica, agricola e agroalimentare orienta- ta a prodotti di qualità. La microimpresa, perciò, è diventata, in tutti i settori, la realtà in grado di integrare le economie familiari. L’attenzione del GAL è stata quindi rivolta alle mi- croimprese, anche in considerazione del fatto che, a livello regionale, rappresentano l’anello debole rispetto alla media e grande impresa. In particolare, il GAL ha cercato di trovare un filo conduttore che collegasse differenti ambiti sociali, culturali ed econo- mici, prendendo in considerazione l’aspetto dell’innovazio- ne come elemento sostanziale. Si è partiti dalla constatazio- ne di dover cercare sul territorio degli attori pubblici, privati, sociali che avessero in sé la capacità, le caratteristiche e la sostenibilità per introdurre elementi di innovazione di meto- do, di processo, di sistema di prodotto su problematiche di quel settore comuni in tutto il territorio Leader. Una particolare attenzione è stata rivolta ai progetti capaci di portare l’innovazione legando questo ai giovani nel setto- re dell’agricoltura. In particolare nel settore primario locale si è verificato il passaggio dell’indice di occupazione agricola da punte del 20-25% degli anni 60 agli indici attuali intorno al 4-5%. L’indice di forestazione è aumentato a scapito del- le superfici agricole coltivabili (segno di forte abbandono), l’invecchiamento dei conduttori delle aziende agricole si è manifestato in maniera eclatante negli ultimi 10 anni. La ne- cessità di portare forze nuove (non solo come età ma anche come idee e esperienze) nel settore agricolo ha spinto quin- di il GAL a verificare la possibilità di introdurre elementi di innovazione soprattutto nelle PMI. Innovazioni che hanno riguardato anche il settore turistico ricettivo (agriturismo), il sistema d’accoglienza e innovazioni tecnologiche che, pur rimanendo sperimentali e a carattere dimostrativo, fanno da stimolo al territorio e alle imprese che intendono intraprendere innovazioni. Il POLO TECNOLOGICO gestito direttamente dal GAL e sostenuto attraverso le risorse LEADER ne è un po’ la di- mostrazione. Il polo tecnologico di Gorfigliano, nel settore della pietra, introduce innovazioni nel sistema della lavora- zione, nel sistema di formazione per la lavorazione, per le imprese, per gli studenti, per i formatori. Il Polo tecnologico GAL Garfagnana
  • 51. 51 di Gorfigliano, si inserisce all’interno del progetto Garfagna- na Innovazione, voluto dall’amministrazione comunale di Minucciano e gestito direttamente dal GAL. Il progetto verte essenzialmente su tre linee guida: - un incubatore artigianale; - il centro servizi; - il polo di innovazione. All’interno di quest’ultimo, in particolare, sono presenti due isole robotizzate: una per la prototipazione ed una per la la- vorazione della pietra. Si tratta di macchinari all’avanguar- dia, capaci attraverso un laser tridimensionale, di riprendere e produrre una immagine, replicando i modelli che poi pos- sono essere rifiniti dagli artigiani locali. Dunque innovazione, manualità e artigianalità. Questo laboratorio tecnologico avanzato, ha attirato nel tempo numerose università (nazionali ed internazionali) e rappresenta un punto di riferimento anche per artisti e pro- fessionisti del settore. GAL Garfagnana
  • 52. 52 L’intervista L’innovazione nella politica di sviluppo rurale: perchè al centro del nuovo periodo? Intervista a Krijn J. Poppe1 Cos’è il Collaborative Working Group on Agricultural Knowledge and Innovation Systems (CWG AKIS) del- lo “Standing Committee on Agricultural Research” (SCAR), da quando opera, con quali ruolo e obiettivi. Il Collaborative Working Group on Agricultural Knowledge and Innovation Systems è attivo dalla primavera del 2010. È un gruppo di lavoro composto da soggetti istituzionali rappresentanti degli Stati Membri (talvolta anche dipen- denti di Istituti pubblici di ricerca) e della CE. Il gruppo di lavoro presta consulenza allo Standing Committee on Agricultural Research che è responsabile per la program- mazione della ricerca europea e dei suoi strumenti. Il la- voro del CWG è focalizzato sul ruolo del Sistema Agricolo della Conoscenza e dell’Innovazione (AKIS). Qual è stato il ruolo del CWG AKIS 2 nell’istituzione del quadro regolamentare sul PEI? Il CWG trova che le proposte regolamentari 2014-2020 siano molto interessanti. Nel suo primo Report, il grup- po di lavoro aveva evidenziato che alla base dei processi innovativi ci sono essenzialmente due tipi di ricerca: (1) la ricerca guidata dalla scienza (science-driven research), sviluppata su temi nuovi e ad lato valore scientifico (ad esempio, ICT e nanotecnologie) per affrontare le sfide sociali relative alla sicurezza alimentare e più in generale alle aree rurali. Il secondo tipo di ricerca ha un approccio diverso, di tipo bottom-up, in cui i problemi attuali sono il punto di partenza di percorsi innovativi (sociali, aziendali, di filiera) derivati dal contributo della ricerca. L’EIP è un chiaro esempio del secondo tipo di ricerca. Il ruolo del CWG è principalmente quello di discutere su come l’EIP possa essere messo in pratica negli attuali sistemi agricoli della conoscenza e dell’innovazione degli stati membri e come essere attuato in sinergia con il programma quadro europeo della ricerca Horizon 2020. Quale può essere il ruolo del CWG AKIS 2 (o anche di un possibile CWG AKIS-3) nel prossimo periodo di programmazione? Quali potranno essere i legami con i Network dell’EIP istituti a livello europeo e negli stati membri e le differenze dei loro possibili ruoli? Entro il 2013 pubblicheremo un report sui temi della re- lazione tra EIP e Horizon 2020 e su come l’innovazione implementata nelle aziende possa varcare i confini dei singoli Stati membri. Questi temi meritano approfondi- menti ancora in corso, sui quali si potrà ritornare nel contesto del CWG AKIS 3, che si pensa di costituire nel 2014. Altri temi ai quali sarà senz’altro opportuno prestare attenzione nei prossimi anni riguardano l’im- plementazione dei programmi europei e la loro rela- zione con altri strumenti di programmazione congiunta della ricerca europea, come quella degli ERA-net. Le sfide sono tante e occorrerà trovare nuove soluzioni alla scarsezza delle risorse finanziarie a disposizione. 1 Krijn J. Poppe, esperto di Innovazione e docente presso LEI Wageningen UR, l’abbiamo incontrato lo scorso settembre durante la riunione del Gruppo di Lavoro della DG Research-AKIS (Agricoltural Knowledge and Innovation System) mentre era in corso una discussione proprio sul futuro dell’AKIS. http://blog.bergheil.it/
  • 53. 53 Nel contesto dell’Unione Europea emergono percor- si comuni di evoluzione dei sistemi agricoli nazionali della conoscenza e dell’innovazione? E quali sono le differenze più evidenti? R) All’interno dell’UE ci sono certamente delle tendenze co- muni a tutti e le distanze tra AKIS nazionali vanno sempre più riducendosi. Quindi direi che attualmente è possibile constatare un trend che va in direzione di un percorso co- mune agli Stati dell’UE. Questo è certamente anche frutto della loro collaborazione a livello europeo. È pur vero che, i sistemi sono evidentemente legati alla storia dei singoli stati e forgiati dalle loro diversità culturali e istituzionali. Ad esempio, alcuni Stati membri mantengono ancora si- stemi nazionali dei servizi pubblici all’agricoltura, mentre altri li hanno privatizzati. Anche il ruolo delle aziende nei programmi di ricerca è diverso fra gli Stati membri dell’UE. Questa diversità sarà molto importante e andrà monitorata nell’esecuzione dei programmi dei prossimi anni. Secondo lei, qual è l’anello più debole comune ai si- stemi nazionali della conoscenza e dell’innovazione e quali sono le sue debolezze. R) In generale, molti soggetti coinvolti nell’AKIS stanno facendo un buon lavoro, anche se i loro legami sono tal- volta deboli e poco gestiti. Per esempio, molte Universi- tà svolgono un lavoro importante e di valore, in termini di educazione, produzione di paper scientifici e numerosità delle citazioni raccolte. Tuttavia, il loro legame con i ser- vizi pubblici di assistenza tecnica e di consulenza sono talvolta quasi del tutto assenti. Ci sono anche dei blocchi tra paesi. Per esempio, la collaborazione tra paesi dell’est e dell’ovest europei non sono sempre scontati. Vede una qualche differenza tra i percorsi di evoluzio- ne degli AKIS europei e quelli di paesi terzi che sono partner commerciali e concorrenti dell’EU, come l’A- frica e gli Stati Uniti? Questa è una bella domanda, di cui non si è mai discusso nel gruppo di lavoro. Io sono a conoscenza di similitudini nei percorsi avviati in alcuni paesi latino americani, come l’Argentina, il Cile e il Messico. L’OECD ha anche orga- nizzato dei momenti di confronto sulla questione. Questa potrebbe anche essere oggetto di approfondimento nel prossimo gruppo di lavoro AKIS-3. Vincenzo Carè Si ingrazia Simona Cristiano che ha curato la traduzione
  • 54. 54 La Rete Informa Nell’ambito di tale azione è stata svolta una costante attività di affiancamento delle Regioni che è consistita soprattutto nell’analisi delle criticità e delle problemati- che di attuazione del Sistema di consulenza aziendale istituito con la Riforma di medio termine della PAC. La consulenza, infatti, è essa stessa un importante stru- mento di trasferimento e diffusione delle innovazioni. A tal proposito il MIPAAF e le Regioni hanno sottoposto alla Commissione europea alcune proposte di modifica dei contenuti e degli strumenti delle Misure 111 (Informa- zione e formazione ), 115 (Avvio dei servizi di consulenza) e 114 (Utilizzo dei servizi di consulenza) per renderne più efficace l’operatività fra i quali anche l’allargamento dei contenuti del servizio a tutti gli ambiti di interesse delle imprese e l’inserimento degli interventi di consulenza e di innovazione fra gli strumenti trasversali di sviluppo. Come riportato in più di un articolo del presente Magazi- ne, la programmazione 2014 -2020 ha fatto proprie molte delle osservazioni italiane. Inoltre la RRN è stata molto attiva nella fase di imple- mentazione delle nuove politiche nello svolgere attività di analisi delle proposte di regolamento con particola- re riferimento al nuovo ruolo rivestito dai temi della co- noscenza e dell’innovazione e azioni di animazione e di confronto fra le istituzioni coinvolte per verificare even- tuali elementi problematici. In quest’ultima fase si segnalano in particolare la presen- za di referenti della RRN in numerosi seminari e riunioni di approfondimento sui temi dell’innovazione e del suo ruolo nelle politiche di sviluppo rurale alla vigilia dell’ap- provazione dei nuovi PSR. Sempre nell’ottica di fornire agli stakeolder elementi di informazione utili a program- mare i prossimi interventi, è stato realizzato dall’INEA – Gruppo di lavoro Sistema della Conoscenza in Agricol- tura – nell’ambito delle attività della Rete un Rapporto, in corso di stampa, dal titolo “ Il sistema della ricerca agri- cola in Italia e le dinamiche del processo di innovazione” che descrive i principali soggetti del sistema italiano di R&S per l’agricoltura e analizza alcuni percorsi emble- matici di diffusione delle innovazioni. Il Sistema della Ricerca Agricola e il ruolo della Rete Rurale Nazionale 1 INEA Anna Vagnozzi – vagnozzi@inea.it La Rete Rurale Nazionale ha avuto sempre attenzione nei riguardi dell’ambito dell’innovazione sia perché è un tema centrale per l’Iniziativa comunitaria Leader sia perché l’attuale programma di attività prevede alcune linee di azione specifiche fra le quali la 3.2.1. ”Supporto orientato alla promozione di servizi a favore degli operatori rurali”.
  • 55. 55 Danilo Marandola
  • 56. 56 GoodNewsGoodNews La rete nazionale di monitoraggio apistico il progetto BeeNet Marco Lodesani, Laura Bortolotti, Piotr Medrzycki1 - segreteria.api@entecra.it Franco Mutinelli, Albino Gallina, Anna Granato, Maria Augusta Bozza2 - comunicazione@izsvenezie.it Claudio Porrini, Fabio Sgolastra, Stefano Draghetti, Mariateresa Renzi, Simone Tosi3 - distal.dipartimento@pec.unibo.it Angelo Libertà, Susanna Spiombi, Alessandro Risa4 - info@sin.it 1 Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura (CRA), Unità di ricerca di Apicoltura e Bachicoltura, Bologna – http:// sito.entecra.it/portale/cra_dati_istituto.php?id=245 2 Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Venezie, Centro di Referenza Nazionale per l’Apicoltura, Legnaro (PD) - www.izsvenezie.it 3 Dipartimento di Scienze Agrarie, Alma Mater Studiorum, Università di Bologna, Bologna - www.unibo.it 4 Sistema Informativo Nazionale per lo sviluppo dell’agricoltura, Roma - www.sin.it 5 Si rimanda al sito www.reterurale.it/apenet 6 Medrzycki et al., 2010; Pochi et al., 2010; Marzaro et al., 2010; Costa et al., 2011; Nazzi et al., 2011. Introduzione Da ormai diversi anni, in numerosi paesi europei ed ex- traeuropei vengono segnalati eventi anomali di mortalità o di spopolamento di famiglie di api, che in talune circo- stanze hanno assunto dimensioni preoccupanti. Le cau- se sembrano essere molteplici e, nonostante i numerosi studi, un fattore scatenante non è ancora stato indivi- duato. Le attuali ipotesi sulle cause prendono in con- siderazione l’infestazione da varroa, patologie nuove o emergenti, come Nosema ceranae (Higes et al., 2008) o il virus israeliano della paralisi acuta delle api (IAPV) (Cox- Foster et al., 2007), avvelenamenti da pesticidi, sia quelli utilizzati per la protezione delle colture, sia per il controllo dei parassiti dell’alveare, fattori ambientali di stress, tra cui la carenza o il basso valore nutrizionale di polline e nettare di alcune colture, la siccità, le pratiche apistiche errate o quelle logoranti, come il nomadismo. In Italia le prime segnalazioni degli apicoltori riguardo a morie di api e spopolamenti di alveari risalgono al 1999 e sono proseguite, con esiti diversi nelle diverse annate, fino al 2007. Nella primavera del 2008, il fenomeno delle mortalità primaverili ha registrato una brusca impenna- ta. In seguito a ciò è stato organizzato, da parte di al- cune regioni italiane a vocazione maidicola, Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna, Veneto e Friuli Venezia Giu- lia, durante il periodo della semina del mais, un moni- toraggio ufficiale che prevedeva il sopralluogo da parte dell’autorità veterinaria in seguito alla segnalazione e la raccolta di campioni per le analisi patologica e dei neoni- cotinoidi usati nella concia del mais. Questa iniziativa ha portato ad acquisire dati che suggeriscono una relazione tra semina di mais conciato e mortalità delle api (Saba- tini et al., 2008; Porrini et al., 2009). Grazie a questi dati e alla mobilitazione delle Associazioni degli apicoltori, il Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali, di concerto con il Ministero delle Politiche Agricole Ali- mentari e Forestali (MiPAAF), ha emesso nel settembre 2008, la prima ordinanza di sospensione cautelativa de- gli insetticidi usati nella concia delle sementi (clothiani- din, thiamethoxam, imidacloprid e fipronil). Parallelamente, nel marzo 2009, il MiPAAF ha finanzia- to il progetto di ricerca ApeNet (Monitoraggio e ricerca in apicoltura)5 il cui obiettivo era indagare le cause del- le anomale mortalità di api, con un particolare riguardo agli effetti della dispersione di polveri durante la semina di mais conciato (Bortolotti et al., 2009). I risultati otte- nuti dal progetto (consultabili sul sito della Rete Rurale in nota 5) e il miglioramento della situazione di mortalità negli anni di sospensione dei prodotti usati per la con- cia del mais, ha portato alla proroga della sospensione negli anni successivi, fino alla richiesta di una moratoria, avanzata nello scorso gennaio 2013 dalla Commissione Europea, allarmata dalla relazione dell’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA) sugli effetti di questi principi attivi verso le api, ma che tuttavia non ha ricevu- to, nella recente votazione del 15 marzo 2013, una rispo- sta definitiva da parte degli Stati Membri. Tuttavia, i fenomeni di mortalità e di spopolamento degli alveari degli ultimi anni non sono stati rilevati solamen- te nel periodo primaverile durante le semine e in zone a vocazione maidicola. A partire dall’inverno 2006-2007 e con una notevole variabilità nei diversi anni e nelle diver- se zone, in Italia e in Europa si sono registrati fenomeni di mortalità invernale mai registrati sino ad ora con pic- chi di mortalità del 90-100%. Le principali cause di moria sembrano essere dovute all’acaro varroa ed ai patogeni ad esso associati. Grazie al progetto ApeNet alcune del- le cause di mortalità hanno trovato una seppur parziale risposta6 .
  • 57. 57 7 Sostituisce l’Allegato I della Direttiva 91/414/EEC sulla messa in commercio dei prodotti fitosanitari, prescrivendo l’istituzione di programmi di monitoraggio atti a verificare la reale esposizione delle api ai prodotti contenenti neonicotinoidi 8 Si rimanda al sito www.cra-api.it Fotolia Allo scopo studiare e monitorare il fenomeno delle mor- talità di api nel suo complesso, nell’ambito del progetto ApeNet era stata istituita in tutto il territorio nazionale una rete di monitoraggio costituita da postazioni di apiari dislocati nelle diverse regioni italiane (Porrini et al., 2008; Mutinelli et al., 2010), la cui funzione era la raccolta di informazioni sullo stato di salute delle famiglie di api che la compongono, attraverso vari rilevamenti e periodiche analisi di laboratorio sulle matrici apistiche (anche questi risultati sono consultabili sul sito della Rete, nota 5). Al termine del progetto ApeNet, nel settembre 2011, con- siderata la validità dello strumento messo in atto e fa- cendo seguito alle indicazioni della Direttiva Comunitaria 2010/21/EU del 12 marzo 20107 , il MiPAAF ha deciso di portare avanti l’esperienza della rete di monitoraggio, at- traverso il finanziamento del progetto “BeeNet: apicoltu- ra e ambiente in rete”. Il progetto BeeNet BeeNet è un progetto nazionale finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole e Forestali nell’ambito del Programma della Rete Rurale. Il progetto comprende una rete di monitoraggio nazionale e una Squadra di Pronto Intervento Apistico (SPIA). La rete di monitoraggio BeeNet è stata attivata nel settembre 2011, a partire dalla preesistente rete di monitoraggio ApeNet, creata già nel 2009, con un notevole ampliamento nella copertura del territorio italiano. La rete è poi affiancata dalla SPIA, uno strumento operativo che permette di registrare gli eventi anomali di mortalità o spopolamento che avvengono negli alveari che non fanno parte della rete, e di intervenire direttamente sul luogo e in tempo reale. Le attività della rete di monitoraggio e della SPIA sono ge- stite da un coordinamento nazionale composto dai ricer- catori di tre istituzioni italiane: il Consiglio per la Ricerca e la Sperimentazione in Agricoltura - Unità di Ricerca di Apicoltura e Bachicoltura (CRA-API)8 ; l’Istituto Zoopro- filattico Sperimentale delle Venezie - Centro di referen- za nazionale per l’apicoltura; il Dipartimento di Scienze Agrarie - Università di Bologna. Il compito del coordina- mento nazionale è quello di organizzare e supervisiona- re il funzionamento della rete - coordinando l’attività dei moduli regionali e dei loro referenti e di portare avanti le attività della SPIA. Nel coordinamento nazionale è inol- tre coinvolto il SIN, che ha sviluppato e messo a punto il sistema informativo del progetto BeeNet, che controlla il processo di registrazione ed elaborazione dei dati, fina- lizzato anche alla produzione di statistiche geografiche. Inoltre, per ogni regione italiana, è stato nominato uno o più responsabili istituzionali, che fanno capo al Ministero dell’Agricoltura o della Salute o ad altre Istituzioni (es.
  • 58. 58 GoodNews Istituti Zooprofilattici Sperimentali); queste figure colla- borano con il coordinamento nazionale nella gestione del progetto a livello regionale, vengono coinvolte nei processi decisionali relativi all’implementazione della rete nella loro regione e sono tenuti al corrente delle si- tuazioni di mortalità e degli eventuali interventi SPIA che avvengono nel territorio di loro competenza. Un comitato nazionale di progetto, formato dai rappre- sentanti del MiPAAF, della Rete Rurale, del Ministero della salute, del CRA sede centrale, delle Associazioni degli apicoltori e delle Amministrazioni regionali, oltre alle quattro istituzioni (CRA-API, IZS-VE, UNIBO, SIN), ha il compito di esaminare lo stato di avanzamento della rete, il buon funzionamento della base informatica e del sistema delle segnalazioni; il comitato si riunisce almeno una volta all’anno per valutare e discutere i dati raccolti e definire eventuali modifiche al progetto, qualora neces- sario. Al comitato tecnico del progetto BeeNet è stata affidata la progettazione e lo sviluppo di servizi web dedicati al monitoraggio apistico-ambientale. Il sistema informativo BeeNet9 fornisce al gruppo di coordinamento naziona- le, ai referenti di modulo e ai responsabili regionali del progetto BeeNet servizi operativi per l’inserimento, l’ar- chiviazione e la consultazione sia dei dati rilevati nelle postazioni di monitoraggio e sia delle analisi di laborato- rio eseguite sui campioni di varie matrici prelevati dagli alveari (api morte, api vive, covata, miele, cera e polline). Il sistema informativo BeeNet utilizza l’infrastruttura del Sistema Informativo Agricolo Nazionale e, di conseguen- za, accede alle Basi Dati Agronomiche e Territoriali del SIAN per acquisire dati agronomici e ambientali dei siti geografici nell’intorno delle postazioni di monitoraggio (Fascicolo Aziendale, Rilievi Agronomici, Rete Agrome- teorologica Nazionale, ecc.). Il nucleo del BIS è una Base Dati Georiferita, ciò permette di archiviare e successi- 9 BIS-Beenet Information System 10 Si rimanda al sito http://www.reterurale.it/api). BeeNet
  • 59. 59 vamente elaborare i dati raccolti tenendo conto della lo- calizzazione geografica (la posizione è determinata dalle coordinate geografiche: longitudine e latitudine) e dell’i- stante temporale di rilevazione (data e ora). Alla Base Dati del BIS accedono i processi di estrazione, d’inter- rogazione e di elaborazione dati rispettivamente per ali- mentare il sistema GeoDataWarehouse, per calcolare le statistiche geografiche delle variabili apistico-ambientali riferite a un dominio geografico e un periodo tempora- le e per comporre tabelle analitiche e mappe tematiche. L’uso dei servizi BIS è consentito ai soli utenti registrati nel SIAN e possono essere attivati dal portale della Rete Rurale Nazionale “SOS api”10 . La rete nazionale di monitoraggio La creazione di una rete di monitoraggio nazionale che copra aree geograficamente diverse di ciascuna regione è uno strumento essenziale per raccogliere informazioni sullo stato di salute dell’apicoltura italiana. Seguendo la struttura già impostata con il progetto ApeNet, la rete BeeNet è organizzata in moduli, composti da 5 apiari di 10 alveari ciascuno. Tuttavia la rete ApeNet (2009-2011) era costituita da 28 moduli corrispondenti a circa 1.350 alveari, mentre con il progetto BeeNet il numero di mo- duli è stato portato a 63, per un totale di 303 apiari (po- stazioni) e circa 3.000 alveari, distribuiti in tutte le regioni italiane. Ciascun modulo è gestito da un referente che ha il com- pito di eseguire le 4 visite previste nel corso dell’anno: la prima alla fine dell’inverno, la seconda fra primavera ed estate, la terza alla fine dell’estate, la quarta prima dell’invernamento. In corrispondenza di ciascuna visita, vengono rilevati dati ambientali e dati apistici, mentre nel primo e nel terzo controllo si procede al prelievo di ma- trici dell’alveare [pane delle api (beebread) e api vive] per eseguire analisi chimiche (pesticidi), patologiche (Nose- ma, virus e Varroa) e nutrizionali (proteine grezze del bee- bread). Oltre alle analisi di routine già citate, nel caso di evidenti sintomatologie si eseguono campionamenti ag- giuntivi indipendentemente da quelli già calendarizzati e le necessarie analisi di approfondimento. I risultati otte- nuti nell’ambito della rete di monitoraggio sono pubblicati attraverso un bollettino trimestrale predisposto mediante il sistema GeoDataWarehouse (GeoDW) e disponibile nel portale della Rete Rurale Nazionale “SOS api”. Il sistema GeoDW è utilizzato per produrre automaticamente tabel- le, grafici e mappe tematiche che vengono pubblicate nel bollettino. Attraverso la rete BeeNet è stato possibile procedere ad indagini su alcuni agenti di malattia delle api nell’ambito della rete di monitoraggio BeeNet e nello stesso tempo sono state raccolte le segnalazioni di episodi di mortali- tà/spopolamento pervenuti alla Squadra di Pronto inter- vento Apistico (SPIA). In particolare nel 2009, con l’avvio della rete di monito- raggio nazionale ApeNet, è stato realizzato e diffuso un questionario/scheda di segnalazione da compilarsi a ca- rico degli apicoltori in caso di mortalità o perdita di alve- ari, che in taluni casi poteva essere seguito anche dall’i- spezione diretta dell’apiario colpito. A partire dal 2010 questo sistema è stato potenziato con l’istituzione della Squadra di pronto intervento apistico (SPIA), sviluppata nell’ambito del Progetto BeeNet. Lo scopo di questo sistema è: 1) integrare i questionari e la rete di monitoraggio nazionale; 2) studiare gli eventi di mortalità delle api e perdita di colonie quando le cau- se sono difficili da identificare e 3) analizzare l’evento in tempo reale, quando il fenomeno è ancora in atto. Questi obiettivi vengono raggiunti tramite l’intervento su chiamata, che consiste nell’ispezione diretta dell’apiario, a seguito della segnalazione da parte dell’apicoltore di un danno sulle sue colonie. Ogni apicoltore italiano può accedere a questo servizio attraverso un sito web dedicato o contattando diretta- mente il coordinamento SPIA via telefono, fax o e-mail. Nella prima metà del 2012 sono pervenute 22 richieste di intervento, 12 dal nord Italia, 3 dal centro e 7 dal sud. In 9 di questi casi la mortalità è risultata dovuta all’esposizio- ne ad agrofarmaci, mentre in 2 casi a condizioni patolo- giche critiche. In tutti gli altri casi si ipotizza che il declino della colonia sia stato causato dall’interazione di questi due fattori di stress. In 26 campioni (corrispondenti al 73% dei campioni positivi) sono stati trovati residui di 22 principi attivi: 13 insetticidi, 6 fungicidi e 3 erbicidi. In 4 casi è stata osservata la presenza di covata liquefatta, con caratteristiche sintomatiche di peste. Il servizio SPIA è di recente sviluppo e pertanto necessita di ulteriore promozione tra gli apicoltori. BeeNet
  • 60. L’argomento PIANO STRATEGICO PER LO SVILUPPO RURALE L’AGRICOLTURA A BENEFICIO DI TUTTI RETE RURALE NAZIONALE 2007-2013 Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Dipartimento delle politiche competitive del mondo rurale e delle qualità Direzione generale della competitività per lo sviluppo rurale Via XX Settembre, 20 00187-Roma “Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale: l’Europa investe nelle zone rurali”