Per una proposta estesa di metodologie di rilievo dei consumi di suolo in Italia: dimensioni e indicatori
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Per una proposta estesa di metodologie di rilievo dei consumi di suolo in Italia: dimensioni e indicatori

on

  • 816 views

Per una proposta estesa di metodologie di rilievo dei consumi di suolo in Italia: ...

Per una proposta estesa di metodologie di rilievo dei consumi di suolo in Italia:
dimensioni e indicatori

Alessandra Ferrara, ISTAT “Ambiente Urbano e Paesaggio” - Servizio Stato dell’ambiente

Intervento del 27 SETTEMBRE 2013 AL CONVEGNO "LA MISURAZIONE DEL CONSUMO DI SUOLO ALLA SCALA NAZIONALE"

Originale scaricabile http://www.consumosuolo.org/Images/Pubblicazioni/CRCS_presentazioni26.09.13.rar

Statistics

Views

Total Views
816
Views on SlideShare
459
Embed Views
357

Actions

Likes
0
Downloads
2
Comments
0

2 Embeds 357

http://cascinazerbone.wordpress.com 355
https://cascinazerbone.wordpress.com 2

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Per una proposta estesa di metodologie di rilievo dei consumi di suolo in Italia: dimensioni e indicatori Per una proposta estesa di metodologie di rilievo dei consumi di suolo in Italia: dimensioni e indicatori Presentation Transcript

  • Alessandra Ferrara, ISTAT “Ambiente Urbano e Paesaggio” - Servizio Stato dell’ambiente Per una proposta estesa di metodologie di rilievo dei consumi di suolo in Italia: dimensioni e indicatori CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • Consumo di suoli rilevanza ambientale, sociale ed economica  La dispersione insediativa che si è andata affermando come forma di urbanizzazione prevalente nel nostro Paese rappresenta un modello poco sostenibile dal punto di vista ambientale ed economico  Sottrae territori destinati ad altri usi o con diversa vocazione (naturali o agricoli) e, dal punto di vista della qualità della vita dei cittadini, riduce l’accessibilità individuale ai servizi.  Depaupera le valenze paesaggistiche dei luoghi compromettendone i caratteri storici tradizionali e inducendo una progressiva riduzione del radicamento culturale delle persone rispetto ai luoghi che abitano. CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • Consumo di suoli - Tassonomie  Una definizione univoca di “consumo di suolo” è di difficile proposizione.  utile la ricerca di una (o più) possibili categorizzazioni: molteplici forme → tecniche di misurazione differenti → definizione il più possibile puntuale degli ambiti di applicazione.  In linea generale il concetto di “consumo” viene associato alla condizione negativa di uso inefficiente (abuso) della risorsa suolo, inteso più come “spazio” occupato e sottratto a diversa originaria vocazione, prevalentemente agricola o naturale. CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • Consumo di suoli – Classificazione secondo i drivers 1  ogni superficie sottratta a precedente utilizzo agricolo o naturale è una forma di consumo ma  in funzione della nuova destinazione d’uso e della nuova copertura gli impatti sono molto diversi  devono essere misurati con differenti approcci per quantificare: - perdita delle caratteristiche naturali del suolo - perdita di spazio libero.  l’occupazione fisica dello spazio ha immediate ricadute sulla qualità dei suoli  la progressiva degradazione della qualità induce processi di trasformazione degli usi che a loro volta incentivano l’occupazione degli spazi, secondo una retroazione negativa che autoalimenta il fenomeno. CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • 1) forme di ampliamento “compatto” del margine del centro urbano 2) sviluppo di aree edificate residenziali “disperse” profondamente differenti dal tessuto urbano centrale (sprawl) 3) sviluppo delle reti infrastrutturali, di comunicazione viaria e ferroviaria e della trasmissione energetica 4) insediamenti componente terziaria/servizi e industriali extra-urbani 5) insediamenti industriali in ambito urbano Consumo di suoli – Classificazione secondo i drivers 2 CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • - Il contrasto al fenomeno è compromesso dalla scarsa attenzione dedicata dalle amministrazioni agli strumenti di programmazione e gestione territoriale: - minore efficacia nel contenimento del fenomeno - maggiore varietà delle forme in cui si esprime - carenza dei controlli alimenta il proliferare di “micro consumi” ad elevata dispersione territoriale - nell’ottica dell’individuazione di fonti e strumenti utili alla quantificazione del fenomeno, complicazione del quadro: • manifestazioni che tipicamente sfuggono ai rilevi cartografici in relazione alla dimensione minima dell’unità areale mappabile • costantemente sottostimate anche nelle rilevazioni campionarie. Criticità nella misurazione La “giungla” della pianificazione e gestione dei territori CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • Misurare gli impatti: criticità legate all’accuratezza geometrica 1) Aree densamente edificate  Semi saturazione del suolo naturale e pressoché completa impermeabilizzazione delle superfici interessate (soil sealing)  ricadute sulle caratteristiche originarie delle aree circostanti comparativamente molto contenute 2) Sprawl urbano  consistente compresenza di costruzioni e di aree verdi e parziale persistenza delle caratteristiche naturali dei suoli interessati  parte consistente delle superfici intercluse sottratta alla originaria vocazione  parcellizzazione e frammentazione degli spazi  compromissione destinazione produttiva agricola e delle valenze naturali (biodiversità) DIFFERENTI GRADO di COMPROMISSIONE CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • - Depauperamento delle valenze naturalistiche - Depauperamento delle valenze paesaggistiche - …… di più difficile quanti/qualificazione, ma non meno rilevante in termini di estensione e irreversibilità degli impatti Misurare gli impatti: criticità connesse alla valutazione di scale qualitative 3) CONSUMO QUALITATIVO CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  •  Contributi alla misurazione del fenomeno possono essere indirettamente derivati dalla stima delle pressioni e degli impatti che si rilevano sul territorio, procedendo a quantificazioni dei costi economici e sociali • stima dell’aumento del costo della fornitura di infrastrutture e di servizi • quantificazione della crescita della congestione sulle reti e costi esterni ambientali • analisi comparata del “peso” della governance • valutazione dell’incremento del rischio di dissesto idrogeologico connesso all’alterazione delle valenze dei suoli naturali • quantificazione della perdita di biodiversità, suoli naturali, altri parametri delle alterazioni ecosistemiche • determinazione del depauperamento delle valenze paesaggistiche dei luoghi e della compromissione dei loro caratteri storici tradizionali • misura dello scollamento del radicamento culturale delle persone rispetto ai luoghi che abitano o forme di emulazione delle violazioni (abusivismo) in condizioni di diffuso non rispetto di norme Consumo di suoli Misure degli IMPATTI CORRELATI CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • Sintesi dei principali problemi aperti  Definizioni: condivise e univocamente applicate di indicatori utili alla misurazione delle differenti componenti di consumo - diretto e indiretto  Metodologie: tecniche di indagine e misurazione degli stock, individuazione dei punti benchmark, misurazione dei flussi, stime …  Governance: - interazioni livello politico – livello tecnico - frammentazione ruoli a livello nazionale e pluralità di competenze - attori del monitoraggio indipendenti dagli responsabili delle scelte della pianificazione  Compliance standard internazionali, produzioni armonizzate (Eurostat, DG Agri, DG Env, JRC, FAO….) CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • L’Istat nel dibattito nazionale  Ddl governo - una premessa e due considerazioni: • giudizio positivo sull’approccio che considera in un’unica formulazione sia la componente delle aree agricole sia quella delle aree urbane • modalità di monitoraggio e controllo del fenomeno: - condivisibile elenco di fattori da considerare ma non accompagnato da effettiva valutazione di fattibilità (individuazione/disponibilità di fonti) - non puntuali definizioni per la terminazione di alcuni stock (“aree agricole”, “aree già interessate da processi di edificazione, ma inutilizzate o suscettibili di rigenerazione, recupero, riqualificazione”) • non contrasto della parcellizzazione territoriale negli strumenti di attuazione della legge (monitoraggio e contenimento del fenomeno): carenza della indicazione di una “base di partenza” univoca rispetto alla quale sviluppare le integrazioni della banca dati, le misurazioni e le azioni di monitoraggio CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • L’Istat nel dibattito nazionale  Ddl governo - una premessa e due considerazioni: • “Con deliberazione della Conferenza unificata, sono stabiliti i criteri e le modalità per la definizione dell'obiettivo di cui al comma 1, tenendo conto, in particolare, delle specificità territoriali, delle caratteristiche qualitative dei suoli e delle loro funzioni ecosistemiche, delle produzioni agricole in funzione della sicurezza alimentare, della tipicità agroalimentare, della estensione e localizzazione dei suoli agricoli rispetto alle aree urbane e periurbane, dello stato della pianificazione territoriale, urbanistica e paesaggistica, dell'esigenza di realizzare infrastrutture e opere pubbliche, dell'estensione del suolo già edificato e della presenza di edifici inutilizzati nonché dell'esposizione del territorio alle calamità naturali… Sono stabiliti, altresì, i criteri e le modalità per determinare la superficie agricola esistente e per assicurare il monitoraggio del consumo di essa” • Summa delle caratterizzazioni territoriali, degli strumenti pianificatori, delle esigenze in termini di dotazione infrastrutturale e rigenerazione urbana citati, un concentrato che coincide con i sogni di tutti gli operatori che a vario titolo si occupano di analisi territoriali, sta la forza teorica dell’impianto ma anche la debolezza intrinseca derivata dall’assenza della puntuale individuazione delle fonti e delle misure da adottare per perseguire l’obiettivo di determinare l'estensione massima di superficie agricola consumabile sul territorio nazionale e quello susseguente del progressiva riduzione del suo consumo. CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  •  I differenti approcci classificatori non confliggono ma sono tutti necessari alla caratterizzazione del fenomeno.  In tal senso le linee di analisi dovrebbero svilupparsi a) consentendo la primaria quantificazione del “consumo” in quanto tale, con la definizione di punti benchmark temporali rispetto ai quali effettuarne il monitoraggio e in base ai quali produrre analisi comparative tra territori a diversa scala territoriale b) delineando differenti filoni tematici di studio che, a partire dalle determinanti e dagli impatti del fenomeno, descrivano le ricadute in termini ambientali, sociali ed economici, secondo l’ottica integrata suggerita dalle linee guida elaborate per la proposizione delle strategie di sviluppo sostenibile. In Istat: nuovo impegno informativo CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013 In Istat: nuovo impegno informativo  luglio 2013 costituito in Istat un GdL interdipartimentale per la ”Misura e analisi del fenomeno del consumo di suolo” al fine di rispondere in forma unitaria alle richieste informative • integrando l’informazione statistica esistente, attualmente diffusa secondo indirizzi settoriali • sfruttando le sinergie derivabili dall’integrazione delle informazioni derivabili da fonte amministrativa o database cartografici • rendere disponibile in forma organica e con tempestività informazione statistica sul fenomeno dei “consumi di suolo” e di altre tematiche dell’analisi ambientale e territoriale correlate, attualmente non coperte dall’Istat, valorizzando l’apporto delle singole componenti in prodotti informativi statistici muli- tematici dedicati • favorire la condivisione delle informazioni e delle competenze, attraverso l’impiego delle professionalità presenti nelle diverse strutture dell’Istituto, nonché il raccordo delle attività con altri enti o istituzioni competenti e con il mondo accademico sulle tematiche afferenti al tema del “consumo di suolo”.
  • CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013 In Istat: nuovo impegno informativo A)ricognizione delle fonti esistenti: cartografiche, dati di stock e di flusso, con informazioni derivate da rilevazioni - censuarie o campionarie - dirette o da fonte amministrativa, e relativa produzione di stime • fonti cartografiche: Basi territoriali per i censimenti • fonti censuarie: dati sulla popolazione e sulle abitazioni necessari per l’analisi delle dinamiche insediative; risultati del censimento degli edifici (diffusione a livello di sezione di censimento); risultati dell’indagine annuale sui Permessi di costruire (che quantifica i volumi autorizzati dei fabbricati residenziali e non residenziali, di nuova edificazione come degli ampliamenti di quelli già esistenti); dati per le analisi delle transizioni dell’uso del suolo derivabili dai risultati del censimento dell’agricoltura • stime: superfici occupate da nuove edificazioni (CN); macro aggregati economici da indagini sui prezzi e sulle compravendite; sui valori di fabbricati, i valori dei terreni su cui questi insistono e dei terreni agricoli, e i relativi conti patrimoniali; sul valore aggiunto del settore costruzioni; abusivismo edilizio….
  • CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013 In Istat: nuovo impegno informativo B) costruzione del framework concettuale: definizioni delle forme del consumo di suolo, in funzione delle determinanti e degli impatti, e fenomeni correlati • rassegna critica degli approcci teorici e operativi già applicati alla misurazione del fenomeno, sia in termini quantitativi che qualitativi, in ambito internazionale e nazionale e della loro riproducibilità, tenendo conto delle potenzialità informative disponibili dell’ambito dei progetti del Programma statistico nazionale; • stesura di un progetto operativo: quadro concettuale definitorio e metodologico + valutazione delle fonti disponibili + azioni, strumenti e indicatori statistici necessari alla corretta ed esaustiva misurazione del fenomeno nelle sue diverse dimensioni + valutazione del gap informativo e proposta di possibili azioni necessarie a colmarlo. C) Output progetto operativo a) calcolo dei valori degli indicatori individuati e valutazione della loro qualità; b) lettura e analisi dei risultati ottenuti per la determinazione di una o più misure per il monitoraggio e il contenimento del fenomeno del consumo di suolo
  • CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013 In Istat: nuovo impegno informativo Possibilità di utilizzo degli aggregati economici quale set di fonti per la quantificazione delle caratteristiche del fenomeno (anche con sviluppo di indicatori proxy) in termini di volumi monetari. • Progetti correlati - In collaborazione con INU • progettazione linee di ricerca volte alla sistematizzazione delle informazioni su stato ed evoluzione degli strumenti di pianificazione urbanistica generale • inserimento di una sezione sperimentale dedicata alla raccolta dei dati (in particolare stato dei piani e volumi dell’edificato esistente) nel questionario “Ecomanagement” dell’indagine Dati ambientali nelle città rivolta ai comuni capoluogo di provincia - progetto BES • promosso in collaborazione con il CNEL: nuova dimensione (per la statistica) Paesaggio e Patrimonio culturale
  • In Istat: stato dell’arte Progetto BES (1) Indicatori di dotazione (patrimonio, policy e risorse dedicate) 1. Dotazione di risorse del patrimonio culturale 2. Spesa pubblica comunale corrente pro capite destinata alla gestione del patrimonio culturale (musei, biblioteche e pinacoteche). 3. Presenza di paesaggi rurali storici 4. Valutazione della qualità della programmazione dello sviluppo rurale (Psr regionali) in relazione alla tutela del paesaggio 5. Consistenza del tessuto urbano storico 6. Densità di Verde storico e Parchi urbani di notevole interesse pubblico Criticità e tendenze 7. Tasso di abusivismo edilizio 8. Tasso di urbanizzazione delle aree sottoposte a vincolo paesaggistico 9. Erosione dello spazio rurale da dispersione urbana (urban sprawl) 10.Erosione dello spazio rurale da abbandono Percezione 11. Persone soddisfatte della qualità del paesaggio del luogo di vita 12. Preoccupazione per il deterioramento delle valenze paesaggistiche CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • In Istat: stato dell’arte – Progetto BES (2) Erosione da urban sprawl Incidenza di regioni agrarie con anomale variazioni di popolazione sparsa (positive) e di SAU (negative) o comunque interessate da forme di urbanizzazione estensiva sul totale del territorio regionale. Erosione da abbandono Incidenza di regioni agrarie con anomale variazioni negative di SAU e popolazione sparsa e non interessate da forme di urbanizzazione estensiva sul totale del territorio regionale. CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • In Istat: stato dell’arte – Progetto BES (3) Procedura di classificazione delle unità elementari Variaz. Pcs Variaz. Sau Ab. /kmq Classi Qualsiasi ≥–10% Qualsiasi Uso agricolo del suolo stabile o in espansione (A) >10% <–10% ≤300 ab./kmq Rischio di sub- urbanizzazione Moderato (B) >300 ab./kmq  Elevato (BB) <10% <–10% >150 ab./kmq Rischio di abbandono Moderato (C) ≤150 ab./kmq  Elevato (CC) Variaz. Pcs Variaz. Sau Ab. /kmq Classi Qualsiasi ≥–10% Qualsiasi Uso agricolo del suolo stabile o in espansione (A) >10% <–10% ≤300 ab./kmq Rischio di sub- urbanizzazione Moderato (B) >300 ab./kmq  Elevato (BB) <10% <–10% >150 ab./kmq Rischio di abbandono Moderato (C) ≤150 ab./kmq  Elevato (CC)  Densità di popolazione extraurbana >25 ab./kmq  Quota di superficie urbanizzata >10% della superficie totale  Incremento di superficie delle località urbanizzate superiore di oltre 30 punti % alla relativa variazione di popolazione  Incremento della popolazione extraurbana >10% e superiore di oltre 20 punti % alla variazione della popolazione urbana Classe 1° passo Classe 2° passo Risultato BB Qualsiasi  Erosione dello spazio rurale da urban sprawlA / B / C S CC Qualsiasi  Erosione dello spazio rurale da abbandonoC X Classe 1° passo Classe 2° passo Risultato BB Qualsiasi  Erosione dello spazio rurale da urban sprawlA / B / C S CC Qualsiasi  Erosione dello spazio rurale da abbandonoC X Se almeno 2 di queste condizioni sono rispettate, l’unità è attribuita alla classe S, altrimenti alla classe X 1 2 3 CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • In Istat: stato dell’arte – Progetto BES (4) Erosione delle aree agricole da urban sprawl e da abbandono CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • In Istat: stato dell’arte – Progetto BES (5) L’erosione dello spazio rurale Una rappresentazione congiunta dei due indicatori sintetizza la diversa capacità di “resistenza” delle campagne italiane. La quota di territorio “indenne” non può tuttavia considerarsi indice di integrità del paesaggio rurale, dato che solo una parte di questo residuo conserva, nel proprio paesaggio, elementi di valore culturale CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • In Istat: stato dell’arte - Indagine dati ambientali nelle città modulo Ecomanagement (1) Sezione Strumenti urbanistici generali CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • In Istat: stato dell’arte - Indagine dati ambientali nelle città modulo Ecomanagement (2) Sezione Strumenti urbanistici generali CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013
  • CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013 Progetto Itali – Integration of Territorial And Land Information (1)  Partners: Istat, Ispra, Inea, Mipaaf, SIN  Main targets: Specifically for the Grant  Harmonise data collection methods and main land cover/use statistics produced (and disseminated) by Italian national statistical system with Eurostat-LUCAS  Produce quality statistics on LC/LU For the National Statistical System  To systematize the available sources also through a better knowledge of their technical aspects  Creating synergies between the actors involved in order to improve the integration and quality of available data  Provide operational guidance on technical standards and classifications
  • CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013 Progetto Itali – Integration of Territorial And Land Information (2)  WP1 - Analysis of the main national data sources on LC/LU  Describe the processes of production of the main domestic sources of LC / LU  Deep analysis of the classifications adopted and then highlight coherence / incoherence with international classifications  WP2 - Integration of some sources for area estimation  Produce consistent estimates on LC using LUCAS classification, at least for the regional level (NUTS2)  WP3 - Pilot data collection on LC/LU  Quality control on the estimates produced also using a pilot study on a sample area  WP4 - Integration of national sources with LUCAS  Feasibility check of integration between LUCAS and some national sources  Feasibility project and cost estimate to set up integration of sources Sources BT – Census enumeration areas (ISTAT) Popolus - Permanent Observation POints for Land Use Statistics (MiPAAF) AGRIT (MiPAAF) IUTI - Italian Land-Use Inventory (Environment Ministry) Land take & soil sealing monitoring network (ISPRA) INFC - Italian national forest inventory Others sources (GMES High-Resolution Layers, GMES Urban Atlas, Corine Land Cover, ecc.)
  • GRAZIE PER L’ATTENZIONE Alessandra Ferrara – alessandra.ferrara@istat.it tel. 06.46734963 Responsabile unità “Ambiente urbano e Paesaggio” CRCS, La misurazione del consumo di suolo alla scala nazionale - Milano 26 settembre 2013