I cataloghi delle biblioteche e il nuovo Web:  un amore impossibile? Andrea Marchitelli AIB. Sezione Sardegna Sassari & Ca...
Che cosa è una biblioteca
Che cosa è una biblioteca Raccolta
Che cosa è una biblioteca Raccolta ordinata
Che cosa è una biblioteca Raccolta libri
Che cosa è una biblioteca Raccolta altri documenti
Che cosa è una biblioteca Raccolta su carta
Che cosa è una biblioteca Raccolta diversi supporti
Che cosa è una biblioteca Raccolta disponibile
Che cosa è una biblioteca Raccolta utenza
Che cosa è una biblioteca Raccolta svago
Che cosa è una biblioteca Raccolta studio
Che cosa è una biblioteca <ul><li>Raccolta ordinata di libri e documenti su supporto diverso messa a disposizione dell’ute...
Che cosa è una biblioteca <ul><li>La biblioteca è un luogo </li></ul>
Che cosa è una biblioteca
Che cosa è una biblioteca
Che cosa è una biblioteca
Che cosa è una biblioteca
Le funzioni della biblioteca <ul><li>«Tre obiettivi fondamentali competono alla biblioteca [...] </li></ul><ul><li>Selezio...
<ul><li>Realizzare l'accesso ai documenti e al loro contenuto per mezzo delle tecniche di catalogazione </li></ul>Le funzi...
Che cosa è il catalogo <ul><li>Strumento di mediazione </li></ul>
Che cosa è il catalogo <ul><li>Rappresentazione simbolica del patrimonio della biblioteca </li></ul>
<ul><li>FRBR e Nuovi principi di catalogazione </li></ul>Si illumina la notte dei cataloghi
FRBR <ul><li>Functional requirements for bibliographic records </li></ul>Requisiti funzionali
FRBR identify find select obtain
FRBR identify find select obtain Confermare che le risorse trovate corrispondano ai bisogni di ricerca Le risorse che corr...
<ul><li>Web (e biblioteca) 2.0 </li></ul>Si illumina la notte dei cataloghi
<ul><li>Disponibilità di risorse a testo pieno e di standard di interoperabilità </li></ul>Si illumina la notte dei catalo...
Che cosa è l’OPAC <ul><li>Un database  catalografico </li></ul><ul><ul><li>Rappresentazione simbolica della biblioteca </l...
Che cosa è l’OPAC <ul><li>Un database  bibliografico </li></ul><ul><ul><li>Posseduto “virtuale”, basi di dati </li></ul></...
Quali servizi? E quali utenti? Biblioteconomia: principi e questioni . A c. di G. Solimine e P.G. Weston. Roma, Carocci, 2...
Linee guida per la visualizzazione negli OPAC <ul><li>Principi </li></ul>
Linee guida per la visualizzazione negli OPAC <ul><li>1. la supremazia assoluta  dei bisogni degli utenti </li></ul>
Linee guida per la visualizzazione negli OPAC <ul><li>2. l'importanza del contenuto e della struttura dei record nella ric...
Linee guida per la visualizzazione negli OPAC <ul><li>3. la necessità di seguire standard internazionali sul contenuto e l...
I bisogni dell’utente <ul><li>buone pratiche nella progettazione di visualizzazioni e criteri per l'effettiva visualizzazi...
I bisogni dell’utente <ul><li>gli obiettivi del catalogo, nella misura in cui rappresentano i bisogni dell'utente; </li></ul>
I bisogni dell’utente <ul><li>il linguaggio degli utenti del catalogo, di modo che possano trovare quello che cercano usan...
I bisogni dell’utente <ul><li>i bisogni unici e differenti di utenti individuali, inclusi quelli con requisiti particolari...
I bisogni dell’utente
Contenuto e organizzazione <ul><li>visualizzare quanto è stato richiesto ed è necessario per ulteriori azioni; </li></ul>
Contenuto e organizzazione <ul><li>visualizzare i record in un ordine significativo per l'utente, piuttosto che in ordine ...
Contenuto e organizzazione <ul><li>supportare la navigazione dall'informazione visualizzata a informazioni collegate. </li...
Standardizzazione <ul><li>Standard nazionali e internazionali e raccomandazioni generalmente accettate che riguardino le v...
Dagli OPAC ai social OPAC Nessuna interazione Alto livello di interazione Nessuna formalizzazione Massima formalizzazione:...
OPAC tradizionali <ul><li>Rispetto di standard catalografici, descrittivi e semantici </li></ul><ul><li>Necessità di perso...
Catalog manifesto <ul><li>The library catalog is not ours.  </li></ul>
Catalog manifesto <ul><li>MARC records are not books. </li></ul>
Catalog manifesto <ul><li>Catalogs must speak the user’s language. </li></ul>
Catalog manifesto <ul><li>The library catalog is ours. </li></ul><ul><li>[  The  catalog  Manifesto  ] </li></ul>
Arricchimento degli OPAC <ul><li>Da alcuni anni i cataloghi elettronici delle biblioteche si arricchiscono </li></ul><ul><...
Dagli OPAC ai social OPAC Nessuna interazione Alto livello di interazione Nessuna formalizzazione Massima formalizzazione:...
Nell’OPAC BNCF OPAC Polo BNCF
Nell’OPAC del CIB <ul><li>Elementi e layout sono quelli ormai tradizionali (il sw è Sebina) </li></ul><ul><li>In alcuni ca...
Indice dell’opera  (scansione in JPEG) N.B. Il trattamento OCR permette di cercare dall’OPAC anche in queste risorse
L’OPAC del sistema bibliotecario provinciale di Verona (vecchio) ???
L’OPAC del sistema bibliotecario provinciale di Verona (nuovo) OPAC
Dagli OPAC ai social OPAC Nessuna interazione Alto livello di interazione Nessuna formalizzazione Massima formalizzazione:...
Book social networks <ul><li>Anobii </li></ul><ul><li>Goodreads </li></ul><ul><li>Library things </li></ul><ul><li>Revish ...
L’impostazione di Anobii
Giochetti da bibliotecari? <ul><li>Funzioni di manutenzione del catalogo affidate agli utenti </li></ul><ul><li>Non è auth...
Giochetti da bibliotecari? <ul><li>È facilissimo creare legami reticolari con altre “manifestazioni” </li></ul><ul><li>Se ...
Tag-iamo insieme <ul><li>TAG  </li></ul>Etichette
Folksonomie <ul><li>Categorizzazione collaborativa di informazioni mediante l'utilizzo di parole chiave scelte liberamente...
Folksonomie <ul><li>Gruppi di persone che collaborano spontaneamente per organizzare in categorie le informazioni disponib...
Folksonomies <ul><li>Schemi piatti, non gerarchici </li></ul><ul><li>Mancanza di precisione </li></ul><ul><li>Basso livell...
Folksonomies in pratica
Tag tag tag
Dagli OPAC ai social OPAC Nessuna interazione Alto livello di interazione Nessuna formalizzazione Massima formalizzazione:...
AtipicheLetture, un esempio di blOPAC
AtipicheLetture, un esempio di blOPAC <ul><li>Una comunità (ristretta) di utenti inserisce post </li></ul><ul><li>Ogni pos...
KO di AtipicheLetture <ul><li>Chiavi di accesso tradizionali in un OPAC: titoli, autori, editori, classi </li></ul><ul><li...
Una monografia in AL <ul><li>Descrizione normalizzata </li></ul><ul><li>Reticolo di link ad altre proposte di lettura: </l...
Dagli OPAC ai social OPAC Nessuna interazione Alto livello di interazione Nessuna formalizzazione Massima formalizzazione:...
Gestione della ricerca <ul><li>1. OPAC che suggeriscono </li></ul><ul><li>AquaBrowser  </li></ul><ul><ul><li>http://www.aq...
Gestione della ricerca <ul><li>1. OPAC che suggeriscono </li></ul><ul><li>Nationa library of Australia (mappe) </li></ul><...
Gestione dei risultati <ul><li>2. OPAC che aggregano </li></ul><ul><ul><li>Worldcat http://www.worldcat.org/search?q=alice...
Gestione dei risultati <ul><li>2. OPAC che aggregano </li></ul><ul><ul><li>LibraryThings http://www.librarything.com/title...
Gestione dei risultati <ul><li>1. OPAC che sfaccettano </li></ul><ul><ul><li>National library of Australia http://www.nla....
Contenuti prodotti da terzi <ul><li>3. OPAC che integrano </li></ul><ul><ul><li>OPAC Google Books and Amazon http ://libra...
Contenuti prodotti da terzi <ul><li>3. OPAC che integrano </li></ul><ul><li>Google Books and Google Book covers:  </li></u...
Contenuti prodotti da terzi <ul><li>4. OPAC che integrano </li></ul><ul><li>Google Books and Google Book covers:  http:// ...
Contenuti prodotti da terzi <ul><li>5. OPAC che integrano </li></ul><ul><ul><li>Worldcat.org links to Google Books and to ...
Contenuti prodotti da terzi <ul><li>6. OPAC che integrano </li></ul><ul><ul><li>fonti diverse (GBooks, Amazon, Wikipaedia)...
Contenuti <ul><li>Biblioteche e Flickr </li></ul><ul><li>Picture Australia </li></ul><ul><ul><li>http://www.pictureaustral...
Contenuti <ul><li>Ricerca federata </li></ul><ul><li>SBDS prototype </li></ul><ul><ul><li>http:// sbdsproto.nla.gov.au / s...
Bibliografia <ul><li>Biblioteconomia: principi e questioni . A c. di G. Solimine e P.G. Weston. Roma, Carocci, 2007 </li><...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

I cataloghi delle biblioteche e il nuovo web (2)

1,063

Published on

Published in: Education
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
1,063
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
45
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • Trovare:  trovare entità che corrispondano ai criteri di ricerca stabiliti dall&apos;utente (cioè localizzare sia la singola entità sia un set di entità in un file o database come risultato di una ricerca che utilizzi un attributo o una relazione dell&apos;entità, ad es. nel contesto di una ricerca di tutti i documenti con un certo soggetto, o una ricerca di un record pubblicato con un titolo particolare); Identificare:  identificare un&apos;entità (cioè confermare che l&apos;entità descritta corrisponda all&apos;entità desiderata, o distinguere tra due o più entità che caratteristiche simili, ad es. confermare che il documento descritto in un record corrisponda al documento desiderato dall&apos;utente, o distinguere tra due testi o registrazioni che abbiano lo stesso titolo); Selezionare:  selezionare un&apos;entità che sia appropriata ai bisogni dell&apos;utente (cioè scegliere un&apos;entità che incontri le richieste dell&apos;utente riguardo a contenuto, formato, etc., o rifiutare un&apos;entità che sia inappropriata ai bisogni dell&apos;utente, ad es. selezionare un testo in un linguaggio che l&apos;utente comprenda, o scegliere una versione di un programma per computer che sia compatibile con l&apos;hardware e il sistema operativo utilizzato dall&apos;utente); Ottenere:  acquisire o avere accesso all&apos;entità descritta (cioè acquisire un documento attraverso acquisto, prestito, etc., o accedere un&apos;entità elettronica attraverso una connessione ad un computer remoto, ad es. fare un ordine d&apos;acquisto per una pubblicazione, inoltrare una richiesta di prestito di una copia del libro in una biblioteca, avere accesso on line ad un documento presente in un computer remoto).
  • &amp;quot;The library catalog is not ours. While we may be the creators and caretakers of the library catalog, we are not the intended users of the library catalog. Every decision about catalog design must ask “Is this what is right for the users?” As librarians, we have many other ways to access our collections, so hands off the one way our users have to search. MARC records are not books. At its heart, cataloging is about creating proxies that represent actualities. Our users are not here for proxies…they want the real thing. Show them as much of the real thing as is possible in the catalog. A book’s size and whether or not it has “col. ill.” are not real. Catalogs must speak the user’s language That is user; singular. If the catalog requires authentication, then we know who is using it and what language they speak. Librarians can view the catalog in AACR2, but users need to be addressed in a more friendly language. Users can read author names in the catalog as FirstName LastName instead of in the format with which we are more comfortable. The library catalog is ours. But ours must mean us as fellow readers, not us as librarians. Users can connect with fellow readers, listeners, viewers and the catalog can make those connections more powerful and apparent. Learn from user tags, read user reviews, and join with the users in a social library experience facilitated through the catalog. “ http://biblioteca20.ning.com/profiles/blog/show?id=556425%3ABlogPost%3A3441
  • &amp;quot;The library catalog is not ours. While we may be the creators and caretakers of the library catalog, we are not the intended users of the library catalog. Every decision about catalog design must ask “Is this what is right for the users?” As librarians, we have many other ways to access our collections, so hands off the one way our users have to search. MARC records are not books. At its heart, cataloging is about creating proxies that represent actualities. Our users are not here for proxies…they want the real thing. Show them as much of the real thing as is possible in the catalog. A book’s size and whether or not it has “col. ill.” are not real. Catalogs must speak the user’s language That is user; singular. If the catalog requires authentication, then we know who is using it and what language they speak. Librarians can view the catalog in AACR2, but users need to be addressed in a more friendly language. Users can read author names in the catalog as FirstName LastName instead of in the format with which we are more comfortable. The library catalog is ours. But ours must mean us as fellow readers, not us as librarians. Users can connect with fellow readers, listeners, viewers and the catalog can make those connections more powerful and apparent. Learn from user tags, read user reviews, and join with the users in a social library experience facilitated through the catalog. “ http://biblioteca20.ning.com/profiles/blog/show?id=556425%3ABlogPost%3A3441
  • &amp;quot;The library catalog is not ours. While we may be the creators and caretakers of the library catalog, we are not the intended users of the library catalog. Every decision about catalog design must ask “Is this what is right for the users?” As librarians, we have many other ways to access our collections, so hands off the one way our users have to search. MARC records are not books. At its heart, cataloging is about creating proxies that represent actualities. Our users are not here for proxies…they want the real thing. Show them as much of the real thing as is possible in the catalog. A book’s size and whether or not it has “col. ill.” are not real. Catalogs must speak the user’s language That is user; singular. If the catalog requires authentication, then we know who is using it and what language they speak. Librarians can view the catalog in AACR2, but users need to be addressed in a more friendly language. Users can read author names in the catalog as FirstName LastName instead of in the format with which we are more comfortable. The library catalog is ours. But ours must mean us as fellow readers, not us as librarians. Users can connect with fellow readers, listeners, viewers and the catalog can make those connections more powerful and apparent. Learn from user tags, read user reviews, and join with the users in a social library experience facilitated through the catalog. “ http://biblioteca20.ning.com/profiles/blog/show?id=556425%3ABlogPost%3A3441
  • &amp;quot;The library catalog is not ours. While we may be the creators and caretakers of the library catalog, we are not the intended users of the library catalog. Every decision about catalog design must ask “Is this what is right for the users?” As librarians, we have many other ways to access our collections, so hands off the one way our users have to search. MARC records are not books. At its heart, cataloging is about creating proxies that represent actualities. Our users are not here for proxies…they want the real thing. Show them as much of the real thing as is possible in the catalog. A book’s size and whether or not it has “col. ill.” are not real. Catalogs must speak the user’s language That is user; singular. If the catalog requires authentication, then we know who is using it and what language they speak. Librarians can view the catalog in AACR2, but users need to be addressed in a more friendly language. Users can read author names in the catalog as FirstName LastName instead of in the format with which we are more comfortable. The library catalog is ours. But ours must mean us as fellow readers, not us as librarians. Users can connect with fellow readers, listeners, viewers and the catalog can make those connections more powerful and apparent. Learn from user tags, read user reviews, and join with the users in a social library experience facilitated through the catalog. “ http://biblioteca20.ning.com/profiles/blog/show?id=556425%3ABlogPost%3A3441
  • I cataloghi delle biblioteche e il nuovo web (2)

    1. 1. I cataloghi delle biblioteche e il nuovo Web: un amore impossibile? Andrea Marchitelli AIB. Sezione Sardegna Sassari & Cagliari, 22-26 giugno 2009
    2. 2. Che cosa è una biblioteca
    3. 3. Che cosa è una biblioteca Raccolta
    4. 4. Che cosa è una biblioteca Raccolta ordinata
    5. 5. Che cosa è una biblioteca Raccolta libri
    6. 6. Che cosa è una biblioteca Raccolta altri documenti
    7. 7. Che cosa è una biblioteca Raccolta su carta
    8. 8. Che cosa è una biblioteca Raccolta diversi supporti
    9. 9. Che cosa è una biblioteca Raccolta disponibile
    10. 10. Che cosa è una biblioteca Raccolta utenza
    11. 11. Che cosa è una biblioteca Raccolta svago
    12. 12. Che cosa è una biblioteca Raccolta studio
    13. 13. Che cosa è una biblioteca <ul><li>Raccolta ordinata di libri e documenti su supporto diverso messa a disposizione dell’utenza per motivi di svago e studio. </li></ul>
    14. 14. Che cosa è una biblioteca <ul><li>La biblioteca è un luogo </li></ul>
    15. 15. Che cosa è una biblioteca
    16. 16. Che cosa è una biblioteca
    17. 17. Che cosa è una biblioteca
    18. 18. Che cosa è una biblioteca
    19. 19. Le funzioni della biblioteca <ul><li>«Tre obiettivi fondamentali competono alla biblioteca [...] </li></ul><ul><li>Selezionare, raccogliere e conservare i documenti </li></ul><ul><li>Realizzare l'accesso ai documenti e al loro contenuto per mezzo delle tecniche di catalogazione </li></ul><ul><li>Stimolare e facilitare l'utilizzazione dei documenti» </li></ul><ul><li>Alfredo Serrai, Guida alla biblioteconomia, ed. agg. a c. di Maria Cochetti, Firenze, Sansoni, 1997, p. 33 </li></ul>
    20. 20. <ul><li>Realizzare l'accesso ai documenti e al loro contenuto per mezzo delle tecniche di catalogazione </li></ul>Le funzioni della biblioteca
    21. 21. Che cosa è il catalogo <ul><li>Strumento di mediazione </li></ul>
    22. 22. Che cosa è il catalogo <ul><li>Rappresentazione simbolica del patrimonio della biblioteca </li></ul>
    23. 23. <ul><li>FRBR e Nuovi principi di catalogazione </li></ul>Si illumina la notte dei cataloghi
    24. 24. FRBR <ul><li>Functional requirements for bibliographic records </li></ul>Requisiti funzionali
    25. 25. FRBR identify find select obtain
    26. 26. FRBR identify find select obtain Confermare che le risorse trovate corrispondano ai bisogni di ricerca Le risorse che corrispondono ai criteri di ricerca Avere accesso Una risorsa appropriata
    27. 27. <ul><li>Web (e biblioteca) 2.0 </li></ul>Si illumina la notte dei cataloghi
    28. 28. <ul><li>Disponibilità di risorse a testo pieno e di standard di interoperabilità </li></ul>Si illumina la notte dei cataloghi
    29. 29. Che cosa è l’OPAC <ul><li>Un database catalografico </li></ul><ul><ul><li>Rappresentazione simbolica della biblioteca </li></ul></ul><ul><li>Un portale di accesso ai servizi </li></ul><ul><ul><li>Dati non bibliografici legati all’ambito locale </li></ul></ul>Utenza locale
    30. 30. Che cosa è l’OPAC <ul><li>Un database bibliografico </li></ul><ul><ul><li>Posseduto “virtuale”, basi di dati </li></ul></ul><ul><li>Un portale di accesso all’ informazione </li></ul><ul><ul><li>Ricerca full-text, accesso al documento </li></ul></ul>Utenza remota
    31. 31. Quali servizi? E quali utenti? Biblioteconomia: principi e questioni . A c. di G. Solimine e P.G. Weston. Roma, Carocci, 2007
    32. 32. Linee guida per la visualizzazione negli OPAC <ul><li>Principi </li></ul>
    33. 33. Linee guida per la visualizzazione negli OPAC <ul><li>1. la supremazia assoluta dei bisogni degli utenti </li></ul>
    34. 34. Linee guida per la visualizzazione negli OPAC <ul><li>2. l'importanza del contenuto e della struttura dei record nella ricerca, identificazione, selezione e conseguimento delle risorse </li></ul>
    35. 35. Linee guida per la visualizzazione negli OPAC <ul><li>3. la necessità di seguire standard internazionali sul contenuto e la struttura dell'informazione </li></ul>
    36. 36. I bisogni dell’utente <ul><li>buone pratiche nella progettazione di visualizzazioni e criteri per l'effettiva visualizzazione a video per quanto concerne leggibilità, chiarezza, grado di comprensione, e navigabilità </li></ul>
    37. 37. I bisogni dell’utente <ul><li>gli obiettivi del catalogo, nella misura in cui rappresentano i bisogni dell'utente; </li></ul>
    38. 38. I bisogni dell’utente <ul><li>il linguaggio degli utenti del catalogo, di modo che possano trovare quello che cercano usando parole, o altri mezzi di comunicazione con cui hanno familiarità; </li></ul>
    39. 39. I bisogni dell’utente <ul><li>i bisogni unici e differenti di utenti individuali, inclusi quelli con requisiti particolari o speciali. </li></ul>
    40. 40. I bisogni dell’utente
    41. 41. Contenuto e organizzazione <ul><li>visualizzare quanto è stato richiesto ed è necessario per ulteriori azioni; </li></ul>
    42. 42. Contenuto e organizzazione <ul><li>visualizzare i record in un ordine significativo per l'utente, piuttosto che in ordine casuale, quando vengono recuperati molti record; </li></ul>
    43. 43. Contenuto e organizzazione <ul><li>supportare la navigazione dall'informazione visualizzata a informazioni collegate. </li></ul>
    44. 44. Standardizzazione <ul><li>Standard nazionali e internazionali e raccomandazioni generalmente accettate che riguardino le visualizzazioni dell'OPAC </li></ul>
    45. 45. Dagli OPAC ai social OPAC Nessuna interazione Alto livello di interazione Nessuna formalizzazione Massima formalizzazione: standard, regole ecc. OPAC tradizionali
    46. 46. OPAC tradizionali <ul><li>Rispetto di standard catalografici, descrittivi e semantici </li></ul><ul><li>Necessità di personale esperto per l’inserimento di record </li></ul><ul><li>Layout poco amichevole </li></ul>Internet Culturale
    47. 47. Catalog manifesto <ul><li>The library catalog is not ours. </li></ul>
    48. 48. Catalog manifesto <ul><li>MARC records are not books. </li></ul>
    49. 49. Catalog manifesto <ul><li>Catalogs must speak the user’s language. </li></ul>
    50. 50. Catalog manifesto <ul><li>The library catalog is ours. </li></ul><ul><li>[ The catalog Manifesto ] </li></ul>
    51. 51. Arricchimento degli OPAC <ul><li>Da alcuni anni i cataloghi elettronici delle biblioteche si arricchiscono </li></ul><ul><li>Link a indici e TOC, abstract rendono sempre maggiore la quantità di informazioni fornite agli utenti </li></ul><ul><li>Le funzionalità di ricerca e organizzazione delle informazioni rimangono sempre le stesse </li></ul><ul><li>Le interfacce sono poco usabili, spesso non troppo curate graficamente </li></ul>
    52. 52. Dagli OPAC ai social OPAC Nessuna interazione Alto livello di interazione Nessuna formalizzazione Massima formalizzazione: standard, regole ecc. OPAC tradizionali OPAC “arricchiti”
    53. 53. Nell’OPAC BNCF OPAC Polo BNCF
    54. 54. Nell’OPAC del CIB <ul><li>Elementi e layout sono quelli ormai tradizionali (il sw è Sebina) </li></ul><ul><li>In alcuni casi esiste un pulsante che collega il record a elementi digitali aggiuntivi </li></ul>Catalogo Polo Bolognese di SBN
    55. 55. Indice dell’opera (scansione in JPEG) N.B. Il trattamento OCR permette di cercare dall’OPAC anche in queste risorse
    56. 56. L’OPAC del sistema bibliotecario provinciale di Verona (vecchio) ???
    57. 57. L’OPAC del sistema bibliotecario provinciale di Verona (nuovo) OPAC
    58. 58. Dagli OPAC ai social OPAC Nessuna interazione Alto livello di interazione Nessuna formalizzazione Massima formalizzazione: standard, regole ecc. OPAC tradizionali OPAC “arricchiti” Social networks
    59. 59. Book social networks <ul><li>Anobii </li></ul><ul><li>Goodreads </li></ul><ul><li>Library things </li></ul><ul><li>Revish </li></ul><ul><li>Shelfari </li></ul><ul><li>… </li></ul><ul><li>Perché aumentano a ritmo così vertiginoso? </li></ul><ul><li>Mania del web 2.0? </li></ul><ul><li>Esprimono una necessità? </li></ul><ul><li>I cataloghi delle biblioteche non riescono a soddisfarla? </li></ul>
    60. 60. L’impostazione di Anobii
    61. 61. Giochetti da bibliotecari? <ul><li>Funzioni di manutenzione del catalogo affidate agli utenti </li></ul><ul><li>Non è authority control… ma funziona! </li></ul>
    62. 62. Giochetti da bibliotecari? <ul><li>È facilissimo creare legami reticolari con altre “manifestazioni” </li></ul><ul><li>Se lo vediamo in ottica FRBR non gira, ma in realtà… </li></ul>
    63. 63. Tag-iamo insieme <ul><li>TAG </li></ul>Etichette
    64. 64. Folksonomie <ul><li>Categorizzazione collaborativa di informazioni mediante l'utilizzo di parole chiave scelte liberamente </li></ul>
    65. 65. Folksonomie <ul><li>Gruppi di persone che collaborano spontaneamente per organizzare in categorie le informazioni disponibili attraverso internet </li></ul><ul><ul><li>comunità non gerarchiche legate ad applicazioni web </li></ul></ul>
    66. 66. Folksonomies <ul><li>Schemi piatti, non gerarchici </li></ul><ul><li>Mancanza di precisione </li></ul><ul><li>Basso livello di trovabilità </li></ul><ul><li>Libertarie e non restrittive </li></ul><ul><li>Bottom-up, non imposte </li></ul><ul><li>Sistema altamente inclusivo </li></ul><ul><li>Serendipity </li></ul><ul><li>Sistema economico </li></ul>
    67. 67. Folksonomies in pratica
    68. 68. Tag tag tag
    69. 69. Dagli OPAC ai social OPAC Nessuna interazione Alto livello di interazione Nessuna formalizzazione Massima formalizzazione: standard, regole ecc. OPAC tradizionali OPAC “arricchiti” Social networks AtipicheLetture
    70. 70. AtipicheLetture, un esempio di blOPAC
    71. 71. AtipicheLetture, un esempio di blOPAC <ul><li>Una comunità (ristretta) di utenti inserisce post </li></ul><ul><li>Ogni post è la descrizione (ISBD) di un libro, corredata dal tradizionale reticolo di collegamenti e integrata da eventuale riassunto, nota di lettura, commento ecc. </li></ul><ul><li>Conserva le funzionalità tipiche di un blog: commenti, trackback, possibilità di segnalare un post via email ecc. </li></ul>
    72. 72. KO di AtipicheLetture <ul><li>Chiavi di accesso tradizionali in un OPAC: titoli, autori, editori, classi </li></ul><ul><li>Possibilità di utilizzare funzioni di ricerca oltre che di browsing </li></ul>
    73. 73. Una monografia in AL <ul><li>Descrizione normalizzata </li></ul><ul><li>Reticolo di link ad altre proposte di lettura: </li></ul><ul><ul><li>Altri libri dello stesso autore, dello stesso editore o publicati nella medesima collana </li></ul></ul><ul><ul><li>Altri libri della stessa classe CDD </li></ul></ul><ul><ul><li>Link alla classe superiore. Se vuota, link al catalogo classificato </li></ul></ul><ul><ul><li>Link alla localizzazione in SBN, o all’acquisto su librerie on line </li></ul></ul>
    74. 74. Dagli OPAC ai social OPAC Nessuna interazione Alto livello di interazione Nessuna formalizzazione Massima formalizzazione: standard, regole ecc. OPAC tradizionali OPAC “arricchiti” Social networks AtipicheLetture OPAC 2.0 (?)
    75. 75. Gestione della ricerca <ul><li>1. OPAC che suggeriscono </li></ul><ul><li>AquaBrowser </li></ul><ul><ul><li>http://www.aquabrowser.it/COBIRE3/ (KW: pomodoro) </li></ul></ul><ul><li>JNCI </li></ul><ul><ul><li>http://jnci.oxfordjournals.org/cgi/bbtBrowse (topic map) </li></ul></ul>
    76. 76. Gestione della ricerca <ul><li>1. OPAC che suggeriscono </li></ul><ul><li>Nationa library of Australia (mappe) </li></ul><ul><ul><li>http:// mapsearch.nla.gov.au / </li></ul></ul>
    77. 77. Gestione dei risultati <ul><li>2. OPAC che aggregano </li></ul><ul><ul><li>Worldcat http://www.worldcat.org/search?q=alice+wonderland&qt=search_items&search=Search </li></ul></ul>
    78. 78. Gestione dei risultati <ul><li>2. OPAC che aggregano </li></ul><ul><ul><li>LibraryThings http://www.librarything.com/title/Alice+nel+paese+delle+meraviglie http://www.librarything.com/work/8288/debris/ </li></ul></ul>
    79. 79. Gestione dei risultati <ul><li>1. OPAC che sfaccettano </li></ul><ul><ul><li>National library of Australia http://www.nla.gov.au/ </li></ul></ul>
    80. 80. Contenuti prodotti da terzi <ul><li>3. OPAC che integrano </li></ul><ul><ul><li>OPAC Google Books and Amazon http ://library.willamette.edu/search~S1/c?SEARCH=DF+229+.T5+J6# </li></ul></ul>
    81. 81. Contenuti prodotti da terzi <ul><li>3. OPAC che integrano </li></ul><ul><li>Google Books and Google Book covers: </li></ul><ul><ul><li>http:// catalogue.nla.gov.au / (cerca: red) </li></ul></ul>
    82. 82. Contenuti prodotti da terzi <ul><li>4. OPAC che integrano </li></ul><ul><li>Google Books and Google Book covers: http:// catalogo.unipd.it /F?func=find-c&ccl_term=IDN=MIL0763047 </li></ul>
    83. 83. Contenuti prodotti da terzi <ul><li>5. OPAC che integrano </li></ul><ul><ul><li>Worldcat.org links to Google Books and to Amazon: http ://www.worldcat.org/oclc/777896&referer=brief_results </li></ul></ul>
    84. 84. Contenuti prodotti da terzi <ul><li>6. OPAC che integrano </li></ul><ul><ul><li>fonti diverse (GBooks, Amazon, Wikipaedia) http://libris.kb.se/bib/10361389?vw=short </li></ul></ul>OPAC che integrano
    85. 85. Contenuti <ul><li>Biblioteche e Flickr </li></ul><ul><li>Picture Australia </li></ul><ul><ul><li>http://www.pictureaustralia.org/ index.html </li></ul></ul><ul><li>Flickr Commons </li></ul><ul><ul><li>http://www.flickr.com/ commons </li></ul></ul>
    86. 86. Contenuti <ul><li>Ricerca federata </li></ul><ul><li>SBDS prototype </li></ul><ul><ul><li>http:// sbdsproto.nla.gov.au / sbdp-ui / result ? q=adelaide </li></ul></ul>
    87. 87. Bibliografia <ul><li>Biblioteconomia: principi e questioni . A c. di G. Solimine e P.G. Weston. Roma, Carocci, 2007 </li></ul><ul><li>Catalog manifesto / Christofer Harris, http://schoolof.info/infomancy/?p=388 </li></ul><ul><li>Folksonomies: power to the people : presented at the ISKO Italy-UniMIB meeting : Milan : June 24, 2005 / by Emanuele Quintarelli, http://www.iskoi.org/doc/folksonomies.htm </li></ul><ul><li>Raccomandazioni per miglioramenti urgenti dell'OPAC. Il ruolo delle agenzie bibliografiche nazionali / John Byrum, &quot;Biblioteche oggi&quot;, 23 (2005), 10, p. 5-14 </li></ul><ul><li>Social Bookmarking Tools (I): A General Review / Tony Hammond, Timo Hannay, Ben Lund, and Joanna Scott, “DLib magazine”, 11(2005), 4 </li></ul><ul><ul><li>http://www.dlib.org/dlib/april05/hammond/04hammond.html </li></ul></ul>
    1. A particular slide catching your eye?

      Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

    ×