A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Breve storia del WWW
 Il World Wide Web (WWW) nasce tra il 1989 e il 1991 come
progetto del CERN di Ginevra affidato a un...
Breve storia del WWW
 Nel 1991 i ricercatori realizzarono un prototipo basato su NeXT
(una piattaforma hardware su cui gi...
La guerra dei browser
 Nel 1994 Marc Anderseen (realizzatore di NCSA Mosaic) e Jim Clark (fondatore
della Silicon Graphic...
La guerra dei browser
 Il browser NCSA Mosaic
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
La guerra dei browser
 Negli ultimi anni sono nati anche altri browser
portando alla seguente distribuzione di utilizzo:
...
Che cos‘è il WWW?
 Il World Wide Web è un "globally distributed hypermedia
system", ossia un ipertesto multimediale distr...
Che cosa non è il WWW?
Il World Wide Web NON E' Internet.
 Internet è la rete globale di computer su cui il WWW
viene dif...
Le fondamenta del WWW
I protocolli/linguaggi su cui si basa il WWW (fin dalle sue
origini) sono i seguenti:
 Uniform Reso...
I Domini
 Il dominio di un URL specifica la posizione fisica dove
si trova la risorsa che si vuole recuperare. Un dominio...
I Domini
Data la difficoltà di ricordare i numeri, è stato messo a punto
un meccanismo in grado di associare ad un indiriz...
Le Estensioni
Estensione Significato
edu Istruzione (siti di scuole o università)
com Organizzazioni commerciali o produtt...
Estensioni del WWW
A questi componenti di base si sono poi aggiunti nel tempo altri
componenti che consentono di realizzar...
Architetture del WWW
Alcune architetture comuni per la realizzazione di siti web sono le
seguenti:
 Sito web statico: Ogn...
Architettura di un sito web statico
 Il web server ha un archivio di documenti HTML (possibilmente
contenti script) che i...
Architettura di un sito web dinamico
 In un sito web dinamico il server web non ha un archivio di pagine, ma
esegue un pr...
Architettura di un sito web dinamico
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Un documento HTML
Un documento HTML è semplicemente un file di testo avente estensione .HTM o
.htm (tipicamente nei sistem...
Il PHP
 Il PHP è un linguaggio di scripting lato server
multipiattaforma nel senso che funziona
correttamente su server c...
Il PHP - La Storia
 Nato nel 1994 ad opera del danese Rasmus
Lerdorf, PHP era in origine una raccolta di script CGI
che p...
PHP - Perché è usato???
 Perché è fondamentalmente cross-platform
 Web Server: Apache, Microsoft IIS, Caudium, Netscape
...
PHP - Primi Passi …
<html>
<head>
<title>Esempio</title>
</head>
<body>
<?php echo "Ciao, sono uno script PHP!"; ?>
</body...
MySQL
MySql è il database relazionale open source più diffuso al
mondo.
Originariamente sviluppato dalla società svedese T...
MySQL
 MySQL NON va confuso con SQL. SQL è un linguaggio di
interrogazione strutturata sviluppato da IBM. MySQL
sfrutta S...
MySQL
 MySQL è open-source: questo significa non solo che è
gratuito, ma anche che avete a disposizione il codice
sorgent...
MySQL
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Tipi Numerici Interi
Tipo Intervallo di valori
TINYINT -128 > 127...
MySQL
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Modificatori
• AUTO_INCREMENT - Aumenta automaticamente il valore...
MySQL
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Tipi Dati Stringa
Tipo Dimensioni massime
CHAR(n) 255 byte
VARCHA...
MySQL
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Modificatori
• BINARY - Può essere utilizzato con CHAR o VARCHAR
...
MySQL - Esempio
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
CREATE TABLE `clienti` (
`id` mediumint unsigned NOT NU...
Varie tipologie di siti internet
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Si distinguono più categorie di siti w...
Varie tipologie di siti internet
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
• I siti di informazione: sono dei sit...
Varie tipologie di siti internet
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
• I siti personali (talvolta pagine pe...
Il webmaster
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Viene detto webmaster una persona che si occupa di un sito...
Il webmaster
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Il webmastering
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
L'utilizzo del sito comporta soprattutto le attività se...
La realizzazione
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
La realizzazione del sito riguarda la creazione delle ...
…oppure…
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Nell’epoca del Web 2.0 la voglia di comunicare e di mettersi i...
…oppure…
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
Nell’epoca del Web 2.0 la voglia di comunicare e di mettersi i...
I migliori 10 CMS
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
• WordPress – Non ha bisogno di presentazioni, probab...
I migliori 10 CMS
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
• Xoops – Ottimo strumento per la creazione e la gest...
I migliori 10 CMS
A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
• Globber – Non ha niente da invidiare alle piattafor...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Introduzione alla creazione di siti internet

1,665 views
1,613 views

Published on

Qualche slide in preparazione ad un corso che ho tenuto a giugno 2013

Published in: Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
1,665
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
26
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Introduzione alla creazione di siti internet

  1. 1. A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  2. 2. Breve storia del WWW  Il World Wide Web (WWW) nasce tra il 1989 e il 1991 come progetto del CERN di Ginevra affidato a un gruppo di ricercatori informatici tra i quali Tim Berners-Lee e Robert Cailliau.  Lo scopo del progetto era la creazione di un sistema pratico ed efficiente per lo scambio di informazioni all'interno del CERN e tra i ricercatori del CERN e i loro collaboratori all'estero.  I ricercatori identificarono due elementi chiave per la realizzazione di tale sistema:  Internet: la rete globale già esistente fin dagli anni '70  Gli ipertesti: documenti elettronici non organizzati in maniera sequenziale (come un libro) ma contenenti collegamenti che consentano di saltare da un punto all'altro nel documento A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  3. 3. Breve storia del WWW  Nel 1991 i ricercatori realizzarono un prototipo basato su NeXT (una piattaforma hardware su cui girava una variante di Unix) già dotato di una sorta di interfaccia grafica per "navigare".  Alla fine del 1992 erano già disponibili 26 web server in varie nazioni.  Alla fine del 1993 i web server disponibili erano già oltre 200.  Tra il 1992 e il 1993 il National Centre for Supercomputing Applications (NCSA) realizzò il primo web browser: chiamato NCSA Mosaic  In pochi anni il WWW ebbe una crescita molto rapida, divenendo utilizzato da milioni di persone. Gli interessi commerciali attorno a tale successo portarono alla "guerra dei browser". A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  4. 4. La guerra dei browser  Nel 1994 Marc Anderseen (realizzatore di NCSA Mosaic) e Jim Clark (fondatore della Silicon Graphics) fondarono Netscape Corp. e realizzarono il browser Netscape Communicator basato su Mosaic  Nel 1995 Microsoft lancia il browser Internet Explorer.  Negli anni successivi (fino al 1998) i due browser combattono a colpi di nuove funzionalità, ma alla fine Netscape si dichiara sconfitta non riuscendo a competere con Internet Explorer (che era preinstallato su Windows...)  Netscape Corp. viene venduta ad America On-Line (AOL) e il codice sorgente di Communicator viene reso pubblico creando una comunità Open Source (chiamata Mozilla.org) che ne porti avanti lo sviluppo.  Nel 2000 esce una nuova versione del browser Mozilla, ricco di funzionalità ma molto lento.  Nel 2004 la comunità di Mozilla riesce nell'intento di rivoluzionare il cuore del proprio browser e realizza Mozilla Firefox, un browser veloce, flessibile e multipiattaforma che riscuote un rapido e crescente successo. A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  5. 5. La guerra dei browser  Il browser NCSA Mosaic A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  6. 6. La guerra dei browser  Negli ultimi anni sono nati anche altri browser portando alla seguente distribuzione di utilizzo: A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  7. 7. Che cos‘è il WWW?  Il World Wide Web è un "globally distributed hypermedia system", ossia un ipertesto multimediale distribuito a livello mondiale:  Un ipertesto, ossia un documento (elettronico) costituito da pagine consultabili in maniera non sequenziale attraverso l'uso di collegamenti (links) all'interno delle pagine stesse.  multimediale, ossia che contiene testo, ma anche immagini, suoni, video, ecc...  distribuito a livello mondiale, ossia tale per cui le pagine non sono tutte memorizzate in un unico computer, ma su innumerevoli server diversi. I collegamenti contenuti in una pagina di un server possono riferire pagine memorizzate su altri server. A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  8. 8. Che cosa non è il WWW? Il World Wide Web NON E' Internet.  Internet è la rete globale di computer su cui il WWW viene diffuso.  Internet si basa su protocolli di comunicazione che consentono di interconnettere reti diverse e basate su caratteristiche di connessione anche molto diverse tra loro  Internet è il canale che consente di diffondere, oltre al WWW, servizi quali la posta elettronica, il trasferimento di file (FTP), la messaggeria istantanea, ecc... A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  9. 9. Le fondamenta del WWW I protocolli/linguaggi su cui si basa il WWW (fin dalle sue origini) sono i seguenti:  Uniform Resource Locator (URL) - Come riferire un particolare documento. E' una convenzione su come scrivere i riferimenti ad altri documenti. Viene utilizzato nei link contenuti nelle pagine web.  HyperText Transfer Protocol (HTTP) - Come ottenere un documento. E' un protocollo di comunicazione che viene utilizzato per l'accesso a documenti ipertestuali via rete.  HyperText Markup Language (HTML) - Il formato dei documenti. E' un linguaggio per la realizzazione di documenti ipertestuali A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  10. 10. I Domini  Il dominio di un URL specifica la posizione fisica dove si trova la risorsa che si vuole recuperare. Un dominio solitamente è un computer dove è presente un programma (server) che gestisce le richieste del protocollo specificato nella prima parte dell'URL.  Il dominio può essere specificato sia dal suo indirizzo IP (Internet Protocol) o utilizzando un nome che corrisponde all'indirizzo IP.  Un indirizzo IP è costituito da una sequenza di 4 numeri (detto anche ottetti) (ciascuno dei quali varia da 0 a 254), suddivisi da un punto: aaa.bbb.ccc.ddd. A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  11. 11. I Domini Data la difficoltà di ricordare i numeri, è stato messo a punto un meccanismo in grado di associare ad un indirizzo IP un nome di dominio (servizio DNS, Domain Name Server). I nomi dei domini sono costituiti da parole suddivise da un punto: www.matteomazzoli.com. Solitamente, se si legge un nome di dominio da sinistra verso destra, ogni parola/nome individua una 'zona' o dominio sempre più generale rispetto a quella precedente. Ad esempio, www.matteomazzoli.com individua il server di nome www che si trova nella zona matteomazzoli (  ) che si trova nella zona com (Organizzazioni commerciali). L'ultima parola, detta estensione, è di due o tre caratteri. A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  12. 12. Le Estensioni Estensione Significato edu Istruzione (siti di scuole o università) com Organizzazioni commerciali o produttive gov Istituzioni nazionali, federali o governative org Organizzazioni varie (di solito senza scopi di lucro) net Organizzazioni dei fornitori di servizi (ISP o Internet Service Provider) it Dominio dei siti che si trovano in Italia. Analogamente ci sono estensioni per tutti i paesi del mondo: 'fr' per Francia, 'uk' per Regno Unito, 'de' per Germania, 'es' per Spagna, ecc. eu Dominio della Unione Europea A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  13. 13. Estensioni del WWW A questi componenti di base si sono poi aggiunti nel tempo altri componenti che consentono di realizzare pagine web più evolute e dinamiche, ad esempio:  Cascading Style Sheet (CSS): un linguaggio per descrivere gli aspetti di presentazione di una pagina web (font, colori, ecc...)  Client Scripting: un insieme di linguaggi e tecnologie (e.g. JavaScript) per realizzare pagine più complesse e interattive (ad esempio tramite finestre pop-up, ecc...) che contengono del codice che viene eseguito dal browser  Siti web dinamici: il server web non è più un semplice "memorizzatore di pagine" ma esegue applicazioni i cui output sono pagine web. Per questo nascono linguaggi quali Perl, PHP, Pyton e ASP. A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  14. 14. Architetture del WWW Alcune architetture comuni per la realizzazione di siti web sono le seguenti:  Sito web statico: Ogni pagina del sito è memorizzata in un file diverso sul web server in formato HTML. Quando viene richiesta una pagina, il file corrispondente viene inviato al client e visualizzato così com’è dal browser.  Sito web con script: Differisce rispetto all'approccio statico nel fatto che i file HTML possono contenere porzioni di codice (in un linguaggio tipo JavaScript) che verranno eseguite dal browser per creare qualche effetto di dinamicità (controllo sui dati immessi nella pagina, apertura di finestre di dialogo, ecc...)  Sito web dinamico: I server web eseguono programmi che generano le pagine web richieste da un client. Tali programmi spesso interrogano un data-base per ottenere le informazioni che servono per costruire le parti principali delle pagine. A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  15. 15. Architettura di un sito web statico  Il web server ha un archivio di documenti HTML (possibilmente contenti script) che invia al client su richiesta  Il browser (eseguito sul client) visualizza il documento ricevuto (eseguendo eventuali script) A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  16. 16. Architettura di un sito web dinamico  In un sito web dinamico il server web non ha un archivio di pagine, ma esegue un programma (web application) che genera le pagine su richiesta  Tra i linguaggi più usati per le web applications: PHP e ASP  Comunemente la web application interagisce con un database usando opportune librerie ed SQL  Tra i database più usati: MySQL  La combinazione Apache (Web Server) + MySQL + PHP e la più diffusa per la realizzazione di siti web dinamici  Esistono soluzioni "all inclusive" per l'installazione di questa combinazione di software noti come soluzioni LAMP (per Linux) o WAMP (per Windows), dove "AMP" e l'acronimo formato dalle iniziali dei nomi delle tre componenti software  Un esempio di WAMP di semplice utilizzo e poco invasivo è EasyPHP A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  17. 17. Architettura di un sito web dinamico A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  18. 18. Un documento HTML Un documento HTML è semplicemente un file di testo avente estensione .HTM o .htm (tipicamente nei sistemi DOS o Windows) oppure .html (generalmente nei sistemi Unix e Linux) e contenente istruzioni HTML. Inoltre al suo interno ha sempre la stessa struttura di base. Vediamola per gradi. Un documento HTML è sempre delimitato dalle tag <HTML> e </HTML>. Il primo naturalmente indica l'inizio del documento, il secondo la sua fine. Inoltre un documento HTML è provvisto di una testa e di un corpo. Nella testa si inserisce il titolo dell'argomento di cui si parla nel documento HTML ed eventuali altre informazioni, mentre nel corpo si inserisce il suo svolgimento, con testo, disegni, fotografie.... La testa, delimitata dalle tag <HEAD> e </HEAD>, deve sempre precedere il corpo, che a sua volta è delimitato dalle tag <BODY> e </BODY>. Ecco quindi la prima struttura di base di un documento HTML: <HTML> <HEAD>Titolo SITO</HEAD> <BODY>Sito Internet</BODY> </HTML> A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  19. 19. Il PHP  Il PHP è un linguaggio di scripting lato server multipiattaforma nel senso che funziona correttamente su server con diversi sistemi operativi anche se, generalmente, è consigliabile un suo utilizzo su server Linux (che costituisce l‘ambiente nativo di questo linguaggio).  E’ open-source e in rete c’è tantissimo materiale di supporto con esempi pratici e applicazioni perfettamente funzionanti.  Non serve compilare, viene eseguito “al volo”  Il codice è integrato all’interno del codice HTML A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  20. 20. Il PHP - La Storia  Nato nel 1994 ad opera del danese Rasmus Lerdorf, PHP era in origine una raccolta di script CGI che permettevano una facile gestione delle pagine personali  Nel 1995 si evolve diventando un linguaggio di scripting embedded in differenti Web Server  Attualmente (ormai alla versione 5) è stato arricchito con il supporto alla programmazione Object-Oriented e con numerose librerie (tra cui il supporto per MySQL) A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  21. 21. PHP - Perché è usato???  Perché è fondamentalmente cross-platform  Web Server: Apache, Microsoft IIS, Caudium, Netscape Enterprise Server  Sistemi Operativi: UNIX (HP-UX, OpenBSD, Solaris, Linux), Mac OSX, Windows (tutte le versioni..)  Database supportati: Adabas D, dBase, Empress, FilePro (read-only), Hyperwave, IBM DB2, Informix, Ingres, InterBase, FrontBase, mSQL, Direct MS-SQL, MySQL, ODBC, Oracle (OCI7 and OCI8), Ovrimos, PostgreSQL, SQLite, Solid, Sybase, Velocis,Unix dbm A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  22. 22. PHP - Primi Passi … <html> <head> <title>Esempio</title> </head> <body> <?php echo "Ciao, sono uno script PHP!"; ?> </body> </html> _______________________________ Ciao, sono uno script PHP! A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com Definizione dei Tag: apertura <?, <?php chiusura ?>
  23. 23. MySQL MySql è il database relazionale open source più diffuso al mondo. Originariamente sviluppato dalla società svedese TcX per uso interno, MySql costituisce oggi la soluzione ottimale (soprattutto in ambiente Linux) per chi è in cerca di un database veloce, flessibile, affidabile e, soprattutto, gratuito! A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  24. 24. MySQL  MySQL NON va confuso con SQL. SQL è un linguaggio di interrogazione strutturata sviluppato da IBM. MySQL sfrutta SQL per interagire con i dati. Quindi: SQL è un linguaggio, MySQL è un programma.  MySQL NON è un database, ma un sistema di gestione, o più precisamente un DBMS (Database Managment System). Un DBMS può contenere e gestire più database gestendo simultaneamente le richieste di diversi eventi.  MySQL è un prodotto multi-piattaforma: ciò significa che può girare sia in ambiente Linux che Windows A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  25. 25. MySQL  MySQL è open-source: questo significa non solo che è gratuito, ma anche che avete a disposizione il codice sorgente del programma e quindi, se sapete dove mettere le mani, potete modificarlo ed adattarlo alle vostre specifiche esigenze.  MySQL è molto diffuso ed utilizzato nelle applicazioni per il Web. Principalmente viene utilizzato insieme a Php, tuttavia non sono infrequenti utilizzi di MySql con altri linguaggi di scripting server side quali, ad es., Asp, Cgi, Jsp, ecc. A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  26. 26. MySQL A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com Tipi Numerici Interi Tipo Intervallo di valori TINYINT -128 > 127 SMALLINT -32768 > 32767 MEDIUMINT -8388608 > 8388608 INT -2147483648 > 2147483647 BIGINT -9223372036854775808 > 9223372036854775807 Tipi Numerici NON Interi Tipo FLOAT(I,D) DOUBLE(I,D) DECIMAL(I,D)
  27. 27. MySQL A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com Modificatori • AUTO_INCREMENT - Aumenta automaticamente il valore di una colonna aggiungendo 1 al valore massimo. E' opportuno utilizzarlo in combinazione con NOT NULL. Può essere applicato a tutti i tipi numerici interi. • UNSIGNED - un campo contrassegnato con UNSIGNED non accetta valori negativi • ZEROFILL - viene utilizzato per inserire un numero preceduto da una quantità variabile di zeri in base all'ampiezza della colonna. Se per esempio si dichiara un campo INT(10) ZEROFILL e si desidera memorizzare il valore "1234", esso verrà salvato come "0000001234"
  28. 28. MySQL A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com Tipi Dati Stringa Tipo Dimensioni massime CHAR(n) 255 byte VARCHAR(n) 255 byte TINYTEXT 255 byte TINYBLOB 255 byte TEXT 65535 byte BLOB 65535 byte MEDIUMTEXT 1.6 Mb MEDIUMBLOB 1.6 Mb LONGTEXT 4.2 Mb LONGBLOB 4.2 Mb
  29. 29. MySQL A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com Modificatori • BINARY - Può essere utilizzato con CHAR o VARCHAR • DEFAULT - Può essere utilizzato con tutti i tipi di dati (anche quelli numerici) ad eccezione di TEXT e BLOB. Serve per indicare il valore di default del campo. • NULL / NOT NULL - Può essere utilizzato con tutti i tipi di dati (numerici e stringa) • PRIMARY KEY - Può essere utilizzato con tutti i tipi di dati (numerici e stringa) • UNIQUE - Può essere utilizzato con tutti i tipi di dati (numerici e stringa). Con UNIQUE si imposta una regola di unicità, questo significa che nessun dato contenuto nella colonna può essere ripetuto. Ogni dato deve, quindi, essere unico.
  30. 30. MySQL - Esempio A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com CREATE TABLE `clienti` ( `id` mediumint unsigned NOT NULL auto_increment, `nominativo` varchar(100) NOT NULL, `indirizzo` varchar(200) NOT NULL, `telefono` varchar(15) NOT NULL, PRIMARY KEY (`id`) ) ENGINE=MyISAM;
  31. 31. Varie tipologie di siti internet A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com Si distinguono più categorie di siti web, secondo lo scopo perseguito: • I siti vetrina (detti anche siti plaquette o siti identità) sono dei siti il cui obiettivo è di mettere in risalto l'immagine della marca della società, presentando ad esempio i propri prodotti e servizi; • I siti catalogo sono dei siti che puntano a presentare l'offerta aziendale;
  32. 32. Varie tipologie di siti internet A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com • I siti di informazione: sono dei siti che forniscono un'informazione particolare ad un tipo di internauta; • I siti commerciali: sono dei siti che vendono direttamente dei prodotti agli internauti e permettono eventualmente di pagare on line; • I siti istituzionali: sono dei siti che presentano l'organizzazione e i suoi valori. Questo tipo di sito descrive solitamente l'attività dell'ente, le cifre chiave e da le informazioni necessarie ai clienti o ai beneficiari;
  33. 33. Varie tipologie di siti internet A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com • I siti personali (talvolta pagine personali) sono dei siti realizzati da privati per divertimento, spesso per passione ad un argomento o ad una disciplina; • I siti comunitari sono dei siti che riuniscono degli internauti con un interesse in comune. • I siti intranet sono dei siti accessibili dall'interno di un'azienda o di una direzione, con l'obiettivo di mettere a disposizione e condividere delle informazioni professionali.
  34. 34. Il webmaster A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com Viene detto webmaster una persona che si occupa di un sito web, cioè solitamente la persona che concepisce un sito e lo aggiorna. La vita di un sito web ha due componenti principali, ciascuna divisibile in fasi specifiche : • La creazione, che corrisponde alla concretizzazione di un'idea e un sito on line, referenziato e visitato ; • L'utilizzo, che corrisponde alla gestione quotidiana, alla sua evoluzione e aggiornamento.
  35. 35. Il webmaster A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com
  36. 36. Il webmastering A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com L'utilizzo del sito comporta soprattutto le attività seguenti : • Sorveglianza, per assicurare un controllo delle tecnologie, del posizionamento del sito e di quelli concorrenti ; • Promozione, che permette di svilupparne il pubblico ; • Manutenzione e aggiornamento, cioè l'animazione quotidiana del sito e il mantenimento del suo buon funzionamento. La realizzazione di un sito web è quindi un'attività multidisciplinare che richiede molte competenze. Secondo l'organizzazione, la funzione di webmaster potrà andare da quella di capo progetto a quella di « direttore d'orchestra ». Il termine webmastering designa l'insieme dei compiti necessari all'utilizzo di un sito web.
  37. 37. La realizzazione A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com La realizzazione del sito riguarda la creazione delle pagine web e degli elementi grafici. La creazione delle pagine web sta nel creare dei file HTML. Esistono due modi di creare questo tipo di file : • Scrivendo i file HTML « a mano », cioè digitando il codice HTML in un file di testo attraverso un semplice editor di testo. Questa soluzione è la più fastidiosa (nonostante la relativa semplicità del linguaggio HTML), ma rimane tuttavia la migliore per imparare a realizzare un sito • Usando un editor HTML WYSIWYG (What You See Is What You Get, tradotto Quello che vedete è quello che ottenete). Si tratta di un software che permette di creare delle pagine web a livello visivo piazzando degli oggetti e dei controlli. Il software si incarica di generare il codice HTML automaticamente. Si tratta di una soluzione molto pratica per creare delle pagine
  38. 38. …oppure… A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com Nell’epoca del Web 2.0 la voglia di comunicare e di mettersi in rete è in espansione. Community, portali, blog, wiki e forum sono il nostro pane quotidiano per mantenerci aggiornati e comunicare col mondo. Mentre anni fa avere un sito presupponeva conoscere come minimo l’HTML e il Javascript, oggi per poter gestire un sito stylish e funzionale serve solo un pò di praticità e tanta fantasia. Grazie ai CMS -Content Management System-, infatti, la vita del geek è più facile, possiamo infatti permetterci di prestare più attenzione alla completezza e alla correttezza dei contenuti piuttosto che perdere tempo smaneggiando con il codice -anche se, come WordPress insegna, Code Is Poetry.
  39. 39. …oppure… A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com Nell’epoca del Web 2.0 la voglia di comunicare e di mettersi in rete è in espansione. Community, portali, blog, wiki e forum sono il nostro pane quotidiano per mantenerci aggiornati e comunicare col mondo. Mentre anni fa avere un sito presupponeva conoscere come minimo l’HTML e il Javascript, oggi per poter gestire un sito stylish e funzionale serve solo un pò di praticità e tanta fantasia. Grazie ai CMS -Content Management System-, infatti, la vita del geek è più facile, possiamo infatti permetterci di prestare più attenzione alla completezza e alla correttezza dei contenuti piuttosto che perdere tempo smaneggiando con il codice -anche se, come WordPress insegna, Code Is Poetry.
  40. 40. I migliori 10 CMS A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com • WordPress – Non ha bisogno di presentazioni, probabilmente uno dei migliori in assoluto, adatto soprattutto per i blog gestiti da più utenti ma adattabile anche per la costruzione di piccoli portali. Il suo punto di forza è la community di utenti che contribuisce da anni alla creazione di una vasta quantità di plugin e temi. • Drupal – Strumento molto avanzato e completo per la creazione di portali multi-utente. La sua struttura modulare permette agli amministratori più esperti di personalizzare il portale con nuove funzionalità, grazie a moduli aggiungibili al core. • Joomla! – Stilosissimo CMS simile per funzionalità a Drupal, il suo punto di forza sono la stabilit{ e l’affidabilit{ di cui gode grazie alla solida base da cui nascono le sue radici. Joomla infatti è figlia di Mambo dal quale ha tratto il core per poi evolversi modularmente.
  41. 41. I migliori 10 CMS A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com • Xoops – Ottimo strumento per la creazione e la gestione delle comunità virtuali, può anche essere utilizzato come potente base per blog o addirittura come framework per altre applicaizioni grazie alla modularit{ della struttura che permette, a discrezione dell’utente, di personalizzare l’installazione per renderla ad-hoc per le nostre esigenze. • Mediawiki – Mamma di Wikipedia, è la struttura base più completa per creare meravigliosi wiki. Tecnicamente non è un CMS ma solo uno strumento che semplifica la gestione degli wiki. • Frog – Poco conosciuto ma valido e semplice, sia per blog che piccole community. Vanta un pacchetto d’installazione veramente leggero ma ha molte possibilità di personalizzazione anche grazie agli immancabili plugin.
  42. 42. I migliori 10 CMS A cura di Matteo Mazzoli: mazzoli.matteo@gmail.com • Globber – Non ha niente da invidiare alle piattaforme di blogging. La pagina di scrittura dei post è molto originale ed è organizzata al meglio per permettere un approccio molto pratico alla scrittura dei post. • Dotclear – Degno di nota questo CMS francese supportato da una buona comunità di sviluppo. Adattissimo per i blog personali, è dotato di funzionalità che agevolano la lettura attraverso cellulari e PDA. • DocuWiki – Altro valido strumento per la creazione di ottimi wiki dall’aspetto particolarmente professionale. La struttura è quella classica ma il layout è interessante. • Jaws – Nato come framework, si comporta benissimo come CMS. Il progetto è in piena espansione e mira a migliorare l’usabilit{ per gli utenti. Valido strumento per piccoli portali, è completo di vari moduli per la personalizzazione.

×