<ul><li>LA RIVIERA DEL BRENTA </li></ul>
<ul><li>Storia della Riviera Del Brenta </li></ul><ul><li>Burchiello </li></ul><ul><li>Villa Pisani a Stra </li></ul><ul><...
La Riviera del Brenta è un insieme unico di storia, cultura arte e paesaggio, si estende su tutto il Naviglio Brenta dalla...
<ul><li>In riviera vi giunsero i romani e modificarono molto il territorio, praticarono l’agricoltura e costruirono strade...
<ul><li>La riviera fu conquistata dai Longobardi passò ai Franchi e poi ai feudatari locali ma nessuno riuscì ad avere il ...
<ul><li>Grazie a Venezia che era molto potente e </li></ul><ul><li>ai monaci Benedettini, si iniziarono delle operazioni d...
<ul><li>Questi i principali processi che interessarono la Riviera del Brenta:  </li></ul><ul><li>Numerosi tentativi di reg...
<ul><li>Con la caduta della Serenissima nel 1797 e l’arrivo dei francesi ci fu il declino dell’economia di Venezia, che no...
<ul><li>Tra i maggiori esempi di arte in riviera ricordiamo:  </li></ul><ul><li>il cielo affrescato dallo Zalotti nella vi...
<ul><li>La presenza di tutti questi tesori d’arte e la bellezza del fiume richiamavano sempre molti personaggi illustri co...
<ul><li>Le feste più importanti e conosciute in Riviera del Brenta sono: </li></ul><ul><li>il carnevale che in Febbraio si...
<ul><li>La Riviera del Brenta si trova in un’area strategicamente importante perché raggiungibile in pochi minuti dalle ci...
<ul><li>The Cruise Every year from March till October,  Il Burchiello®  cruises along the Brenta River with departure from...
 
<ul><li>VILLA PISANI - STRA </li></ul><ul><li>VILLA FERRETTI ANGELI - DOLO </li></ul><ul><li>VILLA FOSCARI “LA MALCONTENTA...
<ul><li>è uno dei più celebri esempi di villa settecentesca presenti in </li></ul><ul><li>Riviera del Brenta. Sorge a Stra...
<ul><li>Venne costruita a partire dal 1721 su progetto di Girolamo Frigimelica </li></ul><ul><li>e Francesco Maria Preti. ...
<ul><li>Nel 1814 la villa diventò proprietà degli  Asburgo e ospitò </li></ul><ul><li>l’aristocrazia  Europea, da Carlo IV...
<ul><li>IL LABIRINTO : Villa Pisani è </li></ul><ul><li>famosa per il suo Labirinto </li></ul><ul><li>d’amore fatto di  si...
<ul><li>Villa Ferretti-Angeli  è situata a </li></ul><ul><li>Dolo nella frazione di Smbruson, </li></ul><ul><li>lungo la R...
<ul><li>La villa fu voluta dal ramo veneziano dei nobili </li></ul><ul><li>Ferretti di Vicenza alla fine del Cinquecento; ...
<ul><li>Villa Ferretti ha due facciate gemelle, una sul parco e una sul fiume. L'edificio presenta </li></ul><ul><li>Una p...
 
<ul><li>Villa Foscari  detta  La Malcontenta   è stata costruita nel 1559 da Andrea Palladio per i fratelli Nicolò e Alvis...
<ul><li>La villa che Palladio realizzò per i fratelli Nicolò e Alvise Foscari intorno alla fine degli anni 1550, sorge com...
<ul><li>Dal 1973 la villa è ritornata di proprietà, ed è tuttora abitata, dalla Foscari. Nel rispetto della tradizione, l'...
<ul><li>La villa sorge su un alto basamento che separa il piano nobile dal suolo umido e conferisce magnificenza all’edifi...
<ul><li>Le maestose rampe di accesso gemelle imponevano una sorta di percorso cerimoniale agli ospiti in visita: approdati...
<ul><li>www .riviera  del Brenta.it </li></ul><ul><li>www .riviera  del Brenta wikipedia.it </li></ul><ul><li>www.ilburchi...
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

La Riviera del Brenta e la sua storia

2,548

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
2,548
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
21
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

La Riviera del Brenta e la sua storia

  1. 1. <ul><li>LA RIVIERA DEL BRENTA </li></ul>
  2. 2. <ul><li>Storia della Riviera Del Brenta </li></ul><ul><li>Burchiello </li></ul><ul><li>Villa Pisani a Stra </li></ul><ul><li>Villa Ferretti Angeli a Dolo </li></ul><ul><li>VILLA Foscari detta “La Malcontenta” a Mira </li></ul>
  3. 3. La Riviera del Brenta è un insieme unico di storia, cultura arte e paesaggio, si estende su tutto il Naviglio Brenta dalla città di Padova alla laguna di Venezia. La riviera inizia ad esistere intorno al V secolo, da quando ci furono stazionamenti di popolazioni paleovenete. Questa civiltà riuscì a sopravvivere fino al I sec.
  4. 4. <ul><li>In riviera vi giunsero i romani e modificarono molto il territorio, praticarono l’agricoltura e costruirono strade. Intorno al VI sec arrivarono i Longobardi che occuparono stabilmente la zona ad eccezione delle fasce perilagunari che erano controllate dall’impero Romano D’ Oriente. </li></ul>
  5. 5. <ul><li>La riviera fu conquistata dai Longobardi passò ai Franchi e poi ai feudatari locali ma nessuno riuscì ad avere il pieno controllo dell’area. Nell’819 incominciò l’unificazione che partì con la costruzione di un monastero da parte dei monaci Benedettini di Sant’ Ilario nella località di Malcontenta. </li></ul>
  6. 6. <ul><li>Grazie a Venezia che era molto potente e </li></ul><ul><li>ai monaci Benedettini, si iniziarono delle operazioni di bonifica e messa a coltura del territorio che portarono ad un aumento della produzione agricola e una crescita demografica. Nel XIII secolo incominciarono ad emergere le signorie che, con i loro interventi sul territorio per deviare il corso dei fiumi, determinarono la fine del Monastero di S. Ilario e Benedetto, antico avamposto della Serenissima in terraferma. A quel tempo gli eserciti di Padova e di Venezia erano sempre in conflitto per la dominazione del territorio lungo il Brenta. </li></ul>
  7. 7. <ul><li>Questi i principali processi che interessarono la Riviera del Brenta: </li></ul><ul><li>Numerosi tentativi di regolarizzazione dei fiumi per scongiurare il pericolo di interramento della laguna di Venezia. </li></ul><ul><li>L’acquisizione di ampi fondi da parte dei patrizi veneziani. La bellezza del paesaggio e la facile accessibilità, trasformarono la riviera dapprima in susseguirsi di ville-fattoria e tra il ‘600 e il ‘700 in un luogo di villeggiatura. </li></ul>
  8. 8. <ul><li>Con la caduta della Serenissima nel 1797 e l’arrivo dei francesi ci fu il declino dell’economia di Venezia, che non si riflette nella Riviera del Brenta. La riviera mantiene le belle ville, attorniate da giardini con balaustre marmoree, vetri a piombo e opere d’arte. </li></ul>
  9. 9. <ul><li>Tra i maggiori esempi di arte in riviera ricordiamo: </li></ul><ul><li>il cielo affrescato dallo Zalotti nella villa del Palladio a Malcontenta (‘500) </li></ul><ul><li>le Storie di Alcesti ed Admeto di villa Querini a Mira Porte (‘600) </li></ul><ul><li>la rappresentazione dell’ Eneide dipinta dal Ruschi in Villa Venier a Mira (‘600) </li></ul><ul><li>Gli affreschi di Gian Battista Tiepolo in Villa Pisani gli affreschi (‘700) </li></ul>
  10. 10. <ul><li>La presenza di tutti questi tesori d’arte e la bellezza del fiume richiamavano sempre molti personaggi illustri come: Enrico III di Francia, Goldoni, D’annunzio, Casanova e molti altri. </li></ul>
  11. 11. <ul><li>Le feste più importanti e conosciute in Riviera del Brenta sono: </li></ul><ul><li>il carnevale che in Febbraio si festeggia in Villa Pisani </li></ul><ul><li>la Riviera fiorita, regata che si svolge la seconda settimana di settembre </li></ul><ul><li>nel periodo estivo, tra maggio e ottobre, la riviera affascina con i mercatini e le sagre paesane </li></ul>
  12. 12. <ul><li>La Riviera del Brenta si trova in un’area strategicamente importante perché raggiungibile in pochi minuti dalle città di Padova e Venezia. </li></ul><ul><li>La riviera è attraversata dal Naviglio Brenta che inizia a Stra, attraversa Fiesso d’Artico, Dolo e Mira per sfociare a Fusina, l’ultima località della terraferma che si affaccia sulla Laguna di Venezia. </li></ul><ul><li>Oggi il Naviglio Brenta è percorso solo a scopo turistico con diversi tipi di imbarcazioni. </li></ul>
  13. 13. <ul><li>The Cruise Every year from March till October, Il Burchiello® cruises along the Brenta River with departure from Padua or Venice on alternate days. The excursion is highly interesting from the historical, cultural and artistic point of view. Along the Canal we can admire more than fifty villas, once summer residences of the Venetian nobility. While the cruise takes us through some really beautiful spots, we can appreciate the high technological value of the engineering work carried out in order to create this ship canal, allowing the development of civilisation over the years. Along the way, Il Burchiello® stops at three of the most important mansions: Villa Pisani, Barchessa Valmarana or Villa Widmann and Villa Foscari &quot;Malcontenta&quot;.  </li></ul>
  14. 15. <ul><li>VILLA PISANI - STRA </li></ul><ul><li>VILLA FERRETTI ANGELI - DOLO </li></ul><ul><li>VILLA FOSCARI “LA MALCONTENTA” - MIRA </li></ul>
  15. 16. <ul><li>è uno dei più celebri esempi di villa settecentesca presenti in </li></ul><ul><li>Riviera del Brenta. Sorge a Stra, in provincia di </li></ul><ul><li>Venezia, e si affaccia sul Naviglio del Brenta. </li></ul><ul><li>È oggi sede di un museo nazionale, che </li></ul><ul><li>conserva opere d'arte e arredi del </li></ul><ul><li>Settecento e dell'Ottocento. </li></ul>
  16. 17. <ul><li>Venne costruita a partire dal 1721 su progetto di Girolamo Frigimelica </li></ul><ul><li>e Francesco Maria Preti. </li></ul><ul><li>Al suo interno sono visibili opere di Giambattista Tiepolo, Giovanni Battista </li></ul><ul><li>Crosato, Giuseppe Zais, Jacopo Guarana, Carlo Bevilaqua e tanti altri artisti. </li></ul><ul><li>All'epoca della costruzione la Villa contava 114 stanze (ora 168), in </li></ul><ul><li>omaggio al 114° doge di Venezia Alvise Pisani. </li></ul><ul><li>La sua monumentalità ha fatto sì che la villa fosse più volte </li></ul><ul><li>scelta come residenza o come sede per incontri tra monarchi e capi di </li></ul><ul><li>stato o di governo. </li></ul><ul><li>Villa Pisani ha ospitato tra gli altri anche Napoleone Bonaparte che nel 1807 </li></ul><ul><li>la acquistò dalla famiglia Pisani per il vicerè d'Italia Eugène de Beauharnais </li></ul>
  17. 18. <ul><li>Nel 1814 la villa diventò proprietà degli Asburgo e ospitò </li></ul><ul><li>l’aristocrazia Europea, da Carlo IV di Spagna allo Zar </li></ul><ul><li>Alessandro I a Ferdinando II di Borbone, re di Napoli. </li></ul><ul><li>Nel 1866, anno dell'annessione del Veneto al regno </li></ul><ul><li>D’Italia, villa Pisani divenne proprietà dello stato. </li></ul>
  18. 19. <ul><li>IL LABIRINTO : Villa Pisani è </li></ul><ul><li>famosa per il suo Labirinto </li></ul><ul><li>d’amore fatto di siepi di bosso </li></ul><ul><li>(uno dei tre labirinti in siepe </li></ul><ul><li>sopravissuti fino ad oggi in Italia). </li></ul>
  19. 20. <ul><li>Villa Ferretti-Angeli è situata a </li></ul><ul><li>Dolo nella frazione di Smbruson, </li></ul><ul><li>lungo la Riviera del Brenta. </li></ul>
  20. 21. <ul><li>La villa fu voluta dal ramo veneziano dei nobili </li></ul><ul><li>Ferretti di Vicenza alla fine del Cinquecento; il </li></ul><ul><li>progetto è dell'architetto rinascimentale vicentino </li></ul><ul><li>Vincenzo Scamozzi. Dopo essere stata delle </li></ul><ul><li>famiglie Rigoni ed Angeli, nel XIX secolo la villa </li></ul><ul><li>passò alla famiglia Mocenigo, alcuni esponenti </li></ul><ul><li>della quale trovano sepoltura nella cappella </li></ul><ul><li>privata. Subì una certa decadenza nel primo </li></ul><ul><li>Novecento a causa degli eventi bellici, ma nel </li></ul><ul><li>secondo Novecento fu restaurata dalla Montedison </li></ul><ul><li>e, attualmente di proprietà della Provincia di </li></ul><ul><li>Venezia, è stata sede di un liceo fino agli anni </li></ul><ul><li>1990. Ora è sede dell’ENAIP. </li></ul>
  21. 22. <ul><li>Villa Ferretti ha due facciate gemelle, una sul parco e una sul fiume. L'edificio presenta </li></ul><ul><li>Una particolare simmetria architettonica simmetria: due ali laterali si dispongono </li></ul><ul><li>intorno a un corpo centrale rialzato che termina con un grande timpano dentellato. </li></ul><ul><li>Nelle facciate le aperture rettangolari sono intervallate da paraste ioniche a eccezione </li></ul><ul><li>della grande monofora centrale a tutto sesto e con balaustra. La facciata che </li></ul><ul><li>dà sul parco presenta nel timpano uno stemma sostenuto da putti. Elemento </li></ul><ul><li>che rende peculiare l'edificio sono le coppie di cuspidi poste sul tetto, solo sulla </li></ul><ul><li>Facciata che dà sul Brenta. All'interno sono presenti affreschi di Giuseppe Spolaor. I </li></ul><ul><li>restanti edifici del complesso, che con la villa sopra descritta fanno un totale di 2.120 </li></ul><ul><li>metri quadri di superficie, comprendono una cappella privata e il parco. </li></ul>
  22. 24. <ul><li>Villa Foscari detta La Malcontenta è stata costruita nel 1559 da Andrea Palladio per i fratelli Nicolò e Alvise Foscari. Si trova a Malcontenta, località in prossimità di Mira, lungo il Naviglio del Brenta. </li></ul>
  23. 25. <ul><li>La villa che Palladio realizzò per i fratelli Nicolò e Alvise Foscari intorno alla fine degli anni 1550, sorge come un blocco isolato e privo di annessi agricoli lungo il Naviglio del Brenta. Più che come villa-fattoria si configura come residenza suburbana, raggiungibile rapidamente in barca dal centro di Venezia. La famiglia dei committenti è una </li></ul><ul><li>delle più potenti della città, tanto che la residenza ha un carattere maestoso, quasi regale, sconosciuto a tutte le altre ville palladiane, cui contribuisce la splendida decorazione interna, opera di Battista Franco e Gian Battista Zelotti. Studi recenti hanno documentato un intervento dei fratelli Foscari a favore di Palladio per la progettazione di un altare per la chiesa di San Pantalon nel 1555, che testimonierebbe un rapporto precedente alla progettazione della villa. </li></ul>
  24. 26. <ul><li>Dal 1973 la villa è ritornata di proprietà, ed è tuttora abitata, dalla Foscari. Nel rispetto della tradizione, l'edificio è tuttora privo d’illuminazione elettrica e la famiglia utilizza l’illuminazione delle candele. </li></ul>
  25. 27. <ul><li>La villa sorge su un alto basamento che separa il piano nobile dal suolo umido e conferisce magnificenza all’edificio che appare sollevato su un piedistallo come un tempio antico. Nella villa convivono motivi derivanti dalla tradizione classica e in particolare il pronao ionico e le grandi scalinate hanno a modello il tempietto alle foci del Clitumno, ben noto a Palladio. </li></ul>
  26. 28. <ul><li>Le maestose rampe di accesso gemelle imponevano una sorta di percorso cerimoniale agli ospiti in visita: approdati davanti all’edificio, raggiungevano il proprietario che li attendeva al centro del pronao. Un il territorio dove sorgeva la villa era spoglio di alberi così che l’edificio si imponeva ai suoi visitatori con tutta la sua magnificenza. </li></ul>
  27. 29. <ul><li>www .riviera del Brenta.it </li></ul><ul><li>www .riviera del Brenta wikipedia.it </li></ul><ul><li>www.ilburchiello.it </li></ul><ul><li>Altri testi scritti sulla riviera del Brenta. </li></ul>
  1. A particular slide catching your eye?

    Clipping is a handy way to collect important slides you want to go back to later.

×