Your SlideShare is downloading. ×
Terremoti....
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Saving this for later?

Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime - even offline.

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

Terremoti....

290
views

Published on


0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total Views
290
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
6
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. Come facciamo ad avere informazioni sull’interno della Terra?
    • Qualcosa in più sappiamo grazie a:
    • il vulcanismo
    • i processi orogenetici e l’erosione
  • 2. Il vulcanismo ci dà informazioni fino a 40 km di profondità
  • 3. I processi orogenetici e l’erosione mettono a nudo materiali provenienti da oltre 200 km di profondità
  • 4. ...ma il raggio della Terra è pari a 6370 km! Come sappiamo tutto il resto? Grazie allo studio e all’interpretazione delle onde sismiche S e P che si propagano all’interno della Terra
  • 5. Cosa sappiamo sulle onde S e P?
    • La velocità delle due onde non è costante
    • LA VELOCITA’ DI PROPAGAZIONE DELLE ONDE DIPENDE DALLE PROPRIETA’ FISICHE DEI MATERIALI ATTRAVERSATI (T, d, proprietà meccaniche)
  • 6. Cosa sappiamo sulle onde S e P?
    • Al passaggio delle onde P le particelle del materiale attraversato subiscono una variazione di volume
    • LE ONDE S SI PROPAGANO SIA NEI SOLIDI CHE NEI FLUIDI
  • 7. Cosa sappiamo sulle onde S e P?
    • Al passaggio delle onde S le particelle del materiale attraversato subiscono una variazione di forma
    • I fluidi non hanno una forma propria e non offrono resistenza la passaggio delle onde S
    • QUANDO LE ONDE S PASSANO DA UN SOLIDO A UN FLUIDO SI ARRESTANO
  • 8. A causa della curvatura terrestre le onde di volume che si sviluppano dall’ipocentro di un terremoto devono penetrare sempre più in profondità nella Terra per raggiungere punti in superficie sempre più lontani da esso
  • 9. Attraversando la Terra le onde subiscono sbalzi di velocità la velocità dipende dal tipo di materiale attraversato le variazioni di velocità allora sono dovute a variazioni del materiale roccioso attraversato
  • 10. Lo studio delle onde sismiche ci ha permesso di comprendere che la Terra è costituita da tre involucri concentrici: CROSTA MANTELLO NUCLEO separati da superfici di discontinuità
  • 11.  
  • 12. La discontinuità di MOHO tra 5 e 65 km di profondità separa crosta e mantello
  • 13. La discontinuità di GUTENBERG a 2900 km di profondità separa il mantello dal nucleo
  • 14. La ZONA D’OMBRA è una zona della superficie terrestre nella quale non si registrano onde sismiche dirette
  • 15. Nei sismografi posti a distanze maggiori di 103° dall’epicentro non si registrano più arrivi né di onde P né di onde S. A distanze maggiori di 142° ricompaiono le onde P che arrivano però in ritardo. LA MANCANZA DELLE ONDE S INDICA CHE IL NUCLEO E’ COSTITUITO DA MATERIALI FLUIDI
  • 16.
    • La discontinuità di Lehmann a 5100 km di profondità separa nucleo fluido e nucleo solido
  • 17.