Fermiamo la violenza sulle donne
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Fermiamo la violenza sulle donne

on

  • 5,436 views

 

Statistics

Views

Total Views
5,436
Views on SlideShare
5,315
Embed Views
121

Actions

Likes
0
Downloads
16
Comments
0

3 Embeds 121

http://www.ildiavolettodelleposte.it 69
http://www.manzoniweb.it 47
http://www.slideshare.net 5

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Fermiamo la violenza sulle donne Fermiamo la violenza sulle donne Presentation Transcript

  • LA VERITÁ NASCOSTA Istituto S. “A.Manzoni” Suzzara (MN) Liceo Scienze sociali classe:3°SA a.s.2009/2010
  • Quando e perché la scelta del progetto? La classe 3^SA del Liceo delle Scienze sociali, dopo la lettura di una circolare riguardante la partecipazione al bando di concorso dal tema “FERMIAMO LA VIOLENZA CONTRO LE DONNE, insieme è possibile” proposto dalla Commissione Pari Opportunita’ della Provincia di Mantova , ha discusso sull’importanza di questo argomento e così ha deciso di iscriversi perché caldamente interessata al tema. Questo progetto è stato inserito all’interno della codocenza di storia e diritto e con i due insegnanti coinvolti abbiamo iniziato a documentarci………! Con il passare dei giorni e l’approfondimento del tema abbiamo potuto constatare non solo che il problema è vastissimo ma anche che riguarda purtroppo un’alta percentuale di donne. Il percorso è stato coinvolgente, lungo e faticoso, ma alla fine il raggiungimento degli obiettivi prefissati ci ha dato anche molta soddisfazione. “ La verita’ nascosta……….nascondi tu la verita’?”
  • IL PROGETTO È DIVISO IN TRE FASI: I fase Ricerca e Documentazione II fase Conoscenza del problema sul territorio III fase Proposte e progettazione
  • Ricerca e Documentazione
    • Che cosa si intende per violenza
    • Tipi di violenza
    • Violenza domestica e violenza di genere
    • I maggiori pregiudizi legati alla violenza domestica
    • Legislazione o ordinamento giuridico sulla violenza domestica
    • FORZA IMPETUOSA E INCONTROLLATA
    • AZIONE VOLONTARIA, COERCITIVA ED ESERCITATA DA UN SOGGETTO SU UN ALTRO, IN MODO DA DETERMINARLO AD AGIRE CONTRO LA SUA VOLONTA’.
    Dal DIZIONARIO della Lingua italiana G.DEVOTO – G.C.OLI
  • VIOLENZA FISICA VIOLENZA PSICOLOGICA VIOLENZA SESSUALE PRIVAZIONE DALLE RISORSE
  • La violenza fisica è graduata dalle forme più lievi a quelle più gravi: la minaccia di essere colpita fisicamente, l’essere spinta, afferrata o strattonata, l’essere colpita con un oggetto, schiaffeggiata, presa a calci, pugni o a morsi, il tentativo di strangolamento, di soffocamento, di ustione e la minaccia con armi.
  • Si tratta di situazioni in cui la donna è costretta a fare o a subire contro la propria volontà atti sessuali di diverso tipo: tentato stupro, stupro, molestia fisica - sessuale, rapporti sessuali con terzi, rapporti sessuali non desiderati subiti per paura delle conseguenze, attività sessuali degradanti e umilianti. Rientrano in questo tipo di violenza anche la gravidanza e la sterilizzazione forzate, la schiavitù sessuale, le mutilazioni dei genitali femminili, le infezioni deliberate con virus AIDS.
  • Denigrazioni, controllo dei comportamenti, strategie di isolamento, intimidazioni, forti limitazioni economiche imposte dal partner, urla, atti di prepotenza, abusi verbali, ricatti, atti persecutori, stalking.
  • Controllo del reddito familiare, appropriazione del salario della donna, negazione dell’accesso all’educazione o al lavoro, privazione deliberata del cibo, dei vestiti, dei beni essenziali come le medicine .
  •  
  • La violenza domestica è quasi sempre un insieme di aggressioni fisiche, psicologiche e sessuali a cui si accompagnano spesso le deprivazioni economiche. non sono violenza solo le percosse, le ferite o le ossa rotte, ma anche le minacce, gli insulti, i ricatti, le umiliazioni, la derisione, il prendere la donna per scema o per pazza, spesso in presenza di figli terrorizzati, l’impedirle d’incontrare i propri amici o familiari e l’imposizione violenta dei rapporti sessuali. Infatti………
  • La VIOLENZA DOMESTICA… E’ un fenomeno trasversale e universale E’ un fenomeno di rilevanza pubblica E’ un fenomeno difficile da percepire, riconoscere, valutare, ma soprattutto da estirpare Si basa sull’assegnazione di ruoli in funzione del sesso definiti da stereotipi che pongono le donne in situazioni di inferiorità e di sottomissione rispetto agli uomini
  • Il partner violento agisce in modo da creare un clima di tensione e isolamento che si realizza attraverso minacce, denigrazione, controlli, divieti, colpevolizzazione della donna. In questo clima si innescano episodi di violenza che diventano sempre più gravi e frequenti fino a quando la donna, dopo aver messo in atto strategie di sopravvivenza (minimizzazione degli episodi, auto- colpevolizzazione, giustificazione del partner), decide di sottrarsi con richieste di aiuto, fuga, molte volte temporanea, ricorso ad avvocati, forze dell’ordine e servizi nel tentativo di attuare una strategia di intimidazioni e pressioni sul partner. Dopo l’esplosione della violenza e una prima reazione da parte della donna, l’uomo, sentendosi sotto pressione e temendo di perdere la partner, cerca di giustificarsi promettendo un cambiamento. Alla tensione si sostituisce un periodo di idillio familiare definito “luna di miele”, ma a questo segue nuovamente un accumulo di tensione che andrà a provocare un nuovo ciclo di violenze . FASE 1 FASE 2 FASE 3
  • POSSONO ESSERE MOLTO GRAVI
    • Sul Piano Fisico : traumi fisici, cicatrici, danni
    • permanenti alle articolazioni, disturbi alimentari, perdita parziale dell’udito e della vista, disturbi del sonno, disfunzioni sessuali.
            • Sul Piano Psicologico : perdita dell’autostima, ansia, paura, senso di colpa, senso di impotenza, attacchi di panico, depressione e tendenza al suicidio.
    • Sul Piano Relazionale : isolamento, perdita di relazioni amichevoli e lavorative, perdita delle relazioni con l’esterno e di un certo tenore di vita.
  • In realtà la violenza domestica è trasversale e non si verifica solo in determinati contesti familiari, economici e sociali, anzi, spesso il ceto è medio alto…
    • In realtà tanti sono i fattori che permettono alla donna di denunciare la violenza e di interrompere la relazione violenta:
    • Paura di perdere i figli
    • Difficoltà economiche
    • Isolamento
    • Disapprovazione da parte della
    • famiglia
    • Biasimo sociale
    - Pensi che la violenza domestica sia presente solo in contesti familiari culturalmente ed economicamente poveri? - Pensi che i panni sporchi si debbano lavare in famiglia? Ciò che si pensa… Com’è in realtà…
  • - Pensi che dietro un uomo violento ci sia sempre una donna colpevole? - Pensi che, se non c’è violenza fisica, non si possa parlare di violenza vera e propria? - Pensi che l’atto di violenza sia dovuto ad una perdita di controllo occasionale? In realtà l’uomo violento tende ad umiliare la donna, a farla sentire inadeguata a ad attribuirle la colpa della violenza. La violenza non è mai giustificata . In realtà ogni tipo di violenza incide sull’equilibrio psico-fisico della donna. In realtà l’atto di violenza è quasi sempre un atto premeditato poiché risponde alla necessità di controllo sulla donna. SPESSO LA VERITA’…. E’ NASCOSTA
  • La Legge N°154/01 ha aperto una nuova prospettiva di tutela verso la persona convivente che subisce abusi, riconoscendo l'applicazione di misure cautelari , come l'allontanamento dalla casa familiare di chi compie violenza anche in caso di convivenza di fatto. Non solo, questa norma introduce anche nuove misure per contrastare in maniera più incisiva i casi di violenza tra le mura domestiche. Il giudice, inoltre, può sollecitare in maniera rapida l'intervento dei servizi sociali e imporre all'imputato allontanato dal nucleo familiare il pagamento di un assegno per il mantenimento al familiare.
  • Negli ultimi anni anche diverse Regioni hanno legiferato in materia, dotandosi di normative per garantire una maggiore tutela alle donne vittime di violenza in diversi ambiti, da quello familiare a quello lavorativo, promuovendo centri di accoglienza per i soggetti maltrattati. L’Italia non ha ancora realizzato un piano d’azione nazionale per combattere la violenza contro le donne, mentre altri paesi membri dell’Unione Europea hanno già attivato questi piani e realizzato norme specifiche.
  • Conoscenza del problema sul territorio
    • ASL
    • Casa della rosa
    • Telefono rosa
    • Nostra scuola: Istituto statale
    • “ A.Manzoni” Suzzara
    • Intervista al personale del C.I.C.A.V.
    TERRITORIO SCUOLA
  • Dopo una prima documentazione, la ricerca si è rivolta al nostro territorio con l’obbiettivo di conoscere enti pubblici, associazioni, organizzazioni e istituzioni che si occupano del problema. La difficoltà più grande è stata la selezione: Chi chiamare? Chi intervistare? Chi eliminare? ABBIAMO DECISO DI LIMITARE IL CAMPO D’ INDAGINE AL NOSTRO TERRITORIO (BASSO MANTOVANO) INTERPELLANDO GLI ENTI CHE OPERANO CON L’ASL di SUZZARA , per poi restringere ulteriormente il campo e focalizzare l’attenzione e la ricerca soprattutto sulla nostra SCUOLA. Per documentarci in maniera approfondita abbiamo intervistato alcune persone referenti: l’assistente sociale Coghi Laura , la psicologa Anna Maria Carrella dell’ ASL di Suzzara, l’avvocato penalista Ferrari Paola collaboratore dell’ASL, la nostra insegnante Carretta Bianca volontaria dell’Associazione “ Telefono Rosa” e, infine, la psicologa della CARITAS e operatrice della “Casa della Rosa” Acerbi Laura . Risultati sconcertanti !
  • SI OCCUPA dei bisogni socio-sanitari espressi dal cittadino. È intesa come punto di accoglienza sul territorio in grado di fornire informazioni, attivare domande e pratiche, presentare richieste di assistenza che coinvolgono le competenze di più strutture, accogliere reclami. ACCOGLIE non solo donne che hanno subito violenza ma anche coloro che hanno problemi familiari, sessuali, economici, le ragazze madri e le ragazze che non hanno un buon rapporto con la loro famiglia. TIPO DI UTENZA Il numero di donne italiane e straniere che si affida all’ASL è più o meno uguale, ma le straniere hanno problemi più contingenti che vanno dalla mancanza della famiglia rimasta nel paese natale a un eventuale perdita del lavoro, a gravidanze inaspettate. Le donne italiane al contrario hanno problemi più profondi: sono sole, non hanno un buon rapporto né con la famiglia né con i loro partners, ci sono inoltre figli più grandi che maltrattano le loro madri. LE DONNE CHE SI RIVOLGONO chiedono aiuto perché sono arrivate al punto di non riuscire più a sostenere la situazione, quindi non chiedono aiuto al primo maltrattamento, ma prima provano ad eliminare il problema illudendosi che non accadrà più. Hanno poca autostima, si autoconvincono di non essere capaci e in grado di soddisfare il marito. AZIENDA SOCIO-SANITARIA LOCALE
  • Si trova a: Suzzara - Via Marangoni, 4/A Tel.: 0376 506100 - Fax: 0376 506277 Numero verde (gratuito): 800 390088
  • Incontro con l’assistente familiare Coghi Laura e la psicologa Anna Maria Carrella (03/12/2009)
    • Prima di tutto bisogna sensibilizzare l’aiuto alle donne.
    • Il problema è elevato ma non vengono attivati molti servizi per aiutarle.
    • Due donne su quattro vengono maltrattate, hanno problemi diversi e devono intraprendere percorsi lunghi per il recupero della propria dignità e identità.
    • Quasi tutte sono straniere e chiedono esplicitamente aiuto solo dopo aver subito molti maltrattamenti.
    • Le donne italiane chiedono aiuto prima ad amici o parenti mentre quelle straniere sono sole.
    • Occorre aiutarle a ritrovare la fiducia in se stesse e nelle altre persone.
    • E’ emerso che le donne di ceto medio - alto chiedono aiuto più frequentemente ma cercano di trovare anche un accordo con il partner per non uscire dal livello di “benessere economico” di cui godono, spesso per non ledere il prestigio sociale del marito.
    • Le donne di ceto medio - basso generalmente chiedono poca assistenza.
    SPUNTI DI RIFLESSIONE:
  • INCONTRO CON L’AVVOCATO: Paola Ferrari 03/12/2009 Dalla normativa del Codice penale, il Soggetto vittima della violenza può sporgere Querela entro sette giorni dall’accaduto, la denuncia può essere ritirata entro e non oltre tre mesi. Così inizia il “meccanismo giudiziario”: informato il Tribunale, la Procura inizia le indagini, il Pubblico Ministero sentirà la vittima, leggerà i referti del Pronto Soccorso, eventualmente ascoltando anche i medici testimoni, dando inizio all’ iter complesso del Processo. Occorre sapere però che esiste il Principio di garanzia: la persona non è considerata colpevole fino a quando non inizia il processo vero e proprio. Solo da questo momento da indagata diventa imputata. Se la lesione è grave, anche senza denuncia da parte della vittima, soprattutto se si tratta di minori, c’è la PROCEDIBILITA’ D’UFFICIO. Il medico del Pronto Soccorso, per legge, avverte i Carabinieri mandando il referto; la Procura, una volta avvertita, procede automaticamente…! La denuncia in questo caso non è ritirabile perché lo Stato ha il compito e il dovere di tutelare la vittima. SPESSO LE VITTIME NON SONO A CONOSCENZA che ESISTE IL: -GRATUITO PATROCINO: lo Stato paga le spese legali per chi non ha i soldi per permettersi l’avvocato. --- L’ORDINE DI PROTEZIONE: chi è accusato di maltrattamenti/violenze deve essere allontanato dalla famiglia. In sede di SEPARAZIONE: l’ affidamento dei figli non è condiviso ma rimane esclusivo. -REATO DI MALTRATTAMENTO, dal 1930, con il Codice Zanardelli, il maltrattamento veniva considerato reato solo all’interno della famiglia, oggi è considerato tale anche nelle unioni di fatto e/o convivenze. Se la vittima è un MINORE, lo Stato può intervenire per togliere la patria potestà al genitore.
    • Quali sono gli obiettivi, gli scopi e le modalità d’intervento della Associazione per arginare o contrastare il problema della violenza sulle donne? “ Questa Casa accoglie donne vittime di violenza, ma anche tutte coloro che si trovano in situazioni di difficoltà. La Comunità dovrebbe essere vista dalla donne accolte come uno spazio protetto al fine di raggiungere una certa autonomia. La Casa è uno spazio di sosta che può aiutare la donna a reinserirsi nel contesto sociale da cui proviene. Le donne restano qui il tempo necessario per ristabilire un equilibrio fisico, psicologico ed economico: alcune restano fino alla fine del progetto che può durare da alcuni mesi ad alcuni anni.”
    CASA DELLA ROSA - GOITO (MN) REFERENTE PSICOLOGA Caritas ACERBI LAURA 24/11/2009
  • 2. Chi si rivolge alla Casa? “ Vi si rivolgono donne e ragazze in gravidanza che vengono abbandonate dal marito e non hanno un posto dove andare a dormire. Spesso sono con figli o gravide. Molte vivono per strada perchè non hanno buoni rapporti con la famiglia. Spesso le donne accolte non hanno un lavoro perché il meccanismo del maltrattamento passa anche attraverso le segregazioni in casa. Vivere qui per loro significa rompere tutti i ponti. Ci sono attualmente circa 24 donne sia straniere sia italiane di cui 15 necessitano di protezione.”
  • 3. Qual è il numero delle donne che subiscono violenza? “ Il numero delle donne italiane e di quelle straniere è più o meno lo stesso: le donne straniere hanno problemi come la perdita del lavoro, l’abbandono, gravidanze inaspettate; le donne italiane hanno storie più radicate e maggior solitudine. Sono più che altro donne giovani sui 20-35 anni e le donne straniere sono forse più giovani. Negli ultimi due anni su 24 donne che sono entrate 5 provengono dalla zona di Suzzara e dintorni.”
  • 4. In che modo aiutate le donne che chiedono il vostro aiuto? - A ccoglienza protetta: solo le persone autorizzate possono entrare e uscire dalla Casa. Gli ingressi sono sorvegliati. Ciò è necessario perché i mariti tornano spesso a cercarle…. -Individuazione di un percorso personalizzato per affrontare la sofferenza e le difficoltà. - Progetto individuale che prevede : tempi di permanenza nella Casa, collaborazione con il Comune di residenza per il lavoro e l’assistenza sanitaria, raggiungimento dell’autonomia economica e psicologica, reinserimento graduale nella società.
  • 5. In che modo le donne reagiscono alle violenze subite? “ Spesso la loro prima reazione è di riprendere i contatti con chi ha causato loro violenza, soprattutto se è il marito e i figli vogliono vedere il padre. L’atteggiamento più frequente è quello di mantenere il numero di cellulare vecchio, anche se è d’obbligo cambiarlo.” 6. Com’è il loro rapporto con i figli? “ C’è una tutela anche nei confronti dei figli delle donne maltrattate perché c’è il timore di ritorsioni su di loro da parte dell’adulto maltrattante.”
  • “ Per la donna che subisce violenza i confini tra bene e male, ciò che è giusto o ingiusto diventano molto difficili da distinguere. La persona si percepisce speso come fallita, con la paura del marito dietro le spalle e davanti quella dello smarrimento ! Spesso si sente ancora legata affettivamente al partner violento perché senza di Lui, Lei si percepisce come nulla…, invece con Lui ancora è qualcuno anche se equivale a una semplice “cosa”!” 7 Quale percezione ha di sè una donna che ha subito violenza….?
  • 7. Cosa bisognerebbe fare per diminuire il numero di violenze? “ Per ridurre le violenze c’è bisogno di far conoscere le violenze. Di sicuro con delle maggiori campagne d’informazione il problema verrebbe preso più in considerazione.” Si ringrazia: Dott.ssa psicologa Acerbi Laura
  • Tel. 0376 22 56 56 www.telefonorosamantova.it [email_address] ASSOCIAZIONE DI GENERE
  • Opera per sostenere donne italiane e straniere in situazioni di disagio causate da motivi di diversa natura: solitudine, problemi relazionali con il partner e con figure parentali o sul luogo di lavoro, mancanza di progetti personali, violenza fisica, sessuale, psicologica ed economica, separazioni e stalking. Promuove occasioni di incontro e confronto con la cittadinanza attraverso dibattiti, seminari e incontri a tema. Favorisce e Valorizza l’informazione e la formazione della donna mediante incontri, corsi, seminari e convegni. Offre Un centro di ascolto attivo il lunedì e il giovedì, incontri individuali, consulenza legale e psicologica, gruppi di aiuto, biblioteca, laboratorio di lettura e sportello di stalking. Dall’intervista alla nostra prof.ssa Bianca Carretta IL TELEFONO ROSA
  • Alcuni dati relativi all’attività svolta nel 2008
  • Alcuni dati relativi all’attività svolta nel 2008
  • Alcuni dati relativi all’attività svolta nel 2008
  • Nella nostra scuola, al LICEO delle SCIENZE SOCIALI, quanti sanno…?
    • Per rispondere a questa domanda abbiamo sottoposto un QUESTIONARIO ad alcune classi :( 1^,2^,3^,4^,5^)
    • Campione esaminato : 55 alunni
    • A] Conosci il problema attuale della “VIOLENZA SULLE DONNE” presente nella società contemporanea? 1) Nulla 0 2) Poco 10 3) Sufficientemente 29 4) Molto 16
    • B] Conosci dove maggiormente si verifichi questo fenomeno? 1) Famiglia 39 2) Scuola 0 3) Gruppo di amici 9 4) Altro 7
    • C] Conosci le modalità della violenza sulle donne? Quali tra queste è la più frequente? 1) Violenza sessuale: stupro coniugale, molestie sessuali, gravidanza o sterilizzazione forzate, schiavitù sessuale...... 31 2) Violenza fisica: atti violenti, aggressioni, soffocamento, restirizione alla libertà di movimento, botte, imprigionamento…… 13 3) Violenza psicologica: coercizione, intimidazione, minacce gravi, urla, atti di prepotenza, abusi verbali, ricatti, atti persecutori, umiliazioni… 10
    • 4) Privazione delle risorse: controllo del reddito familiare, appropriazione del salario della donna o negazione dell’accesso all’educazione o al lavoro, privazione di beni essenziali quali cibo, vestiti, medicine…… 1
    • D] A quale età le donne subiscono maggiormente le violenze? 1) A tutte le età 24 2) Tra i 10 e i 30 anni 26 3) Tra i 30 e i 60 anni 5 4) Oltre i 60 0
    • E] Perché ancora oggi, nel XXI secolo, alla donna viene “usata violenza”? 1) Non lo so 7 2) Perché è sempre stato così 3 3) Perché la società è ancora “maschilista” 25 4) Perché non hanno ancora pari diritti 8 5) Altro 12
    • F] Perché alcuni uomini hanno la necessità di abusare delle donne? 1) Non lo so 0 2) Perché vogliono avere il
    • controllo della sessualità 5
    • 3) Perché sono deboli ed esercitando la violenza
    • dimostrano a se stessi di non esserlo 37 4) Per motivi sociali, religiosi, culturali 10 5) Altro 3
    • G] Perché molte donne subiscono violenza senza ribellarsi? 1) Non lo so 0 2) Per paura 34 3) Perché non riescono a reagire 15 4) Perché non sono consapevoli
    • dei loro diritti 3 5) Altro 3
    • H] Quali sistemi-strategie si potrebbero adottare per sconfiggere, o almeno arginare queste violenze? 1) Non lo so 2 2) Sensibilizzazione dell’opinione pubblica 2 3) Condannare, denunciare e considerare la violenza sulle donne un
    • reato grave 39 4) Fornire maggiori servizi di sostegno e assistenza per le donne che
    • subiscono violenza 8 5) Finanziamenti economici per l’educazione e la formazione del
    • personale “addetto ai lavori” 2 6) Altro 2
  • … Risultati e considerazioni finali…
    • Ci ha colpito il fatto che molti ragazzi ritengano che la violenza sia quasi esclusivamente sessuale ; crediamo che questo sia un concetto fossilizzato, che non permette di considerare adeguatamente altri tipi di violenza, altrettanto devastanti, come quella psicologica e di privazione delle risorse, che ledono la dignità della persona.
    • Altro dato, per noi da considerare, è la convinzione che la “violenza” sia perpetrata solo su giovani donne. In realtà gran parte delle vittime sono donne sposate o conviventi, casalinghe e madri di famiglia.
    • Per arginare un po’ questo fenomeno dilagante nella nostra società, il provvedimento più efficace sarebbe probabilmente quello di inasprire le pene al fine di ridurre ogni tipo di violenza e di incoraggiare le donne alla denuncia, garantendo loro assistenza e protezione.
    • Infine, secondo l’opinione comune viviamo in una società maschilista, che non tiene in considerazione il ruolo della donna nella sua completezza. E’ ancora vero?
  • C .I. C .A. V. 1) Che cos’ è il C.I.C.A.V. ? Centro informazione, consulenza, ascolto, volontariato. E’ un centro di ascolto rivolto a tutti gli studenti dell’Istituto, composto da una commissione di tre insegnanti: Carretta Bianca , Fornaciari Lorella e Sissa Gianluca 2) Un po’ di storia … ? È presente nella nostra scuola da oltre dieci anni, prima come C.I.C. poi come C.I.C.A.V.
    • 3) Quali sono gli obiettivi/finalità di questo
    • servizio interno alla scuola?
    • FINALITA’:
    • Prevenzione del disagio giovanile
    • Sensibilizzazione di alunni e famiglie sulle problematiche del mondo giovanile
    • Promozione di corretti e sani stili di vita
    • Acquisizione di autostima e benessere psico-fisico degli studenti
    • Risposta ad un bisogno di ascolto degli studenti
    • Individuazione di effettivi casi di disagio con coinvolgimento dei servizi sociali
    • OBIETTIVI:
    • - Lo spazio C.I.C.A.V. ha come obiettivo generale quello di aiuto e superamento delle crisi implicite nel percorso evolutivo di ogni studente, per accompagnarlo in modo consapevole all’età adulta.
    • - Miglioramento delle capacità di osservazione e riflessione ascoltando le proprie emozioni e individuando gli effettivi problemi.
  • 4)Qual è il suo compito specifico? Rispondere al bisogno di ascolto degli studenti attraverso uno sportello durante l’orario scolastico. Individuazione dei casi di disagio e, attraverso incontri periodici con le esperte ASL (psicologhe), attivazione di possibili soluzioni d’intervento. 5) Nell’ascolto delle problematiche degli alunni che usufruiscono di questo servizio, ha rilevato casi familiari che possono rientrare nella violenza domestica/familiare di genere? Sì! 6)Quanti in percentuale sui casi sentiti? 10% circa 7)Ha potuto constatare di che tipo di violenza domestica si trattasse? Sessuale, fisica, psicologica o di privazione delle risorse? Fisica, psicologica e anche sessuale
    • 8) In che modo viene “esternata” dal ragazzo/a che gliene parla?
    • Prima che il ragazzo/a “parli”, occorre “leggere” segnali di disagio possibili, ad esempio un cambiamento di atteggiamento in direzione della chiusura e dell’introversione, oppure il persistere di difficoltà di comunicazione immediata (sguardo sfuggente, scarsità di comunicazione verbale…). Quando il soggetto decide di parlare, superato l’impatto iniziale, manifesta maggior benessere, serenità ed apertura.
    • 9) Quali sono le ragioni, le paure, i sentimenti che la persona prova?
    • Paura e senso di colpa, senso d’impotenza.
    • 10) Come viene aiutato/a? Metodi, strategie, interventi utilizzati per …?
    • Accoglienza, ascolto, sostegno e stimolo a comunicare il problema ad altri adulti o enti di riferimento.
    • 11) Quali sono gli enti che collaborano a questo progetto e, in particolare, per i casi di violenza domestico-familiare?
    • Consultorio, assistenti sociali e psicologi.
  • Progettazione
    • Proposte e suggerimenti
    • Come aiutare le nostre ragazze- donne
    • Perché la realizzazione di un filmato
    • Filmato/spot video
    • Preparazione e stesura: sceneggiatura
    • Montaggio
    • Conclusione: competenze raggiunte
    • Ringraziamenti e foto
  • Le nostre proposte si rivolgono a
    • per una formazione e sensibilizzazione degli studenti
    • COME?
    • con la promozione di assemblee di Istituto e di classe
    • sul tema.
    • con codocenze o nuclei tematici scelti dal Consiglio di
    • classe e proposti agli alunni come percorso educativo e
    • formativo.
    • con il Sito della scuola in cui inserire uno spazio per
    • osservazioni e riflessioni sul tema.
    • con conferenze di esperti aperte alle classi
    • interessate.
    • con un collegamento diretto con un osservatorio sulla
    • discriminazione di genere, se è presente sul territorio
    • del Basso Mantovano.
    • con la formazione degli insegnanti mediante corsi di
    • aggiornamento.
    tutte le Scuole della Provincia di Mantova
  • COMUNI DI SUZZARA E MANTOVA per un intervento sul territorio mediante
    • Sportello anti-violenza presso il Pronto Soccorso.
    • Creazione di un centro di soccorso per violenze sessuali.
    • Più centri anti-violenza e case di accoglienza.
    • Possibile nascita di un Osservatorio sulle violenze di genere.
    • Maggiore collaborazione tra tutte le associazioni di volontariato.
    • Disponibilità di esperti del settore per conferenze, dibattiti, incontri con le scuole.
    • Distribuzione di volantini o manuali tascabili per la sensibilizzazione.
    • Costruzione di un sito collegato all’ASL o all’Ufficio Pari Opportunità con cui le vittime possano mettersi in contatto rimanendo in anonimato.
  • COME AIUTARE LE RAGAZZE-DONNE VITTIME DI VIOLENZE:
    • Crederle e ascoltarle.
    • Mantenere la riservatezza.
    • Non giustificare mai il comportamento violento, anzi condannarlo sempre.
    • Evitare di minimizzare l’episodio violento e di colpevolizzare la vittima.
    • Non giudicare le decisioni della ragazza-donna anche se non le condividiamo.
    • Dare informazioni sui centri antiviolenza: non si può risolvere da soli la situazione violenta.
    • Il 10% DEGLI STUDENTI CHE FREQUENTANO LA NOSTRA SCUOLA SUBISCE MALTRATTAMENTI A DIVERSI LIVELLI….. INCLUSI QUELLI DOMESTICI.
    • NON POTEVAMO TACERE!
    • NON POTEVAMO TACERE!
    • NON POTEVAMO TACERE!
    PERCHE’ LA REALIZZAZIONE DI UN FILMATO PROPRIO SU UN CASO SCOLASTICO….?
  • Per tutto questo abbiamo realizzato un filmato con la sceneggiatura in due versioni : 1)Versione lunga con dialoghi e voce fuori campo (12 minuti) 2)Versione breve solo con voce fuori campo (5 minuti)
  • FILMATI: VERSIONE 1: LA VERITA’ NASCOSTA 11,49’ VERSIONE 2: LA VERITA’ NASCOSTA 5,57’
  • PREPARAZIONE E STESURA: SCENEGGIATURA Che cos’è? La sceneggiatura è un testo destinato ad essere girato o filmato e diventare quindi un film. Costituisce il primo e fondamentale passo nella realizzazione di tutte le opere cinematografiche. Nella sceneggiatura vengono riportati i dialoghi dei personaggi, con alcune indicazioni sulle loro intenzioni, e vengono descritte le azioni e gli ambienti in cui si svolgono.
  • PRIMA VERSIONE: VOCE FUORI CAMPO CON BREVI DIALOGHI Scena 1: Aula Voce fuori campo : Alice era una ragazza solare, allegra e con un ottimo rendimento scolastico. Improvvisamente qualcosa cambiò: i suoi voti peggiorarono, era spesso assente, parlava poco ed era irascibile. L’insegnante di matematica le consegna una verifica andata male, dicendole: Prof. di matematica : Bianchi! Ancora una volta non ci siamo, eh!... Cos’hai?? Sei innamorata?? Eri partita tanto bene… impegnati di più. Non mi diverto a dare insufficienze! Lascia stare gli amici e il fidanzato, devi concentrarti!   (Alice va al posto e ignora l’amica che tenta di parlarle.)   Sara : Ehi, ma cosa ti sta succedendo?? Ultimamente vai male e poi sei anche distante: non esci più, insomma non capisco!! Alice : Lasciami stare! Non puoi capire… Sara : Certo che non posso capire! Se non mi parli!!
  • Scena 2: Spogliatoio palestra Voce fuori campo : Erica e Alice si preparano per la classica partita di pallavolo. Mentre Alice si allaccia le scarpe, Erika nota sulla schiena dell’amica un grosso ematoma…   Erika : Cos’ hai fatto? Alice : Niente… vado perché sono già in ritardo.   Erika le afferra il braccio per farla sedere accanto a sé e, vedendo la smorfia di dolore dell’amica, le alza la manica e scopre un altro livido.   Erika : No, adesso voglio che mi dica cosa ti sta succedendo veramente. Alice : Ma non è niente!! Ma capisci?? Erika alza la maglia ad Alice. Erika : E questo cos’ è? Niente?? Alice si siede sulla panca. Alice : Mio padre… non sempre… ma a volte… si arrabbia e… e insomma vedi… Erika : Oh… (qualche secondo di silenzio) Non puoi farti trattare così!! Devi reagire, devi fare qualcosa… Io… vedrai… ti starò accanto…! Secondo me dobbiamo parlarne con qualche prof.. Questa è una cosa grave…!
  • Scena 3: CLASSE -BAGNO Voce fuori campo : Durante la visione di un film, “Ti do i miei occhi”, che parla della violenza domestica (scena in cui il marito umilia la moglie), Alice si sente male; presa dal disagio corre in bagno e si “accuccia” per terra. La professoressa, insospettita, la raggiunge in bagno e le chiede che cosa non vada. Prof.ssa di filosofia : Sei corsa via così… c’è qualcosa che non va? Alice : No, prof… solo un momento di stanchezza…   La professoressa sta per andarsene ma… Alice : No, prof., non c’è niente che va bene… mio padre, non so perché, ma in questi ultimi mesi mi tratta male… Prof.ssa (allarmata) : Male? In che senso? Alice alza la maglia e mostra gli ematomi…   Voce fuori campo : I cambiamenti non avvengono per caso e, quando si tratta di cambiamenti negativi, si può fare qualcosa per contrastarne gli effetti. Così la professoressa si rivolse al CICAV organizzando un incontro per la ragazza a cui, forse per paura della reazione dell’uomo che le avrebbe dovuto voler bene, ella non si presentò.
  •  
    • Scena 5: CASA
    • Dopo alcuni anni…
    •   La ragazza, ormai diventata
    • adulta, apre la porta di casa…
    • Scritta in sovrimpressione: “Nulla è cambiato, la ragazza umiliata ieri è la donna che subisce ancora oggi!”
    • B) Scritta in sovrimpressione: La scelta è tua…
    • CAMBIARE PUOI !
    • REAGIRE DEVI…!
    • RITORNA AD ESSERE DONNA!!!!!
  • SECONDA VERSIONE: VOCE FUORI CAMPO Scena 1: Aula Alice era una ragazza solare, allegra e con un ottimo rendimento scolastico. Improvvisamente qualcosa cambiò: i suoi voti peggiorarono, era spesso assente, parlava poco ed era irascibile. L’insegnante di matematica mentre le consegna una verifica gravemente insufficiente le dice di studiare di più e la rimprovera per lo scarso impegno sottolineando di trascorrere meno tempo col fidanzato e più sui libri, altrimenti per lei saranno guai. Alice va al posto e ignora l’amica che tenta di parlarle…! Scena 2: Spogliatoio palestra Alice ed Erika si spogliano per la classica partita a pallavolo. Mentre Alice si allaccia le scarpe, Erika nota sulla schiena dell’amica un grosso ematoma…! Erika le afferra il braccio per farla sedere accanto a sé e vedendo la smorfia di dolore dell’amica le alza la manica e scopre un altro livido. Alice si siede sulla panca e comincia a raccontare, non senza qualche titubanza, gli episodi sempre più frequenti con cui suo padre ultimamente la umilia e la maltratta, arrivando addirittura alle botte. Erika esterrefatta e rimanendo sorpresa di questa cosa per lei assurda e incomprensibile oltre che inaccettabile, rimane a fianco dell’amica dandole l’unica cosa che per il momento ha bisogno: il suo sostegno e la sua disponibilità oltre a spronarla a parlare dell’accaduto anche a qualche prof.
  • Scena 3: Classe - bagno Durante la visione di un film, “Ti do i miei occhi”, che parla della violenza domestica (scena in cui il marito umilia la moglie), Alice si sente male e, presa dal disagio, corre in bagno e si “accuccia” per terra. La professoressa, insospettita, la raggiunge in bagno e le chiede che cosa non vada. In un primo momento Alice, a mezza voce, le sussurra che è solo un po’ di stanchezza, ma, mentre la professoressa sta per andarsene, l’abbraccia e scoppia in un pianto disperato. Alice non riesce a parlare ma alza la maglia e le fa vedere i segni evidenti dei maltrattamenti. L’abbraccio si fa più intenso. L’insegnante, preoccupata, conforta Alice chiedendole di raccontare… e le propone, se se la sente, di parlare in sua presenza con alcuni colleghi del C.I.C.A.V.. Organizzato l’incontro Alice tuttavia non si presenta. Scena 4: Presidenza Informata la Preside, vengono convocati i genitori per illustrare loro lo “scarso” rendimento della ragazza e capire se dietro “le quinte” ci sia effettivamente un caso di maltrattamento. Al colloquio, a cui presenziano entrambi i genitori, la ragazza e l’insegnante, si assiste ad una situazione assurda. A rispondere è sempre il padre, che zittisce ripetutamente la madre anche su domande rivolte direttamente alla donna. Egli incolpa la cattiva compagnia che, a suo dire, la figlia sta frequentando. Qualche giorno dopo, in seguito a una telefonata della madre, la Preside viene a sapere che i maltrattamenti sono reali in quanto subiti anche dalla donna. A questo punto vengono informati i Servizi sociali.
    • Scena 5: CASA
    • Dopo alcuni anni…
    •   La ragazza, ormai diventata
    • adulta, apre la porta di casa…
    • Scritta in sovrimpressione: “Nulla è cambiato, la ragazza umiliata ieri è la donna che subisce ancora oggi!”
    • B) Scritta in sovrimpressione: La scelta è tua…
    • CAMBIARE PUOI!
    • REAGIRE DEVI…!
    • RITORNA AD ESSERE DONNA!!!!!
  • MONTAGGIO Che cos’è? Il montaggio è la principale fase della cosiddetta post-produzione di un filmato. Il materiale disponibile viene visionato, analizzato e ricomposto in base ad esigenze narrative, strutturali, ritmiche ed espressive. La "composizione" avviene attraverso tagli e unioni per mezzo di attrezzature meccaniche o informatiche.
  • LE COMPETENZE CHE ABBIAMO RAGGIUNTO ALLA FINE DEL PROGETTO
    • Abbiamo appreso il fenomeno della violenza in tutte le sue forme, dinamiche e conseguenze.
    • Abbiamo imparato a riconoscere i segni della violenza.
    • Abbiamo acquisito gli strumenti necessari per denunciare la violenza.
    • Abbiamo conosciuto gli enti pubblici e le associazioni che operano sul nostro territorio per arginare il problema e ora sappiamo dove siano ubicati, com e lavorino e in che modo contattarli.
    • Abbiamo utilizzato, anche se in modo semplice, metodologie e strumenti di ricerca sociologica.
    • Abbiamo operato con diversi sussidi multimediali : videocamera, macchina digitale, programmi powerpoint, word, excel, audiovisivi, strumenti di registrazione e montaggio filmati.
    • Abbiamo collaborato e lavorato insieme, in gruppi e in coppie, organizzando e distribuendo i lavori da svolgere.
    • Abbiamo offerto qualche spunto di riflessione per contrastare la violenza e per promuovere modelli socio-culturali in cui le funzioni tradizionali di dominio siano percepite come deficit.
  • Un sincero grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato e hanno reso possibile questo progetto
    • Attilio Pavesi per le riprese e il montaggio
    • Antonella Boschini nel ruolo di madre
    • Alberto Facchini nel ruolo di padre
    • Referente C.I.C.A.V.: Bianca Carretta
    • Dirigente Scolastico: Paola Bruschi
    • Psicologa della Caritas e
    • operatrice della Casa della Rosa: Laura Acerbi
    • Psicologa dell’ASL: Annarita Carrella
    • Assistente sociale: Laura Coghi
    • Avvocato penalista: Paola Ferrari
    • Professoressa: Maddalena Bigi
    • Professore: Massimo Soliani
    • La Commissione pari opportunità di Mantova per la proposta
    • La Biblioteca di Pegognaga per l’ utilizzo della sala multimediale
    • Un grazie a tutti coloro che abbiamo dimenticato ….!