Dalla rivoluzione industriale a oggi

5,560 views
5,314 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
5,560
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
94
Actions
Shares
0
Downloads
34
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Dalla rivoluzione industriale a oggi

  1. 1. 1760……………........…………2011 di Er i ka For nasar i & Jenny G uber t oni i
  2. 2. Sommario• Il lavoro• Evoluzione delle tecniche di produzione• Grafico: aumento della produzione dal 1860 ai giorni d’oggi• Le condizioni dei lavoratori• Grafici infortuni sul lavoro• Grafico malattie professionali• Lo sciopero• Alcuni scioperi• Curiosità sul mondo del lavoro di oggi• Bibliografia
  3. 3. IL LAVOROIl lavoro è un’attività produttiva nella quale le persone (impiegati o operai) siimpegnano a prestare le proprie energie fisiche e intellettuali al fine di ricevere unaremunerazione.Il lavoro si distingue in:• lavoro autonomo; • lavoro dipendente.
  4. 4. Evoluzione Delle Tecniche Di ProduzionePrima Rivoluzione Industriale • nasce il sistema di fabbrica;(1760) •nuova fonte di energia: il carbone; •Macchina a vapore; •Divisione del lavoro.Seconda Rivoluzione Industriale • fonte di energia utilizzata è l’elettricità(fine 1800) •Motore a scoppio •Ampliamento delle fabbriche e maggior incidenza sul mercato:si passa da una situazione di libera a concorrenza alla presenza diffusa di situazioni monopolistiche Aumenta la produzione a causa di un aumento di domanda Si ha come conseguenza Portò Produzione di massa Sviluppo del commercio internazionale Per raggiungere l’obiettivo della produzione di massa Taylorismo: mirare al massimo con il minore impiego eliminando i tempi “morti” (inizio 900) Fordismo: i principi del taylorismo vengono applicati nelle fabbriche attraverso la catena di montaggio Consumo di massa (intorno al 1913) Aumenta il salario (inserimento del cottimo)
  5. 5. • richiesta di differenziazione delA metà degli anni ‘70 il fordismo entra in crisi prodotto; • qualità dei prodotti bassa; • carenza di manodopera specializzata; • saturazione del mercato (si produceva di più di quello che veniva richiesto); • cresce la concorrenza dei paesi industrializzati i cui prodotti erano ad alto livello scientifico e tecnologico; • cresce il prezzo del petrolio; • vengono a meno i cambi fissi; ne segue un’instabilità del mercato internazionale. Postfordismo •Flessibilità; (anni ‘80) •Snellimento (outsourcing); •Programmazione della produzione; • invenzione dl microchip; •Specializzazione delle fabbriche; • diffusione dei computer e robot; •Maggior autonomia di decisione per i lavoratori; •Decentramento; •Capacità di adeguarsi a un aumento o diminuzione della domanda. Nascita distretti industriali
  6. 6. Aumento della produzione dal 1860 ai nostri giorniQuesto grafico visualizza l’aumento della produzione industriale indicando sull’asse X l’Anno e sull’asse Y il valore della produzione.
  7. 7. Le condizioni dei lavoratoriDurante la 1a rivoluzione industriale Malattie professionali Lunghi orari di lavoro Salari estremamente bassi Mancanza di sicurezza sul posto di lavoro Come protesta Movimenti dei lavoratori (un esempio il movimento luddista) Diffusione degli scioperi Nascita dei primi sindacati  Trade Unions (1824) Società di Mutuo Soccorso (1848) Camere del Lavoro (1870)
  8. 8. Nel 1913 con il fordismo i lavoratori vennero incentivati nella produzione per l’inserimento del salariocottimo e introduzione di un servizio sanitario e di prevenzione Nel 900 Nascita dei sindacati degli • Confindustria imprenditori •Confcommercio •Confartigianato •Confagricoltura Nascita dei sindacati dei lavoratori CGDL UIL CGIL CISL LIBERA CGIL Nel 1970 Statuto dei Lavoratori • libertà d’opinione del lavoratore; •Tutela alla salute; •Tutela della libertà e dignità del lavoratore; •Libertà di associarsi a sindacati. Nel 1975 introduzione Scala Mobile
  9. 9. Andamento degli infortuni dal 1980 al 1997 e … Il grafico evidenzia gli infortuni, solo quelli denunciati, sul lavoro, prendendo in considerazione Industria e Agricoltura. FONTE:Inail… 2009-2010 Per la prima volta dal dopoguerra il numero dei morti sul lavoro è sceso sotto le mille unità. Anche gli infortuni nel 2010 sono calati del 6.1% rispetto a quelli del 2009.
  10. 10. Malattie professionali dal 1980 al 1997 Il grafico evidenzia le malattie, solo quelle denunciate, sul lavoro, prendendo in considerazione Industria e Agricoltura. FONTE:Inail
  11. 11. Lo ScioperoLo sciopero è l’astensione dal lavoro promossa dai lavoratori a scopo di tutelare ipropri diritti.Ci sono varie tipologie: • generale • settoriale • localeAlcuni scioperi dal XIX al XI secolo
  12. 12. Alcuni scioperi: XVIII-XIX secolo 1904 1919-20 2000 6 maggio 2011 Vari scioperi Vari scioperi Vari scioperi Vari scioperi date ………………………………….. …………………… …………….. …………….perché scioperare? Lunghi turni di lavoro, scarsa Primo sciopero generale. Tagli di stipendi, Inail per la Sciopero generale CGIL sicurezza sul lavoro e soprattutto La protesta partì dai minatori di serrate, malcontento salute e per riassorbire la per salari molto bassi dovuti anche Cagliari che richiedevano un generale dovuto alla sicurezza nei disoccupazione e per gli elevati costi dei macchinari. aumento dell’intervallo per la Prima Guerra Mondiale luoghi di lavoro riconquistare un Un esempio è il movimento mensa e un aumento salariale. modello contrattuale luddista. unitario
  13. 13. Curiosità sul mondo del lavoro di oggi..L’azienda detta il look :•Intimo color carne•Gonne al ginocchio e collant grigi, neri o antracite•Unghie fino a 1,5 millimetri•Colore dei capelli non sgargiante•Non più di sette gioielli•Niente piercing e tatuaggi
  14. 14. BibliografiaArt. 2222 e 2094 Codice Civile (definizione lavoro autonomo e subordinato)“Breve storia del lavoro” di Melvin Kranzberg e Joseph Gies http://www.inftube.com/filosofia/sociologia/SOCIOLOGIA-LIBRO-CRISI-E-TRASF32819.php http://ospitiweb.indire.it/~copc0001/postmoderno/post-fordismo.htm “La costruzione del presente” di Marco Lunari, Stefano Battilossi, Stefano Levati e Simona Mori (evoluzione delle tecniche di produzione) http://www.homolaicus.com/economia/modello_dinamico_01.htm (grafico della produzione) http://it.wikipedia.org/wiki/Sciopero (definizione di sciopero generale, settoriale e locale) http://sapere.it/enciclopedia/sciopero.html Sole 24Ore del 4 marzo 2011 – “Sciopero generale Cgil il 6 maggio” (alcuni scioperi) “La costruzione del presente” di Marco Lunari, Stefano Battilossi, Stefano Levati e Simona Mori “Breve storia del lavoro” di Melvin Kranzberg e Joseph Gies http://it.wikipedia.org/wiki/Statuto_dei_lavoratori http://it.wikipedia.org/wiki/Sindacato (condizioni dei lavoratori) Sole 24Ore del 4 marzo 2011 http://www.ispesl.it/infmp/archivio/g1.htm (grafici su infortuni) http://www.ispesl.it/infmp/Archivio/gmp.htm (grafico malattie professionali) Corriere della sera del 15 dicembre 2010 – “Maglietta della salute e niente tatuaggi. L’azienda detta il look”.

×