Simu ya Solar<br />. Ho scelto di analizzare il primo prodotto perché coniuga due aspetti che reputo interessanti al fine ...
Benchmarking
Benchmarking
Benchmarking
Benchmarking
Benchmarking
Benchmarking
Benchmarking
Benchmarking
Benchmarking
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Benchmarking

394 views
350 views

Published on

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
394
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
14
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Benchmarking

  1. 1. Simu ya Solar<br />. Ho scelto di analizzare il primo prodotto perché coniuga due aspetti che reputo interessanti al fine di capire come possono conciliarsi eco sostenibilità, tecnologia ecosostenibile e riduzione del digital divide tra paesi ricchi e poveri.<br />L’azienda Safarixom in collaborazione con un’azienda cinese, Simu ya Solar ha progettato un cellulare che è stato progettato e distribuito con lo slogan “per i paesi in via di sviluppo. <br />Per le sue peculiarità sembra infatti rivolgersi alle popolazioni che abitano in zone rurali, dove non c’è energia. Il telefono potrebbe quindi diventare un mezzo utile nel permettere la comunicazioni anche nei villaggi più remoti. Ciò permetterebbe non solo di non far sentire più isolati alcune popolazioni ma anche di essere utilizzato qualora ci fosse un tipo di urgenza medica . <br />Il telefono è dimensioni ridotte, dotato di pannelli solari per ricaricarsi, ed è composto da materiale riciclati. Questo oggetto quindi segue due linee principali: una rivolta a diminuire il digital divide l’altra a sensibilizzare la società verso il problema dell’inquinamento.Per poter fornire un oggetto tecnologico alle popolazioni molto povere è necessario tenere in considerazione l’aspetto economico e per cui di cercare di abbattere i costi di produzione e cercare investimenti. Per il progetto di è fatto affidamento a un grande investitore nel territorio africano che ha speso più di 37 miliardi di dollari fino ad ora. Questi investimenti non sono tutti focalizzati nel campo della telefonia ma anche in quello dell’agricoltura e dell’industria. Il telefono si trova ora sul mercato al prezzo di 27 € circa, ma c’è la speranza che i costi di produzione si possano abbattere ulteriormente. <br />Il cellulare nel giro di pochi anni ha raggiunto + 81% di penetrazione nel mercato africano.<br />2. http://technologyrevelation.blogspot.com/2009/01/leco-phone.html<br />Un altro progetto che riguarda la telefonia è stato presentato da Motorola, Renew, questo il nome del mobile, professa la sua eco-sostenibilità in due modi diversi. Innanzitutto il rivestimento esterno del cellulare, lo scheletro di plastica, è interamente ricavato da bottiglie d'acqua riciclate: questa scelta rende inoltre il cellulare al 100% riciclabile una volta si decida di sostituirlo.<br /> Questo sembra il vantaggio più interessante, uno dei problemi maggiori che riguardano la sostenibilità degli oggetti ecologici è infatti il difficile smaltimento dei telefonini e la loro difficoltà a essere riciclati sono una delle loro caratteristiche più inquinanti. <br />La novità rispetto alla proposta Nokia, è che coloro che hanno progettato il telefono hanno pensato anche di includere nella scatola una busta già affrancata con cui rimandare il telefono al produttore una volta terminato il suo ciclo di vita. Anche il packaging e la documentazione con cui è venduto il cellulare sono stati ridotti del 22% e prodotti al 100% con carta riciclata.Altra caratteristica inedita è la decisione dell’azienda di rendere l'intera produzione carbon-free. Attraverso una joint-venture con la società Carbonfund.org, la produzione, la distribuzione e addirittura l'utilizzo di ogni singolo modello del Renew sono a emissioni zero. In altre parole, Motorola pagherà per bilanciare, attraverso Carbonfund, le emissioni prodotte con una serie di iniziative a sfondo ambientale: riforestazione, investimenti su tecnologie di trattenuta del carbonio e energie rinnovabili, etc.<br />Il problema in questo caso è che per quanto sia positivo il fatto di volere in qualche modo bilanciare bisognerebbe pensare a come tali emissioni potrebbero essere ridotte sin dall’origine anche perché questo investimento ha portato Motorola ad aumentare il prezzo del telefono , in questo modo sarebbero i consumatori a pagare per le emissioni e non la società. <br />3.Wsis<br />Un altro progetto che ho reputato interessante tra quelli che cercano di coniugare tecnologia con eco sostenibilità riguarda Wsis. Si tratta di un computer creato per essere utilizzato soprattutto nei paesi del terzo mondo, si alimenta con la manovella e costa 100 dollari. Il design è essenziale ma utile perché pensato al funzionamento in tutti i tipi di condizioni , sia in ambienti esterni che interni. I design infatti hanno progettato non solo la manovella che permette di ricaricarlo in ogni luogo, ma anche un rivestimento antiurto e antipolvere. <br />Creato per colmare il Gap informatico tra nord e sud del mondo. I sei paesi , brasile, africa, cina , Thailandia, egitto india, potranno acquistar il computer per scopi esclusivamente educativi.<br />Il problema è che i Governi dovrebbero essere disposti a investire per acquistare un ordine che permetta di essere distribuito a un numero esiguo di persone.<br />Un altro problema sarà il collegamento a internet, non essendo compreso nel computer e non essendoci reti liberi, gli utenti dovranno pagarsi il collegamento e anche essere dotati di una linea telefonica, quetione che risulta molto difficile in quelle parti del mondo in cui manca anche l’elettricità.<br />Un altro problema che si pone è il fatto che in quei paesi vi è necessità di avere dei soldi per la sopravvivenza per cui ci sarà la tentazione di rivendere un oggetto che è stato fornito gratuitamente.<br />Il Brasile pone un altro problema sulla distribuzione dei pc, infatti, il target a cui saranno donati non sono i brasiliani più poveri ma quelli che hanno un reddito e sono in grado di pagarsi il collegamento internet e la bolletta telefonica. Nel momento in cui si escludono già dei segmenti di popolazioni si rischia di creare un ulteriore divario digitale.<br />Per poter avere un maggiore impatto sarebbe necessario non solo fornire il pc e accertarsi di creare una linea internet gratuita al quale essi possano collegarsi ma anche istituire dei corsi che permettono l’apprendimento delle funzioni dei computer dato che sono rivolti a un pubblico vergine per quel che concerne le nuove tecnologie.<br />4.Smart Grid<br />http://www.enel.it/azienda/ricerca_sviluppo/dossier_rs/smart_grid/<br />La smart grid risulta essere una rete affidabile, è una rete pensata per accogliere tutte le opzioni energetiche possibili. Attualmente le reti esistenti sono passive perché si limitano a distribuire l’energia prodotta dalle centrali. La tecnologia delle Smart Grid si propone di essere una nuova rete che cerca di gestire l’impatto ambientale, cercando di essere una rete attiva, cioè non sarà una rete che riceve energia a monte e la distribuisce alla valle, ma incorporerà anche dei flussi di energia in entrata. Quello che si propone questa rete è quello di riprendere ciò che avviene nella rete Internet, in modo che i differenti utilizzatori, interrogandosi e scambiando le opportune informazioni, possano definire localmente i flussi di energia, nel rispetto dei vincoli tecnici e di sicurezza.Questa rete potrebbe essere vantaggiosa da utilizzare anche nei paesi in cui vi sono problemi economici e che sono soggetti a calamità. La Smart Grid infatti è resistente anche ai disastri naturali ed è economica perché opera secondo le leggi base di domanda ed offerta, garantendo, in un mercato aperto, il prezzo migliore.<br />Un problema che riguarda una rete concepita in tal modo è che vi sono dei vincoli tecnici legati alla possibilità di controllare migliaia di piccoli generatori, di prevenire la produzione, di gestire i flussi di energia, il tutto in maniera efficiente.<br />Inoltre un altro problema potrebbe sorgere nella ricerca degli investimenti per giungere alle nuove reti e nel ricercare un’azione congiunta tra settore pubblico e privato e il coinvolgimento dei consumatori. <br />Le tecnologie ci sono, la ricerca va avanti ed affina sempre di più i sistemi rendendoli via via più efficienti e promettenti, ma la rete distributiva paneuropea (e la situazione degli altri continenti non è migliore) non è adeguata a supportare una reale crescita. Per una espansione della rete elettrica e una relativa espansione della generazione di energie rinnovabili a livello nazionale, europeo e nei paesi confinanti con l’Europa è necessario un chiaro accordo politico che favorisca il nascere di validi business models e quindi attrarre investitori.<br />5. Green Box: la casa del futuro<br />Sostenibile, trasportabile, trasformabile, veloce…ed economica!<br />Il progetto opera dell’architetto Luis de Garrido sembra finalmente fornire una risposta a tutte le esigenze dell’uomo moderno.  Anzitutto il rispetto per l’ambiente.<br />La Green Box è la prima Casa-Giardino modulare, prefabbricata, riutilizzabile, trasportabile, con ciclo di vita infinito, bioclimatica, con un consumo energetico zero e che non genera residui. La particolarità è il tetto è coperto da un giardino inclinato e verticale che permette alla casa di integrarsi con l’ambiente circostante. <br />La parte più interessante è la modularità della costruzione, infatti può essere eretta in solo due settimane e per farlo è necessario solo il lavoro di 5 persone. Inoltre è possibile ingrandire o rimpiciolire la Green Box a seconda del numero di persone o delle esigenze. Il costo, di 550 euro al metro quadro, per quanto sia inferiore rispetto alle abitazioni tradizionale è sempre elevate se si pensa di poterla utilizzare per favorire le popolazioni che necessitano di un’abitazione. <br />Altro elemento da sottolineare è la struttura architettonica interna che permette di poter adattare la Green_ house in residenza, ufficio, museo, scuola. <br />Innovazioni di Green Box:<br />Ciclo di vita infinito<br />Trasportabilità. Per pezzi indipendenti<br />Eliminazione assoluta dei residui<br />Flessibilità estrema<br />Industrializzazione totale<br />Alto grado di bioclimatismo<br />Autosufficienza energetica<br />Giardino verticale doppio (su entrambe le facce di un muro)<br />Giardino verticale smontabile e trasportabile per moduli<br />Disegno del giardino autoctono del tetto giardino<br />Disegno del tetto giardino inclinato come continuità del suolo circostante (100% edificazione -Utilizzo dei nuovi prodotti ecologici 100% zona verde)<br />Rivestimenti interni riutilizzabili<br />Utilizzo dei nuovi prodotti ecologici<br />Struttura trasportabile, a base de pannelli di cemento e profili metallici<br />Fondamenta trasportabili<br />Prezzo basso<br />6. mulino a vento<br />Un progetto interessante è quello che è stato portato a termine dall’University of Technology di Delf che ha realizzato un mulino a vento in grado di rendere potabile l’acqua degli oceani senza utilizzare elettricità. In questo mulino infatti c’è un generatore eolico che fa funzionare una pompa che porta l’acqua marina ad una membrana ad osmosi inversa che grazie all’elevata pressione riesce a filtrare ed eliminare il sale lasciando passare solo l’acqua dolce. In molti paesi poveri dove vi è la siccità questo mulino potrebbe essere la soluzione dato che da un mulino si possono ricavare circa 10 metri cubi di acqua al giorno. In questo modo sarebbe possibile anche solo con pochi mulini e serbatoi avere una quantità d’acqua necessaria per soddisfare un certo numero di abitanti. I mulini sono ancora in una fase di sviluppo ma trovo che esso sia un importante progetto dal momento in cui potrebbe essere utilizzati in piccoli villaggi aridi o isolate zone costiere. Potrebbe essere una buona soluzione per i paesi del terzo mondo dal momento che sarebbe in grado di dissetare fino a 500 persone in una sola giornata. <br />7- Solio<br />Altro oggetto di design che ho trovato particolarmente interessante da analizzare è Solio, un apparecchio che coniuga esigenze di comodità, design e strasportabilità.<br />E’ un caricabatterie solare portatile che consente di ricaricare tutti gli apparecchi elettronici a prescindere dal posto in cui ci troviamo. L’oggetto è studiato nel design che è accattivante e particolare, le dimensioni di circa 12X6 cm di larghezza e 3cm di spessore permettono di portare l’oggetto ovunque, anche perché si chiude in maniera tale da portar essere comodamente inserito in una custodia. <br />La facilità di utilizzo è immediata, basta aprire le tre pale , in ognuna di esse è presente un pannello solare , e esporre l’apparecchio al sole. <br />L’unico problema che ha questo apparecchio è il fatto di dover essere puntato in linea retta col sole per farlo funzionare, è necessario per cui non solo posizionarlo bene inizialmente ma ricordarsi di spostarlo in concomitanza con il muoversi dei raggi solari. <br />Ha il pregio oltre a essere comodo e funzionale di spegnersi automaticamente quando si è caricato completamente , di poter essere utilizzato anche con una giornata nuvolosa, e mantenersi ,una volta caricato, per circa sei mesi sempre in carica.<br />Solio fa parte di un progetto più ampio di sviluppo sostenibile, quindi viene presentato come " carbon neutral" : l'anidride carbonica rilasciata durante la sua produzione viene idealmente compensata con la piantumazione di alberi in foreste biodiversificate. I suoi componenti sono facilmente riciclabili una volta che abbia terminato il suo ciclo vitale. <br />Il problema è che essendo un oggetto di design innovativo, ha un alto costo, viene venduto sul mercato a circa 66€ . <br />8. La lavatrice a noci<br />http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/07_dicembre_05/lavatrice_ecologica_sapone_59c0b06e-a331-11dc-8831-0003ba99c53b.shtml<br />Un oggetto eco tecnologico che ho trovato particolare interessante da analizzare è la lavatrice a noci, si tratta di una lavatrice che non utilizza detersivi inquinanti ma funziona con le noci.<br />Utilizza per i lavaggi le noci di Sapindus mokorossi, una pianta che in India è già nota per le sue proprietà detergenti. Nel guscio della noce è resente uan buona quantità di saponina, che permetterà non solo di detergere ma anche disinfettare. <br />Questa lavatrice ora a essere ecologica permette anche di risparmiare sui costi di confezionamento, produzione e trasporto dei tradizionali detersivi. Un Kg di noci basta per un anno intero. <br />Questa lavatrice potrebbe essere l’ideale per i paesi in via di sviluppo, soprattutto se una volta immessa nel mercato avesse un prezzo basso e ci fosse la possibilità di utilizzare senza energia elettrica. Una volta acquistata la lavatrice basterebbe solo procurarsi le noci, bisogna considerare al consumatore un Kg di noci, che costa 20 €, basta per un anno intero per una famiglia che fa tre bucati a settimana. Un’altra peculiarità che trovo interessante di questo progetto è il fatto che le noci disinfettano gli indumenti e sono perfetti per chi soffre di allergie o problemi alla pelle. <br />9. Solar icemaker<br />Un altro oggetto che è stato progettato per i Paesi in via di sviluppo è il Solar Icemaker. Si tratta di una macchina che fabbrica ghiaccio utilizzando l’energia solare. Attraverso un procedimento basato su un liquido refrigerante che evapora quando viene esposto al sole. Il vapore attraversa dei tubi che raffreddano un materiale assorbente presente nella macchina. Raggiunti i 40° il refrigeratore torna allo stato liquido e la sua temperatura scende a causa della differenza di pressione. Al termine di questo ciclo si mette l’acqua vicino all’evaporatore e si ottiene il ghiaccio.<br />La macchina potrebbe essere utile in quei paesi in cui non c’è l’accesso alla rete elettrica per dare la possibilità ad esempio di conservare i cibi raccolti.<br />

×