• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
Mauro Maia: Presentazione GAD 2012
 

Mauro Maia: Presentazione GAD 2012

on

  • 110 views

Nell'ambito della Global Airport Development Conference tenutasi l'8 novembre 2012 a Parigi, Mauro Maia (senior partner di F2i specializzato nei settori delle TLC ed aeroportuale), presenta F2i, ...

Nell'ambito della Global Airport Development Conference tenutasi l'8 novembre 2012 a Parigi, Mauro Maia (senior partner di F2i specializzato nei settori delle TLC ed aeroportuale), presenta F2i, delineando un quadro dello scenario aeroportuale nazionale.
Dopo una descrizione dell'azionariato e della mission di F2i, Mauro Maia descrive quali sono le principali caratteristiche ed opportunità del settore aeroportuale italiano.

Statistics

Views

Total Views
110
Views on SlideShare
110
Embed Views
0

Actions

Likes
1
Downloads
3
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

    Mauro Maia: Presentazione GAD 2012 Mauro Maia: Presentazione GAD 2012 Presentation Transcript

    • Conferenza 2012 sullo sviluppo aeroportuale globale Industria aeroportuale italiana Dr. Mauro Maia F2i, Senior Partner Parigi, 8 Novembre 2012
    • Indice 2 1. Presentazione di F2i pag. 3 2. Il secondo Fondo F2i pag. 15 3. L’industria aeroportuale italiana pag. 22 4. Nuove opportunità nel settore aeroportuale pag. 25
    • 3 Presentazione di F2i
    • La storia di F2i ‒ Nei primi anni ’90 l’Italia ha avviato un ampio programma di privatizzazioni che ha interessato alcune delle principali società del settore manifatturiero e delle infrastrutture del paese (alimentare, oil & gas, telecomunicazioni, energia, aeroporti e autostrade) ‒ Tuttavia, il risultato del programma di privatizzazione è stato vario: ‒ Le privatizzazioni realizzate attraverso offerte pubbliche di quote hanno portato alla creazione di grandi società efficienti che sono oggi tra i soggetti più attivi sui mercati nazionali e internazionali (ENI, ENEL, Terna e Snam Rete Gas) ‒ Le privatizzazioni realizzate attraverso la vendita a “investitori strategici” hanno finito per generare una struttura di azionariato orientata verso famiglie private che non sono riuscite a comprendere appieno la natura “pubblica” delle infrastrutture, riducendo gli investimenti e finendo per limitare la crescita di queste compagnie (Telecom Italia, Autostrade, Aeroporti di Roma) ‒ F2i è nata dalla condivisione da parte delle principali istituzioni del Paese e del suo management team della convinzione che un fondo infrastrutturale di lungo periodo, istituzionale e gestito professionalmente potesse offrire lo strumento ideale per dotare le società infrastrutturali italiane di un azionariato stabile che potesse perseguire una strategia coerente; ‒ Orientamento di lungo periodo ‒ Focus sulla creazione di grandi “campioni nazionali” che possano reinvestire i loro flussi di cassa nello sviluppo di infrastrutture ‒ Obiettivi di massima efficienza, qualità dei servizi, investimenti, lungo periodo, crescita e performance finanziaria
    • La posizione di F2i nel mercato infrastrutturale italiano ‒ F2i è stata quindi creata nel 2007 dalle principali istituzioni pubbliche e istituzioni finanziarie private italiane per diventare il principale investitore in infrastrutture italiane ‒ I suoi sponsor includono: la banca di proprietà statale Cassa Depositi e Prestiti; le due maggiori banche italiane (Banca Intesa San Paolo e Unicredit); alcune delle principali fondazioni bancarie; due fondi pensione italiani ‒ Con una raccolta fondi pari €1,85 miliardi, F2i I è il principale fondo di private equity italiano e uno dei maggiori fondi del paese dedicati alle infrastrutture ‒ Il successo della proposta di F2i è sostenuto dai risultati su entrambi i fronti: raccolta fondi e investimenti ‒ Nel raccogliere capitale, F2i è stata capace di attirare notevoli somme di denaro pubblico e privato nonostante la grave crisi finanziaria internazionale (concetto anti-ciclico e difensivo) ‒ F2i sta dimostrando di essere considerato il principale investitore italiano negli asset infrastrutturali strategici del Paese ‒ F2i sta ora lanciando il suo Secondo Fondo: il 2 ottobre 2012, F2i ha concluso la sua prima vendita per €575MM (obiettivo dimensione totale del fondo €1,2 miliardi).
    • ‒ In un periodo di investimento di soli tre anni, F2i I ha investito in 12 società. Dopo due cessioni e l’accorpamento di tre società nel settore della distribuzione del gas, F2i ha attualmente 8 investimenti (investimento totale di circa €1,6 miliardi, pari all’87,5% dell’ammontare totale del fondo) in società operanti in sei settori infrastrutturali chiave: distribuzione gas, trasporti (aeroporti e autostrade), acqua, energie rinnovabili (eolico e fotovoltaico) e telecomunicazioni ‒ F2i ha intrapreso una strategia di consolidamento/accorpamento in questi settori, che punta a creare operatori infrastrutturali nazionali di primo livello ‒ F2i adotta una strategia equilibrata di leverage per massimizzare il ritorno sull’investimento e per modulare il ritiro di fondi da parte degli investitori ‒ Il ritiro di fondi da parte degli investitori ammonta attualmente a € 1.130 milioni, rappresentando il 61% dell’ammontare totale del fondo ‒ F2i ha gestito attivamente e razionalizzato il proprio portafoglio attraverso la cessione (a profitto vs costo) di quelle partecipazioni che non potevano più essere considerate chiave (es. il centro logistico Interporto Rivalta Scrivia e l’investimento greenfield sullo stoccaggio gas di Enel Stoccaggi) ‒ Focus su investimenti ad alta generazione di liquidi e ad alto potenziale di distribuzione dividendi. Il primo dividendo è stato pagato agli investitori con 2 anni di anticipo sul business plan del fondo. o Dividendi distribuiti agli investitori superiori a € 82 milioni nel 2010 e nel 2011 (rendimento “cash on cash” del 4,8%) o F2i è stata in grado di non richiedere le quote di gestione agli investitori dal secondo semestre 2010 La posizione di F2i nel mercato infrastrutturale italiano
    • 7 Investitori 1/2 CDP F2i – Fondo Italiano per le Infrastrutture 2 banche (1 investitore chiave) 2 principali banche italiane 19 altre fondazioni (2 investitori chiave) 1 banca internazionale 3 compagnie di assicurazioni (3 investitori chiave) 10 istituzioni di sicurezza sociale e fondi pensione (4 investitori chiave ) 3 investitori istituzionali 2 altre banche (1 investitore chiave) Investitori italiani Investitori internazionali 6 tra le principali fondazioni italiane 2 istituzioni di sicurezza sociale Azionariato SGR (Soci accomandatari o sponsor) (Soci accomandanti)
    • Investitori F2i 2/2 8 Investors Number of entities Amounts (€ mln) % of the Fund Banks 7 593 32,02% Pension Funds 13 487 26,30% Banking Foundations 25 439 23,70% Insurance Companies 4 175 9,45% Sovereign Financial Institutions (CDP) 1 150 8,10% Sponsor & Management n.a. 8 0,43% Total 1.852 100% numero di entità Importi (milioni €) % del Fondo ne ancarie i Assicurazioni nanziarie di Stato (CDP) anagement
    • Forte impegno e sostegno verso il capitale 9  I due principali gruppi bancari italiani, con più di 10,000 filiali in Italia e asset totali per €1,500mld  Il Governo italiano attraverso CDP (di proprietà del Governo Italiano per il 70%), leader nel finanziamento dei governi locali e regionali in Italia, con una quota di mercato del 29%  Attori finanziari internazionali con una presenza e un’esperienza forti e riconosciute in Italia  Rappresentanti qualificati dei principali investitori internazionali in Italia (fondazioni bancarie e fondi pensione professionali)  Sponsor che forniscono €938mld  Impegni totali che hanno già raggiunto €1.85mld  Combinazione di relazioni locali e esperienza globale  F2i può beneficiare del pieno sostegno dei propri sponsor  F2i è il principale partner per investimenti in infrastrutture in Italia 7 Fondazioni bancarie 2 Fondi pensione italiani Part of Group Gruppo principale di sponsor:
    • Riassunto dei dati chiave 10  Dimensione: €1.85mld  Durata: fino a 15 (+3) anni (aspettativa di vita media 7,5 anni)  Periodo di investimento: 4 (+2) anni  Struttura Legale: tipica società a responsabilità limitata  Società di gestione: F2i SGR  Investimenti greenfield limitati a <20% del fondo  Asset singoli limitati a <15% del fondo  Opportunità nelle infrastrutture italiane: o Porti e aeroporti o Autostrade o Infrastrutture elettricità e gas o Utilities o Infrastrutture di telecomunicazione o Altre infrastrutture (PPP, acqua, ferrovie, …)  Equity o quasi-equity  Interesse di maggioranza o di minoranza influente Caratteristiche del fondo Focus investimenti Regole di diversificazione Ritorno sull’investimento  Target minimo di ritorno* (“hurdle rate”) : IRR = 8% annuale lordo (in media)  Target di ritorno vantaggioso: IRR = 12- 15% annuale lordo (come da Business Plan del fondo)  Dividendo garantito per il periodo di durata del fondo
    • Profilo di F2i 11  Acquisire aree industriali esistenti (brownfield) regolamentate, messe in vendita da soggetti sia pubblici sia privati  Garantire la gestione industriale delle società promuovendo efficienza e sviluppo manageriale  Promuovere processi di aggregazione, in settori molto frammentati con alto potenziale di crescita  Coinvolgere i management team delle società, come azionisti di medio periodo  F2i ha un profilo istituzionale che garantisce una partnership stabile e di lungo periodo senza speculazione. Questo rende il Fondo un partner ideale per soggetti sia pubblici sia privati. Tra le altre cose, F2i è in grado di:
    • Il portafoglio investimenti di F2i Commited (M€) Draw (M€) % 75% 85,2% 100% 100% 100% 40,0% 40,0% 100% 100% 70,0% 29,8% 87,5% 61,4% 15,7% 100% 49,8% 26,3% * It includes the participation in Software Design. ** Closing attended. 1.591 1.124 71% Dismissed participation in IRS 29 29 2 2 Transaction costs 37 37 Management fees 27 27 TOTALE 1.685 1.219 72% Infracis 53 31 58% 100% 2i G as 71 71 100% Dismissed participation in Enel stoccaggi 0% 18 100% 0% SEA 385 385 100% Saster Net 18 F2i Energie Rinnovabili HFV 50 37 75% F2i Reti TLC Metroweb 203 140 69% F2i Aeroporti F2i Sistema Aeroportuale Campano G ESAC* 95 28 F2i Rete Idrica Italiana Mediterranea delle Acque 235 5 2% F2i Reti Italia ENEL Rete G as 279 279 100%G 6 Rete G as 68 68 Alerion Clean Power 78 64 82% 29% Progetti Link (residuo pilota) e Moon** 20 0 Rete idrica Parma** 35 0 GAS WATER AIRPORTS TLC RENEWABLES TRANSPORTATION GAS ACQUA AEROPORTI TELECOMUNICAZIONI RINNOVABILI TRASPORTI * Include la partecipazione nel software design ** in attesa di vendita Impegnati (M€) Partecipazione ceduta in IRS Partecipazione ceduta in Enel stoccaggi Costi di transazione Oneri di gestione
    • La strategia di F2i nei suoi settori di investimento F2i si sta concetnrando su settori chiave delle infrastrutture italiane, puntando a creare “campioni nazionali” attraverso una crescita organica e operazioni di M&A. Le società del portafoglio di F2i ambiscono a diventare leader nei rispettivi settori in termini di dimensioni, efficienza, qualità dei servizi, piani di investimento e performance finanziaria. GAS Creare il più grande operatore indipendente europeo della distribuzione del gas ed essere un consolidatore in un settore sottoposto a un processo di razionalizzazione. RINNOVABILI Creare due attori indipendenti forti nei due principali segmenti del settore delle rinnovabili (eolico e fotovoltaico) TRASPORTI Entrare nel settore autostradale e diventare uno stakeholder di riferimento per le società con un azionariato estremamente frammentato ACQUA Creare un “campione nazionale” in un settore strategico che richiede un investimento significativo per l’upgrade della rete esistente e il completamento della rete idrica nazionale AEROPORTI Perseguire una strategia di consolidamento in un settore caratterizzato da una marcata frammentazione e da una forte presenza del settore pubblico ENEL Rete Gas 2i Gas (ex E.On Rete) Alerion HFV Infracis Mediterranea delle Acque GESAC SEA G6 Rete Gas TLC Incrementare la rete a banda larga in fibra ottica di Milano per accrescere la penetrazione nella città (FTTH) e replicare lo stesso modello in altri centri urbani Metroweb Progetti Moon e Link
    • Sviluppo attraverso la “filiera industriale” 14  I settori infrastrutturali italiani sono spesso caratterizzati dalla mancanza di una strategia complessiva  A questo proposito, gli asset infrastrutturali sono gestiti considerando le necessità del contesto locale (e politico), senza considerarne la funzione strategica per il paese nel suo insieme  Per questo motivo, molti settori infrastrutturali sono frammentati, con società dal profilo finanziario debole; tali società non possono competere su mercati sempre più internazionalizzati  Inoltre, la mancanza di una strategia italiana per i settori infrastrutturali ha spesso reso gli asset nazionali una facile preda per quelle società straniere, “campioni nazionali” nei rispettivi paesi di provenienza (E.On., GdF, EdF, ecc.)  Necessità di introdurre il concetto di “filiera industriale” in tutti i settori infrastrutturali  F2i opera come una “società pubblica”: ogni investimento è realizzato con l’obiettivo di creare una filiera nello specifico segmento in modo da garantire la cooperazione tra le società della stessa filiera
    • 15 Il secondo fondo F2i
    • Programmazione e opportunità di investimento F2i crede che il mercato italiano delle infrastrutture continuerà a offrire significative opportunità di investimento, a causa:  dei crescenti vincoli fiscali sul settore pubblico e in particolari sugli enti locali, che porteranno a una nuova ondata di privatizzazioni. La recente acquisizione da parte di F2i del 29% di SEA (Aeroporti di Milano) dal Comune di Milano dovrebbe rappresentare un importante benchmark affinché altri enti locali privatizzino i propri asset infrastrutturali;  dell’alto leverage delle utilities italiane, che probabilmente le porterà alla cessione e allo spin-off di asset non essenziali;  del processo di razionalizzazione e consolidamento all’interno di settori con un alto livello di frammentazione in termini di soggetti coinvolti (es. distribuzione del gas, acqua, termovalorizzazione);  della necessità di miglioramenti in termini di efficienza e di upgrade infrastrutturali, che promuoverebbero un cambiamento nell’azionariato (ad esempio, reti a banda larga in fibra ottica, ripetitori, acqua);  della domanda di capitali da destinare a nuovi investimenti da parte delle società infrastrutturali esistenti (es. autostrade)
    • 2012 2013 2014 2015 Highways Airports Gas distribution Electric grid Water distribution TLC WTE Programmazione e opportunità di investimento Totale 2012 - 2015: € 7.648 mln 932 3.288 2.811 617 Opportunità di investimento (dati in mln €) F2i I residuo da investire: € 150 – 200 mln F2i ha condotto insieme a Boston Consulting Group uno studio approfondito delle infrastrutture italiane. Lo studio, basato su un’analisi dal basso degli attori infrastrutturali nel paese, ha identificato un opportunità di investimento equity in eccesso pari a € 7,5 mld nei prossimi quattro anni, concentrandosi su investimenti brownfield soltanto nei settori infrastrutturali identificati come target da F2i Autostrade Aeroporti Distribuzione gas Rete elettrica Distribuzione acqua TLC termovalorizzazione
    • ‒ Nell’ottobre 2012, F2i ha così lanciato il suo Secondo Fondo, per trarre vantaggio da queste opportunità significative e immediate di investimento, in coordinamento con il portafoglio ottenuto dal Fondo I: o Opportunità di aumentare la propria quota in società in cui il Fondo I ha investito, in modo da ottenere la maggioranza o da rafforzare la governance di F2i o Fare nuovi investimenti nei sotto-settori di F2i, in modo da portare avanti la creazione di gruppi infrastrutturali in grado di diventare leader in Italia nel rispettivo settore industriale o Investire in uno/due nuovi sotto-settori, concentrandosi su infrastrutture chiave - Il Secondo Fondo ha una dimensione target di €1,2 miliardi, e ha già raccolto €575 MM dai propri sponsor Supportare la crescita in compagnie chiave e selezionate all’interno del portafoglio Accrescere la presenza di F2i negli attuali settori Entrare in nuovi settori Fondo II: Strategia di Investimento
    • ‒ La prima vendita del Secondo Fondo F2i è stata conclusa con un gruppo di sponsor che comprende nuovi azionisti e attuali azionisti di SGR: - F2i progetta di raggiungere la propria dimensione target di €1.2 miliardi attraverso l’inserimento di soci accomandanti in Italia (€200-300MM) e una raccolta fondi a livello internazionale (€300MM-400MM) Fondo F2i II: Prima vendita e Piano di Distribuzione CDP 100 Banca Intesa San Paolo 100 Unicredit 100 Banks 300 Fondazione Cariplo 10 EnteCarifirenze 40 FCR Lucca (15+15) 20 Compagnia San Paolo 60 FCR Cuneo 30 FCR Sardegna 25 Bank Foundations 185 Cassa Geometri 30 Inarcassa 60 Pension Funds 90 Total A Units 575 Sponsor of Fund I participating in Fund II Nuovi Sponsor Fund II (€ MM) A Units - Sponsorà A – sponsor che dazioni Bancarie di pensione le Unità A or del Fondo I che partecipano ondo II
    • F2i II: dati Fondo F2i II – Secondo Fondo Italiano per le Infrastrutture Società di gestione F2i – Fondi Italiani per le Infrastrutture SGR Strategia di investimento principalmente brownfield, attraverso quote di maggioranza o di minoranza rilevante Strategia di investimento coordinata col Fondo I, in vista di una comune creazione di valore dove possibile Importo target €1.2 mld Termine 15 anni dall’ultima vendita Periodo di investimento 4 anni dall’ultima vendita (prorogabili 1+1) Brownfield / Greenfield 80% / 20% Limiti: Singolo Investimento 20% (25% con l’approvazione del Comitato Consultivo); 25% (30% con l’approvazione del Comitato Consultivo) per settori con tariffi regolamentate Investimenti esteri Max 20% (Unione Europea) (25% con l’approvazione del Comitato Consultivo) Società quotate Max 20% (30% con l’approvazione del Comitato Consultivo) Commissioni 90bp Obiettivo di Ritorno 12-15% lordo Hurdle Rate: 8% Riporto (Sponsor e Management) 20%; raggiungere 80%
    • F2i I e F2i II: Exit Strategy ‒ F2i ha una strategia di investimento di lungo periodo per le proprie partecipazioni che punta alla crescita dell’EBITDA in virtù di un’espansione organica ed esterna, alla promozione dell’efficienza e alla gestione della struttura di capitale con l’obiettivo di ottenere un flusso stabile di dividendi. Nel momento dell’uscita, F2i guarderà a diverse alternative per la cessione delle proprie partecipazioni nei propri fondi, compresi sconti e IPO (offerte pubbliche iniziali). ‒ Tuttavia, il portafoglio di F2i sta emergendo come un gruppo forte di asset concentrati in settori chiave del mondo infrastrutturale italiano, con importanti sinergie e opportunità di crescita all’interno di ogni singolo settore. L’attuale portafoglio di F2i I aveva nel 2011 un EBITDA aggregato in eccesso € 650 milioni, potenzialmente in crescita fino a oltre € 1.1 miliardo al 2017. ‒ Un’exit strategy potrebbe quindi coinvolgere la quotazione del Fondo o il contributo di tutto o parte del suo portafoglio per la creazione di una nuova società che potrebbe essere quotata, dando vita così ad un nuovo, importante attore nel settore infrastrutturale europeo che potrebbe portare avanti la filosofia gestionale e di sviluppo di F2i: o Focus sull’eccellenza operativa o Orientamento alla crescita, attraverso piani di investimento basati su capex e operazioni di M&A o Sinergie tra le varie partecipazioni ‒ A quel punto, gli investitori nei Fondi F2i I e II potrebbero decidere se liquidare il proprio investimento o diventare parte di un gruppo di azionisti chiave del nuovo soggetto venutosi a creare. Quest’ultimo dovrebbe portare avanti la strategia di F2i per far crescere i propri investimenti, agendo come un consolidatore nei propri settori di attività e potenzialmente
    • 22 L’industria aeroportuale italiana
    • 23 L’industria aeroportuale italiana PMO CTA TRN CUF MXP VBS LIN BGY BZO TSF TRS VCE VRN PMF FRL FLR PEG BLQ RMI AOI PSR FCO CIA FOG BRI GOA NAP BDS SUF CRV TPS REG AHO OO OLB CAG PSA SIE Aeroporti >10 mil persone Aeroporti > 5 < 10 mil persone Aeroporti > 2 < 5 mil persone Aeroporti > 0,25 < 2 mil persone Aeroporti < 0,25 mil persone Area ad alta densità  L’industria aeroportuale italiana è caratterizzata da:  Forte presenza “pubblica” nell’azionariato delle compagnie aeroportuali;  Dimensione ridotta degli aeroporti (molto frammentata, per regioni)  Basso livello di connettività in Europa e nel mondo;  Tariffe considerevolmente più basse se paragonate a quelle europee  Mancanza di investimenti negli ultimi anni
    • Trend nel settore aeroportuale italiano  Con oltre 149 milioni di passeggeri, l’Italia è tra i principali mercati aeroportuali in Europa e tra i top performer in termini di attuale tasso di crescita del traffico  Negli ultimi anni l’industria aeroportuale italiana è stata altamente dinamica con una crescita considerevole nei volumi di traffico ad eccezione di un leggero calo tra il 2008 e il 2009 in conseguenza della recessione globale che ha duramente colpito l’industria su scala mondiale.  I trend attuali porteranno a una riduzione del gap rispetto ad altri paesi europei guidata da: Processi di privatizzazione in corso Aumento generale delle tariffe a seguito dell’introduzione del nuovo quadro di regolamentazione delle tariffe e dell’entrata in vigore del Contratto di Programma (già siglato da alcuni aeroporti in Italia, tra cui Napoli, Pisa, Brindisi e SEA) Aumento del capex per migliorare le infrastrutture 2000-2010 Traffico passeggeri in Italia 24 92 90 92 101 108 114 124 136 134 131 140 149 1 21 41 61 81 101 121 141 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 + 4.4% CAGR 2000-2011 2011 +6.4%
    • 25 Nuove opportunità nel settore aeroportuale
    • Il settore aeroportuale italiano: scenario attuale 1/2 26  Gli enti locali, in qualità di azionisti principali delle compagnie di gestione aeroportuale, dovrebbero finanziare lo sviluppo degli aeroporti, ma ad oggi si trovano ad affrontare una situazione finanziaria difficile:  Inoltre, le stesse compagnie che gestiscono i servizi hanno diversi problemi legati alla loro natura pubblica:  Pluralità di azionisti (in genere molto piccoli, senza un azionista di riferimento)  Mancanza delle risorse finanziarie necessarie a realizzare programmi capex significativi per il mantenimento e lo sviluppo degli asset in gestione  Un settore molto frammentato, a causa della mancanza di un piano di sviluppo nazionale definito
    • 27  Problemi finanziari, difficoltà nella gestione delle compagnie e deficit infrastrutturale hanno causato una progressiva riduzione dell’interesse degli enti locali nelle compagnie di gestione aeroportuale  In effetti, in questa situazione gli enti locali sono interessati a portare avanti processi di privatizzazione degli asset in gestione…  …con la conseguente necessità di identificare il giusto partner privato  F2i è nata anche per prendere parte a questa nuova stagione di privatizzazioni  Il profilo istituzionale del Fondo assicura una partnership stabile, di lungo periodo, senza speculazioni  Inoltre, la strategia di F2i punta a:  Valorizzare le professionalità interne alle società e il network economico e industriale  Dare sostegno finanziario per processi di efficienza e piani di investimento  Questo rende F2i il partner ideale che può assicurare un profilo da società pubblica alle società aeroportuali privatizzate Il settore aeroportuale italiano: scenario attuale 2/2
    • 28 Ali Trasporti Aerei S.p.A. – ATA Profilo della società Dati di traffico Principali dati finanziari  Ali Trasporti Aerei S.p.A., società appartenente al gruppo Acqua Pia Antica Marcia, gestisce l’aviazione generale per l’infrastruttura aeroportuale di Milano Linate Ovest in virtù di una sotto-concessione siglata nel 2008 e in vigore fino al 2041  Inoltre, ATA è incaricata della gestione delle attività di Linate Ovest e Roma Ciampino (attraverso la controllata ATA Servizi  Con oltre 60mila passeggeri l’anno, Milano Linate Ovest è il primo aeroporto in Italia e il quarto in Europa nel segmento dell’aviazione generale 13 26 24 25 27 28 32 30 34 28 28 0 5 10 15 20 25 30 35 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 + 13% CAGR 2000-2007 -1.8% CAGR 2007-2010 Shareholder structure Società dell'Acqua Pia Antica Marcia 98.34% Private Shareholders 1.66% Total 100.00% €/millions 2010 Revenues 16.7 EBITDA 3.7 Ebitda margin 22.0% Net Income 2.7 Equity 14.2 NFP -1.6 a azionaria privati €/milio Ricavi EBITD margine Utile ne Equity PFN
    • 29 ATA: infrastruttura  Il terminal di aviazione generale di Linate Ovest copre un’area di 130,000 mq. Comprende, tra gli altri: 8 hangar: 14,438 mq. 3,516: area uffici 4 depositi carburante 330 mq. area magazzini 67,000 mq.: superficie aeroportuale Area parcheggi : 300 posti  Il piano di investimento della società per il periodo 2011-2014 prevede ∼ € 30 milioni di capex, e include, tra gli altri lo sviluppo di un nuovo hangar di 8,000 mq. una nuova area uffici di 2,000 mq. un’area parcheggi aggiuntiva un’area terminal aggiuntiva
    • 30 ATA: opportunità di mercato  Il gruppo Acqua Pia Antica Marcia (Gruppo Caltagirone) ha avviato un piano di risanamento del debito per ridurre la sua esposizione finanziaria attraverso la vendita di alcuni asset del gruppo  In questo contesto Rothschild, in qualità di advisor del Venditore, ha organizzato un’asta competitiva per la vendita di ATA Trasporti singolarmente o insieme alla controllata ATA Servizi  F2i era interessata all’acquisizione di ATA Trasporti e ha presentato un’offerta non vincolante al Venditore  Dopo aver presentato l’offerta non vincolante, F2i è entrata in trattative riservate con il Venditore, ma la discussione è stata interrotta dal momento che non è stato possibile arrivare a un accordo finale
    • 31 Aeroporto di Genova S.p.A. Profilo della società Dati di traffico Principali dati finanziari  Aeroporto di Genova S.p.A. gestisce l’aeroporto internazionale di Genoa, in virtù di una concessione in vigore fino al 2027  Costruito su una penisola artificiale – equidistante tanto dal centro quanto dal porto di Genova – l’aeroporto riveste una posizione strategica sia in Europa sia nell’area locale  L’aeroporto serve sia il traffico commerciale sia l’aviazione generale. Nel 2010 il totale dei passeggeri ammontava a 1.3 milioni, registrando un aumento del 13.3% rispetto al 2009 (crescita principalmente dovuta all’aumento del traffico nazionale Shareholder structure Genoa Port Authority 60.00% Genoa Chamber of Commerce 25.00% A.D.R. Aeroporti di Roma 15.00% Total 100.00% 1,1 1,0 1,0 1,1 1,1 1,0 1,1 1,1 1,2 1,1 1,3 1,4 0 0,2 0,4 0,6 0,8 1 1,2 1,4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 + 2,6% CAGR 2000-2011 €/millions 2009 2010 2011 Revenues 21.0 23.1 24.4 EBITDA -0.1 2.1 1.7 EBITDA margin n.s. 9.1% 7,0% Net Income -1.2 0.1 0.1 Equity 5.2 5.3 5.4 PFN -8.1 -9.5 -10.2 a azionaria ria di Porto di Genova di Commercio di Genova €/milio Ricavi EBITD margine Utile ne Equity PFN
    • 32 Aeroporto di Genova: Infrastruttura  Il terminal è dimensionato per un flusso orario di 1,500 passeggeri  Il piano di sviluppo del terminal prevede:  il raddoppiamento dei banchi check-in  una nuova area dedicata ai vettori Low Cost e  nuove aree commerciali per aumentare le attività di commercio al dettaglio, F&B e pubblicità  il rinnovamento sarà realizzato senza coinvolgere il traffico attuale e i servizi ai passeggeri Terminal cargo  6,000 mq. area magazzini  3,150 mq. area uffici  4,000 mq. parcheggio camion Terminal passeggeri  5 finger  14 banchi check-in  5 sportelli biglietteria  8 snack bar e duty free  7 noleggi auto
    • 33 Aeroporto di Genova: opportunità di mercato  Il 22 giugno 2011, la Capitaneria di Porto di Genova ha pubblicato un bando di gara per la vendita di una quota della società pari al 60%  All’inizio di settembre è stata aperta la Virtual Data Room  F2i – insieme ad altri offerenti – ha partecipato alla procedure, ma non ha potuto presentare un’offerta a causa del limitato insieme di informazioni rese disponibili dal venditore  Nessuno ha presentato l’offerta
    • 34 SO.GA.ER. S.p.A. – Aeroporto di Cagliari Profilo della società Dati di traffico Principali dati finanziari  SO.GA.ER. S.p.A. è la società che gestisce l’aeroporto di Cagliari in virtù di una concessione che scadrà nel 2047  SO.GA.ER. è stata costituita nel 1990 dalla Camera di Commercio di Cagliari, che è tuttora l’azionista di maggioranza  Escludendo gli hub di Roma, Milano e Venezia hubs, l’Aeroporto di Cagliari, con oltre 3 milioni di passeggeri l’anno, è il settimo aeroporto regionale in termini di traffico  Il processo di approvazione del Contratto di Programma (che stabilirà nuovi livelli tariffari) è in corso  Date le attrattive turistiche del territorio, l’aeroporto è direttamente collegato alle principali capitali europee Shareholder structure Cagliari Chamber of Commerce 94.35% S.F.I.R.S. S.p.A. 3.43% Sardegna's Bank 1.05% Other Shareholders 1.17% Total 100.00% 2,1 1,9 2,2 2,3 2,3 2,4 2,5 2,7 2,9 3,3 3,4 3,7 0 0,5 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 + 5.4% CAGR 2000-2011 €/millions (Consolidated data) 2009 2010 2011 Revenues 36.5 37.2 38.7 EBITDA 1.6 1.8 2.0 EBITDA margin 4.3% 4.9% 5.2% Net Income -1.1 1.1 0.4 Equity 10.7 11.7 12.1 PFN 9.1 7.7 6.1 azionaria Commercio di Cagliari S.p.A. Sardegna nisti €/milio Ricavi EBITD margine Utile ne Equity PFN
    • 35 Aeroporto di Cagliari: Infrastruttura Versante aereo  Pista: 2,803 m. lunghezza e 45 m. ampiezza  Apertura: 24h  Superficie aeroporto: 296 ha  Piazzale: 96,000 mq.  Parcheggi velivoli: 16 posti Versante di terra  Area terminal 37,000 mq.  Area commerciale 5,798  14 gate  42 banchi check in  Negli ultimi anni l’aeroporto ha subito delle migliorie, diventando una delle più moderne infrastrutture in Italia e in Europa  Il nuovo terminal può accogliere un flusso di 4,5 milioni di passeggeri  L’investimento realizzato include quanto segue: Nuovo terminal; Strade aggiuntive Due aree parcheggio Nuova pista
    • 36 Aeroporto di Cagliari: opportunità di mercato  Il 6 agosto 2012 la Camera di Commercio di Cagliari ha pubblicato un bando di gara per la vendita di una quota di SO.GA.ER pari almeno al 40%. Dopo questo annuncio, a settembre, è stata aperta la Virtual Data Room.  Il termine per la presentazione dell’offerta finale era l’8 novembre 2012.  F2i ha lavorato intensamente all’operazione negli ultimi mesi per presentare l’offerta  Notizie stampa danno tra i possibili acquirenti (oltre a F2i) SAVE e Meridiana
    • 37 SAGAT S.p.A. – Aeroporto di Torino Profilo della società Dati di traffico Principali dati finanziari  SAGAT S.p.A. è la società che gestisce l’aeroporto di Torino, in virtù di una concessione che scadrà nel 2035  Dopo la privatizzazione nel 2000, gli azionisti pubblici (Comune e Provincia di Torino e Finpiemonte partecipazioni) hanno siglato un accordo con azionisti privati (Sintonia, Equiter, Aviapartner e Italconsult) scaduto il 28 giugno 2012  Con oltre 3.7 milioni di passeggeri nel 2011, l’aeroporto di Torino è il sesto aeroporto regionale in termini di traffico (escludendo gli hub di Roma, Milano e Venezia)  Nel 2010 e nel 2011, il traffico è aumentato grazie a un accordo siglato con Ryanair dietro pagamento di incentivi di marketing da parte della società e di Finpiemonte Partecipazioni 2,8 2,8 2,8 2,8 3,1 3,1 3,3 3,5 3,4 3,2 3,6 3,7 0 0,5 1 1,5 2 2,5 3 3,5 4 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 + 2.5 CAGR 2000-2011 €/millions (Consolidated data) 2009 2010 2011 Revenues 62.2 63.0 64.0 EBITDA 15.6 14.8 15.7 EBITDA margin 25.1% 23.5% 24.5% Net Income 5.7 3.5 3.7 Equity 90.8 91.4 91.1 PFN 11.7 8.2 13.4 Shareholder structure FCT S.p.A. (Municipality of Turin) 38,0% Finpiemonte Partecipazioni S.p.A. 8,0% Province of Turin 5,0% Total public shareholders 51,0% Sintonia S.p.A. 24,4% Equiter S.p.A. 12,4% Tecnoinvestimenti S.r.l. 4,7% SAB S.p.A. 4,1% Treasury shares 3,0% Aviapartner S.p.A. 0,4% Total 100,0% azionaria A. (Comune di Torino) nte Partecipazioni S.p.A. di Torino onisti pubblici .p.A. p.A. vestimenti S.r.l. A. tesoreria er S.p.A.
    • 38 SAGAT S.p.A.: opportunità di mercato  Ad oggi, tutti gli azionisti pubblici hanno espresso la volontà di vendere la propria quota societaria  In particolare, prima dell’estate 2012 il Comune e la Provincia di Torino hanno aperto un bando di gara competitivo per la vendita di due quote della società, rispettivamente del 28% e del 5%, ma nessuno ha presentato offerte  Nel mese di ottobre 2012, il Comune ha lanciato un altro bando di gara competitivo per la vendita della quota del 28%; il termine per presentare l’offerta è fissato al 20 novembre 2012  F2i è interessata all’asset e sta lavorando alla presentazione dell’offerta