Intro   Comincio delineando alcuni dei modi che i filosofi hanno concepito il luogo delle emozioni nella   topografia dell...
Taylor.   Le emozioni, però, sono capibile senza essere spiegate , ma anche giustificati, esse sono   strettamente correla...
Darwin e Paul Ekman .   Darwin si era preoccupato non tanto con la questione di come le nostre emozioni potrebbe essersi  ...
Searle e Solomon.Lespressione è destinata a riassumere il contrasto tra conoscenza e lorientamento conativa, in cuiil succ...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Le emozioni

386 views
328 views

Published on

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
386
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
8
Actions
Shares
0
Downloads
8
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Le emozioni

  1. 1. Intro Comincio delineando alcuni dei modi che i filosofi hanno concepito il luogo delle emozioni nella topografia della mente, in particolare nella loro relazione con gli stati del corpo, alla motivazione, e di credenze e desideri, così come alcuni dei modi in cui hanno previsto il rapporto tra emozioni diverse. La maggior parte delle emozioni hanno una struttura intenzionale: avremo bisogno di dire qualcosa su ciò che significa. Psicologia e biologia evolutiva più recentemente hanno offerto una serie di teorie delle emozioni, sottolineando la loro funzione nella condotta della vita. 1. Le emozioni e la topografia della Mente Come le emozioni rientrano nei diversi concezioni della mente? Il modello di Cartesio (René Descartes) . pone alcune emozioni di base da cui tutti gli altri sono aggravati. Un modello alternativo vede ogni emozione come consistente in, o almeno compreso, alcuni irriducibilmente specifico componente che non è composta di niente di più semplice. Ekman , Friesen e Panksepp . che un piccolo numero di emozioni hanno inter-traducibili nomi e espressioni universalmente riconoscibili. Secondo Ekman e Friesen (1989) si tratta di felicità, tristezza, paura, rabbia, sorpresa, e disgusto (gli ultimi due dei quali, però, alcuni ricercatori considera troppo semplice per essere chiamato emozioni) (Panksepp Platone , Aristotele , Hume . Per Platone nel Repubblica, ci sembrava di essere stato tre componenti di base di la mente umana: la motivazione, il desiderio, e i parti emotivi. Per Aristotele, le emozioni non sono rappresentate come costituire un organismo separato di un modulo, ma avevano anche maggiore importanza, in particolare nella vita morale, la nostra capacità di cui Aristotele considerato come gran parte il risultato di imparare a sentire le emozioni giuste nelle giuste circostanze. Detto famoso di Hume che la ragione deve essere schiava della passione anche posto le emozioni al centro del carattere e delle agenzie. Spinoza e kant . Per Spinoza, le emozioni non sono alloggiati in un corpo separato in conflitto con lanima, in quanto anima e corpo sono aspetti di ununica realtà; ma le emozioni, come affezioni dellanima, fanno la differenza tra la vita migliore e la peggiore, in quanto o aumentare il potere dellanima per agire, o diminuire questo potere. Kant anche vede le emozioni come fenomeni essenzialmente conativi, ma raggruppati con inclinazioni seducente la volontà di agire per motivi diversi da quelli che partano dal dovere . it is no longer the case that emotion is treated as a poor relation in the philosophy of mind. (Peter Goldie) 2. Teorie dei sentimenti La più semplice teoria delle emozioni, e forse la teoria più rappresentativo di buon senso, è che le emozioni sono semplicemente una classe di sentimenti, differenziati dalla sensazione e propriocezioni per la loro qualità di esperienza. la teoria "James-Lange" secondo cui le emozioni sono specificamente sentimenti causati dalle variazioni delle condizioni fisiologiche relative al motore autonomo e funzioni. Un problema di questa teoria che è incapace di dare unadeguata considerazione delle differenze tra emozioni. Un esperimento è eseguito da Stanley Schacter e Jerome Singer (1962). Adrenalina
  2. 2. Taylor. Le emozioni, però, sono capibile senza essere spiegate , ma anche giustificati, esse sono strettamente correlate alle motivazioni che danno origine a loro. Se qualcuno mi fa arrabbiare, posso citare il mio tono di disapprovazione antagonista, se qualcuno mi fa geloso, posso puntare al suo bracconaggio nella mia proprietà emotiva Antonio Damasio. la capacità di emozioni comporta una capacità per il cervello per monitorare le risposte del passato e ipotetico del corpo, sia nel sistema nervoso autonomo e il sistema di volontariato, in termini di "marcatori somatici". Lassociazione della caratteristica stati del corpo con il passato e esperienze ipotetici e risposte stabilisce alcuni collegamento tra lemozione e il mondo assente, ma cade breve pienamente esplicitare il carattere intenzionale delle emozioni.3. Emozioni e oggetti intenzionali Cosa fa uno stato danimo, come free-floating depressione o euforia,hanno in comune con un episodio di indignazione cui ragioni possono essere proprio articolato? Il primo sembra avere come oggetto tutto e niente, e spesso senza un particolare giustificazione, il secondo ha una lunga storia da raccontare, e comprende tipicamente altre persone e quello che hanno fatto o detto. Come possiamo distinguere i diversi tipi di emozioni ? Il modo giusto per affrontare queste complessità è quello di abbracciarli. Abbiamo bisogno di una tassonomia dei diversi tipi di possibili emozionali. Potremmo quindi distinguere i diversi tipi di emozioni, non sulla base della loro senso qualitative, ma almeno in parte, secondo le diverse strutture complesse delle proprie relazioni tra e loggetti. Tante emozioni, come lamore, comporta necessariamente una destinazione, o particolare effettivo al quale sono dirette. Altri, come ad come la tristezza, non lo fanno. Daltra parte, anche se alcune aspetti della persona amata può motivare fuoco attenzionale, gli sforzi di trovare un oggetto proposizionale per amore sono state convincenti.4. Approcci psicologici e evolutivi Magna Arnold. ha introdotto il concetto di valutazione in psicologia, che lo definisce il processo attraverso il quale viene determinato il significato di una situazione per un individuo. Valutazione dà luogo ad attrazione o avversione, e lemozione è equiparata a questa "tendenza provava per niente intuitivo valutato come buono (benefico), o lontano da tutto ciò che intuitivamente valutato come cattivo (nocivo)" (171). Teorie di valutazione successivi di accettare le caratteristiche massime per conto di Arnold, e si differenziano principalmente in rilievo. Richard Lazarus . fa laffermazione forte che le valutazioni sono entrambi necessari e sufficienti per lemozione, e vede lidentità di particolari emozioni come essere completamente determinato dai modelli di valutazione dando origine a loro. Nico Frijda . prende i modelli di azione e seguendo le valutazioni di essere ciò che caratterizzano le diverse emozioni, ma parte da Arnold nel non caratterizzare questi modelli solo in termini di attrazione e avversione. Klaus Scherer. Klaus Scherer e la sua scuola di Ginevra hanno elaborato teorie di valutazione in modelli sofisticati che anatomize emozioni diverse in termini di circa diciotto o più dimensioni di valutazione. Le emozioni si rivelano essere attendibilmente correlato, se non identificato, con i modelli di tali valutazioni complesse.
  3. 3. Darwin e Paul Ekman . Darwin si era preoccupato non tanto con la questione di come le nostre emozioni potrebbe essersi evolutati, ma perché dovrebbero avere le forme di espressione che fanno. Espressioni emotive, pensò, una volta servito funzioni particolari (ad esempio recanti i denti con rabbia per prepararsi per lattacco), ma ora accompagnare emozioni particolari a causa della loro utilità nel comunicare queste emozioni agli altri. Paul Ekman (1972), ispirato lapproccio di Darwin, prende le espressioni emotive di essere parti importanti nel " affect programs " risposte complesse che si trovano in tutte le popolazioni umane, che sono controllati da meccanismi che operano al di sotto del livello di coscienza.5. Teorie cognitiviste Cosa distingue questi teorie ? Ciò che distingue questi "cognitivisti" teorie è la loro particolare visione di queste cognizioni. Mentre i teorici di valutazione in genere consentono che i processi cognitivi alla base di emozione possono essere consci o inconsci, e coinvolgere sia contenuto proposizionale o non proposizionale, I cognitivisti in genere sostengono che le emozioni implicano atteggiamenti proposizionali. Robert Solomon , Jerome Neu e Martha Nussbaum . Il tipo più parsimonioso della teoria cognitivista segue gli Stoici a identificare le emozioni con i giudizi. Robert Solomon (1980), Jerome Neu (2000) e Martha Nussbaum (2001) prende questo approccio. La mia rabbia a qualcuno è semplicemente il giudizio che ho subito un torto da quella persona. Altre teorie cognitiviste introducono ulteriori elementi nelle loro analisi. Le emozioni sono stati descritti come insiemi di credenze e desideri (Marks 1982), influenzano carichi di giudizi (Broad 1971, Lione 1980), e, come complessi di credenze, desideri e sentimenti (Oakley 1992). Marks , Deigh e Stocker . Deigh (1994) ha obiettato che la visione delle emozioni come atteggiamenti proposizionali ha leffetto di escludere animali e bambini privi di linguaggio. Una frequente obiezione fatta alle teorie cognitiviste è la "paura di volare" obiezione: atteggiamenti proposizionali non sono né necessaria né sufficiente per lesistenza di una emozione, dato che potrebbe essere ben consapevoli del fatto che volare è il mezzo di trasporto più sicuro e tuttavia soffrono la paura di volare . (Stocker 1992). Mi posso sentire una punta di sospetto verso il mio maggiordomo, eppure credendo che lui sia assolutamente affidabile e, per converso, posso giudicare che è fino a nulla di buono, ma non sento niente in termini di emozioni. Questi esempi suggeriscono un analogia con le illusioni percettive, che una credenza corretta a volte non abbastanza per dissipare. Peacocke non è ovvio che il contenuto delle percezioni o emozioni sono esauriti dal loro contenuto proposizionale. Goldie , Wollheim ,Charland e Tappolet . insistono sul fatto che le esperienze di emozioni hanno un contenuto di là di ogni contenuto proposizionale.6. Le teorie percettive Le emozioni sono solo "soggettive" !!?? Un mandato fondamentale delle teorie cognitiviste è quello di evitare laccusa che le emozioni sono solo "soggettiva". Ma gli atteggiamenti proposizionali non sono gli unici stati cognitivi. Una caratteristica più fondamentale di cognizione che si ha una "mente-mondo direzione di adattamento." Noi desideriamo ciò che non esiste ancora, e sentiamo in successo se il mondo viene portato in linea con il piano della mente.
  4. 4. Searle e Solomon.Lespressione è destinata a riassumere il contrasto tra conoscenza e lorientamento conativa, in cuiil successo è definito in termini di mondo opposto, -a-mente, direzione di adattamento (Searle1983).Il sistema percettivo è in grado di quel tipo di funzionamento-in-a-depressione che porta ad erroripercettivi.Allo stesso modo, le emozioni possono indurre ad "frettoloso" o "emozionale" giudizio (Solomon1984). Nussbaum e Thomas .Daltra parte, la mancanza di capacità percettive può essere un svantaggio paralizzante nel propriotentativo di negoziare con il mondo: allo stesso modo la mancanza di adeguate risposte emotivepossono ostacolare i nostri tentativi di vedere il mondo in modo corretto e agire correttamente inesso (Nussbaum 1990, Thomas 1989 ).Questo spiega perché ci sono così spesso tentati di prendere sul serio attribuzione diragionevolezza o irragionevolezza, convenienza o inadeguatezza, di emozioni comuni.Purtroppo non è chiaro come le proprietà oggettive presunti individuati dalle emozioni potrebbeessere identificata in modo indipendente. Gordon.In un altro filone, tuttavia, è stato osservato che la passività delle emozioni talvolta è precisamenteanaloga alla passività della percezione.Come il mondo è, non è in nostro potere. Quindi è solo da aspettarsi che le nostre emozioni, seeffettivamente rappresentano qualcosa di veramente e oggettivamente nel mondo, non deveessere in nostro potere sia: non si può più scegliere arbitrariamente di vivere un emozione chepossiamo adottare una credenza a volontà. (Gordon 1987) .De Sousa e Amélie Rorty .Se la visione che le emozioni sono un tipo di percezione può essere sostenuta, quindi laconnessione tra emozione e cognizione sarà sono state garantite. Ma cè ancora un altro modo distabilire questa connessione, compatibile con il modello percettivo. Questo è quello di richiamarelattenzione sul ruolo delle emozioni a fornire i principi generali per cognizioni del tipo piùconvenzionale. de Sousa (1987) e Amélie Rorty (1980) propongono questo tipo di conto, secondo laquale le emozioni non sono percezioni tanto in quanto sono modi di vedere-specie di modellideterminati di rilevanza tra gli oggetti di attenzione, linee di indagine, e inferenziali strategie.Le emozioni fanno certe caratteristiche delle situazioni o argomenti più importanti, dando loro unpeso nella nostra esperienza che non avrebbe avuto in assenza di emozione. Wollheim .Sembra concettualmente incoerente supporre che si possa avere un emozione-Say, una gelosiaintensa o un consumo di rabbia, solo per una frazione di secondo (Wollheim 1999).Una spiegazione di questa caratteristica delle emozioni è che una storia si svolge durante il corso diogni episodio emotivo, e le storie si svolgono in tratti di tempo. the paradigm scenario ....de Sousa (1987) ha suggerito che le storie che caratterizzano le diverse emozioni sono apprese perassociazione con "scenari di paradigma." Questi sono disegnati per primi da una vita quotidianacome i bambini piccoli e poi rafforzato dalle storie, arte e cultura a cui siamo esposto. Più tardiancora, si sono integrati e perfezionati dalla letteratura e altre forme darte in grado di ampliare lagamma della propria immaginazione dei modi di vivere.Scenari Paradigm coinvolgono due aspetti: in primo luogo, un tipo di situazione che fornisce glioggetti caratteristici della specifica emozione di tipo (in cui gli oggetti possono essere i vari tipi dicui sopra), e la seconda, una serie di caratteristiche o "normali" le risposte alla situazione, dove lanormalità è determinato da una miscela complessa e controversa di fattori biologici e culturali.

×