L’approccio web 2.0 e le sue ricadute  sulle applicazioni di E-Learning:  lo sviluppo di un prototipo preliminare per l’ap...
Presentazione <ul><li>Obiettivo : Applicare il  modello Web 2.0  per l’implementazione di  innovative soluzioni di  E-Lear...
E-LEARNING
E-Learning: principi generali <ul><li>L’utilizzo delle nuove  tecnologie   multimediali  e di  Internet  per  migliorare  ...
Virtual Learning Environment (VLE) <ul><li>Termine che identifica i sistemi di E-Learning classici  ( Learning Management ...
E-Learning: limiti <ul><li>Cause di tipo  economico : </li></ul><ul><ul><li>modelli di business sbagliati </li></ul></ul><...
WEB 2.0
Web 2.0 <ul><li>Web   2.0   è un’ evoluzione   della struttura della rete in senso  sociale . </li></ul><ul><ul><li>Collab...
Web 2.0: proprietà <ul><li>Contenuti </li></ul><ul><li>User Generated Content  (UGC) </li></ul><ul><ul><li>Da utente letto...
E-LEARNING 2.0
E-Learning + Web 2.0 = E-Learning 2.0 <ul><li>Evoluzione   sociale  dell’ E-Learning  </li></ul><ul><ul><li>Modello  focal...
Personal Learning Environment (PLE) Formal  e-learning Sistemi  chiusi  (standard) Centralizzazione potere/ Verticistico T...
APPLICAZIONE PRATICA
<ul><li>Aggregare  la  conoscenza  degli utenti  generata  sul web in luoghi virtuali diversi.  </li></ul><ul><li>Creazion...
PEENV: servizi aggregati
PEENV: processo di aggregazione
PEENV: la struttura <ul><li>Utente  </li></ul><ul><ul><li>Comunità </li></ul></ul><ul><ul><li>File </li></ul></ul><ul><ul>...
PEENV: relazione tra gli utenti <ul><li>Diretta </li></ul><ul><li>Di prossimità </li></ul><ul><li>Tag personali </li></ul>...
PEENV:  Pagina iniziale Post dei blog  aggregati Gli utenti del  sistema Le comunità del sistema File recenti
PEENV:  Pagina comunità Post dei blog  aggregati  relativi agli  utenti della  comunità Dislocazione  geografica degli  ut...
PEENV:  Pagina file File  Commenti Comunità  collegate Dati file Utenti associati
Sviluppi futuri <ul><li>Prima versione βeta (3 mesi) </li></ul><ul><ul><li>Test su DISA </li></ul></ul><ul><ul><li>Analisi...
Conclusioni <ul><li>Primo tentativo di introdurre principi Web 2.0 nei sistemi di E-Learning </li></ul><ul><li>E-Learning ...
GRAZIE <ul><li>Francesco Magagnino </li></ul>
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

L’approccio web 2.0 e le sue ricadute sulle applicazioni di E-Learning: lo sviluppo di un prototipo preliminare per l’apprendimento informale.

2,071 views

Published on

L’approccio web 2.0 e le sue ricadute sulle applicazioni di E-Learning: lo sviluppo di un prototipo preliminare per l’apprendimento informale.
---
Tesi presentata il 27 Novembre 2007. Voto 110/110

Published in: Technology
0 Comments
2 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
2,071
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
21
Actions
Shares
0
Downloads
90
Comments
0
Likes
2
Embeds 0
No embeds

No notes for slide
  • L’approccio web 2.0 e le sue ricadute sulle applicazioni di E-Learning: lo sviluppo di un prototipo preliminare per l’apprendimento informale.

    1. 1. L’approccio web 2.0 e le sue ricadute sulle applicazioni di E-Learning: lo sviluppo di un prototipo preliminare per l’apprendimento informale. Candidato: Relatore: Francesco Magagnino Prof. Luigi Colazzo Università degli studi di Trento Facoltà di Economia Corso di Laurea Specialistica in NetEconomy
    2. 2. Presentazione <ul><li>Obiettivo : Applicare il modello Web 2.0 per l’implementazione di innovative soluzioni di E-Learning </li></ul><ul><li>Ipotesi : Il web 2.0 è un ottima piattaforma naturale per la gestione e la valorizzazione della conoscenza . </li></ul><ul><li>Procedimento : Studio delle caratteristiche del Web 2.0 e sviluppo di un prototipo di Personal Learning Environment (PLE). </li></ul>
    3. 3. E-LEARNING
    4. 4. E-Learning: principi generali <ul><li>L’utilizzo delle nuove tecnologie multimediali e di Internet per migliorare la qualità dell’ apprendimento , agevolando l’accesso a risorse e servizi nonché gli scambi e la collaborazione a distanza (Commissione Europea, 2001) </li></ul><ul><li>Differenti tipologie di esperienze, strumenti e metodologie definite in ambiti diversi di ricerca e sviluppo </li></ul>
    5. 5. Virtual Learning Environment (VLE) <ul><li>Termine che identifica i sistemi di E-Learning classici ( Learning Management System (LMS), Course Management System (CMS), Learning Content Management System (LCMS), Managed Learning Environment (MLE), Learning Support System (LSS), Learning Platform (LP) ) </li></ul><ul><li>Proprietà: </li></ul><ul><ul><li>Modello formale-istituzionale </li></ul></ul><ul><ul><li>Risposta alle esigenze della istituzione che li adotta </li></ul></ul><ul><ul><li>Riproposizione dei ruoli e delle gerarchie del reale </li></ul></ul><ul><ul><li>Unità base: il corso </li></ul></ul>
    6. 6. E-Learning: limiti <ul><li>Cause di tipo economico : </li></ul><ul><ul><li>modelli di business sbagliati </li></ul></ul><ul><ul><li>eccessiva euforia dei mercati sulle dot-com </li></ul></ul><ul><li>Inefficienza del modello pedagogico </li></ul><ul><ul><li>inadeguatezze dei metodi di insegnamento </li></ul></ul><ul><ul><li>inadeguatezze dei modelli didattici </li></ul></ul>“ In realtà, fino ad oggi l' e-learning non ha rivoluzionato né l'apprendimento né l'insegnamento ” (OCSE 2005)
    7. 7. WEB 2.0
    8. 8. Web 2.0 <ul><li>Web 2.0 è un’ evoluzione della struttura della rete in senso sociale . </li></ul><ul><ul><li>Collaborare </li></ul></ul><ul><ul><li>Socializzare </li></ul></ul><ul><ul><li>Condividere </li></ul></ul>Web 2.0 [..] unisce le persone online attraverso servizi aperti che favoriscono la creazione di community , ampliando esponenzialmente la capacità di trovare , utilizzare , condividere ed “espandere” contenuti . (Web 2.0 Yahoo! Vision)
    9. 9. Web 2.0: proprietà <ul><li>Contenuti </li></ul><ul><li>User Generated Content (UGC) </li></ul><ul><ul><li>Da utente lettore ad utente autore, </li></ul></ul><ul><ul><li>Da fornitore di contenuti a fornitore di contenitore </li></ul></ul><ul><li>Mash-up </li></ul><ul><ul><li>Aggregazione secondo i bisogni degli utenti (Rss/API) </li></ul></ul><ul><ul><li>Fruizione su diverse piattaforme </li></ul></ul><ul><li>Classificazione </li></ul><ul><li>Disintermediazione della classificazione (tags) </li></ul><ul><ul><li>Dalla Tassonomia alla Folksonomia </li></ul></ul><ul><ul><li>Classificare l'informazione dal basso, in modo non strutturato </li></ul></ul>[Dion Hinchcliffe]
    10. 10. E-LEARNING 2.0
    11. 11. E-Learning + Web 2.0 = E-Learning 2.0 <ul><li>Evoluzione sociale dell’ E-Learning </li></ul><ul><ul><li>Modello focalizzato sulla gestione e diffusione della conoscenza informale </li></ul></ul><ul><ul><li>Nuova l’idea di interattività e di collaborazione </li></ul></ul><ul><ul><li>Variano ruoli di docente e studente </li></ul></ul><ul><li>Modelli di riferimento </li></ul><ul><ul><li>Socratico, metodologia maieutica (vs Sofisti/monastero) “Gli studenti non venivano considerati come obiettivi per la trasmissione della conoscenza, ma come compagni di apprendimento.” </li></ul></ul><ul><ul><li>Impostazione costruttivista (vs con comportamentista) </li></ul></ul>
    12. 12. Personal Learning Environment (PLE) Formal e-learning Sistemi chiusi (standard) Centralizzazione potere/ Verticistico Trasmissione conoscenza push Ruoli distinti insegnante/studente Comunicazione monodirezionale Comunità chiuse . Comunità=Corsi Divisione mom. formativo/non formativo Supportare processo esistente Informal e-learning Sistemi aperti (mashup) Distribuzione potere/ Orizzontale Trasmissione conoscenza pull Non riproposizione dei ruoli del reale Comunicazione multidimensionale Comunità aperte , autodefinite Life Long Learning Introduzione di nuovo processo formativo PLE (Personal Learning Environments) VLE (Virtual Learning Environments) Non in antitesi/sostituzione ai sistemi di E-Learning tradizionali. Complementari.
    13. 13. APPLICAZIONE PRATICA
    14. 14. <ul><li>Aggregare la conoscenza degli utenti generata sul web in luoghi virtuali diversi. </li></ul><ul><li>Creazione di comunità virtuali trasversali rispetto alla locazione fisica degli utenti e alle loro comunità nel reale . </li></ul><ul><li>Ambiente orizzontale che superi le gerarchie del reale. </li></ul>
    15. 15. PEENV: servizi aggregati
    16. 16. PEENV: processo di aggregazione
    17. 17. PEENV: la struttura <ul><li>Utente </li></ul><ul><ul><li>Comunità </li></ul></ul><ul><ul><li>File </li></ul></ul><ul><ul><li>Tag </li></ul></ul><ul><ul><li>Altri Utenti </li></ul></ul><ul><li>Comunità </li></ul><ul><ul><li>Utenti </li></ul></ul><ul><ul><li>File </li></ul></ul><ul><ul><li>Tag </li></ul></ul><ul><li>File </li></ul><ul><ul><li>Comunità </li></ul></ul><ul><ul><li>Utenti </li></ul></ul><ul><ul><li>Tag </li></ul></ul>
    18. 18. PEENV: relazione tra gli utenti <ul><li>Diretta </li></ul><ul><li>Di prossimità </li></ul><ul><li>Tag personali </li></ul><ul><li>Comunità di appartenenza </li></ul><ul><li>File preferiti </li></ul>
    19. 19. PEENV: Pagina iniziale Post dei blog aggregati Gli utenti del sistema Le comunità del sistema File recenti
    20. 20. PEENV: Pagina comunità Post dei blog aggregati relativi agli utenti della comunità Dislocazione geografica degli utenti della comunità Utenti Iscritti comunità Dati generali della comunità File adottati e associati
    21. 21. PEENV: Pagina file File Commenti Comunità collegate Dati file Utenti associati
    22. 22. Sviluppi futuri <ul><li>Prima versione βeta (3 mesi) </li></ul><ul><ul><li>Test su DISA </li></ul></ul><ul><ul><li>Analisi risultati (a 6 mesi) </li></ul></ul><ul><li>Da porre attenzione </li></ul><ul><ul><li>Eccessiva dipendenza </li></ul></ul><ul><ul><li>Relazione prossimità: Introduzione dei pesi </li></ul></ul><ul><ul><li>Caratterizzare comunità “istituzionali” </li></ul></ul>
    23. 23. Conclusioni <ul><li>Primo tentativo di introdurre principi Web 2.0 nei sistemi di E-Learning </li></ul><ul><li>E-Learning + Web 2.0 = Valore alla conoscenza informale </li></ul><ul><li>Aspetti sociali ormai fondamentali negli ambienti virtuali </li></ul>
    24. 24. GRAZIE <ul><li>Francesco Magagnino </li></ul>

    ×