Il Modello Pragmatico Elementare per lo sviluppo di Sistemi Adattivi - Tesi

6,272 views
6,015 views

Published on

Published in: Technology
0 Comments
1 Like
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

No Downloads
Views
Total views
6,272
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0
Actions
Shares
0
Downloads
0
Comments
0
Likes
1
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Il Modello Pragmatico Elementare per lo sviluppo di Sistemi Adattivi - Tesi

  1. 1. UNIVERSITÀ TRENTO DEGLI STUDI DI Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria dell’Informazione e dell’Organizzazione Tesi di Ricerca Il Modello Pragmatico Elementare per lo sviluppo di Sistemi Adattivi Candidato: Francesco MAGAGNINO Relatore: prof. Luigi COLAZZO Ottobre 2004
  2. 2. Ringraziamenti Un affettuoso ringraziamento ai miei genitori per avermi permesso di arrivare fino a qui, soprattutto a mia mamma per avermi sempre supportato. Un ringraziamento a tutti coloro che hanno preso parte agli esperimenti; fondamentali per lo svolgimento di questa tesi. Un ringraziamento a tutti coloro che sono intervenuti, più o meno direttamente, nelle fasi del lavoro. Francesco Magagnino
  3. 3. Indice dei capitoli Indice dei capitoli .......................................................................................... 1 Indice delle figure .......................................................................................... 4 Introduzione................................................................................................... 5 1 Sistemi adattivi......................................................................................... 6 1.1 Introduzione ....................................................................................... 6 1.2 Gli ambiti di sviluppo ........................................................................ 8 1.2.1 Sistemi E-learning e Ipermedia educativi ................................. 9 1.2.2 Sistemi Informativi On-line .................................................... 10 1.2.3 Sistemi di help On-line ........................................................... 10 1.2.4 Sistemi Ipermedia di Information Retrieval............................ 11 1.2.5 Sistemi Istituzionali................................................................. 11 1.2.6 Sistemi di organizzazione personalizzata delle informazioni . 12 1.3 Le fasi di sviluppo............................................................................ 12 1.3.1 Immagazzinamento dati .......................................................... 13 1.3.1.1 Dati dell’utente (User Data) .............................................. 14 1.3.1.2 Dati sull’uso del sistema (Usage Data) ............................. 14 1.3.1.3 Frequenza d’uso del sistema (Usage Regularities) ........... 14 1.3.1.4 Contesto d’utilizzo (Environment Data) ........................... 14 1.3.2 Interpretazione dati e creazione modello utente...................... 15 1.3.3 Personalizzazione.................................................................... 15 1.4 Le classi di adattività........................................................................ 16 1.4.1 Adaptive presentation ............................................................. 17 1.4.2 Adaptive navigation support ................................................... 17 1.4.2.1 Direct guidance ................................................................. 18 1.4.2.2 Adaptive sorting of links................................................... 18 1.4.2.3 Adaptive hiding of links.................................................... 18 1.4.2.4 Adaptive annotation of links ............................................. 19 ____________ 1
  4. 4. 1.4.3 Map adaptation........................................................................ 19 1.5 Cenni storici ..................................................................................... 19 1.5.1 CAI (Computer Assisted Instruction) ..................................... 19 1.5.2 ITS (Intelligent Tutoring System)........................................... 20 1.6 The three webs: Syntactic Web, Semantic Web, Pragmatic Web.... 21 1.6.1 Syntactic Web ......................................................................... 22 1.6.2 Semantic Web ......................................................................... 23 1.6.2.1 I linguaggi del Semantic Web ........................................... 27 1.6.3 Pragmatic Web ........................................................................ 29 2 Modello Pragmatico Elementare............................................................ 31 2.1 Introduzione ..................................................................................... 31 2.2 I quattro livelli del EPM................................................................... 32 2.2.1 La triade .................................................................................. 33 2.2.2 Le coordinate........................................................................... 34 2.2.3 I sedici stili relazionali ............................................................ 39 2.2.3.1 f0: Impossibilità del rapporto ............................................ 39 2.2.3.2 f1: Condivisione ................................................................ 40 2.2.3.3 f2: Ritiro nel proprio mondo ............................................. 40 2.2.3.4 f3: Mantenimento del proprio mondo ............................... 41 2.2.3.5 f4: Cedimento al mondo dell’altro .................................... 42 2.2.3.6 f5: Entrata nel mondo dell’altro ........................................ 43 2.2.3.7 f6: Mantenimento proprio mondo, accettazione mondo dell’altro, non condivisione............................................... 44 2.2.3.8 f7: Mantenimento del proprio mondo, accettazione del mondo dell’altro e condivisione........................................ 45 2.2.3.9 f8: Impossibilità del rapporto, utilizzo di elementi di nessun mondo................................................................................ 46 2.2.3.10 f9: Condivisione e utilizzo di elementi di nessun mondo . 46 2.2.3.11 f10: Bastian contrario........................................................ 47 2.2.3.12 f11: Mantenimento del proprio mondo e utilizzo elementi di nessun mondo.................................................................... 48 ____________ 2
  5. 5. 2.2.3.13 f12: Rinunzia totale del proprio mondo, utilizzo elementi di nessun mondo.................................................................... 48 2.2.3.14 f13: Entrare nel mondo dell’altro e utilizzare elementi esterni ................................................................................ 49 2.2.3.15 f14: Accettazione totale a parte gli elementi condivisi ..... 50 2.2.3.16 f15: Accettazione totale..................................................... 50 2.2.4 La tabella delle relazioni ......................................................... 52 3 Il Progetto............................................................................................... 54 3.1 EPM per la realizzazione di sistemi adattivi .................................... 54 3.2 Pragmatic System Model & Pragmatic User Model ........................ 56 3.3 L’interpretazione delle interazioni ................................................... 58 3.3.1 La costruzione di un Pragmatic System Model (PSM)........... 58 3.3.2 La costruzione di un Pragmatic User Model (PUM) .............. 60 3.4 Il banco di prova............................................................................... 64 3.4.1 Lo Use-Case del sistema ......................................................... 66 3.4.2 Il DBMS alla base ................................................................... 69 3.4.3 Automa a stati finiti................................................................. 71 3.4.3.1 Gestione profilo e primi 4 step del sistema....................... 72 3.4.3.2 Stati di amministrazione e di pubblicazione preprint........ 74 3.4.3.3 Stati di visualizzazione del sistema di preprint ................. 75 3.4.3.4 Servizio Forum.................................................................. 76 3.4.4 Il Codice .................................................................................. 77 3.5 L’esperimento .................................................................................. 78 3.5.1 Considerazioni finali ............................................................... 87 4 Bibliografia ............................................................................................ 89 ____________ 3
  6. 6. Indice delle figure Figura 1: Schema dello sviluppo di un sistema adattivo....................................... 13 Figura 2: Le classi di adattività ............................................................................. 17 Figura 3: Diagramma “Control over Representation” [Repenning, 2003] ........... 21 Figura 4: Rappresentazione delle relazioni nel Syntactic Web............................. 22 Figura 5: Rappresentazione delle relazioni nel Semantic Web (bozza di Tim Berners-Lee) [Berners-Lee, 1989] ........................................................................ 24 Figura 6: Ontologia e Semantica dal dizionario della lingua italiana (Utet)......... 25 Figura 7: Rappresentazione delle relazioni in un Web Semantico [Berners-Lee & alt, 2001] ............................................................................................................... 26 Figura 8: Lo schema del Semantic Web come presentato da Tim Berners-Lee ... 27 Figura 9: Lo rappresentazione dell’EPM [De Giacomo & alt, 2002] ................... 32 Figura 10: La triade [De Giacomo & alt, 2002].................................................... 33 Figura 11: Interazione elementare......................................................................... 34 Figura 12: La tabella delle 256 relazioni .............................................................. 53 Figura 13: Un esempio di interpretazione pragmatica di un automa a stati.......... 59 Figura 14: Rappresentazione delle 3 azioni utente computer ............................... 59 Figura 15: Rappresentazione delle possibili interazioni Software-Utente............ 60 Figura 16: Stringa binaria considerata (83 bit) ..................................................... 61 Figura 17: Rappresentazione del pattern risultante............................................... 63 Figura 18: Use-Case del sistema sviluppato ......................................................... 66 ____________ 4
  7. 7. Introduzione “The bane of my existence is doing things that I know the computer could do for me.” (Dan Connolly – w3c, The XML Revolution) L’obiettivo di questa tesi è la ricerca di nuove soluzioni per lo sviluppo di sistemi adattivi; mentre, fino ad ora, l’adattività dei software è sempre stata circoscritta alle caratteristiche semantiche delle interazioni, si vuole indagare un nuovo approccio puramente pragmatico. L’idea nasce in seguito alla constatazione dell’esistenza di modelli pragmatici della comunicazione in uso per la cura di fenomeni psicopatologici in psichiatria, dedicati allo studio delle interazioni elementari tra paziente ed analista, che, con i dovuti accorgimenti, potrebbero essere traslati in un sistema informatico per lo studio delle interazioni tra utente e computer. In questa tesi si utilizzerà uno specifico modello noto come Modello Pragmatico Elementare, che sembra risolvere a tutte le richieste per lo sviluppo di un sistema adattivo. La ricerca, tutt’ora in corso, si prefigge lo scopo di applicare tale modello su delle piattaforme web per analizzare i risultati generati dagli utenti e studiarne le possibili applicazioni. ____________ 5
  8. 8. 1 Sistemi adattivi “... a goal of the Web was that, if the interaction between person and hypertext could be so intuitive that the machine- readable information space gave an accurate representation of the state of people's thoughts, interactions, and work patterns, then machine analysis could become a very powerful management tool, seeing patterns in our work and facilitating our working together through the typical problems which beset the management of large organizations.” (Tim Berners-Lee) 1.1 Introduzione Il Web dei giorni nostri è una vastissima fonte di informazione in qualsiasi genere di campo. Si conta che al 2004 ci siano nella rete più di 7 miliardi di pagine (Google ne indicizza ad oggi più di 4 miliardi), numero entusiasmante al pensiero di quanto sia reperibile nella rete, ma altresì preoccupante se si pensa a proporzionare le percentuali di informazioni vecchie e superflue che sono in circolazione quotidianamente. Il World Wide Web, nato dalla mente di Tim Berners-Lee, ricercatore del CERN di Ginevra quando lo inventò, ora direttore del W3C e professore nelle più grandi università del mondo tra cui il Massachusset Institute Technology, ha contribuito, senza mezzi termini, al cambiamento sociale ed economico dell’intero sistema mondiale negli ultimi decenni. Nato come mezzo di scambio di informazioni tra i ricercatori del CERN, diventato in breve tempo un mezzo indispensabile per tutte le strutture universitarie del mondo, si è trasformato in meno di un lustro, volente o nolente, in una nuova, enorme, frontiera economica. ____________ 6
  9. 9. Oggi, anche la più piccola realtà aziendale, di provincia o di metropoli, non può fare a meno di possedere un sistema web più o meno integrato nella sua realtà operativa. I costi di input e di output sono pressoché trascurabili se paragonati a quelli di un qualsiasi altro sistema di comunicazione. Ed è in questo grande contesto, in questi obiettivi raggiunti, che si inseriscono nuove interessanti ed indispensabili sfide. Tra questi è sicuramente di grande rilevanza il tema dei sistemi adattivi e, nello specifico, i siti o ipermedia adattivi che nascono alla fine degli anni ’90 dalla confluenza della ricerca sugli ipertesti e sulla modellazione d’utente. I sistemi adattivi sono in grado di fornire all’utente interagente informazioni che, basandosi sulle caratteristiche dominanti dell’utente stesso, si ritengono essere di suo maggiore interesse. In generale si utilizza una distinzione importante tra sistemi adattivi e sistemi adattabili [De Bra, 1999]. Nei sistemi adattabili, è l’utente interagente, che, prima della fase di interazione, fornisce al sistema, tramite una feedback, un questionario, oppure direttamente una scelta di stereotipo, una serie di informazioni personali atte a disegnarne il profilo. Attualmente, i sistemi adattivi, rappresentano un settore tecnologico ed economico ancora in parte da scoprire. Sicuramente il campo dove sono state sviluppate le più interessanti esperienze è quello dell’adattività nei sistemi di e- learning. I sistemi adattivi, sono sistemi apparentemente normali, dove in background opera un software studiato ad hoc che permette l’immagazzinamento di dati rilevanti al fine di assegnare ad un dominio di appartenenza l’utente interagente. Definite le caratteristiche peculiari, e definiti dei modelli utente, questi vengono associati e l’output del software viene modificato in base a tale associazione e alle caratteristiche del modello utente identificato. I sistemi adattivi sono quindi in grado di costruirsi un modello dell’utente con cui sono in interazione analizzandone e classificandone le preferenze, gli ____________ 7
  10. 10. obiettivi e le conoscenze; traendone poi un profilo finale tale da poter adattarsi e cambiare di volta in volta. Lo scopo dei sistemi adattivi è appunto quello di adattarsi nel miglior modo possibile all’utilizzatore, prevedendo il suo passo successivo, che sia esso una necessità o un desiderio. Sicuramente tali sistemi saranno tra i protagonisti del web di domani. 1.2 Gli ambiti di sviluppo Come già detto, ogni sistema adattivo prevede uno studio personalizzato per identificarne le caratteristiche peculiari, la tipologia di informazioni da trasmettere, la tipologia di utenti interagenti e il livello di adattabilità necessario. La letteratura al riguardo evidenzia sei ambiti principali di applicazione per sistemi adattivi in ambito web [Brusilowsky, 1996 -a] [Brusilowsky, 1996 -b], ognuno caratterizzato dal proprio dominio di appartenenza: 1. Sistemi E-learning e Ipermedia educativi • Anatom-Tutor [Beaumont, 1994], • C-Book [Kay & Kummerfeld, 1994], • ELM-ART [Schwarz, Brusilovsky & Weber, 1996], • ISIS-Tutor [Brusilovsky & Pesin, 1994], • ITEM/PG [Brusilovsky & alt, 1993], • HyperTutor [Pérez, Gutiérrez & Lopistéguy, 1995], • Manuel Excel [De La Passardiere & Dufresne, 1992], • SHIVA [Zeiliger, 1993], • SYPROS [Gonschorek & Herzog, 1995] 2. Sistemi Informativi On-line • Hypadapter [Hohl, Böcker & Gunzenhäuser, 1996] • HYPERCASE [Micarelli & Sciarrone, 1996], • KN-AHS [Kobsa, Müller & Nill, 1994], • MetaDoc [Boyle & Encarnacion, 1994], ____________ 8
  11. 11. • PUSH [Höök et al., 1996] 3. Sistemi di help On-line • EPIAIM [De Rosis, De Carolis & Pizzutilo, 1993], • HyPLAN [Grunst, 1993], • Lisp-Critic [Fischer et al., 1990], • ORIMUHS [Encarnação, 1995] 4. Sistemi Ipermedia di Information Retrieval • Adaptive HyperMan [Mathé & Chen, 1994], • HYPERFLEX [Kaplan, Fenwick & Chen, 1993], • WebWatcher [Armstrong et al., 1995] 5. Sistemi Istituzionali • Hynecosum [Vassileva, 1994] 6. Sistemi di organizzazione personalizzata delle informazioni • Information Islands [Waterworth, 1996] • Basar [Thomas, 1995] Ognuno di questi ambiti è caratterizzato da specifiche soluzioni per ogni specifico problema. 1.2.1 Sistemi E-learning e Ipermedia educativi Come già accennato precedentemente, l’ambito dove i sistemi adattivi nutrono maggiore popolarità è, senza dubbio, quello dell’e-learning e degli ipermedia educativi [Beaumont, 1994] [Brusilovsky & alt, 1993] [Brusilovsky & Pesin, 1994] [De La Passardiere & Dufresne, 1992] [Gonschorek & Herzog, 1995] [Hohl, Böcker & Gunzenhäuser, 1996] [Kay & Kummerfeld, 1994] [Micarelli & Sciarrone, 1996] [Pérez, Gutiérrez & Lopistéguy ,1995]. In questo contesto, l’utente/studente ha tutta la necessità e il desiderio di essere guidato nel processo di apprendimento; esattamente come in una situazione reale. Si presenta quindi una situazione di reciproco interesse nei confronti di una soluzione adattiva per la navigazione all’interno del sistema. Lo scopo finale dello studente è apprendere ciò che gli viene suggerito; ma in un sistema di e-learning non adattivo, lo stesso output informativo può risultare ____________ 9
  12. 12. di grande interesse, al fine dell’apprendimento, per uno studente e inutile o noioso per un altro. Quindi risulta importante guidare la navigazione in base ad un sistema di riconoscimento delle conoscenze e delle capacità dello studente interagente. 1.2.2 Sistemi Informativi On-line Un secondo ambito di sviluppo per sistemi adattivi è quello degli on-line information systems, che spazia dalla documentazione on-line alle enciclopedie elettroniche [Hohl, Böcker & Gunzenhäuser, 1996] [Boyle & Encarnacion, 1994] [Micarelli & Sciarrone, 1996] [Kobsa, Müller, & Nill, 1994] [Kaplan, Fenwick & Chen, 1993]. Solitamente l’accesso a tali sistemi avviene da parte di utenti già in possesso di conoscenze sul dominio di interesse del sistema che viene utilizzato per la consultazione di informazioni specifiche. Per alcune caratteristiche peculiari dei sistemi informativi, si possono tracciare delle similitudini con i sistemi di e- learning, e, come questi, uno dei più grossi problemi da affrontare è la necessità di soddisfare le esigenze di utenti molto differenti tra di loro. Rispetto ad un medesimo argomento, diversi utenti potrebbe avere bisogno di informazioni differenti o anche identiche, ma con differenti livelli di comprensibilità. Bisogna anche considerare che a differenza dei sistemi di e-learning dove lo studente ha modo di approfondire lungamente l’interazione con il sistema, essendo questa la sua piattaforma informativa, in un on-line information systems, l’utente, potrebbe non avere il tempo e la predisposizione per cercare tutte le informazioni riguardanti l’argomento d’interesse. 1.2.3 Sistemi di help On-line Molto simili agli on-line information systems sono gli on-line help systems [De Rosis, De Carolis & Pizzutilo, 1993] [Fischer & alt, 1990] [Grunst, 1993] [Encarnação, 1995]. La principale differenza sta nel fatto di non essere sistemi indipendenti, ma bensì essere dipendenti ad una seconda applicazione come un software di sviluppo, un software complesso, un foglio elettronico in generale. I sistemi di help on-line devono rappresentare tutte le informazioni rilevanti riguardo all’applicazione di riferimento. Il dominio è quindi relativamente ____________ 10
  13. 13. piccolo. Per questa tipologia di sistemi, è certamente un dato fondamentale, la conoscenza delle operazioni in atto sul software principale per poter intervenire adattivamente con più immediatezza e oggettività. 1.2.4 Sistemi Ipermedia di Information Retrieval I sistemi ipermedia di information retrieval [Agosti & alt, 1995] combinano le tecniche tradizionali di information retrieval (IR) con la possibilità di navigare l’iperspazio di documenti usando links statici e dinamici [Brusilowsky, 1996 -b]. Le dimensioni del dominio sono tendenzialmente infinite, il sistema, deve aiutare l’utente a ricevere una giusta risposta alle sue richieste in base ad elementi differenti da quelli della pura query sottoposta. I sistemi IR si dividono attualmente in due gruppi: • Search-oriented, ovvero i tradizionali sistemi di retrieval accompagnati da sistemi di filtering. L' obiettivo prioritario di tali sistemi è la creazione di un elenco di link verso documenti che soddisfano la richiesta corrente dell' utente. • Browsing-oriented, il cui obiettivo consiste nel configurarsi come supporto all' utente nel processo di ricerca. In tale sottocategoria rientrano guide, annotazioni e suggerimenti generati in maniera dinamica dal sistema a seconda dell' interazione dell' utente. 1.2.5 Sistemi Istituzionali Un nuovo ambito di sviluppo per sistemi adattivi sono i sistemi istituzionali detti institutional information system (IIS); si prefiggono lo scopo di servire on- line tutte le informazioni reperibili nei confronti di un determinato dominio di interesse, per gli operatori di tale dominio come per esempio un ospedale [Vassileva, 1994]. Gli IIS inizialmente sviluppati come archivi di dati indipendenti tra di loro, si sono ultimamente trasformati in iperspazi di ipertesti molto ricchi di informazioni e quindi con una base informativa molto ampia. La caratteristica dominante è di essere dei “mezzi di lavoro” quotidiani per molti operatori di settore. L’adattività si sviluppa con l’intento di favorire l’utente/lavoratore al ____________ 11
  14. 14. reperimento delle informazioni necessarie, in accordo al suo lavoro, in un’area specifica dell’iperspazio. 1.2.6 Sistemi di organizzazione personalizzata delle informazioni L’ultimo degli ambiti di interesse per i sistemi adattivi, è quello dei “Sistemi di organizzazione personalizzata delle informazioni”, tali realtà sono in stretta correlazione con i sistemi web di domani e con le caratteristiche di indicizzazione, di reperibilità e di riconoscibilità dei dati sulla rete. Il web, come detto più volte, offre una quantità di informazioni differenti e un quantità di servizi on-line che non permettono di definire nessun limite dell’iperspazio informativo. Per un utente in generale, sembrano oramai indispensabili sistemi in grado di presentare e proporre una personale “view” dell’iperspazio stesso con dei sistemi di filtering di origine adattiva. Rientrano in tale categoria tutti quei sistemi che seguono l' universo dell' Information Retrieval e che ne costituiscono il completamento naturale. La differenza è che mentre i sistemi IR aiutano gli utenti nel localizzare le informazioni rilevanti, questo ultimo gruppo di ipermedia adattivi dovrebbero consentire all' utente di organizzare tali informazioni. 1.3 Le fasi di sviluppo Per il corretto sviluppo di un sistema adattivo, risulta necessario seguire alcuni fondamentali passaggi più volte ripresentati negli articoli scientifici sull’argomento. Sono tre passaggi, di fondamentale importanza e con finalità differenti [Brusilowsky, 1996 -b]: 1. Immagazzinamento dati 2. Interpretazione dati e creazione modello utente 3. Personalizzazione ____________ 12
  15. 15. Considerando che la terza fase è definibile esclusivamente in ambito finale in funzione delle esigenze del proprietario del sistema adattivo e quindi dell’erogatore del servizio, le prime due danno adito a svariate soluzioni progettuali che variano in base all’ambito applicativo del sistema. Figura 1: Schema dello sviluppo di un sistema adattivo 1.3.1 Immagazzinamento dati La prima delle tre fasi è quella di “Immagazzinamento dati”, molto importante specialmente in funzione della tipologia di approccio alla fase successiva; in base al tipo di interpretazione dei dati che si vuole adottare è necessario collezionare le informazioni necessarie al riguardo. Se, per esempio, ipotizziamo che l’adattività sia solo riferita alla nazionalità dell’utente, ci sarà sufficiente la conoscenza della sua locazione. Ovviamente non è questa una reale adattività, ma è un esempio dell’importanza dei dati da collezionare. La maggior parte dei dati sono tipicamente osservati autonomamente dal sistema, altri, potrebbero essere chiesti direttamente all’utente. Generalmente il sistema indaga gli interessi e gli scopi dell’utente [Kulls, 2000] [Garlatti & alt, 1999], le competenze relative all’uso o ai contenuti del sistema e lo storico della interazione utente con il sistema [Stefani & Strapparava 1999] [Strapparava & alt, 2000]. ____________ 13
  16. 16. Attuando un interesse semantico all’immagazzinamento dei dati si considerano prevalentemente quattro macro-categorie [Kobsa & alt, 2001] [Teltzrow & Kobsa, 2004] [Brusilowsky, 1996 -a]: a. Dati dell’utente (User Data) b. Dati sull’uso del sistema (Usage Data) c. Frequenza d’uso del sistema (Usage Regularities) d. Contesto d’utilizzo (Environment Data) 1.3.1.1 Dati dell’utente (User Data) Con il termine “User Data” si considerano le informazioni sulle caratteristiche personali dell’utente e si possono dividere in: Demographic data User Knowledge User Skills and Capabilities: User Interests and Preferences User Goals and Plans 1.3.1.2 Dati sull’uso del sistema (Usage Data) Selective Actions Temporal Viewing Behavior Ratings Purchases and Purchaserelated Other confirmatory and disconfirmatory actions 1.3.1.3 Frequenza d’uso del sistema (Usage Regularities) Usage Frequency Situation-action correlations Action Sequences 1.3.1.4 Contesto d’utilizzo (Environment Data) Software Environment Hardware Environment Locale ____________ 14
  17. 17. 1.3.2 Interpretazione dati e creazione modello utente La seconda fase, quella dell’interpretazione dei dati collezionati e delle creazione del modello utente, è la più caratterizzante nella costruzione di sistemi adattivi. La possibilità di utilizzare costanti descrittive del comportamento degli utenti per caratterizzarli e quindi fornire loro un servizio personalizzato è la premessa fondamentale nell’approccio allo sviluppo di adattività delle applicazioni web. Ogni sistema, in base al tipo di interpretazione utilizzata, può sviluppare un’ adattività differente. La creazione del modello utente (User Model) [Kobsa, 1990] è il tema principale e quello su cui si confrontano sviluppatori con differenti approcci al problema e di conseguenza diversi approcci alla risoluzione, ma sempre privilegiando una classificazione dell’utente tramite l’uso di stereotipi [Kay, 1994] [Rich, 1979]. I modelli utente possono essere ricavati dall’unione di stereotipi e reti neurali artificiali [Shepherd & alt, 2002] [Scali], stereotipi e autovalutazioni [Strachan, 1997], stereotipi e livelli di conoscenza dell’utente in un determinato dominio [Zakaria, 2002]. Associare all’utente un stereotipo è come indicare la sua appartenenza ad un gruppo, l’intero gruppo condividerà una soluzione di adattività. Di conseguenza, più è elevato il numero di gruppi di un sistema, più precisa è l’adattività. Immaginando di utilizzare un elevato livello di granularità per identificare le caratteristiche di appartenenza ad ogni gruppo, si può ipotizzare di avere gruppi monoutente. Quindi un adattività non basata più su stereotipi, in quanto gruppi, ma completamente definita per un singolo utilizzatore. 1.3.3 Personalizzazione Come già evidenziato precedentemente, la personalizzazione è la parte finale del sistema adattivo, è la parte che meno si studia nelle sedi di ricerca e che è progettata su indicazione diretta dell’erogatore del servizio. La ____________ 15
  18. 18. personalizzazione avviene quindi in dipendenza dello scopo che si prefigge il sistema. In generale si parla di personalizzazione a livello di contenuti e a livello di collegamenti interni/esterni al sistema (links). • Testi • Immagini • Collegamenti • Presentazioni • Lessico E’ importante notare che questo punto può assumere una grande importanza, anche in ambito di ricerca, se si parla di sistemi ubiquitari, quindi se il sistema adattivo è sviluppato per essere utilizzato su piattaforme e dispositivi diversi tra loro (workstation, palmari, cellulari). Collegato al discorso della personalizzazione è il prossimo punto: “Le classi di adattività” 1.4 Le classi di adattività Risulta interessante riprende i concetti di “livelli di adattività” concepiti da Peter Brusilovky [Brusilowsky, 1996 -a] [Brusilowsky, 1996 -a] uno degli studiosi che più si è dedicato allo studio e alla definizione dei sistemi adattivi. All’interno di un nodo dell’iperspazio, quindi all’interno di una pagina, compaiono una serie di elementi definibili sostanzialmente in due gruppi, contenuto e collegamenti; da qui la definizione di “content-level adaptation” (Cla) e “link-level adaptation” (Lla). Si distinguono “content-level adaptation” e “link-level adaptation” come due differenti classi di adattività, la prima “adaptive presentation”, la seconda “adaptive navigation support”. ____________ 16
  19. 19. Adaptive multimedia presentation Adaptive Adaptive text presentation presentation Adaptive Direct guidance technologies Adaptive sorting of links Adaptive hiding of Adaptive links navigation support Adaptive annotation of links Map adaptation Figura 2: Le classi di adattività 1.4.1 Adaptive presentation Parlando di adattività dei contenuti si deve pensare alla totalità di essi. Vengono quindi considerate prevalentemente due categorie di adattività, adattività del contenuto testo e adattività del contenuto multimedia. Le maggiori soluzioni, ad ora, sono state incentrate sull’adattività del testo. 1.4.2 Adaptive navigation support Nello studio dell’adattività del supporto alla navigazione, sono intervenuti molti ricercatori con varie soluzioni. L’obiettivo di questa classe e quello di aiutare l’utente ad identificare il corretto percorso all’interno dell’iperspazio adattando lo stile di presentazione dei collegamenti. ____________ 17
  20. 20. Vengono identificate cinque differenti soluzioni, con differenti caratteristiche ma unibili tra di loro: direct guidance, adaptive hiding of links, adaptive annotation of links, map adaptation. 1.4.2.1 Direct guidance Direct guidance (consiglio diretto), è sicuramente il sistema più semplice di adaptive navigation support, è utilizzabile con tutti i contesti di link e prevede l’indicazione del “migliore” nodo (quindi migliore link) successivo secondo gli obiettivi dell’utente e del suo user model. Per proporre il migliore link, il sistema può intervenire in maniera visuale per esempio con una evidenziazione o una sottolineatura del collegamento interessato oppure utilizzare link dinamici ed associare ad un bottone “next page” la pagina “migliore”. Il limite del “Direct guidance” è che non prevede un’adattività totale del sistema, ma solo da nodo a nodo, del tipo “segui i miei consigli oppure arrangiati”. 1.4.2.2 Adaptive sorting of links Adaptive sorting of links è una soluzione che consiste nell’ordinare in modo crescente i collegamenti ritenuti più interessanti per l’utente interagente. Questa soluzione ha molti limiti di applicabilità. Risulta difficile poterlo utilizzare in alcuni contesti, per esempio negli ipertesti con collegamenti annidati oppure inseriti nel teso. Risulta di difficile applicazione anche perché, per definizione stessa, continua a cambiare l’ordine di apparizione dei collegamenti; questo risulta scomodo per la maggior parte dei sistemi e soprattutto per gli utenti poco esperti. 1.4.2.3 Adaptive hiding of links Questo è sicuramente l’approccio più utilizzato fino ad ora; permette al sistema di decidere quali link non visualizzare all’utente in modo da restringere il campo di scelta. E’ importante notare la differenza con il direct guidance, mentre in quel caso il risultato dell’adattività è un link, in questo, apparentemente l’opposto, sono più link, ma meno rispetto alla totalità delle possibilità. Questo tipo di applicazione può essere facilmente utilizzato per ogni tipologia di struttura links. ____________ 18
  21. 21. 1.4.2.4 Adaptive annotation of links Il sistema di “adaptive annotation of links”, è sicuramente quello con maggiore precisione nel risultato; prevede l’inserimento di notazioni, di tipo valutativo. Grazie alle notazioni permette di stabilire il grado di appartenenza, di interesse, dei collegamenti nei confronti del utente interagente. Risulta più completo rispetto all’ “adaptive hiding of links” perché mentre questo prevede due unici stati, quindi una soglia di appartenenza di 1 o 0, l’“adaptive annotation of links” ne prevede una quantità, teoricamente, illimitata. 1.4.3 Map adaptation L’implementazione di una “map adaptation” permette l’adattività della “map” di un sito. Anche altri soluzioni di adattività permettono una soluzione simile, ma mai con la possibilità di adattare l’intera struttura. Questo sistema risulta senza dubbio di grande interesse; è fondamentalmente la base concettuale di un “adaptive presentation”: modificare i collegamenti e quindi alla fine, modificare la struttura del sito. 1.5 Cenni storici Le prime sperimentazioni di sistemi adattivi si possono far risalire agli anni ’60 (PLATO, TICCIT [Anastasio, 1972]). Il primo approccio, tipicamente di ricerca, venne circoscritto ai sistemi di didattica dove l’utente era lo studente e dove l’obiettivo dell’adattività del sito era quello di dare una nuova ed innovativa opportunità di studio e di apprendimento. 1.5.1 CAI (Computer Assisted Instruction) Sistema rivolto allo studio individuale e con tempi e percorsi che si quot;adattavanoquot; alle risposte di ogni singolo studente. [Indire.it] Il tipo di relazione instaurata era quot;uno ad unoquot; e adattività intesa come quot;individualizzazionequot; del percorso. Il CAI si basava su strategie di stampo comportamentista, adeguate allo ____________ 19
  22. 22. sviluppo di abilità ripetitive ma meno applicabili per altre competenze, di tipo riflessivo o critico. Il CAI, seppur migliorato in conseguenza allo sviluppo tecnologico dei computer, è tutt’ora utilizzato in alcuni sistemi software per l’apprendimento individuale. Il grosso punto debole dei sistemi CAI è la qualità del feedback e la dubbia adattività del percorso ai comportamenti dello studente. 1.5.2 ITS (Intelligent Tutoring System) Sistema software per il supporto all' insegnamento, progettato sulla base di tecniche di Intelligenza Artificiale allo scopo di rappresentare la conoscenza e portare avanti un' interazione con uno studente. [Bertelli & alt, 1999] Un sistema ITS deve comprendere: • un modello cognitivo dello studente ed un modello di interazione con esso che permetta al sistema di adattarsi progressivamente alle esigenze dello studente; • un modulo pedagogico, ossia una rappresentazione delle strategie di insegnamento che il sistema è in grado di attuare. È necessario considerare come comportarsi di fronte agli errori dell' allievo, ma anche di fronte ad eventuali successi; • una rappresentazione del dominio oggetto dell' insegnamento; • un' interfaccia semplice, chiara e concreta tra sistema e studente, per non sovraccaricare le capacità di attenzione. La concretezza è un requisito importante poiché in molti casi le difficoltà di apprendimento derivano da incapacità di astrazione e di formalizzazione del pensiero. ____________ 20
  23. 23. 1.6 The three webs: Syntactic Web, Semantic Web, Pragmatic Web E’ molto importante identificare con precisione l’ambito reale di operatività dei sistemi adattivi; come già accennato in precedenza, se ne ipotizza una grande espansione, anche a livello commerciale, nel contesto dei webs di domani. A tale proposito risulta necessario una panoramica sui futuri sviluppi del mondo web. Sono attualmente identificati tre contesti web differenti ognuno con la sua definizione. Fanno riferimento ai termini della grande tripartizione della semiotica di C.W.Morris [Morris, 1938] (pragmatica, semantica e sintattica). Il web attuale, quello che viviamo quotidianamente attraverso gli attuali browser, è definito come Syntactic Web; il web che dovrebbe piano-piano sostituire quello attuale è definito come Semantic Web (teorizzato dal guru del Web Tim-Berners Lee), di cui il W3C ha già iniziato il processo di standardizzazione dei linguaggi componenti; il web di dopodomani che già viene intravisto da molti e che sarà comunque parte complementare dei due precedenti, il Pragmatic Web. Figura 3: Diagramma “Control over Representation” [Repenning, 2003] ____________ 21
  24. 24. 1.6.1 Syntactic Web A place where computers do the presentation (easy) and people do the linking and interpreting (hard). (Ian Horrocks and Ulrike Sattler - University of Manchester) Il Web Sintattico, la prima generazione della tecnologia Web, caratterizzato dall’uso dell’HTML (HyperText Markup Language), permette la classificazione di sole informazioni sintattiche quali layout, fonts, colori. La personalizzazione minima possibile è esclusivamente quella permessa dal browser. Lo schema delle informazioni, quindi l’ipertesto, è realizzato empiricamente e staticamente dallo sviluppatore. Figura 4: Rappresentazione delle relazioni nel Syntactic Web La ricerca di informazioni nel Web Sintattico, per come è strutturato, restituisce una grande quantità di risultati completamente irrilevanti che richiedono l’intervento dell’utente per essere ri-filtrati [Berners-Lee & alt, 2001]. ____________ 22
  25. 25. Traendo spunto dall’esempio di Tim Berners-Lee sullo Scentific America del Maggio 2001 ipotizziamo di voler ricercare la parola inglese “cook”; il sistema non ha alcun modo per capire se stiamo cercando informazioni su come cucinare “How to cook” o su un luogo “The Cook Islnads” o su una persona “James Cook” o su una business comapny “Thomas Cook” o su una qualsiasi altra entità “Cook”. In questo, appunto, sta il grande limite del Web attuale inteso nell’unica concezione Sintattica. Grandi quantità di informazioni, ma non classificabili, non logicamente rintracciabili. C’è perciò la necessità di trovare, sperimentare ed applicare nuove tipologie di Sistema. 1.6.2 Semantic Web “The Semantic Web is an extension of the current web in which information is given well-defined meaning, better enabling computers and people to work in cooperation.” (Tim Berners-Lee, James Hendler, Ora Lassila, The Semantic Web, Scientific American, May 2001) Il Web Semantico, creazione teorica di Tim Berners-Lee, è concepito per risolvere il limite strutturale, prima definito, del Web Sintattico. Nasce dall’impellente bisogno di classificare in maniera univoca e strutturale le informazioni che un sistema, quale quello di Internet, necessita. Nella pratica il Semantic Web è una sezione di lavoro del W3C che si occupa di produrre documenti, soluzioni ed esperienze per consentire al web prossimo futuro di acquisire un senso più compiuto, contribuendo a fornire alle persone uno strumento più completo, efficace ed utile. ____________ 23
  26. 26. Figura 5: Rappresentazione delle relazioni nel Semantic Web (bozza di Tim Berners-Lee) [Berners-Lee, 1989] Il Web Semantico teorizza ed inizia ad applicare, grazie ad alcuni linguaggi esistenti quali Xml, Svg e Smil ed alcuni in fase di sviluppo quali Rdf (Resource Description Framework) [W3C, 2001] e Owl (Web Ontology Language) [W3C, 2001], un sistema in grado di collegare a priori informazioni coerenti e consecutive. Tale sistema, derivante dall’Intelligenza Artificiale, permette al computer di cooperare con l’utente nella ricerca intelligente delle informazioni. Lo scopo a priori è quello di far fare al computer tutte le associazioni semantiche che ad ora l’utente è costretto a fare. Alla base del Semantic Web risiede l’introduzione del concetto di ontologia, ogni applicazione, ogni intenzione di scopo applicata ad un dominio, utilizzerà ____________ 24
  27. 27. una sua propria ontologia. In ognuna di queste, saranno presenti termini in comuni tali da rendere comunicabili ontologie appartenenti a realtà differenti. Data l’esistenza delle ontologie, i contenuti del web diventano accessibili da agenti software in grado di leggerli ed interpretane il significato. Quindi, se, fino ad oggi il web è stato un mezzo per la trasmissione di dati tra le persone, con il web semantico, diventa una fonte che può essere elaborata automaticamente. semantica [se-màn-ti-ca] ramo della linguistica e, più in generale, della teoria dei linguaggi (anche artificiali e simbolici), che studia il significato dei simboli e dei loro raggruppamenti; nel caso delle lingue, studia il significato delle parole, delle frasi, dei singoli enunciati : semantica descrittiva, comparativa, storica | in logica matematica, disciplina che, fissando l' insieme delle regole che presiedono all' interpretazione di un linguaggio formale, studia le relazioni fra le formule del linguaggio e le entità extralinguistiche nei cui termini vengono interpretate | in quanto settore della semiotica, studio della relazione tra i segni e ciò a cui essi si riferiscono, distinto dalla sintattica e dalla pragmatica. ontologia [on-to-lo-gì-a] parte della filosofia che studia il concetto e la struttura dell'essere in generale, e non i fenomeni in cui si concreta e specifica | nella filosofia analitica, riflessione sui problemi di esistenza a partire dal linguaggio; anche, l'insieme di entità che una teoria assume come esistenti. Figura 6: Ontologia e Semantica dal dizionario della lingua italiana (Utet) Sempre prendendo spunto dall’articolo di Scientific America, seguendo l’esempio precedente, si ipotizzi di fare una ricerca in un sistema Web Semantico inserendo le informazioni di nostra conoscenze: il cognome della persona che ricerchiamo (“Cook”), l’affermazione che la persona lavori per una compagnia della nostra lista clienti e l’affermazione che il figlio studi all’Avondale University. Il Web Semantico, per come concepito, è in grado di unire queste 3 informazioni e di individuarle e creare una struttura di consequenzialità logica tra di esse. ____________ 25
  28. 28. Figura 7: Rappresentazione delle relazioni in un Web Semantico [Berners- Lee & alt, 2001] Il Web Semantico nella sua visione concettuale è applicabile anche a realtà differenti da quelle del web. Un gruppo di ricercatori del MIT, seguendo un’impostazione semantica, ha realizzato Haystack (http://haystack.lcs.mit.edu), un software in Java, che si pone l’obiettivo di associare coerentemente tutte le informazioni riguardanti una serie di applicazioni (e-mail, documenti, contatti, appuntamenti) in un’interfaccia gestionale simile a quella di Outlook. Haystack riconosce e associa i metadati ai documenti. Questi ultimi possono, ovviamente, essere condivisi da diverse applicazioni. Così, il mittente di una mail corrisponderà a un' entrata dell' agenda, sarà associato a un appuntamento nell' elenco degli impegni giornalieri o identificato come l' autore di un file ____________ 26
  29. 29. memorizzato nell' hard-disk o di una pagina Web. Haystack è in grado di mettere in relazione tutti i metadati, costituendo una base dati unica che rispetta la RDF. 1.6.2.1 I linguaggi del Semantic Web Nella nuova architettura del Semantic Web compaiono nuovi linguaggi e nuovi standard che spesso sostituiscono alcuni già esistenti. Cambia perciò l’intero scenario e, ad ora, sembrano non ripresentarsi differenze dovute all’uso di piattaforme differenti. Sarà base portante del nuovo sistema, l’XML che già esiste ma che, fino ad ora, non ha trovato grande utilizzo Figura 8: Lo schema del Semantic Web come presentato da Tim Berners- Lee • Xml (eXtensible Markup Language) Xml è un linguaggio attualmente già in uso in molte applicazioni web, ha le caratteristiche peculiari di rendere libera e personale la marcatura del testo e di permettere a diverse piattaforme e linguaggi di interpretare e lavorare sulla stessa base informativa. ____________ 27
  30. 30. E’ uno standard elaborato per fare si che le informazioni formattate siano facilmente reperibili sia da un utente umano che da un agente software appositamente sviluppato. Grazie alla sua facile marcatura, consente lo sviluppo di documenti strutturati. Un documento Xml si costituisce di tre parti fondamentali: a. Il documento xml puro dove risiedono i dati marcati da tag di apertura e chiusura che vengono posti liberamente dal programmatore. b. La struttura della marcatura dei dati. Questa può essere espressa attraverso un DTD (Document Type Declaration) o attraverso un Xml Schema. c. La rappresentazione e la definizione dell’informazione attraverso la formattazione finale del documento. Questo può essere Xls (Extensible Stylesheet Language) oppure Html e Css • Rdf (Resource Description Framework) Rdf ed Rdf schema (reccomendation W3C del 10/02/2004 - http://www.w3.org/TR/rdf-primer/) è un linguaggio per la descrizione di metadati; è un vocabolario per descrivere proprietà e classi di risorse. Offre una semantica per costruire generalizzazioni e gerarchie. Rdf è in grado di attribuire un significato alle strutture xml. Rdf consente di realizzare delle asserzioni attraverso dichiarazioni triple costituite da soggetto, predicato e complemento oggetto. Queste asserzioni individuano le rispettive relazioni ma non ne esplicitano il significato. • Owl (Web Ontology Language) Owl (reccomendation W3C del 10/02/2004 - http://www.w3.org/TR/owl- guide/) viene definito per dare significato alle relazioni attraverso l’introduzioni di ontologie. ____________ 28
  31. 31. 1.6.3 Pragmatic Web “The Pragmatic Web’s mission is to provide information consumers with computational agents to transform existing information into relevant information of practical consequences. This transformation may be as simple as extracting a number out of a table from a single Web page or maybe as complex as intelligently fusing the information from many different Web pages into new aggregated representations.” (Alexander Repenning, The Pragmatic Web: Customizable Web Applications) Il Pragmatic Web è una visione ancora più “oltre” rispetto a quella del Semantic Web, diversamente dagli altri due modelli, il Pragmatic Web non tratta la forma o il significato delle informazioni, ma bensì, come queste vengono usate dagli utenti [Repenning, 2003]. Di questo modello di Web si parla ancora molto poco e varie, ed un po’ confuse, sono le interpretazioni che ad esso si associano. Il Pragmatic Web va quindi ben oltre il collegare metadati e dati ma fruisce gli stessi in base al comportamento e alla capacità dell’utente. Gli studi fino ad ora fatti si incentrano maggiormente nell’analisi del Pragmatic Web come strumento per la divulgazione di dati tramite supporti differenti, cioè per l’implementazione di sistemi ubiquitari. Un domani, in un Web che inlobi in se sia la logica del Semantic Web sia quella del Pragmatic Web, avremmo sistemi in grado di riconoscerci, di studiarci e di proporci quello che vogliamo ci venga proposto. Provando ad inoltrarci per un momento in una ipotetica situazione quotidiana di utilizzo del Pragmatic Web, immaginiamo che durante una normale navigazione della rete, mentre stiamo leggendo le ultime notizie sul nostro quotidiano preferito, ci compaia un link ad un sito di una compagnia di vacanze che ci propone un viaggio nella capitale dell’Olanda per visitare una mostra fotografica di un autorevole artista internazionale. Il motivo della scelta di Amsterdam da parte del sistema, sarà certamente dettato dal fatto che da una ____________ 29
  32. 32. veloce ricerca tra i nodi delle informazioni che riguardano l’utente in navigazione il sistema scopre che il partner dell’interagente con il sistema è un fotografo professionista e che il mese successivo all’interazione in corso festeggerà il suo compleanno. Dopodichè, supponendo di inoltrarci in questa interazione, entrando nel sistema della compagnia aerea proposta ci accorgiamo con piacere dei caratteri stile grande e del forte contrasto tra testo e sfondo; anche qui, il sistema, avrà lavorato bene, individuando in uno dei nodi informativi dell’interagente, una richiesta di prenotazione di una visita oculistica inoltrata non molto tempo prima. Dopo un consulto con il partner, decidiamo di fare il meritato viaggio, quindi, il mattino successivo, andando al lavoro, ci ricolleghiamo al sistema dell’agenzia di viaggi per prenotare. Il sistema, riconoscendoci ci ripropone l’offerta del giorno precedente, ma questa volta la grafica sarà cambiata, è per lo più assente, scarna, poco pesante. Stiamo infatti lavorando dal nostro PDA a bassa risoluzione. L’esempio proposto può indurre anche in conclusioni non del tutto positive. Bisogna però essere in grado di vedere oltre. La funzionalità e la grandezza di tale sistema, sempre da considerarsi in complementarietà con il Semantic Web, non risiede certamente nella prenotazione di un viaggio, ma dalle infinite potenzialità informative che porta appresso. Il Pragmatic Web è un idea da collocare in un sistema generalmente diverso da quello attuale con una realtà informatica mutata nei sistemi di comunicazione, nei mezzi di comunicazione e nelle unità operative. Un campo che molto avrà da cogliere dalla sinergia di queste nuove realtà e quello dell’E-learning, si possono immaginare sistemi educativi (chiamarli ipermedia educativi sarebbe riduttivo) che siano in grado di avere un quadro completo a 360° dell’utente-studente. L’impegno diretto che l’utente-studente andrebbe a compiere sul sistema darebbe ad esso un enorme possibilità di coglierne le caratteristiche e le conoscenze. In base alle sue capacità e ai sui mezzi di fruizione (Pragmatic Web) si potrebbe cambiare anche notevolmente il modo di sottoporgli il percorso educativo. In base alle sue esperienze personali e al suo background (Semantic Web) si potrebbero modificare le terminologie e le esemplificazioni. ____________ 30
  33. 33. 2 Modello Pragmatico Elementare 2.1 Introduzione Il Modello Pragmatico Elementare o nella forma inglese Elementary Pragmatic Model (EPM) [Lefons & alt, 1977] [De Giacomo & Silvestri, 1982] è un modello di classificazione delle relazioni, nato per la psicoterapia, cooptando esperienze dei più disparati settori quali psichiatria, psicologia, fisica, informatica e matematica. Nasce dalla convinzione che le interazioni umane si possano classificare scientemente secondo dei modelli preesistenti e che queste si ripresentino uguali tra gli stessi soggetti [Watzlawick & alt, 1971]. Le basi di questo modello trovano fondamento in varie teorie; le teorie comunicative della scuola di Palo Alto, la teoria dei sistemi di Bernatalnfy, la teoria dei tipi logici di Russel e quella dell’approccio razionale alla mente di Bateson [Bateson, 1984]; ma ha preso forma compiuta, nella definizione precisa di EPM, dagli studi degli italiani Piero De Giacomo e Alberto Silvestri ([De Giacomo & Silvestri, 1982] [De Giacomo & alt, 1984] [De Giacomo & Silvestri, 1985] [De Giacomo & alt, 1990]). I messaggi scambiati tra due entità interagenti (paziente-analista) possono essere analizzati a tre livelli differenti: sintattico, semantico e pragmatico (§ “The three webs”). • Sintassi: Insieme di regole che permettono la costruzione di messaggi corretti sintatticamente. • Semantica: Il significato o l’insieme di significati che assume il messaggio secondo il ricevente e trasmittente. • Pragmatica: L’effetto che il messaggio assume sul ricevente. ____________ 31
  34. 34. I primi due livelli possono essere controllati da un insieme di regole definite dai due soggetti interagenti; il terzo, la pragmatica, può generare, effetti in ricezione differenti da quelli voluti in trasmissione. Il modello focalizza l’attenzione proprio sull’aspetto pragmatico della comunicazione e definisce l’esistenza di regole che possano descrivere la pragmatica così come esistono regole che descrivono la sintattica e la semantica. Per una più chiara descrizione del Modello Pragmatico Elementare, sono stati introdotti in una recente definizione il concetti di livelli; si definiscono quattro livelli per la classificazione delle interazioni: 1° Livello: La triade 2° Livello: Le coordinate 3° Livello: I sedici stili relazionali 4° Livello: La tabella delle relazioni 2.2 I quattro livelli del EPM Figura 9: Lo rappresentazione dell’EPM [De Giacomo & alt, 2002] ____________ 32
  35. 35. 2.2.1 La triade Il primo livello definito dal modello è esplicato sfruttando il concetto della triade di Shannon. Analizza l’interazione tra due soggetti e, in particolare, come si modifica il Mondo di un soggetto nell’interazione con il Mondo di un altro soggetto. Ciascuna interazione si compone di 3 fasi (3 azioni) e viene rappresentato con una codifica booleana basata, evidentemente, sul bit, l’unità elementare. 1- Proposta del primo soggetto 2- Proposta del secondo soggetto (in funzione della proposta ricevuta) 3- Risultato dell’interazione Il bit è la forma migliore per codificare un azione e il risultato delle azioni, con solo due possibili significati: si/no, accetto/rifiuto, vero/falso. Figura 10: La triade [De Giacomo & alt, 2002] Nello studio dell’interazione, possono essere studiati i cambiamenti che i Mondi di entrambi i soggetti hanno ricevuto. Oppure, analizzare esclusivamente il cambiamento del mondo del primo interagente (il propositore iniziale) secondo l’interazione con il secondo. ____________ 33
  36. 36. A1 A B1 B Tempo Figura 11: Interazione elementare 2.2.2 Le coordinate Il secondo livello descritto dal Modello Pragmatico Elementare è il passo logicamente successivo alla Triade. Consiste nella rappresentazione delle triple di azioni possibili all’interno di una sequenza sufficientemente lunga di interazioni. Per portare un esempio, si immagini una tripla di azioni tra moglie e marito in un ambito tipicamente familiare: Marito: Andiamo al ristorante? Moglie: No, non ne ho voglia Marito: Andiamo!! Di fronte alla domanda propositiva del marito e alla risposta negativa della moglie, l’interazione si conclude con l’affermazione della prima azione. Quindi con il mantenimento dell’integrità del Mondo del primo interagente. Secondo una sintassi booleana, l’interazione si può trascrivere come <101>: 1 = Marito: Andiamo al ristorante? 0 = Moglie: No, non ne ho voglia 1 = Marito: Andiamo!! La tripla <101> viene definita come Mantenimento. ____________ 34
  37. 37. Se ora ipotizziamo che il marito si fosse fatto influenzare dalla risposta, sempre negativa, della moglie, la comunicazione sarebbe potuta essere: Marito: Andiamo al ristorante? Moglie: No, non ne ho voglia Marito: Va bene, non andiamo al ristornate. In questo caso la codifica booleana sarebbe stata <100>. La tripla <100> viene definita come Consenso. Proseguendo con la stessa logica, si immagini ora che la risposta della moglie sia positiva. Marito: Andiamo al ristorante? Moglie: Si, va bene, ne ho una gran voglia Marito: No, lasciamo perdere, non andiamo al ristornate. In questo caso, siamo di fronte ad una tripla rappresentata come <110>, nonostante la comunione di intenti, l’interazione si conclude in maniera negativa. La tripla <110> viene definita come Antifunzione. L’ultimo caso che possiamo considerare e la conclusione positiva di una interazione con comunione di intenti: Marito: Andiamo al ristorante? Moglie: Si, va bene, ne ho una gran voglia Marito: Andiamo!! Codificata come <111>. La tripla <111> viene definita come Cooperazione. Bisogna fare attenzione a non limitare i significati delle triplette di interazione; non è detto che siano costruite unicamente su una domanda, una risposta e la conclusione, potrebbe anche essere semplicemente una tripletta di affermazioni. Oltre alle quattro interazioni appena illustrate (<101>, <100>, <110>, <111>), con la stessa logica, se ne identificano altre quattro, contrarie nella ____________ 35
  38. 38. sintassi ma uguali nel significato pragmatico finale: <010>, <011>, <001>, <000>. In conclusione si posso avere le otto seguenti triplette: XA XB X1A 0 0 0 0 0 1 0 1 0 0 1 1 1 0 0 1 0 1 1 1 0 1 1 1 Tabella di tutte le triple possibili Vengono considerate sempre le quattro triplette che terminano con il valore “1” e vengono così definite: XA XB X1A Significato 0 0 1 Antifunzione (U1) 0 1 1 Consenso (U2) 1 0 1 Mantenimento (U3) 1 1 1 Cooperazione (U4) Tabelle delle 4 triple considerate Il risultato finale da considerare per il calcolo delle funzioni (livello successivo) è la frequenza con cui, le coordinate, compaiono all’interno di una sequenza di interazioni: ____________ 36
  39. 39. Funzioni Frequenza n<001> / (n<000> + n<001>) U1 n<011> / (n<010> + n<011>) U2 n<101> / (n<100> + n<101>) U3 n<111> / (n<110> + n<111>) U4 Tabella della frequenza per ogni tripla Per avere ben chiaro, una volta di più, questo punto, si vedano anche gli esempi sotto riportati, esemplificati con delle vignette tratte dal libro Comunicazione e Sistemi [Cipolli & Silvestri, 1985] e con i rispettivi diagrammi di Venn, introdotti ora, per essere poi usati in maniera più significativa nella spiegazione del livello successivo. ____________ 37
  40. 40. U1 <001> Antifunzione U2 <011> Consenso U3 <101>Mantenimento U4 <111> Cooperazione ____________ 38
  41. 41. 2.2.3 I sedici stili relazionali Il terzo livello del Modello Pragmatico Elementare identifica i sedici stili relazionali attraverso sedici funzioni f0<f<f15 Avere individuato le quattro coordinate permette di avere un’idea abbastanza chiara di quale sia la struttura della mente ma le coordinate risultano insufficienti per una descrizione più dettagliata dei rapporti di interazione. Il motivo fondamentale è che le coordinate sono indipendenti una dalle altre mentre invece nelle relazioni umane sono sempre presenti contemporaneamente. Quindi nasce la necessità di individuare le sedici funzioni come risultato delle interazioni delle coordinate, una con le altre. Di seguito vengono analizzate tutte e sedici le funzioni e descritte secondo quanto indicato nel libro Comunicazione e Sistemi, al capitolo “Dal modello alla terapia pragmatica-elementare” di Piero De Giacomo [Cipolli & Silvestri, 1985]: 2.2.3.1 f0: Impossibilità del rapporto Coordinata XA XB X1A 0 0 0 U1 0 1 0 U2 1 0 0 U3 1 1 0 U4 “No, no, no, no….” In questa situazione il soggetto che interagisce è incapace di creare qualsiasi tipo di relazione con gli altri dato che non accetterà nessuna proposta, neppure quelle condivise con l' altro. Questa situazione si verifica ad esempio se tutte le volte che la moglie tenta di intavolare un discorso con il marito, questo si alza e se ____________ 39
  42. 42. ne va; l' uomo, in questo caso, rifiuta ogni tipo di relazione con l' altro. Dal punto di vista psicologico, l' utilizzo costante di questa funzione identifica un comportamento patologico, tipico di chi vuole isolarsi dal resto del mondo. 2.2.3.2 f1: Condivisione Coordinata XA XB X1A 0 0 0 U1 0 1 0 U2 1 0 0 U3 1 1 1 U4 “La nostra relazione è basata solo su ciò che condividiamo” Corrisponde ad un soggetto che accetterà soltanto quello che avrà in comune con l' altro soggetto, sarà quindi un quot;condivisorequot;. In questo stile relazionale si tende a rinunciare alle caratteristiche specifiche e proprie dei due soggetti preferendo quelle comuni. Questa situazione si verifica, ad esempio, quando una coppia decide di coltivare solo gli interessi in comune, tralasciando quelli peculiari di ognuno dei due. 2.2.3.3 f2: Ritiro nel proprio mondo Coordinata XA XB X1A 0 0 0 U1 0 1 0 U2 1 0 1 U3 1 1 0 U4 ____________ 40
  43. 43. “Io accetto solo ciò che è esclusivamente mio” In questo caso dopo l' interazione resteranno soltanto le proposte del primo soggetto che non sono condivise con il secondo. Tale soggetto verrà definito quot;accettante esclusivo” del proprio mondo. Si tratta di uno stile relazionale di ritiro, di rifiuto del rapporto, di impermeabilità alla relazione. Questa situazione si verifica, ad esempio, quando un soggetto particolarmente stanco si ritira dai rapporti umani e mantiene soltanto la propria posizione. 2.2.3.4 f3: Mantenimento del proprio mondo Coordinata XA XB X1A 0 0 0 U1 0 1 0 U2 1 0 1 U3 1 1 1 U4 “Mantengo la mia visione del mondo” È lo stile relazionale che identifica un soggetto le cui posizioni rimarranno inalterate anche a seguito dell' interazione; tale soggetto si potrà definire quot;mantenitore del proprio mondoquot;. A differenza dello stile precedente, non si ____________ 41
  44. 44. eliminano gli elementi in comune con l' altro, perciò l' interazione non provoca alcun cambiamento nel mondo del soggetto. La presenza di una elevata probabilità di verificarsi di questo stile può sfociare nella rigidità eccessiva e nella mancanza di flessibilità del soggetto; la scarsa presenza di questo stile o la totale assenza, invece, rende difficoltoso qualsiasi rapporto che non cerchi la remissione del soggetto. Un esempio che può chiarire il significato di tale funzione è quello in cui il marito mantiene assolutamente il proprio punto di vista su qualsiasi proposizione, anche laddove la moglie faccia proposte diverse, purché non siano comuni. 2.2.3.5 f4: Cedimento al mondo dell’altro Coordinata XA XB X1A 0 0 0 U1 0 1 1 U2 1 0 0 U3 1 1 0 U4 “Solo ciò che è esclusivamente tuo mi interessa” Identifica un soggetto che accetterà soltanto ciò che è stato proposto dall' altro e verrà definito quot;ceditore al mondo dell' altroquot;. È il caso tipico del soggetto che dice quot;Vuoi che si faccia questo? Si, ma non voglio responsabilitàquot;. ____________ 42
  45. 45. 2.2.3.6 f5: Entrata nel mondo dell’altro Coordinata XA XB X1A 0 0 0 U1 0 1 1 U2 1 0 0 U3 1 1 1 U4 “Entro nel tuo mondo con ciò che abbiamo in comune” Identifica un soggetto che sostituisce la propria posizione personale relativa ad un particolare problema con quella del suo interlocutore; egli sarà definito quot;accettante del mondo dell' altroquot;. Utilizzando lo stesso esempio usato nella funzione precedente, possiamo dire che si tratta del caso in cui il soggetto dice quot;Vuoi che facciamo così? Si, lo farò con te!quot;. In questo caso non si verifica un abbandono delle proprie responsabilità, ma una condivisione delle stesse. ____________ 43
  46. 46. 2.2.3.7 f6: Mantenimento proprio mondo, accettazione mondo dell’altro, non condivisione Coordinata XA XB X1A 0 0 0 U1 0 1 1 U2 1 0 1 U3 1 1 0 U4 “Qualsiasi cosa nel mio mondo e nel tuo è parte della nostra relazione finché non è condivisa” Corrisponde ad un soggetto che tende a non accettare ciò che è in comune con il proprio interlocutore, e ad acconsentire alle proposte dell' altro oltre a mantenere le proprie. Costui sarà quot;accettante senza condividere del proprio e del mondo altrui; nella pratica questo stile relazionale è quello tipico di chi cerca in tutti i modi di evitare la discussione, il confronto con l' altro. Nel caso in cui il marito volesse andare in montagna o al lago e la moglie volesse andare al lago o al cinema, la funzione in questione prevede che al termine della discussione si decida di andare o in montagna o al cinema, evitando cioè tutto ciò che è condiviso. ____________ 44
  47. 47. 2.2.3.8 f7: Mantenimento del proprio mondo, accettazione del mondo dell’altro e condivisione Coordinata XA XB X1A 0 0 0 U1 0 1 1 U2 1 0 1 U3 1 1 1 U4 “La nostra relazione è basata sull’unione dei nostri mondi” Corrisponde ad un soggetto che accetterà sia quello che appartiene al proprio mondo sia quello che appartiene al mondo dell' altro compreso quello che è in comune: sarà perciò un quot;accettante del proprio e del mondo altrui. In questo stile relazionale è facile identificare la collaborazione, la capacità di mantenere le proprie opinioni ma di essere aperto ad accettare anche quelle dell' altro, sia che siano congruenti con le proprie sia che non lo siano. Sfruttando lo stesso esempio usato nella descrizione della funzione precedente, la f7 porta come conclusione dell' interazione ad accettare sia le proposte del marito che quelle della moglie, anche se condivise. ____________ 45
  48. 48. 2.2.3.9 f8: Impossibilità del rapporto, utilizzo di elementi di nessun mondo Coordinata XA XB X1A 0 0 1 U1 0 1 0 U2 1 0 0 U3 1 1 0 U4 “Mi relaziono solo con ciò che è estraneo a me e a te” Identifica un soggetto che accetterà soltanto quello che non esiste nel mondo dei soggetti interagenti e sarà definito quot;accettante soltanto di quello che non esiste del proprio e nel mondo altrui. In questo caso il soggetto perde anche le proprie proposte utilizzando elementi del tutto esterni rispetto allo spazio comune. A differenza della funzione O, il mondo del soggetto, al termine dell' interazione, non è vuoto, contiene degli elementi che, però, provengono dallo spazio esterno. Questo è il caso tipico del marito che, quando la moglie parla, si estrania leggendo il giornale. 2.2.3.10 f9: Condivisione e utilizzo di elementi di nessun mondo Coordinata XA XB X1A 0 0 1 U1 0 1 0 U2 1 0 0 U3 1 1 1 U4 ____________ 46
  49. 49. “Ciò che abbiamo in comune e ciò che ci è estraneo” Identifica un soggetto che accetterà tutto quello che non appartiene al mondo di nessuno dei due e ciò che è in comune tra i due; sarà pertanto definito quot;accettante soltanto di quello che esiste o non esiste nel proprio e nel mondo altrui. 2.2.3.11 f10: Bastian contrario Coordinata XA XB X1A 0 0 1 U1 0 1 0 U2 1 0 1 U3 1 1 0 U4 “Si? No!; No? Si!” Identifica un soggetto che accetterà il proprio mondo e quello esterno, rifiutando quello dell' altro e ciò che è in comune; sarà perciò definito quot;antialtroquot; o quot;bastian contrarioquot;. In questo caso, un esempio significativo potrebbe essere quello di pensare ad una persona che vuole trascorrere fuori la serata ma, ricevendo dal partner la proposta di andare fuori a cena, decide di rimanere in casa per puro spirito di contraddizione. ____________ 47
  50. 50. 2.2.3.12 f11: Mantenimento del proprio mondo e utilizzo elementi di nessun mondo Coordinata XA XB X1A 0 0 1 U1 0 1 0 U2 1 0 1 U3 1 1 1 U4 “Sono interessato a tutto, anche a ciò che è estraneo alla nostra relazione, finché non è specificamente tuo” Identifica un soggetto che accetterà il proprio mondo compresa la parte condivisa con l' altro e ciò che è esterno, ma rifiuterà ciò che appartiene esclusivamente all' altro. Egli sarà definito quot;mantenitore completo del proprio mondo con tendenze espansivequot;. Rispetto alla funzione precedente si tratta di una funzione meno rigida, in quanto potrebbe essere il caso di un soggetto che, di fronte alla proposta del proprio partner di uscire, accetta solo se era anche una sua intenzione quella di trascorrere fuori la serata, altrimenti non accetta alcuna proposta. 2.2.3.13 f12: Rinunzia totale del proprio mondo, utilizzo elementi di nessun mondo Coordinata XA XB X1A 0 0 1 U1 0 1 1 U2 1 0 0 U3 1 1 0 U4 ____________ 48
  51. 51. “Ciò che è importante per me è solo il tuo mondo, e gli elementi esterni” Identifica un soggetto che, rifiutando completamente le sue proposte, accetterà, senza condivisione, ciò che è solo del mondo dell' altro, e ciò che è esterno ad entrambi i mondi. È il caso di una persona che volendo andare al cinema e sapendo che il proprio partner desidera rimanere a casa, finisce con l' accettare la proposta del partner o con l' individuarne una che non preveda il cinema né alcuna proposta comune tra i due soggetti. 2.2.3.14 f13: Entrare nel mondo dell’altro e utilizzare elementi esterni Coordinata XA XB X1A 0 0 1 U1 0 1 1 U2 1 0 0 U3 1 1 1 U4 “Entro nel tuo mondo usando elementi esterni” Identifica un soggetto che accetterà ciò che è in comune, il mondo dell' altro e ciò che non esiste in nessuno dei due mondi; per questo verrà definito quot;rifiutante soltanto di quello che esiste esclusivamente nel proprio mondoquot;. Esempi quotidiani di questo tipo di comportamento si hanno quando la mamma di fronte ____________ 49
  52. 52. al figlio che ha il vizio di succhiarsi un dito della mano, smette di rimproverarlo e lo invita a succhiarle tutte e dieci. 2.2.3.15 f14: Accettazione totale a parte gli elementi condivisi Coordinata XA XB X1A 0 0 1 U1 0 1 1 U2 1 0 1 U3 1 1 0 U4 “Tutto, anche ciò che è esterno mi interessa, fatta eccezione per ciò che condividiamo” Identifica un soggetto che non accetterà alcun elemento che sia in comune con l' interlocutore, questo anche a costo di accettare elementi esterni rispetto al suo mondo e a quello del suo interlocutore; egli sarà definito quot;accettante totale che però non condividequot;. Caso tipico di questa funzione è quello in cui un ragazzo desidera uscire a cena con una ragazza ma questa rifiuta, e quando è la ragazza a desiderarlo, il ragazzo rifiuta. 2.2.3.16 f15: Accettazione totale Coordinata XA XB X1A 0 0 1 U1 0 1 1 U2 1 0 1 U3 1 1 1 U4 ____________ 50
  53. 53. “Si, si, si, si…” Identifica un soggetto che accetterà tutto, per questo sarà definito quot;accettante totalequot;. Il suo comportamento, come quello della F0, non produce alcune informazione e identifica un soggetto abbastanza confuso dal fatto che si trova ad accettare cosa in contraddizione o assurde. I sedici stili relazionali enunciati, vanno distinti in due categorie, la categoria delle funzioni e la categoria delle antifunzioni; i primi otto (f0<x<f7), esprimono un quot;pensiero convergente” ossia logico, razionale, consequenziale (funzioni); gli altri otto (f8<x<f15), esprimono un quot;pensiero divergentequot; ossia ampliativo, non sequenziale, paradossale (antifunzioni). Le probabilità di accadimento per ogni funzione si calcolo come la combinazione delle frequenze delle quattro coordinate. Funzioni Probabilità (1-U1) * (1-U2) * (1-U3) * (1-U4) f0 (1-U1) * (1-U2) * (1-U3) * U4 f1 (1-U1) * (1-U2) * U3 * (1-U4) f2 (1-U1) * (1-U2) * U3 * U4 f3 (1-U1) * U2 * (1-U3) * (1-U4) f4 (1-U1) * U2 * (1-U3) * U4 f5 (1-U1) * U2 * U3 * (1-U4) f6 (1-U1) * U2 * U3 * U4 f7 U1 * (1-U2) * (1-U3) * (1-U4) f8 U1 * (1-U2) * (1-U3) * U4 f9 U1 * (1-U2) * U3 * (1-U4) f10 ____________ 51
  54. 54. U1 * (1-U2) * U3 * U4 f11 U1 * U2 * (1-U3) * (1-U4) f12 U1 * U2 * (1-U3) * U4 f13 U1 * U2 * U3 * (1-U4) f14 U1 * U2 * U3 * U4 f15 2.2.4 La tabella delle relazioni Il Modello Pragmatico Elementare prevede anche la possibilità di studiare e ottenere la funzione finale del primo interagente, risultante dall’interazione della prima funzione di questo con la funzione del secondo. In parole più semplici, con la stessa logica con cui si è studiato il cambiamento del mondo del primo utente all’interagire con il secondo nella triade base, così si può fare tra le funzioni. Quindi l’interazione tra loro dei sedici modelli relazionali porta alla formulazione di 256 possibili relazioni, rappresentate in una tabella definita come “Tabella dei paradossi” o “Tabella delle relazioni”. Dato lo stile relazionale del primo interagente (Soggetto A – Colonna verticale) e quella del secondo (Soggetto B – Riga orizzontale), incrociando le due funzioni si ha la funzione finale del Soggetto A. La formula matematica esplicativa è: f1=f1(f1,f1) ____________ 52
  55. 55. Figura 12: La tabella delle 256 relazioni ____________ 53

×