Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione

on

  • 2,344 views

Applicazione di GRASS GIS e altro software FOSS per la costruzione di mappe di rischio inondazione, utilizzando una procedura speditiva - Matera, 24/10/2009, Linux Day

Applicazione di GRASS GIS e altro software FOSS per la costruzione di mappe di rischio inondazione, utilizzando una procedura speditiva - Matera, 24/10/2009, Linux Day

Statistics

Views

Total Views
2,344
Views on SlideShare
2,324
Embed Views
20

Actions

Likes
2
Downloads
18
Comments
0

3 Embeds 20

http://www.linkedin.com 14
http://www.slideshare.net 5
http://www.slideee.com 1

Accessibility

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

CC Attribution-ShareAlike LicenseCC Attribution-ShareAlike License

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione Presentation Transcript

  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Ing. Margherita Di Leo Dottoranda in Metodi e Tecnologie per il Monitoraggio Ambientale, Università della Basilicata Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Il rischio inondazione Messina: 31 morti e centinaia di sfollati Si poteva evitare?? Foto: [1]http://www.blitzquotidiano.it/wp/wp/wp-content/uploads/2009/10/01-messina1.jpg [2]http://files.stv.tv/img/articles/127704-berlusconi-says-sicily-storms-may-have-killed-50-410x230.jpg [3]http://archivi.diariodelweb.it/im/620/107366.jpg Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Il rischio inondazione Il 18 novembre del 1951, a seguito di piogge intense e prolungate in ampi settori delle Alpi e dell'Appennino Settentrionale, il Fiume Po ruppe gli argini di sinistra ad Occhiobello, Malcantone e Paviole, in provincia di Rovigo, provocando la più vasta inondazione del XX secolo. Le acque del Po inondarono la città di Rovigo e numerosi paesi, fra cui Adria, Loreto e Cavarzene, e circa 980 chilometri quadrati di campagna in 38 comuni del rodigino. Le vittime furono 138, fra cui 123 morti, 7 dispersi e 8 feriti, e gli sfollati e senzatetto almeno 140.000. Il 25-26 ottobre 1954, colate di fango e detrito prodotte da piogge particolarmente intense inondarono alcuni quartieri di Salerno e cinque paesi limitrofi (Cava dei Tirreni, Maiori, Minori, Tramonti e Vietri) causando danni ingenti alla popolazione ed alle cose. Vi furono 318 fra i morti ed i dispersi, 157 perone ferite, ed almeno 5466 fra sfollati e senzatetto. Le strade e la ferrovia che collega Napoli con il meridione d'Italia vennero distrutte in più punti. Il 9 ottobre 1963, alle 20:39, fra 240 e 300 milioni di metri cubi di roccia si staccarono dalle pendici del Monte Toc, ai confini delle province di Belluno e Pordenone, e scivolarono nel lago artificiale del Vajont. L'enorme frana in roccia spinse l'acqua dell'invaso contro Casso ed Erto, due villaggi posti sul versante opposto a quello dal quale si staccò la frana, ed oltre la diga artificiale. Un'onda di alcune decine di metri d'altezza superò la diga, e raggiunse in pochi minuti l'abitato di Longarone, che venne inondato e distrutto alle 20:46, La disastrosa frana del Vajont provocò la morte di almeno 1921 persone, La notizia del disastro fece il giro del mondo. Negli Stati Uniti l'Herald Tribune intitolò: "Vajont Dam: Warning Ignored". Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Il rischio inondazione Il 3 e 4 novembre 1966, Firenze venne inondata da una piena dell'Arno. L'inondazione provocò danni ingenti in tutta la Toscana, ed in particolare nel bacino dell'Arno, e produsse un impatto tremendo sul patrimonio storico, artistico e culturale, in particolare a Firenze. I danni alla popolazione furono rilevanti. In Toscana i morti furono 48 ed i dispersi 5, in cinque province. Gli sfollati ed i senzatetto furono oltre 46.600. L'inondazione dell'Arno a Firenze fu l'ultima di una serie di oltre 50 eventi alluvionali che hanno interessato la città a partire dal XII secolo, delle quali le più importanti e distruttive avvennero nel 1177, 1269, 1288, 1333, 1380, 1589, 1740, 1844 e nel 1864. 7 ed 8 ottobre 1970, Genova venne inondata dai fiumi Polcevera, Leiro e Bisagno.. Le vittime furono 44, di cui 35 morti, 8 dispersi, ed un ferito. Gli sfollati furono oltre 2000, ed i senzatetto 185. Il 17-19 luglio 1987, in Valtellina (Lombardia), piogge intense e prolungate causarono centinaia di frane e colate di detrito, e l'esondazione in più punti del Fiume Adda e dei suoi tributari. Il 28 luglio, una valanga di roccia di 35 milioni di metri cubi si staccò dal Monte Zandilla, circa 7 km a sud di Bormio, e cadde nella valle dell'Adda, ostruendola. In totale si contarono 49 morti, 12 dispersi e 31 feriti. La sola valanga di roccia causò 27 morti e 9 feriti. Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Il rischio inondazione Fra il 2 ed il 6 novembre 1994, l'Italia nord-occidentale venne interessata da un evento meteorologico particolarmente intenso. La regione più colpita fu il Piemonte, dove decine d'inondazioni e migliaia di frane causarono 172 vittime, fra cui 78 morti, un disperso e 93 feriti. Gli evacuati furono 9500. Il 19 giugno 1996, in Versilia oltre 150 mm di pioggia in 1 ora, ed oltre 450 mm di pioggia in 4 ore, causarono 13 morti e centinaia di senzatetto. Fu distrutto il paese di Cardoso e semi-distrutto Ponte Stazzemese. Il 5 maggio 1998, un evento piovoso interessò il massiccio del Pizzo d'Alvano, ad est di Napoli. Le piogge, non particolarmente intense, innescarono numerose colate di detrito. Le colate interessarono i suoli vulcanici non consolidati e furono particolarmente distruttive. Gli abitati di Episcopia, Sarno, Bracigliano e Quindici vennero inondati da ripetute ondate di fango e detriti. Si contarono 157 morti, 5 dispersi e 70 feriti, in almeno 13 diverse località. Gli sfollati ed i senzatetto furono centinaia. Versilia, 19 giugno 1996 (Foto: Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco) Il 10 settembre 2000 , un intenso evento piovoso provocò la piena del Torrente Beltrame a Soverato, in Calabria. Al Camping "Le Giare" l'inondazione causò 11 vittime, 4 dispersi e 25 feriti. Vi furono danni gravi e sfollati in tutta la calabria ionica. Soverato, 10 settembre 2000 (Foto: Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco) Fonte: http://sici.irpi.cnr.it/storici_italia.htm Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com La cultura della prevenzione Conoscenza del territorio (individuazione delle aree esposte a rischio di inondazione, costruzione di mappe di rischio) Rispetto e corretta gestione del territorio, pianificazione e messa in sicurezza contro il dissesto idrogeologico Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Costruzione delle mappe di rischio Studi idrologico-idraulici: ● Complessi (richiedono una diffusa conoscenza dell'area, il rilievo delle sezioni fluviali, ecc.) ● Non sempre possibili (esempio: zone non facilmente raggiungibili) Perimetrazione delle aree inondabili del fiume Arno, contenuta nel Piano stralcio per l'Assetto Idrogeologico (PAI) ● Costosi (è possibile ridurre i Obiettivo prioritario del Piano stralcio per l’Assetto Idrogeologico è la riduzione del rischio idrogeologico costi?) entro valori compatibili con gli usi del suolo in atto, in modo tale da salvaguardare l’incolumità delle persone e ridurre al minimo i danni ai beni esposti. Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Costruzione delle mappe di rischio Messa a punto di procedure speditive nei casi in cui non è possibile lo studio di dettaglio (ci stiamo lavorando!) Uso di dati liberi!! (è una battaglia che interessa tutti, non soltanto gli “addetti ai lavori”) Uso di software libero!! Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com I vantaggi del Software Libero Sviluppo collaborativo Etica Qualità Supporto (Comunità, Mailing List,..) Interoperabilità Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Grass GIS (http://grass.itc.it/) Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Procedura speditiva per l'individuazione delle aree inondabili Indice Topografico Kirkby, 1975 Stream line Definisce la tendenza dell'acqua ad accumularsi in Contour line aree a debole pendenza e vicine alle aste fluviali pslo pe co ntrib ut ing a rea a IT ≡ln    Ad  Tan β U (Kirkby, 1975) Indice Topografico Modificato: ITm≡ln    A d n Tan β (Manfreda et al.) Tiene conto dell'influenza nei processi di esondazione delle aste del primo e del 0<n<1 secondo ordine (classificazione di Horton) Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Applicazione: bacino dell'Arno Slope ITm≡ln    A d n Tan β Mappa di rischio PAI Accuratezza 20 m Resize of DTM: 20 m – 40 m 60 m – 80 m 100 m – 120 m 140 m – 160 m Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero 180 m – 260 m 360 m – 720 m Flow Accumulation MFD Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Applicazione: bacino dell'Arno 6 5 1 4 8 7 11 10 9 3 2 Subbasin Area Bif.rt. Len.rt. Area.rt. Slo.rt. Max order km2 1 488.88 4.33 0.43 0.2 2.28 5 2 3695.34 4.2 0.48 0.31 1.72 6 3 3438.07 4.13 0.48 0.31 1.74 6 4 654.53 4.61 0.44 0.18 2.35 5 5 2927.44 3.99 0.47 0.27 1.74 6 6 838.36 4.56 0.41 0.19 2.14 5 7 2198.71 4.32 0.43 0.21 1.62 6 8 879.31 4.64 0.39 0.19 2.11 5 9 1209.39 4.04 0.5 0.23 1.58 6 10 860.75 4.79 0.39 0.18 1.73 5 11 602.22 4.38 0.43 0.21 1.69 5 Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Minimizzazione della funzione di errore Octave (un'alternativa a Matlab) http://www.gnu.org/software/octave/ Sottostima Sovrastima Flooding areas with ITm ≤ ITms Non Flooding areas with ITm ≥ ITms ER1 = 100, ER 2 = 100. Flooding areas from PAI Non Flooding areas from PAI Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Dipendenza dell'esponente n dalla risoluzione di cella y=0.036 logx+0.009 y=0.687 logx+1.317 Gnuplot http://www.gnuplot.info/ Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Andamento dell'errore con la risoluzione di cella Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Confronto Basin1 Aree a Aree a rischio rischio secondo secondo il l'indice PAI Basin2 topografico modificato Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Conclusioni  La metodologia proposta per l'individuazione delle aree esposte a rischio di inondazione è affetta da un errore di sottostima piuttosto basso e da uno di sovrastima più rilevante. Il metodo geomorfologico può essere un valido strumento di valutazione preliminare in un contesto in cui si soffra la mancanza di dati derivanti da studi idrologico-idraulici dettagliati. L'errore associato alla scala è influenzato in maniera significativa dalla dimensione di cella e tende a decrescere con la scala. Si può affermare che la scala ottimale per l'individuazione delle aree inondabili è 100 m (dimensione di cella).  E' stato possibile realizzare tutto il lavoro utilizzando soltanto software libero Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com Alcuni indirizzi utili: materalinux.ning.com http://www.gfoss.it/drupal/ (Associazione italiana per l'informazione geografica libera) http://www.osgeo.org/ (The Open Source Geospatial Foundation) Grazie per l'attenzione Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione
  • LINUX DAY 2009 www.linuxday.it - materalinux.ning.com License of this document This work is licensed under a Creative Commons License. http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/ 2009, Margherita Di Leo, Italy margherita.dileo@unibas.it License details: Attribution-ShareAlike 3.0: You are free: * to Share — to copy, distribute and transmit the work * to Remix — to adapt the work Under the following conditions: * Attribution — You must attribute the work in the manner specified by the author or licensor (but not in any way that suggests that they endorse you or your use of the work). *Share Alike — If you alter, transform, or build upon this work, you may distribute the resulting work only under the same, similar or a compatible license. With the understanding that: * Waiver — Any of the above conditions can be waived if you get permission from the copyright holder. * Other Rights — In no way are any of the following rights affected by the license: o Your fair dealing or fair use rights; o The author's moral rights; o Rights other persons may have either in the work itself or in how the work is used, such as publicity or privacy rights. Giornata Nazionale su GNU/Linux e sul Software Libero Matera, 24/10/2009 Ing. Margherita Di Leo – Il Software Geografico Libero: Individuazione del Rischio di Inondazione