Anna frank da eros
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Anna frank da eros

on

  • 594 views

 

Statistics

Views

Total Views
594
Views on SlideShare
564
Embed Views
30

Actions

Likes
0
Downloads
3
Comments
0

1 Embed 30

http://fad.enaipveneto.net 30

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Anna frank da eros Anna frank da eros Presentation Transcript

  • Seconda Guerra Mondiale
    • 1° settembre 1939 inizia la seconda guerra mondiale, Hitler sale al potere e inizia un nuovo movimento politico: il nazismo.
    • Hitler era convinto che la razza a cui apparteneva (razza ariana) fosse quella superiore e perfetta e che quindi bisognava eliminare le altre razze.
    • Da questo nasce l'antisemitismo cioè l'odio per la "razza" semita (o ebrea). Inoltre Hitler perseguitò chiunque non andasse bene alla sua razza: gay, zingari ecc.. cioè coloro che non possono procreare ariani.
    • I principali Paesi coinvolti nella guerra sono:
    • Germania; Austria; Polonia; Regno Unito; Australia; Francia; Unione Sovietica; Italia; Grecia; Stati Uniti e Giappone.
    • In Germania al capo del potere era Hitler, in Italia c’era Benito Mussolini con il fascismo che mirava alla realizzazione di un’unica democrazia, ovvero dove il popolo partecipava attivamente alla vita dello Stato.
    • La Seconda Guerra Mondiale , terminò il 12 Settembre 1945 con 2 bombe atomiche su Hiroshima e Nagasaki.
    • Annelies Marie Frank, detta Anne, nome italianizzato in Anna Frank, nata il 12 Giugno 1929 a Francoforte sul Meno e morta il 31 Marzo 1945 a Bergen- Belsen.
    • La sua famiglia è di origine Tedesca, Anne e la sorella Margot sono nate a Francoforte sul Meno una grande città nel sud della Germania, dove è cresciuto il loro padre e dove la famiglia risiede da moltissimo tempo. La madre proviene da Aquisgrana, una città vicino al confine olandese. Edith Holländer si trasferisce a Francoforte quando nel 1925 sposa Otto Frank.
    Annelies Marie Frank
    • Otto Frank ha la possibilità di avviare un’attività imprenditoriale ad Amsterdam e la famiglia lo segue in Olanda. Le ragazze frequentano le scuole, il padre è molto impegnato col lavoro ed Edith, la madre, si occupa della casa. Ma ecco che scoppia la Seconda Guerra Mondiale. Il 10 maggio 1940 la Germania nazista invade l’Olanda. La famiglia Frank è di nuovo in pericolo.
    L'emigrazione in Olanda (1933)
    • Il 12 Giugno 1942 per Annelies è il suo tredicesimo compleanno, per regalo riceve un quaderno a quadretti bianco e rosso. Nel diario da lei tenuto, racconta la
    • vita e le vicende di tutti i giorni,
    • scrivendo le proprie impressioni
    • sulle persone che vivono con lei.
    Il compleanno di Anna Frank
    • Nel 1942 le persecuzioni razziali
    • si fanno sempre più forti,
    • allorchè Margot, la sorella di
    • Annelies, riceve una lettera per
    • essere inviata in un campo
    • di lavoro.
    • I Frank ritengono che la situazione sia ormai pericolosa e si rifugiano nella clandestinità.
    La famiglia Frank in clandestinità
  • Il nascondiglio
    • Per sfuggire alle persecuzioni razziali, la famiglia Frank si nascosero assieme ad un’altra famiglia di amici: la famiglia Van Peels.
    • L’alloggio segreto era uno spazio a due piani sopra l’azienda di Otto Frank.
  • La vita nel nascondiglio
    • Nel nascondiglio vissero per più di due anni, dal 6 Luglio al 4 Agosto 1944, e fu in quel periodo , che Anna Frank scrisse il diario che l’avrebbe resa celebre al mondo come simbolo della Shoah.
    • Raccontando le sue paure, l’ambizione di diventare scrittrice e il passaggio dall’infanzia all’adolescenza con la scoperta di sentimenti verso Peter, il figlio dell’altra famiglia, e i primi conflitti con i propri genitori.
    • Il 4 agosto 1944, una donna di cui non si conosce l’identità, denunciò alla Gestapo la presenza di ebrei in uno stabile al 263 di Prinsengracht, e così, Anna Frank, la sua famiglia ed il resto degli inquilini furono arrestati. Miep Gies e Bep Voskuilj, aiutanti della famiglia Frank nel nascondiglio, presenti al momento dell'arresto, scapparono mentre la polizia arrestava i clandestini (restando nei paraggi della palazzina); dopo la partenza della polizia tornarono alla palazzina mettendo al sicuro più materiale possibile (primo tra tutti il Diario), prima del ritorno della polizia per la perquisizione.
    L'arresto (1944)
    • Il 2 Settembre Anna Frank e gli altri clandestini vennero caricati sull'ultimo treno merci in partenza per Auschwitz dove giunsero tre giorni dopo. Edith Frank morì di estrema malnutrizione il 6 gennaio 1945. Margot e Anna passarono un mese ad Auschwitz-Birkenau e vennero poi spedite a Bergen-Belsen, dove morirono di tifo esantematico.
    • Hermann Van Pels morì in una camera a gas di Auschwitz il giorno stesso dell'arrivo.
    • Kleiman fu liberato un mese dopo l'arresto, il 18 settembre 1944 a causa dello stato di salute. È morto ad Amsterdam nel 1959. Kugler venne deportato in più campi di concentramento, sino al termine della guerra. Sopravvissuto, morì a Toronto nel 1989.
    Il destino dei clandestini
  • Il solo a salvarsi
    • Solo il padre di Anna, tra i clandestini, sopravvisse ai campi di concentramento. Rimasto sempre ad Auschwitz, il campo venne liberato dall'esercito russo il 27 gennaio 1945; il 3 giugno 1945 tornò ad Amsterdam dopo tre mesi di viaggio. Miep gli consegnò il diario, e dopo aver scoperto il destino degli altri clandestini egli modificò la sintassi e la grammatica, togliendo alcune parti perché considerate troppo private, in modo da renderlo pubblico. Il diario venne pubblicato nel 1970 con il titolo: “ Het Acherhuis ” ("L'alloggio segreto" in olandese). Otto Frank morì a Basilea, in Svizzera il 19 agosto 1980.
    • Inizia come una espressione privata dei propri pensieri intimi, descrive candidamente la sua vita, la propria famiglia ed i propri amici, e del ragazzo di cui si innamorò. Durante l'inverno del 1944, le capitò di ascoltare una trasmissione radio di Gerrit Bolkestein membro del governo Olandese in esilio — il quale diceva che, una volta terminato il conflitto, avrebbe creato un registro pubblico delle oppressioni sofferte dalla popolazione del Paese sotto l'occupazione nazista, che spinse Anna a riscrivere sotto altra forma, e con diversa prospettiva. Esistono quindi tre versioni del diario:
    • -la versione A, l'originale di Anna, che va dal 12 giugno 1942 al 1 agosto 1944, della quale non è stato ritrovato il quaderno che copriva il periodo 6 dicembre 1942 - 21 dicembre 1943;
    • -la versione B, la seconda redazione di Anna, su fogli volanti, in vista della pubblicazione, che copre il periodo 20 giugno 1942 - 29 marzo 1944;
    • -la versione C, scritta da Otto Frank basandosi sulla versione B, apportando modifiche e cancellazioni.
    Anna Frank e il suo diario
  • Da nascondiglio a museo
    • Dopo la guerra, l’ Alloggio segreto era in rovina e risultava sulla lista degli edifici da demolire. Alcuni cittadini protestarono e fondarono il nascondiglio con l’obbiettivo principale di conservare la casa.
    • Oggi questo luogo è visitato ogni anno da circa un milione di persone. La casa ricorda con insistenza quel periodo di guerra, i clandestini ebrei che per due anni vissero qui nascondendosi ai nazisti, Anne Frank e il diario che ella ha scritto in questo luogo e che è divenuto famoso.