Kolbe 2012 3febbraio_ok
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×
 

Kolbe 2012 3febbraio_ok

on

  • 476 views

Laboratorio giornalismo web - Scuola Chiodi - Centro Kolbe

Laboratorio giornalismo web - Scuola Chiodi - Centro Kolbe
2a lezione: la scrittura per web, istruzioni per l'uso

Statistics

Views

Total Views
476
Views on SlideShare
476
Embed Views
0

Actions

Likes
0
Downloads
7
Comments
0

0 Embeds 0

No embeds

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Microsoft PowerPoint

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

Kolbe 2012 3febbraio_ok Kolbe 2012 3febbraio_ok Presentation Transcript

  • W ebWriting W ebContent W ebJournalism palestra per nuovi giornalismi a cura di macri puricelli giornalista e web content writer [email_address] Il Re è il contenuto e la Regina è la credibilità Centro culturale p.M.Kolbe Corso di cultura del giornalismo Scuola “A.Chiodi” gennaio-marzo 2012 venerdì 3 febbraio 2012
  • Il mercato
  •  
  • Di cosa parliamo quando parliamo di scrittura e di contenuti?
  • Di organizzazione dei contenuti
  • Di testo e immagine
  • Di sommari,titoli, multimedia
  • Di titoli e immagini
  • Di tweet per fare opinione
  • Di homepage che si trasformano
  • Di Infografica Il sentiero della protesta
  • Dal web alla carta
  • Dal web alla carta
  • Scrivere...ma cosa?
    • Pagine istituzionali
    • comunicati stampa
    • presentazioni
    • brochure
    • articoli
    • post
    • tweet
  • E dove?
    • infografiche
    • post news multimedia
    • guide ai cittadini
    • form interattivi
    • ebook
    • applicazioni per iphone e tablet
  • Ecco perché siamo in un...
  • Il nuovo “peso” delle parole
    • Poche
    • sole
    • ma essenziali alla comprensione
  • Il testo è essenziale x i motori di ricerca
  • Ma quale testo dobbiamo usare?
  • Il testo che informa
  • Il testo che annuncia
  • Che spiega e introduce
  • Certo, niente di nuovo...
  • Proprio niente di nuovo
  • Testi e immagini insieme, da sempre
  • Da una rivoluzione all'altra
  • Cosa è cambiato oggi?
  • Leggiamo sempre più e pure piccolo
  • Immagina di...
  • Leggiamo sempre di più facendo altre cose
  • leggere ed essere letti diventa sempre più difficile
  • Lo schermo come una finestra
  • Come mille finestre
  • E allora?
    • Dobbiamo ricominciare
    • Dall'inizio
  • Il momento di svolta
    • L' 11 settembre 2001 ha fatto capire a tutti come, davanti ai grandi fatti di cronaca, i quotidiani possono sopperire allo svantaggio dei loro tempi lunghi per raggiungere il lettore. Attraverso internet che li mettono alla pari (e oltre) di radio e tv
  • La macchina siamo noi…..
    • Il testo è lineare il testo non è lineare il testo digitale è più flessibile, collegato, ipertestuale….
    • La macchina siamo noi
  • La qualità dell’informazione su web
    • Deve essere:
    • Accessibile
    • Usabile
    • Leggibile
    • ........anche semplice
  • 10 vecchie regole (ancora valide) :
    • 1. Scrivere frasi brevi
    • 2. Usare parole di linguaggio comune
    • 3. Usare pochi termini tecnici
    • 4. Usare poche abbreviazioni e sigle
    • 5. Legare parole e frasi in modo breve e chiaro
    • 6. Usare verbi nella forma attiva e affermativa
    • 7. Usare in modo coerente maiuscole, minuscole e punteggiatura
    • 8. Evitare parole straniere e latinismi
    • 9. Dove si può, sostituire il congiuntivo con l’indicativo
    • 10. Attenzione alla grafica del testo
  • Comunicare in rete significa anche:
    • scegliere un medium diverso dagli altri, non solo per velocità ed efficienza ma perché Internet è il medium delle relazioni ad alto valore simbolico
  • Le parole si guardano Da dove cominciare allora? Dal lettore!
  • Siamo nelle mani del lettore
    • È lui/lei che decide
    • Dove andare Cosa leggere
    • Come guardare
    • Magari anche ascoltare
  • Siamo nei suoi occhi
  • Che si muovono sullo schermo
  • Gli occhi del lettore In particolare sullo schermo, gli occho vanno prima IN ALTO A SX, poi in BASSO e alla fine IN ALTO A DX Gli occhi sono attirati dai titoli testuali più che dalle immagini ma.... alcune immagini fanno la differenza
  • Una mappa per gli occhi del lettore
    • Una segnaletica testuale indispensabile
    • titoli
    • sottotitoli
    • immagini
    • colori
    • link
    • didascalie
    • blocchi di testo
    • frasi in grassetto ( non a caso.... )
  • Gli occhi del lettore In un titolo si leggono quasi sempre solo le prime 2 o 3 parole Ciò che sollecita la lettura è la discontinuità visiva I sottotitoli sono molto importanti per invogliare la lettura del testo
  • Gli occhi del lettore,alcuni numeri Sul web si legge sempre di più: I lettori online leggono in media il 77% di un articolo contro il 62% dei lettori di giornali e il 57% dei lettori dei tabloid Due terzi dei lettori online, se interessati, una volta iniziato l'articolo, lo leggono tutto
  • Gli occhi dei lettori Su web, come sulla carta, sono molto apprezzate le forme testuali sintetiche a alternative alla forma “discorso”: Infografiche liste Didascalie Immagini che parlano
  • La lettura su Web
    • Internet esige un nuovo modo di scrivere perché attiva un nuovo modo di leggere
    • Richiamare l’attenzione perché molti lettori di Internet scorre la pagina e non legge… e per di più è costretto a essere lento
  • Quanto si legge?
  • L'abbiamo detto:
  • La forma del contenuto
  • Mette in crisi il contenuto
  • Quindi?
    • Da una lettura sequienziale
    • A una lettura esplorativa
    • che segue i segnali
  • Leggere per segnali
  • Scanning eye
  • Scanning eye
  • L'organizzazione del contenuto
  • La sintassi
    • Semplice
    • e
    • leggera
  • La semplicità...
  • ...che comunica
  • La lettura su web Esercizio: cercate pagine web dove la lettura è facile e dove la lettura è faticosa
  • Scorrere il testo.....
    • Leggere sullo schermo è più faticoso e circa il 25% più lento che sulla carta: nessuna meraviglia che si cerchi di leggere il minimo indispensabile
    • Il Web è un medium guidato dagli utenti che si sentono quasi “costretti” a essere veloci e a sfogliare il maggior numero possibile di pagine
    • Ogni pagina deve competere con milioni di altre pagine. Chi naviga non sa mai fino in fondo se una data pagina sia quella giusta oppure se ce ne sarebbe un’altra…da qualche parte
    • La nostra vita è frenetica e vogliamo assumere le info che ci interessano nel modo più veloce possibile
  • Web writing, parole leggere “ la rapidità dello stile e del pensiero vuol dire soprattutto agilità, mobilità, disinvoltura; tutte qualità che si accordano con una scrittura pronta alle divagazioni... a perdere il filo cento volte e a ritrovarlo dopo cento giravolte”. Italo Calvino, Lezioni americane, 1985
  • 6 parole per il prossimo Millennio Leggerezza Rapidità Esattezza Visibilità Molteplicità Coerenza Italo Calvino, Lezioni americane, 1985
  • Leggerezza? “ la leggerezza per me si associa con la precisione e la determinazione non con la vaghezza e l'abbandono al caso”
  • la voce Il linguaggio peggiore che potreste utilizzare su web è quello A N E M I C O Perché in Internet il peso e la leggerezza delle parole sono determinanti, ma lo è anche lo “stile” Una pagina Web è pura informazione quindi parole
  • Parole? troppe? Risultato finale Basi fondamentali Esigenze specifiche Progetti futuri Di colore rosso Focus particolare Principale priorità
  • Parole? troppe?
    • “ Un buon modo per essere più comprensibili è essere più semplici. Dire in maniera semplice e comprensibile come si fa a dire le cose in maniera semplice e comprensibile......è complicatissimo. Nel dubbio, scegliete la frase più breve, le parole d'uso più comune e togliete tutto ciò che non è indispensabile”
    • Anna Maria Testa, 2000
  • Verbi? semplici... Realizzare una costruzione COSTRUIRE Prendere una decisione DECIDERE Apporre la firma FIRMARE Svolgere una verifica VERIFICARE Dare avvio AVVIARE
  • Espressioni? semplici... Tutte le volte - SEMPRE Nel caso in cui - SE Nel momento in cui - QUANDO In data odierana - OGGI In un futuro molto prossimo - PRESTO È nostro intendimento - INTENDIAMO
  • Verbi? semplici... Realizzare una costruzione COSTRUIRE Prendere una decisione DECIDERE Apporre la firma FIRMARE Svolgere una verifica VERIFICARE Dare avvio AVVIARE
  • Espressioni? semplici... Tutte le volte - SEMPRE Nel caso in cui - SE Nel momento in cui - QUANDO In data odierana - OGGI In un futuro molto prossimo - PRESTO È nostro intendimento - INTENDIAMO
  • Preposizioni? semplici... Attraverso – CON Mediante – CON Insieme a – CON In seguito a – DOPO A partire da – DA Finalizzato a – PER Con l'obiettivo di – PER Con l'eccezione di - TRANNE
  • Gli aggettivi? semplici...e solo utili Azioni mirate Interventi specifici Valido sostegno Novità assoluta Tema scottante Guerra fratricida Successo incredibile
  • Gli avverbi? semplici Anteriormente – PRIMA Precedentemente – PRIMA Sostanzialmente – IN FONDO Casualmente – PER CASO Completamente – DEL TUTTO Frequentemente - SPESSO
  • On writing by King “ Con gli avverbi lo scrittore ci dice che ha paura di non essere abbastanza chiaro, di non trasmettere nel modo migliore il concetto o l'immagine. Scrivere bene è spesso questione di liberarsi dalla paura e dall'ostentazione”
  • Semplicità,per i motori di ricerca Oggi è sempre più essenziale capire quale linguaggio usano gli utenti e cosa inseriranno nel motore di ricerca
  • Scrivere, quattro linee guida
    • Siate brevi N on scrivete più del 50% del testo che avreste usato per dire le stesse cose su una pubblicazione cartacea
    • Siate chiari S crivete un testo che si possa capire a colpo d’occhio. Non imponete agli utenti di leggere lunghi brani
    • Ipertesto U satelo per spezzare grandi quantità di informazioni
    • Specializzazione C ercate di capire che mentre state scrivendo siete dei redattori-web. Non altro. Entrate nel ruolo 
  • Web writing, nel contesto della pagina
    • Le linee di testo....più sono lunghe più rendono difficile la lettura
    • Impaginare con spazi vuoti a lato del testo è indispensabile per farsi leggere
    • Giustificare un testo lo rende quasi illeggibile
  • La piramide invertita
    • Come le scrittura dei giornali...
    • Cominciate dalla conclusione e risalite…..
    • Titolo
    • Sottotitolo
    • Abstract
    • Primo paragrafo con le info più importanti
    • Testo intero con le parole chiave evidenziate
    • Link di approfondimento
  • La piramide invertita, quindi: Scrivi subito la cosa più importante – TITOLO Aggiungi alcuni particolari –SOTTOTITOLO Scrivi un microcontentuto – SOMMARIO Scrivi - TESTO Usa i LINK come approfondimento: ciò che la carta stampata non può fare
  • Leggibilità di un testo
    • S trutturate i testi con due, anche tre livelli di titoli…titoli nidificati
    • U sate titoli che abbiano un significato : la loro lettura dovrebbe dire al lettore quali saranno i contenuti che leggerà
    • E vitare lunghi blocchi di testo: spezzare 
    • E videnziare ed enfatizzare le parole importanti per far sì che attirino l’attenzione del lettore
  • Le parole più importanti... In neretto danno l'idea di cosa si vuol enfatizzare e far notare all'occhio dei lettori
  • Titoli, ahimè: alcune regolette
    • S piegate l’argomento della pagina in termini che siano propri del linguaggio dell’utente
    • i l microcontenuto deve essere un riassunto molto conciso del macrocontenuto cui è associato
    • N on cominciate tutti i vostri titoli con la stessa parola …
    • Le prime parole del titolo dovrebbero essere quelle più significative
  • Ogni parola conta
    • Su ogni pagina web non ce ne dovrebbero essere più di 100
    • Guardate alle parole su web come a poesie : in un poema ogni parola ha il suo posto e il suo valore
    • Nella poesia la forza dello scrittore è ben visibile
  • Ogni parola conta Jakob Nielsen: Il microcontent deve essere costituito da perle di chiarezza 40-60 parole al massimo per spiegare il vostro macrocontent
  • La “voce”
    • Esprimetevi sempre con una “voce” personale e riconoscibile
    • Internet è un medium “caldo” in questo senso impegnativo e interattivo
    • Il lettore cerca informazioni ma anche comunicazione
    • Fate sentire che il vostro sito, la vostra home page, sono abitate
  • Segno e disegno
    • Non utilizzate linee di testo molto lunghe: sullo schermo sono difficili da leggere
    • Lasciate molti spazi vuoti che aiutano la lettura
    • Cercare di scrivere blocchi di testo di lunghezza uniforme
    • Non giustificate: impaginate a sinistra
  • Le pagine accattivanti
    • Dovete saper “ catturare ” il lettore
    • perché sulla schermo si vedono al massimo 20 righe, quindi:
    • Attenzione alle prime righe
    • Bandite le introduzioni
    • Regalate l’essenziale
  • I link Non temete di far uscire i lettori dal vostro sito attraverso i link Un sito ricco di link viene messo subito tra i segnalibri e ci si torna spesso Prendete solo la precauzione di non linkare ad altri siti dalla homepage, ma solo dalle pagine successive... ma non è una regola tassativa... come tutto sulla palestra-web
  • Il link bussa alla tua porta Il link deve essere molto specifico Informazioni, ma anche un invito al muoversi, al navigare Un aiuto a chi non ha tempo No al CLICCA QUI: clicca qui , per leggere il programma della serata scarica, leggi.... Il programma della serata sarà aperto da Tizio Caio
  • L'approfondimento Mario tedeschini Lalli Non tanto velocità e quantità quanto approfondimento connessione di idee e materiali documentazione partecipata Social network
  • Web è conversazione Internet è la più grande conversazione globale della storia chi scrive è indissolubilmente legato a chi legge Dimentiate le stanche parole delle solite brochure
  • Web intercreativo “ L’intercreatività vorrebbe essere qualcosa di più: una serie di strumenti software per il lavoro cooperativo, per scatenare anche a distanza felici tempeste di idee. E’ una delle sfide di Internet dei prossimi anni”. Franco Carlini, “Lo stile del Web”, Einaudi 1999