• Share
  • Email
  • Embed
  • Like
  • Save
  • Private Content
 STORIA MODERNA(1492-1848)
 

STORIA MODERNA(1492-1848)

on

  • 9,423 views

RIASSUNTO DEL TESTO ...

RIASSUNTO DEL TESTO

Il manuale redatto da Carlo Capra è stato largamente adottato negli insegnamenti di Storia moderna presso numerose sedi universitarie. Tra le qualità che ne hanno decretato il successo sono stati in prima fila la precisione e la ricchezza dell'informazione, la chiarezza ed efficacia espositiva, l'equilibrio tra le acquisizioni della storiografia tradizionale e l'attenzione per i più recenti indirizzi della ricerca; particolare consenso ha incontrato la scansione del volume in due parti, dedicata la prima ai fenomeni di lunga durata, la seconda a un'analisi attenta e cronologicamente ordinata di fatti e problemi. In questa nuova versione è stato ritoccato qua e là il testo, sono stati ampiamente rivisti l'apparato cartografico e gli orientamenti bibliografici; inoltre tutti i capitoli della seconda parte (6-28) sono stati corredati di schede tese all'approfondimento di tematiche al centro degli odierni dibattiti storiografici e per loro natura malagevoli da trattare all'interno della griglia cronologica adottata.

Statistics

Views

Total Views
9,423
Views on SlideShare
9,403
Embed Views
20

Actions

Likes
3
Downloads
338
Comments
0

1 Embed 20

http://www.slashdocs.com 20

Accessibility

Categories

Upload Details

Uploaded via as Adobe PDF

Usage Rights

© All Rights Reserved

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Processing…
Post Comment
Edit your comment

     STORIA MODERNA(1492-1848) STORIA MODERNA(1492-1848) Document Transcript

    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] PARTE PRIMA 1. La popolazione e le strutture familiari 1.1 Fonti e metodi: • Teoria malthusiana e teorie neomalthusiane: la popolazione cresce geometricamente (→ 1-2-4-8- 16) mentre le risorse crescono aritmeticamente (→ 1-2-3-4-5) per la regge dei rendimenti decrescenti (gli incrementi produttivi di una zona col tempo diminuiscono) Freni possibili: freni repressivi (carestie, epidemie, guerre) oppure freni preventivi (controllo forzato di matrimoni e natalità). • Statistica • Registri ecclesiastici • Ricostruzione nominativa delle famiglie (schede di famiglia per ogni matrimonio celebrato nella stessa parrocchia in un arco di tempo, trascrizione su questa scheda di tutti gli eventi demografici riguardanti la coppia cui è intestata; ha il difetto che permette di considerare solo una parrocchia per volta. Le schede chiuse –di cui si sa inizio fine precisa sono relativamente poche rispetto al lavoro che serve) • Piramidi sulla quantità di popolazione divisa per fasce d’età: permette di avere un’idea della speranza di vita e costruire indici di mortalità o natalità. 1.2 La popolazione europea nell’età moderna1 NB: in Africa e America c’è un’arresto dello sviluppo demografico alla fine del ‘500 per via degli interventi europei sul suolo americano e per via dell’esportazione di schiavi neri in America. 3 GRANDI FASI: • 1450-1630 crescita generale continua lenta costante • 1630-1700 calo improvviso: indici di mortalità del 30-35%, quasi uguali a quelli di natalità, del 35-40%; questo indice aumenta facilmente in concomitanza con guerre, carestie, epidemi: vedi Peste; + NB matrimoni tardivi e allattamenti prolungati, + spesso per morte di un coniuge si interrompeva il matrimonio anche se la donna era ancora fertile. • 1700-1800 rapida crescita. Aumento della natalità e diminuzione della mortalità. 1.3 La storia della famiglia. Classificazione di Cambridge: 5 tipi di aggregati: 1) famiglia nucleare (coniugi + figli) 2) famiglia estesa (nucleare + un convivente, per es un fratello o un genitore dei coniugi) 3) famiglia multipla (almeno due nuclei, per es genitori dei coniugi + coniugi + figli) 4) famiglie senza struttura (alla cui base non c’è un rapporto matrimoniale, per es fratelli celibi, vedova con figlia nubile) 5) i solitari. Laslett e Hajnal: due diversi modelli matrimoniali e familiari nell’ancién regime: A) Europa nord-occidentale: 1) uomini e donne si sposano tardi, e il 10/15% di loro non si sposava affatto 2) residenza neolocale dopo le nozze = mettevano su casa per conto proprio, formando una famiglia nucleare. 3) Presso molte famiglie, prima del matrimonio, molti giovani passavano diversi anni fuori dalla famiglia, a servizio presso un’altra. B) Europa orientale e meridionale: 1) matrimonio precoce 2) residenza patrilocale ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 3) no servizio prenuziale presso altre famiglie. Ma questi studi sono insufficienti a rappresentare le realtà più specifiche. Le famiglie andrebbero studiate da un punto di vista economico, giuridico, sociale, poiché la famiglia non rappresentava solo un’unità di consumo, ma specialmente di produzione: le dimensioni dell’aggregato domestico erano legate a quelle del fondo coltivato e alla quantità di lavoro da esso richiesta. Per quanto riguarda le élites, la preoccupazione di mantenere il patrimonio unito dava vita a fenomeni come il fidecommesso (col testamento si vincola l’erede a mantenere unito il patrimonio e a trasmetterlo a una sola persona) e la primogenitura, o maggiorascato (solo il figlio maggiore accede all’eredità). Facevano parte delle strategie familiari per il mantenimento del potere anche la destinazione dei figli cadetti a carriere militari, ecclesiastiche, giudiziarie, e delle figlie al nubilato o alla monacazione; molta importanza avevano, in questa mentalità, le alleanze matrimoniali e le reti allargate di parentela agnatizia (parentela tra i discendenti di stesso padre) o cognatizia (acquisita tramite unioni matrimoniali). Modelli di famiglia riguardo ai rapporti interni: • 1450-1630: famiglia a lignaggio aperto: formalismo e freddezza tra coniugi, genitori e figli; importanza attribuita al casato; controllo del parentado e della comunità sulla vita familiare. • 1550-1700 famiglia nucleare patriarcale ristretta: accentuazione del ruolo autoritario del pater familias, riflesso del potere assoluto del monarca sulla società, sviluppo dei legami affettivi tra coniugi; risalto all’educazione cristiana e al disciplinamento della prole. • 1620-1800 famiglia nucleare domestica chiusa: individualismo affettivo= si attenua il divario gerarchico tra coniugi e tra genitori e figli, nuova tenerezza. Sono tesi difficili da applicare e dimostrare all’intera società, data l’esistenza di livelli diversi di2 cultura, ricchezza, forme di sensibilità. Sono modelli simili a quelli applicati per studiare le cosiddette “società primitive” in antropologia. 2. L’economia dell’Europa preindustriale 2.1 L’agricoltura: risposta estensiva e intensiva Dopo il Mille l’agricoltura europea aveva compiuto notevoli progressi: nel nord e nel centro Europa si poterono mettere a coltura i terreni umidi e argillosi grazie ad: aratro pesante (con avantreno, coltro e versoio), ferratura e bardatura dei cavalli, rotazione triennale (un anno a frumento o segale, un anno ad orzo e avena, un anno a riposo). Nel Mediterraneo, invece la scarsità di piogge e la natura friabile dei terreni ostacolarono l’applicazione di queste tecniche: rimasero imperanti rotazione biennali e aratro leggero; ebbero invece maggiore rilievo le colture arboree: olivo, vite, alberi da frutta. Tra 1450 e 1750 l’organizzazione produttiva delle campagne non registrò grandi mutamenti, salvo in aree limitate. L’aumento demografico durante il Cinquecento fece naturalmente crescere la domanda di derrate alimentari; le risposte potevano essere due: estensiva (allargamento della superficie coltivata) oppure intensiva (crescita della produttività delle zone già coltivate; NB: produttività= quantità di prodotto per unità di superficie). Nel XVI secolo prevalse lo sfruttamento estensivo, ampliando la coltura ai terreni incolti, abbandonati durante la crisi demografica di XIV e XV secolo; questo fece diminuire le aree adibite a pascolo, decrementando la diffusione della pastorizia. Questo causò, naturalmente, una minor quantità di concime disponibile. NB: ampia privatizzazione di terre incolte, anche per opera di apposite magistrature, vd Veneto. Inoltre si verificò in quegli anni la cosiddetta Piccola Glaciazione. 2.2 Il regime fondiario e i rapporti di produzione. L’Europa centro-occidentale. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Nel basso Medioevo si vide nell’Europa centro-occidentale la disgregazione della feudalità come sistema di governo e l’erosione dei poteri signorili nelle campagne, a causa di:  crisi demografica (la manodopera doveva essere pagata di più),  tendenza generale dei signori fondiari a monetizzare le prestazioni loro dovute,  rivolte contadine esplose in varie aree tra la metà del Trecento e i primi decenni del Cinquecento. All’inizio dell’età moderna i coltivatori erano liberi di sposarsi, trasferirsi, disporre delle proprie terre se ne possedevano. Le corvées erano limitate a poche giornate all’anno. La riserva signorile non era più sfruttata grazie al lavoro coatto dei servi della gleba, ma era stata frazionata in poderi affittati a famiglie coloniche con una varietà di patti agrari (livello = canone fisso in natura o denaro stabilito per un lungo periodo di tempo; piccolo fitto; mezzadria = podere e abitazione in cambio della metà dei raccolti) ♦ Ovunque: l’aumento demografico nel XVI secolo e più tardi nel XVIII secolo si accompagnò a processi di proletarizzazione nelle campagne = diminuzione dei coltivatori autosufficienti o provvisti di eccedenze da vendere, moltiplicazione dei contadini poveri/nullatenenti, riduzione del potere d’acquisto dei salari. ♦ La proprietà contadina fu influenzata dall’evolversi dei tipi di rapporto feudale: Si calcola che in Francia e Germania i coltivatori diretti possedessero circa la metà del suolo coltivabile; in Inghilterra però i copyholders (insediati a titolo ereditario, e che pagavano una tassa d’ingresso a ogni generazione e un canone annuo in denaro) subirono un’offensiva signorile mirata a trasformarli in affittuari a breve scadenza: per questo e per il problema delle recinzioni la piccola proprietà coltivatrice era circa 1/5 del suolo. In Italia lo stesso risultato fu effetto dell’espansione a macchia d’olio della proprietà urbana e della crisi delle piccole aziende (dovuta ad andamento3 demografico, clima, prestito usuraio)  scomparsa della proprietà contadina vicino alle città. ♦ I prelievi sui contadini potevano costituire dal 20 al 60-70 % del prodotto lordo, per cui restavano pochissime risorse per investimenti e innovazioni, già di per sé avversate dalla mentalità contadina (l’impronta comunitaria che contrassegnava i lavori agricoli scoraggiava le novità e l’iniziativa individuale); inoltre grandi e medi proprietari trovavano più facile acquistare nuove terre e aumentare il prelievo sui coloni, costretti dalla concorrenza ad accettare, che non persuadere i coloni stessi a impiegare tecniche più avanzate che producessero di più. Solo in aree particolarmente favorite dal punto di vista ambientale (es: pianura padana) o dove era meno forte la pressione demografica sul suolo da parte dei contadini poveri (Inghilterra e Olanda) fu possibile introdurre delle notevoli trasformazioni. I prelievi sui contadini erano i seguenti: • residui dei diritti feudali (di diversa ampiezza a seconda dello sviluppo delle città): -giurisdizione e potere di banno (competenza del giudice signorile sulle minori cause civili e penali); -censo annuo per i proprietari di terre comprese nel feudo; -(localmente) decima feudale (champart); -diritti in occasione di vendita o trasmissione ereditaria di beni fondiari; -abusi feudali: estorsioni coatte • decima ecclesiastica (spesso in natura subito dopo il raccolto) • imposte statali • rendita fondiaria, se non erano proprietari 2.3 L’Europa orientale Enormi estensioni di terreno pianeggiante e fertile, sparsamente popolate  Scarsità della forza lavoro  Città e comunità di villaggio deboli  Istituzioni statali incapaci di fare da contrappeso all’aristocrazia fondiaria ♦ La servitù della gleba venne rafforzata dal XV secolo e introdotta anche in quelle aree dove prima era sconosciuta (secondo servaggio), a causa della diffusione dell’economia di mercato, che se ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] da una parte apriva alle regioni affacciate sul mare (Polonia, Prussia) la possibilità di esportare più cereali, dall’altra spingeva i proprietari a procurarsi con ogni mezzo il denaro necessario per l’acquisto di prodotti di lusso: la via più agevole era la coercizione extraeconomica nei confronti dei contadini. Il territorio agricolo di un villaggio prussiano, polacco o russo era diviso tra una o due grandi tenute signorili e un certo numero di poderi rustici; le famiglie insediate in questi piccoli poderii traevano dai campi il necessario per vivere, ma dovevano una parte preponderante del loro tempo al loro signore; d’estate essi prestavano servizio nei campi, in inverno prestavano servizio domestico e fornivano manodopera per le attività industriali (distillazione birra e vodka, estrazione mineraria). I prodotti eccedenti i bisogni del signore erano commercializzati all’esterno, e il ricavato serviva ad acquistare beni di lusso e manufatti occidentali. Tale sfruttamento indiscriminato era possibile per via della totale soggezione dei contadini servi all’autorità del signore, che amministrava la giustizia e riscuoteva le tasse in nome dello Stato. Tra XVI e XVII secolo le loro condizioni di vita andarono deteriorandosi anche a causa della sfavorevole congiuntura economica: aumentarono le dimensioni medie delle tenute singorili, e ancora di più crebbe il numero di giornate di lavoro dovute. Nella monarchia austriaca le giornate di lavoro non potevano superare i 12 giorni l’anno in Bassa Austria, ma potevano arrivare a 156 in Boemia. In Russia era diffusa, oltre alla servitù della gleba, anche la servitù personale, cui era sottoposto il 10 % della popolazione (persone potevano essere vendute anche a prescindere dalla terra); codice del 1649 dello Zar elimina la prescrizione di tempo per la cattura dei fuggiaschi; solo nella seconda metà del Settecento le pretese dei signori fondiari vennero limitate per legge, e la servitù della gleba venne abolita nel XIX secolo. ♦ Non sempre le masse rurali accettavano questo tipo di oppressione, specialmente quando andavano a cadere anche le antiche consuetudini, o quando si deterioravano di colpo le condizioni di4 vita e lavoro –spesso in occasione di scissioni e conflitti al vertice della società- e spesso davano vita a manifestazioni di protesta che potevano tradursi nel ricorso alle vie legali, nelle suppliche alle supreme autorità contro i superiori immediati, e nelle sommosse violente, talvolta estese a regioni intere. Primo ciclo di rivolte: inizia nella seconda metà del XIV secolo e termina, con le ultime recrudescenze, nei primi decenni del Cinquecento. Obiettivo = signori feudali:  1514 Gyögy Dósza in Ungheria  1520-21 Comuneros in Castiglia  1524-25 Guerra dei contadini in Germania Secondo ciclo di rivolte: nel XVII secolo. Obiettivo= nelle aree si primo servaggio: fisco e agenti del fisco; nelle aree di secondo servaggio resta predominante l’indirizzo antisignorile! Vedi (secondo servaggio):  1648 Stenka Razin e cosacchi ucraini  1773-74 Pugacëv in Russia  1775 contadini boemi  1784 contadini valacchi Con la Rivoluzione francese e i moti controrivoluzionari scoppiati sempre nella Francia stessa e in latri Paesi raggiunti dagli eserciti francesi (Italia e Spagna), i moti contadini acquistano una valenza politica che si sovrappone, senza cancellarle, alle forme arcaiche di protesta. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 3. Ceti e gruppi sociali 3.1 Ordini, ceti, classi. La stratificazione sociale nell’Europa d’antico regime. Fino alla diffusione dell’illuminismo, la visione dominante della società in Europa fu quella di una società CORPORATIVA e GERARCHICA. ♦ Corporativa: L’uomo non contava di per sé (a meno che non fosse papa o re), bensì contava solo come membro di una famiglia, di un corpo, di una comunità. (corpi di mestiere, collegi professionali, confraternite, vicinie e contrade cittadine, congregazioni parrocchiali, comunità di villaggio, corpi militari, ordini ecclesiastici). Le “libertà” (franchigie, immunità, privilegi) si riferivano a questi corpi e comunità (anche in epoca moderna, lo stato non riuscì uniformemente a sviluppare un ruolo livellatore su questi variegate realtà e poteri). Uno degli schemi più radicati era quello che concepiva la società come divisa in tre ordini: oratores(clero, che prega), bellatores(nobiltà), laboratores (coloro che lavoravano per tutti); questa ripartizione rimane fino alla Rivoluzione francese (vedi rimostranze al Parlamento, che propone la divisione nei “tre stati” secondo questa stessa distinzione). Non si tratta di classi (definizione che si applica a persone che esercitano la stessa funzione economica e godono dello stesso livello di reddito). Sono CETI: a determinare il rango sociale di un individuo concorrono  la nascita,  il ruolo ricoperto nella vita pubblica (non nel processo economico)5  il prestigio e i privilegi ad esso connessi e spesso definiti giuridicamente. ♦ Gerarchico: Si giustificavano le disuguaglianze con l’idea di una gerarchia naturale tra tutte le creature, gerarchia voluta dalla Provvidenza e implicita nella visione tolemaica dell’universo: una grande catena di esseri dal regno minerale alle legioni angeliche. L’uomo, composto di corpo/anima, passioni/facoltà spirituali, occupava un posto intermedio e cruciale, perché era un microcosmo riflettente il macrocosmo; e come nel creato vi sono diversi gradi di perfezione, così nella società umana devono essere diversi gradi di bontà e virtù, che si collegavano alle origini familiari e alla condizione sociale. ♦ Questa tesi della disuguaglianza naturale tra gli uomini doveva fare i conti con una tradizione opposta (per esempio in Inghilterra) legata all’affermarsi della civiltà comunale nel Due-Trecento, e che poteva anch’essa richiamarsi ai modelli classici (stoicismo vs platonismo-aristotelismo). Questo motivo egualitario affirò anche nelle rivolte popolari del basso Medioevo e della prima età moderna; d’altra parte, l’ordine sociale tradizionale appariva profondamente incrinato dai fenomeni di mobilità sociale caratteristici in particolare del XVI secolo, tanto che proprio a questo motivo vari studiosi attribuiscono l’enfasi con cui venne allora affermato il principio gerarchico della società. NB La stratificazione sociale dell’Europa preindustriale, però, non si presta facilmente né ad una lettura dicotomica (poveri plebei contro ricchi nobili) né a un’interpretazione organicistica come quella che tendevano a divulgare, in modo più o meno interessato, molti scrittori coevi. 3.2 Nobili e «civili» Nobiltà e clero erano i due ceti più riconoscibili, apparentemente, tuttavia presentavano al loro interno una vasta gamma di sottogruppi differenziati per ricchezza, prestigio, potere. NOBILI ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] L’origine e la configurazione delle élites nobiliari europee presentano molte specificità locali legate alla diversa incidenza di vari fattori:  tradizione classica (distinzione uomini liberi/schiavi; patrizi/plebei; aristocrazia naturale della virtù e del sapere)  legami feudali-vassallatici, anche dopo la loro dissoluzione come sistema giuridico-politico  etica cavalleresca legata alla professione delle armi  sviluppo della civiltà comunale (soprattutto in italia centro-settentrionale e Paesi Bassi)  confronto-scontro con i nascenti apparati statali. RICCHEZZA: Ovunque nobiltà significa ricchezza, o almeno agiatezza, ricchezza basata principalmente sul possesso della terra, e alla quale si associano in misura variabile anche funzioni di polizia e giustizia; Nell’età moderna si assiste ad una divaricazione tra le caratteristiche della nobiltà centro-occidentale (il grande proprietario vive di rendita) e quella orientale (il nobile sfrutta il lavoro coatto dei contadini per poter rivendere derrate sul mercato internazionale). Tuttavia ovunque i proventi della terra potevano essere integrati da entrate di diversa natura:  estrazione di minerali, vetrerie, fabbriche di terraglie,  attività di trasformazione di prodotti di agricoltura e allevamento,  stipendi ed emolumenti derivanti da impieghi al servizio del principe o della Chiesa. Alla collocazione prevalentemente rurale dei ceti nobiliari nelle aree dove era più forte l’impronta feudale si contrapponeva la spiccata fisionomia dei patriziati cittadini (Italia centro-nord, Paesi Bassi, aree più urbanizzate in Svizzera e Germania occidentale).6 La figura del nobile povero è più frequente laddove la nobiltà è più numerosa: Polonia (7-8% della popolazione): la piccola nobiltà andava a servizio dalla grande nobiltà; Ungheria, Spagna (5%); nel resto d’Europa la nobiltà restava sotto l’1% della popolazione: in Francia, negli stati italiani, in Inghilterra (dove i Pari erano solo 200, ed erano gli unici a godere di specifici privilegi giuridici, mentre la gentry era composta da 25-30.000 persone, che costituivano una piccola nobiltà rurale. PRESTIGIO: anche il prestigio variava enormemente a seconda dei gruppi presi in considerazione (in Spagna vi erano sette categorie gerarchicamente ordinate, dai grandi di Spagna agli hidalgos e ai caballeros villanos); (in Francia era grande la distanza tra nobiltà di corte, o di toga, e gli “hoberaux”, nobili di campagna, al massimo possessori di pochi ettari di terra e di castellucci in rovina!) POTERE: altrettanto vario era il rapporto tra ceti nobiliari e potere politico. Carattere eccezionale avevano le oligarchie aristocratiche (Venezia, Lucca, Genova), in cui la nobiltà aveva una gestione diretta del potere politico; nel Sei e Settecento le monarchie avevano connotati di assolutismo (per esempio in Francia) oppure in altri casi (Polonia; Inghilterra dopo la Glorious Revolution) la sovranità dipendeva dal beneplacito della nobiltà. Tra fine XV e inizi del XVII secolo:  si rafforzano gli apparati statali  crescenti controlli e limitazioni dello strapotere dei ceti nobiliari verso il basso  crescita economica e rivoluzione dei prezzi  crescente potere di nuovi gruppi di origine mercantile e borghese  questi fattori determinano una sorta di crisi d’identità nei ceti nobiliari, che diede luogo ad un’ossessiva ricerca di una legittimazione del primato nobiliare, producendo una slittamento dalla virtù e dal valore militare al sangue e alla stirpe come motivi fondanti la nobiltà. (vedi Spagna e Portogallo, limpieza de sangre) Come si diventa nobili? ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] ♦ Nei patriziati cittadini c’era un sistema di cooptazione basato dull’antica residenza e sull’astenzione dalle arti meccaniche e dai lucri sordidi (comprendenti nel maggior numero di casi le attività mercantili). ♦ Nelle monarchie come Francia, Inghilterra, Spagna, si affermò il principio che la nobiltà derivasse da un riconoscimento del monarca. Ciò poteva avvenire: come sanzione di un processo di assimilazione avvenuto di fatto (acquisto di feudi, matrimoni nobili, assunzione di un tenore di vita adeguato) conferimento di un titolo a compenso di benemerenze vere o presunte di carattere militare o civile (spesso dietro versamento di congrua somma) come premio, soprattutto in Francia, connesso all’esercizio di elevate cariche giudiziarie o finanziarie. Questi nuovi nobili erano guardati con disprezzo, ma nel giro di poche generazioni venivano generalmente assorbiti. ♦ Tra Sei e Settecento le aristocrazie europee vivono un’età dell’oro, non più minacciate nel loro primato economico-sociale e ormai pronte a integrarsi nelle strutture dello Stato monarchico, rinsanguate da elementi borghesi e ringiovanite da massicci trasferimenti di beni e titoli, riqualificate culturalmente dagli studi compiuti nelle università protestanti, nelle scuole pubbliche o nei collegi gesuitici, danno tono a corti e salotti, mescolandosi agli intellettuali offrono alle altre classi uno spettacolo invidiato di eleganza, che durerà come modello fino alla diffusione degli ideali razionalistici e ugualitari dell’Illuminismo maturo. CETI INTERMEDI7 ♦ I ceti intermedi tra nobiltà e plebe nell’Europa preindustriale NON vanno designati come borghesia: tale termine sembra postulare una coscienza di classe e un’uniformità di condizione economica e sociale che non rispecchia la frastagliata realtà dell’epoca. Max Weber e Werner Sombart hanno voluto caratterizzare lo spirito borghese e capitalistico sul piano degli atteggiamenti mentali (sete di guadagno, disponibilità al rischio, autodisciplina, applicazione del calcolo razionale), ma in realtà tali qualità erano tutt’al più tipiche di gruppi ristretti di operatori economici, e non erano assolutamente patrimonio di categorie sociali che pure di solito vengono considerate come borghesi: proprietari fondiari non nobili, professionisti, funzionari pubblici, strati superiori dell’artigianato. Questi gruppi aspiravano in genere ad emergere dalla loro condizione ed entrare tra le schiere del ceto nobiliare: vedi il caso dei Fugger, da banchieri a latifondisti e feudatari, caso emblematico del processo di integrazione nelle élites nobiliari lungo tutta la modernità.  Denominatore comune di queste categorie sociali è la dominante connotazione urbana: infatti in Italia esse erano designate come “ceto civile” o “cittadinesco”; in certe città (Venezia) questo ceto godeva di un riconoscimento giuridico, ma dovunque esso era caratterizzato da due tratti:  rifiuto del lavoro manuale  possesso di risorse (beni mobili e immobili, ma anche livello culturalre, parentele, amicizie altolocate, reti associative) che lo garantivano dalla caduta nell’indigenza cui erano esposti coloro che vivevano alla giornata, in un mondo privo di ammorizzatori sociali. 3.3 Poveri e marginali Jean-Pierre Gutton distingue tra poveri STRUTTURALI (che anche in tempi normali vivevano in tutto o in parte di elemosine: disabili, vecchi malati, vedove con figli a carico, poveri vergognosi, che da una condizione civili erano rimasti privi di risorse) e CONGIUNTURALI (coloro che ricavavano appena di che vivere dal loro lavoro, e che erano quindi alla mercé di infermità, vecchiaia, disoccupazione, carestie); se si tiene conto anche dei poveri congiunturali, la percentuale passa da poche unità di percentuale alla metà/due terzi della popolazione. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] ♦ Nel Medioevo il povero era circondato da un’aura sacrale, come un exemplum Christi, e testimone della condizione precaria dell’uomo. Nella modernità, invece egli appare sempre più come una minaccia all’ordine costituito e alla salute pubblica, un delinquente potenziale da scacciare e reprimere. Ciò è da ricondurre  al mutamento di valori proprio del Rinascimento e della Riforma protestante, alla laicizzazione della società, alla condanna dell’ozio e all’accento posto sulla vita attiva;  al massiccio aumento del pauperismo, conseguente all’incremento demografico e all’allargarsi della forbice prezzi/salari  Al povero residente si sostituisce il vagabondo, il marginale privo di radici, che vive di espedienti e spesso non disdegna furto e frode, e che è sospettato di portare peste e di fomentare tumulti.  Nei confronti di questi indesiderabili corrono ai ripari prendendo provvedimenti di crescente severità prima città e poi Stati (espulsione di poveri forestieri, divieto di accattonaggio, assistenza su base cittadina o parrocchiale finanziata con tasse speciali, obbligo di lavoro per i poveri validi; 1662 editto in Francia stabilì in ogni borgo o città un’ospizio generale in cui chiudere i poveri ed educarli alla pietà e nella religione cristiana). L’utopia delle grandi reclusioni (vedi Foucault) continua nel Settecento, combinandosi variamente con le correnti filantropiche e ispirando la fondazione di grandiosi istituti di ricovero (Roma, Genova, Napoli), mentre in Inghilterra si diffondevano le workhouses (case di detenzione e lavoro forzato). ♦ I processi di proletarizzazione tra XVI e XVIII secolo ingrossarono le schiere di indigenti nelle8 campagne e nelle città. Tra la metà e i due terzi delle popolazioni urbane vivevano a livello di pura sussistenza. ♦ Lo sviluppo tra Sette e Ottocento del sistema di fabbrica, prima in inghilterra e poi sul continente, da un lato trasformò queste masse nella nuova classe operaia, dall’altro alimentò la formazione di un nuovo “proletariato straccione” (Lumpenproletariat) a causa dell’incremento demografico e dei fenomeni di disoccupazione e crisi che esso produsse. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 9. La Controriforma e l’Italia del tardo Cinquecento 9.1 Speranze e propositi di rinnovamento religioso. Controriforma (fine XVIII secolo, Germania) Riforma cattolica (autonomia e spontaneità) Riforma cattolica distinta fra esame di coscienza della Chiesa cattolica alla luce dell’ideale di vita cattolico, e affermazione di sé compiuta dalla Chiesa cattolica contro il Protestantesimo (cronologicamente è una fase successiva, caratterizzata da un atteggiamento dogmatico e repressivo) Evangelismo//Controriforma. Le istanze di rinnovamento religioso furono avvertite anche in Italia, dove c’erano diversi stimoli in questa direzione: - circolavano ampiamente le opere di Erasmo, che venivano lette spesso in chiave luterana, cioè di alternativa globale al complesso di dogmi e istituzioni in cui si identificava la religione tradizionale. - Ondata di profezie e attese apocalittiche, alimentate dai predicatori (vedi Savonarola a Firenze) e dalle sofferenze delle uerre d’Italia - L’anticlericalismo diffuso negli strati sia colti che popolari: critica alle preoccupazioni mondane e svalutazione delle pratiche esteriori di devozione (per es culto ai santi e alle reliquie); accento sulle massime evangeliche - La suggestione esercitata da alcune figure ecclesiastiche e laiche dall’intensa spiritualità (cardinale Gasparo Contarini, 1483-1542; Gian Matteo Giberti vescovo di Verona, Juan de Valdés, 1490-9 1541, a Napoli, intellettuale misticista, Reginald Pole, 1500-1558 in Inghilterra - Oratorî del divino amore, preghiera e opere di carità Paolo III Farnese (1534-49) alimenta le speranze di un’iniziativa dall’alto per la Riforma della Chiesa (sollecitata anche da Carlo V): nomina cardinali diversi esponenti delle correnti riformatirici: Contarini, Giberti, Pole; 1536 istituisce una commissione, presieduta da Contarini per studiare i mali della Chiesa: ne esce il De emendanda Ecclesia, 1537, che però rimane ineseguito; manifesta la volontà di indire un concilio ecumenico; il Concilio, convocato a Mantova nel 1537, riesce a riunirsi solo nel 1545: infatti Paolo III voleva assicurarsene lo stretto controllo: lo procrastina e lo indice a Trento nel 1542, ma a causa della riapertura delle ostilità fra Carlo V e Francia, il Concilio si riunisce solo nel 1545. 9.2 I nuovi ordini religiosi: i gesuiti Questo fervore si espresse anche nella nascita di nuovi ordini regolari o nella riforma dei vecchi: 1528 ordine dei cappuccini, nuovo ramo dei francescani; alla povertà uniscono l’assistenza spirituale e materiale. Teatini, barbaniti, somaschi: formazione del clero, evangelizzazione, insegnamento, assistenza a malati e orfani; Orsoline 1535 di Angela Merici. Compagnia di Gesù fondata da Ignazio di Loyola, esponente degli hidalgos, con vocazione delle armi e spirito di crociata, consacra la sua vita alla liberazione della terra Santa e al servizio alla Chiesa. 1540 approvazione di Paolo III della Compagnia: milizia scelta al servizio del papa e della Controriforma; castità, povertà, obbedienza, fedeltà assoluta al pontefice. Esercizi spirituali del 1548: disciplina, energia, abnegazione. Le case professe non detenevano beni, ma i collegi avevano i loro benefattori: la formazione delle classi dirigenti codificata nella ratio studiorum (classici, emulazione fra studenti, severa disciplina) è un obiettivo primario. Attività missionaria anche in Asia e Giappone. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 9.3 Il concilio di Trento 1541 Ratisbona: fallisce l’ultimo tentativo di riconciliazione nonostante la buona volontà di Contarini e Melantone 1542 Congregazione del Santo Uffizio, o dell’Inquisizione (GianPietro Carafa, futuro Paolo IV) Bernardino Ochino, generale dei cappuccini, fugge a Ginevra. Per i protestanti italiani le alternative erano il nicodemismo e l’esilio volontario. Forti spostamenti verso Ginevra e Svizzera, o, se troppo soffocanti, verso Inghilterra ed Europa orientale. NB Lelio e Fausto Sozzini (Socini), antitrinitari, procristianesimo tollerante e ragionevole, vivo nell’ombra fino all’Illuminismo. 1542 convocazione Concilio, ma per guerre Carlo V vs Francia  1545 Concilio di Trento. 4 cardinali (di cui 3 legati papali), 4 arcivescovi, 21 vescovi + teologi senza diritto di voto, e generali degli ordini regolari. Priorità alla discussione dei punti dogmatici più controversi (e non alla questioni disciplinari, come avrebbe voluto Carlo V): effetti del peccato originale (cancellati dal battesimo!), principio di giustificazione per sola fide (eretico!) 1547 peste, trasferito a Bologna; il nuovo papa Giulio III lo riconvoca nel 1551 a Trento; 1552 interrotto ancora da Carlo V vs Francia; Paolo IV Carafa (1555-1559) lo sospende, in quanto ostile al Concilio; estende i poteri10 dell’Inquisizione, sottopone a processo alcuni dei maggiori esponenti del partito riformatore (Pole e Morone), 1559 promulga l’Indice dei libri proibiti (compreso Erasmo) Pio IV Medici (1559-65) rilancia il concilio e lo conclude: 1563   rafforzamento del carattere monarchico della Chiesa cattolica: superiorità del papa al Concilio e sua discrezionalità nell’applicarne le deliberazioni  valore delle buone opere ai fini della salvezza  tradizione della Chiesa è fonte di verità, accanto alle scritture  natura dei sacramenti (eucarestia: trasformazione reale; e ordine: aura sacrale del sacerdote)  esistenza purgatorio  validità indulgenze  legittimità del culto a Santi e Madonna  istituzione di seminari  divieto cumulo cariche  obbligo di risiedere nella propria diocesi e di visitarla tutta ogni due anni, tenendo scrupolosamente registri di battesimi, matrimoni, sepolture 9.4 La Chiesa e il papato nella seconda metà del Cinquecento Nuova compattezza cattolica e durezza contro protestantesimo e spinte eterodosse; affermazione di volontà di dominio spirituale, politico e sociale. Pio V Ghislieri 1566-72: - 1561 massacro di valdesi in Calabria - 1568 ripubblica la medievale In Coena Domini: oltranzismo del potere papale sui sovrani temporali - 1570 scomunica Elisabetta I - 1571 Contribuisce alla vittoria di Lepanto ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Gregorio XIII 1572-85 prosegue l’indirizzo; riforma il calendario Sisto V 1585-1590: - nuovo impulso all’attività missionaria e alla controriforma in Europa centro-settentrionale (Polonia) - Riorganizzazione della Curia romana: 70 cardinali, 15 congregazioni cardinalizie (9 per la Chiesa universale e 6 per affari interni dello Stato pontificio): il Collegio cardinalizio non è più un limite all’autorità del pontefice, ma un suo strumento. - Lotta al brigantaggio Clemente VIII 1592-1605- Lotta al brigantaggio; - Ridotte le autonomie delle città suddite e delle residue signorie feudali - 1598 annessa Ferrara (estinti gli Este) - abbellimento dell’Urbe: costruzione cupola San Pietro Avvento di vescovi e arcivescovi animati da grande zelo e carica riformatrice: 1538-1584 Carlo Borromeo: vita austera, riorganizzazione e moralizzazione del clero, seminari e sinodi diocesani, lotta intransigente antieretica, giurisdizione ecclesiastica vale sopra istituzioni assistenziali anche laiche, autorità religiosa dentro la vita dei fedeli;insofferenza ai limiti imposti al proprio potere: gesti clamorosi col governatore dello Stato di Milano NB: Penetrazione capillare nei settori della popolazione grazie ai nuovi ordini regolari, anche se sopravvivono pratiche devozionali arcaiche (preghiere ai defunti, processioni per la pioggia): le masse11 non comprendevano la liturgia in latino: avevano spesso una religiosità intensa, ma ingenua e povera di contenuti morali. 9.5 L’egemonia spagnola in Italia Gli interlocutori principali del potere sovrano, laddove non lo detenevano essi stessi, come a Venezia, Genova, Lucca, erano i ceti nobiliari, che si stavano riqualificando grazie ad una trattatistica che insisteva sui caratteri ereditari, di sangue, di onore. Nel Mezzogiorno e nelle isole spadroneggiava una nobiltà feudale, mentre al centro-nord si erano sviluppate le civiltà comunali, per cui il ceto nobile era un patriziato urbano di origine mercantile, e il suo status si identificava con l’accesso esclusivo ai seggi del consiglio cittadino; fra 500 e 600 anche questi gruppi di allontanarono sempre più dai traffici e dalle attività produttive, acquisendo una mentalità più simile a quella dell’antica nobiltà e allo stampo spagnolo. 1559 Pace di Cateau-Cambresis Francia e Spagna: sancisce egemonia spagnola in Italia fino al XVIII secolo: Regni di Napoli, Sicilia, Sardegna, Ducato di Milano, tato dei Presidi (Talamone, Orbetello, Argentario); al re si riconosceva la suprema autorità legislativa, il diritto-dovere della difesa, del prelievo delle risorse necessarie; la facoltà di applicare e interpretare leggi e riscuotere, ripartire le imposte erano prerogative degli organi locali. C’erano vicerè che cambiano ogni 3 anni a Napoli, Palermo, Cagliari, un governatore a Milano e i comandanti dell’esercito provenienti dalla nobiltà spagnola. Magistrature finanziarie e giudiziarie venivano da elementi indigeni con lunghe cariche, appoggiati a Madrid dal Consiglio d’Italia, composto da Reggenti tratti da magistrature locali. Il baronaggio si appoggiava al Parlamento, che si riuniva per approvare i donativi al monarca e amministrava Napoli. Il governo spagnolo riuscì a indebolire il peso sociale della feudalità, limitandone le ingiustizie; 1545 Carlo V ordina il catasto Toscana: Medici a Firenze grazie alla Spagna; 1532 riforma costituzionale sovrappone alle antiche magistrature repubblicane il Consiglio dei Duecento e il Consiglio dei Quarantotto (Senato) ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Cosimo I (1537-74) sviluppa il regime in senso assolutistico: governa attraverso i propri segretari, di origine modesta, e dal 1545 tramite un nuovo consiglio di carattere informale, grazie alla “Pratica segreta”. Annette Siena 1557, che mantenne le proprie leggi e sitituzioni Francesco I (1574-87) e Ferdinando II (1587-1609) fanno nascere e sviluppare il porto di Livorno Stato sabaudo: ricostituito sotto Emanuele filiberto 1553-80 alla pace di Cateau-Cambrésis. Trasferisce la capitale al di qua delle Alpi, a Torino, sopprime autonomie locali e istituisce una Camera dei Conti, per centralizzare il controllo finanziario Carlo Emanuele I 1580-1630 tenta delle avventure espansionistiche, fallisce nel conquistare Ginevra, ma acquista il Marchesato di Saluzzo. Genova 1575 gravi disordini fra nobiltà vecchia e nuova: nobili vecchi abbandonano la città e gli strati popolari pretesero sgravi fiscali a favore delle arti dalla nobiltà nuova. 1576 non più elezione a sorteggio e ricomposizione del ceto dei “magnifici” (nobili), ma stratificazione orizzontale basata sui diversi livelli di ricchezza, invece delle precedenti alleanze verticali; ciò va di pari passo con la crisi delle attività manifatturiere e della dipendenza economica genovese dalla Spagna. Venezia indipendente; contrapposizione fra patrizi (con cariche pubbliche) e “cittadini originari” (professioni liberali, cancellerie e segreterie). Aumenta la nobiltà e quindi si differenziano molto nobili ricchi e nobili poveri. Rafforzamento dei nobili ricchi tramite il Consiglio dei Dieci (vs il Senato) e istituzione di un organo di alta polizia, i tre Inquisitori di Stato; 1583 l’opposizione dei giovani nobili poveri restituisce i suoi vecchi poteri al Senato e fa adottare una politica estera indipendente dalla Spagna e dalla Chiesa.12 10. L’Europa nell’età di Filippo II 10.1 Filippo II e i regni iberici 1555-56 Carlo V abdica a favore del fratello Ferdinando e del figlio Filippo: Ferdinando I 1555-1564: titolo imperiale + stati ereditari asburgici + Boemia e Ungheria Filippo II 1556- : Spagna + colonie americane + Regni di Napoli, Sicilia e Sardegna, Ducato di Milano NB: possedeva la Castiglia (enorme potenziale demografico e militare), controllava le aree più ricche e urbanizzate d’Europa, era appoggiato dai banchieri di Genova e Anversa, e disponeva del forte flusso di metalli preziosi proveniente dall’America. Enrico II (1547-1559, morte accidentale), tenta la sorte delle armi, ma, sconfitto a San Quintino, deve firmare nel 1559 la pace di Cateau-Cambrésis, che assicurava alla Spagna l’Italia, la Franca Contea e i Paesi Bassi. Inoltre la Francia era notevolmente indebolita dalle lotte religiose, e ad Enrico succedettero una serie di sovrani incapaci o minori. Eredita da Carlo V la totale dedizione al regno, la preoccupazione di rendere ai sudditi una giustizia imparziale, il senso di una missione da compiere di cui avrebbe dovuto rendere conto a Dio. Nato ed educato a Valladolid, si sentiva profondamente castigliano: gravità del portamento, austerità del costume, concezione esclusiva e gelosa del potere, senza deleghe, religiosità intensa ma angusta e intollerante. Nel 1558 morì Maria Tudor, seconda moglie di Filippo, spegnendo il sogno di ricondurre l’Inghilterra al cattolicesimo. Era convinzione corrente che l’unità religiosa fosse la condizione sine qua non dell’unità politica, per cui per l’imposizione dell’ortodossia prese le prime misure di rilievo nel suo regno: ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 1558-1560 rafforzamento dell’Inquisizione; proibiti viaggi all’estero degli studenti e l’introduzione dei libri stranieri; condanne a morte delle comunità protestanti scoperte. 1568 persecuzione dei moriscos + crisi dell’industria serica, in cui erano impiegati = rivolta dei moriscos; i sopravvissuti furono deportati al nord della Castiglia, da cui vennero definitivamente espulsi nel 1609. Tuttavia si dimostrò spesso indocile nei confronti della Santa Sede: per esempio pubblicò i decreti del Concilio di Trento con due anni di ritado, e con la riserva che la loro applicazione non doveva ledere le prerogative regie. Inoltre l’intransigenza religiosa rispondeva perfettamente ad un’aspirazione del popolo castigliano, eredità della Reconquista (in cui la limpidezza della fede corrispondeva alla limpieza de sangre). La sede della corte fu trasferita da Valladolid a Madrid, al centro della Spagna; dall’Escorial, metà palazzo e metà monastero, Filippo dirigeva tutte le pratiche del regno. Di qui una grande lentezza burocratica. Questo accentramento non va confuso col centralismo delle monarchie assolute dei secoli XVII e XVIII: Filippo rimase fedele alla concezione di Carlo V per la quale ogni Paese doveva mantenere i propri ordinamenti e le proprie individualità., ed essere uniti solo nella figura del sovrano. Estese e perfezionò il sistema dei Consigli: oltre al Consiglio di Stato (politica estera), dell’Inquisizione, di Azienda (finanze), vi erano Consigli preposti a diversi compelssi territoriali in cui sedevano rappresentanti dei Paesi interessati; inoltre le magistrature locali avevano forti autonomie. 1580 si estingue la dinastia degli Aviz: il Portogallo e i suoi possedimenti coloniali vengono annessi alla corona spagnola; esso mantenne la sua forma di governo e le sue leggi, sotto un nuovo Consiglio formato solo da Portoghesi.13 1591 Filippo deve intervenire militarmente in Aragona per sedare una rivolta separatista guidata dai signori feudali. Il sistema tributario penalizzava i ceti produttivi e privilegiava le rendite parassitarie, e lungo la seconda metà del Cinquecento la popolaione venne sottoposta a sempre più grandi sacrifici dalle richieste del “re prudente”; inoltre i soldi prelevati erano spesso spesi lontano dalla patria, a causa degli impegni militari della monarchia, e andavano così ad arricchire altri Paesi. Infine la mentalità imperiale, da soldati vincitori, induceva la monarchia ad importare manufatti e spesso anche derrate agricole. Possiamo quindi rilevare già in quest’epoca la decadenza di alcune attività industriali prima fiorenti (sete andaluse, lane di Segovia e Burgos), o il fatto che il commercio internazionale era quasi tutto nelle mani di stranieri. Ma l’agricoltura, già sfavorita dalle condizioni geologiche e climatiche, venne penalizzata per favorire l’allevamento transumante di pecore, di cui beneficiavano poche famiglie riunite nella corporazione della Mesta: dal 1570 la Spagna divenne un Paese importatore di cereali; l’ultimo decennio del 1500 fu segnato da gravi pestilenze e carestie che avviarono un secolare declino della popolazione e dell’economia iberica -in particolare castigliana. 10.2 La battaglia di Lepanto e i conflitti nel Mediterraneo Filippo II controllava il Mediterraneo ed era quindi più esposto agli attacchi dei corsari barbareschi e alla potenza ottomana. Selim II 1566-1574 attacca Cipro nel 1570, avamposto veneziano della Cristianità, mentre Tunisi, espugnata nel 1535 da Carlo V, cadeva nelle mani del bey di Algeri, vassallo del sultano. Papa Pio V 1566-1572 istituisce una Lega Santa (Venezia + Spagna + Genova + Duca di Savoia + Ordine di Malta; comandante della flotta è Don Giovanni d’Austria) 7/10/1571 battaglia di Lepanto, ultima con le navi a remi e l’abbordaggio. Questa vittoria apparse come una sanzione divina della Controriforma, ma sul piano politico e militare ebbe effetti modesti, anche per i dissidi sorti fra gli alleati ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 1573 Venezia firma una pace separata, rinuncia a Cipro e mantiene buoni rapporti con Istanbul; Spagna dovette occuparsi del nord-europa, il sultano della Persia: tregua del 1578. Il Mediterraneo rimase un crocevia di scambi e traffici, e proprio per questo l’attività piratesca si faceva più intensa: tutti gli Stati autorizzavano la guerra di corsa. Partecipavano Stati barbareschi, Genova, Malta, toscana, ma in questo periodo si aggiunsero anche le attività di uscocchi (pirati slavi protetti dall’imperatore sulla costa dalmata), olandesi e inglesi (con navi più snelle e veloci): al tradizionale scontro fra ottomani e cristiani si sovrapponevano le rivalità fra protestanti e cattolici. 10.3 La rivolta dei Paesi Bassi contro la Spagna CAUSE:  Fattore religioso: calvinismo represso da intransigenza spagnola  Fattore economico: crisi degli anni Sessanta che colpì centri urbani, e soprattutto Anversa, a causa del trasferimento ad Amburgo del fondaco inglese (luogo di raccolta dei panni semilavorati da tingere) e della temporanea chiusura del Baltico a causa di una guerra tra Svezia e Danimarca.  Fattore politico: il monarca aveva affidato il governo alla sorella Margherita, moglie del duca di Parma Ottavio Farnese, ma al suo fianco aveva posto il cardinale di Granvelle, che diresse la lotta vs l’eresia rafforzando l’Inquisizione, non rispettando le autonomie cittadine e le prerogative degli Stati provinciali. Così il governo degli Asburgo veniva avvertito come straniero e oppressivo anche dalla nobiltà e dai patriziati urbani, per quanto cattolici. PER CUI:  1566 Malgrado l’allontanamento di Granvelle, nel 1564, i nobili fiamminghi invasero in armi il palazzo della governatrice e pretesero l’abolizione dell’Inquisizione e la mitigazione delle leggi vs i protestanti.14 Mentre Filippo studiava ancora che risposta dare folle di calvinisti presero a devastare chiese e immagini sacre ad anversa e in altre città.  Di fronte alla rivolta aperta, Filippo inviò il Duca d’Alba, il “duca di ferro”, che fece arrestare i capi dell’opposizione (compresi molti cattolici) e istituì un tribunale straordinario, il Consiglio dei Torbidi che pronunciò oltre 1000 condanne in pochi mesi. INOLTRE.  1569 imposizione di nuove tasse per mantenere l’esercito spagnolo, specie il 10% su tutte le transazioni commerciali  nuova ondata di malcontento  il Principe Guglielmo di Orange-Nassau, fuggito all’estero, allestisce una flotta e invade le province settentrionali dal mare, facendosi nominare statolder (governatore militare) di Olansa e Zelanda, e convertendosi al calvinismo.  I “pezzenti” (i rivoltosi), in quelle zone acquitrinose, resistono agli attacchi del duca d’Alba anche grazie a ugonotti francesi, e protestanti inglesi e tedeschi, che rendono impraticabili le coste della Manica per gli Spagnoli:  la Spagna dovette rifornire l’esercito via terra (da Genova, Lombardia, Svizzera, Franca Contea), via costosissima.  1575 Filippo II dichiara bancarotta, e nel 1576 i soldati si ammutinarono e saccheggiarono orrendamente Anversa ponendo fine per sempre alla sua prosperità.  Accordo fra cattolici e calvinisti contro l’oppressore… dura poco perché i calvinisti si impadronivano prepotentemente delle città estromettendone i patrizi cattolici (+ NB abile politica di Alessandro Farnese, figlio di Ottavio e Margherita)  1579 Scissione del Paese: le province meridionali (Belgio attuale) tornano all’obbedienza, le 7 province settentrionali restano in lotta, rafforzate anche dal flusso di profughi calvinisti provenienti da Fiandre e Brabante. Nemmeno l’assassino di Guglielmo di Orange (1584) mutò la situazione dell’Olanda e delle province del Nord, che evolveva ormai verso l’indipendenza. 10.4 L’Inghilterra nell’età elisabettiana: Elisabetta: 1533 - :figlia di Anna Bolena, seconda moglie di Enrico VIII, sale al trono dopo la morte di Maria Tudor (1558) (Bloody Mary). ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Grande equilibrio: buoni rapporti tra Parlamento (convocato 13 volte in 45 anni) e Corona, che tendeva ad accentrare i poteri decisionali nel Consiglio privato della corona (di cui faceva parte Lord Burghley, cioè William Cecil) Problema religioso: riafferma la supremazia del sovrano in materia religiosa ma mantenne la presenza dell’episcopato 1559 atto di uniformità: impone il Libro di preghiere comuni, che rispettava largamente la liturgia tradizionale; 1572 promulga i 39 articoli di fede, che raccoglievano i motivi teologici fondamentali calvinisti. Il dissenso religioso fu ampiamente tollerato, i cattolici vennero perseguitati solo dopo il 1568-69, anno della ribellione dei conti del nord (ultimo risveglio dell’Inghilterra cattolica e feudale) e dopo la scomunica del 1570 lanciata da Pio V. Questa tolleranza scontentava i calvinisti intransigenti, ma solo nel XVII secolo il puritanesimo si trasformò in una forza d’opposizione alla monarchia. Problema della successione: rischio di instabilità dopo la sua morte. Problema dell’illegittimità di nascita: motivo propagandistico di chi sperava in nuovi rivolgimenti politici-religiosi. Il punto di riferimento di queste trame era la regina di Scozia, Maria Stuart, cattolica, figlia legittima di Enrico VII; 1568 Maria Stuart fu dichiarata decaduta dalla nobiltà calvinista e riparò in Inghilterra, tramando con gli emissari cattolici nonostante fosse controllata strettamente. Per questo motivo Elisabetta ne firmò15 la condanna a morte, aprendo le ostilità con la Spagna; ma intanto l’educazione protestante impartita a Giacomo, figlio di Maria, garantiva una successione al trono. Versante socio-economico:  1563 stabilizzazione della moneta;  moderazione dei tributi  vendita dei beni della corona e compartecipazione ai profitti del commercio e della guerra per le spese straordinarie, invece che inasprimenti fiscali. • raddoppio della popolazione in circa un secolo • forte mobilità sociale • la nobiltà titolata (Pari d’Inghilterra) perse potere, penalizzata dall’inflazione e costretta a trasferirsi a corte (rovinati dalla spese e senza rapporti coi territori) • rafforzamento dei ceti intermedi: gentry (nobiltà rurale non titolata), gruppi mercantili, uomini di legge  FENOMENO DELLE RECINZIONI: i nuovi proprietari fondiari (acquirenti di beni della corona, proprietari terrieri arricchiti, mercanti che investivano in terra) accorpavano spesso gli appezzamenti sparsi in aziende compatte, recintando le terre, per accrescere la produzione e destinarla a mercati lontani (spesso Londra) anziché al consumo locale  si eliminavano così gli usi collettivi della terra, accrescendo vagabondaggio e mendicità  prime leggi sui poveri Si poteva integrare il lavoro agricolo anche con la filatura e la tessitura, e l’estrazione di carbone. NB: NUOVA ERA DEL COMMERCIO E DELLA NAVIGAZIONE: Compagnie privilegiate di navigazione: non più corporazioni mercantili, ma società per azioni, che ottenevano dalla corona inglese il privilegio esclusivo di commerciare con una certa area del globo in cambio di prestiti e compartecipazione agli utili. 1553 Compagnia di Moscovia 1581 Compagnia del Levante 1600 Compagnia delle Indie orientali ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Mercanti individuali facevano contrabbando e pirateria in Atlantico e Mediterraneo. Francis Drake fece la seconda circumnavigazione del globo, saccheggiando le coste dell’America meridionale Fallisce il tentativo di impiantare delle colonie nel nord-America, raggiunto nel 1585 da Walter Raleigh, che fonda la colonia “Virginia” 1588 - 1604 guerra Spagna-Inghilterra: i rapporti già tesi a causa degli attacchi dei marinai inglesi contro le navi e i possessi di Filippo, si incrinano del tutto quando nel 1585 Elisabetta appoggia apertamente la rivolta dei Paesi Bassi e condanna Maria Stuart due anni dopo 1588 Filippo II tenta lo sbarco in Inghilterra: l’invincible armada viene scompaginata dalle tempeste e sconfitta dalle leggere flotte di Elisabetta, e dai legni corsari inglesi e olandesi;  Spagna tenta di circumnavigare le isole britanniche, ma le tempeste falcidiano la flotta. Fallisce il tentativo spagnolo di bloccare la potenza navale inglese Un’ondata di ardore patriottico percorse l’Inghilterra, che si strinse intorno alla regina; questa è una componente da non sottovalutare nella fioritura intellettuale e artistica di quell’epoca. 10.5 Le guerre di religione in Francia 1559 muore Enrico II 1560 muore Francesco II 1560-74 Carlo IX  reggenza di Caterina de’ Medici 1574-89 Enrico III Il calvinismo infiamma nel sud ovest, regioni meno integrate e più restie ad accvogliere novità16 giuridiche, amministrative, fiscali portate dalla dinastia dei Valois, e nelle file della nobiltà, non più occupata da guerre esterne, e stretta come in una morsa dall’inflazione e la crescita dei ceti borghesi. Tre fazioni: Guisa : capi cattolici intransigenti Borbone: con poderi a suod-ovest, capi ugonotti Montmorency-Châtillon (Gaspard de Coligny), ugonotti 1562 Editto di Saint-Germain: Caterina deve fare concessioni agli ugonotti per contrastare lo strapotere dei Guisa 1/3/1562 Vassy: Massacro di protestanti da parte dei Guisa: prima fase di guerre civili fino al 1570 Seconda Pace di Saint Germain: allarga le concessioni agli ugonotti De Cologny conquista la fiducia di Carlo IX e ottiene per Enrico di Borbone, re di Navarra, la mano di Margherita di Valois, sorella del re. Caterina, preoccupata per l’influenza di Coligny, durante le nozze dà il via libera ai Guisa e alla plebaglia parigina, violentemente antiprotestante 23-24/8/1572 Notte di San Bartolomeo: massacro in città e nelle campagne. I gruppi protestanti del sud-ovest cominciano a funzionare come una confederazione di Stati indipendenti. Enrico di Borbone, salvatosi con l’abiura, riesce a fuggire da corte e si riconverte al calvinismo (1576). 1576 Guisa creano la Lega santa, sostenuta dalla nobiltà cattolica e da Parigi. 1584 muore il duca d’Angiò, ultimo figlio di Enrico II  erede presuntivo è Enrico di Borbone GUERRA DEI TRE ENRICHI Il re Enrico III, Enrico di Borbone, Enrico di Guisa, capo della lega santa. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 1587-88 grazie all’appoggio della corona spagnola, la Lega sostituisce il proprio potere a quello del monarca, così questi attirò a Blois Enrico di Guisa e il cardinale di Lorena, e li uccise. Alleato con Enrico di Borbone, strinse d’assedio Parigi nel 1589, ma dopo un mese cadde per mano di un frate fanatico, e designò suo successore Enrico di Borbone, che diventò Enrico IV. 1589-1610 Enrico IV di Navarra, affabile e cavalleresco, temprato dalle armi. La Lega gli contrappose la candidatura di Isabella, figlia di Filippo II: truppe spagnole entrarono in Francia dai Pirenei e dai Paesi Bassi per imporla, ma proprio questo permise ad enrico IV di presentarsi come il campione dell’unità e dell’indipendenza nazionale e di trasformare la guerra civile in una guerra contro l’invasore esterno e i suoi alleati interni. Nel suo programma si riconoscevano anche i politiques, i cattolici moderati che ponevano l’interesse dello Stato al di sopra delle divisioni religiose, provenienti da magistrature e borghesia amministrativa. (vedi Jean Bodin teorizza l’autorità assoluta del monarca temperata dal rispetto delle leggi fondamentali del regno) Inoltre giocano a favore di Enrico la stanchezza delle guerre interne, e l’apprensione rispetto agli eccessi parigini, e rispetto ai focolai anarchici che erano esplosi in varie province. 1593 Pubblica conversione al cattolicesimo di Enrico IV, assolto poi da Clemente VIII. 1598Pace di Vervins, firmata da Filippo II ormai infermo: ha vinto la Francia. Editto di Nantes: Enrico sancisce la pace religiosa: cattolicesimo è religione di Stato, ma gli ugonotti possono praticare il loro culto (tranne che a Parigi e pochi altri luoghi) e presidiare un centinaio di piazzeforti.17 10.6 L’Europa orientale: Polonia e Russia: Regno polacco-lituano: crogiolo di popoli (poalcchi, lituani, lettoni, ucraini, bielorussi, ruteni, tedeschi) e di fedi religiose: (cattolici, greco-ortodossi, luteranesimo delle minoranze tedesche, calvinismo fra i nobili, conventicole anabattiste e antitrinitarie alimentate da profughi italiani, ebrei immigrati dalla Germania) 1573 ribadito il principio della tolleranza religiosa, nonostante la controffensiva gesuita. Questa complessità era d’ostacolo ad una forte affermazione polacca. Inoltre la nobiltà era eccezionalmente numerosa e fieramente attaccata ai propri privilegi e alla tradizione militare; questo ceto fu protagonista di una grande fioritura artistica e intellettuale nell’età rinascimentale (vedi Copernico) C’era un asservimento durissimo dei contadini, costretti a lavorare nelle terre dei signori fino a sei giorni la settimana; In questo modo si verificava un forte indebolimento della monarchia, limitata dai poteri del Senato e della Camera dei deputati, entrambe espressione della nobiltà. 1572 muore Sigismondo II, ultimo re Jagellone, senza eredi; si afferma definitivamente il carattere elettivo e non ereditario della corona polacca. Da allora la nobiltà elesse sempre re stranieri che, senza appoggi interni, dovevano sempre farsi aiutare da una o da un’altra fazione aristocratica: dietro la facciata monarchica, la Polonia era una repubblica aristocratica, a lungo andare incapace di reggere l’urto delle nuove monarchie assolute. Russia moscovita: come in Polonia, territorio sconfinato e poco popolato con scarso sviluppo della vita cittadina e dei traffici, quasi tutti in mano a stranieri, economia agricola iperniata sullo sfruttamento da parte di grandi aziende del lavoro coatto dei servi della gleba. Tuttavia tutti i poteri erano nelle mani del monarca, nei cui confronti i nobili erano in soggezione servile: ciò si deve al fatto che i nobili fossero molti meno che in Polonia, e che la Chiesa ortodossa, legata alla tradizione bizantina, usava rendere sacra la figura dello zar, inculcando ai sudditi l’obbedienza incondizionata (Cesaropapismo). 1462-1505 Ivan III il Grande ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 1505-33 Basilio III scuotono il giogo mongolo ed rendono la Moscovia protagonista di un’importante espansione territoriale. Si appoggiavano alla stretta associazione Stato-Chiesa e crearono una nuova nobiltà, che assicurasse servizio militare e civile in cambio di terre. 1533-84 Ivan IV: tale processo raggiunge il punto più alto: dopo essersi fatto incoronare Zar (da Caesar)nel 1547 inizia una politica di alleanza coi ceti inferiori in funzione antinobiliare 1550 convoca il primo zemskij sobor, una sorta di assemblea nazionale contrapposta alla Duma (consiglio dello zar composto dai boiardi), e creò il primo nucleo di un esercito professionale. All’estero intrecciò rapporti economici con l’occidente, specialmente con l’Inghilterra. Dal 1560, dopo la morte della moglie, che l’aveva moderato, Ivan diede segni di squilibrio e di ferocia gratuita: confische indiscriminate vs boiardi e chiunque sia sospetto di ostilità: 1570 Massacra la popolazione di Novgorod Inoltre la guerra vs Polonia e Svezia per il controllo dello sbocco sul Baltico si conclude solo nel 1582 con la sconfitta della Russia  fughe di massa dalla Russia. 1584-98 Fedor I, infermo di mente; 1598-1605 il potere fu esercitato dal cognato Boris Godunov, che si fece riconoscere zar, nonostante fosse sospettato di aver ucciso il nipote Dimitri; egli continuò la politica antinobiliare di Ivan IV e diede un impulso all’esplorazione della Siberia. Con un decreto permetteva di riprendere gli schiavi fuggiaschi, in modo da combattere lo spopolamento delle campagne. Negli ultimi anni del suo regno ci furono gravi carestie e pestilenze, ed egli dovette lottare contro un Dimitri redivivo. Epoca dei torbidi: Alla sua morte la Russia sprofondò nell’anarchia, che finì solo nel 1613 quando18 l’assemblea nazionale elesse a zar Michele Romanov, la cui dinastia regnò fino al 1917. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 12.5 La Francia a metà del Seicento: il governo Mazzarino e la Fronda Durante richelieu si erano verificate molte rivolte popolari, sempre geograficamente circoscritte e fondamentalmente spontanee. Diversamente andò per la Fronda. 1642 muore Richelieu 1643 muore Luigi XIII  reggenza di Anna d’Austria, madre di Luigi XIV, che affida la direzione a Mazzarino, cardinale creato da Richelieu. Egli rimase fedele agli indirizzi del predecessore, ma aggiunse una maggiore attitudine diplomatica al compromesso. Ereditò ed accrebbe così l’impopolarità del predecessore, anche perché era straniero e di modeste origini. I principi di sangue reale e i nobili presero a complottare; gli officiers (detentori di uffici venali) protestavano contro l’autorità degli intendenti e contro la creazione continua di nuove cariche, che deprezzava le già esistenti; i rentiers (detentori di cartelle del debito pubblico) lamentavano i ritardi con cui erano pagati gli interessi; tutti denunciavano l’arricchirsi di finanzieri e appalatatori delle imposte, di cui il governo non poteva fare a meno. FRONDA PARLAMENTARE: 1648, anno in cui si avvia a conclusione la guerra dei Trent’anni, viene avanzato un nuovo pacchetto fiscale (trattenuti 4 anni sugli stipendi di chi voleva rinnovare la paulette): il Parlamento parigino concerta con le altre corti sovrani residenti a Parigi un programma di riforme, che prendono forma nei 27 ARTICOLI che presentano diverse analogie con quelle avanzate dal Parlamento inglese, sebbene i Parlamenti francesi fossero dei tribunali d’appello non rappresentativi: chiedono  soppressione intendenti  diminuzione delle imposte19  rifiuto del sistema degli appalti  obbligo di far aprovare ogni tassa nuova dai parlamenti  illegalità degli arresti arbitrari La regina e Mazzarino fecero arrestare Broussel, esponente della magistratura parigina, ma la piazza insorse e si alzarono delle barricate a Parigi (27-28 agosto). Il re dovette cedere e firmare la Dichiarazione regia, il 22 ottobre. 1/4/1649 Pace di Saint-Germain chiude, con la sconfitta della monarchia, la fase della fronda “parlamentare”. FRONDA DEI PRINCIPI: 1650-1653: il principe di Condé e gli altri nobili sono rivali di Mazzarino, e ordiscono un’inestricabile trama di intrighi, senza il barlume di un disegno politico organico. A pagare il prezzo di questo rigurgito di anarchia feudale furono le campagne, esposte al passaggio di soldatesche e flagellate dalla carestia negli anni 1651-52. 1652 sotto Parigi, il re riporta la vittoria grazie al generale turenne, ma la vittoria fu dovuta soprattutto all’esaurimento generale del Paese: 1653 Mazzarino e il re rientrano trionfalmente, grazie anche alla consapevolezza che la monarchia era l’unica in grado di scongiurare l’anarchia feudale e la prepotenza dei Grandi: su questa convinzione farà poi leva l’assolutismo di Luigi XIV. Rimaneva ancora aperta la guerra con la Spagna, ma grazie anche all’intervento di Cromwell, Mazzarino fu infine in grado di imporre nel 1659 la pace dei Pirenei ; veniva inoltre stipulato il matrimonio fra Luigi XIV e Maria Teresa, figlia di Filippo IV. 12.6 Le rivolte nella penisola iberica: ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Dal 1637 al 1643 le sorti della guerra dei trent’anni volgono a sfavore della Spagna vs Province Unite. Diquesto approfittarono Catalogna (estremità orientale) e Portogallo, provocando dei rovesci militari. CATALOGNA: la Catalogna si considerava una nazione distinta dal Portogallo, diversa per lingua, cultura, istituzioni giuridiche e amministrative. Nel 1640 il conte-duca di Olivares approfittò dellapresenza in loco di un esercito castigliano per convocare le Cortes e imporre l’Union de las armas; la catalogna insorse e chiese aiuto alla Francia: nel 1641 venen proclamata la sua unione al Regno dei Borbone, pur col mantenimento delle sue istituzioni. Filippo IV dovette licenziare Olivares nel 1643; 1648 pace di vestfalia + Fronda in Francia + timori dell’aristocrazia catalana, che rischiano di subire il radicalizzarsi della lotta sociale, che da rivolta separatista stava trasformandosi di guerra contro i ricchi.  1652 Filippo IV riesce a riprendere la regione con l’esercito. PORTOGALLO: nel 1640 il Portogallo risponde con un’insurrezione molto organizzata alla chiamata alle armi dei nobili portoghesi da parte di Madrid; questo portò all’indipendenza e mise sul trono Giovanni IV Bragança: 1668: Una lunghissima e torbida guerra porta a riconoscere l’Indipendenza del Portogallo Castiglia in ginocchio per cinquant’anni di guerra ininterrotta: 1647 nel Regno di Napoli scoppia una rivolta, mentre velleità separatisti scuotono anche l’Aragona. 1649 la peste riduce di un terzo gli abitanti della Castiglia.20 ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Capitolo 17 Una nuova epoca di espansione 17.1 L’aumento della popolazione europea Fine del periodo di ristagno del Seicento: moto espansivo in ogni settore. Questa espansione settecentesca si differenzia da quella del Cinquecento per il suo carattere irreversibile. Crescita della popolazione: aumento dell’ordine del 63,5% anche in Asia ed Americhe -rapporto inverso crescita economia/rescita popolazione: tendenza a riempire gli spazi vuoti (Ungheria e Russia)  Miglioramenti climatici dopo la piccola glaciazione del 600  Miglioramenti nell’agricoltura  Fino a pochi anni fa gli studiosi spiegavano la crescita con un calo della mortalità (migliore alimentazione, condizioni igieniche migliori, minore incidenza di peste, fame, guerra). -Rimanevano tuttavia altre malattie di carattere epidemico (tifo, difterite, violo) -La diminuita gravità delle carestie fu reale e si spiega con la maggiore rapidità dei trasporti, con gli interventi più efficaci dei governi nelle aree colpite E NON tanto con un migliroamento generale delle condizioni di vita. -Le guerre dopo il 1720 avevano un carattere più localizzato e gli eserciti erano più disciplinati.  Di recente gli studiosi pensano che l’aumento della popolazione sia dovuto piuttosto all’aumento della natalità: o calo dell’età del matrimonio della donna21 o diminuzione percentuale del celibato o diffusione del lavoro salariato, che fa saltare i precedenti vincoli economici che impedivano o ritardavano le nozze. Resta da chiarire come mai la crescita fu più forte in aree meno sviluppate economicamente e demograficamente. Esempio importante è l’Irlanda: in 100 anni la popolazione triplicò: si spiega con la diffusione della patata, che costituiva una dieta più equilibrata, dava alti rendimenti e quindi consentiva di frazionare le aziende agricole in piccoli poderi ma sempre sufficienti a mantenere una famiglia, favorendo la precocità dei matrimoni: NB nel 1846-47 la carestia i patate povocò una strage. 17.2 L’evoluzione dell’agricoltura L’agricoltura contribuì all’aumento della popolazione. Adozione di mais (ad alto rendimento) e grano saraceno (adatto anche a climi freddi) Agricoltura estensiva e intensificazione lavoro dei contadini in quasi tutta Europa Rendimenti restano modesti; restano: scarsità del concime animale, rotazione triennali, campi aperti Tuttavia si allargano le aree in cui si pratica agricoltura intensiva e produttiva: in Veneto e Piemonte, grazie alla fitta rete di fiumi ⇒ riso, piante foraggere ⇒ proprietà nutritive (azoto) di trifoglio, erba medica, lupinella e possibilità di allevare vacche da latte ⇒ concime ⇒ rotazioni complesse di 9 o 12 anni (mais, marcite, prati artificiali) ∠ ciò presuppone aziende compatte di grandi dimensioni, e loro affitto a veri imprenditori agricoli muniti di capitale x comprare bestiame e pagare i salari, e presenza di sbocchi commerciali per cereali, fieno, latte  condizioni assenti in quasi tutta Europa In Inghilterra la rivouzione agricola si connette alla rivoluzione industriale a causa della produzione di materie prime (lana, orzo, luppolo, cuoio, piante tintorie, ecc..) dell’aumento della domanda di manufatti, dovuto alla formazione di uno strato di fittavoli e coltivatori benestanti. Infatti gli incrementi di produttività permisero di mantenere un numero sempre crescente di non addetti all’agricoltura, che a fine secolo superò la metà della popolazione. ∠ Enclosures (recinzioni al massimo tra metà 700 e 1815: campi aperti diventano ½ - ¼ del totale) = ultimo atto di un processo di trasformazione il cui momento centrale è costituito dalla ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] redistribuzione delle terre: complessa ricomposizione fondaria permette di recintare una terra e sfruttarla intensivamente. Il che fa diminuire la percentuale di persone addette alla terra.  nel 500 e 600 le recinzioni avevano riguardato soprattutto villaggi in cui la maggior parte del terreno coltivabile apparteneva ad uno o pochi proprietari che si mettevano d’accordo e compravano le parcelle dei piccoli coltivatori, le recintavano, e ci riassumevano i coltivatori per lavorarle.  nel 700 invece si seguiva una procedura diversa: i grandi proprietari di una comunità presentavano una domanda al Parlamento, il quale emetteva un Enclosure act e nominava un perito per redistribuire le terre. I piccoli proprietari per recintare dovevano pagare un’imposta proporzionalmente più alta, ed erano più danneggiati dal divieto di condurre al pascolo il bestiame nelle terre altrui, per cui erano spesso indotti a vendere la terra e trovare lavoro come fittavoli o salariati nelle grandi aziende; i grandi proprietari ne ebberograndi vantaggi perché poterono alzare i canoni d’affitto e poterono investire per introdurre grosse migliorie (es ciclo di Norfolk: rotazione con 1 anno a frumento, 1 a rape, 1 a orzo, 1 a trifoglio o marcite; selezione di specie vegetali e incroci di animali). 17.3 Prezzi e salari, moneta e trasporti Ci fu una tendenza generale all’aumento dei prezzi, e quindi un aumento dei profitti derivati dalla vendita delle derrate e dei redditi derivati dal possesso della terra (crescente interesse per l’agricoltura). I salari però rimasero nettamente più bassi nella crescita rispetto ai prezzi. Diminuzione dei salari reali del 25%22 Fattori d’inflazione:  incremento demografico: 1) la quantità di cibo non cresce come la popolazione (Malthus) 2) l’estendersi degli agglomerati urbani fece estendere il raggio di approvvigionamento per le città, facendo salire i prezzi dei trasporti 3) l’incremento demografico in molte zone si risolse in un processo di proletarizzazione di vasti strati sociali  aumento dei mezzi di pagamento in circolazione 1) argento in Messico 2) oro in Brasile 3) miglioramento dei trasporti: più rapida circolazione di denaro, merci, uomini (NB: strade lastricate e convesse in Francia costruite con le corvée, in Inghilterra da imprenditori privati ch imponevano poi un leggero pedaggio ai passeggeri) 4) ricorso universale alle cambiali (in Inghilterra alle banconote, covertibili in qualsiasi momento in moneta larga circolazione fiduciaria) La diffusione dell’economia monetaria e la maggior disponibilità di capitali è attestata alla discesa dei tassi di interesse: il minor costo del denaro servì spesso a stabilizzare la moneta, creando un quadro stabile per gli operatori economici 17.4 Il boom del commercio atlantico Secolo d’oro del commercio internazionale. Inghilterra e Francia superano l’Olanda, e Mediterraneo si riprende. Soprattutto cresce però il commercio atlantico, con le colonie: forte accelerazione di sfruttamento e colonizzazione del Nuovo Mondo: (grande aumento della popolazione per coloni europei, importazione di schiavi neri africani e altissimo tasso di riproduzione, specie in Nord America.) Sviluppo di un’economia diversificata per latitudine e configuraz geologica ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Concentrazione della proprietà terriera a causa della rapida diminuzione della popolazione indigena: grandi latifondi di agricoltura estensiva e allevamento brado (estancias, pampas); continue importazioni di schiavi neri. Alla fine del 700 si crea un movimento umanitario contrario alla schiavitù, che sarà abolita nella seconda metà dell’800. NB caratteri delle colonie inglesi nel Nord America:  eccezionale dinamismo demografico  mancanza del meticciato: no commistione indios e coloni (al contrario che nei domini spagnoli e portoghesi, gli indios venivano sterminati) e indios tenuti in disparte Centro-sud America diviso tra Sp e Portogallo: Spagna  Messico, Texas, California, Ande e interno. // Portogallo  Brasile, Argentina In Brasile la presenza portoghese gravitò a lungo intorno a Pernambuco e Bahia (zucchero con schiavi africani); più a sud si organizzarono delle spedizioni verso l’interno (bandeiras) per catturare indios da vendere, e nel corso di esse siscoprirono grandi quantità di oro e diamanti Grandi monoculture di canna da zucchero in Brasile, Grandi Antille, Piccole Antille richiedono continue importazioni di schiavi neri, che morivano spesso. 17.5 Le origini della Rivoluzione industriale Rivoluzione industriale= complesso di trasformazioni nel modo di produrre i manufatti, che determinò un ampio e irreversibile mutamento nei consumi e nei modi di vita e rapporti sociali.23  Diffusione su larga scala di macchine azionate da energia inanimata  Concentrazione del lavoro nelle fabbriche  Incremento della produttività per addetto  Produzione in serie per un mercato molto vasto In Inghilterra avvenne a fine 700, in Europa a metà dell’800; NB: nelle manifatture c’era già la concentrazione del lavoro, ma non veniva superata l’abilità manuale; il termine “industria” indicava operosità, e con “manifattura” si indicava spesso quella che oggi chiamiamo protoindustria, o industria a domicilio. La protoindustria permetteva di sfuggire ai vincoli delle corporazioni, avere manodopera a bassocosto, reclutabile in base alle esigenze del mercato, e di investire pochissimo. La manifattura era poco adatta ad una produzione di massa; se il mecato si ampliava, si doveva ampliare l’area di produzione a domicilio, rischiando di non avere abbastanza controllo sulla qualità, e se si alzavano le paghe si rischiava di diminuire il numero di pezzi prodotti a cottimo. ⇒ di qui la spinta a produrre con delle macchine e a concentrare la manodopera in fabbriche in cui si potesse tenere a bada la disciplina. Condizioni della rivoluzione industriale presenti massimamente in Inghilterra: ∠ domanda in continua espansione: mercato interno ed estero potenzialmente molto vasto ∠ scarsità di manodopera in certi settori della lavorazione ∠ capacità tecnica per inventare certi congegni meccanici ∠ fonti di energia poco costose ∠ disponibilità di capitali ed energie imprenditoriali pronte al rischio ∠ fiducia nella stabilità dl quadro politico-legislaivo (tutela dei diritti di proprietà su merci e idee innovative–brevetti) 17.6 Dall’età del cotone all’età del ferro ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Inghilterra: Protezionismo sull’industria della lana a scapito del cotone; solo dagli anni 80 del 700 il commerio del cotone decolla –dopo l’abrogazione di misure vs cotone. Questo successo è dovuto al fatto che la materia prima costava poco e poteva essere importata illimitatamente dalle colonie, al fatto che il cotone era molto più lavoraile a macchina, e i tessuti in cotone erano più economici, lavabili, e avevano un mercato potenzialmente molto vasto. ⇒ nella prima fase della Rivoluzione industriale, fino al 1830, il cotone fu il settore di punta e creò il modello d fabbrica che si estese poi ad altre lavorazioni, in particolare quello siderurgico. Le invenzioni di macchine corrisposero a precise fasi della lavorazione che si aveva bisogno di migliorare: il telaio con spoletta volante rende necessario studiare qcs che acceleri il lavoro dei filatori  filatoio meccanico  telaio meccanico  fine del lavoro di tessitore Questi progressi influenzarono progressi in altri settori: chimica (candeggianti); coke (carbon fossile raffinato dalle impurità permette di non usare la legna per lavorare il ferro –la ghisa preparata tramite carbon fossile normale diventava friabile per le impurità, il carbone di legna era troppo costoso); il settore siderurgico migliorò con l’adozione di un forno a riverbero inventato da Cort. L’Inghilterra divenne produttrice di ghisa di ferro: poté esportarla (prima la importava) e utilizzarla per la produzione di macchine, per il miglioramento dei trasporti e dell’esercito. L’industria tessile e siderurgica avevano bisogno di energia diversa da quella umana/animale per svilupparsi; l’energia idraulica non era sempre disponibile in tutte le zone e con la stessa portata; la forza del vapore fu utilizzata efficacemente solo dal 1769 grazie a Watt. 17.7. Le ripercussioni dell’industrializzazione Non bisogna esagerare la rapidità dei mutamenti e la coscienza che i contemporanei ebbero delle24 ripercussioni della Rivoluione industriale. La nascita di un proletariato di fabbrica: Insediamenti industriali soprattutto a nord-centro e ovest, dove c’erano giacimenti di ferro,fiumi e collegamenticoi porti di Liverpool, Hull, Bristol, minore fertilità dei terreni e quindi maggiore disponibilità di manodopera a basso costo disposta a spostarsi nelle fabbriche, le quali diedero un forte impulso all’urbanizzazione. Le città erano agglomerati informi, cresciuti troppo in fretta senza comodità o amenità o servizi. Gli imprenditori reclutavano anche donne e bambini, che costavano meno ed erano più duttili alla disciplina ferrea (NB solo dal 1820 leggi a tutela del lavoro femminile o minorile). La disciplina era molto importante e molti industriali si adoperavano affinché nel tempo libero i dipendenti andassero alla scuola domenicale e in chiesa, sempre allo scopo di dirozzarli e promuverne la subordinazione; secondo Thompson va vista in questo senso la rapida diffusione nei distretti minerari del metodismo, che poneva l’accento sulla frugalità e l’autodisciplina. La creazione di organizzazioni sindacali (trade unions) fu lenta e difficile a causa di leggi proibiive, inasprite durante la Riv Francese; tuttavia non mancarono forme spontanee di agitazione: sciopero, boicottaggio, proteste e petizioni indirizzate a Parlamento o autorità locali. 1810-1820 Luddismo, represso duramente, lascia il posto al cartismo. I salari erano più alti di un salariato non specializzato impiegato nell’edilizia o nell’agricoltura, e il capofamiglia poteva cumulare gli stipendi dei familiari, ma dal 1790al 1820 il costo della vita crebbe parecchio, e i salari no; inoltre le condizioni abitative, la monotonia del lavoro, lo smarrito senso di indipendenza e dignità personale, la precarietà dell’occupazione peggioravano notevolmente il tenore di vita. Le auorità alternavano repressività ad assistenza che faceva leva sul tessuto parrocchiale e su tasse apposite per i benestanti. Gli imprenditori, spesso di origine modesta, non si contrapponevano ancora all’aristocrazia fondiaria, e spesso erano guardati da essa e dai mercanti/finanzieri con disprezzo. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 18. LA CIVILTA’ DEI LUMI 18.1. Fede e ragione Kant: L’illuminismo è l’uscitdallo stato di minorità che l’uomo deve imputare a se stesso. Minorità è l’incapacità di servirsi del proprio intelletto senza l’aiuo di qualcun altro. La minorità non dipende da un difetto di intelligenza ma dalla mancanza del coraggio e della decisione di far uso del proprio intelletto senza l’aiuto di altri. Il motto dell’illuminismo è “abbi il coraggio di servirti della tua propria intelligeza!” Philosophe, l’indagatore del vero: l’unica verità deriva da un’osservazione diretta o da testimonianze certe, da vagliare in ogni caso col “lume” della ragione.  rifiuto dell’auptoritas  uso sistematico dello spirito critico Dal XVII secolo questi criteri vennero applicati all’ambito religioso, sgombrando le scritture e le pratiche da credenze superstiziose, anche ad opera di ecclesiastici cattolici(: vd Maurini) ma soprattutto in ambienti protestanti: in Olanda e Inghilterra si sviluppò una forte critica agli argomenti più dogmatici e superstiziosi da parte di intellettuali (Spinoza, Bayle, Locke_Locke cerca di conciliare fee e ragione mettendo l’accento sui precetti morali; ispirò e diede spunto ai deisti) Deismo: Dio esiste e l’anima è immortale e questo si capisce grazie alla ragione, infatti si tratta anche dell’elemento comune di tutte le religioni rivelate, i cui dogmi e misteri sono solo incrostazioni superstiziose o imposture. Il problema del contrasto tra fede e ragione era più forte in ambito cattolico, per via dell’intransigenza cattolica, la pretesa del clero di dirigere le coscienze, il persistere della traizione aristotelicp-scolastica e di antiche forme di devozione simili alla superstizione. Non mancarono ecclesiastici illuminati come25 Muratori e Galiani. Voltaire orchestrò una potente campagna contro l’”Infame”. Sosteneva Dio come architetto dell’universo, che si regola secondo leggi non sempre comprensibili o favorevoli all’uomo; il male esiste. Ma proprio per questo gli uomini dovrebbero smettere di uccidersi e torturarsi per motivi futili, e dovrebbero attuare una vera morale evangelica. Caso Calas: Voltaire riesce a far rivedere il processo e cambiare il verdetto –già eseguito- sul padre protestante che avrebbe ucciso il figlio per evitarne la conversione al cattolicesimo. Altri approdarono all’ateismo: D’Holbach. Diderot dal deismo approdò ad una visione della natura come creazione e modificazione continua di organismi e forme di vita, anticipando l’evoluzionismo di Lamarck. 18.2 L’uomo e la natura Empirismo: Locke: l’intelletto umano originariamente è come un foglio bianco che solo l’esperienza porà riempire. Successivamente interviene la riflessione a determinare, attraverso la comparazione del materiale dell’esperienza, le idee semplici e le idee complesse (come quella di Sp T e C/Ef. Di qui il rifiuto di ogni metafisica e di ogni supposizione non suffragat dall’osservazione dei fatti. D’Alembert, nel Discorso preliminare all’Enciclopédie: tutte le nostre conoscenze dirette si riducono a quelle che riceviamo attraverso i sensi: tutte le nostre idee provengono dalle sensazioni. Sensismo: tutte le cognizioni umane vanno ricondotte alla sensazione. Bonnot, abate di Condillac: uomo-statua in cui le sensazioni agendo sugli organi possono azionare la vita psichica. La Mettrie: l’uomo macchina; materialismo integrale che riduce tutto l’uomo, comprese le sue facoltà mentali, a materia. Hume: negazione di “sostanza” (noi conosciamo le sensazioni, non le cose stesse) e di “C/Ef” (nessun principio razionale ci obbliga a credere all’uniformità della natura). ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Utilitarismo: il bene non è oggettivo e astratto, ma coincide con ciò che colpisce gradevolmente i sensi, è cioè un piacere soggettivo o la cessazione del dolore o l’appagamento di un bisogno. Il perseguimento anarchico di tali obiettivi istruggerebbe i presupposti del vivere sociale e risulterebbe controproducente anche dal punto di vista egoistico. Tra questi: Hume sostiene che gli uomini sono naturalmente portati al senso morale da un’innata simpatia con gli altri uomini; Bentham riduce la morale ad un calcolo dei piaceri e dei dolori e afferma che la società deve essere costituita in modo tale da garantire la felicità al numero maggiore di persone possibili, formula ripresa da Beccaria). Generale esaltazione della scienza e della sua capacità di svelare le leggi che governano la natura inanimata e animata. Newton impone un metodo scientifico basato sul rifiuto di hp astratte e sulla sintesi tra indagine sperimentale e procedimento matematico. Le sue teorie divennero il simbolo dei Lumi. Le sue scoperte incoraggiavano quelli che non rimanevano ancorati alla Bibbia e non ne cercavano le conferme. VD:Linneo, Spallanzani e Buffon: botanica e zoologia e anticipazione di Darwin; Lavoisier: chimica; Franklin, Galvani, Volta: elettricità. Accademie di Stato nelle grandi città. 18.3 La pubblica felicità Anche in campo politico l’Illuminismo non è unitrio, anche se sono condivise le premesse del Tramonto della ragion di Stato e della teoria del diritto divino dei re; il potere dev’essere esercitato nell’interesse dei sudditi e per la realizzazione della pubblica felicità, la delimitazione della libertà privata in cui la realtà sovrana non ha diritto di ingerenza.26 Montesquieu: “Lo spirito delle leggi”, 1748: le leggi sono i rapporti necessari che derivano dalla natura delle cose. Ovvero: non servono precetti universalmente validi per il governo dei popoli, ma bisogna invece scoprire i meccanismi e principi che regolano i vari ordinamenti politici. Atteggiamento relativistico: ogni ordinamento si adatta a determinate condizioni politiche e territoriali. Dispotismo poggia sulla paura e si adatta a vastissime estensioni territoriali; Monarchia poggia sul senso d’onore e si adatta ad un’estensione intermedia; Democrazia si regge sulla virtù dei cittadini e si adatta ad un’estensione territoriale piccola. Nonostante l’apparente relativismo, Montesquieu preferisce la monarchia temperata di modello inglese, perché la maggior garanzia per le libertà individuali è la divisione dei poteri, e in particolare il pot. giudiziario è affidato a magistrati indipendenti dal legislativo e dall’esecutivo. Nel dispotismo, dove tutti sono schiavi, e nella democrazia, il livellamento delle condizioni sociali è imperante; la monarchia permette invece l’esistenza di corpi intermedi gerarchicamente ordinati. Voltaire: il dispotismo illuminato: combatte i particolarismi e i privilegi locali di ceto; solo chi è al di sopra di tutti può avere una chiara visione degli interessi generali e agire incondizionatamente rispetto ai particolarismi; la teoria del monarca illuminato ebbe i suoi principali centri di elaborazione nell’Europa centrale o mediterranea, piuttosto che in Inghilterra o Francia. Rousseau: il passaggio dell’uomo dallo stato di natura allo stato sociale si accompagna all’istituzione della proprietà privata, che origina un processo di degenerazione morale, i cui sintomi sono le enormi disuguaglianze sociali, il lusso sfacciato dei ricchi, la corruzione, la raffinatezza di arti e tecniche. L’unica via per uscire da un tale stato è rifondare la società tramite un contratto sociale che trasformi i sudditi in cittadini, gli schiavi in uomini liberi, attraverso la totale cessione dei propri diritti da parte di tutti al corpo sovrano, che consiste in tutta la comunità. L’unione delle volontà particolari in una volontà generale non limita le libertà individuali, e anzi le potenzia, perché protegge ognuno dalle sopraffazioni. La sovranità risiede naturalmente nel popolo, è per cui inalienabile e indivisibile, e non può neppure essere delegata in permanenza. Debbono esserci un governo e dei magistrati, può esserci un monarca o un governo aristocratico, ma ad ogni modo esso deve eseguire la volontà generale, che si esprime attraverso l’assemblea dei cittadini, per cui i governanti devono essere sempre revocabili. C’è una necessaria coincidenza tra il bene comune e l’interesse individuale: il ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] collante fondamentale è la virtù, vedi Sparta e Roma repubblicana. Il mezzo per formare l’uomo nuovo sarà infatti l’educazione. Nell’Emilio e nella Nuova Eloisa si propone un ideale di vivere secondo natura, in cui il sentimento (anche religioso) è opposto all’arida ragione, all’ipocrisia e ai formalismi di una società ormai irrimediabilmente corrotta. Rousseau pedagogista anticipa le tematiche romantiche. Giusnaturalismo: nei Paesi di lingua tedesca rimane viva per tutto il Settecento la corrente giusnaturalista, che sostiene l’idea di un diritto naturale comune a tutti gli uomini e anteriore al costituirsi delle società politiche. vd von Pufendorf e Wolff. Illuminismo italiano: non si occupa di problemi politici generali ma di riforme da operare nei vari settori per promuovere il progresso agricolo ed economico, rendere più equo il sistema fiscale, ammodernare il diritto e l’amministrazione della giustizia. Cesare Beccaria: Dei delitti e delle pene(1764): denuncia carattere inumano e irrazionale delle procedure giudiziarie e critica la pena di morte sulla base dell’utilitarismo: sono giustificate solo sanzioni proporzionali al danno inflitto alla società e utili per il recupero del reo. Gaetano Filangieri: Scienza della legislazione (1780-85)delinea una società basata sull’eguaglianza giuridica di tutti i cittadini, sull’intervento dello Stato per diminuire le disparità economiche, su un programma di educazione nazionale gratuita e obbligatoria. 18.4 Una nuova scienza: l’economia. Fino a metà 700 le idee economiche prevalenti si possono ricondurre al mercantilismo (spetta ai governi operare per lo sviluppo della popolazione e dell’economia nazionale al fine di trarne risorse27 necessarie ad una politica di potenza). Nella seconda metà del 700 prende forma, specie in Francia e Inghilterra, l’indirizzo affermato soprattutto dalla scuola fisiocratica di François Quesnay (1767 Fisiocrazia), una nuova concezione di vita economica come un sistema di rapporti fra gli uomini e le classi sociali regolato da “leggi naturali” che i governi non possono violare impunemente. I due presupposti fondamentali sono: • La convinzione che solo l’agricoltura produca nuova ricchezza, mentre manifatture e commercio si limitano a trasformare la ricchezza esistente e a trasferire prodotti; la massima produttività dell’agricoltura è condizionata dalla formazione di aziende compatte e di grandi dimensioni (come le inglesi) condotte da fittavoli con immissione di capitali e manodopera salariata. • Il surplus derivato da queste condizioni agricole, chiamato “prodotto netto”, costituisce la rendita fondiaria che i fittavoli devono ai proprietari del suolo a titolo di compenso delle anticipazioni fondiarie (spese sostenute inzialmente per rendere coltivabili le terre). Su queste premesse di basa il tableau économique, uno schema sulla circolazione delle ricchezze tra le tre classi economiche, la classe proprietaria, la classe produttiva (addetti all’agricoltura), la classe sterile (artigiani e commercianti). Quali erano le conseguenze di tali principi?  i governi non dovevano danneggiare l’attività agricola con tasse mal congegnate: l’unica imposta legittima è quella che preleva direttamente dia proprietari parte del prodotto netto (dovuta al re come comproprietario dei terreni)  i governi devono lasciare completamente libero il commercio delle derrate sia all’interno che per import/export: questa concezione urtava contro la prassi dell’epoca, in cui le autorità locali, preoccupate di assicurare pane a basso prezzo alla popolazioni, tenevano i prezzi artificiosamente bassi (impedendo le esportazioni); per i fisiocratici, invece il modo per sconfiggere le carestie non era impedire le esportazioni, ma di non intralciare il movimento dei grani, che accorrono là dove i prezzi sono alti, raggiungendo così il loro “giusto prezzo” (cioè quello remunerativo per i coltivatori, che sarebbero così stati incentivati a produrre di più. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Adam Smith (1723-90) rielaborò in maniera più articolata la visione fisiocratica in Indagine sopra la natura e le cause della ricchezza delle nazioni (1776). Accanto alla proporzione dei lavoratori produttivi sul totale della popolazione, il più importante fattore di progresso è la divisione del lavoro. Si riduce così il tempo totale dedicato alla manifattura e quindi si abbassa il prezzo delle merci, giacchè la misura del valore di un prodotto è la quantità di lavoro in esso incorporato (il tempo di lavorazione è denaro). Nella determinazione di un prezzo entrano però anche, oltre al salario dei lavoratori la remunerazione del capitale investito dagli imprenditori (il profitto) e la rendita dovuta ai proprietari del suolo. Le tre classi naturali di Smith non coincidono con quelle di Quesnay, il quale limitava il ruolo produttivo agli agricoltori, e non distingueva tra imprenditori e salariati. In comune coi fisiocratici Smith ha la fede nell’esistenza di un ordine naturale benefico: ciascun operatore economico agisce per il proprio tornaconto ma senza saperlo promuove l’interesse generale della società come se fosse guidato da una mano invisibile. E’ indispensabile che i governi lascino agire liberamente i fattori domanda/offerta, senza intralciare il mercato. Il successo dell’opera è in rapporto con la sua corrispondenza ai caratteri della nascente società industriale e con la giustificazione scientifica che forniva alla ricerca del profitto. 18.5 La circolazione delle idee Due fenomeni tipici dell’età dei Lumi furono la circolazione delle idee e delle conoscenze in strati di popolazione molto ampi, e la formazione di un’opinione pubblica permeata dalla fede nella ragione e nel progresso, che dalla seconda metà del 700 si atteggia sempre più come una sorta di infallibile tribunale della verità. L’opinione così intesa esprime il consenso di persone colte e illuminate, e si forma attraverso la lettura di libri e giornali, conversazioni, scambi epistolari.28 Le scuole e le università rimasero dominate dalla vecchia tradizione della tripartizione delle facoltà di medicina, giurisprudenza e teologia, tuttavia qua e là comparvero i primi segni di ammodernamento di metodi e contenuti, presso singole cattedre. Tranne che in Piemonte, fu tardivo l’interessamento dello Stato nell’istruzione primaria e secondari,a lasciata a Chiesa e scuole private; tuttavia l’alfabetizzazione fece notevoli progressi nel XVIII secolo: non bisogna confondere il numero degli alfabetizzati con il numero di lettori di libri, ma quest’ultimo si deve essere molto accresciuto in questo periodo. Grande fortuna ebbero opere divulgative, tra le quali l’Enciclopedia di Diderot e d’Alembert, sottotitolata Dizionario ragionato delle scienze, delle arti e dei mestieri, cosa che indica l’impronta tecnico-scientifica dell’opera, che comunque non rinunciava alle critiche contro le tradizionali vedute politiche e religiose. Un posto di rilievo nell’editoria settecentesca spetta alla stampa periodica: gazzette, giornali letterari, memorie scientifiche, saggi, (vd 1764-66 “Il Caffè” dei fratelli Verri e di Beccaria). I nuovi centri di aggregazione sociale erano i salotti, in cui nacquero anche le logge massoniche, che univano al gusto del mistero ideali di rigenerazione morale, di fratellanza e filantropia. La prima associazione massonica fu la Grande Loggia di Londra,, fondata nel 1717 da due pastori protestanti; il nome e i simboli (compasso, squadra, martello) si richiamavano alle corporazioni medievali, in particolare a quella dei muratori, così come l’obbligo di tenere il segreto e la distinzione tra i tre gradi di maestro, compagno e apprendista. Dall’Inghilterra la massoneria si diffuse negli anni 20 e 30 sul continente, portando, anche alla prima condanna da parte della Chiesa di Roma (1738). Alcune affiliazioni assunsero caratteri propriamente eversivi (come gli Illuminati di Baviera, del 1776) altre fecero posto alle scienze occulte, a tendenze irrazionalistiche e mistiche, e alla ciarlataneria (vd Giuseppe Balsamo, il Cagliostro 1743-95). Proprio le logge massoniche e le altre forme di socialità tipiche del secolo sono la migliore confutazione di una rigida definizione dell’illuminismo come cultura borghese. In esse si mescolavano liberamente nobili, borghesi ed ecclesiastici, accomunati da letture comuni. All’aristocrazia appartengono molti dei più noti philosophes; dall’aristocrazia venivano i modelli di gusto e comportamento per il resto della società. Nonostante i numerosi attacchi all’ozio e all’alterigia dei nobili, poche volte questo sfocia nell’egualitarismo (vd Rousseau); si mirava soprattutto alla costituzione di una nuova élite, ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] un’aristocrazia del denaro e dei Lumi; sarà un tale programma a fare le sue prove e a fallire durante i primi anni della Rivoluzione francese. 25. La Francia e l’Europa nell’età napoleonica 25.1 Napoleone primo console. Le basi del regime 1799 entra in vigore la Costituzione dell’anno VIII prima del plebiscito.  senza Dichiarazione dei diritti, nomina vagamente le libertà fondamentali  Suffragio universale maschile per vari gradi, nominano “liste di confidenza” su basi censitarie sempre più ristrette  il governo sceglie dalle liste (comunali, dipartimentali, nazionali) gli amministratori e i rappresentanti di 2 assemblee legislative: Tribunato (discute leggi proposte dal governo)e Corpo legislativo (approva o respinge) di fatto vanifica la sovranità popolare e limita i poteri legislativi a vantaggio dell’esecutivo Potere sostanzialmente monarchico dell’Esecutivo: primo console nomina Consiglio di Stato(elabora le leggi), ministri, ambasciatori, giudici; due consoli coadiuvanti e subordinati. Restaurazione che consolida però le conquiste fondamentali della rivoluzione dal punto di vista giuridico- economico:  soppressione della feudalità  eguaglianza dei cittadini di fronte alla legge e al fisco  carriere aperte ai talenti  sostituzione della ricchezza alla nascita come requisito della classe dirigente  libertà d’intrapresa  riconoscimento della proprietà terriera acquisita attraverso l’acquisto di beni nazionali Questi elementi più l’aureola di talento militare di napoleone garantirono per lungo tempo un vastissimo consenso.29 Ad ogni modo l’opposizione al governo non fu più tollerata: abolizione delle libertà di stampa e di protesta. forte apparato di polizia. politica di accentramento del potere e di pacificazione sociale: riordinamento amministrativo: a capo dei dipartimenti prefetti e sotto prefetti di nomina centrale con estesi poteri riordinamento giudiziario: corti d’appello e Corte di Cassazione che possoo annullare l’operato dei tribunali minori per vizi di forma; giudici inamovibili ma di nomina governativa (dal governo dipendevano anche i oro trasferimenti e promozioni) 1804 Codice civile 1807 Codice del commercio 1810 Codice di procedura civile e criminale; codice penale Riscossione dei tributi da parte di agenti statali inesorabili, non più da organi elettivi 1802 pareggio delle entrate e delle spese 1800 Banca di Francia (emissione di biglietti garantiti da deposito nazionale) e consolidamento del debito pubblico al 5%d’interesse; 1803 creazione del franco germinale che sarà stabile fino al 1914 (5 grammi d’argento) Situazine militare favorevole: Russia ritirata dalla seconda coalizione antifrancese Napoleone voleva battere l’Austria e poi affrontare separatamente l’Inghilterra 1800 valica il San Bernardo e prende alle spalle austriaci in Piemonte; rioccupa Milano 14/06/1800 vittoria di Marengo 09/02/1801 Pace di Lunéville: situazione in Italia come dopo il trattato di Campoformio, però con confine della Rep. Cisalpina fino all’Adige, e riconoscimentodefinitivo alla Francia del possesso di tutta la riva sinistra del Reno. 1802 Pace di Amiens con l’Inghilterra: restituzione alla francia (ai cavalieri di S.Giovanni) di malta, mentre Egitto torna sotto Turchia All’interno Napoleoe debella la chouannerie e realizza la pace religiose: 1801 concordato con Pio VII: cattolicesimo religione ufficiale della Francia, e mantenimento degli ecclesiastici a spese dello Stat, i cambio delle dimissioni di tutti i vescovi in carica, la non rivendicazione dei beni alienati, consacrazione dei prelati nominati dalprimo console. 25.2 Dal consolato all’impero. La terza e la quarta coalizione antifrancese ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 02/08/1802 Plebiscito dichiara Napoleone console a vita, e ampliamento dei suoi poteri da parte del Senato 1804 Napoleone imperatore: carattere ereditario della dignità imperiale; corte come quella dei Borbone; si incorona da solo. 1803 terza coalizione: inghilterra, Austria, Russia, Svezia, Regno di Napoli; vs Francia + Spagna 21/10/1803 fltta franco-spagnola distrutta presso Cadice, a Trafalgar dal comandante Nelson 2712/1803 napoleone vince Austria+Russia ad Austerliz (Moravia) 26/12/1805 Pace di Presurgo, chiesta da Vienna: cessione al regno d’Italia (ex Repubblica Cisalpina) di Veneto, Istria, Dalmazia, pagamento di una forte indennità di guerra, aggregazione del Tirolo alla Baviera 1806 esercito francese prende il Regno di Napoli, corte borbonica fugge a Palermo, sul trono è posto Giuseppe Bonaparte 1806 quarta coalizione Prussia, Inghilterra, Russia, promossa da Federico Guglielmo III 1806 vittorie vs prussia a Jena e Auerstaedt  smembramento della Prussia 1807 vittoria di Tlsit vs Russia Prussia: regni in germania occidentale formano Vestfalia, province polacche occupate dal 1772 diventano Granducato di Varsavia sotto il re di sassonia; Sassonia e Vestfalia entrano nella Confederazione del Reno, che comprendeva tutto il terriotorio tedesco tranne Prussia rimasta e Austria. Lo Zar Alessandro I promette a Francia aiuto vs Inghilterra qualora essa rifiuti la pace. La strategia offensiva della Grande Armata francese non era un’invenzione di Napoleone ma piuttosto un esito della Rivoluzione: dal 1793 leva di massa con coscrizione obbligatoria, rinnovamento dei quadri e amalgama di vecchi e nuovi reggimenti avevano reso impraticabile lo schieramento in linea (che presupponeva disciplina e lungo addestramento); invece l’entusiasmo rivoluzionario uggeriva una mentalità offensiva adatta alla30 formazione in colonna che corre vs il nemico e cerca il combattimento all’arma bianca. NB grandfe potenziale demografico della Francia. 25.3 Il blocco continentale, la guerra di Spagna e la quinta coalizione Francia vuole piegare economicamente la Gran Bretagna, finora l’unica non sconfitta militarmente. 1806 Napoleone dichiara lo stato di blocco all’Inghilterra, cui aderiscono Russia, Prussia, Danimarca, Spagna: divieto a questi regni/imperi di commerciare con Inghilterra. Tuttavia bisognava impedire il contrabbando e controllare tutte le coste, progetto superiore alle forze di Francia; Napoleone costretto a concedere alcune licenze d’importazione per alcune materie prime indispensabili per l’industria francese; inoltre il blocco era inapplicabile a Nuovo Mondo e continente asiatico. L’Inghilterra resistette e successivamente Spagna e Russia ruppero il blocco; divenne ministro della guerra il conte di Castelreagh. 1808 Napoleone fallisce nel conquistare il portogallo ma prende la Spagna spodestando Carlo IV e sostituendolo con suo fratello Giuseppe. Da Madrid dilagò l’insurrezione vs Napoleone l’Anticristo fin nelle province; il sentimento religioso spagnolo era offeso anche dall’annessione del regno pontificio alla Francia con la scusa di imporre il blocco continentale. Inghilterra aiuta gli insorti e la guerriglia si protrae sanguinosamente e assorbendo molte risorse economiche francesi, nonostante la presenza in loco di Napoleone. Quinta coalizione: Austria, umiliata da Presburgo, e Inghilterra invadono Baviera, alleata francese; Napoleone rientra a Vienna 14/10/1809 Pace di Vienna Francia conquista le Province Illiriche: Carinzia, Carniola, Fiume, Trieste, Istria, Dalmazia; la Galizia settentrionale viene riunita al Granducato di Varsavia.  Nonostante successi la Francia dà segni di stanchezza e disaffezione alla rivoluzione, e negli altri Stati comincia ad emergere un sentimento di orgoglio nazionale vs lo strapotere francese. Situazione spagnola, Inghilterra irriducibile, Russia fredda nei rapporti, pacificazione religiosa interna compromessa dalla rottura col pontefice. 25.4 La società francese all’apogeo dell’Impero 1802 istituita la Legion d’Onore, che premia i meriti di guerra. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] 1808 creazione di una nobiltà imperiale di cui 22% ex nobili, 55% borghesi, 19% estrazione popolare che dovevano la loro promozione sociale all’esercito. Requisito fondamentale della nobiltà erano la carica e la rendita fondiaria, proporzionata al titolo 1807 soppresso tribunato. Corpo legislativo e Senato divenmtano casse di risonanza della volontà di Napoleone. L’amministrazione e la burocrazia erano gestite attraverso prefetti e sottoprefetti di nomina governativa. 1802 e 1806 riforma dell’Istruzione pubblica, con la funzione di organizzare il consenso e istruire i quadri tecnici e amministrativi. 1810 riduzione dei giornali ad uno massimo per dipartimento: totale asservimento della stampa, eliminazione del dissenso. 1801 concordato con la Santa Sede 1806 Catechismo imperiale che inculcava fedeltà, obbedienza, obbligo di pagare le tasse 1809 annessione di Stato pontificio e deportazione di Pio VII a Savona e poi a Fontainebleu; Nap. Rifiutava di riconoscere il fatto compiuto; nomina di vescovi “imperiali” impopolarità 1805-1809 ricevimento dagli altri stati di forti indennità di guerra; nel 1810-18012 crisi economica: crisi del tessile per mancnaza di materie prime e cattivo raccolto  rincaro dei prezzi agricoli e forte disoccupazione Continue leve militari per Spagna e spedizione in Russia del 1812 sfiniscono la popolazione 25.5 La riorganizzazione politico-territoriale della penisola italiana Sistema continentale tra 1810-12  stati direttamente annessi all’impero francese: (riva sx del Reno, Belgio, Olanda, coste anseatiche,31 parte di India centro-settentrionale)  Stati separati dalla Francia ma direttamente sottoposti a Napoleone (Regno d’Italia)  Stati vassalli affidati alla sua famiglia o sovrani amici (Spagna, Regno di Napoli, Vestfalia, Baviera, Sassonia) Facevano eccezione Sicilia (Borbone) e Sardegna (Savoia) Gli strumenti della conquista furono l’imposizione di codici e strutture centralizzate francesi, subordinazione della politica estera ed economica agli interessi francesi, coscrizione militare, contributi finanziari. Repubblica italiana 1802 Costituzione modellata sulla francese del 99 per la Repubblica italiana (Ex Rep Cisalpina) 3 collegi elettorali chiamati Organo primitivo della sovranità nazionale, eleggevano il corpo legislativo che approvavano leggi preparate da un Consiglio legislativo di nomina presidenziale. Presidente era Napoleone stesso, che nominò vicepresidente Francesco Melzi d’Eril Accentramento tramite distribuzione di prefetti; coscrizione militare e riorganizzazione degli studi superiori, imposte fondate sulla rendita fondiaria. 1805 Repubblica trasformata in Regno d’Italia; Napoleone si fa rappresentare dal figliastro vicerè Eugenio di Beauharnais. Conseguenze: impulso all’istruzione elementare ristrutturazione del sistema giudiziario e adozione dei codici francesi avviati grandi lavori pubblici Milano assume il volto di una grande capitale Agricoltura rimase occupazione principale; in Veneto soffrì molto per le tasse eccessive e la perdita degli sbocchi commerciali tradizionali , ma fu stimolata dalla richiesta di derrate per l’esercito e di seta greggia per l’industria francese, e registrò una spinta imprenditoriale da parte degli acquirenti dei beni della Chiesa. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Le condizioni di vita popolari non mutarono radicalmente, se non per la durezza della legislazione su lavoro e mendicità, e per l’esperienza del servizio militare, che interessò dal 1797 oltre 200000 italiani. Nei ceti medio-alti si registrò l’integrazione di nuovi ricchi e vecchi nobili in un’unica classe di proprietari terrieri, e dall’altro la promozione dei pubblici funzionari, dei professionisti e dei tecnici. Regno di Napoli 1806 Giuseppe Bonaparte conferisce i dicasteri più importanti a ministri francesi, ma usa molta nobiltà illuminata per le compagini di governo e nel Consiglio di Stato. 1808 Giuseppe chiamato a regnare sulla Spagna, sostituito a Napoli da Gioacchino Murat, marito di Carolina Bonaparete, molto elegante, che piacque subito ai napoletani; si impegnò ad imprimere al Regno un carattere più autonomo e nazionale. 12 province con a capo un intendente (come i prefetti francesi); nelle comunità l’amministrazione venne affidata a consigli formati da proprietari. Ciò favorì lo sviluppo di centri provinciali: emersero anche Salerno e Bari. 1806 soppressione delle feudalità sistema giuridico e finanziario francese, vendita dei beni nazionali, nuovo catasto. 1807-10 divisione dei demani feudali (terre di baroni su cui i contadini esercitavano dei diritti di pascolo, semina, legna….) ma la distribuzione non favorì i contadini poveri, bensì i benestanti locali, cioè i “galantuomini”: la questione demaniale avvelenerà per molto tempo la vita nelle campagne (banditismo???) 25.6 L’Europa centro-settentrionale32 1803 Riorganizzazione politico-territoriale dell’impero germanico: mediatizzazione dei principati ecclesiastici e dei feudi piccoli, che vennero così sottoposti alla sovranità di Stati territoriali più grandi. 1806 scioglimento ufficiale del Sacro Romano Impero e costituzione della Confederazione del Reno – che comprendeva anche Vestfalia e Prussia- (16 stati sotto la protezione dell’Imperatore francese, che ne dirigeva la politica estera e ne reclutava 63000 uomini). In questo periodo possiamo rintracciare la nascita del movimento liberale ottocentesco e un contrappeso alle tendenze autoritarie prussiane. Restano indipendenti politicamente solo Austria e Prussia. Austria: Francesco II era diventato Francesco I imperatore d’Austria nel 1804 Principe di Metternich apparentemente in rapporti amichevoli con la Francia, in realtà non imprime spinte riformatrici alla nazione. Prussia 1809 Jena ?????????????????????? Federico Guglielmo III 1797-1840: politica di prudenti riforme: - emancipazione dei contadini del demanio regio - ristrutturazione organi di governo centrali e amministrazioni locali - abolizione servitù gleba anche nelle proprietà private - formazione di poderi contadini autosufficienti - abbattimento vincoli economici sul commercio di terra - esercito “democratizzato” Rinascita intellettuale: Fichte, Humboldt, riforma dell’istruzione. La Prussia si propone di respingere l’egemonia francese e di porsi come guida politica e morale della regione germanica. Polonia rinasce come Granducato di Varsavia (1807-1809)sotto Napoleone, ma è una rinascita effimera. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] - 1807 abolizione del servaggio che però resta sulla carta - istituzioni modestamente modernizzate - forte effettivo impulso al nazionalismo polacco che ispirerà nel 1831 la rivolta contro il dominio russo. Confederazione elvetica ristabilita da Napoleone nel 1803 con l’atto di mediazione, che sanciva uno stato di semilibertà Repubblica Batava nel 1806 trasformata in Regno d’Olanda, la cui corona venne assunta da un fratello di Napoleone (Luigi) 1810 annessione dell’Olanda all’Impero Gravi ripercussioni del “blocco continentale”. 25.7 Dalla campagna di Russia al crollo del “Grande Impero” Russia. Alessandro I (1801-25) educato da precettori francesi alla corte della zarina Caterina II, aveva tendenze riformatrici (aumenta il potere del Senato e viene dato un forte impulso all’istruzione pubblica) 1806 Russia vs Turchia e Persia 1809 Russia conquista Finlandia e la strappa alla Svezia 1810 Russia riprende rapporti commerciali con l’Inghilterra 1812 Russia prende Azerbaigian, Georgia, Bessarabia e firma un trattato di alleanza con la Svezia. Ripresa dei rapporti anglo-russi e espansionismo russo avevano raffreddato i rapporti franco-russi, perché la Russi acomprometteva tutta la politica del blocco continentale.33 Napoleone nel 1812 si risolve alla guerra. 700.000 tra l’Oder e la Vistola (più grande esercito mai visto, solo metà francesi) 24/6/1812 Napoleone varca il fiume Niemen, e i russi si ritirano facendo però terra bruciata nelle retrovie (tattica sufggente), togliendo rifornimenti agli aggressori in quegli spazi sterminati da attraversare, e mettendo in crisi la strategia napoleonica, che sperava in una rapida vittoria, come preludio ad una trattativa con lo zar 7/9/1812 a Borodino scontro diretto volto a fermare l’avanzata verso Mosca, non funziona 14/9 presa di Mosca; Napoleone perde settimane preziose attendendo emissari di Alessandro, mentre un incendio pericoloso scoppia il giorno dopo il suo ingresso al Cremlino. 19/10 ordinata la ritirata; Napoleone vorrebbe andare a sud ma i russi gli sbarrano il passo costringendolo a ripercorrere il cammino dell’andata nella campagna devastata. Inverno rigido e precoce, mancanza di viveri, continui attacchi di cosacchi e regolari russi fecero perire mezzo milione di uomini; non esistevano più cavalleria e artiglieria, le più difficili da sostituire. Al suo ritorno in Europa, Napoleone trovò un’Europa in subbuglio: 1812 le Cortes insorte spagnole approvano una Costituzione di tipo liberale. Inglesi esautorano Borboni in Sicilia e viene promulgata una carta costituzionale, e il regno veniva dichiarato indipendente da Napoli o chicchessia. La propaganda inglese proponeva ai popoli libertà e indipendenza, ritorcendo contro la Francia le sue stesse armi. 28/2/1813 Sesta coalizione antifrancese: Federico Guglielmo III si allea con zal Ale I e proclama una guerra di liberazione; Metternich entra in segreto. Inglesi riprendono l’offensiva occupando l’Andalusia. 1813 Napoleone chiede un’estremo sforzo a Francia e Stati vassalli e riunisce mezzo milione di uomini 16-19/10/1813 presso Lipsia  Battaglia delle nazioni. Napoleone non riceve in tempo i rinforzi e viene tradito dai soldati sassoni e del Wurttemberg; deve ripiegare sul reno, mentre tutta la Germania, la Svizzera e l’Olanda si sollevano contro di lui. ma.ariasrodriguez@gmail.com
    • CARLO CAPRA [STORIA MODERNA(1492-1848)] Guerriglia spagnola e offensiva inglese costringono i francesi ad evacuare la Spagna, dove viene ristabilito Ferdinando VII. Gioacchino Murat tratta segretamente con l’Austria sperando di conservaree il Regno di Napoli Fine del 1813: 3 eserciti alleati varcano il Reno e Inghilterra penetra da sud. Napoleone non riesce a galvanizzare lo spirito nazionale; guadagnava terreno il favore ad una restaurazione dei Borbone. 20/3/1814 Arcis-sur-Aube Napoleone sconfitto definitivamente 31/3 Parigi accoglie gli invasori. 3/4/1814 il Senato, manovrato da Talleyrand dichiara la decadenza dell’imperatore. 6/4 Napoleone abdica senza condizioni ma con l’impegno dei coalizzati a dargli la sovranità sull’isola d’Elba. 30/5 trattato che riporta Francia ai confini originali aggiungendole Avignone e Savoia; la decisione sull’assetto europeo fu rinviata al Congresso di Vienna. Senato invita Luigi XVIII, fratello minore di Luigi XVI a occupare il trono sulla base di una nuova Costituzione ispirata al modello inglese e alla sovranità popolare, ma il re promulgò il 4/6 una diversa Costituzione che chiamò “gentile concessione” in cui si affermava il principio di legittimità monarchica. 16/4 Vicerè Eugenio stringe un armistizio con l’Austria che lo lasciasse padrone di Lombardia e Veneto, in attesa che le potenze fissassero il destino del regno. Sperava di ereditare il regno italico, ma una sommossa a Milano, dove il ministro delle finanze Giuseppe Prina venne linciato, ed Eugenio lasciò la penisola, presa in mano dal maresciallo Annibale Sommariva in nome dell’Austria. Pio VII, Vittorio Emanuele I e il granduca di Toscana Ferdinando III riprendevano il loro posto. R. di Napoli restava incerto ma le potenze volevano ridarla ai Borbone; invano si agitavano i militanti massoni nel Mezzogiorno e in lombardia.34 1815 il generale senso di sollievo venne presto sostituito da un malcontento diffuso per via della preferenza diffusa per gli incarichi a filoborbonici e nobili della disoccupazione provocata dall’invasione del mercato da parte delle merci inglesi, dal timore di una restaurazione dei diritti feudali e di rivendicazione dagli ex emigrati dei beni alienati Napoleone tenta il colpo di mano. Sbarca a Cannes, la popolazione lo acclama e l’esercito che doveva arrestarlo si unisce a lui; rientra a Parigi il 20/3. 25/3/1815 settima coalizione antifrancese con tutti i vecchi nemici, che si concentrano nel Belgio 18/6 a Waterloo, con 125.000 effettivi, non riesce a impedire il congiungimento di prussiani e inglesi e subisce una rovinosa disfatta. A Parigi abdica nuovamente il 22/5 8/7 Luigi XVIII rientra definitivamente a Parigi, napoleone si consegna agli inglesi, che lo confinano a Sant’Elena. Gioacchino Murat: 15/3/1815 dichiara improvvisamente guerra all’Austria temendo di essere spodestato ed esorta gli italiani a riunirsi sotto le sue bandiere, ma l’appello cade nel vuoto, nonostante la tardiva concessione ai napoletani di una Costituzione liberale. Esercito napoletano sconfitto a Tolentino Convenzione di Casa Lanza che sancisce il ritorno di Ferdinando IV di Borbone; Murat si rifugia in Corsica; tenta uno sbarco in Calabria in ottobre ma viene fucilato dai borbonici. ma.ariasrodriguez@gmail.com