Your SlideShare is downloading. ×
Camilla e Cristina - La Pila
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×
Saving this for later? Get the SlideShare app to save on your phone or tablet. Read anywhere, anytime – even offline.
Text the download link to your phone
Standard text messaging rates apply

Camilla e Cristina - La Pila

1,048
views

Published on

Published in: Education

0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total Views
1,048
On Slideshare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
1
Actions
Shares
0
Downloads
1
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

Report content
Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
No notes for slide

Transcript

  • 1. CAMILLA E CRISTINA Presentano LA PILA.
  • 2. Materiali: Cu(NO 3 ) 2 , Zn(NO 3 ) 2
  • 3.
    • Si è versato il nitrato di rame in due provette, stessa cosa per quello di zinco. Poi sia nel primo che nel secondo abbiamo inserito una laminetta di rame e una di zinco .
  • 4. Soluzione verde, condensa sulle pareti e provetta calda.
  • 5. Conclusioni con Reazioni:
    • Nitrato di rame con rame:
    • Cu 0 + Cu 2+  non c’è reazione
    • Nitrato di zinco con zinco:
    • Zn 0 + Zn 2+  non c’è reazione
    • Nitrato di zinco con rame:
    • Cu 0 + Zn 2+  non c’è reazione perché i potenziali di riduzione non lo permettono (il rame con lo zinco può solo ridursi)
    • Nitrato di rame con zinco:
    • Zn 0 + Cu 2+  Zn 2+ + Cu 0 perché è in accordo con i potenziali
  • 6. Cos’è una pila?
    • La pila è un dispositivo destinato a produrre energia. All'interno di essa avviene una reazione di ossido riduzione, in cui una sostanza perde elettroni, mentre un'altra ne acquista.
  • 7. Cenni storici
    • La prima pila fu inventata da Alessandro Volta, che riprese gli studi di Luigi Galvani sulla corrente elettrica.
    • Successivamente, nel 1836, John Frederic Daniel elaborò un altro tipo di pila che sfruttava il prototipo creato da Volta apportando miglioramenti in termini di sicurezza d'uso.
  • 8.  
  • 9. La pila di Daniel
    • La prima cella è formato da una barretta di zinco immersa nel solfato di zinco e la seconda cella da una barretta di rame immersa nel solfato di rame. Le due celle sono collegate da un ponte salino costituto da un tubo riempito da una soluzione satura di nitrato di potassio (KNO3) con dei tappi alle estremità. Alla chiusura del circuito esterno con un conduttore, avviene la reazione di riduzione.
  • 10. Esperienza
    • Materiali: K(NO) 3 come ponte salino; Cotone idrofilo come setto poroso; Voltmetro; Coccodrillo; Cu(SO 4 ) 2 e Zn(SO 4 ) 2 ; Laminetta di Zn e di Cu
  • 11.  
  • 12. Procedimento:
    • Si è attaccato un cavo rosso, positivo, al rame e un cavo nero, negativo, allo zinco. I cavi erano collegati al Voltmetro e si è notato che il passaggio di corrente era di 0,9V.
  • 13. RADDOPPIAMO! (collegamento in serie) Aggiungendo il coccodrillo si raddoppia, quindi le laminette di zinco e di rame saranno collegati ad altre due laminette sempre di zinco e rame.
  • 14. ..e ora con Zinco e Piombo!
    • Attenzione: si usa il solfato di zinco,
    • come prima, ma del piombo si usa
    • il nitrato a causa della scarsa
    • solubilità del solfato.
    • Pb 2+ + Zn 0  Pb 0 + Zn 2+
    • In questo caso si è notato un passaggio di corrente di 0,4V perché è differente l’elettronegatività.
  • 15. PILA DI VOLTA
    • Dischi di rame e grafite o zinco ossidato isolati da un dischetto di stoffa nera imbevuta di soluzione salina.
  • 16. HISTORY
    • La Pila di Volta fu il primo generatore di energia elettrica. Fu inventata nel 1800 da Alessandro Volta, essa costituisce il prototipo della batteria elettrica moderna. Collegando gli estremi della pila per mezzo di un conduttore elettrico si produce un circuito nel quale passa corrente elettrica.
  • 17. Due batterie, una di un motore e una di un carrello elevatore.
  • 18. piastre di rame collegate, isolate da cotone bianco ..
  • 19. La batteria del motore in altre parole.. avvengono reazioni primarie le cui reazioni chimiche interne sono irreversibili cioè non è possibile invertire la reazione completa semplicemente fornendo energia alla pila; quindi, in sostanza, quando tutti i reagenti della pila si trasformano completamente nei prodotti finali, essa si scarica definitivamente divenendo inutilizzabile.
  • 20. Pila di LECLANCHE’ (zinco carbone)
    • La prima pila a secco, brevettata da Georges Lenclanchè nel 1866.
    • Ha forma cilindrica.
    • Due poli con grafite in mezzo, essa arriva del tutto solo al polo positivo dove è imbevuta di una sostanza piena di elettroliti.
    • Al polo negativo invece c’è lo zinco.
  • 21. Pile Alcaline
    • Simili alla pila di Leclanchè sono le pile alcaline . La reazione che avviene al loro interno è sempre redox, con la differenza che in esse è presente un idrossido alcalino (di sodio o di potassio) che determina un passaggio di corrente più uniforme e allunga la durata della pila, cioè aumenta l’energia elettrica che questa è in grado di fornire.
  • 22.  
  • 23. Lenclanchè da televisione Dentro questa pila ci sono 6 piccole pile da 1,5V l’una. 1,5V x 6= 9V È una pila in serie
  • 24. Pile a Bottone
    • Le pile cosiddette “a bottone” sono quelle a mercurio . Esse hanno un anodo costituito da zinco, mentre il catodo è fatto di acciaio a contatto con una miscela di ossido di mercurio che si riduce, e idrossido di potassio che funge da elettrolita.
  • 25.  
  • 26. At’Salut!

×