Your SlideShare is downloading. ×
  • Like
La Classificazione Delle Acque
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Thanks for flagging this SlideShare!

Oops! An error has occurred.

×

Now you can save presentations on your phone or tablet

Available for both IPhone and Android

Text the download link to your phone

Standard text messaging rates apply

La Classificazione Delle Acque

  • 3,153 views
Published

La classificazione delle acque

La classificazione delle acque

Published in Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
3,153
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
23
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. La classificazione delle acque…
  • 2. ZONA INTERDITALE È un ambiente marino che si sviluppa lungo la fascia costiera, in quelle zone situate tra il livello massimo raggiunto dall'alta marea e quello minimo della bassa marea; infatti rappresenta il confine tra le terre emerse e il vasto ambiente del mare ed è segnato da una sottile strisce costiera. Sono influenzate dal flusso e dal riflusso della marea, le comunità della zona intertidale si trovano esposte a rapidi cambiamenti di numerosi fattori ambientali, quali l’umidità, la temperatura, la salinità, l’idrodinamismo, e per questo possiedono notevoli capacità di adattamento. Nel mare Mediterraneo, la zona intertidale è solitamente ristretta a pochi decimetri d’altezza, mentre nell’Alto Adriatico può interessare anche un metro di dislivello. La zona intertidale è tra gli ambienti marini più ricchi di vita: la buona illuminazione e la bassa profondità favoriscono la produzione di abbondante sostanza organica da parte delle macroalghe, consentendo lo sviluppo di ricche comunità litorali. Esistono fondamentalmente due tipi di ambienti intertidali: quelli presenti sulla roccia e quelli caratteristici delle spiagge.
  • 3. DOMINIO BENTONICO Comprende tutti i sedimenti e le formazioni rocciose del fondale oceanico; inizia dalla piattaforma continentale e si estende fino nelle profonde fosse oceaniche. A seconda del modo di vivere degli organismi acquatici si possono distinguere nell’ambiente bentonico, la categoria ecologica del BENTHOS: insieme delle specie animali e vegetali che vivono a contatto con il fondale marino, sia specie mobili che fisse. Fra questi organismi però ve ne sono una parte in grado di allontanarsi significativamente dal fondo, per lo più pesci e cefalopodi, e in questo caso vengono chiamati organismi bentonectonici.
  • 4. IL DOMINIO PELAGICO comprende l’intero volume delle acque oceaniche; viene divisa in zona neritica o litorale e in una zona oceanica. Zona nerotica o litorale: comprende le acque basse sovrastanti le piattaforma continentale
    • Zona neritica o litorale: comprende le acque basse sovrastanti le piattaforma continentale
    • Zona oceanica: comprende le acque al di sopra dei fondali oceanici
    • In queste due zone l’attività fotosintetica è concentrata nei primi 200 metri(dove penetra la maggior parte della luce); i produttori svolgono la fotosintesi dando inizio a varie catene alimentari, i resto organici e i prodotti di rifiuto precipitano verso le acque profonde; qui c’è troppo buoi per lo svolgimento della fotosintesi e così gli organismi si nutrono di quei resti. La materia di avanzo si accumula nei fondali che è nutrimento per i decompositori detritivori della zona bentonica.
    • Nell’ambiente pelagico si distinguono le seguenti categorie ecologiche:
    • NECTON: l’insieme di animali che sono forniti di mezzi adatti per nuotare autonomamente nelle acque;
    • PLACTON: costituito da tutti gli organismi animali (zooplacton) e vegetali (fitoplacton) che galleggiano nelle acque e dalle quali sono trasportati passivamente.
  • 5. LA PIATTAFORMA CONTINENTALE La parte sommersa della massa continentale è la cosiddetta piattaforma continentale, che di norma scende mantenendo un’inclinazione molto bassa fino a una profondità di circa 200 metri. A questa profondità, con una brusca rottura di pendenza, inizia la scarpata continentale, che scende con un’inclinazione maggiore fino alle piane abissali. Considerando anche l’insieme delle piattaforme continentali, si può affermare che i continenti occupano il 35% circa della superficie terrestre.
  • 6. ZONA BATIALE Ambiente marino che si estende tra la zona neritica e quella abissale, e va da 200 a 2.000 metri di profondità.
  • 7. ZONA ABISSALE La zona abissale è la regione di acqua profonda e buia dell’oceano; gli organismi vegetali sono scarsissimi e quindi gli abitanti degli abissi, ad esempio i granchi, si nutrono perlopiù degli organismi morti che affondano dalla superficie. Comunità particolari di questo ambiente sono quelle che vivono intorno agli sbocchi idrotermali (Fessura del fondo oceanico che emette acque ricche di zolfo), dove la catena alimentare è fondata sulla presenza dei solfobatteri.
  • 8. ZONA ADALE È la parte del dominio profondo del mare al di sotto dei 6000 m. È possibile trovarvi alcune forme di vita: le specie individuate appartengono a Echinodermi, Crostacei, Policheti.
  • 9. FASSA OCEANICA Profonda depressione del fondo oceanico, che si sviluppa in lunghezza lungo i margini di alcune delle zolle tettoniche in cui è suddivisa la crosta terrestre. In corrispondenza delle fosse si misurano le massime profondità degli oceani