Fisica inacqua1
Upcoming SlideShare
Loading in...5
×

Like this? Share it with your network

Share

Fisica inacqua1

  • 890 views
Uploaded on

Percorso sulle caratteristiche dell'acqua scuola secondaria classe prima

Percorso sulle caratteristiche dell'acqua scuola secondaria classe prima

More in: Education
  • Full Name Full Name Comment goes here.
    Are you sure you want to
    Your message goes here
    Be the first to comment
    Be the first to like this
No Downloads

Views

Total Views
890
On Slideshare
890
From Embeds
0
Number of Embeds
0

Actions

Shares
Downloads
4
Comments
0
Likes
0

Embeds 0

No embeds

Report content

Flagged as inappropriate Flag as inappropriate
Flag as inappropriate

Select your reason for flagging this presentation as inappropriate.

Cancel
    No notes for slide

Transcript

  • 1. AFISICA DELLACQUAScuola Buonarroti classe 1C 2C 3C anno 2011-2012 Insegnante: Donatella Canapa
  • 2. CLASSE PRIMA1.Lacqua non ha forma2.La capillarità3.La capillarità nelle piante4.Losmosi nelle piante 15.Losmosi nelle piante 2
  • 3. CLASSE SECONDA1.Lacqua è incomprimibile2.I vasi comunicanti: osservazione3.La tensione superficiale4.La pressione idrostatica5.Il principio di Pascal
  • 4. CLASSE TERZA1.Il galleggiamento: stesso peso, forma diversa2.Il galleggiamento: stesso corpo in liquidi diversi3.Il principio di Archimede
  • 5. METODO LABORATORIALEGli alunni, divisi in piccoli gruppi e muniti di schede predisposte dallinsegnante, eseguono, nellaula di scienze, semplici esperienze, osservando i fenomeni in esame, discutendone e traendo le opportune conclusioni
  • 6. OBIETTIVIConoscere le caratteristiche fisiche dellacquaPotenziare le capacità di osservare, collegare conoscenze, dedurre conclusioni allinterno di un ambiente di cooperative learning e peer education.
  • 7. Lacqua non ha forma 1C
  • 8. MATERIALE:cilindro graduato, recipienti di vario tipo, acqua
  • 9. PROCEDIMENTO: riempire successivamente più volte con la stessa quantità di acqua ilcilindro e travasare lacqua in recipienti di varia forma
  • 10. OSSERVAZIONE:lacqua si adatta alla formadei vari recipienti raggiungendo livelli diversi pur mantenendo invariato il suo volume
  • 11. CONCLUSIONE:lacqua è un liquido e come tale non ha una forma propria
  • 12. Losmosi nelle piante Esperimento 1 1C
  • 13. MATERIALE:1 patata, 1 coltello,2 vaschette, sale, acqua
  • 14. PROCEDIMENTO:tagliamo la patata in due parti e scaviamole entrambe
  • 15. Mettiamo acqua in una vaschetta e poniamonella vaschetta metà patata
  • 16. Mettiamo sale nellaltra vaschetta e poniamo al centro la patata riempita di acqua
  • 17. OSSERVAZIONE:dopo un po di temponotiamo che nella vaschetta piena dacqua ,questa è passata allinterno della patata,nellavaschetta piena di sale lacqua è uscita dalla patata inumidendo il sale
  • 18. CONCLUSIONE: la patata si è comportata come una membrana semipermeabile facendosi attraversare dallacqua che passadalla soluzione meno concentrata(lacqua delrubinetto contiene una piccola quantità di sali) a quella meno concentrata, tale fenomeno si chiama OSMOSI
  • 19. Losmosi nelle piante Esperimento 2 1C
  • 20. MATERIALE:1carota,un vasetto,un coltello,sale, acqua
  • 21. PROCEDIMENTO:tagliamo una fetta di carota e schiacciamola tra le dita
  • 22. OSSERVAZIONE:la carota è dura e,purschiacciandola, mantiene la sua forma rotondeggiante
  • 23. PROCEDIMENTO:mettiamo del sale nel barattolo
  • 24. Poniamo la fetta di carota,copriamola col sale e lasciamola sotto sale per 30minuti
  • 25. OSSERVAZIONE: schiacciandola tra le dita notiamo che la carota ora è molle e si può facilmente deformare
  • 26. Toccando il sale notiamo che si è inumidito
  • 27. PROCEDIMENTO:mettiamo la carota nellacqua per alcune ore
  • 28. OSSERVAZIONE:la carota è tornata dura e indeformabile
  • 29. CONCLUSIONE: la carota si è comportata come una membrana semipermeabile facendosi attraversare dallacqua che passa dalla soluzione meno concentrata(lacqua del rubinetto contiene una piccola quantità di sali)a quella più concentrata(il sale), tale fenomeno si chiama OSMOSI
  • 30. Lacqua presenta ilfenomeno della capillarità 1C
  • 31. MATERIALE:carta assorbente, recipiente di vetro, acqua colorata
  • 32. OSSERVAZIONE:in pochi secondi la carta si è imbevuta di acqua, che è arrivata ben al di sopra del livello dellacqua nel recipiente
  • 33. CONCLUSIONE:la carta assorbente si è comporta come vasi capillari, nei quali non èvalido il principio dei vasi comunicanti, nei vasi sottili(capillari), le forze di adesione tra le molecole di acqua e il vetro del vaso prevalgono sulle forze di attrazione tra le molecole di acqua e il liquido sale contro la forza di gravità
  • 34. MATERIALE:fiori bianchi, recipiente, acqua, blu di metilene
  • 35. PROCEDIMENTO:versiamo nel recipiente lacqua colorata
  • 36. mettiamo il fiore nellacqua e lasciamola per alcune ore
  • 37. OSSERVAZIONE: lacqua colorata è salita nel gambo del fiore
  • 38. CONCLUSIONE:il fiore si è comportato come i vasi capillari, nei quali non è valido il principio dei vasi comunicanti, nei vasi sottili(capillari),le forze di adesione tra le molecole di acqua e il vetro del vaso prevalgono sulle forze di attrazione tra le molecole di acqua e il liquido sale contro la forza di gravità