GLOSSARIO (minimo)
PER L’E-LEARNING
Laboratorio di scrittura professionale – corso B
28 novembre 2008
ore 13-14
Patrizia L...
 A-learning: assisted learning, attività di formazione in
presenza che utilizzano supporti di rete fino al 20%
delle atti...
 B-learning: blended learning, attività di formazione
erogata per un 20% in presenza e per il resto a
distanza
 Brainsto...
 E-learning: metodologia didattica che offre la
possibilità di erogare e fruire di contenuti
formativi elettronicamente (...
 Facilitator: tutor online che aiuta gli studenti ad interagire con
l'ambiente di apprendimento
 Groupware: software che...
 Piattaforma e-learning:software che crea nella rete un
ambiente tecnologico adatto a ospitare attività di insegnamento
e...
Virtual reference desk (VRD) sui
glossari on line
 Glossario ASFOR:
 http://www.asfor.it/sitonuovo/LETTERA%20ASFO
 Mini...
VRD - Glossari
 Ministero della pubblica istruzione
-osservatorio tecnologico della scuola:
 http://www.osservatoriotecn...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Glossario per l'e-learning

558 views

Published on

Modulo "Glossario per l'e-learning", svolto in data 28 novembre 2008, all'interno dell'insegnamento di "Laboratorio di scrittura professionale", Corso di laurea Informatica Umanistica, Università di Pisa

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
558
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
33
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Glossario per l'e-learning

  1. 1. GLOSSARIO (minimo) PER L’E-LEARNING Laboratorio di scrittura professionale – corso B 28 novembre 2008 ore 13-14 Patrizia Lùperi luperi@rom.unipi.it
  2. 2.  A-learning: assisted learning, attività di formazione in presenza che utilizzano supporti di rete fino al 20% delle attività  Ambiente di apprendimento: particolare contesto artificialmente costruito, comprensivo di soggetti, regole e interazioni; può essere fisico, virtuale o misto  Apprendimento asincrono: attraverso la fruizione di contenuti preconfezionati disponibili sulla piattaforma di erogazione  Apprendimento sincrono: attraverso l’utilizzo della videoconferenza e delle aule virtuali  Apprendimento collaborativo: attraverso le attività delle comunità virtuali di apprendimento
  3. 3.  B-learning: blended learning, attività di formazione erogata per un 20% in presenza e per il resto a distanza  Brainstorming: tecnica basata sulla esplorazione libera da parte di un gruppo intorno a un tema; l’individuo può dire tutto ciò che vuole senza fare critica agli altri  CMC: comunicazione mediata dal computer tra due o più soggetti. Può avvalersi di comunicazione scritta (posta elettronica) oppure audio-video (videoconferenze)  Courseware: termine collettivo che indica tutti gli oggetti, digitali e non, che costituiscono un corso e- learning
  4. 4.  E-learning: metodologia didattica che offre la possibilità di erogare e fruire di contenuti formativi elettronicamente (e-learning) attraverso Internet. Per l’utente rappresenta una soluzione di apprendimento flessibile, in quanto fortemente personalizzabile e facilmente accessibile. L’e-learning non è una realtà secondaria rispetto a quella tradizionale ma anzi svolge una funzione complementare e integrativa
  5. 5.  Facilitator: tutor online che aiuta gli studenti ad interagire con l'ambiente di apprendimento  Groupware: software che promuove la collaborazione on line, mediante l’utilizzo della posta, dei documenti condivisi.. (può essere sincrono o asincrono)  Instructional design: attività di progettazione formativa che parte dall’analisi dei bisogni fino all’erogazione didattica  LMS: Learning Management System, software che gestisce gli accessi, i progressi e le comunicazioni di uno studente durante un corso in e-learning  Learning object:Unità didattica che nel suo complesso costituisce un argomento completo. È la più piccola entità componente il contenuto di un corso dotata di senso compiuto dal punto di vista della formazione. Dall’aggregazione dei L.O. nascono le unità didattiche che compongono i moduli che a loro volta formano i corsi (concetto del mattoncino di Lego)
  6. 6.  Piattaforma e-learning:software che crea nella rete un ambiente tecnologico adatto a ospitare attività di insegnamento e/o apprendimento (es: Moodle, A-Tutor)  Repository: archivio in cui vengono raccolti i dati in formato digitale  Tracciamento: tecnica automatica di raccolta dati circa l’utilizzo di un determinato software o di uno specifico sito web, web forum…  Web based training: formazione via Internet e accessibile tramite web browser  Wiki: sito web che permette a ogni utente di aggiungere contenuti ma anche di modificare quelli già esistenti, già inseriti da altri  Storyboard: Presentazione dettagliata di un progetto multimediale che illustra le caratteristiche e funzionalità di un corso e-learning
  7. 7. Virtual reference desk (VRD) sui glossari on line  Glossario ASFOR:  http://www.asfor.it/sitonuovo/LETTERA%20ASFO  Ministero del lavoro:  http://www.lavoro.gov.it/Lavoro/Europalavoro/ SezioneEuropaLavoro/DGPOF/ProdottiEditori ali/CollaneEditoriali/LibriFSE/glossarioelearni ng
  8. 8. VRD - Glossari  Ministero della pubblica istruzione -osservatorio tecnologico della scuola:  http://www.osservatoriotecnologico.it/internet/ e-learning/glossario_e-learning.htm  Studio TAF:  http://www.studiotaf.it/teoriemodellifad20.htm  Universinet.it:  http://www.universinet.it/tg-studenti/1- universita-news/626-il-glossario-dele- learning.html

×