Alla ricerca di nuovi spazi
comunicativi in biblioteca
Dott.ssa Patrizia Lùperi
Seminario per il
Corso sull’informazione b...
Ripensare il modello tradizionale di
biblioteca
• Reperire spazi adeguati alle nuove esigenze
(non sempre si può recuperar...
Nuovi modelli architettonici
• Secondo Norman Foster, le scuole, i musei, le
biblioteche appartengono alla categoria di
st...
Lo spazio “non fisico” della
biblioteca
• Spazio linguistico: luogo dove avvengono le
operazioni di codifica, decodifica e...
Biblioteche verticali
• Meyrowitz sostiene che i nuovi media
scardinano l’organizzazione spazio temporale…
• Biblioteca mu...
Biblioteche come case
dell’apprendimento flessibile
• Case delle tecnologie: nelle biblioteche si
sperimenteranno le TIC ,...
Nuove biblioteche
• Biblioteca S. Giovanni, Pesaro
• Biblioteca San Giorgio di Pistoia
• BEIC, Milano
• Biblioteca Civica,...
Biblioteche del futuro
• Biblioteche post-moderne o biblioteche
flessibili: ruolo centrale nella definizione di
un paradig...
Bibliografia
• D. Bogliolo, Lo spazio non fisico della biblioteca,
Bibliotime 3, 2000
• P. Lùperi; le case dell’apprendime...
Bibliografia
• D. Bogliolo, Lo spazio non fisico della biblioteca,
Bibliotime 3, 2000
• P. Lùperi; le case dell’apprendime...
Upcoming SlideShare
Loading in …5
×

Alla ricerca di nuovi spazi comunicativi in biblioteca

575 views

Published on

Seminario svolto il 12 giugno 2006, all'interno del "Corso sull'informazione bibliografica", dove si è posto in discussione il modello tradizionale di biblioteca

Published in: Education
0 Comments
0 Likes
Statistics
Notes
  • Be the first to comment

  • Be the first to like this

No Downloads
Views
Total views
575
On SlideShare
0
From Embeds
0
Number of Embeds
3
Actions
Shares
0
Downloads
4
Comments
0
Likes
0
Embeds 0
No embeds

No notes for slide

Alla ricerca di nuovi spazi comunicativi in biblioteca

  1. 1. Alla ricerca di nuovi spazi comunicativi in biblioteca Dott.ssa Patrizia Lùperi Seminario per il Corso sull’informazione bibliografica 12 giugno 2006
  2. 2. Ripensare il modello tradizionale di biblioteca • Reperire spazi adeguati alle nuove esigenze (non sempre si può recuperare e riconvertire edifici storici) • Economizzare lo spazio, razionalizzando gli acquisti e cooperando (nascono consorzi) • Predisporre modelli progettuali e organizzativi adeguati ai nuovi bisogni di una utenza sempre più variegata ( biblioteche come laboratori per modelli istituzionali veramente innovativi)
  3. 3. Nuovi modelli architettonici • Secondo Norman Foster, le scuole, i musei, le biblioteche appartengono alla categoria di strutture “quasi industriali”, in cui si può pensare una progettazione iniziale per singoli corpi edilizi, che potranno poi essere ampliati e modificati: ci saranno “nuclei di base” e di “servizio”, modulari e dotati di completa autosufficienza funzionale… • Biblioteche come “learning objects”?
  4. 4. Lo spazio “non fisico” della biblioteca • Spazio linguistico: luogo dove avvengono le operazioni di codifica, decodifica e interpretazione delle rappresentazioni simboliche… • Spazio energetico: luogo dove i servizi di reference e di documentazione sono favoriti rispetto alla conservazione… • Spazio sociale: luogo d’incontro tra persone…, dove gli utenti reali entrano in contatto con i loro stessi virtuali… • Spazio culturale: luogo d’incontro di idee…
  5. 5. Biblioteche verticali • Meyrowitz sostiene che i nuovi media scardinano l’organizzazione spazio temporale… • Biblioteca muta suo ruolo: da spazio di conservazione a spazio diffuso, attraverso il quale si accede “al libro” del mondo • Operatori dell’informazione cambiano nome: da “gatekeeper” a “gateway”, da guardiani a porta verso il mondo • Biblioteche verticali, in quanto poste al vertice della piramide informativa, punte di diamante nella diffusione dell’informazione aggiornata e pertinente…
  6. 6. Biblioteche come case dell’apprendimento flessibile • Case delle tecnologie: nelle biblioteche si sperimenteranno le TIC , insieme agli altri, scambiando opinioni, collaborando • Case dell’apprendimento flessibile: nelle biblioteche e non nelle scuole, si useranno i nuovi supporti elettronici che offriranno infinite possibilità di crescita formativa • Case delle simulazioni: si produrranno fenomeni presenti nella società, cercando di capire i processi che li governano
  7. 7. Nuove biblioteche • Biblioteca S. Giovanni, Pesaro • Biblioteca San Giorgio di Pistoia • BEIC, Milano • Biblioteca Civica, Torino • Biblioteca Nazionale di Copenaghen • Biblioteca Nazionale di Lussemburgo • Biblioteca Regionale di Dresda
  8. 8. Biblioteche del futuro • Biblioteche post-moderne o biblioteche flessibili: ruolo centrale nella definizione di un paradigma innovativo dell’apprendimento che garantisca all’utente la possibilità di sviluppare la capacità d’indagine critica, di autonomia di giudizio, passando attraverso momenti di socializzazione e di discussione
  9. 9. Bibliografia • D. Bogliolo, Lo spazio non fisico della biblioteca, Bibliotime 3, 2000 • P. Lùperi; le case dell’apprendimento flessibile, Biblioteche oggi 5, 2003 • M. Muscogiuri, Architettura della biblioteca, Milano, Bonnard, 2004 • J. Meyrowitz, Oltre il senso del luogo, Bologna, Baskerville, 1995 • D. Parisi, Scuol@.it, Milano, Apogeo, 1998 • M. Santoro, Biblioteche verticali, Bibliotime 3, 2001
  10. 10. Bibliografia • D. Bogliolo, Lo spazio non fisico della biblioteca, Bibliotime 3, 2000 • P. Lùperi; le case dell’apprendimento flessibile, Biblioteche oggi 5, 2003 • M. Muscogiuri, Architettura della biblioteca, Milano, Bonnard, 2004 • J. Meyrowitz, Oltre il senso del luogo, Bologna, Baskerville, 1995 • D. Parisi, Scuol@.it, Milano, Apogeo, 1998 • M. Santoro, Biblioteche verticali, Bibliotime 3, 2001

×